Skip to main content

Full text of "Primo volume & terza editione delle navigationi et viaggi [microform]"

CIHM 




ICMH 


T 

C( 

in 
o 
si 


Microfiche 
(Monograplis) 




Collection de 

microfiches 

(monographies) 

! 


— 


[^ 




^ 


Jte for Historical Microreproductions / Institut canadien de mic>oreprodu(;tions historiques 






-|QQ^ 



E 

Thi 
Ce 

10 

C 



Technical and Bibliographic Nott - Notes technìques et bibliographiques 



The InstJtute has attempted to obtain the best originai 
copy available for filming. Features of this copy which 
may be bibliographically unique, which may alter any 
of the images in the reproduction, or which may 
signif icantly change the usuai method of filming, are 
checked below. 



n 
n 



Coloured covers/ 
Couverture de couleur 

Covers damaged/ 
Couverture endommagéc 

Covers restored and/or laminated/ 
Couverture restaurée et/ou pelliculée 

Cover title missing/ 

Le titre de couverture manque 

Coloured maps/ 

Cartes géographiques en couleur 

Coloured ink (i.e. other than blue or black)/ 
Encre de couleur (i.e. autre que bleue ou noire) 



L'Institut a microfiimé le meilleur exemplaire qu'il 
lui a été possible de se procurer. Les détails de cet 
exemplaire qui sont peut-étre uniques du point de vue 
bibliographique, qui peuvent modifier une image 
reproduite. ou qui peuvent exiger une modif ication 
dans la méthode normale de f ilmage sont indiqués 
ci-dessous. 

□ Coloured pages/ 
Pages de couleur 

C~l Pages damaged/ 
_l Pages endommagées 

□ Pages restored and/or laminated/ 
Pages restaurées et/ou pelliculées 

E Pages discoloured. stained or foxed/ 
Pages décolorées, tachetées ou piquées 

□ Pages detached/ 
Pages détachées 



I A Showthrough/ 



Transparence 



riques 



□ Coloured plates and/or illustrations/ 
Planches et/ou illustrations en couleur 



□ Bound with 
Relié avec d 



other material/ 
d'autres documents 



Tight binding may cause shadows or distortion 
along interior margin/ 

La reliure serrée peut causer de l'ombre ou de la 
distorsion le long de la marge intérieure 



□ Blank leaves added during restoration may appear 
within the text. Whenever possible, these have 
been omitted from filming/ 
Il se peut que certaines pages blanches ajoutées 
lors d'une restauration apparaissent dans le texte, 
mais, lorsque cela était possible. ces pages n'ont 
pas été filmées. 



0Quality of print varies/ 
Qualité inégale de l'impression 

□ Continuous pagìnation/ 
Pagination continue 

□ Includes indexfes)/ 
Comprend un (des) i 



ndex 



Title on header taken from:/ 
Le titre de l'en-téte provient: 



□ Title page of issue/ 
Pac 



Page de titre de la livraison 



□ Caption of issue/ 
Ti 



D 



itre de dèpart de la livraison 



Ma st head/ 

Générique (périodiques) de la livraison 



Additionalcomments:/ There are some creases in the middle of pages. Pages 126-127, 129, 174. 180. 270 

Commentaires supplémentaires: •*"'» ^^^ incorrectly numbered pages 120-121, 126, 173, 280, 27 308. 



This item ìs fiimed at the reduction ratio checked below/ 

Ce document est filmé au taux de reduction indiqué ci-dessous. 

10X 14X 



1SX 



26 X 



12X 




16X 



20X 



24 X 



30X 



y 



28X 



22X 



The copy filmed here has been reproduced thanks 
to the generosity of: 

National Library of Canada 



L'exemplaire filmé fut reproduit yràce à la 
générosité de: 

Bibliothòque nationale du Canada 



The images appearing here are the best quality 
possible considering the condition and legibility 
of the originai copy and in keeping with the 
filming contract specifications. 



Originai copies in printed paper covers are filmed 
beginning with the front cover and ending on 
the last page with a printed or illustrated impres- 
sion, or the back cover when appropriate. AH 
other originai copies are filmed beginning on the 
first page with a printed or illustrated impres- 
sion, and ending on the last page with a printed 
or illustrated impression. 



The last recorded frame on each microfiche 
shall contain the symbol -^ (meaning "CON- 
TIWUED"), or the symbol V (meaning "END"), 
whichever applies. 



Lcs images suivantes ont été reproduites avec le 
plus grand soin, compte tenu de la condition et 
de la netteté de l'exemplaire filmé, et en 
conformità avec les conditions du contrat de 
filmage. 

Les exemplaires orìginaux dont la couverture en 
papier est imprimée sont filmés en commenpant 
par le premier piat et en termìnant soit par la 
damiere page qui comporte une empreinte 
d'impression ou d'ìllustration, soit par le second 
pIat, selon le cas. Tous les autres exemplaires 
orfginaux sont filmés en commenpant par la 
première page qui comporte une empreinte 
d'impression ou d'ìllustration et en terminant par 
la damiere page qui comporte une telle 
empreinte. 

Un des symboles suivants apparaitra sur la 
derniòre image de cheque microfiche, selon le 
cas: le symbole — ► signifie "A SUIVRE ", le 
symbole V signifie "FIN". 



Maps, plates, charts, etc, may be filmed at 
different reduction ratios. Those too larga to be 
entirely included in one exposure are filmed 
beginning in the upper left band corner, left to 
right and top to bottom, as many frames as 
required. The following diagrams illustrate the 
method: 



Les cartes, planches, tableaux, etc, peuvent étre 
filmés à des taux de reduction différents. 
Lorsque le document est trop grand pour ètra 
reproduit en un seul cliché, il est filmé à partir 
de l'angle supérieur gauche, de gauche à droite, 
et de haut en bas, en prenant le nombre 
d'images nécessaire. Les diagrammes suivants 
illustrent la méthode. 



1 


2 


3 




1 


2 


3 


4 


5 


6 



V ■ . 



^^': 



. <'" • • 






MICROCOPY RESOIUTION TEST CHART 

(ANSI and ISO TEST CHART No. 2) 



' . :: ' 



LO 



LI 






m 

Il 2.2 
| 2.0 

1.8 



125 II 1.4 



1.6 



A APPLIED irvMGE I 

'^i 1653 Eost Ma^n Street 

r-S Rochester, New York MeOa USA 

^= (716) 4B2 - 0300 - Phone 

== (716) 298 - e-989 - Fax 



*jté. 



Primo volume , & Terza editione 

DELLE NAVIGATIONI 
ET VIAGGI ^ 

RACCOLTO GIÀ DA M. GIO. BATTISTA RAMVSIO, 
Se con molti 6c vaghi di{corfi , da lui in molti luoghi 
dichiarato 6c illuftrato . 

NEL SlV^LE SI CONTENGONO 

LA DESCRITTIONE DEL L* AFRICA, 

CT* delpacfc dd'Tretc Ianni, con "varij 'Viaggi, dalla Città di Lisbona, f^ dal Alar 

'J{oJJo inftno a Calicut , ff) altijòle <JMolucchc , dnue nafcono le Speticris , 

£t la '^auigatione attorno il infondo . 

Con la Rclatione dell'ifòla Giapan,rcopcrta nella partedel Sctrcntiionc: Et alcuni capitoli 

appartenenti allaGcographia,eftratticlcirHiftoria delS.GiouandiBanos Portoghcfe. 

Con TRE TAVOLE di Gcograpliia in dife^no,chc hanno le marine, 

fecondo le Carte da nauigare de Portoglieli, &: fra terra, fecondo 

eli fcrittori che hanno defcritto li detti vias^i. 

Con due Indici, l'uno deUi nomi de oli aunori che defcriuono le dette Ndm<rationi &* Vide oi ; 

L'altro delle cojè più notcéiltdt Geographia , de cojiumi de popoli, delle fbetierie , 

& d altro che in effo l/olume fi contengono . 




(on frìmkgio (^l Sommo Tomefice , f^) della 
lUuJìrifs . Senato ZJeneto . 

IKf tfCVTCTTA NTCTTA C"rA»iir>T:TJTA rxi" ^^Ti>%> 
fc^ T «^ x^ u X X £^ n xi 1.' i-- ri -^ x x^ ìtì t- xi i\ X ri I^ n \J i, V £% 




L'ANNO M 



LXIII. 



ALI 




no, à chi 

|jradettc,( 

carcjòclu 

cjinfti&fji 

tìcografii 

iiaiiìcntoà 

impicfi.d 

icorli,&:d 

tanto fuod 

Pofcia, }Ti 

nianzacel 

eh 'io ledei- 

rajA' laica 

miafati.'ar 

pollo f.BCjf 

la mone de 

ta quella, e 

chicir:alcl 

rando(con 

gcnt:nicru 

ncpintod' 

hj^n'lafottil 

cicrinnoi 

palati fccol 

cot dici v( 

pr.'fcnranci 

bihchc nel 

L'Ile cofc di 

'ari,5i'poci 

ill'antichcf 

nfinitifeco! 

Icmpre ripii 

ino,5(:ma(ri 

adogniingi 

mortale. Et' 

pi,& iìgnor, 

poco alianti 

fncdclimo fc 

dotti fcrittor 

mu frcicafic 

haucr fatto 



<^] 



ALLECCELLENTISS. M. HIERONIMO 
FRACASTORO 

GIO. BATTISTA RAMVSIO. 




V coflumedc gli antichi continouato infino ài tempi noflrt, the 
quelli, che Iclor compolitioni, ó in profà, óin vcrfo dcfiderai'uno 
di mandare in luce, le dcdicalTeroà huominichc pcreflcro iar^iudi- 
ciò di quelle , ò vero ad amici , che le delidcralTcro di leggere, ò'vcro à 
quelli , che con lo fplcndor del ncmc loro,lc faceflero liaucr maggior 
credito Si riputatione. Laqual vfanza volendo io oflcruarc in qucfia 
mia fatica(qualc ella (i na)ch 'io ho prefo in raccoglierc,ct metter iiific 
me alcuni fcrittori delle cofc dell' Africa,^' dcirindia,n5 truouo huo^ 
mo , a chi h debba più conuenientcmcnte raccomandare , che mi fodisfaccia nelle cofe fo> 
pradctte,rduo che l'Eccel.voflra.percioche neflimo penfo che la polTa meglio di lei giudiV 
care, 6 eh* con maggiore affcttionc la defideri di leggere,© che col chiaro nome Ino gli ac- 
qmfti&piu credito &:piu lunga memoria, Prima'^pcrchccfla, ch'è tanto inirnitta della 
Ccograhi , qu.. nto altri ch'io cònofca , giudicando ch'io in do haueffi à recar quale b.e ^^io^ 
iiamcntoà gli huomini, fu quella che da principio m'indulTeconlafua auttontaà quarta 
imprc/à:&: anchora con molte ragioni altre fiate me ne confortò per mezo de luoi laui di' 
icori! , &:dolci ragionamenti hauuti col magnifico conte Rimondo dalia Torre , clic con 
tanto fuo diletto rafcoltaua difputarc fi dottamente de' moti de' cicli, dC del fito della terra 
Poicia, perche ho voluto lafciarc à noftri poReri con qucfta mia fatica , quafi vna telh'mo * 
manza cella noftra lunga &:fanta amici tia, non potendo meglio al debito della riuercn-a 
ch'io le debbo, dC all'aftetuonc ch'ella mi porta, fodisfarc , elTendo certiOìmo che le fari c'a- 
ra, &'laleggcri volentieri» Mafevoglio poi adempire ildefìdcrio ch'io ho, che qucfta 
miafatirardìi qualche tempo viuaappreflo degli huomini , conqual miphornodolo 
pollo f.nc,chc col raccomandarla al chiaro nome voftror ilqual tengo per fermo che dopo 
la mone del corpo,habbia da rimanere immortale, conciolia cofa che l'Eccel. voli i-' fia Ha 
ta quella , che fola d tempi noftri habbia rinouato il diuino modo dello fcriuere de sii anu- 
chi arcale icienne, non imitando, òdalibroà libromutando, c^trafcrmcndo òdichia- 
randr(comc molti fanno) le cofe d'altri ; ma più tolto con la fottilità dell'ingcirno fuo dili 
gcnt:mcnte conhderando , habbia recato al mondo molte co(c nuoue , prima non vditc 

ncpnuodaltruiimaginatc:conienellaftronomia,alcuninuouiA'certiirimimotidc'cie* 

li, s^h lotuiihma ragion de gli omocentrici: in philofophia,il fecrcto modo per lo qual Ci 

crerinnoi lamtclligenza, f^Ianonconofciuta viadi cercar lecaufemirabdi, chatuttii 

paiati (ccoh erano liatc occulte, come è della concordia 2»: difcordia naturale,che in molte 

cot cHcr veggiamo: In medicina,lecaufe delle contagiofe inferi- •:adi, 8C gli exquiiìti di 

prjkntanci rimedi di quelle : lafciando adietro il diùino poema, v > Tua Sifilide il quale 

b.fi che nella giouentù dalcifuirefcritto come per giuoco, nondi; /.eno è pienoditante 

bile cofc di philofophia, SC di medicina , &: di li diuini concetti vcflito , &: dipinto di tanti 

iari,a: poetici tìori che gli huomini de' tempi noftri non dubitan punto di agsuaeliarlo 

ili antiche pocfie,& hauerlo nel numero di quelli che meritano di viuere di eller leiti per 

Jihnin lecoh. 01iftan,le fignorie,lericchezze,ctcofe fimili,concedute dalla fortuna,fliron 

tempre rimitate (fi come veramente fono) inftabili, 6,: di poca vita,'doue il theforo dell'ani 

fno,^ mallimamcn te del pregio ch'c quello di V.Eccell.fi fa ccrto,ch'è faldo, & che refifte 

ad ogni ingiuria , &: violenza di tempo , & fi sforza à mal fuo grado di farfi eterno , &C im. 

«lortalc. Et che quello eh io dico, fia vero, chi vorrà difcorrer la vita d'infiniti gran Princi- 

pu&C i Ignori ftatnn Italia,&:m altre parti del mondo,^^ (per dir meglio)di queUi che furora 

poco auan ti a noftri tempi , trouerà chiaramente di molti , anzi della maggior parte, che il 

nicdeiimo fepolchro che copcrfe il corpo, ofcuró parimente il nome loro , di pur di molti 

dotti Icritton moro già molli fecoli , viue ancora la memoria ne glihuomini ,&: ogni hora 
p.u trcica fionfccGnidico adunque per quel fine , chiodcbbo fopra il tutto defid?rare , di 
hauer fatto ottona demone : oltrachcio fono anche ftato indotto davn ccrtomftimodi 

Viaggi vola». a i) nata- 



fpouo alla gran co^nitioiic clu- Il ha lio-r.M j/,„ '. V '. ' ■ "'\' ' " '"^^''^ ""paK-ttc , n- 

tcmp. , che (ono ftai, nelle iopradete u J ,ìiV A^^ i^'' '^"""^^" '^'"^^ii^i 

mcmc,allc,uahaK,m,neni>ladelcì-.;.o dr ';d^^^^^^^^ 

tv alrre unte tuuolc, che (arebbcro d. erand.lhma f\ sf ,m ^^^^^^^^ 1 "^ ''' } '' ''^'" '•'" ^'^ ' 

tal cosn, none . perei,.- lanan ccrr, de iv acHé è b l, "^ i^ .'''"'' '''' '' ^'''^•"'"^^ ^' 

IcnurnKduuct^juelK-parcK.^dcnoS 

prck-mc&'potriancon ernie con uuclnuo d, n^ ' '^''«"^^'■' J ^''"-'v'Ji.ibitanoal 

Nella cjual opera quanto vn deb.k \ n à ,1 .' '""^ ^'""^' «'' '""'^^•' '^""^ 1^' • 

fat.ca,;.aiìn'nanientex-lacWk^^^^^^^^^ 

lìo.i vo.^hohora dirlo acdcdi 'non Dira ^ 

1.C m,c Tnia i bcn.^n. Lettori ciò X»do fZS '^''^'f'' '^ ♦'«'^-lc , a' v.g/: 

Io conofccranno .1 fepur not h bEio mancSn n'ì ^IrH ' "'ffTi '" ^"'''^'""' P'''^^'"' 

vero ) non e però proceduto dalla pSE^a^^^^^^^^^^ '""«'" '' '^'' '^"*^'^^ ^•'^^'' »' 

r.n^csno non ha potirto parcL^laS a S 

pia. . che m, fon venuti alle niam cni," e he nam Ì^ ' ^'^''^'^'''^ ?'' ^^^cm. 

m sbigottito ogni forte A' «auli^^^^^^^^^^^ 

rationedelpiacxre,chn\L^pSouc pM "^^^^ 

&-nìairnìiamentediquefbparte£KS cnm '^'"' ':,^^'Ì ^' ^'"^^'^^^ > 

noftrf non 1. fa che per alcu.'^o .1 tro auuorc ne n^^^^^^^^ 

mente 3C con tanta certezza . Ma cìieS o ci , S t" T"'] ' ' '-^''"'^r/^^'-copiola- 

diofi r chi e colui che polfa dubitareXSo^^^^^^^^ 

bianoàd^ettarcdicolifattaletto^^^^^^^^^^^ 

ftxreti , &' particolarità della detta pa te dSonl 1- r- ^ r "" 'J'I? '''PP''""^'"^ J '^M^r t 

a'c.ttàd.quella..\'IedependentieSehannX.-^^^ 

lMtano.pcr'che atKora che ne poSno cfl r ^^ó.™ ?^^.- Sf ' ^'^f'V^^^' ^^"P"'' ^'^«^ ^'^ ''^ ' 

pacn traltorfi , gli flTitti e^ ra|ionan°n t^dc oX^^^^^^^ 

gurd.doeirermoItocopiofUSnccrtiffimrclSàfn^^^ 

cofeineflocomprefe/d,cliarateXXanno^^^^^^ 

quefb elfer br.em- manche,^ di poco n^^^^^^^ 

d'ogni lor del-.der.o ne trarranno . letto^Só n So ? '!''Tn ' ^''7' ''^^"-f"-'^"one 

corti dePruK. pi d. Barberia,af fu con eflì^ ^1' ;& T '^ ^'"^'^^ '"^^'" P'-^ t.ca ,ìellc 

tadnoquellochenehoruratodapefo^^^^^^^^^ 

.lofcaui^^c' praticato Xofhn- du^c e ftr^^^^^^^^ 

quel regnofcce .1 Re Cathohco, £l con tu 2'.^^; ^^ :»"if "^"'^''•M-i^o chedi 

d. F-elTa hauendo dat' opera à gì ftudi delle lette e A "^^^^^^ '" ^,f''''' ' ^^' "^"'' ^'«à 

r. hbn dhtftorie,che hn hora non 11 fon vediSl^ anc ' '" • ^" ^''^"' ''^'"P^'' '"°' 

uà maeftro J. cobMantino Hebreo,mcd.' o cc£le4^ d ^ a ' SPI"""^'^'^ ' ^'h' d.ce. 

fé, andò pcragrando tutta la BarbertVe^S '^^^^^^ T'^'^^'T ^^P''^'''^ ^' 

ciochevedeuaAtntendeua.vlt,man entcnePoS h^^^^^^^ 

ladel Zerbi daalcunefulledicorfari Scondor?ó^ / f '^'^^^^^^^ 

Iehauendoveduto,a^intefoche i£ ddl^ c^^^^^^ 

to vn hbro che fece portaua^allai bcnigSen te L T!^^^^^^ '^'" "f '^'"''^ ^''"^ 

gli vtia buona protnlione, acc.o eh egh rZ oIm^^^^ T^'"]' ^^' ^''^^'' 

chnftuno,et gli pole . dt.e fuo. nom.fcio" e o v a "l '^T.^ '"° ' clTortcS^tnduOcà farli 

lungo tempo,doue nìiparò la Imgualta^Ln^fi^ wS r.^^^^^ '^ 
LbronKghochee^hreppedtAraS"tqtte^^ 

moln acadenti,che fanano lunghi à raccontare nr. L n f ^"1° ^^^Po 

ni:Etn.conqttellan.g|iord.?Ser;:hKCo^^^^^^^ 
CI fiamo ingegnati con ogni fedeltà di forlo venir ,^ * 

iuce,ncl modo che hora lilegge. 



S%»yyÌC:r 



^''lu- the ini fé- 
li' tduok itol- 
i"}H-di-trc,ri- 
'l'idlcrcno, 
t^'>ii ilc'fiofiii 
'Ijto niimiia- 
lipom.iiira' 
ulilcrt.i no di 
a'ni.incoclc|. 
iliahitaiioal 
''1 an tulli , 
l'a dirrtiiodf 
iijiofaitto, 
-'le, ifVfvi^i- 
miche parte 
iibiroclfcril 
iclvnlordel 
icjjli cllcm- 
Hi che liane- 
ialaconiidc 
Cj(V)iTrafia , 
"aie a tempi 
oficopiola- 
3tti, Se' Ihi- 
noo fi I lab- 
ile J (a perì 
prouincic, 
Il che villa- 
bbiiiO c]i[ci 
IO già fatto 
KlcHindo le 
arationcdi 
uisfauioiie 
latici lu-Ile 
*.1c!lacaivi 
i Ihau co- 
llido ciicdi 
nella città 
npofeniol 
jchedicc- 
[■>prcl!o di 

'lido tutto 

opiariro> 
tà:lai.|ua- 
uica fcric- 
&-' diedc- 
•ilTeàfarfi 
in Roma 
icfto fuo 
iopo 



TOMMASO GIVNTI 
ALLI LETTORI. 

IO non credo che da molti anni m qua , fia f^atziperfona alcuna , ch(Lj 
menu defjerpm lodata ^ celebrata di quel che fu la buona memoria 
di u. e, IO. B A T . R A M V s I o ; pcrchc lafciando noi flarc da parte, 
^^''^Js^^fiP P'^"'^ ^^ /f rr^rf, etcoftumato quanto altro io conofceffc Riamai, 
&' duna /ingoiar bontà , per la canale era fomm amente amato in mefla 
Otta , ^ da tutti gli huomini di gmdicto , fu anchora di coft nobile, e fin- 
golar intelletto , che mofjo dal dejiderio folamente di giouare alla pojkri- 
ta , col darle notitia di tanti ^ fi lontani pae fi, ^ m gran parte non cono- 
fcmti mai da gì antichi , raccolfe da dmerfè parti , ire belli fimi Volumi , 
con incredibile diligenti a, ^ con fomm a accortéX^a:f quali col fuo m- 
driJ^^ e ,gouernofurono da noi public att colmel^o delle fampe nofìrc^. 
6t ben potcua egli CIÒ fare molto compiutamente, efendo tanto oltra nelle 
fcientie, ^ nella cognitione ch'aueua della lingua Cjreca, ^ f.atma, 
(guanto fife alcuno altro, ^ intendente anco della Geografa, la cui no- 
titia s'haueua efo acqui fata , parte dal continuo , ^ diligente fludio che 
egli poneua nel leggere i buoni autori che ne hanno trattato, ^ parte dallo 
hauere nella fuagiouine\^.a praticalo molt' anni m dmerfipaefe prò- 
Mincie , mandatoui per honorati feruittj di quejla Sccellentif Tiepublica: 
doue g li auenne , che f ce me de fim amente acqui (lo della lim^ uà Frane e fé, 
^ della Spagnuola , hauendole cofi ben familiari come la fua propria na- 
thta : (^ efene fruito nel tradurre molte relatiomfampate m quefo,ctnc 
gli altri 'volumi. Le quali fatiche cofigiuditiofi éhonoratefi non vfciron 
fuori la prima uolta, fitto d fuo nome, auenne per la fua fn^olar , ^ 
wfntta modefiia : che in ciafcuna fua mione continuamente era fino 
dvfare . di modo che emendo non comporto mai che njifufe pofto • cornea 
huomoch'era lontano da ogni ambitione ,^.haueua tanimo indrUz^t- 
to folamente a -^.juare altrui. ^iMa io che mentre e^li ^ife tamai infi- 
nitamente fipr a ciafchuno altro ,^ morto tamerhmfno che durerà la 
'Vita mia , fi come ho defiderato , cofi anco fon tenuto a far tutte quelle^ 
cofi, Iemali IO fimi che fieno per acquiftarglt alcuna fama, nonpoffo ^ 
non debbo in quefiefuevtili, ^ honorate fatiche hormai tener più celato 
il nome fuo : del quale hora cederete ornaii queftì Volumi . Da' quali fi 
può hauert^ piena , &' ^eranotitia , oltra le cofi dell' <ìAfiica , ^ del 
paefi delfPrete Janni , ^ delle Indie Orientali , delle parti anco del mon- 
do che Jorio uerjo Leuante ^ (jreco tramontana ,fn fiotto // nofiro Tolo • 



Geografi. eLmiZÌ ZtZur"!^''^^^ 
mancharma, m tutte me cnrZ'^T'"'' """ 

"""'pfi'foUdefider.or.ofiroZm 

Ji'Mohoggimaidagranpar. 

tedel<tpHondo. 




<^om premier e, clj^, 

^'^'t^^^^ori . Et -jira- 

'^^^o.ieair^ltlntonmit 

'' ^»'rm) dt produr 

Vtmelletti , perno 
f'i'cafrfe,co?,jc^ 

'0 Jllulìrnfimo rW 
'^'^pélico.s'effcr^ 
f^'hora ti tempo, 
P^odt coloro cha^ 

''Kfojfe (latri fio- 
""fi '"^^h^i , fot~ 
^ di hanern^le 

^ncho ti Glt,arto 
^e Tolomeo, ne 

'imtornoalleco- 
'^oilodta^t^l^ 

'sonore è lode che 

^^'.'vthadato 
^ecofe de Ha, 

"iodi non 

remo 

I- 



« 



NOMI DE GLI AVTORI 

delle nauigationi Se viaggi che fi contengono 
in quello primo voliiinc . 

De/crittìone dcìt <:y4fyìcA, ft) deh co fé notabili che iuifino,per giouan Lioni 

c^Jrìcano, diuijà in nouc parti. f^lig^ l 

Vifiorjò del l{amufiofoprad libro di ^. cy^luife da ca da ^^oHo gcntilhuomo 

Vcnctiano. ^^ f^^ 

J^auigationc ddmcdcfmo J^.zy^luifc da ca da MoHo. ^c.D 

Jiautgationc dd (Capitano Pietro di Smtra Tortoghefefirittaper ìlmedefmo M, 

c^ltiifc del cada Mojìo. j,q^^ 

J^atiigationc di Hunonc Capitano de Qtrtaglneft nelle parte delt:<:yi&icA, tradotta 

dd I{iimufto dalla lingua greca,ncUa Tofcana. m.D 

'Difcorjò dd 2{amuftofopra la detta nauigationc di i-f annone. n i . A 

•Nanigationc da Lisbona alti fola di fan T home, pofla fitto la linea deltcquinottio:^ 

le> fritta per 'unpilottol'ortoghefc. uà.D 

• Difcorfo dd J{amufiofpra alcune lettcrc,Co< nauigationi fatte per li rapitanì 

deU armate ddli freni fimi l{e di Portogallo 'vcrfò l'Indie orientali. nj, A 

t ^uuigatioe diVafio di gamaportoghefe dal capo di buona Sperazafao ICalicut iiff'.D 
l 'SSTauigatione di Tcdro c^luareq^ortoghefi da Lisbona in [alicut. m.D 

f Lettere due di z^merigo Vcjj>ucci Fior^tino drizzate almagnifco 'Tietro Soderini 

gonfalonicredcUaeccelfarepublicadifircnzcdiduefuenaui' vioni. izS.A lio C 
'^'Tr^f " a?"' "f""^'^' '^fJP^cci Fiorentino delle dette fie nauigationi al 

*"" " *"" ^^'^ ^ f- J- • ^^^^ 

133.A 

145.S 
147.3 
147.D 



medcfmo eJ^agnifco Tictro Soderini. 
Nauigationc ^crfi l'Indie orientali frittaper Thomè LopczJ'ortoghefe. 
'Uiaggio fatto nell'India per qiouanni da Empoli Fiorentino. 
T)ifcorfi ddJiamufwfopra l'itinerario di Ludouico 'Barthema 'Bolognefe. 
Itinerario dd medcfmo Lodouico "Barthema Bolognefe. 
J^attigatione di lambolo mercatante amichiamo tradottaper iH^amidìo , Va i 

libri di Diodoro Siculo di lingua g,<:ca,nella Tofcana. 
T^'fiorfodd}{amufiofipra la detta nauigationc di lambolo. 
T>ifcorfi dd I^mufiofopra laprima O* feconda lettera di Andrea CorfaU 

Fiorentino. •' 



I74-S 
175.C 



176.C 



Lettera prima di c^ndrca Co r fall Fiorentino amufìrif^ eccdlen.Sìsnore,il 
Duca giuliano de cj^edici. ^ 

^'^f^fi^ondadeldctto<:^dreaCorfaliamuBri/.^ 

Lorenzo de Medici. ^ , *- t» 

'Dfcorfidel^muftofoprailrviaggìodenaEthiopìa, T'x 

"^m'ofi^tjrtellaE^^^^^^ ^'^ 

<^^^^nz^J^^-aT?apa^^^^^^^ 

iJonFrancefco cy^luareZi 

W(orfeddl{amufiofoprailcrercerdelfitmeNilo, *"p 

^oHa 



(o-ittapcr^rri^xno. "^'■"'''' -^Jh^'^o ali Indie orientali , 



Si. A 



((ritta per z^rriAno! 
^auigatwne dalmar 2{^,ff>fi,o alt Indie orientai, Ccritta nn- 7 ^ r 

«-/f //f Indie orientali. -^ ' ^ J'T '^ '' fimmario 

^^'^^"diOdoardoJarbofi^^^^^^ ' ,,,,f 

^^'''"'^^^^■'odittmil,remMtta,c!^poU ^88.A 

-n}>frr,yl7^^,lv r r '^ tT"-' "^^'- ^>^'<fi<' Orientali. 

^:pf'fo-onimodafanSte^^^ 3iS.F 

tnano^farpreondurle ^ '''*''" ^^^^'^^m, cs^ altri nuoni , cheftpo= 

'■ ■■ ■ ■ v-^... 384-^ 



■ 'U . • 



:> 



^; %>^*s;ìt^ 



^Fracafloro. ^^ ^ 



^•-^rrhmo, di limita 



i6S'.A 



274-C 



tm 



dDiti. 

Indie orientali, 

tccicjimo Q^rm= 

'"'^•. Z83.S 

''■'t il Jòmmario 

288.A 
3Ì4-A 
338.'^ 
5^S.F 

tiornolA^Jodo.^4.6.D 

•/ , ^47-A 
> tlqualft ri= 

370.C 

^«', chcftpoz 

(>icAhlucchc 

375-X> 

, . 377.'Z) 

tratti appar= 

((^^hcfanclU ■ 

3S4.D 

cncMacomettoc/: 
'dcm,cutà dell'Ara 
«raacquifbtoap, 
'dire quantptitn 
"lapjodeililoran 
ccci V iniqua- 
re* 



INDICE COPIOSO 

DELLE COSE DI COSMOGRAFIA, COSTVMI, SPETIERIE 
& altre cofc notabili che iii^ qiicfto Primo volume,, 
de viaL;L5Ì iì contengono . 




BBAGo ci)n linfi propri) caratcri, 
vl'uo di Mori in Cambai.i. 317. F 
Aliaricn , Ilùla nell'Arcipelago eli Sa 
Lazaro. 3f(j.D 

AliliatiinJtocii r|>aila,&: targa, v/àto, 
&; pomello mi regno di Naiiìnga. 
^00. B. 
Abafaeeni.uira nel regno di Tigrcmalion. 102.F 
Abbamara terra del regno di Tigreniahon. lOf.D 
Abba Garima \K e d i G reei.i, lalèiato'l regno va à far pc 
nitentia nella Hthiopia. loj.B.C 

Abba I.ieanos./.'into nella Etliiopia, batczzò la Regi- 
na Cindace, 104. F 
Abbrciiiationidet!ocIironicKeMauni;ttanc, dìGio- 
uan Leoni Africano. iS.F 
Abc 1 ammazzato ila Gain fuori di Damafco. i4S'.E 
Abbellam, frutto piantato nell'iiòla di fruì Thome, 
vHetto in Egitto Mu(à. nS.B 
Al!ÌHini,& fila hìdoria fecondo il Barbola. 52-4. B 
Abillinifcliiaiii, molto llimati in Bengala, alle volte, 
fiiccedono nel Regno. i7i;.C.D 
Abillìni al leniitio del RedciZibittcrribili,& valore 
/ì,corrono poco niaco di vn cai:allo, fono morti da 
Solimau Balla. Ì79.C 
Abiil/ni non fputano,nc va., j calzati in chiefà , & p 
qualrag:o;ie. 194.0 
Abnigaro,monte in IndiajabbondatilIìuiQ di Diami 
ti,(S: iliahilloria. 544.B 



Abo]lc',\clìiinenti da liuomini 



3Ì>7.E 



Abiani,citt.i nella coda d'Arabia, fuori di ftretto.5Ì!8. 

Abral'.aiii patri:'.rcha honorato da Mori come fuo in- 

tercelìoreapprello Dio. 151.C 

Abraham Redi Marocco.icacciato daElmaheli predi 

carote. i-j; 

Abrali ini Imperator dell'Etln'opia,fiu vìt.i, fepoltiira 

(^' mijacoli. ito.D.F 

Abni, villa piccola nel regno di Am ira. 119. E 

Abuchc-meu redi Telcnlin, (cacciato dal popolo,^: ri 

niellò in (lato daCarlo V.Imperatore. fS.A/6o.B 

Abiizcij nipotedi Abucliemcu , creato dal popolo Re 

di Teleniìn, (cacciato da Barb.irolIàTiirco. 58. a 

Abuchinan,callcllo in Numidia. 74.E 

Abiibacr Izchja,come fi lece Re di Tombu tto. 77.E 

Abiina Marco patriarca dell'Etliiopia.fiiaorigine,eta, 

&■ liabito.iu.E/154. A/Ragionamento ch'hebbe co 

l'anibafciatorcdi Portogaììy. rxC.K 

Abiigiina,terra nel rcgnod'Aiigotc. 201. a 

Abubder lìgliiiolo di HabdulacIi,primo IVicipe della 

ciladiMarin. ^^.g 

Abuleris.Re di Timis fi fece tributario il regno dì Te 

Icniin. ^ *• jS.A 

Abili, '.il fd Redi Fcilri morto con li figliuoli, da vn fuo 

fècrctario, ^jj.p 

A e A D A R o, loco.fccoiulo Am'ano. 1S6.E 



Acaca,Ifola dishabitata nel mar pacifico. 3f<5. a 

Acate,tcrra nel regno d'Angore. no.B 

Acanne,fi urne fecondo Arriano. ig-.p 

Aceto di menta,mercantiadi lVrfi.i,pcr l'India. iSs!d 
Accha,fono tre cartelli nel diferto di Numidia. 75.A 
At£is,Ilòle nel golfo Aiabico.nelle quali lì pefcano ' 

Acheloo,hiime in Acarnanù-i,per efaggerationc,ha fic 
tovna gran regione. ^ kJ-.C 

Adla,citta dell'Arabia feliccM-;.E/iletta da Tolomeo, 
& Arriano Ocele.iS4.E/ella- potrebbe capo de Ce 

4 ''■ j. , 572.B 

Acquati! vn pozzo nel Tempio dellaMccca quale fi 
gettano adoUb liMori,pcrreftar purgati dai loro 
peccati. ^ ,5,.G 

Acqua Ro(a, in grandillima quantità fi diftilla in Tae 
(a città dell'Arabia felice. i5,-.B 

Acquarofata,molto apprezzata in Ethiopla. ;;i^.E 
Acqua de! Mare qual circonda l'Kòla Felice cii lambo 
lo al gurt:o,è come dolce. 17. .p 

Acqua (alfa, più (ina che quella delle Cifterne, vlata 
in Tunis. ó-'.C.D 

Acqua fàlata.iSc calda in Barbarla. ' c)o'.E 

Acque verdi , ^ bifcie, (òno fegni di terra nella cofba 
dln-lia. ' i^(;_(j 

Acque BiaiicIie,danno indirio a Marinari di terra vici 
nacento&TcInquantaleglie. 145.P 

Acqua in Ethiopia rifma tutte le forti di febre. 11 ,-.C 
Acqu.uli vn lìumicellolànillìma p gli ammalati nel- 
la città di Pouoafàn.i iS'.A. (p. ^ 
Aqiia Amara,nella ftagion del caldo in Africa. vo.E/ 
Acque calde in Africa.7o.A/7f.F/inTidore. jófT.B 
Acque dilliUatc d'ogni for-^rfruttijvfate per bere nel 
Aafro. 8j_E 

Acqua, nella quale no può cadere gencratione de pc 
(ci (econdo Diodoro. 265,E 

Acqua di (àn Biagio, porto nella corta di capo Bona 
(peranza,&: de iiioi popoli. Hf.B 

Acqua del Nilo, percb'è più dolce di quella de gli al- 
tri lìumi. ^(^^-Q 

Aqua del tìumcSilia nel Regno di palimbrotà nò fop 
porta pelo alcuno per leggiero che fia. vjgA 

Acqua,nè per narura ne p pioggianó fi rìtroua in tut 
te le terre dell' Ar.ibia,&delEthiopiavicincalm.i 
re.&gliarborifi mautcgonodcllcrugiade, &del 
l'humido Radicale. jg^.B 

Acqua fanta è di continuo portata da preti tli Ethìo- 
pi.i,perdar la benedittionea popoli. ij^.B 

Acqua in(òpport.ibile per la frigidezza.in Africa.f6.A 
Acqua in vna tazza, venduta dièci mila ducati. • 9.B 

Acque crelcono (la noi quando la Luna e piena ,& in 
India quando e fcema. tC7.A.B 

Acquedutto di Aart.agine,&: fua Origine.71. E/ di Ra 

bato,cdificatodaMafor.2S.F/mirabileìnfeira.4<.A 

Viaggi vol.i". b Aera 



INDICE DEL 

Aera C;tt.\ ncll.i coft.i dcll'Afn-ci fiioi-; cf ! ftrttto di Gì 

braltar,alifiaiu (]a Han none. ni. n/cH'er potrebbe 

ili ql!c ch'o"gi'ili tono nel rcqno ili Marocco. i^j. A 

• ADAM Olle fl-cc pcnitenza,.i/cerc in cielo.ifc iafciò la 

joim^i.ki'^ioipkdi. icr3.F/3i4.C 

Ai1a'1,Hcrba con radici moire venenofà. 

Adca regno de mori in Ediiopia Ilio (;to,& termini. 
i^9.A. 

Ade! regno in Ethiopia (uo firo,& termini. i4<).B 

Adéf.iiim,ci:tà in Africa , deftrutta nella guerra de gli 
Heretici. ^g"j) 

Adccfcn.contado nell'Africa,habitato dagli Arabi.' 
Zìihair. ^^_p 

Adé,cicià nell'Arabia feliccA' Tua hiftoria.jif.B. ^i^.C 
fìto & tortezze,comepfàdaSolyman Bafli. zyj.F 
popoli,c^Mi.Tcantic. ÌS1.A/143.A 

Adetyefte congregationeòvero fiera digrandiilìmo 
concorfo in Ediiopia. in,-.F 

Adimain,aniniale domefticoA' fila liiftoria. pz.D 

Adiudi, luogoncl Mar Rollo nella cofta d'Arabia feli 

Adunmei, Mote in Africa,& Tuoi termini. io.b 

Adiili,città (-ibricata dagli /chiaui d'Egitto . i8j. B/ ef- 
fer potrebbe E rcoco." ■" ^8,^ 

Adultera con l'adultero ammazati dal m.uito fecon- 
do il rito nollro,nel Ciapan.378..'\/punito col vele 

nodaChelijdiCorodmandcl.jio.D/nei re^no di 
Benomatapa. ^ 3^3.^ 

AERE aEgitto,fuequ.ilita,& accidenti. Si.E 

Acrechedàlamorredoppotremefi, aquelli chefot- 

to la fila d;rporitione,nó fono nati,&: educati. 
Aere iàlubre al mal franzofò. io D 

Aere de luoghi deirrcéfo,pcftilétialc è mal fano.iS^J.F 
AFFINITÀ non e hauuta in conilderationc da Pre- 
ti Ianni. ^,3jc 
Afiica,& fuo/ìro. g 3 
Aflica,& moti naturali del Tuo aerc,& delle diuerlìtà 
che da quelli procedono. aQ 

Africa onde derta,/uoi termini, &:diui/ìone. i.A.C 
Ahica &c liioi luoghi fieri &: neuofi. g.D 

Africa anticamente dishabitata, fuor che la terra de 
Negli. ^ ^_g 

Afiica,città, vedi Elmalidia. ^^^'p 

Africani bianchi,& neri.loro origine fecondo diuerfi 
Hiftorici. j Q 

Africani di Libia,Numidi.i, Negri delle città di Barbn 
ria,paftori de Montidoro Hiltoria. lo.F 

Africani bianchi,& fua diuifionc. ^.c 

Africani detti Soaua. y'j) 

Africani della regione di Hea non portano barba nÓ 
cflendo Maritati. j^g 

Africani habitanti iltiefeitodìLibia, lor co/lumi, & 
Africano/rutto nel mòte verde i Africa.zi.C (vit.a.6.a 
Africo Rcrotto da 'di Adiri) .'*cfuahilloria.i.B.(7y.B 
A G A D E 7.,Regno de Negri tributario a Tomburro. 
Agacim,città nella corta di Cambaia. ^S^.C 

Agaos popoli in .diiopia ,ne confini d'Angote,& Ba 
gamadri. ^ ^^ 

Aghal,Monte in Africa,del regno di Telenfin. 6 3,. A 
Aggeri,manuali di diuerfi cn'crcitij.in Caliciit,H;fto- 
Agini,villadcSufiani.i74.B (ria.^iop.D 

Agira,cirfà in Sicilia,chi.imaca A prelentc Si Fphiiip- 
po di Agyroue in Val dtmona. 174.C 



PRIMO V O L V M E 

AgncfinafeÌtriaColonn.i,donna,IIIun:rili;ma.i47.C 
Aglio,nellaGiaua.3iS.A/nel Monte Beni Manlbr^ in 

. ^"''■': fo.F 

Agla,citta antica nell'Africa, fopra il fiume Gu.-Tca. 
47.B. ^ '^ *' 

Aginer,città in Afiica, vicina a M.u-occo molto ciuilc. 
ip.A. 

Agriophagi.popoli fecondo Arriano. 2S^B 

Agro,terra nel regno i\i Tigremalion. idó.E 

Aguoan, Montagna nei regno d'Angore. 
Aguzi,porto delregno di Cambaia." 317.0 

Agui^la,droghiTÌa,èc ilio prezzo in Malabar. 3Ì3.C 
Agylimba.ivgione nellaEthiopia,^- Tuo lito. 393.0 
A I A N p.aele nella Colta d'Ethiopia habitato da Ara- 
bi fuofito. ?S7.A 
Aaiaz.città dell'Arabia fldice,Hiftori.a. iJ.F 
Ainam,Ilbla nella colta di Canton. jtjj.D 
A I. B A N i &. Hiberi,popoli.horaZor2Ìani. 373.A 
Alcapetori Rodì,pelce. 134.A.B 
/vlcinoo RedI'ilbIa di Corfu, 8c Ilio giardino. 17^. D 
A Icatrazzi, vccelli fatti d'oro,et d'argé to lòpra le prue 
de Marinari, quali in trcta giorni cnino venuti d-aJ 
Cataio alla nuoua Spagna. 374.D 
Alchimilti nella città di fèllà,Hiftoria. ^ùc 
Alcorano di Macometto, come in lui liano difciplina 
ti li fanciulli. 3n3 

Alelfindro Prete Ianni morto fenza figlioli, fuccellè 
nel Imperio,Nahu,padre di Dauid Re moderno. 
l'S.A. 

Alellandro magno Dominatordi tatto il mondo fe- 
condo Macometto. 4,-.C/Edific3tor di AlelTàndria 
d'Egitto.Si.A/diSegelmefe. 74.B 

Alellantiro Magno pianlè,hauendo nuoua dell'elfer- 
cito,condotto fàno da Nearco. 171.F 

Aleliàndria dal Redi Cipri,daVenetiani,&Francc"fi 

prel;^facheggiata,& abbruciata. 8z.C 

Alellàndriad'Egitto città ricchilfimaal tempodeRo 

mani..37i.A/detta Bucephala Arriano. iSff.C/refi- 

denza del luogo tenente dell'Imperatore romano 

Si.CD/Hiltoria. ^i.C 

Alcpo,città della Soria. j^g' A. 

Alendin,cittàdi Hafcora,in potere del RediFez.zj.A 

Altonlò, di pallia ambafciatore del Redi Porrogallo, 

al Prete Ianni. i7<j.E 

Alfàchus.antica Città neH'Africa.pofla fu'l Meditcrra 

"^o- 60 B 

AIfófod'Alburquerque Portoghefe generale nell'In 

die pfe l'Ilbladi Goa.i78.C.D/prefe Malacca, 318.D 

39I.B 

Algier,città nell'Africa,fua hiftoria. 61.B, 

Alguefi terra del regno d'Ormuz. ipj'.B 

Alguechct,habitatione nel defèrto di Libia. 77.C 

Aling.i porto del regno di Goa. 319,0 

Aliga fiume della Mon.igna Ga:c,& i fuoì termini. 

3«9.B/299.F. 

Alleluia,monafteri de frati nella Ethiopia quali h.ano 

d'entrata.i6.caualli. jof.A 

Almanilali , Granatino Capitano valorofo fignoredi 

Tetteguin, città in Africa. 48.F 

A Imo Mulchi,luo[;o nella colla d'Arabia dcfert.a, 

Almadie nane Indiane in dliierlc forme. uo.F/iSi.R.' 

i.'-:9.A/un.B/no.A/3(ri.F/grandi come carauclle nei 

le Kble Capo verde, iio.A.E 

'ai- 



3Ì7.C 
32J.C 



Jlluflrìllima. 147.C 
Ite Beni Maiilòr, m 
fo.F 
:a il fiume Gu.-irga. 

rocco molto ci iiilc. 

no. i8?.B 

lon. iDfJ.E 

ngotc. 

1. 

i Mal.ih.ir. 

1^' ilio lì ro. 

iah.ibit.uociaAra 

JS7.A 
'l'ia. if4.F 

3PI.D 

iorziani. 375.A 

1J4.A.B 

o giardino. lyj, D 

"géto (òpra le prue 

i erano venuti claJ 

374.D 

ria. 41.C 

ui iìano difciplina 

3P.B 

a figlioli, fuccellè 

id Re moderno. 

:utto il mondo fc- 
:ordi Aleflandria 

74.B 
inuDuadell'eiler- 

171.F 
etiani, &France(i 

8i.C 
la ai tempo de Ro 
riano. zS^r.C/refi- 
jeratore romano 

82.C 

H^.A 

:lel Re di Fez.zj. A 

ledi Portogallo, 

176.E 

fta fu'l Mediterra 

69.B 
: generale nell'In 
(è Malacca, 318.D 



' Libi; 



la. 



<r2.B. 
253.B 
77.C 

ì ruoi termini, 
iopia quali h ano 

20^A 

orofo fignoredi 

48.F 

abia delèrt.a. 

me. »;9.F/!5!.E,' 

mecaraucllenel 

uo.A.E 

Al- 



DELLE NAVIGATIO 

Ahnorò Barbaro Venctiano, prigione del Turco in 

Alellàndria. Ì74.C 

Almacharana , Cì^tà nell'Arabia felice, nella quale li 

Re di Adein tengono il lor dicioro. i8i.D/i^4,F 
Almatria , terreno nel Cairo,liora Matarea, giartlino 

doueèilBalflimo. " y,^^^\ 

Almaizares,manteili alla morelèa. "2-94.A 

Aloe di tre (petie,iieirilòla S'nrnau qu.il niigliore,et p 

cheànoinon venghiperterto. " iccj 

Aloher,terra nella coita d'Arabia 291. D 

Alloggiarne- Hel Prete Ianni alla cainp.igna,oecupa 

lo/p.Lrr.- ; I miglia. ^ Ì47.F 

Aloe z,ocoù ■ionell'iroIazocotora.29i.C/i8i.D/:!42. 

B/ilioprezzo in Malabar. y_^,D 

Altare d'oro Mairiecio,nel regno di Gi);ane,della Re- 
gina Uelenad'Lluiopia. ' 24c;.F 

Alterationedclle tbrme,& colori negli luiomini , Se- 
anima onde proceda. ' 2S1.D 

Altino,citt.i d'ltali.i,onde anticaniéte edificata . 2S1.E 

AluifedacadaMoftogentilhuomoVeneti.inOjiSc'.An 
toniotto Vfbdi Margentiiliiiomo Genouefè,inué 
toriiielle ifcile di Capo verde. 1C7.D 

Allume Ale(Iàndrino,in Ormuz. 31^.!? 

AMARA, regno nell'Etliirpia,&: fuo prrcìpIo.2i9.A 

Amazone gr.i gueriere,& fuo regno,&: hiiloria.24o.c 
32S.H/J2-7.A. 

Amanti nella città ài Tarnaflari , con qual conftantia 
ilinno clperentia dell'Amor fuoinanzia gliocchi 
dell'Amata. i(5f.A 

Aman,ci tra in Soria abbondante d.' bambaglo. 
Ambalciatori mandati da Papa Eugenio, alPrete Ian- 
ni. 2fn E 

Ambafciaroredi Portogallo giunto alla corte delPre 



t.' Iani,& prouifioni chegli fumo preparate.221. A 
mlv.iciatoredi Portogallo, licci " 
ni con moltamaiafàtistattione. i^-^.F 



lai Prete lan 



Amnaiciatore de! Prete lani et di Portogallo,cr)ie<Tna 
ti da! Barnagallb à Don Hettore di Si'luiera , Capi- 
tano nelle Indie. j.f,_B 
Ambalciatore del Prete Ianni giunto al Re di Porto- 
P-''"o- 25^.E 
Ambara,pefce,detto per lafua grandezza balena.y^-.B 
Ambraci inCi!'curuo.F/nc!!eI(ò!e Nauacar. :!i4.D 
alla minadi Celii!a.i-7a.A/i Paleacate.i8o.a/; diuer/i 
luoghi. iSi.D/nelle Vcique grandì.xSS.B/nell'Ilbla 
Zacotora.2p2.C/Biàco berrettino,et nero nell'Ilòle 
Palandura Hiftoria.^ij. B/yg.B/yr.C/ilio prezzo in 
Malabar.?i8.D/in Afi-ica.26.D./hifloria. if.D 
Ambracan,nonpuoeflcr digerirò. 3i3.C,D 
Ambalao,Ifòlanelmar delle Molucchc. jrjS.C 
Ambaba, Giana minore. 3i9.C 
Amba,c.aftello nellEthfopia porto nella mótagna del 
li confinati figliuoli cL' Re, " 1S6.C 
Amba,frutto in Calicut, vedi l'arbore detto Manga. 
i6i.C.34i,E 

Ambon,Ifole vicine alle Molucchc,HIfl:oria3i9.Dfito 
& de ilioi popoli. 377. A. B 

Ambulon , frutto biancOjCrefce nella Icorza d'vn ar- 



bore:lua!)illoria. 



8.E 



Amerigo Vcfpucci Fiorentino DottiiTìmn Aflronn 
mo & CofiTiographo.ijo.I/ritrouò continente di 
terra ferma qual corre da Leuante a Ponentc,(òtto 
J'An tartico.n4.C/Nauigò la q rta parte del Circolo 



N I E T V I A G G I 1 

del Mondo,perragionieu;dcntilTlmc. 151.F 

Aiiieciih' nella montagna di Narfinga. j;oo.F 

Amhain oc da noi Oppio Thebaico',narce nell'Arabia 

i<cneirEtliiopia,liauuto in gra prezzo da Mori,per 

ludiiiiare. ' 187. A. 

Amhain ili C.ibaia,nó è fino come qllo di Ade. zyrt.F 
Anìhain.mangiato con olio di Sufimani, nel fonno fa 

morire. ^^^.D 

Amhain,cliecoiàlu. 518.D 

Amriam, fé non è mangiato dagli Indiani predo muo 

iono. "• ^.^aiy 

Amfiam non efièr l'Oppio Thebaico fi come ferine il 

Barbofa. 282.B 

Amir voca.Arab.fignifica fìgnore. i^,-.D 

Ami.idiua, nòia nella coita eli Calicut, fuo fito.}72.A/ 

i55.C/i25.D/3i9.D/ir.D/389.A. 
Amoc!apaIIe,porto del regno di Goa. 5i9-D 

Amulos,gente beftiale della Giana per voto ammaz- 
zano gli luiomini,hifloria. 518.C 
Amvralsé,gcnerale dell'armata del Soldano cótra Por 
togheii,atlbgato nel maredaRayfdmò turco. iSó.c 
AN ACHET A,fiumegr.uidenclregnodiXoa,(corrc 
nel Nilo. iio.C 
Aname,fiunie nella regióe(i'ArmozÌ3,nella bocca del 
quale fiuun iurte le naui dell'armata d'AlefTan. 
272.F.F. 
Anchi(à,Móte I Africa habitato da valoro/i popo.ió.D 
Ancola, terra nella colla de Can.arini. jSg.D 
Ancona,hume nel regno di Angore. 110. A 
Ancoro,porto nella c'olb di Panane. 3;2.E 
And.i,terra nella Etliiopia. 220.E 
Andranijfola nella boccadel Golfo perfico. 293. B 
Andraniania,I(òlade!roro,neiroce.ano Meridionale, 
fila grandezza,& de flioi popoli. 35';-D 
Andaragire,, regno nella Sumatra. jiS.F 
Annelleneirorccchie,alna(b,et .dia natura vergogno 
'} ^ lìo.b.E 
Anfa,cittàdiTimefiiain Africa edificata da Romani, 
& dellrutta da Portoghefi. 28. A 
Angeli in Paradifò jptettori degli huomini,& di qual 
materia lìano fecondo i Giapancfi. }79.D 

Angeli futi di penello,ritratti del natuiare,davn frate 

nel Regno di Amar.1, im.B 

Angugui,terranel regno di Tigremahon. 206.E 

Angeli), & picholda , luoghi fra quali il fiume Ganga 

sbocca nel Gange,lor fito. 389.A 

Angeb.a, terra nel regno di Tigremahon. Ì05.C 

Angera Monte nell'Africa dishabitato. 49.D. 

Annero daGùipan batezzato detto Paulo di fantafe- 

^'■'- }77.D,E 

Angad deferto neirAfrica,& fuoi termini. 58.A 

Angotcrax flgnore nel Regno d'Angote,fua Hiftoria, 

116.C.D. 
Angote Regno in Eth iopia. 209. A 

Angua,&: Ma(>ano,luoghi nel Regno di Angore del- 
l'AbunaM.irco. iiy.C 

Angos luogo mcrcatcfl-o nella cofl:ad'Ethiopla.2o6.E 
Angos,Regno de Mori nella eoa di Cc&la. 189. A 
Animali di diuerfe Ipé in Narfinga.'50i.F/domeftici,ct 
ialuatic! di TariiàlLui.ió4.D/ in Calicut B 1 Bornei. 
364.B/in Ethiopia.2oo. E/i94.C/Afrìca.9i.B/dcl re- 
gno di Budomcl c5 qual cerimonie incatatì. 104. A 
Animale il cui fàngue ha virtù di cóiungcre ogni me 
Vi.aggivol.i°. b" ij bro 



Hro t.igliato,cV /cpnnto dal corpo,faa hillo. ,74.F 

t;i.uui.iivli.Aoi(]in;. ' j, 

Anin,.]MHapi„..d.gl;Elcfant;&altrt-corcnotabf- 
iMlcI Kcijnodi Senti;.!. i> 

Anim.ll; non k„u. m;.n'Ji.uiMa RclJ^fo/IdcI Gi.'ipln 

Anun.A- del Mu(:ii,o,(i,.; cic(cnttionc,c\- hiftorfn 

jr.Ii 3}4.I>y'O.D. 
An fmaii come Coccdrill;, v/uono In terra, & lacni.a 

(V UKukkntiom.-. .' j, 

An .mali o • i uirupcdi.nó viuono nel recno di M^-lìi" 
100. A ^ 

Animali mangiano ipcfci n.IIa colla degli Icthiopha 
. S'-'7-C/n'-"I regno di Vldndc. J. a 

An,m.i hdi color cineritio nrila MonugnadiN.iriin 

ga,d,lunnolonna di Giu.illi. .qq p 

AucrcduM immortale da popoli die Molucchc móf 

iHl.illa n,lKlcr,u,óediruccxllomaniiLodiata.?n D 
Ammc,Gommaperacconciarnauili. ,},, /^ 

Animagonnna dalbm.,per far lumedi notte. ,cTn 
Animi genert,i,,depopoli .lell'KÒJa Uorn^i. -aB 

An.mmn trepido , cìi Maluimetto lignore di Dubdii. 
Anni,de!ladei}riitrioncdiB.igaded. . ^ p 

Anni 6 OC), ai Lhcgira, fono di Noftro Signor Tdli 
t-nrii '11(^0. , ^ p 

Anno I un u-e (ècódo i Maumetr.ai,èdi.,u.?iornt o f 

AnnodegliAhi,]I„„didod.cimefI.^co>ì;i„d:;3l 
i6.d A golfo. p 

Anno.degii Indiani , 3c ("uà Milloria. ^^Jr 

Anno Ar.ibo ahieano,è meno d.\ latino.n.giorm.^.F 
Ami pe/ado che tenga r-^n.^cS: N.idadour molto buo- 
no, (uq prezzo, in Malab.ar. .,. r, 
Anor citt.l fopr.ila corta di Calicut come fitua ta da 
Tolomeo,^ eiìer potrebbe Muziro. „, n 
Anobcjn li ol Icrra dishabitata dalla parte verfo ponc^^ 
Garbni dcH'Ilola fan Thon,.. Vr F 

AntaruVode(aitro & lìguratod'AndreaCorliliVio 
JenSno''''' ' l''8^^^"^-35).Cdal Vdpuccii^o 

Anta anim.ile,& fua Hiibnia. '^'n 

At^unbor, vi.\ Mallàare il Re di Melinde. „] e 

Antm monte akilllmo d'Africa habitato da gente^;a 

ioioi.i,i\:i;icca, ^ ,, 

Antheo .pai cóbattècon Hercolc.oue tenca il (l,o p.. 
Latini' ^ ''^"'"'''"'*' ''''•^" '^"'"'''■' ^^■^■'^''^ 

^é:iiss^^'"'"'^^'^'"^^^-'^--fid;;5:^ 

AnDcaglic di collonne,et epitaffi I Tebecitti d Eg^^ 

. del Ke liberata da (an Giorgio. '?, n ,. 

Antonian.\Mon.ichi nell'Ethìopia, .TA 



INDICE DEL PRIMO V O I. V M E 



Anton.o tov(^,d,Mare,géc;llu,omoGenonefe.cóM. 
Alui(edacaMo(lo,(a,p/èl ff.Mcdicapo Vcrd.ifc D 
A « I) o u, hume neirA(iie,n,cS: (ha oril-ine. So \ 
A .... ARAM ... N T . d, m.iV^ molh-ari'da Frane. AI 

uarezal prela.u cóledpo/ìrioedellimifteri,.iZ5..-i 
Appai,,, . reo per, l,g„„, Infinte Don Henrich , L\ 

1 lloiad Ai'Tiii 11!-,-. L. ,„.,.. • _ 



9<;.F 
iH-E 
ZH4-C 
285.D 
571.E 
2S4.A 
ZX4.B 



ilmondojCualiiiluria. 
An tonio di Mcndozza, Vice Re del Melico. 



570- 1* 
374.E 



llola d Aigin,tirca le mercantie. 
Ape,(onotenutenelleca("e,inEthiopi.i. 
Aph.u-,citta,(eceondo Ariano 
Apologo,luogo,i;eondo Ariano. 
Appolline,dtta d'Egitto. 
Appocopo promo.uorio, (aondo Ariano 
Apompi gnmdi,&:piccoli , (m.ndo Ariano. ZN4 a 
Aport m, uogo nel Collo Perflco nel cjual /'urgono 
iiNauili. * ^__ p, 

Appio,herba, nel (Irerto M Magaglianey. ^,2 F 

AppoIoph.a„e,c.apit.aoGedroiI.ano,mortonella"Ter 
ra colutagli Oriti. J; » 

Apriocchio,irola nel Sur,c\' Tuo fito ,W B 

Aprile,principio dell'anno in Calicut. ,00 D 

A(Kun citta editìcata da Faraóe,nel tépo di Moiisi.ci 

ftot-,ci,A(ncani,Hi(lori..dellanimal^ualnenai-ce. 

94.E.F Aqmla.c^' (uè diuerfc (petie. 04 d 

Aqu, e,ncll'Africa pigliano le vofpi. Vfr. 

AquilaCaltello in Cuhalogna (btto il quale fu rotto 

A i'-Ti'''' !?''''i'P'^"^''''^^^'^'^'^I'»'-"cco. 49.E 

Aquila A loedi Campaa,mJcò fino del Calibut.5io.B 

Aq ui ag 1 , 1 uo.^o nel cófine del regno d'Amara , & nel 

principio di Xo.i. '^ '^^"3 

Aquate,terra nel regno di Angore. ,0^ B 

A R A B I A felice fuecittà. I(olè,terminf, &defu'oi pò 

poli.^zvD/dettadaMoriBarraaru. ^Jp, 

U^mnn^ ^^"oiterminidettada Arabi 

Arabia de(l-rta,&fuoi termini. ' f.^J 

Arabi Hilel Mathil ddcédéti da Sab a. Deuimafor De 

jnhubeidulla.Scludn'mde(cédentidaIfinaelfigHo 

lodAbralu.nindu.er(lluoahincirAfrica,lorvita 
«"^coftumi.j.E/habitanti nell'Egitto. ,a 

Arabi habitati fra l'Atl.ite, & il Mediteraneo,loro ;k 
U.ezzc ,& coftunn',cSi come fcacciati dal Re di Fez. 
<i^ di Portogallo. , À 

Arabihabkandnellecittàd>Africa.j.A/neIpadiglio 
.detti Barbar ,lorcliuifi6e,habitatiói,etnum?..f 
Ambupatron.tidelladttàdiTunis. Ir 

'i.n '^;;.j'°l'"^°'^"°'^NiJo,&allargarono il loro 

Arabu1iALcribe,]orvita,arme,&coflumi.''Ht.B 
A.ab. habitat, nel contado di Rete! , di poco JL. 

74.C 

Aratri),popoli,(icondo Arriano. ,9^ r 

Arac.,ioUellaco(tadiCarmanfa,H.agrandezzS 

Ara,città nella mouincia di Rebutes. Sa 

Arbi popoli Indiani. r n 

A.a.nbecittà,K.llacoflaclell'africafi.on-delft;e;^dÌ 
GibralrerraediicatadaHanone.t,t.E/efIèrporreb 
b,.^,dk.ch'ogsidi/onondrcgnodiMlocco. 

^lapatam porto nel regno di Decam. • ^^^^p^ 

Arbore 



IC. 



^mo Gcnoncfc.có M. 
i-iii'capo Vmf.if^.D 
ìi.i orii^inc. 89. A 
o/lr.ui (la Frane. AI 
<.'tldJimin;a-ij.2i5..'i 
t-; Don Henri eh, nel 
99.F 
iH-E 
2S4-C 
285.D 
37I-E 
>Ari'ano. 2S4.A 
io Ariano. 2S4.B 
nelijual /urgono 

, Ì75.C 

liancs. 5f4.F 

,morco nellaguer 
270.A 
" 376.B 

:iit. 509.D 

tcpodfMoife.8i.ci 
'iipa/èeóifogli'Hj 
lalequalncna/èe. 
f'c- 94.H 

94.E 
'ilqu.ilcfiirotro 
il Marocco. 49.E 
lei Ca]abiu.}2o.B 
• d'Amara, & nel 

220.B 

101.B 
ini, &: de fuoì pò 

291.A 
detta da Arabi 

388.E 

J2^F 

i. Deuimà/brDe 
i da I/ìnael figlio 
ll'Arriea,lorvica 
o- 7.A 

teraneojlororic 
ti dal Re di Fez, 
6.G 
i^/neì padiglio 
Ciói.etnume.j.f 
4.B 
garono il loro 
5-E).4-A 
itumi. i45).B 
lì poco animo. 

28Ó-.G 
(ìia grandezza, 

Ì73-A 

327.A 

2(ri?.D 
i<:ruaHiftoria. 

O54.C.D. ■ 
idei pretto di 
E/ed'er potreb 
Jtli Marocco. 

299-A 
Arbore 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI , 

l'I/òladifànThome. nS.\ 

Arbiilcellonella colta dell'Africa ver/(jPoncntcDro- 
,1 ^1 T 1 1.1- -, I .- r. - 



Arbore vnico del BaKIimo.fuori del cairo. 8f. A 

Arbore delia c.i!ic!l,i,et Tua Hillona.ji5.E/}3p.C/i óf.E/ 

3,-2.A/}(;4C;'5(Ji.l'/B4f.C. 
Arbore de C;,ir(.)l,mi,ò^(luHiìli). ^isj.EJIiSt.Vj^^i.E 
Arbore dt!e noci niolcate,e:ùuHillori.i.^i9,D/irr7.u 

;tf/5.E'jfi.A. 
Arboredelpepe,&:lUaHiftoriacokiiiatìone. KJ2.A/ 

3d!j.D;^ii.E. 

Arbore del pepslongo,iS: fu.i Milloria. i6^.Tl^6S.D 
Arboredcll incenlo,etiua Hilc jri.i (teondo Arriano. 
Arbore dell:ic.iphora,detcocapar,i!N: dia Iliilor.;(J4.B 
Arbore qu.il produce l,i Lacca , i^ ili 1 1 lillmia. 167. A 
Arbore ikil.i CalIìad'Egicco,&: llu Hilloria. i>f.C 
Arbori ilell tbaiio.nel regno <li Palinibotra. 
ArboreEtralciiedel -Sagù, detto legno del mal France 
k co la gòina del quile li tàliilìcaiio li Mafl;ici.9,-.D 
Arbore Taniarindo,iS: liiaHillori.i. 191.C 

Arbore della palma, i^c Tua Hillcjria. 5)6,B/50f.C. 

Arbore del Dnttero,& l'uà coltiuatione. y^.A 

Arboredel s.igue di drago,& liu I liltoria.9-'.D/i8i.D 
Arbori delloiiua in Mauri tauia,iJ: in Celàriagrollll- 
nmi,&:atiilìmi. «j.D 

Arbori d' ore bianche,in Africa,per nutrir il verme 
della, la. ^i.C 

Arbore delia vergogna , clic llringc le foglie quando 
vi fi apprell'i,&: le slarga quantìo lì difcofti. 344.B 
Arboi i jìclla colla di Capo verde, & eguali non perdo 
no la foglia. lOf.E 

Arbore detto Tal,Iecui foglie per tutta rindia(eccetto 
in Camba:a,)lbno vlàte per Icriuere. 3ì9-D . 

Arbore,coiit"jgiieviue. , 3(54.0 

Arbore detto Bui'itliaer,producc frutti maggiori del 
le Angurie. _ , ' jfip.A 

Arbori di di acrfe fpctle in Ethiopia.3f4.Ei'in Galicur. 
i62.nLlpae(cd;Budomel. ■ 103. F 

Arbore grande nella Etiiiopia,d(:ftohgiiero di Farao 
Ji"-'- _ ' 204.A 

Arbote detto Arreca produce vn frutto chiamato da 
Indiani CoflbIo,ì;c llia Hiftoru. 160, F 

Arbore in Dely detto B.izana, co r.idice vcnenofa che 

dalubita morte proi!uccfhuM,mirabilc contrave 
ncni. ;^3.i: 

Arbore che produce vna verga di ferro che chi la por 
taadol!o non imo elicr feri;o. 544. F 

Arboredel HcoÉgitio. 9).D 

Arbore detto M.inga , produce il ùu tto detto A mb.:, 
ina liilloria. i6:.C 

Arbore detto Cacchi,ò vero Ciccata i .Vlalabar,prodii 
ce al piede vii frutto nel détto dei quale vi iòno tre ^ 
cento pomi,fuaHiftoria. 341.E 

Arbore in AfricLaltilIìmo^duccfruttto comeGhi.a- 
d.a,difàpordìcalbgna. 30.C. 

Arbore in Calicu t di grandezza limile .il Cotogno,jf - 
duce vn frutto detto Carcapal,di forma conie il mei 
lonc.ottiino al gull:o,& medicinale. i5i.D 

Arbori nella ten-a di yefpuccS,tutti redono odore Iba 
uiiiimo,et madao fori liquori,góme, et fucchi.iii.f 
Arbori fpinolì i Africa, producono ilfrutto detto Ar 
■ pa.dctto Rabich. ^cj.E 

Arbori giolli.i-, braccia nel regiio di Gambra. ro9. A 
Arbori de lagiuoii rolli co l'ooiiio nero, nel paefèdi 
' Budomel. 104. A 

Arbori ^lel regno tli Ghinea nò fiuino frutto.78.A/nel 



iltice alcune Teglie q uali hano giillo di làpor di gc 

geuo delicato,detto ila Negri VÌiias. 1 1 f.F 

Arboredo,di (.Ulta Maria Rorcogrande nella colta de 

Negri,(coperta da Pietro diSinciM. m.B 

Arbio huiiie,diiiideli popoli oriti dagli arbi.ió^.c.D 

Arco trionfale in Conli:antina,onera Roman.!. ój^-.E 

Archia figliuolo di Aiuìòdoto della cltt.\ di pelle, di 

moltaautoritaappie'lo di Macedoni, 271. A 

Archibulieri,neirAhicaeccelenti!limi.75.C/nellaGia 

"a. 519.B 

Archi di Nalfo,!! fanno neiri(olaM.idera,&: fono có- 

dotti in ponente. pg.A 

Arcipelago d'llòlel)abitatc,& dish.iblt.tte, nel Golfo 

di Bengal.i,airincoiuio del regno di Mal.acca.' 3i8.E 

Arcipelago d'ilblc.io.mila , nel Mar Indico , pò fte dal 

monte Dely,al trauerlò la colla di Mal.abari. 
Ardauat,città del regno di C.ambaia. i.^6.D 

Arezifesjllòla habitat.i,nel Mar del Sur. J75.E 

Areon torrente nella colla di Perli;i, 273.B 

Aremogan,terra nella colla di Bifinagar. 3yo.E 

Areca frutto,^ fua Hilloria. 512.B 

Areca arbore ^pduce il frutto Coffolo.molto vfito da 
Indiani,lua Hilloria. 160.F 

Arga frutto delquale ne fanno olio gli Africani. 12.C 
Argéto,&: lue minere nel regno di liagamidri. 2^0. A/ 
nell'Ifolasan Lorenzo. 289.F/ 17S. B/ nell'Ethiopia 
■ 207.D/in Africa. i-^.E/in Araquam. 3^4C/;n Capaa 
&: Ilio pre2zo.33<r.C.l>.i CocinchIna.;i56.C.D. 1 Ma 
araz(a.339.F/inTimor.5iy.D/neilaChina.302.E/Li- 
*1"')- ^ 314.C 

Argento e molto .apprezzato in Ze''lam.5i4.C/quanto 
llimato in Beng.-'.l.a,(Jc in Malacca. ^^.A 

Argento in Fella non può ellèr lauorato, non ellèndo 
fuggellato ali'oHicio dei Re. 41.F 

Argento yiuo èbeuuto da Morì per purgarli, & con- 
lèruarli,in lànitA. 564 A. 

Argalo, terra lècondo Arriano. 287.b 

Argengo,citt.\ nella proulncia di Rebutes. 327. A 
Argel,citta nella colla d'Ar.ibia,fuori del ftretto.388,E 
Argin,IlòlanellacolladellaballaEthiopia.ii5.B/eirer 
potrebbe r nòia Cerne.iij.B/ di Hannone Cartha 
J^'"^'"^'- 111.F/98.F 

Arillotile,reprobato da Amerigo Vefpucci,circa Topi 
nione che egli referille dell'Iris nella Meteora.i32.c 
Ariada, luogo nel mar roiro,nellacollad'arabia.279.f 
Armeni Chijlliani Sacerdoti in Coulan , Hilloria de 
fuoifacrifìeij. ;i3.A 

Armeni prendono gli fl-hiaui di Circaflìa , &gli vedo 
no .il Cairo, g^ p 

Arme de popoli della terra fcoperta dal Vefpiiccìo. ' 
i4,-.D/de Tarnallari. i74.B/d'Indiani.345. D/d'Aza- 
naghi.io2.A/nel regno di Benomatapa.394,B/dellc 
Canarie ldolatre.98.D/di Decam.2y9.E/deIla Giaua 
i(58.A/di Dely.303.F/d'Ethiopia, 246.0/2^3.0 

Arme,con qua! modo crudele fono efpimc tate da pò 
poli della Giaua. «.jB 

Arme da oftela , & difel3,& vlate in Guerra da popoli 
deirAr.ibiu Felice. i[._j) 

Arme fatte d^ pojpoli dia Giaiia,fotto dìucrfc conftd- 
iationi,quali fano miriicololi effetti. 1T9.B 

Annata di Alelsadro dalle bocche dll'Indo nel Gol- 
Viaggi vol.i'. b iij fo 



INDICE DEL pR 

>lra,.,uP„rtosl,ci;a-,„.,i|s„l|,,„„.yC-„.„ '";" 

An,uuadRed^Caii;gliaall7,npref:.d.Sda,cftS' 
Aron.raE..pon..acu.-„Ed.op,ahogg.-accS 

^r,città„c.]lacoftacl'Arab,a,ruon-dcl fticrto %tv 
Arnana,cucancll'Afr,ca,ed,hcataciaGott S^n 

^rracan,cittapr/ac;paIc,ncIJacoftaHdPc;n ? 



IMO VOLVME 

«n?S;:"'"™'' '•■'"•'■»— '»."'-l«g"oH' 
Afc.,„r,,,dl,,co(l4d'Aratafd,v,. J'u 

A<u,^fpln,/io„,(ècondoG;ouan de Barros!^ 



S4.C 

17.C 

Sy.A 
19.P 



Arri.ino&va,.i<i„alrcmpofu/Kì.&oi,mr„J l.f-'''' 

Am-,,n,kacc,a,i,t,gl;A„bidi.„I^n,, " p 

Am,p.«u,„c„dla„,„Ji.,„„,,;:,„f„„„^f 

A*,,„,o.J,TI,„,<.,„„,H,M„de„,; opo V Jr^ 

"'SS''""""™''""'-""»?-" J -"PO * 5Jo^ 

A«;gl]aria,in Ceuul città d'Indn ,<■-, e/ • i^- f^-^ 
PrclIigc„,e™gJ^f='fP'*T«t,,i.„S.E/ap- 



niana,iicl Cafro. 
A/Inoià!t,,u,Vo,&:(uaHiftoria. 

A!i.i(aIuat,cl.ÙKllc,roIecauarie. 
Aiitcin.l,luinuM-n Africa 

Ahoth,dctàd-Eg;ttopofta/òprailN,lo. 

A na,c, rta poih lui NiJo,dc(lnuta da Romani 

A .hnua i,umcd'Africa,c>^faaong.nc. 

AfkdioallacutadiTdcn/inperGiufcppcRe di Fdl 

AtodifèttcaSi,allacirtidiFdIàpcrilRcdiG?;" 
me detto da alcuni popoli il Nilo "e 

j)6.o.L./Guiiiitj,uiaeikTcÌMri;>,r" i- - 

Aftrologhi,prediconolecorerutnr,.n,.lr- - "^f 

S^r^S:lr"^--^^eMoti.i 

MorcAfricano,&fuediuerrerpet,V '^'n 

A(unì,terrandlacoftad'Ethiopr ^^"^ 

AvAfiumemaggioreddGangcinlndia /ó"? 

'"^•WÌL.mtt.«.F.Sc*. '■'""'•°"^'" 

Ali. 



a lidi I-irti in Cìinkhc, 

. , 4'.C 

■ Moliicchc ii.ibit.ita d.i 
''•""''-^' ;6ii.D 

tad.i Romani, (|f/hut- 
iel'ortu^lic/i. 47.F 

Moiicnìi.C.MocuuIa, 

■il'Occ-ano Mu ùliona- 

('^•.i7j.F 

:antdco, nel regno lii 

-I. )i^f 

<■''"■■'•'• i7«.D 

louan de carros . jj,v/ 

Cairo. 8,-.F 

rtantc,chc dalla mat- 
fanno.4o.migIia.S:.F 
tendere la vocchii- 
S4.C 
5)i.l) 
■• yy.li 

17.C 
il Ni lo, ,ji£ 

Illa Romani. iì,j,.\ 

i;'g'ni-'- i<j.F 

iiu/èppe Re di Fdl 

ila per il Re di Gra- 
50.B 
^a /111 Nilo. 8<).A 
le & e con tal no- 
^- ifTi.F 

inc,ct termi. 55Ì.D 
"igie (Se cenni. 55i.,{ 
MiTiano. ■)S6.A 
;Malucchc. 3^i.F 
Caliciit.,-io.B/fèn- 
3.F/ncirilbladiI.i. 

117.F 
-nelGiapa. ;7<;.A 
iio,per far rihabi- 

82. A 
'itane Portoglie- 
li de Mori, nella 
171.E 
^ 5'4-E 

lo.gradi.v. ló^.F 
'• nz.A.D 

B.igaded icricco- 

41.D 
lidia. 3.,.o,A 

o di Aracam, & 
ripopoli. ^40. A. 
mo.iS^E Ó54.D 
Unbaiciarore di 
^A/i^3.D/Quar 
iz-.E 
"re,daced.igii!- 

wa. 77.A.S. 
Au. 



DELLE NAVIGATIONI ET VI A^G G I 



Augurio predano in Afrk:i del pelce ciual gettano io 

pra i piedi della niioiia (po/à. jS.C 

Auorio iCeiala.i7S'.A/zSS.l)/neI regnodi Niibia.80. 

D/inCaliciir.uo.F/in Camboia.5;6.C/in ^.^liloa 

iS^.E/inEthiopia. ^z^.n 

Auorio de caualli marini cpiu bianco,forte,ec miglio 

re di quello de gli Elefanti. ziìs'.l) 

Aurea Cherlùiiello dagli Antichi,ila Moderni Malac 

ca.?4-'.A/;4-'.f7riio (ito. 389.F/180.B 

Aurora non è mai eoi Sole nel paed- di Gambra.i07.C 

AuraZjMontc nell'Africa, habitato da popolo rozzo, 

& ladro. 71. C 

Authon Cab.illiftici. 40.A 

AV X V M A città neirEthiopia,hora detta Caxudro. 

184.A. 
Axomite città nel maiRolTo .iSvC/eil'er potrebbe 
Chaxumo. i8i.F 

A Z A M o n, città neir AfrìciiCt Tuo fito.iij.A/efler pò 
irebbe la città Tli\ iiiiaterio ediricata da Hannone. 
iii.D. 
Azafijcittà 1 Africa pofta iòjn a le riue deH'oceano.io.c 
Azanaghi popoli nellacolhd'Afn'ca.Hiih 99.F/ioo.r 
Azar moneta il'oro di Onnuz, vale mezoSar.aflb.i88.a 
Azeminl popoli quali fieno. jZfj.C 

Azcdudin principe,d'vnanationed'Afìadecta Turdu 
padre di Saladino Soldano del C affo 8(J.E 

Azefet,loco ne l'arabia, vicino tre miglia al zeidé.5i4.e 
Azgar,regione di Fella in Africa. ' j^6.A 

Azgari Caniaren, piano neirAfrica,nel quale per tut- 
to l'annojfì troua l'Iierba verde. ^C.D 
Azgemgam, monte in Africa habitato da gente valo- 
rof.à,& ricca. "" «,5 
Azioth.anticliilllma città dell'Egitto porta fui Nilo. 
8S.D. J^ ' 

Azgan,montc nell'Africa,5v: fiioi termini. ^6. A 

Azoad,ddLTto di Libv.a,(letiliirimo d'acqua. 76.E 
Azzuro fi nillimo,di i5abilonia,portato à Ornniz. 194 
A/in Cambaia. 517. C 

Azzuro oltramaiinojingrandiflìina qualità in Siras 
, città della Perfla. ij^j.e 

Azzcljloco nel regno di Amara. . zi^.b 

BAH A R,pefo di Calicut è quattro cantara.jig.D 
libre.7i2./òttili Vtnctiane. 5ÌU716Ì.C/310.F 
BabiI onia,decta Baldacco,& Tua bijtoria. ^S.I- 

Cabayore,iiicono li Mori alla Cakedonia. 297.F 

Bacala,terra nella coiladell'egu. jgo.F 

Bacaim,cictà nella corta di Cambaia; }89.C 

Bacanor,tcrra nella colla de Canarini. 389.D/50.D 
Bacidojterra del regno d'Ormuz zijj.B (zof.D 

Bacinec,fìunie,& grà terra nel regno di Tigremahon. 
Bachianilòla principale delleMÒIuclichiìloria.}6f.D 
fitO-_ _ pCy.flil'J.D 

Babuìni grandi, che paiono perfbne humane, fi ritro- 
uano per nuca la corta dell'Ethiopia balla. 114. A 
'Baduini,populi nella corta d'Echiopia, &c lor origine. 
■387,D/hiftoria. 'ifi.F 

Baciabaxcportc quakfcparaiìo il regno di Amara , da 
' 5«oa. j Z03.C/120.A.B 

Badcjluogo fruttifero nella Carmania. 272. A 

Eafra,cictà neli'Afu'ca,td;h';atadaMahumetto figlio- 
< ' .'odildrisRtJdiFcz. 47.D 

Bagia,capo nella carta degli Ichthyophagì. 271.B 



Bagni dacque calde, Se fredde virtuofe per Icuar la fta 

chezza del corpo,n(ll'ifòla felice di Ianibolo.i74.D 

Bagno d'acqua calda,in barbarla. 64. F/ Nel cartello di 

Caulan. _ 4^.a 

Bagni di Mo(e,in Corondo!».,. 280.E 

Bagadat,citrà di Mdòpotamia. 187.F 

Bagamidri.regno nell'Ethiopia, fua grandezza, &: ter- 

""'»'• . z49.F,zfo.A 

Baharem.ifòla nel fino Perfico abbondantillima dì tì- 

nillìme perle. i84.b;i88.I)/Z9;.b 

B<iha, cena del regno d'Ormuz. Z93.A 

Balilabach bambagine lòttililllme'oltra modo. 83.F 

Bairami,pannidi banglialla. kJj.C 

Baim,citta delleprincipali porte fra terra,del regno di 

Decam. "^ 328.F 

Bain,Elcafrain, piazza nel Cairo. 41. A 

Baiadi tutti i Santi,iiola fcoperta nella feconda naui- 

gationedal 'V,.ipucci. 129. E 

Balene nel mar Indico pofte in fuga con gli rtrepiti,da 

l'armata d'Aldlàndro. " 271.E.F 

Balene gettate morte dal mare nel lito d'Africa.Opi— 

nione circa ciò del vulgo, & qllad'vn giudeo if. 1) 

Balena di lóghezza cubiti, ^-o.con pelle fq uamolà, grof 

fa vnciibito,gettacailal mare (opra il lito iliPerfia, 

& fila Hirtorìa. 273.D 

B.ileiiegrandi, &piccole, fenzanumero nell'ifòladi 

S.inThome. ng^F 

Balita,luogo.Arri. 28Z.E 

Balgada piouincia, nell'Ethiopia porta verfoil m.irc 

rollo tributaria al regno di Tigrem.ahon. 206.E 

Baleancor, terra del regno di Calicur. ;89.E 

Balalàm,città ricca di balallì,&: di turchine. IJ7. A 

Balibo, terra nel mar delle Malucche. jóS.E 

r..illàmo n.afcc nel Cairo, & fua hillori.i. Sf. A 

Balfamo nel tempio della Mecca,è mortrato al popolo 

il giorno delle Penrecorte. 151.C 

Ballerà città di Porto nel fino Perfico.29;.E/3?8.F/iS7.F 

Balallia regno, dentro fra terra ferma l'opra Pegu, & 

Bengala. ^ jì,.e 

Ballare cerne è coftumato d.igli Indiani. 344. A 

Balir fèclie nel mar rollo nella corta d'ambia fel.280. A 

Balnllì perfettillimi nafcono in Zeilam.i74.E/i84.C/in 

Balaham.i)-6.D/hirtoria ^u.E 

Bamb.igio in molta quàtità in Africa.30. A/46.P,'58.F/ 

in Ghinea, & Melli. 74-A.Ì3/inCano.73.C/inZàfa- 

ra.inSoria.i4.S.B/inEchiopia.z^2.F/inCefala.288.A/ 

in bengala.iii.D/3i^.E/in Càbaia,i23.D/if7A/ nella 

terra fcoperca da Pietro Aluarez. uz. A 

Bambini fono fatti cherici in Ethiopia, Z53.D 

B.unbaSine lottili Africane. 30, A 

Bandan ilòla,nellaquale nafcono le noci mofcate, fuo 

circuito,& hirtoria de fuoi popoli. 161.D/5Ó8.C/ 

370.F/35Z.D/3Z0.D.541.E 

Banabafil, piccola città flellAfrica , & fua deftruttio- 

"'■■• 51.D 

Barn marini,Tirannidj'Marocco. z.E 

Banireude,città antica nell'Africa, &: fuadeftrut,47. A 

Banda, fignoria molto grande nel Giapan. 383. A 

Banda,terraneIlacortadi Decam. }89C/29J).A/3Z9.D 

Bancare,fiume del regno di Maniconeo. ^oi,C 

Bancani gentili Guzzarati,hiftoria delle loro fuperrti 

„."■"."'■■.. ^,. 39^C.D/54l.A/,45.A 

llachien in Calicut, & c5 qua! modo fanno efperiétia 

\TÌ • lo I .... * it. 



Viaggi vol.i' 



iiij 



deUa 



INDICE DF L P 

'JcH.ihonr.ì.li-Il'oro. . , 

^^'^s,cnui>o(i.ira^,,rUdk pWncfpalf Ai ct 

Bnng.'Ara.tcrradfbonpoao.Kllacorhdcglac^^^^^^^ 

Barnabaf.cut.anticancJJ'Egùto, corta fopraiJNiio 

Bardcs fiume nel regno di Decam. »„„ 4 

Barra,tcna„dn.gnod;Barna,a/ro. '^i 

Ba ruaterrn ctcapodelrcg„ocJiBarnat;a/ro.,04 A/'or 
<cr potrebbe la dttà di Coloc. S-»"o.i94 A/oT 

Barocchc,dttànellaco/lad;Ci,nba,a. "gJr 

Bangazza tma/bpralaco/bdfCal.-cut.nómol ojf 

Barb..r.V^oiancll'Ech,op;ahabrtatada n,orr.„ j^,' 

BarnagalTo Re nelJ'E thiopk perche cefi dtro ^ '.1 • ".^ 

Barc,r,,popoÌKArr/. ^ ^ /7°.E 

Barbai ,7òla nell'Arcipelago di San I azuo ^; «? 
BartboWoPolJartrellolouer^ 

Bar terra del regno d'Ormuz. T'u 

Barare,villnglo.Arri ^'-'^^ 

'tS£;tf'S^"°P°^^^P"^'Ni,o.deftr 

Barbaro/Ta Turco con ." K^ " "r r'""'' ^'^'^ 
Jéfin fS 4/.I1. ^ ?''"'^""«oii(cceRediTe 
icun.js.A al] imprcfad Buccia 62. Bvr, P/^' 

Ba/Ilico di foaueodore &rn„ I • r '' Hf-E 
i'Eth/opia. °'^'''^*^°" '^'"'••'''e foglicper curra 

Bafra,città dell'Arabia feliV^ n«li r''!-^^ ^H-E 

^ iibirauoJodelciS^"^^^^ «"^ 

Batate,rad,-ce,rua colciuac/one & foetle & . V'^ 

"o^canoquandoronomarure ^ '*''°"^^''^ ^° 

c.irha,citta nell'Africa & Tu-, W, a. • "7•^• 

— '^„i.a,iuauii^',nc,c^^lumrcrmini.89.E 



RIMO V O L V M E 

Batrali/ipopolifcroc? in ATr- 1 i. '°^-' 

ncdi airer. *"'" ''''"""^' "«-'"^ regio 

Battcìrimofècondol-vrodellFrli-nn- r -i . ^^'"^ 
^ '^'■'Il:Ep/pI,am^uHiC:. ^^^"t^'-^'^"'''' 8'°'"° 

Bate.fiumf ndl'ertrema nr^ ^ I -'°°-^-''/' 58.D/17Ì.F 

Batam rcrradel regnod'Ormnz i^^'^'iShA 

iJarcch,rerraneIiaTaproban- u'-,k\ . j ^^'^'^ 

"i.'na,(i,aH;ibrir ^'"'''^'Sf"^*^ '"h'» 



«9.E 
}i7.C 

37Ì.F 

28CJ.D 

59?.b 

3Ì7.C 



nMna,(ii;;H;ii:oriì. 

Batapam,porto del regno di Cambaia. 
nattuana,prou,ndn,horadetta batter 
^"^■•"/"'f'P^i'^-ondoArriano 
Ba>;cal,,folanellaboccadelGolfoPer/Ico 

Bnzapatam,tcrranellacoftad'Orixa . n 

Beaal.isteeperfirrrirrk-J j /■ J°^-E 

& ruo prS: "''^' ^'^ '^°""-^' ^^«=^" t'ansala. 
Scadala terra nella cqfta di bifinagir '"^'A 

« E B E L niandel i/bla porta nelh ?^/; ^ . J5°-.^ 

B.J.s,ho„ae=„V.„„d,,c„.„,„„.;;f-j.,„^ 

Beni- 



H t%^:*^^,i^' 



Tibain. 
"lattcr. 
o. 

>Pfr/ìco. 

ia. 



rccIfGambra,cferuoi>o- 

,. ^ I08.C 

nodi Amara: «Meato à 

aivnPrctcIanni.pcrha 

^■ciacJiailaMofto.&An 
it-rt- con li Negri lU Gain 

caiiabicuui nella regio 

-e . r JJ-O 

-ciiiopia fatto il giorno 
. iv..A.h 

"iirabharo,&ladome 
Il circa ciò vlùtc. 197.F 

'0<liNar/ìnga, tributa 
500.A.B/158.D/17Ì.F 
regno di ilccam.589.D 
lonidifapordiCafta. 
J89.AA53,A 
•,. , ^95-A 

iDitatadagcntcinh'i 
«9.E 
JÌ7.C 
57Ì.F 

39}.b 
5Ì7.C 
i.chcdarubittamor 
'axi,mirabile centra 

^•1. J03.E 

11.1, fatte in bengala, 
3i(5.A 
■^'■- , , 590.G 

JccadelmarRoilb, 
1 grandezza & /Ito. 

''mila fuochi. 84. A 
Illa fuochi. 84.b 

'on.}7i.C/dettod4 
to bacare. 

lera città edificata 

>olte fra terra, del 

j n ?'^- 
atadaRoma.65.F 

'clcll'Afino,vac5 
lìraoan. 6s).A 
65.A 
J»-'- J3i.f> 

'on- io6.F 

:teIani,poftinel 
ìgitto,t4lla par- 
Nubi;, ijo.b 
J90.C 
Jl'Africa hablta 
57.b 
a,&defuoipo>. 
^b/i88.F/289.G 
> Ad Zubuc. 

no il cor crudo 

■hmpni.j64.E 

Benl- 



DELLE NAVIGATIQNI ET VIAGGI 



Bcntzcijcn, famjli'a rcgiadi Tdciln. 53.F 

Bcnaial,if()lanfl mare delle Molucchr. jdS.A 

Bengala regno & città in India, Hillorudel Aio Re, 
popoli & mercantie. 315.F/316 A/;;35.E i6f b 

Benatederl, antico RcdiCouIon. 5'34.A 

Beneu,città nel regno di Siam. 3'Jy.> 

Bcndor,città nella corta di Canarini. 389.D 

Bcniguei taggcn , familia nobile in Africa , Signori di 
Dubdu. f4.A 

Benin,regno nella corta dell'Africa vcrib Ponente, de 
fuoi popoli,& del coftume antico che hanno di fe- 
pcli'-illoroRc. ny.D 

Benhora,fiumc nella corta di Calicut fuo (ito origine, 
& termini. 389. A 

Benigu3lid,monte alto in Africa,habitato da géte ric- 
ca. ^I.B 
Beni Habdulguad.ftirpc di legittimi Signori del Re- 
gno di Telenfin. ^7.F 
Beniguariten,conudo nell'Africa. 4y.D 
Benimanforjmonte nell'Africa. f i.F 
Benilàbih, città nell'Africa habitatadavalorofi popò 
li. 75.C 
Benimegher,monte fertile in Africa, habitato da arti- 
giani. ii.B 
Benimefg3lda,monte in Africa. ji.C 
Beniguamut,monte in Africa. ^i.C 
Benizaruol,montcdiErifin Afi:icahabi'utoda gente 
pouira, ^.A 
Benìqucrencd,monte vicino aTelenfin. 63.A 
Benichelid.monte in Africa habitito da iadrij&ailàf^ 
fini. p.F 
Benimanforjmontein Africa. p.F 
Benigtbaia, monte in Africa habitato da gente poue- 

Beniaarir,móte nell'Africa hicato dagcntepoue.5o.E 
Benibulnbet,monte freddo, & afiiero in Africa, yi.C 
Beniabiifàid, monte in Africa habitato da popoli bc- 
ftialilfimij&valorofi, gj.B 

Bcnijcr/ò monte nell'Africa horadishabitato. ,-i.b 
Benirazin monte nell'Africa vicino al Mediterraneo, 
ne confini di Terga. rj.A 

Benibahlul,ciità nelì'Africa,nelIacofta d'Atlante. yó.B 
Benigiufcp,móte in Africa lutato da gétepouera.fi.,'V 
Beniaucdarfcth,monte nell'Africa, ' 40.E 

Benifahid,montcin Africa habitat» da popoli valoro 
filììmi,& liberali. «^ 

Beniquazcual,montein Africa, ^.p 

Benitefrcn, monte nel regno di Tunis. 71.E 

Benijezncten,montc in Africa & fuoi termini. Ci.Y 
Benifenreccare,móte nell'Africa & fuoi termini.49.B 
Benifuaif, città in Egitto porta fui Nilo, 88.B 

Benijedir,montegrande,& habitato in Africa. fi.E 
Benichefen , monte altillimo nell'Africa, habitato da 
gente valorofà. ^.^.c 

Benigueriaghel , monte nell'Africa habitato da gente 
pouera& valorofà. ^ì.a 

Beniteuzin,monte in Africa. o.C 

Benibeflèri,habitatione in Numidia. 74.E 

BcnigumihabitationeinNumidia. 74.E 

Benijegincftn,monte in Africa. 5».b 

Bcnfjafga mòte in Ah ica hi tato da popolo tiuilc. 5f.F 
Beniharos,monte nell'Africa, 49.B 

BcnijefiTetcnjmontc in Africa habitato da viMmo pò 



f 

fT.C 



polo, 

Benir3fid,proufncialn Aflira. go.D 

Benfqu.uid,monte nel regno di Tunis,habftaro da va 

loroiì popoli. „j fl 

Ben (ach med,mó te 1 A frica hltato da gcte poucra.yi.» 

Beone iibla fecondo Arriano, 186.À 

Peretta ron*a,pcrtano la fetta d' Half. jig^C 

Berette fatte eli penne di vccel li portate da popoli del 

la terra (coperta da Pietro Aluarez. ui. A 

Berdoa,habitatione nel dcdrto di Libia. 77.C 

Bernulli fi fanno in Africa. t j. A/z6.C 

Berenice porto celebre del mar ro(ro,nell'eftrcma par 

tcd'Egitto. i83.A/37,.C/37i.E 

Bcrohu,terra del regno d'Ormuz. 295.b 

Beriniam,terra del regno de Coulam. jg^^p 

Be(èneghe,porto nella corta d'Ethiopia , & fuo fito 

118.B. 

Befegiie,fiume largo nella bocca circa quattro miglia, 

nella corta ("coperta da Pietro Sintra. iio.C 

Bctenegus,ca(é d li Re T Ethiopia,& fiiahiftor!a.iov!c 

Betudete,prefo,& códotto in vna mótagna nell'eftrc- 

ma parte del regno di Adel nella quale gli huomi- 

ni vi muoiono di fcbre in cinque giorni,per hauer 

vlàto con la madre del Prete ianni, t^^.F 

Bctelle foglia da noi detta folio Indo , & fua defcrituo 

ne,&pchec vfata à marticare dagli Indiani.ioS.F/ 

358.A/3Ì9.C.D. ^ 

Bctelle,fiume,nella corta di Decam.i98.F. (j«.F 

Bctis,fiiicdi Siuiglia,dctto da moderni Gualdachibir. 

Bctua , feminatori del rifò, & fanno il (àie in Calicut, 

Hirtoria. jogE 

Beuanda molto bona fatta di miglio, adimandata Ca- 

na nel regno di Tigremahon! 106. Q 

Beritus,cittàcofi detta dagli antichi.&hoggidibarut 

ti porta nella Soria. 113. A 

Benzui,c gomma di arbore,nafce ncll'ifola Sarnau, & 

perche a noi non venghi il perfetto. jgg.F 

Benzui buono.fuo prezzo in Malabar. jij.C 

Benzui ina Hirtoria & fpccie 3i7.C 

Benzui,nella Sumatra. 3i8.F/in Iangoma.55<S.B/ncÌ Pe- 

gu,&: nella China.uo.F/in Calicut. molto eccelle 

te nel regno de SÌ3.3i7.C/nella Sumatra. 398.b 

Bexin , cibo comporto di farina d'orzo vfàto in barba 

ria. 6y,C 

B I ANCA ifoladishabitata,nellacoftad'Ethiopia.99.A 

Biade d'ogni tempo feminate , mature , & verdi tutto 

l'annojfopra vna montagna nell'Ethiopia. 109 F 

Biabari,gentili mercatanti eli Calicut, Hirtoria de lor 

priuilegi,&coftumi. 308.D 

Bibata,ifoTa porta nella bocca del porto d'AlcfTandro. 

269.D, 

Bibi,fiume del regno di Manicongo J91.C 

Biberabe,Rebute,moglie del Re di Cambaia. 317. A 

Bibalon,{fola ne mare pacifico. }<54. A 

Bicrì,co(mographo Africano, & fua openione. della 

edificatione di SegelmeiTc città in Afi/ca 74.3 

Bilibranos,monarteWo nell'tthiopia, nel paefc Hiu- 

giiii^a, tio.D 

Biledulgiridjprouincia in Africa. 75.F 

Bir.imbota,ifola nel mare pacifico. j6a,F 

Biferta antica città nell'Africa porta rulMcditerraiìo. 

éfi.B. 

Bjfinagarrcgno,longhezzadcllafuacofta,fuecittà& 

termi' 



I''^-^»"'" '"ogo fecondo Anfano. "'"^^Vit'^ 

gno(cmi.iiKlo/i purgano. ' ^^ 

Bocchc<lclijumeIndoAh.oi7co. i^o 

Bocchc<lcllLt.fratc,oiK-.bocchinond 

BoccaddMaK.Ro(roA'rualnrglu.zza..,3.A/u,.D/S,- 
Boch/rd.àinE,..o,porta/lU.n.l;;;;;S^ 

Bonjlpul;,,bia„cil-Arc,palagod/SanLazaro,«n.o 

Borra!to,.nCambaia, ''^•^ 

Bojchicii verzino, nella coftadell'EcInopra uo A/tl 

Boa.-rfJc.uoH,.,„ol mòte B..„,1Ì2,,TO,„ Africa S'? 

capo Sagrcsdì- Guinea. "''^'^'S'' ^'-'lo^nci nel 
Bramini Guzzeratj\confe/7in,^I, t..- --^ ■ "°"^ 

pc^na,h.nnoc;g°s::;^^iS^;::j^ 

HjiHi loro natura &coih,m,- '"' '^''^«'"'^•"^o 
Biachici-o doctone por caca dalli ioglu-,& fua dcS 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



tionc. 

<v^u.^-lu./„K,alcoIlo.)clpiedc;Lrgi,ctren. 
<^' ^''^'V^quaranrapaimi. ^^ ,., e 

BraalM,c,tranelrcgnodi,Sian,. ^'Ì 

Bra.ì.n.,hUI;.ucv^noearnaln.nteconIam5;? 

"■ino ., M,i,y. 4<5.A,1 liitoria.H^.C/con qu il ceri 
-;-onoUc..ran,ini.,c.SfNar^:;Ì^o: 

P1>'.',>.V .A(holo,:;,a.,,9.C fanne, vorodicillin -o 

^no. .iIo„oe/lèrelenra,tiarià morte fSpo'uS 
^^^l;adeluro,:7.A/AJ„ranolnTrinit,U:<S 
t. Mai uuic,, [./„o i, maritano più di vna vdn U9 
r/portano fopralaipall., trcvolt..p.cùi ^^ui 

pati ^-i;: •^'•''''''•"••5^--F"'"" ammazzano/èr- 

B'-aua terra nella corta dE thiopù. ,00 AM-7C 

«nH;elor,terran.lla.oihdiCrnarini. " t D 

'^Sp^"^"'^^^'^---«"---ntre,t£ 

'iSAStr;;;r''^^^"^^'^-^'^^^-^:' 

Brimiao,porto del regno di Coulan. tfp 

Bnzana,torrentenellacoftadiPer/ia. /Ìe 

B.occa^,.nmoltaperrettionei;finnonclIaCln-2 

din T Inai; "'■'d '^' ^''^^"^'^"-^ '^'olto in Me 
Bubt,ctor,loconellacoftad-Arahiadeièrta Zc 

B"dia.,(ulaneln,ardeIleMolucche. ,/8°c 

"r- j , - ;. ^°'^"'"' ^''^^^ «]»^Je /ònoracron- 

tidamelerAluiièdacadaMcillo. ZTc 

i3uctere,vcello.vedi Nefr, "J:; 

Biilfoni,&buirone,(5ooo.della proinnc,-.,W;T I-^'^ 

B"gana,padènelregnod'Angote. ToA 

l?Sd:?^d^-^^«-'^^^omani.?:^ 

m acli,borgo del Cairo.di quattro mila fuodii si E 

B'mace.,„r,„cl„g„„diTigrcmaho„. l^^l 

Bue 



ORli A/.in.ipIiici'nrc.irni 
'<lcJ|iiLA',ì.irj;lictmu.i 
^'- loi.F 

"•, , J'Jy.B 

n.iimcntccon Limoi^lic 

p.n'iKfp.il/ncll.ifoi;., 

if.itt.i |»ani.ino(ijltn, 

i.i.H^-C'Lon qii.ilcei/- 
o6.1-7<iiN.ir(ii.gaH;rto- 
r>r 1.1 vi'ipiiità alla n-gi- 
>iioà /hidi, ili Pliiloiò- 
niH.vorou'iialtita.jJii. 
ùti'à morte fìapcrqual 
l'ano In Trilliti, & làn- 
lopiudivn.i volta.?29. 
-vojfL'.f^.cioc.i-'. filfin 
ti lioiiorati. 307.A/(ò- 
/'lon ainniazzaiio(tT- 
'•iiiti'.}3i.I,532.A;h()no 
14J.D/141.F 
"•!• 590-A/3S7.C 

"•yini. 39S.I) 

i-HiiagnncIfzza /ito, 

ricntfconl'Ifòlc Aliti 
, . iSc.C 

hiii,mcrcaiitrc,&de 

nihcata da Romani, 

61.D 
ilan. 33,.F 

:.'r(ia. 27'. E 

■anno nella China! 

loridclrtrctfo.jSS.D 
netto, fcpolto in Me 
bri! Cardinale, & è 

la deferta, i8o.C 
a,hah'tato da ricchi 
50.F 
J68.C 
:odal nome del ilio 
quale /ònoracron- 

O'IO- I0.2.C 

. . , 94.D 

5umcia di Talingo, 
;o.D/cinquecéto 4I 
ÌP4-A 
, 3'0'A 

1 Romani & come 

ooltrailNilo veo- 
80.E 

nell'Egitto. 85,;B 

mila fuochi. 84.E 
fia popoli liberali, 

bbruciacodaMa- 

ìfio.D 

lon. Ì07.B 

Bue 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



Due faluatito, i^: fiia I f iftoi ì,-i. «ji.C 

Bue niarcno,ncl Nilo ik Tua Hlloria. «?j.C 

Bi'.o.' aiorati nell ilola dlie plc.iii.C/i Calicur. 
Buoi (àluatici in Cambaia, con i crini di cauallc 5c cor 
nilonghillìmi. 341. A 

Buoi in Cahtut, (òno detti animali di bencditione,ò<: 

f)a(Iàn.io per ftrada li toccino con nian»^ , & poi (e 
ab.:>;iano. iio.D 

Buoi nella prouincia de Mangi , molto pregiati per la 

loro cotla. H^-t 

Buoi nel regno di Decam portano baili con fomaco- 

iiu-i',li Aliai. l'jS.D 

Buoi ^fie puono vitelli d'otto meli, nell'Africa. ti.B 
Buoi eh-.- vanno ili portante, caualcati come Caualli, 

in Cambaia, Ì77.A 

Buoi.i venti, ne!rr-.iiropasfor2CUo!i, neU'Ethiopia ri- 

mei]i,«i\: al tutto (ènzalùiz.1,1:^- deboli uSj.F 

Burnei, Kòla nel mar jruih^o, luo litvi, grandezza, (!<*: 

1 lirtoria de! felitillimo llato del luo Re , i<: de l'uoi 

popoli.3ii.A/j(ri,I3/;tfj.B/Hill nia. 167.F 

Buito,lignilica arto ^: è il loco oiie li vifti impcdifco- 

no, il tranfitoal humj Canali. 3i;4.E 

Burro, Regno verlb Leuante nel Regno di Barnagal- 

io. _ i'jj.F 

Buregrag , fiume nell'Africa , fua origine , & fuoi ter- 

niiii;, ' 89.E 

Buru,l(ola molto grande, nel mar delle Molucchc lua 

Hiibria, & (Ito. 36S.A/3($6.F 

Bu(.'ithaer,arbore produce frutti maggiori delle angu 

1'^'. ìó'j.A 

Butiia, Regno nella cofta d'EdiiopiV., fudilito a Beno- 

niatapa. ^yj.A 

Buduihan,I(i)la nell'Arcipel.igo di San Lazai-o.Hiito- 

riadel luo i<e,& dellioi popoli. 3r>'5/><ji.C 

Buzios, moneta del Pegu, valevn foldo Vcnctia— 

no,53fA/(ualbnTia 334.C 

B z o , cicca di Haftora in Africa. ìj.F 

CABALV, Iiola nel Mar pacifico. j<?4.F 

Cibiao,l(bla nel mar pacifico. 3<»4-F 

Cai\in.i,cerra nella colla de gli Oriti. z6y.E 

Cabala.è proiiioita dalla legge di M.i]i umct. 40,lì 
Cabala , mirabile (cientia , lue figure , & fuoi oriiini. 

4f'-3 " .. 

Cabalila, llranamente digiunano iSc non mangiano 
carne tii animale alcuno, óv loi\) vita. ' 41 . A 

Cabeara , dignità prima lòtto il Prete Ianni per portar 

Earolecon gli aiiibalciatori. 117. A 

is.città di Barberia,^ fua dcUruttione. 4. A 

Cabra,gran città di Tombutto. 75Ì.E 

Caccia degliElehinti. 141.B/109.A 

Caccia fie Leoni fatta dal Re di Feflìi. 4^. A 

Cactia,ò vero arte di pigliar 1: Cococlrilli. v3-F 

Cacique,fignorc della terra del Verzino. J53.C 

Caca uccello, vi u^' del lìmo d'altri vccelli. 3^3. A 

Gaceta,!oco nella Carm.uiia, nel quale nafcono Cina 

inomi,(Jv: alt;c colè odorate. 172. A 

Cacalla, tenda delle audienzc publiclic del Prete lan- 

'■■'• 147.A 

Caco, terra come 1 acca. 32 8 . C 

Cachou,diogadi Leuante mercanriìe per Qmbai.a, a 
noi incognita. ij^^p 

Cadingar, IfolanelSur,&raoiKo. . ■ J75.F 



Calli è grad > <ìi Sacerdote , ò Predicatore nella Legqe 
iliMacomctto. iii.'o 

Cadingar, Ilòla nel mare pacifico. 



E L , cicca nel regno di Cuolam. 



5'^4.f- 
314F 



Ca 

Cafates, popoli nei confini uiXoa,&.' diCoia- 
medi lhrpeGiudei,mancano di lettere, libri,iic Si- 
"•'SO^'J- ifS.F 

Calie» , o vero Zangui , popoli nella cofta <U Ethio- 

P'-»- 386.D 

Cach AiAN,IfolaneIm3rpacifico,&:fuofito. 362.B 
Caiiv, monetali; Benga!a,&fuo valore. 334.C 
Cairo, fiinollllima città , & fua Hiftoria.83,B.C/ 

fuo edificatore. ^.C 

Cairo in potere di SulcanSelin , Imperator de Turchi, 

Cairo , ò vero Sparto , per far cordc,& fua coltiuatio- 

_ "'^- 333.C 

Cairaoan , altrimenti Caroen,citt.i nell'Africa , «Se fuo 

edificatore. j.B/fTp.D/fTó.E 

Cairadin fratello di BarbarolTa turco red'Algier.(j2.D 
Caimaes.principaiigentiihuominidiCalicut. J04.F 
Cain Ammazzò Abel fuori di i)ima(co. 148.E 

Caincoulan, terrahabitatadaChriftiani,Mori,&;Gé 

tili nel regno,di Couian. iffj.A 

Ca ilar,vocaìiolo Africano lignifica Cciare. 31?, A 
Caicolani, regno nella prouincia de malabari , & fuoi 

confini. ^-i.p 

Caixas,moncta della China. 5;-, A 

Calcatrici, ferpenti di acqua nel paefe di Bu 

domel, lo^.A 

C.aIapate,tenan(IIacofl:adi Rifinagar. 390.C 

Caleaire,tenanellacoftadi Bilinagar. 590. E 

Calamita pende al polo Artico. 172.F 

CaIba,forcezza del regno d'Ormuz. Z92.F 

Calama nome del Reubarbaro nel regno di Cam— 

pia. ^tfy.B 

Ca]ayate,città d'Ormuz.38S.E/f.io fito, & de fuoi po- 
poli- 187.B 
CaIattia,porto nobililTìmo dellaPerfia. 338.F 
Caiara.habitationenellacoftadiCarmania. iS8.E 
Calambiu aloe di Campaa più fino dell' Aquila.jio.B/ 

39iC/3ì6D/inCochinchina. }3<5.D 

Calama,Rcubarbaro. }^iJ.B 

Calamo Aromatico,fuo prezzo In Malabar. 515.C 
Cal.ncencs,corrieri del Prete Ianni. ifi.B 

Calàtanì,città nella cofta del regno di Siam.jgi.B/^óoE 
Calamoros,inonte,fi;condo Arriano. iSfiD 

Calais,moneta di Bengala & fuo valore. J34.C 

C:alamete,habitatione nella cofta di Carmania. 588.E 
Calanti), terra nella Cofta di Decam, jSp.C 

Calcedonij,i<c fueminere. 2i)7.F/rf7.Ai79.D 

Calcedonia, toccarlo lacarnc,con{èru3Ìn caftità. 
Calcum,porto nella Perfia. jjg.F 

Calcina d'oftreghe detta da Gentili Cionoma , mafti- 

cata dagli Indiani, if7.C/r/;o F/jjo.F 

Calcina pofta fopra li frutti,fà maturare. r'S2.D 

Calcina dalH popoli dellcMoIucthe è polta lopra il gc 

ceuo,perche conici leccato dura iongamcte. j<;7.F 
Cale,ttrradel regno di Coulam J89.E 

Calecure, terra nella cofta di Bifinagar. ?90=C 

Caleghan,Ilbla nell'Arcipelago di San Lazaro.Hifto- 

riadel fuo Rc,& de fuoi popoli. 357.E/j6z.C 

Callcana, pietra s'aifimiglia allo imeraldo , ma alqua- 

(O 



toiMi.|,ùnca, 

Calco iiolc vi.iruMl «retro .kl mar Hi Pcriia Arni 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



);i.D 
ìO').A 
ÌV1.E 
t?/,F 
Jii.E 
iyo.r, 
J90.E 
1S6.E 
Ì90.E 

ipó.D 
Ì87.D 



C.i!lc,r,in.L.,raT.. ivlL cortail. H.il„,i.,r. ,.,0 C 

CaJ,cur..:n:CcIcbrc/i.oli.o,cmAArcra,fni.SE 

'' '■""' ,■ '""»^1-}".A, Uxoria del B.ir 

' •■> il. 

Cai, ,p'.. Jiui-im.f.C.,. .(ir, ^ ^ 

«^.-Uha^tcìra.ic, . vgno dOruiux. 
CiliDiil n'iiicr.i i^t-mori. 
Cali.in, luLonrll.uolh.iiCaJtcat. 

Q inuijua. ndlacclh .Irgli IJuI) vopha.M- 

Ca uJì ,pat.ui, tcru ndla loIÌ > d'Orixa. '"^ 

*-.Jj«ena,utt.i,kvuiulu Arriaiio. 

' '■ ' " '■'■'ii)''llaco!bilOiixa, 

C-ij "('lite ùvoiulo Amano. 

C.i .)u,i>,, nel regno d;H.iruagalJò. 

Ca t,moncta iioro,re.on. lo Arn' mo. ig, o 

*^t'r •'r''^''y,ì^"'|^''":\'-'"-'n'lò.K) portate datuc 
tcIedonnedelCAraliiak-JKv. ... o 

C A M o .1 i N porto lidia colta de nialabari. »Tb 
Caininun, vili,, facondo Arriano. Z^ 

Camu.;eai,irturo . inHc(catiuo,neIlc niolueehe. JL 
Ca mnK,an,camcnre frequentato panndarn In! 

Cunn,i,,o o u,d ,1 fa per anelare nell'alta ÉtiuopS:^ 
tendo/, dal mar KofIo„S:dalEt;kto. ^3 

Camphora cV góim d'arbore.nafcc ncUiiòla Bom^L' 

^'3l"^T';:l'''^"'"^"''^-^'8-F/'"BornefAruopre. 
-,x■^A,nella6unutra.33,.^l„PauconÙ34o.l^/i„ 

Can.phou v/iuaper mangiare da /nd/anf. '^''^f ^'a 

^3;^'£n"''"'' ■"'•^''""' ''^^'nnonellaGian^l? 
molto apprezzate in I^andan. ^.p.D.E/ vfue da fn 
^^■rat,^,,1.7,.o.E/ nel G.apan. ' 1% 

Capane d. pietra & di ferro vfate nell'Ed.iopia ^2 A 
OpanedeclHifiianiacqnilbtedail.Kc liSiuE 
Campanenaue,ndiane,6c(l.adeferittion Sf 

ie clojinc dd regno di T.greniahon. ^n. B 

^'"SuSl' n^l'narddle Malnche", dd fUo Re& 
Capar regn«;nella colta di MaIacca.37,.Cdua HiU j! 

Campar,rcgnondla Sumatra. „op 

Cabaiare8no,dag]iantichi i'ataie.jTi.F/fuoi term.^i 

longhezza di f na cofta , città prindpall, port ™,^r 

c«me,6. .■ :.%„,i ,^,| ,-,, ^^ i ^^ Lo \,op ,r 

Cambaiaorta. ; ^C, .a&/li.Hiftoriai:,.A.f;t" 
Pi7.t-,i$b.i, tu rn>ra,,ucA popoli. 197.Q 



H:-A/u7.I). 
Clbahu. tta re.:;a del Cataio, fl.a dcrerittioncA' I li- 
'l'i ..^„.lA,,untod/(fatedalla\(.,(a,nia J74 A 
lantieileiuoi popoli ,, 

CanuUnteaninKdeduaf;,rnu:nutr;,ncnto,nu.S 
ne òv come amniaz^i lalerpe. ' , L ? 

Can,ha,..uttore,u•i:ariuoviliTer^e^. '''".e 

C.un,jur.attaan..candlAfiicavici„aaartl,.,gilÌ 

Camiv Nfetgara,piuoladtta ncll'Afiica. „ C 

CamaraJoco (aondo Arr.ano. J^H 

CannK.,,,olandn,arpac>hco '^/S 

U frcd. ^.t/llano lenza l..r (juindicigiorni .,..F 
l'uionooi-ni tre-iornivn, i„ >., ■<.. *^ •"• J'-^ 

F<o,,nantonn^„:i;:.:^:c^ ^^sr;;- 

C:2;;l^^^'';,'--P'"l>fcttiche.ìlIidiAi;a.;;D 
^-.,c^ canali, arano il terreno d. Nunudi.^ 7z.F 
V"»t ' att, a caiialcare in Africa. ^ 'v 

Carnei, di tre Ipecie. ^\^ 

Canìel,Vonduegobbe,nell'A,abia. 'i'ip 

Ca'>ul,,.V modo di inlegnargli à ballare. La 

Ca|mra,nlola.ld_mar K.,,Io: Ina lertiK 1 , C. dSioi 
P^P;'lK^75.C/lKo..8M/.fx.F/dcflruttadaIW 

C.um.n.rin in lingua .li Gentili lignifica ImpJn!;»: 

Cana e .fole uolte nìa..cV .8.grad. fono le ilble Por 
un . n„cAorchel,a:,o polle da Tolomeo in. ,7. 

S£,u:K''-'''-^'-"/'^°-C-"'''^""->'i^'^"OÙ- 
^ poli, cs. lue diltaiuie. ^'j^ 

«^..nariagra,.leilolal,abitatada;dolatr;. Sr 

Caa^n^ .lefc vigili & forti.limi li colorifIxM.o le ^^ 

ne c(. lugli, d herbe p acrelciinéto di bellezza 08 R 

Cananor regno f uo lìto,città & termini. ^"S'^t 

Gananorc,ttai^luolIta3S,.E/cortdiavi!itldJ^ 

Canarini/oijpdettiConquenini. ''"'^'Zd 

Ganci afimirimainZeilam. U1.A/.80.A/184. B , .? 
ndlaGiaua maggiore 'iluatica j.y. A/ in Malabir 

35'-C/. Mut,r.j5i.A/. Cauit finillima.Sc I SnblJm 
3^4^ jn Eude ndliChccliÌH.p.D;in Venl^ao: 
3!>)-Kaluat.ca .n . .n,„-di;ì..,. ^ £ , . 

CnnneIlabuona,a.r..S...lorcin2e:^:;f?S^ 

CanagafiumedettodalMoftoScncgafuoidiuer/Ino 
^, miA' oi,gi,ic.& Hilloria. ^ ,84 E ' 8, A 

Canapo,.» molta quantità in Africo. 4^C/5J.A/63.F/ 

Cnacam dttàndla coflad'Arabia.fuoridd ftretto.. 

C^fi b,drta.ii.babitatandlacorta,degJi Iduhyo. 

Cana- 



iiiJcrcritrionc,A:Hi- 
ill.i Miìfioiiù {74. /\ 

'iriiii'.culhimi filler 

iutr;incntiì,nuir.uio 
^ ^ 94.»/i!<i.I> 

"icinaàCirtli.ijjinc. 

iloic. ,^.F 

imito vinorionclo 
iiÉnilui'j;i'ornÌ9i.F 
t.iA' pinMiio t.lro 
Oli luiifiio aaiua 
Ifgli Africani, j.F 
vaialo tlucati ^in- 
lillitiiA/ìa. 91.I) 
iiNumùliii, 71. F 
f.F 

"•irf- .;i.A. 

■l-tllV;, . (iHiloi 

rtruttaiia Porto- 
Ì91.E. 
"ìhca Impcra»- 
i-'y.A 
niioPlinio.irt4.E 
lùnolcifòlcl'or 
Tolcmeo in. 17, 
l'ionadciiioijjo 
98.B 
•itn. 98.B 

Oliscono le cir- 
tlibtlIczM.yS.E 
ini- 3Xy.t/^U.C 
ù viàtailal (uo 
ftoriacfj Barche 

la pinna India, 
JJO.A/199.F 
189.D 
). A/184. B/^ij.F 
A/ in Malahar. 
rBornci.,'(54.B 
>5ci,S'uhanini. 
/in Vcndciiao. 

uoidiucr/ìno 

<84.H/3«)-.A 

5.C/5ff,A/65.F/ 

riiicl ftretto.. 

;giiIcluhyo- 

Z7I.B 

Cina- 



D r. L L E NAVICA 

C inag.ir,ri(i)ililla terza (i)rti-,di Narllnga. ;oo.D 
Lana lillola molto grolla , òt v.TdcncI capo ili lànto 

Abilitino. ixS.I- 

Can.':iiv.MV,pikan'c in Ghinea. i4('.,l' 

t"anaci'tail'l!gitto.9j.E,'8S.F clUr potrebbe l'antica 

Copte. ,-i.E 

Cana citt.. fuori ikl llrctto (òpra r.Arabia.x84.F iletta 

iiaMoiii,rinTann.aini. ^7l,E'iy„V. 

Cine In lingua di Cataio:Hj; ittica Imperatore. 540.E 
Caia ili /Ilei iu-i i deirilóladi iati Thomc , fua coltili; 

tit>iie,t*v I lilhina. ri7.B 

Caii.ii di miglio zabiirro, nd regno di Angore grol- 

lìllillK-. 101, A 

Cannequali producono inde come fip.i'fito per tue 
tol'Hgitio. s^ 15 

Canne groliillìme , in (.iilolo i.ini mina eia bere. 

Cane nalanio nelle 1 ipe ikl danj^cche da vn'huomo 

non pollimoelléreabbraciate. 559, p 

Canne nel l'egii,gruirecome vn barile. i6^,l- 

Canne di tanta gniiRz^a che (uno vlàte per arbori da 

nane. ' ,r,o.F 

Canna d'India di dodici bractia,vlàta per lancia da gli 

Arabi di Mezeribe. 149.H/195.B 

Canoe barn bette t.igliate d'vn fol Tronco d'aibeio. 

_ ^^o.A/5,^.H 

Canada terra detta nuoua Francia, «Se fiio inuentore. 

?74-C. 
Canate.terra nella corta degli kluiophagi. 171.C 
Canopi 'ìgiire di iKIle.polli circa il polo Antartico. 

MI. A. 
Canhamcira,ten a nella colla ili Bilìnagar. jyo.C 
Canraite,loco, fecondo Arriano. ' 184.D 

Canlìla,Signoiia (ògetta .il Regno di BariLigalIb. 
HS.F/iyb'.E. 

Cani (òno iTi.igiati ila Chini, per mollo buoni,3io.D/ 
nel regno ili Gaiiibra. 108. F 

Cani,nel regno ih" Palimbotra ili mnta feroci t.i, che té 
gono co iden ti vnLeone,i<cvM Toro. 176.B 

Canidiigcnto tenuti da Bciiomat.ipa, per ièniitio del 
l^qiià-ra. .^^.b. 

Cano legno de Negri nell'Africa, ttibucuioà Tóbiit- 

to. , _ ^.^x: 

Caiiel IIalili,(ond.ico nel Cairo iLlli mercanti Perlia 
_ "'• S3.F 

Canibali,popoli inhumani. ;4S.B,?^5.E 

Canram,iemoncinar;tiniadellaClu'n.i. ^tfy.L'jyi.i) 
Canido,ilbla nel mar pacifico. 3'^'4.E 

Clianglui,Ifola nell'Arcipela!;o di (àn L.izaro. j^S.A 
Cangei ccora , rena nella colla di Canarini. 5S9.I) 

Cangcrocora, fiume ndlacolla di Cinarmì.&princi 
piodiMalabar. iSo.D 

Candele incorportate con Ambiscane, vfatc nella cor 
te del Soldano del Cairo. ÌJ7.C 

Canto mulicale.è proliibito dalla legge di Macomcc- 
^t«- " '^ 40.B 

Canmn,crttà grande della China. y/,.^ 

Canoiiirti nella citt.i di iella non h.uio HUario per Icg 
_ K^"[''- 57 A.B 

Candace Regina, il cui nome fu Giudich.Hiftoria co- 
me ii k<ce cii 1 iftiana a piii.-iiione deli Enuco cóuer- 
tico da fin Philippo. ioj.E/n7,E 

Canium.AftrologhiA' macftridi targhe in Calicut, 



TIGNI ET VIAGGI 7 

lorlliftoil.i. P9.C 

C..\ ngoxina.citta nel Giapan. ^Si.B.jSi.F 

t A o n, regno nella iiucrrior parte vcrtb Tramonta 

na,dellicolladiMaIlacca. jyi.A 

Caor, fi Ulne celebre, del lago de Chimai , & fuoi ter- 

""'"'• ' v)uA 

CAPO vcnlepromótorio.ilcttodaTolomeoFthio- 

po, da Negri Belineghe,dagli liabitatori Madanga 

. ■(iiolito.ijH.BiM.D,ioj.c\l)j4,S.A d.i Tolomeo 

nrlinario,& (uolito. ^j^^.A 

Cipo Bona iprr.in/a,&fno(im (Rivinto pericololò. 

i45.a/i]iiandokopeiti)ii9.n (uadelcrittionc. 
Capo fin Jiebadiano , nella tolb di Cef.il.i, tk dt- fuoi 

popoli. iSs.B 

Capo Biaco della Ethiopi.i,&: perche cofi dotto.99. A. 
Capo di Sfacalath già promontorio Siagro et fuo lito. 

ri f'. 

Capodi lan Vicfn7o,iJs: fno (ito. lU-F/y-.D 

Capo Liedo. oiier .il'egro , n'-lh colla ' ' 'Miopia. 
iio.F 

CapuCorte/(\' Miiiiiado, ncllacoftade Negli, '.co- 
perta dal'kirodi Silura. 

Capo de Guardafiini detto d.\ antih» Zinghis pn 
montorium &: fuo lito.iSi.C-/ ila Toloint-" Aroma 



S6.D 

PCZ, 



t.i,&: (uolito 
Capo Primiero có.io.ò.u. iiblette riferito dal 

& fuo lito. 
Capo di sat'Anna nella cofu de Ncgi fcopert.i 

trodiSintra. ' ,, v 

CapodiBiiador promontoriodcH'Afriùi, ii4.F/oik 

della V(.,M. 

CapodcNi i.promontorio,pcrdiecofi detto. > 
CapoRollw nelle Kole di Capo verde. 1 

Capo del Mu . te , nel la colla de Ncgri,lcopcr ta da 

trodi.Sinn . ' ,,, 

Capo di Sauri li Giiine.i,nella colla de negri , fcopi 
rada l'Icrro nera fuaalte^z.i,habiti cibi, «Se coliti 
mi de fuoi popoli. i!oT3 

Capo diCantin •idrAfrica,&fuo fito.i lo.D/eflèr pò 

trebbe Solocnre promontorio.lbpra uqualc Hano 

• ne editici) il tempio a Necunno. in.D 

Capo dellejCorréi snella cofta di Buona fperanza,iS6 

F/perchecolidi rto. 587. A 

Capo Comori, detto da Tolomeo Pdura, & fuo fito. 

1-9. A. 
Capo Comori,dctti la Tolomeo Corì,& fuo fito 

509.F. 
CapodiVcrg.i,ndla oftadelli Negri, Icoper rada Pie 

troSintra. iio.C.D 

C apo de Cdi,loco de -o il itretto del mare RclTo.fo- 

pra l'Arab ia,eHèr p :rebbc la città detta tia Ariano 

iSc Tolomeo Ocele. Ì84.F. 

Capo Rollb nella coft Icgli Negri , fcoperto da Pie- 
tro Sintra. "^ jj, .^ 
Capo deGu:idincri,vlti mo termincdella coftadi Bi- 

iinagar,c\: uio lito. 590.E 

Capo eie las Agull\as,ne. la colta di Buona fperanza. 

386.F. ^ 

CapodiFart.ach,&fuofito. .gjì.E 

Capo Ra7ilgatc,nella col' i d'Arabia,^ fuo ilto.'RS.E 

Catio iacque,oppolìto à e; pò Mocadam , ndla bocca 

del ftretto Perfìco. -^S.Ti 

Capo cu SìngapHla,& fuo fico. 390.F 

Capo 



1^ 



Capo Moc.inclam,Hetto da Tolomeo Aiaboro, &f„o 
^To!' ^'"'"'""■" ' "^"•' ^°ft^ ^' Ciiinagar , & f ilo 
Ca^ocl;L;ampo,ncllacoftaddIaCluna, jS8.eS 

Capo Scgo,!^ora «ietto da Portoglicil las palmas vlci- 
"o cTnunc dd regno d'OnxaA-ibo (ito. ,;„.£ F 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



gnt.v,i,<S;(iio(ito. p 

Capo ci; Santa Croce,di Magagl/ancs. .^Itc 

Capo d, (amo AgodmocV Tuo (ito. ,».A/u8E 

Capo Idulcnuo del n,arc pacifico. 55! fZ to 

CapodifintaMaiiadclliCanibal;. ^ " n 

Capo Gatto,c;ttà pofta ti-a terra dodici mfglia,rìelL 
gnoiiiLananor. * j. 

C.ipar.ul^M-c,dcllacamp|.ora,&:ruaHiftor;a. ;^4.B 

Cipar,rad.ccdokc,vfaradaratagoni. ' n 

eapo coperto portano i popoli della G/aua niaL-iò- 

•v,cV con cjii.,1 ragione. ^;f. . 

Capocate,terr.u;e]regnodi Ca!icut.389.E/55..D 5z;.c 
Cnpellan , erta in Ia.Jia , polla fu terra nc^confiSS 

CappcLlc^^^ 

Cappelhnioltorax-hillnniportatidietroalli Preti la 
iTpJitme. ''■''"'' ^*'''"n'"-''«r"'i' '-"'"ortealleloro 

Cappclli,di\;énedivccelli, portati dalli popolidelìa 
tura (copertada Pietro Ahurez. ' ,,,4 

Cappelli ri .-chillinìi,& iu, defcrittióe, quali li fanno 
portar dnetro 1, nobili di Bilìnagar. ' " C 

Cappelh annod.ati ; treccie.ic.A/vnti di orai Po di pc 
ice portano. di Azanaghi. "^ ^^ 

Caphiloconel VVrone/èanu-no, &:cdebrcàconten. 
p anoned. mederGirolamo fracafloro. ,7 r 
Caplì^ atta antica nell'Africa,edificata da Ronuni 
C^^sdiumc di Barbaria,Ia cui acqua è fàlata,& cali. 

limo del li Canar.; idolatri. .. È 

Capre , Tarnailàri partoriicono quattro capretti Ivn 

p.u-to:;fVne|IHoleCapove;de. ^ ^'c 

Capln e /ignifica Gentile. 7'Jt 

Capora,terra nella colta dipecan,. JJ^r 

Capucar, loco,cV fiume nella corta d. Calicut. l„ D 
CARNA terra nel regno di B.irnatMlIÒ ^ 

Carnehumana mangiata nella ter'i'a /coperta dal Ve 
fpuccM^t C/r4,-.BA,ndelK.bbe origine- .e cSaCa 
n.bal,.3.,o.E/rBateeb della Taproéna.SE^An 

dnamanuM,, D/ndlllole Celebe.^K^e. ia w 
fcnt, da Arriano. .87.C/nd regno di U.uh' ' 's F 

le Mo ucche. ,r;8.B/; Benaiam mangiano il core 
doaglilniomini con fucco de n inn. v? 

3;H.c/daMahu„,cttofigiiuoi;.ss:i:iù;;;i;r! 

Curnchumancfcccatcalfuinocomcappreironoilìf 



ledi porco. 
C:nT.elu,mana ùddicaraalgufto3. di uu^aul^^'oZ 

Ì'S;SbS7'^-^'^^^^^^^-^^''^1-H''<^"- 
CarnediCocodrilloCperfettidlmaalgufto. '^^fì 

gallmacwKuù 
Carneporcina,c prohibita dalla legge diM^ah^l^mef 
Carnedi caualloin moltaquatitafènc magia in Da 

Carnedi^auallofàluaticoepfettiillmaalgufto^^^f 
XacSe;i::"""SÙtadavnardigioLde^ori 

";.B. ™'° ^'"''PP'-' ^'•^^' ^^'••'^^• 

^Tlipidal'^""'" "°" ' ^'"°"' '' S"fto, & e dura , c^' 

la dc|v,relloA' conferileeaila lepra. 95.0/07 F 
C "Cd, .Struzzo,C.pu..oIente,&v?rcofa. ^ÌÌ^'c 

Carnedn^ubèfàporitacomeqttdladiranoccbr'" 

ea ned erpetu,marauiglio(adolccz2a,viite pera 

lH,ne! •,(o|af<.!icediIaml.oIo. T/a 

C^arne di br.e fai uatico,è perfettilluna al eufto 910 

Carte mannuvzze ddli [nari d-Indiafb,fo pò ti da 
rottoghe/tfal/e,&fuoriddlealtezze,4arizzive 

Kl!:^:Jd;S:;,^^'°""'^'P-'^'l»^^Magaglianes 
Cam/ècondolvronoflro,vfatafnCamb.aiape/Sf 

^'™n^^^''^*'"'"""^'""°'"E^^'"P'^'^^-°J^^P° 

C3racoas,nau;lijIndianinelmarddSur. ,Sa 

Carapatan terra nella coita di Decam. Sp e 

Carrascitta ildl'Egitto '^'J^ 

Car.auellediPortcK;allo,ionolimighor£nauliich?va 
dmo fopra il mare. ' * 

Carnate,terranellacoftadeCanarini. ,?,^d 

Carnate hume ndla coita de Malab.ui,& fuo fito.^ 

Oranuch d.ì Indiani,da noi Spinelle. f J » 

CuvdKUcmila zaphiri di Capucar, d/poco pzzo :fil^ 

.inK,r.ù,;SRt^;;;:™;;:r°'^^^^ 

Carettcr.ratcdacauallipcrieruitioddledonne.;l? 

re in 



DLLLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



;imo Se lii maraiiiglio/ò 

i,ccibo molto filmato (la 
l/iJ4-CAla popoli cicll'ac 

[liiimaalgiifto. <;^.I- 
canne tic 'zncdKT;,c- vidi 
l'/cc mcj;lio clic ijlla di 
inalati ncll'iiòla di San 
ii9.1)/ii7.B 
l'ia legge di Mahnmet- 

itita/cnc magia in Da 

I4S-F 
fcttilìimaalgiifto.9i.c 
i vna religione de Mori 

.cdiTelenfinaiìediato 
luit'ppeRcdiFeira. 

algiifto,&èdura,& 
109.B 
>^i1clicata,comcc]uel- 
alcpra. 95,0/1 07.F 
iStvifcofà. 94.D/7J.C 
Lice,fl-cddaèpfettiin- 
92..D 
nella di ranocchia, 
dolcezza, vfàte per ci 
174.A 
rtìmaalgufto. pi.C 
[lidia fono portate da 
altezze, (Scparizzi ve 

. . . 5^7-^ 

rena del Redi Porto 

lagnale Magaglianes 

in Cambaiaper fcri- 

- .. ''^'^•^ 

:thiopia,vfànolap- 

liei Sur, 37(r.A 

:^m- 58P.C 

• .. . . '-^'-C 
iglionnaulijcheva 

97-A 

,'"'• 3S9.D 

b.irij&fuofito. 

a cofta degli Idi- 
. ^ 271.F 

Ite 1 noi popoli an ti 

'«^- jii.D 

3 nella corta degli 

,. Ì7I.D 

di poco pzzo, fila 

diDccam. jiS.E 
» il regno di Siam, 

Hi' 317.D 

ifcllc donne, v/ì 
te in 



28i.B 
33p.D 
Z95.B 



t;inC.unhaia.i97.D/ncI!:i Giana lu.iggiorc. 3 19. A 
Can'cDjCittà nella corta dell'Africa fuori dchltrctto di 
Gibraltcrra edificata da Hanone.iii.D/efler potreb 
be di qllc che hoL,gidi iòno nel regno di Marocco, 
113.B. 
Carmania qualità del fuo pac{e.v.7i.B/gr5dczza della 
fua colia.i75.B;;-.S.F/detta Railgut. if^.B 

Cardamomo in Cananor.iyS.F/jii.C/i'nCalicnt.jii.F 
Carobc In Africa. (iiJlC,;.Al6c).ìils^.E 

Carbunculijin M.iarazia.^^ji.r/in Zciiam, 184.0 

Carceiro, terra nella colla di Bilìnagar, 390.F 

Caroanadi trecéto &: trétaf;ì frati, (?<: quindici mona 
che Abiilìni peregrini ammazzati al Suaché,da Mo 
ri AraSi. ' Ì48.E 

Caioana del Cairo,allamecca,di.54.mila Camelli, (Si 
cento mammaiuchi. i(i.A 

Caroanadi ^f.miiaCameli,&.4o. mila pedóne di Da 
malco,alla Mecca. HP-C 

Caroana,affogata nella neuc,ncl monte Atlante. 9.F 
Carro dell'Olirò chiamato da Piloti Crnlero, quato 
èdill.intedair.Anrartico. 116.D 

Carro dell'Olirò di polo Antartico, veduto nel paelc 
di Cambra à.\ melli'r Al nife da ca da Mollo. 1 07.C 
Carro degli Dei mòte altillìmo detto da Hanonc theo 
nochema. ni.A/pv>llo ih Tolomeo in gradi otto, 
come altra mótagna non può ellèrcche Serra Lio- 
na,benche lìa polla in gradi otto. 113.E 

Carbi lito nella colladegli Ichthiophagi. zyo.E 

Carbalb,fpctie di lino Ibttil lillùno, 
Carcara,tcrra nella colla de Canarini. 
Camion, terra del regno d'Ormnz. ^y,.„ 

Carthagi.città nell'Africa, come edificata & deftrut- 
M- _ 66.B 

Cartaginefijonde tranflono l'origine. 1 15. A 

Cardamomo in grano,fuo prezzò in Malabar. 313.D 
Carme, tempio prlncipde della città di Fella. ?i.D 
Carlo quinto Imperatore , rimelfe in flato Abucche- 
nien,(Sc li fece tributario il regno di Telenfin.jS. A 
Co.B. 
CASPIO Mare, & Meotlde palude. z87.D/ArrIano 
prclè qui euidcntillìmo errore ,& no ne hebbeco 
^ gnitione. iSz.F 

Cai pio Mare è ferrato attomo,attorno, c\' riceue mol 
ti tmmi,nèdi lui non elee .acqua alcuna. 28.;.A 
Calar EzzaghIr,cioè il palazzo mInore,città nell'Afri- 
ca,pofla ih rOceào,edifìcata da Malòr re di Maroc 
co. 48.C 

Calàm.infi fiume nel regno di Gambra, & fuagradez 
z.s- ^ ^oy.D 

Calan,città nella Perfìa. 34'J^.B 

Cala di fattoria del Re di rortogallo,nella Sumatra. 

jiS.F. 
Cala polla fuor di Damafco vn mIglio,nellaquale Cai 
ammazzò liio fratello Abel. 148.E 

Cas moneta di r.une del regno tli Narfinga vale vn q t 

Cale di Fella , città in Mau ritania,con qiuanto ordine 
fi.mo tabrlcate. ^^.B 

Cafo dlcialètte mila in Coiilan, deChrifliani di San 
Thomalò. jiz.F/j^i.A 

Cafedl lan Michele, terra ne! regno di Tigremahon. 
20^. A 

Cafc fabrlcatedaglIIchdiiophagiconroiradcUc ba- 



C 
Ca 



lene. i^i.F 

Cale In Calicut de Mercatanti valeno ducati vcnti.dc 
popolani mezzo ducato. j fp_p 

Calar r.Icabir,cioè il gran palazzo città nell'Africa edi 
hcata da Manfor Re di Marocco. j 6.C 

Calèna,regno de Negri ndl'Africa fuddi to a Tonibut 
f»- . 75;. D 

Calcandria Ilollctta piccola,nella colla di Perlìa.i73,B 
Calba,citta antica nell'Africa edificata da Rom.ani. 

6 6. A. 
Callello prefo da Nearco,nclIa colla de gli Idithyo- 

P'>''g'-_ , 371. A 

Cailello,in Damafco edificato da vnMamalucco Fio- 
rentino.i48.C (7i.A. 

Cali- Hellin,callello nell'Africa dellrutto dagli Arabi. 
Cair Acmed,callcllo nell'Africa pollo fui Mediterra- 
no.rouinato dagli Arabi. yz.A 

alila fua origine,& IJ3etie,lècódo Diofcoritlc. ìSì.C 
allja d'Egitto,& delcrittionc del fuo arbore. 9 ^.E 
Calila fillul.a,non è métouata dagli Authori Antichi 
Greci. 181, C 

Calila hftula in Cananor.i(jo.D, in Calicut.jn.F/ìKJ.F 
nellaGiaua maggiore,i4,-.C/ nel Brelll. 31P.A 

Calila frefca,& buona ,luo prezzo,in Malabar. 51,'. A 
Calllmio città nell'Ethiopia refidetiaddle Reginc,Sa 
ba,&: Càd.ice,io5.E.eller potrebbe Axomite. zSi.F/ 
i84.A/Hilloria. 103.C 

Callrati ch'hanno il collo,& la tella tutta nc^ra, &: la 
coda di pelò de libre ventilèi. if,-.E 

Callrati bianchi con coda louga vn braccio, &: ritorta 
à modo di vite , &: colerlna'amodo di Toro,pendc 
telìnoln term. i«E 

Caftratl nell'Arabia felicc,séza corna, la coda de qua- 
li pelà.4o.libbre. i^-j: 
e A T T I G A R A,oucfituatadaTholomco,5ctlaMo- 
à^nyi _ 348.B/3,-i C/3J,-.D 
eattigara,tucolaiinta o im.iginatadaTholomeo. 
389.F. 

Catichan,Ilòla nell'Arcipelago di lan Lazaro. 558.B 
Cataderlx; bocca d'una palude nella colla di Snilani, 

Ì73-F. 
Catalo.Pronincia celebre.ct Ina Hilloria,j4o.E/3(rt).D 
Catena al braccio,è data per prigionia a nobili di 

Ethlopia. i4f.F 

Catea, ilbla dedicata a Mercurio, & a Venere, nella co 

ila di Carmania. Ì73.C 

Catena,fàtta ad vn pniice nel Cairo. S6.A 

Carburi nanlli di Calicut,& fua defcrittione. i<Ji.F 
Catna,fiume pollo tra CalIcnt,&Cochin. 311.F 

CAVALLO Barb.aro,<Sc fua Hilloria.9<j B/origie.(J,C 
CanallI,come.allcnati in Ethlopia. i^j.C 

Caualle de gli Arabi di Mezeribe correo vellociflìma- 

mcntevngiorno,& vna notte che mai fi .aferma- 

no. J4P.B 

Can.allid'egitto molto graffi, &: grandi come elefan- 

t'-H5-R (lOf.A 

Caualli comefianoincantatì, nel regno di Scncgu 
CauallI in Africa in luogo di biada mangiano Datteri. 

73.C. 
Caualli non nafcono nel Regno di Tombutto. 78.D/ 

5y4.B/apprczzati in Narlìnga. pardai.ifS.F/dua 

miladucari.i78,E/mille ducati.i78./in Bifin.ag.ar. 

30i.E/in Arabia, &:Pcrfia.2i;4.A/iu Goa.isi9.D/in 

Dccam 



INDICE DEL PRIMO VOLV 



Il T- 



05..A/,n Ornn...n,;.r:/f„ Cal,cur?no.E/pcrnut.i 
1 "^).a.i.3.E,Wanoci/ galx-lla in Cannnorm.d i 
che vengono .^j IVHia ducan..5. , 58.D/„dI'AUù 

;i ftatura ,n Hafcora. 24. A/vclodinmi , & agii; nel 

pcdie non li fanno ferrare. f^s jj 

Caiid o laluac.co,& f Ila H/ftoria. „, e 

Calia o Marino,^ (lui Hfibria. g, C/2S8 D 

Caua iManni,nd lago del regno di' Amara o A 
Caua opefa-,nelfinnK.Gani4a,.^- fuaH^fto. Sc 
eauaenn,ft,pendiatadallle di Fella. .^ . 

CaualletceinErhiop;acuuprono.24.migl;adipadc. 

" orceperleorationidePortoghe/;. ^ \ox È 

»-aufe quali cocorrono allagencracione di gran pfog 

Cia.la q ual induire Nearco, & Oneficrf to fcriufre la 
vai unonc dell'ombre dd iòle. ^(jg g 

Ianni ''*'"'^'™'"''' ^''""'^ "^'^'^^ corrcdd Prete 

CaiifL>Cii,ili,come fiano terminate dalli popoli' dfte 

mede, monte in Afhea. ^ ^ e 

Ouir, villaggio neirilbla BiithuJ,an. !^:Z, 

Caumaiìa,eannelladaCan,vuoldirlegno.manad;l 

^ r'alS"^''''"'""'''' abbondante „dla Jlìi 

Cuu-is panni n.ttili/nmi di irottonc. X"p 

Cantalo milite nel regno Dely .,o'n 

Cautares pini di bambagio latti r Bengala, molto eli ' 
'"-t-pa- arcamieie.5K..A/&/lu,pa.zzo. 1. A 

Cauteno dduoco vfàto da gli Af^iJn di He.a, pem^ 
medio,ad ogni male.ii.E ^^ 00^ 

CAVE M, citta ndlacoftad-Arabia/uori del ft^^^o 

e A z A z 1 o N o a Pu/5ano,compagnodil.odoro 
oartliema nel viaggio. ' ? 

Cazuba,coWgia]irdellaGiaua,cudottoanìaW 

CE \ N A, Ifola nel mar padfico. ...v 

Cheeharany,ruotedeacciaio,armevraredapopolf<Ì 

Cedro dd cui legno fi fanno ndl 'ifola M.-idera tau^ 
^i?heAlong|K-ddlequdififbi„ifbt;;or^^ 

Cedri al tempo de Romani erano portati di Mediar 
Pcrlia nefi ntrouano in Italia. ^>^e^'a « 

v-eJri in Africa. ^J^'^ 

Cchfo fiume in Roetia,)'ien dalli fbcenfi ^'Vi! r 

Ce,tapor,terra„eHacolhdiDecam. Zc 

Cento pozzi,nontealt,ll]mo ndl'Afiica. ,6 C 

CcmopervnodiguadagncndregnodiBeniWi 

^^aSS^^"'''''"^^"^^-^''*^^-:5!^ 

Celubroca^,f7gnorc antico ndla cofta di caiiciu PI/.' ^ 



M E 



^72.E 

Cde,terra,/lxondo Arriano. ,,, n 

Cda,i,r/nolanelmarddleMolucehf. 5c 

Celebe,Ifolepo(teaPonenteddl'Ifòle Molu- ^hc ha 
Ceu!?"^'' P."!;^°'' ^'^"^ '^^S'ano carne humana S 

Cembulla,porto nel regno di Cananor. ,'n C 

CencTe^demortièconlèruatancvafidalliTarnailà^i. 

^Inlh' 1 "m'T'^'' '^/'^?'"2 '■' ^™"^^'''' P'^"^ ' ^ I« 

Ceni te,tóle ippreffo la Cherfonefo fecondo Arn'f 

Cena]o,I/bla nell'Arcipelago di fin Lazaro. ^^ D 

Ce opermeflo dalla legge di Macometto ci e po'S 

nfeuotere li fignori, ì^j^'ho 

Cenderghifia,dttà nella prouincia di Malabar. «t B 

Centacola,cittainIndiaf\.dditaalRediBathe;aSi, 
b, tata da Gentili.fiu Hiftoria. l%r 

Cerimonie ofllruate orca le cof-e della Ch;efa,IE[hio 
''trnSlt'""'°'^""^^'^"^"^^^^'°P''-^4^A^ 

z.i,s^ modo dd fuo orare. ,02 R p 

Cera jn molta quantità in Africa.ij.B/47 C/6, B/^! A 

quantità ,n Quiloa.iu.C/in Combaia. i« E 

CernouemcittapoftafoprailGange. !,? 

Ccrne,I/oIadidrcoitodnqueibcìi ne;., colla ddh 

bnfIaEthiopia,cofi_dettak, Haanone dil prTmo 

muentore.nrJ/efld-potrebbePiiblad'Arm^^^^^^^^ 

Ce^,ri.i^u„enpoftaiopra;lmechterr.aneo7rpn5 
pio,&fiioi termini. ^'"'^1 

Ce/ària,qual regno fofTèappreffo Latini. ""V 

CetMortezza dd regno d'Ormuz. , ^^p 

'"m'^L- '''"'''^'""'^^^^^^enoch-Fcfra.&Ll 
Chaus regno tributano h Bengala. //;2 

Chacouan,W,landmardelleMoluche. J^b 

Chaf.ya.citta nell'Africa in potercdi Spngnnol/ tì 

Chatjgam,duàconportocelebre,fituatffbpraÌabf 
caOnentaleddGangc&fuofito. ^ ' ^ B 

Chachacittàd'EgittoabondanrilUmadedattcriSSA 
ChaleterranelregnodiCalicut. 'fp 

rt; '"""^'^"'■""""^^'■'^^^^-•^'■'^-ndiA'r 

Cha.-!,d;tàinIndfa,cldRcdiColon. fj'c 

Champaa,regno in india. /^"J^ 

CiaiMsJocondlacoftad'arabiadererta. ^I'a 

ClutuaterrandregnodiCal.cut.ndprrc.piod?S 

Cliaumanafo/Tandfiumclndo. A^i^n 

'^l''K'''-'''^"^^'''^^'"'^'^»°fito.38,.A?fuoI 
traftch,,&merc.antie. zoS.B/nor.la 

Chemin 



lE 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



Moliicche. j68C 

ecicll'IfòieMolu-:hc,h"a- 
'ano carne h umana. jip.E 
ibid,coftumi,& arme del 

iiCananor. ì)^-C 

:ancvaiulalliTarnafIàri. 

io;irroncc,ilpetto,&Ia 
ifterov/itoilaChriftìanf 

r r r . 504.B 
:(oncio kcomio Ama. 

di fan Lazaro. i$S.D 
Macometto che poilìno 

4J-P 
lincia di Malabar. ^^p.B 

itaalRediBathecalah.-t 
■'^; , ifS.C 

ole della Chi'efa.IEthio 
i,-tf.A 
nella Ediiopia.if)4. A/I 
Ì64.F 
• ce, & nella ellettione, 
, ,. , 304.E 
uaomelindaraiidien- 
103 B.C 
:n.ij.B/47.C/<;}.B/(?4.A 
Senega.io5.D/inmoka 
Cam baia. i23,E 

iradi )icji,. corta dell.-* 
Haiinonc di lei prima 
)i.'l!iòlad'Armn.ii3.B 
sditerraneo.fuoprincf 

io Latini". j7.; 

^egnocL'FcfIà,&riioi 

oliirhe. 3^8.8 

rcdiSpngnuoI/. ji.E 
e,fituata/òpralaboc 
fito. 3c,o.B 

i quanto Coatrice,vd 

llimadec!atter;.88.A' 

^ u • ■ /• . 5^^-^ 
>abaiti,lccondo Ar- 

284.H 

i^3.C 

cferta. 27^.^ 

,nelpricipiodiCr3 

38c,.E 

2tf9.D 

:ruofito.38i),A/fuoi 

to da gcte Vile. 44.B 

74.D 

Chemìn 



on. 



ChcmI figliuolo di Menalo Iicretico,Tirano di Tenief 

na. i-.F 

Chcuz,prouinci.' ne! retano di Fella. 89. F 

Clietu.i,porto nelLicofta di l'.in.ine. 31 E 

ClKieacalle,terra nella coH.i di Bifinagar. -ì'; o.B 

Clulijs.gétili di coromadcl tr.illicào diuerfe fpctic t!ì 

niercaiiticicalicut, dia li.'ll:.3io.c/5i7.F/in Malacca. 

C]ierhai,iago celebre nella prima Tarraria verlo la Mo 

(coiiia,originc del fiume Ono. 374 A 

Cheinubay,luogo fi-a terra nel regno eli calicut. 31 i.c 

Chenciiiipopoli,nella eolia della Cliina. '6S.D 

Ciienelìa, religione de Mori quali mangiano carne 'il 

Cauallo. S'6.A 

Chcneg,prouincia neirAfricnjfc Cuoi termini. 7;.!) 

Cliequeam,regionemaritima della China, 3ì;i.D 

CJiiela di Golgota,! Ediiopia,^ dio didègno. 21 1. A 

Chieia di San Saluatore,in Ethiopia , >!?>; iuo ilillegno. 

212.A 
Chielidella niad5na,i Ethiopia ìk dio dillcgno. 215.D 
Chie(àde!IiMartiri,in Ethiopia,»^ duo dillè^no.2ij.D 
Chieiadi lan Giorgio in Ethiopia, oc dio didegno.214. 

L\io6.C/2i9.F. 
ChieLuiiS.Croce,iEtii.'opia, &dioilillegno. 21 3. D 
Chicla di Emanuel, in Ethiopia 6c iuo dillcgno. m 4. 1) 

21 5. A. 
Chiefa di nodra Donna,nel re^no di Tii?rcmahon,mì 
rahiieediJitio. io-'.c;i?2.!7'.oo.A 

Chielii di Machan Celacen nel regno di amara , & dia 
Hidona. " 215. F 

Chiedi di ChalfumOjdetta Tanta Maria di Sion edifica- 
ta dalle regina Candace dio dto,&: torm.;. 20Ì.F 
Chiiladel camino di Chriilo, <!<: luadclcrutionc , ilei 
Regno di A ngote. 210.C 

ChieledeilaEthiopialòno tutte ricc.rméte dotate, & 
hano gr.i rédite,di modo che nò vi è palmo d'i terra 
che non lia di Chicle. 220.A 

Chieia di lan ta maria nel regno di coloni edificata co- 
me le noltre,có figure di Santi,iSc croce,habitata ila 
ChiiftianiNazzareni. 146. B 511. A 

Chielé.i,o.nellcSignoricdepopolidiNubia,altrevol 
teCluilh'ani. 2p.A 

Chieia di San ci.icomo in Cranganor. 3S'o.n 

Chielà di l.in Thómafó nel regno di C0IÓ.33JJ. B/ 512.D 

^ivB',<;o.D/38o.B/i79.F 

Chicle 111 Mcnin città I Soria,edificatc da làuta I Iclena 

madre di Conllantino 14S.A 

Chicle di ciapan, tengono l'ideila liberta ch'hanno le 

noftre,eccettonedutri. P9.^ 

China ,puicia celebre,et dia Hidoria.39i.d/3Zo.B/337.a/ 

369.B Ì80.B 
China regione,dctta da gli antichi Sinaru regio. 282.F 
China è nella nauigatione de cadigliani 54-. F 

Chiiiee piccole naicono nel regno di Tóbutto. 78.D 
Chicaro.s,lòrte di grano in Ediiopia. 2f4,E 

Chiricole,terra nella colla di Bifinagar. 590.E 

Chibth,primo dominator nell'Egitto dal cui nome 

gli Egitij diconoailaproninciaChibth. 81.C 

Chincheo,porto della China. 381. A 

Chilàle luogo iiclla coda d'Arabia deferta. 280.C 

Cliilla, canale dretro , ìk ncricolol'j^iiQllo nelle balle, 
tra Zeilam,<k tetra ferma di Malabar. 529. A/342.B 
Chippit,ilola,neirarcipclago f.Lazaro de fuoi popoli, 
&i Iuo lite. , . 562.C 



Chiaijifòla nel mar pacifici. 

Cliochoria,tena nella colla del Pegii, ^.;-.F 

Coromadel, citt.'i di H'India, del redi is'arlìnga, ò^; (fio 
<ìto ^ ' iO^.C 

Clióha, terra di Canantir. 5^'y.li 

Cholole,fiii tti lìiiiiii alle noci nu 'tate. «T-C 

Choros,cadello neN'Adica edificato modernaineiite 
da gli Ahicani nel regno ài Timi"--. (>C.\ 

elicili )da, loco l'el mar rolli) nel la coiì:id'Arabia.2.-'v.F 
Cliofir,porto nella riuieradel mar rolli». My.A 

C'iollo,citta nelì'Adica polla lui mediterrao, edifica- 
ta ila Romani, f x.X 
ChridotonolciiKo nato di vergine, iS-'crucifilloda 

Giudei in Calicut. uo.F 

Chrillo crocifidbjnó vogliono che fi dipinga in Etliio 

pia 6c con qual nigione. 2r,-.B 

Chridiani quali credono nella trinità, neli apodoli,c"c 

ìs: ne gli euageli,hanno battefiiiio co acqua vinone 

in molte cole all'vlanza noilra nella citta di SarnatS, 

regno del Cataio. l'Tif.c.B 

Chridiani di S.Tliómalò in Coul.iiSj dia relit'iosie. 

i(J3.c,'cafè.J7ooo. ;ii.F,';^2 A/38o'.B/i46.B 

Chridiani Nedorini,nell'id)la Zocotora. 

Chridiani Gia.oblti in Alellàndr!a.82.c;in Elchian cit 

t.àd'hgitto.SV;. F/uelTor. 27,-.F 

Chridiani nuoui di Med."ina,& Zubiit,pcr virtù di 

Magaglianes.Hidoria.3^8.D,i;no al. 5^0.0 

Chridiani Abildni circoncilì &: batezzatl 197.E 

Chridiani Icacciari di Hierulàlcm,& di SoriadaSala dì 

noSoIdanodel cairn. 'T.F (1 52. e 

Chridiani nò intranonclZeidcm portodella Mecca. 

Chridiani in mano de turchi qu.uo mal trattati. iSo.F 

direte due nella coda della balla Edi."opia,nauigato 

da Flànone.iii.Bedèr pt, irebbe il lìi'ie di fin Giona 

ni pollo nel colto di Argin nelquale lì ve!;gono ca 

Halli marini,!^' cocodrilli.!i:.C "^ (189. A 

Chridotoro Colobo et il /fitto d 1 quale e dato caufu 

Chrilòmellegrode come Nar.ici,ia Togadad citta di 

Halcora. 15.C 



Cluibode, terra nella coda del IV'ni. 



;yi.A 



Chubucal ù(o dlla fccóila forte di MirsTga.50.i.d;3;o.b 
Ciaderi,fono naturali del paefe,di Calicut. i\\\\ 

Cianturi panni di Benghaila. i .^-.C 

Cibo qual dcbbe magiare il Re di d.iCUt è prima por 

tato dalli Bramini al dianolo, et co qual cerimonie. 

irto.C 
Cibi \ lati in la citt.i di Feda la notte del Natale di.R.S. 

lefuChrido. -S.E 

Cibi ìs: ordini oderuatì circa il mangiare nella città di 
Cibocco nòia nel mar pacifico.;(^4.E (Feira.57.D 

161.?. 

Cidapor,città dlle principali polle fra terra, del regno 
di Decani, Ay y 

Cilapulapudìgnorc deli'Ilòla Mathan. 561. B 

Cimpagii,ilo!a nel mar pacidco,&; duo fito. .;|-,-.R 

Cinamomifera regióe qual lolle* fecódo gli ;uiclu.2S'2. 
Cinamomi,ev altre cole odorate erano còdottcnell'af 
firiadaCaceta luogo ne'laCarmania. i->t.'^ 

1 quai rna.hiamo , &: ina de 



Ciccara, frutto in Calicut,& fua Hilloria 
Ciceto,porto del regno di Decani. 



r; 



inamninn m<i!i( 



lcrittione,lecondo Diolcoride. zSi.C 

Cimici non fi ritruouano nel ilòfà di din Thomè. iiS.c 

Cibulon ilòla nel mar pacilìco,luo ùio,lk Flirt, f j.Iì 

Viaggi vul.i". e '] Cima- 



ìli 

I i 



CintacoIarortczzadclSabajo.nclconllnccliDccam. 

Cfngurcar,riiiincn.l regno di Dcvam. ' ' 'Jsp 
Cnsanolanuzaphùi cenci di Nar(;nga.&: Tuo valore. 

CinanVittà nella corta di Clh,u , porto de principali 
nel Alare. , ' ,, 

Cingaporla cirtà nel rc-no di .Siam, T'u 

Cipolle in molta qiutita in Benimanfor mòte in Afli 
C3.50.F/,n terra aeNegri.^.c/nella G, aua. ,i- F 
C.reggiemarinefoprailriumcLuciis m AlhVa. 4- C 
Circonci(.one,& termini circa ciò ollèrtiati nella cit- 
ta di Fe/ia. ,^„ 

Circ5i,on.èvratandlcfemine,&ncniaaiinEtÌm> 
pia.' 

Ciriaco Re d'Erhiopia padre di Alcifandro, auo df Da 
uid Prete Ianni. ^, . 

Cirradi popoli barbari ch'hanno il nafo fchiacciatoVe 
condo Amano, ^^ q 

Cifternain Almacharana città dell'Arabia Felice che 
«■irebbeacquaàcentomilaperiòne. ,„ A 

Citnicham loco vicino al lìume Rhahora detto Her 
aiJ,ò Volga. p 

Cetriuoli no,, fono nell'Erhiopia. Ì^E 

Citta io|,ra il mòte Dedes in Atl-ica Gbrlcata da Roma 

niA'aoradeftrutta. ^ ^ 

CittàdfFaraoneprecLUordiMoiTeoucpofta, fecondo 
1 opmioned. G.ouan Leoni Africano. ff, C D 

Cttaedificatenellacoftadell'Aflicafuoridniretto'di 

G.bralterta.ni.D/eirerpotrebbonodiciucllcch'o^ 

(.nono nel regnodiM,uocco.ii,'.B fiS F 

Citta lecuocratedachriiliai tcutedal Redi Marocco 

Citta rcgafe d. Zela e porta nel mezzo di vn lago,q ual 

circonda tre miglia. o > 1 ■" 

C,tt.uie cartelli,nH.r.ati,n5 fono nell-Ethiopia. 41- D 
Cithiteb,attàdiTedIein Africa ^ ^rC 

Ciai«s^citt.\co/I-^,ettadaLatini, vediSebta citttaS 
Ciuol.i,città di regno dlle fette città nel Mexico ,740 
"c^mJiLt '^^^^^^'--""'^•'^■•->veriocainiÌ: 
Clemen di Capes.città fopra l'i/bla Gerbo. '?'" 

Cleopatnda atta d'Egitto,potrebbe ec^re il Sues. oc 
coAMEs, kTuitorididiodettiloghes. l'n 

Cobraicapitao,etgouernatorcdlrèg„odiPegu„;B 
arASc;^'"'^"^"'^^'""-'^''^'"'^"^ 

Cocodrillo,(uai;.rma,&artutianelprendS£;o 
come accia vpua,& come/i prenda. T^ 

Cocodrilli dilonghciza di.io viedi nnll'T l j- 

Cocodr. Il <iuali ftano nel de/erto ibno vconoii Zf 

Cocx)drdh eivuiom.n noceuolial tempo kRom^n^ 

chcnofonohoggidi^&pchefianopL ; ,,7"f"' 

Cocrala-.rcrra nn!!a corta dclli Oriti. ^ ^''^^'""^ f "^ 

Cochauegnoportovcrfo mezzogiorno, oltrautc^ 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



Codadi montoned'Egitto peCa libbre 100.&: 50 l^Ì] 
d. I.bbre.40.,,-j J.- di libb[-e.2^. ^ ^T; , 

Cortole hntto dellarbc,reAreccavfuoda.liIndi' ni 
con foghe di Bettole .V calcina d'ortric e' 6 p 
Cofante porto,nella corta de gli Icth vopl d .-zÒf 
(-L'I ngnih ca Dio in lingua cfe cap..,? '^ S" • 
CoTu,mo,terra del r, gno d'Ormuz^ 1,'^b 

Cubar tcrradelregnod'Ormnz. '^ '? 

Colfo d, Bengah,altriméti detto fino can^etico i '<? f 

Co odKSaniVIaffo,prollImoallcMolucche v"f 
CofopcrlicoA-iL.agrandezza. ' V'[ 

Cc^ó re^nonclTlndiahabitato dachrirtani Nazal^f 
bbondant,llm,o.lbgni(orte/petier;e. ,i A 

Colom, citta in I„dia.H,loria defReA de fuoipc^o 
Col6bi fduatichi rt lafciano prcder co mano nelle l'fo' 
lecapoverdei07.D/nell'I,blaMadera. 'a 

Colombi delceden ti dalla colóba ch'a Mahumetto par 

laua,nfonnach5piritoSito,moltohonoraT5alflo 

ColonnedimarmodigrandezziinpfVim.k'; J- ''7"^ 
vino rolfo pfetto &']t,rtro Spert^m ' u'" "' 
fimilealpoLlonelcSrir4^C°''7^^^^^^^^^^^ 

Co onadttappna,dimirabileedii?cionel marci ic 

'tiSSè^SiS^^-^--^^ 

Co onna in Caxumo di mirabile edifitio Z04 A f t R 

Cooram,terranellacortàdiBi/magar.^ 7°"c 

Co etn antico Re di Coulon ^ ^^^'f 

to;-f"'""''^''^'""^--«--^>%oi^;?i;! 

Coloe,dttAnelm.uroflb..SK/eirerpotrebbeB.a^ru^ 

Collegio de Legirti,in Marocco. ,0 n 

Col^g,odeLegirti,nelladttàdifefl-amirabilcedi^ 
Colk-io di S.Paulo in coa.^S+.A/in cocchin .Sr 

Col6gtn,a,cittainMaJabar.poftafopralaboccacht;^ 

Colmuchccittàregalencll'ifolaZeilam. '''b 

Cokhi^Emponum Arrian..87. A/potrcbbce/Terc C. 

^^"aitm:Ì;mS^""'^'^^^--J?"^eronop. 

Colkdi/iiIbTcucrcino,inDuccaIa. , ^.^'.^ 

Coma- 



n"a.;3i.E/cortcfia del filo 
nCV 

1? moneta nd regno dì 

mi ^^■^' 

(alilibrcioo.&:5o <)i.Ef 

'■<'" 1,-5.1- 

eaavfruodaglnndian; 
inad'odn'chc. 161.F 
lilcdivophagi. 270.F 
-■Giapan. ' pS.c 
'""^- 29,'.B 

'?• 291.F 

'opcrfico. 1^3.8 

iiagallo. ioi.F 

loèii tìgli nolo co la ma 
'?• lìi.c 

em;nciMauntaia.,,;.e 
■Ialaóar,cóevf;ito.^i.a 
efenon di giorno, pie 

>linoGangctico.i76.A 
eAIolueche. :,~C,.li 

fl;ichriftaniNazarci, 
••'[■"■■tiV'r.-c. 1^6. A 
el Re,&: de Tuoi popò 

er co mano nelle Kb- 
Madera. <;j>./\ 

ch'a Maluimetto par 
olrohonoratida Mo 
ifi.F 
ineftimabile di color 
sfiato co piice buche 
59-i^.C (na.ifo.E 
|ricionel mardll'arc 
'accada Tholomcol 
8i.D 
■difitK).io4.A. (Sf.B 
adaPli.Ni'lofcopio. 

do Amano. 184.E 
P'i-%''- 270.E 

'S^^- 590.C 

. , 3"4.A 
anena,lagonell'£- 

rpocrcbbcBarrua. 

18.B 
"à mirabile edili. 

5Z.E 
cocchin. 3S0.B 
ilo, fabbricato da 
84.B 
fra la bocca di vn 
, 341.F 

lam. jif.B 

)trcbbce/rcrc Co 
i8<.A 

1 ci quale iònopc 

341.F 

ii.D 

Coma- 



DELLE NAVIGAT 

Comaru legno, & cibo dell'animale ddmufchio.^ffp. e 
Coinar,loco ("-^condo Arriano. Ì87. A 

Cainboia regno in India. jtji.c 

Combaa,porro nel regno di Calicut. 351.8 

Comerga- opoli Indiani. 534. p 

Cemento di vn Marnai iicco di Dama/co fbpra l'oper.^ 
di Alchimia di MiigairibeGranatino. 41.0 

Communione.aiiati il facto d'arme.fattadagli Abilll- 

_ "'"• M3-A 

Communione,fecondo l'vfo d'EchìopIa. lyj.F 

Communione è data nel battellìmo alli fanciulli in 

Ethiopla. i<)8.F 

Communione particolare e cLigli Abiirini reprobata. 

227.F 

Comolanga frutro in Calicut,Iongo duoi palmi,di co 
lore limile alla zucca co tre dita di po'->a,perfetcirti- 
moalgufto. ,^, ^, 

Comoda titoloantico,del Redi Calicutprincipale(b 

pragli altri Redi Malabar. }04.A 

Comaria promontorium di Tholomecfe fia Capo cu 

meri. 2S«.A 

Confèilìone facramentalc non e tenuta lècrcta dalli Sa 

cerdotìAbillini. 236,5 

Confellìone làcramentalc è fatta in piedi dagli Abilli 

ni. *■ ice. A 

Confdrione,lt'condo l'ordine del Giapan, 578.F 

Cong.n,tcrradelregnodOrmuz. 25)3.8 

Cóchiglie, dette in Italia porcelletre,& da Portogheii 

Buzios,/! Ipcndono in Ethiopia per moneta. iV. A 
Contratcano cofa per cofa nelli mercati d'Ediiopia, pe 

ro che non vi corre moneta. 200. B 

Connulaha,citcàdelle principali dellaChina. ^69.]^ 
Conleruedi acqua in Ftflàper notar la eftace. 32.C 
Conhomc;ra,ttrra nella colla di Bifinagar. 390.C 
Cònico i\i Angotcraz fignore d'Angotc, fatto alli Por- 

Cóuico de RomÌLÌ,^ucrbio Africao.ec ruaorigre.4o.e 

Cònico di fignore di Tenueues facto a Giona leói.24.B 

Coni.ne del regno di BarnagalTo , & principio del re- 

gno di Tigrtmahon. 202. d 

Contìne del regno di d'Angore. 2I9.'a 

Conrine del regno di Tigremahon, & principio delre 

gnoa'Angote. 208.C/209.E 

Conconi,& Decani.popoli nel principio della Prouin 

ciadeMalabari. ,_ ^ 

Cótror Abehi,porto nella corta d'Arabia drerta.28o".B 

Coigli,nó fò (lati veduti daK' Aluarez nell'Ethio.ipi.E 

Conigli,(aluatichi in Afr;ca,fua Hiftoria. 9. e 

Cones terra del regno d'Ormuz. i^'a 

Conte,citt.ì in cuccala, edificata da Gotti. 2i.'c 

ConftancHrimi.ne tormenti fono li Gol. ,29.F 

Copinim porto mercantiledelPegu. 54.1, 

Copto cicca ancica potrebbe eflèr cana polla fopra il 

Nilo. '^ 3 

Corno d'Hefpero qual fofTe fecondo l'inten rione di 
Tholomeo. 114.0 

Corno d'Hefpero riferito da Hannone.112. A/oifcorib. 
113.0 

Corno d'Oflro riferito da Hannone Difcorfo, ; T3.E 
Corno de! Rinocernte, medicina conerà veneni.HO.c 
Corno di Rhinoccrote in qual vfb apprezzo'Romani. 

2o2.B 

Corna fattcdeproprijcapeIli,portanol; popoL" dell* 



lONIETVlAGGI ,0 

Arabia fJ'licc. ,.. j) 

Corni de buoi capaci dì Cd inghiflare di vino, l/, e 
Coraiam.li eòe ritèrilce il Barthcma.è vna regione nel 

la Perlìa fertile & abbondante di Sete, & i.\i vettoua 

glie qual li penfà che fia la Parthi.i. ,5^.0 

Corpo di San Thommafòin coromandel, cftcì nella 
n le 1.9.I-.359.B 

Corpo di Sa Marco Euangelifta , coleo da Venecian \ in 

Aleilandria. (<, yy 

Corpi di S.C0IÌT10 & Diamiao fepolci nel cairo.149! A 
Corpo di Sanca Cacherina nel mòre Sinai. 274 E/191.B 
Corpo di fànca Barb.ira per opera djl SerenilTimo I3o- 

ge di Venecia M.Renier Zé fu portaco In Veneci.i, oc 

^ pollo nell.-i chielà de Crofechieri, 249. A 

Corpo di Zacheria profecca fepolco in Damafco dx h. Io 

rimolrohonorato. 148.E 

Corpo di vn Elefancc j'iouine pfo <h Negri nel Re^iU» 

di Gambra,& fua grandezza. jò^y.» 

Corpo gectaco dal mare fopra la colla d'Ethiopia coper 

todi(quammetoncapelli,mane& pitdi 'limile in 

tuttoal'huomo. 114 A 

Curili pietra azun a nafce nel regno di Manicons^o, Se 

èmolcoapprezzatadaNegri." "n(T.3 

Coree del Prete ;an:,<: Illabile,ne fi fa qual camino fuc 

eia il Rc.ec di legno qual veggono p lcrmarlì.22S. a 

e IJpre in cap.agna,perche alerone nò cipir.'a. 249.C 
Corte del Re di Tunis,fue cerimonie,^ vfticiali. 67.E 
Coralli bianchi in molta quantità nell ifola Hiimnu. 

3,-6. c/nella colla dell'ilole de Re.57 j.E/nel Mediter- 

^ ""°-. 64.B 

Coralli fono buona mercatiaperCalicut. m.C 

Coronad'oro màdaeadal Prete i.-rni aEmanuel Re c\i 

Portogallo. 237.E 

Corona in capo fecÓdo la legge di Macomccco,nò pof 

fono porcar li Re. .,£ 

Cor loco nella colla d'Arabia, 2-'5.B/292.'d 

Cori da Tolomeo , da moderni Capo Comori , & fuo 

fico..'i;o.A/ilbla.273.c 
Corco cerra nel Regno di Tigremahon. 207.B 

Corci,porco nel Regno di CallVuc. 532.D 

Corniole,^: fua minerà in Cabala. 297.E/157.B/179.E 

molco fine in Cina cicca d'Arabia felice. 525.E 

Corno, iTola degli Afiori. j^.'p 

Corfucan.porco celebre nell'Arabia. 291.F/187.B 
Corderia piedi con Iccterequalilànno. 70. miglia al 

giorno. ^ 8.,j3 

Cororfìumc nel regno di Tigremahon. 106.D 

Corcefia d'vn pefcacore, vfica al Re Milbr, & come ne 

fu rimuneraco. .^q 

Coromendel,decco da Mori Tamul.prouincia del re- 
gno di Narfinga. 300.A/312.F 
Corcapal fructo in Calicut medicinale,fimileal Mel- 



loneoerfeecoalguflo. j^i.!^ 

Coriantloli fono fèminaci in tata quatita nel regno d' 

Angote,comeda noi il fermento. 308.B 

Cordouani decci Marochin<, & fìio precic in Africa. 

.iy.F/22.F 

Corcorad'Angote, terra fertilifTim.i,nella quale tutti 
li mcfi dell'anno fi femina,& raccoglie, 209. p 

CorcatCjioco fopra il fiume Indo. i6q.D 

Coródolo,luogo oue^ofe aperfe il mare,& fommer- 
fePharaonc, 274.F 

CornacliIe,nó fono ofFefe nel regno di Calicut , & ma 
Viaggi vol.i". e ij giano 



ìli 



1 -• IN DICE: I>E;I/ P 

gùno le ivl'qu.'c del Clho del Re. . • • ,60 C 

Corde (.'.ree d; Gincrtn ncli'Ifola IVnda.iSo.C Uo^ F 

Con:amuuior.;Silc,al!csioudi Frumoratecli Nanrùn. 
Co >r,(oprp ,! mar rolìo,pocn.l,k ella- Mfo/brmo. 
Co b... i..h„. :a Afnc.,& (l.a^i:.mdc.za..Mi. (5...B 

Colh/,n.(crnuoru!.l.trc-ta.d/G;braltc.ra,,ìoncl,a 
hi uiu o ,. !, B.irb:!n,fe nÓ (Ino ni capo di Cuhl.j^j. a 

Coltacnr.r,:cchindI'Arab;a fliicckortJda 4o 
Corta cIdl'AlTfc, v,.rio l'oncnrc fino al rc-no di Mani 

. S".^o,a,n,.l,aafiKratacialRediroru;i.al!o,ccquai 
lorccd. nur.atJcgl/ fono Porrate- dal), -Ncm-i. nU 

Coftunican r,co dell. Ncgr." d'F, ri, iopfa o/Tèruato <roo. 
ann. d. erponcrduo.- ],i,om:ni allcfbrcucdel mare. 
hauedoop,".;onc,chccioud!aoritronarcv,.'ilola 

Co hre an Dco di /porger corone, &: fi<^r; adodò allr vie 
C.ok^,,hab;t^& vu/cdc-l; lub,taror;ncl Cairo. Sj.g 



R IM O V O L V ME 



Cofluidi;;a-d/érb,' 



_ ---'^nirAkiclìciiiMmilunia,Sch(- 

cjati ila thr:rti..ninilla u'crà d; Feda. ,s p 

Cofir,pcrto dei mare Rodò. * . ' 

ColF^ùpopnii' con termini- aili Med ij ' 75 F fm C 

Cota,re,mo nella proincia de A[.daban,pofto fra rerra 
Cora,tuTa del regno di Cananor ,80 d 

Coraces,montta dei regno di Coca. ,,, r 

Cotimbe, barche fecondo Arriano, li'^ b 

Cotona regione, dalla qualeanticam'-tc era cÓdocwil 
pepCjPhn. p 

Coidanrcgno,longgczzadellafuacofta,ruehabSio 

ni cV tennm,.5Sv.n/Hiftoria. ,,i o/zu A 

Ccul.',m,terra di Cananor. ,8 n 

Cou !e:e, terra dei regno di Calicut. ,gg "J 

CR ANCANOR rcgnonellaprouinciadeMalabaWi 
. oidioircrniini. -^ 

CrecedeecInderdiconolipopolidiCambaiaalriume 
indo. 

Cre(tione,he. ba nel regno di.Tigremahon, icji F 

CrtilitonroqiKal modo fianofatisfarti dalli debitori 

q"."inciif.ino,ò non vogliono pagare iói 4 

Croarione del Soldano,con Vordincde gradi,& vfHci. 

Clelia ina corte. ^ „ ' 

'^'■5;^';:;?^';^'^"'i^^''^'Calicur,conlcnotabili cerimene 

Criftero ndiculolb,fatto à vn moro, da LodouicrBàf 

themainCalicuc. , ^ 

Crecati luogo de Mori,ncl regno di Malabari. \t B 

.CreduanKg;iaiale,s'alìImiliaairaIinoialuatieo.3o<;f 
Croce del vero %no (op,, jl ,j,,,,, f, ^^^^.^^^ ./ •_ 

f™-^',S"«i;^:^''--'"<^hriilo,madatadallaReginaH. 
lena al Re di Portogallo. ° ,; 

Croccportata p inii-gììa da vn Duca nel Giapan.370 B 

Croce e nella Chiiu,non .adorata ne cono/l/uca. 60 o 

li iei Ultori del Prete Ianni.i2tf.B * /^, e 

Croce ner.a,cportatafullaguiciadagli Africani v.S 
Croce in mano port.tno li hati dellaHdiiopia,& le ^I 

tregcncialcollodattedflegnonero. ^ ,„;:';b 
Cru ero detto da Pilotti,al tri.néti Carro dll'Oftro u^ 

EAliundolontanodall'Antartieo ,„ 

Cruluar.fiume della colta di Calicut,fuo fito,orig7;.r 

o<: termini. >"i'v,iin^ 

Crudeltà di vnfigliuolocócrailpacircmadrcccfS^ 



. iJjpcrfirfifignorc. ' r'n 

•. innciadi remc/na. ' n 

Cnulehà,.liHonjarliili,ef;nellap/àdilmcgia.é,£: 
. tezzainAtl.inte. ^ ir k 

Crodi citta nella prouinciad.Rebucc?. ,,yX 

Croco a If ola nel ,ì,ar f ndico,difl.ite dalle bocci, ■ dj- 

lJndo.^o.(ladij,nellaeoiladegliArbi. zVo à 

Cubebe,ne la Giaua.in vii prezzo in Malabar. L o 
Cub,tSar,f,loconellaco(tad-Arabiafèlice. ^l'ù 
coAW°'^'"''"^''''"^'''^ 

C.dàcittÀ,Kll-Arabian.|iee,d!!aqnaleerafignoS 
nuihebuLn padre di Natidà. •• "^ g n 

0,g,ané,lauox;atom,..errainCalicutfuaHift.p?E 

Cujarqueicitt:ulelleprincipalipoftefra rerradd • '^ 
gno di Decani, _ 

Culeibac Clniurid;„,f-o,t,,„;„ Hen. Vc 

Cumbata,citcànellacoftadeCanarini. ,Jifa 

CtèApmuinciadelregnodiNariingapoftandcin 
r h fu.acoftr°"'"""^' Tuliin.u.50o.E/gradezza;uI 

Cunel.anadyri,antico Redi Calicut. Ì^a 

Cuuaigel CdKrben,monteneIi'Afiica. '^^ a 

Cuogari città co bó porto,nel regno di Cabala, ilj B 

^u:°,';'^''j'r;'^'r^^:''^-''^'''l"-^'^'''="^'finnotargh 
lacitta d. !-ena,cV Ino prezzo. ^ . e ■oi cn 

Curat,,porto del regno ."l^i Càbaia. 5.7.0^^. aSJ? 
Cunace,cittàd:Ormuz. '^ .88 d/ B 

Curi,monetaclettaBu,ios,eVfnova!orc.. \ . 3 
Cuna me.na,^ l7(ola,derta Dioicoride. Si n 

rS' ''"' "'^ "^^ '''"«^"'^'^ ^'^"° ^"^'"-^^ 
Cui;du,popoli in Afia habitano ne p.adi<dioni 'sr F 
Cuiaafu,viuandavlataintuttarAfl?caX:omefi^ 

Cuycittànell.acoftadelregnodiSiam. .^Ig 

Cuyia, humedel retano di Manicongo. 'd G 

Cye„K,,|oco fecondo Arriano. 'fo 

Cy;za,loconellac3,!ladeglilcd,iophaoi. .71A/..0E 
Cythnni,luoghiforgicori,fècondoAr?iano: Ig^B 



"P\ A B y H,aninialefua forma, natura. Se modo t4 

Dachinabade,ni,fecondoArriano. "^"'^^Jf 
Ddcn.,,cerra<Ìelregnod-Ormuz. f'p 

tliro" "' '°"^"' ^^'^S'"° '°"° '■' ^^^^"° ^'^^' 

DagnJi,terradelregnod-Ormuz. '"''"'-iti 

X;;S'S°'^''^^^°'^^f^'^-^'-"-oftadegìTÌ:? 

»uo Kcjòc de luoi popoli 

'''^±i?'Vìfu^'^'^f/'^°^'^^^"^^^''5S 

, ne(iadatadalSold.inr.nIl;vf,.nm-',i- ' • o - » 

Damafcludognicoloredauoratineliachina /zoo 
Oamar,attaf^rtilendMfabiaFclicc.i5..a Soó 

Damute, 






Kc di Marocco,ncIla pro-i 
ZT.F 
KlJa pfcidiliTicgingc, fbr- 
I6.F 
iiRcfaiitcs. 517. A 

,di(tate dalle bocche cici- 
tlegliArbi. i7o.i> 

i:cfalnA'(Iiaorigrc.}i;i.D 
■czzo/nMaInbar. 323.0 
'Arabia felice, 170. 
1 1.H 'E di iopia,da Fi-arulcd 

fii 191.0 

[llaqualccrp.fignorcZei 
■'• ^ B4.0 

n Callaie ftia Hill. p8.H 
ali'poftc fra terra del r.'- 

MiHea. 13.G 

binarmi. 58,^.3 

i Nariinga pofta nel con 
mar.3oo.E/gridczza;ul 

,"-'".'■• ,'04.A 

'Alll'ca. jy,A 

i-egnodrCabai"a.297.R 
ale Te ne fanno targhe! 
'•_ Ì4-E/9Ì.C.D 

aia. j27.D/ji7,A/i9^F 
588.D/Z2.F 
IO valore.- 5^4.3 

roride. 2S1.D 

■ticotlctto antìcaméte 
178.A 
ne padiglioni. Só.E 
'Africa, i^c come lì fic 
37.E 
591.8 

1S3.C 

. ,. 17IA/170.E 

loArriano. iSff.B 

:, natura, &■ modo tft 

igliar-lo. 93.A/56.F 

iiJi. F 

>.C/pre/à, &:fKchcg 

2y8.E/3iS.F 

ano- zSrt.E 

291.F 

otto il Regno di Bar 

198.0.148.5 

nella cofta degli Idi 

Bengala molto erti 

. 3M-.F 

iolirò,H;(loriadcI 
Mi- WS 
,&coqaalcóditio 
m.iluahi. 1.^8.8 
-Ha china, jzo.d. 
:e.ij5.C. (180.0 
Damate, 



DELLE NAVIGATIONI ET VI AG Gì 



i Siam. 
:ongo. 

'ophag 



Danni te regno ncH'Ethiopia liabitato da Gentili, tra li 

quali (òno molti cluilb'ani. 249.C 

Dama,monetad'argcnto di Dattecala , vai %-cnti niara- 

"'^^'S- 300.C 

Daman.citrà nella corta lU Cambaia. 3S9.C/;ì7. A 
Danida.porto del regno di Decani. ^i^t.I.^iy. A 

DamianoiliGocsgentilhuomoPortoghdè della op- 

piigiiationeTiirchelcaalDÌii,eón-aVortogÌK-.3^3.u 
Dangali,Regno de Mori in £thiopia,i'uo iìto,& termi 

ni.i49.A/2i2.B. (poli.^o.d 

D.igala citta del regno di nubia,&: richczzade fuoi pò 
Danari, paga no gabella in Alellàndri.i. 8i.B 

Danni dati dalle cauallette nel regno di Angore, ui.a 
Dantctictafortinìma nell'Arabia felice, liabitata da 



•54.F 
92.C 

5X9.C 

2S3.r- 
i8^.r• 

29 ^B 



gii Arabi. 
Danr,animalc,& fuahifton'a. 
Danu.città nella corta di Cambaia. 
Dauco, porco nell'vltima parte del golfo Arabi 
Daphnon j'rande,finme,(écomlo Àrriano. 
Daphnon piccolo luogo,fecondo Arriano. 
Dario Redi l'erlìalignorediGiizarat, ..^,.„ 

Darado fi iime,da Tolomt:o,da moderni Canaga.5S5.a 
Darà protiincia in Africa, &: fuoi n-rmini. 75. A 

Dara,humedi Numidia,fiiaorigrc,i?v: (lioì termi.9o.e 
Darlioni,loco nel mar rollò nella corta d'Arab;a.i7y.e 
Datteri in Africa in molta cpiantita. in vii prezzo.fT4.c 
7o.n.E/perfettillìmi.7i.lV 71.IV 74.D.I7 7^.F/ 77.C/ 
S'2.r/in Egicto.88. A/nell'Arabia felice. i 54,e 

Datteri in Africa che non fi conlèruano tutto l'anno. 
6p.l777.A/trirtilTìmi. -, ^ 

Datteri non amano la pioggia. <;. A 

Dattero <!^" fua coltiuationè. y,Q 

Datteri,ellendo vfati fanno cader lì denti. lo.C 

l)atteri,lòno mangiati in Africa dalli caualli in luogo 
di biada. -.^"p 

Daiiid Re,rrete,Ianni,& fua hilloria. ii-^.A/anni del 
f uo imperio.i42.F/come fuecellc ncIl'imperio.iiS. 
A/Iiirton'.i.iS4.A/con guatinomi è chiainaro.2i8.c 
D L B V V , luogo digran tralfico nella corta di Camlia 

'"■'• 29S.A 

Debeteres chierici nella Ethiopia, defcendcnti d,\ "li 

Krad.'ri. ,.^^p 

Dccam,rcgiiofuecittà,&tcrinini.3S6.C/grandezadeI 

la fua corta.29P.F/hiftoria.328.B/329. A/39S.I3/ hirtor. 

delBarthema. j-jj jj 

Dedes,monte in Afì-ica,habitato da mala gente. 17.0 

Dei hebbeno origine nella corta d'pthiopia , porta fb- 

pra l'Oceano verfò Ponente apprellb l'Adàte. ii2.d 

Delaciuaifola nel mar Rortò,nella corta d'cthiopia " 
290.D. ' 

Delgiimuha,citti fortilUma in Africa,& de fuoi fonda 

tori,&: tiranni. i,_^ 

Dely regno nella corta de Calicu:,& fuoi tcrmi.503 C/ 

3i8.D/3.;9.A. 

Dely monte nel principio di Malabari. iu.F/i4r F 

Demoni vi/ibili ne deferti d'Arabia.j^S.F./con (Lógiu'- 

re entr.ino ne li huomini.34,'.C/appaiono alla mor 

te.3^4.C/quelli che tagliano il fmdalo 3tf8.F/appaio 

no àGiapanefl,& per leorationidifparono .379. A 

Dcmcn(era,monte d'Adante,&: fuo llto. i,. A 

Denti lì padono,per viiir datteri. lo.'c 

Denti fono fegati dai giouani di Tendaya,accio"gIÌ 

crefchino più forti A fpertì. j^o A 



II 

Dente d"r.lefinte,di pelò di.32?.li!-,rc. ,^^.b 

Dentidielefàntediiiodici palmi. i, ^[g 

Denti ili caualli marmi /(>iio hauini in gr.ui prezzo d.i 

li Negri,e\- li portano al collo, per'n;, lcru.;;ii ,|,[ 

viiainlinnità. ' ,;^; ^^'• 

Denatam,rerradiporto,del regnoili Cambaia. v.-.l) 

Denii he lignifica Dio in lingiùdiCiaii,.!!. 3-S "(' 

Deiuilla vocabuli) latini), fono i: Ile ciLbrateiiHellfi 

il giorno di ian Gionanni. ... i 

lXdrobo(à,teriM nella corta degli khrhiop!,;.-i.i'-'o.r 
Derotte città nell Lgitto, edilicatada lUjmannbma il 

Nilo. 'j,, ( . 

Deriie,tìumc in Africa,!?; fua origine. icic 

Defèrti fraNumiJia,ò'c te;ra negVa,.^: faediuifiói.i.C 
Deferti di Libia,neqiiali habi taiìo l.emra. Targa znCzi 

ga,erBerdoa, popoli Arabi,&de(luu terniini 76 V 

76.D. 

Dellrcize mirabili di Mamalucchi iòpra gli cau;il!i,(5c 
con gli archi '' , J j, 

Dertrezza,^; agilità d .Ili Canari|. <,8!e 

Delh-iutiùe di Aula città di Temedia per Porroghefì. 
Defarena paefe,fècondo Arriano.187.li '(\^;.i) 

Deuimanfor Arabo con li fuoi defcendcnti. ^.[J 

Deulen, citta antichillìma i\\ Numldia e^iiiìcata d.\ Ro 
mani,&: deftrutta da MaconK-ttan;. 7,-.F 

Dexat, terra del regno d'Ormuz. j,,',, ^ 

DIAMANTI naicono nel regno di Cambaia.i,-7.B di 
Dcca.ifS.C, ili Narling:.3oÌ.B no miìlto lini uÀì'ifo 
h vicina a Càpaa.ju.H/nel regno di Oriv.i.;...H/co- 
mc fi cogliano nel mòte Abn'i'garo . 344.B, i Paléaca 
te molto ertimati da Mori. ' 180.À 

Diamati dcllamina \'ecchia,detti da Mori Decani , fila 
Hilloria ès: valore. ,', , g 

Diamanti fdfi fitti in India di Rubini, Topatij,& zà- 
phiri bianchi,^ fiiaHilfoiia. ,i,.'[; 

Diam.inte di caratti. i3.chiai o, ^ netto in rocca, com-' 
perato i paliacate da Pietro di Andrea Strozzi.iHo.a 
Dianolo è adorato p la maggior parte d'Alia.jS.^.c/nel 
laGiaua.ióS'.B, in Xariìnga,etCalicutcÓ qual ragio 

i^-""" T ,.^ . iv>C.di6g.A 

Diego Lopes.di Seccheria Portoghcfe,fcop,'c Malacca. 

nb'.D. 

Digiuno della quadr.agefima in Ethirp:a,è ollèruaro i 
pane .v,- acqua.i.'y r/altri digiuni loiighi.i9.j.r,;p b 
penité/a di Niniu.;.i30.Eyiinpedifconu il cf/battere 
digiuni & penitenze de Giapanelì. --y F 

Dùnande chrirtiane fatte d.il Prete i.'mi a Francdco Al 

r^"'''v, . < i.vA/iir..n 

Dinari ifoletta vicina a Goa,nelIa quale f mo mirabili 
edihcij degcntih con figure perfèttillime. tj^'.F 
Dinguil terra nel regno di^Barnagallb. l'^j. A 

Dio in Trinità adorono li Malal).u:. 5ì;o.F/;o7'.1ì 

Dio in Trinità adorato dalli Mangi. ' ,^go 

Dio creatore di tutte le co/è è adorato nel Giapa-^S.c 
Dio L- conofciuto nel regno di Gambra.ioH E (59^.C 
Dio detto Mozimo adorato nel Regno di l^éomaiapa. 
Dio Tabaranc è la figura di vn buri ò d'vn vitello ailo 

rata nel regno di Cechino. i^j.a 

Dio Tabarme è vna pietra grofKi come vuouo port.ita 

al colIo,& ad.irata da Gentili di Nar/iivM. ^o> d 
Diodoro ilòla nel mar Ron'o.2S3.C/ertèr wjtrcbbe'k' 

bei Mandel fua grandezza & f ito, 281 E 

Difcorcfie ifòla. i8,\B/è detta Curia Miu-i'a. iS'i.n 

iij Dioni, 



Viaggi vol.i". 



■Il 



Dion;,port() il,l regno di Cambaia. ^z- C 

Diock.ro iiailo clcfcrdcer del Nilo. iCuCl &c fiic ì ìi- 

Iroric. --. 

DirtàLia.ic-irAtlatcall'iiòle F]e/}HTÌdc,&: dalle Hdt- 
ndc al corno dlidpao llcò.lo Scacio icboiò Coli 
moi'rapiij. ^^^^ 

ài ^''";"!;'"-"'^'^^'"''io.:cii.no;>ratancirccliiopia,(l"ni 

"1 '■■'"! cor/o acl Self mh Àio. ,y^ 

Diftaiuia da L/i-boiia ù caliciu,.:-c i.i qiianci meli li ùc 
tialanai]-;u;on..., j^^ £ 

DiftantiadaÌ'cr,ot;,,ilo,a!liio/cd. liAftori 17/.F 
Dilaiu.adaL/.bonaalic Molliccia-, ,.vòdo il via.'i-io 

Diihnciadàl'orcos;alloalr,i.-,p.-an. 'gj'j; 

??:J''"';'' '!''•>■' '■•^L;onn,aii,'io!cd.M;I; Albori. un.B 
Diftanc.uL.llacoibdcir;aabiaalIIio]adiSan Lor-i 

zo- ,S,F 

Dillaria da terra tcrnu dell'Ediiopia , all'ilòla tii Sa Lo 

rt'iv/.o. 

DilJari.ulal!acoftad'ntI,;op:aall7/bIaZocotora.5r^;!Ì 
l^iltantia ili qiiplc fi ridonano leCanaric. yS b 

D,ftana,^a!^7o_;adiMidcra,a!liroIadiPortoraco..-;7. 

Diftan t,a dalj ./ola delle palme rJl'iiòla del iale. u/.V 

; J^|"-'nt'-"i-iTraprobana,àTarnali:ui. ,Je 

Di Janna, daiumatra,iSaniaucitudiclirilKani nel 
<-ataio. . 

' J^jJ-^^fi-if^SumatraairifolaBandan. i^-r'b 

D> JantiadalleMoluccheàiMalacca. Jò E 

DiltantiadalleMolucc!ic,à Handan. ,7o'n 

Dfllantia dalle Molucche,airi(;;,Ia Rornef. 1 (JS A 

D.ftafacuiri/oladiDalacc;a,all'IloladiAfaziia.,S4.'c 

Diftan tia da capo Verde , alla terra nona, /coperta dal 

Vefpiicci. ' P 

Diijantia da Capo vcrdc,al Rio di Barbacini.fl-opmo 

damclerAlui(edacadaMolto.i36.A. (le u- C 

Djftatiada l'iiolediCapo verde, alla linea EqSS 

Ui^antia da capo Buona Speranza all'ifole reperita da 

Thonie Lopez. ,1 

DiftancùdaapobiacodcllaEtliiopia,ain/blaTeÌc 
ritte delle Canarie. a 

Di (Jan ria da c.:po Comori„\ ^ hhcca. Z p 

DihnriaracapoConioriàCacionn. Loìi 

DiftantiadacapoBiancoalfuimeSene^a. ,oi'b 

DiltatiadacapoGuardarui,allacolhdìratacchi.,8;.e 
Diftantia e a capo Rodo ,al fiunu- di Calamania. 109.F 
Di bntiadal capo Iàrtache,à Curia Mmia. m E 
D, htia da capo RolUval fiume di San Domenico ne! 
Iciloleili capo verde. " p 

Diftantiadalc.;pohcc,uc,al fiume G.in-e. ISd 

Diltantja dacapo Razalgate,à capo Mocandan. 5S8.D 
D.ftantu dal capo di Singapula.a Malacca. yo.F 

Dillannada Malacca allaChina.iSo.DaCalicuc.34.F 
a capo N^raes.390.F/à capo buona (peranza. ;6<;.E 
Dillanada Cahcutà Zeda.uo.F,a Cochino. i./.FMd 
amudiua uj.F/aCananor.H^.D/à capo conìori.i^i 

rvPandcrane.i27.F/aCaicoló..(r3.A.alleMolucche, 
;74-F/in Portogallo. .^ -, p. ,^ È 

DiiJantiadaCayc^,al Capo Fartache. ''''ISÌ 

DiftantiadalPegu,adAua. ^ 

Diftan tia da Lima à capo Mocandan 

Dilbnria da banchala^a Malacea. 

Diftantia da Banchala al Pcgu. 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



Diftantia ilall'vna all'altra Giaua,aIIa parte più vicin.1. 

DillMuia da Tegazza,.\Tombutto,& da Tombutto n 
Mclli, ' 

DilJaMtiadaChatigan,alcapodiSingapuIa. 'j^o/F 

D. aruulalCairao..:, aAIezén,ecicradiAIauritani... 
D; ,,ntKU.dlVnaallatraboccadelGan:;e. ,,o3 
D. bea dal a Wa del Ga^e. alla cittA d, b:^a!a.^,,.F 

DJlannadallaboccadelfiumeSpiritolantoSlla boc- 
ca «(iLuama. , yj 

Diitatiadal rio di Gabra,al fiumedi Cal?.manf:,. Jo^.F 

D, hnt,adaliu.mecliBe(egue,alcapodiverna. ,K-.l) 
D, atuulal luimeSenega, d paelècli Budomd. loi.C 

D.hniMdalIaboccadeirEufiace, in Kabilonia.i74.A 
Diilintiada Dama/èo.dla Mecca. , w, q 

Ddlatiadal Cairo.\Medi„aTa!nabi.5i4.E,in Adcm. 

3H.^/aR.f:iZ48.F/àCana.,;.E/alSues.:74.cl,3i4.1i 
^-.F/adAldlaadria.;72.B,H;eru(àlem. ^'a 

Ddlaimadal Sucs,.d Tor.iS,-.C/al ftrecto del mar Rof 
io. . y 

Diftantie dal Tor,.-il monte Sinai. is-"c 

Di Jantia da Medina Talnabi.al mare RolTo.ico. d'IÌI.» 

Mecca. ' ^ 

m .uia dalla Mccca,al2idem. rsJnU 

IMantia dalla Mecca,à Medina Talnabi. 18,- G 

Ddtantiadal Diu,allacitt.i di Cambaia. m p 

D,ft.a.ìtia,dallacictàdelDiuàCampanel,daCambaÌa 
a Campanel.cHc da Curate h Campanel. ,,7 R 

Diftantia dal ftretto del mar Ro(T-o,ad Adem. ' 

Diitantiaila Adem al capo Fartache. 
Diftantia da Adem all'iiolaZocotora. 
Di ftan tia da Goa a j\ .alacca. 
Diftantia da Goa .à Giapan. 



58S.D 
588.E 
i8i.A 
380.E 

3S0.A 



DiftantiadallacolladiMalabar,alleirolediMaldiu.;;, 



(5.5.B 
Z66.F 
3S8.E 
JS4.B 
134.D 



34vE 
388.E 
3H-A 
itff.D 



Diftantia dal Zidem,.! CameranyiSf.C 

Diibntia d.dl'altaEdiiopia al Cairo. 

Diftantia d^ Curia muria,à capo Razfalgatc. 

DiftantiadaZeilam,àCalicut. 

Diftantia da Mombazza,a Melinde. ,. . ^ 

DiftantiadallaatbdiCambaia,acapoComori.3S;F 
Diftantia da M..dana,aCatiglun. Uji 

1 Jiftan tia aa TarnaiLuiVi Bancbala. ' L "b 

Diftantia da Monzambiciue,all'iiòla di Goa. ,78;b 
D,ftantiadai\lalepur,al'aliacate. , ' r 

Diftantia da Sf:xcalliat,al oiu. "^ / p 

Dillu.tiadaBabiloniaaBal/èra,&da Balfera al colfo 
Per/ico. p 

Diftantia da Cameran,al ftretto Arabico. i oF 

IJiltantia d.\ Cameran.a oalaccia. ,fj- Q 

Diftantia (la Suachen a Rifa citta nell'Egitto. Z48.F 
Diftantia ilal ftretto Arabico a Zeila. ^ iJó o 

Diltaiitia da Ormuz i Goa.iS8.D/.i T3uris.3i<J.C/à cà- 
latia _ 

Diftantia dal Giapan,alla Cluna.383.B/à Cegnigo.^380. 
A/a Roma. .; p 

DiftantiadaCochinoàZeilam.i4i.B/àColom.i4?À/ 

alla cafa di fan Tlioma/ò.iSS.E. Zg \ 

Dikorfo /opra il libro di meftèr Aluife da ca da Mofto 

Diicodofopralanauigationedi Hannone CarthacM". 
nek. _/'„ 

Dikorfo Ibpraalcimc lcttcrc,&: naulgationi fitte pìi 
Capi cani dellarnutc delli ScrcuilT.Kc di Portogallo 

verlò 



ia,alla parte puivicin.1. 

»tto,&: ila Tonibu tto ,i 

loo.A 
li.Sinj^.ipuI.i. jyo/F 
:c).3Si.l- (,.o,l> 

lederà ci; Mauritania. 
uitlG.in;;c. yjo,^ 
II.K-Jrt,i-iiliJg.,!.i.;,-,.F 
spinto lànto'ullaiiuc- 

fcliCa/?imaiif?i. icy.F 
Icajioih'vcrj;,). ud) 

ll'iliBiuionìd. loi.C 
-■, iiinabiloiiia.i74.A 
• H'j.C 

iabi.ji4,E/;n Aikn.i. 
i/.il.biics.i74,i!/3i4.E 
rulàlcin. i4(;.A 

I filetto dd mai- Ruf 
iSo.E 
iS'j.C 
lare RofTc/.ijo. calla 

U4.D 

184.171 fi. A 

'aliiabì. 185.G 

ibaia. 38S.F 

iipancl,daCambaia 
iipand. 517.0 

saiiAdcm. 38S.D 
^•- 588.E 

>ra. 182.A 

380.E 
?8o.A 
ci/òlctIiMalcliuar. 
■•C (5,3,8 

3. 16 6. P 

izfalgatc, 3S8.E 
1S4.B 

ipoComon. 388.F 

lóf.B 
uliGoa. 178.B 

390.B 

57I.F 
a Balfcra al colfò 

358.F 
bico. 



l'Egitto. 



ifi.F 
i8,-.C 
24S.F 
18Ó.D 



uiris.jztf.C/àCa- 

5J8.F 

VàCcgnigo.380. 

3:'9.E 
/aCoIom.i46.A/ 

(9<J.A 
fé da cada Modo 
mone Carthagi- 
iii.B 
gationi fatte p lì 
Ke di Portogallo 

vcrfò 



DELLE NAVIGAT 

vcrfò le Tn.IiV occidentali. m9.A 

Difiorlù lopr.i 1 itenerario ili Lotlouico Bartlienia Ha 

lognelè. ,4-.(j 

Diltoiio (opra l'antithilTìnia naiiigatióedi lanibolo. 

i7<.c:. 

Dilcorlóluprala prima &: (Ivonda lettera di Andrea 
Corl.'ili. ,7rt.C 

Dikorlo ù,[n-à ilcrcftcrdel Nilo di Melltr Girolamo 
riaealKno. 161. 1) 

Dilcorlò (òpra il viaggio deli'F.rhiopia. iSy.A 

Dik-orlò Ijprail creiterdelNiiodi nuller Girolamo 
Fraca(>oro.i.-r4.n (làndio.if-S.I? 

Diicdiio (ii}>.l.inaiiig.itióe di NcarcoCapir.lo ili .Alci' 
Difeorlo lòpra la naiiigationedel mar Rollò all'India 
orientale (critta per A rriano. iS i . A 

Di/corlò lòpra il libro di Odonrdo Barbol'a, &: il lòm - 
niarìoddle Indie orienta!i.iS7.E ( 5;S.1{ 

Dilèorfo lòpra il viaggio di Nicolo tli Còti Veneti.io. 
Dikorlò lòpra il viaggio fatto da Sp.agnuoli attorno 
al mondo, ' <4^.D 

Dilcorlò notabiledòpravarij viaggi, per licjiiali lòno 
ii.ite condotte (ino à tempi noìbi le Ijìetierie , & al 
tr: niKMii clic II potrebbono vl.ìre p coiidinle.37i,a 
Dilc-^rfò (òpra il viaggio, che tanno li Portoglieli T In 
/^'•i- . "" 37i.I7-;7i/I) 

Dilcorlò i\ì vn viaggio più corto per penetrar nell'In- 
dia, di qndlo che (anno qli portoglieli. 374.E 
Dileor/ò ddl'imbalciatordiMolcouia, (òprail viag- 
gio che fi potrebbe far all'Indie in la parte Settctrio 
naie. ,,5.F 
Difcorio ch'il viaggio attorno capo Buona fperazaal- 
Ic 111 !;e,ni)n i>abbi adurar longo tempo. 574.F 

DiMgiograiliillmo nella vcttouaglia patito dall'arma 
ra dcirAlmirante di Portogallo. 144.D 

Dil.'gio patito dall'armata di Mat^aglianes nel mare 
pacifico. _ ^ 3f^.B 

DiKortunateiloIcdishabitatenelmar p.ici(ìco.349.F 
Di(èordia,et vccilìóe era li h<i;liuoli di Mahumctto Re 
di Marocco,p laqualehelibe fine il filo regno. iS'.F 
Dilliric , potei! tillìmo Indiano Signore ddla colla di 
ALdacca infra terra fino alla China. i8::.B 

Diridote,\ iJla in Babilonia vicina alle bocche dell'Eu 
frate fertile d'odori. 2-4. A 

Diuoba (i I R umi,città di gra traffico nella Pcrfia.i ,-f .F 
Diu.i ilola i Indi i done li fino mitili (òttiliifimi. 3,'^. A 
Uiufir terra nella corta d'Adem. icji.A 

Diu,cirta nel regno di Cabai3,& fuo fito .389.A/Mirto 
ria d Cuoi trafHchi.i97.A/cóbattuto daTurchi.ZTS. 
A /detto da Malabari, & Mori Dinxa. 296. F/ Hirto! 
Diul habit.-KÌÓe ndla corta di Cannania.5SS.a (^i-.d 
Diuifioneddl'Egitto, 3,15 

DO A ZAR, fòrte di panni di Banghalla. i(7,-.C 

Doam.tcrra del regno d'Ormuz. ' icjj.p 

Doba,cittàd'Ormnz. ,88.E 

Dobas fono.i4 • (ìgnorie grandi di Mori porti nd re- 
gno di Dangali. io8.C/i95).A/i49.B 
Do(|oa cartdletto piccolo ndla colla di Cai-itiaia 273. b 
Dofarlo,terra nd rfgno d'Angotc. 108. A 
Dogom,portodelPegu. ^.j.r 
Dogana di Calicut n'Iniorc cinque p cento ddle mer 
^ ""^''■:-, iio.B 
Doma dola nd mare Indico ndla corta dlliArbi.iósi.e- 
Doneviue s'abbrudano coi mariti morti, & co qual 



1 1 



IONI ET VIAGGI 

cerimonie in Narfinga.ìoi.C/ne! regno <li lìccain. 

3i9.A'iiiC:ainlH)ia.35rt.C/inG)a.^-o.t: in Bilicala, 
ile Bramini di Narlinga (i (òtterrao viiie,et co ì| I ce 
rinioiiie;oi.FTCabaia.:.;S.F/i77.,A'H2.A 'nell'In. 
dia (ècód i,ì\: co qual cerim(')ie.54i.I i Coroinad I 
345.C'iR;ia'',iaiianiiggi()ie.5';<,'.a il arnall.ni. !(-,,-. 
Alili Sumatra.irtf7.D/Ì>erehe inrtituitodu- s. ibi. ni 
tino coniatiti morti. , ,8, A 

Donnedi Siras fuggite da Macomctto p la lor r .ra bel 

D->nneTlicbanepiacetioli&: belle. 8;. A 

Dóne q ii.ìto honorate nd regno di Benomata[\n.394, 

B/in Africa. "" ,, j) 

Donne IAfiica,quaIe non vogliono ellèr vedute coi» 

te,nc di Ito per te, 6: cleono di cala la m itre. 31.C 
Donne in Tellèttittà in Numidia ftudiano,etammno 

ftrano li figliuoli nelle lettere. -i.F, 

DóncdcgliÀfricai del defertodi Libia, fijno accorta 
niate,piaceuoli,&: honelle. ^.A 

Donne ddli nobili di Barbari.!,^ fimi cortumi. ^.F 

Dóne degli Nt gri di Senega,nó ballano fé non la not- 
te .à luce di Luna. lOf.K 

Donne lei mila condotte in guerra d.il Re di Narfinga 
& con qual ragione.50i.F/303.b (zSS.F 

Dóne lei mila,krueno in guerra il Redi Bc'nomataxa. 

Dóne quattro mila tenuta dal Re di Cabaiu,& quella 
che co lui dorme la notte,lamatiat ritrouata mor 

^ "• T-C 

Donne4oo.arcIcri,alla guardia del Redi Coula.3if. A 
Donne Ain.i/one, liano Regno,& Regina ndl'Ethio 

pia.Mirtoria. 149.D 

Dóne in Africa, quali ammazzao li prigiói fatti da lor 

mariti nella guerra. 16. A 

Donne.So.fitre gobbe,al fcruitio del Re di Tcrenatc. 

^i9.E 

Donnemille fàlarìate dal Redi Calicut, perfpazzare 
il pallazzo con lo fterco di vacche. ;^7.Er 

Donnedegli Arabi del dekrtodi TdcnfinA'diTu- 
nis,lorohabiti,i!!.-colhinii. ^j.p 

Donne ndla terra Icoperta dal Vcfpucci, v.ano del tot 
to ignude,<L\: hano li corpi ben formati,ne per acci 
dctc alcuno (egli Ipicciio le mamdle dal petto , ma 
paiono lèmpre vergini . lìi.b/iu.A 

Donne mentre fono grauide,non fono carnalméte co 
nolciute,dagli Azanaghi. io,_p 

Donne di vn eubito,con orecchie molto grandi 368.E 

Dóne in Africa quali per lieuc cai^ione alìbandonano 



il marito,^ hgliuoli,&: Ci rimaritano. 



51 



C 



Donne iidlaEthiopia,non entrano in chiefa. zzfj.B 

Donna òanimalefeminino, no s'accolla alli monaftc 
rij degli Abillini. ,p._c 

Dona (rtrando la natura al Leonc,lo fi fiiggire.f>i.F 

Dóne .igini nò lòno accettate p mogliere ìiell'ilòla 

Tenerifleddle Canaric,(c prima nò hano dormito 

vna notte col lor lignore. .^s.D 

Dónedi Tarnaflàrifònoilierginatedahominibiachi 

& non da Gennli prima che vadino .à marito.i64.d 
Donne morte vergini non vanno in paradilò. 308.D 
Dónedi Calicut,preganogli huomini che li tolgliino 
ja virginia 12Ó.E " (t-piiibelìtMoo.F 

Dónedegli Azanaghi fi alliigano le tete per ellèr temi- 
Donne in Atrica,a!le quali è'pmeiro ellèrcitare la hif- 

liiria,prinia che fi maritino. u.C 

Viaggi vol.i". e iiij Donne 



INDICE DEL 

DÓncdJlo ftato.li C'.ftatfna fcambuno ma.ir;.^,.D 

Donne.! alaiP.;Gécilul.Calauta.ottolc-,dm.nì.,, 

1 itMU' .ui altro attendono the à belirfi, per Piacere 

Dóne Ione, cónun„-,.V li figliuol; che ne Mafconò,co- 

ineeon,u.,n,m;rii;:a,nat;nell'.i,,ladilalìol«.,'4 

PonecI, tanca hilh.na,cl,ccó/l,aod.i,c.rk-(anno«.^ 

hare,ln,ehroallhuomo,etanchomodicarcadanì 
inali Vi. nenuii. . 

Dónc.l.I re.no eh' T/gremahon.portano p rjalan'tìwa 

vn fonaci,,,,,, companellalòpra la natura. xo;.b 

DonenellVgn, nò voghonocólu.tirc a;;l.- huom/ni 

> non hanno I, lonagi; incarnati nel niébro. ,t6.F 

DonedcNegruId capo Sagres diGuinea, nortao per 
gramlc^alanaturatrapaHitaconvn'anello.Mo.F 

Done d. Malacca amano molto gli luiomini del Pegu 
perche hanno li lonagli nel membro. Jb 

Donetaghatncedllaputadllacre(hdllanntura.86:d 

Isonne .n Mauritania.quali vna co l'altra viino il coi 

to.jp.D , p 

DonnefchiaueinFezronoapprezzate.,,-.rcudirvnà. 

Donncpertuttal'Arabiafeliceportanocalzeibraqa 
a vfan ZI di marinari. ì'r^ 

D6ne,nella terra nuoua Icopta dal Vefinicd a.nmaz 

.orno vn chriftiano &: arrolliro lo n.uìg.S fo"" D 

Donne marmi nelli laghi del Nilo. ^ ''v 

Doramig iobianconalcenell'Arabùfelice, Se ntfan 
no molto buon pane. ,. 

^aikw'''""'^''''""'^'^^'"'"^^^^ 

Drappi Catt'i di legno/ua Hiftoria. ]'cA 

S^::-"^:;5;;":!"::''r-^f'-^''-Hifto^4.A 



TRIMO VOLV ME 

qualita,er accidcn ti del h.o Ar .c.Sg./prefo da Mail 

"Httani.detto dal/ebrei Meli ain. «, E 

tg< ti, m (jual parte aiuiorno , poi che l'cg.tto fu prclo 

Ek'I') inr il cielcimétodel Nilo prcueggono l'abb'.V 
danza.cVIacarclha.Si.E ^ /ijj<' F 

Egidieilolcappullò laCiier/ònefo, Iccondo Arria." 
rf.!''.''':".'' ^';"''' "'''.'•'.l-'''^-' ''^- <^-inarini. ,8y .0 

Ì4K.F 



Droghcrie,^dellinrezzicl.;a^h:;:;';:SS;?:£ 
^ nella nrouinc/a di Malalw. /'e 

Dromedari, fono Cameli corridor/. ,.8 F/u/e 

DVB animale in Afnca fua Hiftoria. " ' Ì q 

DuWu,cittaanticancll'Africa,editìcatafoprala corta 
dvnmonte.altiinmo. ^ I 

Duca d'Alba cf, l',-iIcrcito di Ferdinado Re di ,Sp.agna 

pnonhauer pratica deimbladelGerbo,fuJc4u 
Ducati Venet,ani,correno in India.j44.C (to.70 C 

Duccala,regione.n Arrica,cVruoitermini. ^.°C 

Dupnalasp'ani di babagio molto apprezzati din^ol^ 
lJuin.i,fiume nella Molcoiiia. . a 

3J9-D. 

IJ BANo in molta quatitanchegno di Palembo- 

Ebargat;tidi,teIerottililIime,recondoArriano.l87B 
Ebraemi, terra del regno d'Ormuz. VZ n 

£CHEDDEvoN,móte nell-AfricaA- iuoi termini.. 2 A 

EDIFICI, Romani, I Ned Roma cittA in Africa. 8 E 

ne moteTez.uin.5:.C/nelc<KadodiAiazuna S 

?"nÌt "' ' '" '" ^^'"°P--^°4.A/in Alef 

'^:J:i;:j'.^-'.'^"^^""''""'-gionifonoocc!'£ 

I G , T T o fuo principio,& tcrmini.i48.F/8i. A/ji4.D 



E I N A c EN.luogo ilella .Signoria di DaHla. 

ti tc1.-uer,città in l k.x t'oiuLu da Giudei. , 4 H 

Eithiad.citcìdi Tedle. ,V7d 

£ t A e F A N 1 authore,tratra.lellcfcttec]ualiproc-^o 

no dalla tede Maconii'ttana. 410 

Clcoth (cxódo l'opinione dVna fetta è vn'huomo nel 

i| ";ile li contiene tutta la fciézadi Dio , & in quato 

alLipereccomeDio. * J^ 

ELuTir animale,colcuoiodelqualcfi fanno finililniè 
targiic in Africa. p 

^'';;,^";''''/:".Ì'^^-^,^'-°"^'>'.^'^'^ono luiomini di „,imu- 
graifoditicoth. p 

Elboni,aiithore Caballifta. ^^'l! 

ElcanelininFdrafbnoinueftigatoridithefori. V.C 

ElcaiedNabd,r.negaroLocotenentedel redi Tunisi, 

I luoi mah portamenti muore dilperato. e. o 

E eab,,fcrutore del libro delle parole di Macome.4; B 

F r3l'lR 'f'"^''^';''^8'-"o,polbf-ulNilo. S8.F 
r. vttori del Redi Cambaia. ,,_ v; 

E emo/jnepvim'cmortida,eapoacrinclgiapa. r7;.c 

l'/pcnfate.u.F/deGentii;, ... r,.^. „ 

EKy^agpoctaSatiricoCunatinofcrifll-IlinguaArà- 

Elefante fiume,(l.condo Arriana. fsi F 

E e&nte,promonrorio faondo Arriano. i8 'f 
Elefantc,cVfuaHiftoria.,-8.F/.4r 

oda cacciatori ^..Cl & domcfticaco. 540.B/ 

Tic(t.cato,H.rtc,ria.5.5.F/ti„udidelfaoco.,75.C/foc- 
tezza.:rff.lVHiftoria..4..A/vf:ui ,ngaerr.a. POE' 
Memo.,,.,8._F/a.ptiatiduom;ladt.cati.i,-9:A;^^^^^ 
veduto a ragioe^i palmo.iSo. A/cÓ la tróba prède il 
cibo,&conquellaof}ende. ,^ e D 

ElefnueJ.mmaèpù.fuperbadelma/chic,. 'i^pb 
Elef:mt. d. Pietro Ob/Idiana, dedicatala Auguft^ino 
nel tempio di concordia. "^ ' ò J 

nSe:JTM '''""'''■"'"P"^ '^' Eilèhrauardi; 
nella legge di Macometto. p 

Elhunì,citta n.l|-Egitto,editìcatadaPharaone, itlt 

vnpicciol ramo del Nilo. ' ofi 

Elgazznli dottiamo, fcrilll. fette libri fopra lale'^i; 

Blezailscitti in Africa pref, da barbarofla. "^° C 

Elpoha,cittàdiHafcora,edif^catadalliplebddfTc 
ElginmhacittàdiA.gar,&fuadertruttion. Ilf 

1. '^'ai'wiaoicauaclcrcoin Africa j.c KC-r n 

tlhea.nibtabilhafcn,dellacitràdi SSi^^^^^^^ 

. f'tiialcfopralaJcggcdiMacomccto. 40.G 

Elharit, 



'^'^c.SS./prcfoda M.ui 
/min. 8;. E 

loiclu'rcqittofuprdò 
8i.| 
' prciicLjgono l'abbó- 

ic(», (l'coaiJo Arn'a. 
aninui, jSy.Q 

idiD.irila. i4S,F 
Ghuki. I4.n 

Ic/cttcciualiproc'.'do 

41.Q 
l'ttaèvn'Juioinond 
itliDio, «SLimiuato 

40. F 
ile lì fanno lìnillIniL' 

14-E 
)Juioinin) di miiioir 
4C.F 
41.A 
orididicfòri. 4i,G 
ucdclrcdi Tuni.sj> 
iifporato. ^4.0 
olediM.iconie.4N-.B 
oda fui Nilo. SS'.F 

neri nel <^iapa.;7<;.c 
■e di l'e/Ia , c\: come 

h;.e/p4.p 

Icri/IcI lingua Ara- 
6).D 
iSj.F 
■liano. zS^.F 

li}4-F/comccprc- 
mcfticato. 540. B/ 
ifp. C/comeiiada 
lei fuoco. i75.C/foi.' 
i in guerra, uo.lì/ 
iducaci.if9.A/.;or.c 
:ólatróbaprédeil 
104.C.D 
.ifchio, ijp.b 

:atida Auguftino 

281.F 
: di Eilèhrauardi. 

40.E 
iPharaonc, (òpra 

S8.G 
brifopra la legge 
cadiHUiaritllìnu 
40.D 
roda. y.G 

occo habitata d.i 

i(J.E 
dalli plebei di Te 

25.E 
ittionc. 46. A 
Z93.A 
iglìAfricai.u.C 
'lfrica.45.F(i7.B 
3a/ra dicitore /pi 
'• 40.G 

Elharit, 



DELLE NAVIGAI 

Elh.irit,Ibnu,r.fci1,dì Hag.idd.lcritrorc reprobato fi)- 

pra la leggedi M.ihuniert(i. 4r...C 

F.lliainnia,città nell'Africa t:diftc ita da Romani. rty.F 
Elilìr,m,ittria qu.il tinge li nietalio.et è ricercata da <;li 

Alchimifti, .f\i) 

Eliobon.tcrra di porto nell'Arabìadefcrt.!. ii;t.l? 

Elmahdia,città nell'Africa pofl.i lui Meiliterrann. 6S.F 
Elinaluli,predicatore, tir.'.nno di M.irocco. i.C/iS.A 
Elm.idina, citta di Ha(cora, luibitata da gente liberale 

ver(ì) fórellicri. u.i) 

Elmidina.citti» delle principalidiDucciKi. 10. A 

Elmuddeuuana, libro ^- compendio delle Morcfclic 

'■«'J.'p'- 14.B 

EllumlnEnnoramita, cioèdimoftr.imcntodilimie, 

opera nel la Cab.dà. 4,.i{ 

E M o 2 A I D I , popoli Arabi habitantì nella terra di 

Zanguebar,ioroorigine,& Hiftoria. 5S7.C" 



I O 



l A C (, l 



ElKr, 
tra 



«J 



nelrc!^; 
Eilèrci )i 

E^Iérciu 



Empiaiho fatto con lume di rocca & Solimato,è vl.uo 
d.i Negri ilell Ifola San Tliomc per medicina <lell.i 
rognaA' del mal Francefe. nS.D 

INDUCO in moltaqu.intitàinC.imbaia.54f.B/i79.F/ 
di colore fimilc al Guado in Africa.73.C/lùo prezzo 
inMalabar. U4.A 

Enn3,cioè olio fanro col quale li 'gétili di Calicut lì vn 
gono il capo in vu loro fàcriricio,per hauer indulge 
tiadepeccati. l'ii.A 

Enlìatodigambe,natifcono li Malabari. ^l.A 

Entrata di ducati aucento al giorno, ha il tempio m.ig 
giore ilella città di Fcfl.ì, & come difpenfiti in bene 
riciodepoueri, ,2_p 

Entr.ua del Rodi Fe(ni.4?.F/irt-.B/diTelcnfìn.6o.B/ del 
rUola del Gerbo. 70. C/ Guargala citta di Numidia. 
7f.C/del Redi Borno.80. A/dèl Zibit prima che fof- 
k drftrutto dal SoIdano.8o.E/Di Barn-igallb, Tigre 
mahnn,ìs: R,algada Robel. ' iac.C 

Entrala aiicgnata dal Re di Coul3m,alla Chicfa di San 
Thommafo. ,,, p 

I p 1 T A F F I, delle fcpokurc di tutta la Barberi.a,fbno 

Latini. 8_^ 

Epigraniina,di Propcrtio. ^s.A 

Epiphi,il meii'ili Luglio,fccondo Arriano, 184. A 

EpifloIadiMallìmiliano,Trà(iluano, al Cardinale Sai 

zurburg(:(è,dellanauigatióeattorno il módo.347.R 

E R A e L I A,città nell'Africa,ediiìcatadaRomani.68.D 

Eridirco fignore della regione diCarmania.ilal cui no 

me il Perfico è detto Erithreo. i^-.b 

Erithreo,quati mari cóprcda fccódo gli antichi. 281'. A 

Ercocco porto nel mar roflb de chriftiani Abillìni.185. 

B/i 8<j,I/fuo lìto.ióo.C/ nò hano .altro porto. 514.A/ 

elTcr potrebbe la città d'Aduli. is'j.E 

Eri,città principale del Coraiam. , jó.q 

Errif regione di Fe(IàneirAfric.i,&: fuoi termini.45,'.A 

E s e o M M V N 1 e A T I o N E t molto tcmuta in Ethio 

v/f ■ ..^ MJ-A 

hlcufationc di Giouan Leone in fua difefa,per fcriuere 

la Hiftoria Africana. j j q 

Eflercito del Re di Fefla all'imprefa diTczfi città in A- 

frica.i(j. A/ alla recuperatione di Mecnafe. ?i.A/ alla 

città di Telenfin. ^ q 

EiTercitodel RcdfGranata cantra i! Redi Feiracódot 

to da S.ahid ili cafa di Marin. ,0 A 

Eflercito del Re di Tunis rotto da Abuhena Re di M- 

ia,Sc lì Re fatto cattiuo,& poi liberato. 70.F 



• Mi.'I < Pcffiinedel Sv)ldanodi Adtm,c3- 

ElléTcitocI, MahumetwEnai Re di Marocco , mt'to 

' ^' ""• iS !■ 

Kh pruno R ila rad di Qt,.,tt.i,s,rotio 

Uhuujctt.) nere di Dn hi. ^B 

. •'dulM,|;,.i^,,„n,, _„ .,.,i;o,in 

tra le citta in Africa vcrb poi, , Hi ^o ^ 

Eflercito di rto . mila combattenti d. < u.npc F neiii 

Re.(iMarocco,rotto&n.ort(,alcair.!todel!'Atiu. 
JainCathalogiia. /e 

Eflercito & vittòria del Re di Maroccu.contra U dì^L 
nentuliLheminlieretico, ^_ j; 

Efll-rcito di Beiezid predicatore contra Mahili Meret'i- 
co oc d Calila del Cairaoan. f,*j v 

Eflircico dElcain calila condotto da Gehoar /Lhi.ìuo 
qua! acquilK),la Barberia Numidia , Euitto , oc So- 

l'in 

ElU'nfcitMdinodi Fella, vccife Habdul.ic Redi Fedi 
<Sc (ue.eile nel regno. ^ p 

ElìhnuI,liumed'Alnca,nalcc nell'Atlante. p"b 

Ellehrauanli di Sehrau.id città 1 Coralàn , Icrittorc nei 
la leggedi Macometto. ^ 

Efperienti.i futa da S.ibain capitano di Gog,,,IlòIa nei- 
1 auha,de la lortezza di quelli che lo vo^diono lèruì 
re in guerra. " ic8 A 

Efupaihila,Caltello lii' Scgelmclll habitato da i-li Ara- 
bi. " 

E TE s I E caufi del crefcimenro del Nilo fecondo^li* 
letc,ÒL' Iona li venti di Ponente.ir.j.r/ fecondo Dio- 

doro.i64.E/rileritidalfracaftoro.z64.A/qu.adofiH 
rano lecondo Ariftotilc.z65.B/lbftiano dal mare ver 
lo la terra nell'India. y^ q 

Ethiopia fu cognita a Greci al tempo di Tolomeo ida- 
deilo. . ^ 

Ethiopia da Latini,altr jmenti terra de Negri verfo Po- 
nente p 

Ethiopo promontorio coli detto da Tolomeo, da mo- 
derni capo Nerde,da Negri Ri(èneghe,da gli habita- 
toriMad.!ngan,,^luolito. ,,0 G 

Età,de popoli di Barbaria,Numidia,Libi.i, c^' terra ne- 

Ettalchearborcproduce gomma, con l.aquale lì fahìtì 
cano h maltici. 

Ettelle dottore Africano /crittor dclli miracoli dfvn 

lantolopra li Leoni. ^ 

EVARiziN prouinciafopra il fiume Ganges. S6.F 
Eude,ifola nel mare pacifico,habitara da gentili, /.o. A 
Eudoxio fuggito d.il Re Lathyro riferito da Plim'o. 
clxvij.del.i.noneflc'rfiuololb. „, n 

Euforbio,&: fuaHiftoria. 

Eufrate tìume et fua Hiftoria fecondo i Mor/.z^^.E/del 
Barthema. i j(J. d / sbocca nel Golfo pcrlìco vicino a 
Ballerà. ^^jj^ p, 

Eugenio papa fcriflb a Ciriaco Prete ianni. zco'e 

Eunuchi del tutto li fanno nella Giaua.ióS.D/ in Bcnca 

la.516 A/nel regno di Cirote.3yi, A / fono apprezziti 

in Fefla ducati.40, '^ j^ 

E X E R Aquirimanc,terradi Siech Ifmael, iii.C 

E z A G o t N , città d'Habat in Africa. ' 46 f 

Ezla,dtràdiTcdlein Africa. ^6 C 

Ezzeraghi,capitano del Re di Feflà.all'imprefa, di fez 

la citta in Africa. j^jjj 

Facilini 



INDICE DEL PRIMO 



FA e II I N I nella cittA di Idlà,qiianto fiano bene 
Old/nati. ,, I) 

F-v'iuoiodcl p.icfcdi Riiilonu-l grodòcomcviuno- 
(ella I.>ì;.i; piìiay.;i.uiMli\liiiiT(i toJori.ioj.H/io^.A 
Fanzara cicca in /\(ni.a,&: l'iui ctliiuatoic. ;o.l\ 

Fanocs moiiLCaiicI rk'i;nodi Coca. ^4i.C/ vale trciicad./ 
imraii«l;s.ju.A/(li)ditilólilù!ivciktia.?ii.r/i(9.1) 
Fanciulli (òtloinitii in Tunis più stàaiacithclcpiil li 
ciii-Mciutrici. (jjj^ 

FandulliEiinuciiidcl cucco fiicci ncllaCiaiia. irtti.i) 

Fanciulle di ilodcu" anni quali ilcbboiii) cflcr mnliitc 

carnalmeii e dal Re ili Aracani.come e (pciiinticaca 

la lor buona coiuplclliont. Ji6.1) 

rarcachrc5Tiu>,ncllacolbd'Adc,&:di(lu)ip|>Iì.tpi.A 
FaiMzola,pc(àlibbrc.}2.(bctilcdi VcncciaiScc vlàta in 
Calicuc. ,6,x 

Farh,hcrba,ilecca da lacini Medica. 7^.C 

Farcachccicca pi inripale del regno fu-cach. jSS.E 
Farina de peici lècclii,apprekntaca à Nearco ila ^U kh 
thvorha.v'. ìti.B 

Fatina ii'orzo v/àti p dclicatx) cibo.in Echiopia.ip(5.I7 
in Africa. ij^Q^ 

Farciju.igo ncllacoila d'Arabia defcrca. i8o.B 

Farion.cerra cój^ion ca con Alellàndria.lfola al tcpo ili 
HomcrodcctaPharos. 2Si.C 

Farhon fàmiglia,li;^nori dì Azntì ciica in Africa . lo.E 
Farnonc,p(ccucorìleMoife,dominacordicuccoil Md 
do,pcr ceftimonio di Maconiccco. . y,c 

Faraone.cdificacorc del Palazzo di Faraonc,citc.i nella 
Africa. ^^Q 

FaraonCjOucda dio (()nimer/b. 274. D 

l'aiaoni.poccncillìnii dominacorl rlcIl'Egicco. Si.C 
Faraca,vi.r'ò Africano (ìgni.tliuiderc. 
F.ircala,hab;:arione in Nuinidia. 
Fal]b,h lime detto ci.illi Antichi Phaiìs. 

Facma:Hp,l;uoIadiMacome:co,nioglii-diHal;,fig|/i,'ò 
la di vn Tuo fratello, '' ifo.H/ìi.E 

Fatig3r,Rcgno pollo nella cftrema parte di Regno di 
Adeljiua Hiftorfa. Ì42.C 

Fauola perche gli Ichthjophagi .lano detti mancia 
P'-'''-'' 2-ì?A 

Fauellade gli Africani è fimile alle voci de gliaiali.i.B 
Faucdel paeièdi Budoniel,^; luadilcretciòne. loi.E 
F.iyale,lf()Lulelos A/ores,<Sv: ilio (Ito. 770.F 

Fede di Mahunietto,&: (lio principio. "" 7.0 

Fede de gli an tihi African i. y"o 

Federico Fel trio. Duca di Vrbino. 147.3 

Felice Arabia villa predò alla marina. 2S4 .F; come (ì- 
tuata da ThoIomeoA' ellèr potrebbe Adem.iiS2.D 
Fcrnado Magaglianes Portoghdè generale dell'arnia 

taSpagnuolaairi(bIeMalucche.H8.A,5<o.D/ct')giu 
rati a (noi danni.554.D/(ua morte, jp. D/)6i. D/cm 
lach'elmo(leatalen.auigatione. ^^r p 

Fernando da Poo,l(bla n.'lla co(b d'Ethiopia cflèr no 
crebbe l'iiòla delle Gorgone polla nel Colio ^ii cor- 
no d'Odro riferito da Hannone. lu.A/ii,' F 

Ferro,i(òla delle Canarie habiuta da chnlbani. vs'c 

FcnoA' (uè minerei Africa.ij.li/if.B,'2?.E/i8.D/ffC/ 
7nB.74.E/f2.F/«.B/In Barcccakjoo.B/iall ilbla Té 
daya.uo.A/neHiiblal-llipina, ijr,.A 

Fcrro,dcl q naie nò li caua acciaio, nd mòte Bcniiàli'id 

ili niliCS. a 

Ferro,corre per moncca nel regno di Angotc, 2!o,*A 



VOLVM'r. 

Ferrolibre..4.datope;pc(ìdiedd'o, .. ,fo D 

Krroemolco,p;-,/,/,,t., n,.||'lk.iedln.,,i y,.. ;n,ir>4'.\ 
Ferro, non hanno I. Negri ,!J capo .L ^rcs di cuL 

'lea. ° ff 1 K 

Ferrera gcntilhnomf) naturai, delia circi di Sibilla, (i. 

Kn"''-de!leCanarieha!>itatedaChr:ilian;. 9» B 
Ielle prmop.ih- oderuace à.i gli AbiilimV^l; i/L,li t.'. 

Pi die ila noi (ono celebrate. j, , q 

FelK, Cucadagli Arcegianl nel Caii-o, in confblationtt 

•liqu.ikhelauorononp.M '.ed'ito jjf \ 

Fc(hj.uruUgliEgitu,pcr.ill.2rcz*adekWc:n.e»ca 

Fdbtàccadillcdonncal mioiioRediC.'.HcuL p'(n- 

to il primo annodd duolo. .(^^ jj 

Fdje (olenne.iegli Indiam', .V dia 1 Ji(t„ria. \- r F 

FdIarcgnomAlric.i,(bedin.iii.)ni,c\ondcheb.,etÌ- 
col.) di Regno.27.1)/(ue regioni . , ^ 

Fella cict.i,tapo del regno d. MauriC3nia,ruo eiiifìtaia 
re,^:deiuoi primi Re. ^, jj^,^. ^ 

Fczze,, habitationei Ali ica nella quale vi fono poli; 
molti grolh cailellihabitat. .la nulli popoli, io C 

l;ez,mioua atta iMauritania,&.- (ilo ciiiLatore... ' D 

Fez,hunie nell'Africa. ' V 

FI A T o di Cocodriili,rcndeodordigibccco. <n C 
l-iamcdi lanca Helena,(in i\icolo,dN: (anta Chiari ap- 
r ff °""^"-»"ì;"'«i nelle Ibrtune.jyj.A/^ói.F-^ ' p 

f ich, d, Neci" (ono i migliori di regno di Timis.64.A 
Iichi d vn palmo,ndl'i(ola de ladri. 



^62.E 



i.A 

74.1D 



Fichi longhi mezzo braccio,in Pulaoan. ,„^ ^ 

Fichi in Amiadiualonghicomecitriuoli.al guftogr.!- 

tilhmiA'pgr.iquanticàchc(ènemangfanóo.fea 
dono il (lom.acho. j n 

Fichi i Africa Ci li nd fecard lì cóuertono [farina. „ A 

Fico Egitcio , detto dagli Egitti, Giumeiz , (i,a Hillo- 

Fiera duncrcitle nella regi,',edi Guzznla d dùoi med 
nd q tepo h foicllieri fono abati di publiai.'o 6 

ligine deSanti,qu.di d dipingono ndle Chidè ili 
tchiopia. .. 

Figliuoli nella Giaua, vendono il padre vecchio, accio 
da mangiaco. j^,^, j. 

Figliuoli di I.lris edificatore di FelTuloppo la mone 
dd pulre diiiilono il Kegno,.^:furno lc,,cciati.4(;.F 

Figliuoli loiio di ql padrecheglic dilegnato dalla ma 
dre,mCal;ciit. ° ^^^ . 

Figliuoli della lòrella del Re (Liccedono nel re^no 'di 
Calicut. " p 

Figliuoli delli Poli.ari , Se Hitaiu vii gente di Cp liai t' 
co qual modo dano nutriti. ' ,(j^^_^ 

Figliuoli fono impegnati dagli Arabi di Barcha.per'vi 
nere. ' „ 

Figliuoli in Malabar, né» polFono elfcr da più dd "Pa 
.. P ,.;5'-E (pan.ry.D 

F.g uioh fono ammazati dalli padri poueri ndGia- 
figluio o qual amuLizzò il padre,h madre , & none 
(ratdh per larii lignored'Ormnz. h^j a 

I dippo Apoftolo Hidoria tome fax Chriftiano l'Eu- 
nuco .iello regina Candace. ^q, ^ 

Filippo (nate della vidóe.tenuto fanto da gli Abiillni. 
ce Ina I iiftona. A 

Fieli. gjiabicatione in Numidi.a. ?!' p 

Fil.are,&comc(iavlicodallc donncdiTunis, jy.A 

Filiplna, 



'.D 



cid'oi 1, 

)ll' lì litui 

I f.ipod; ^agrculigui-. 
fTo.B 

icll.ii;tt.\dis;bi;Li,<i. 

•«iaChnili.ini. ^h B 
Aliiiluii,aJiiiftclli ri'- 

,.iir<»,incon(i)Inr.onc 

L-iliicn. Sc.A 

rc/za lid crcit 'mfnrt j 

f>f.C 

Ri'i!i'C.'.Iicut,ii.:(/:i- 

u 1 h'ftori.i. .'.(j.F 
ii,&.ondelicb>)c ti- 
>•'• i.Ii 

iricauta,ruo alitìtata 
Jt.U/iS.A 
i quale vi fonopolH 
i riahi popoli. 76.C 
uo ciiifatatorc^LD 

rdi'pihctto. m.C 
,<!>>: lauta Chiara„in- 

IK'.JyJ.A/jól.F.Mf^^.F 

ìO7.17;j0.P 
-•gnodiTiinis.(;4.A 

;•■• ^ff.F 

aoaii. ^6i.E 

;n uol l'ali; urto gra- 
ne mangia nò cfca 

rtonoitanna.31. A 
:uniciz,fiia Hirto- 

9).D/sa.A 

izziilail duo; indi, 
tti Jl|nil-)l;a).io.l> 
10 nelle Chidc di 

, ,. ''^•" 

Idre vccdno, aedo 

lluloppo 1.1 mone 
uno(c.ieciati.46.l' 
lilc'gnato dall.T nu 
161. A 
onond regno di 
lóo. E 
gente di Cilictir, 

iidiB.irch3,pervi 
71. D 
lltrdapiudelPa 
(l'an.^-y.D 
ipoucri ndGia- 
:niacii-c,&:noue 

U6.A 
Cliriftianol'Eii- 

103.E 
)dagliAbiJlìni. 

74.F 
iTunis, 77. A 

l'ilipina, 



DELLE NAVIGA 

rilippina,o vcro,Tendaìa,Iii)Ia nel ni.u delle Meline 
clic ruo(ito,&: ile ilioì populi. j-rt.A 

Filato «lei quale ne tiiimo ( irciegli Indiani tolto dalla 
coperta (Ielle noci d indì.i. )oo.F./)ij(.B 

Finodiio 6aKiatìco,dcl l'ile le ne fanno archi i Tóbut- 
Fiori.Ifula de gli Allori. 17J.F (to.-'S.l) 

Fiori p tutto r.:pn( in Caliciir. irti.E 

Firor,ilòla nella bocta del Golfo Perfico. 1R4. B 

Fiume grande nel quale fi ritroua gra (luatica di Oro, 
ncllaioik 11 capo bona fper. ■ ny.E 

Fiumcdi sa Giouani pollo nel G u od'Argin nel qua 
Jcfi veggono CaiialliinarlniA-Cocodrilli.iiì.Cef 
i'cr pi >trcbbc il tiiic Ghrete riièritu da Hannone Car 
thaginerc. ni. A 

Fiumi di fuoco,& latoftaddi'Ediiopiaaccdla d'ovlo 
r; , edur ; da Hannone nel 1.1 1;, , nauigatione, 
t i/àcherindurtcartriuereqrtaapcabugia. 115. F 
lumcdeiroro.&fuofito. nj.A 

liume largo nella prima entr.ua fei,(nier otto mìgli.i, 
ritrouato di nicllcr Aluile ìL Ca dà Molto nel p.ie- 
fe di Cambra. lotf.B 

Fiume qual p via lljtcranca mette capo T maroco.19. a 
Fiume grandi'lliiMo nalcend regno di Damutc.di con 
trariocf-rlbnlNiio. ' 149.E 

rìuiiif,è\: di loro aiigume'todbroA' ddinatióc.itfrt.F 
r^iumi,&: caule principali.iid loro crdumcnto. 11^4.? 
Fiume laigo nella bocca miglia vcnti,nellc ilòledi Ca 
J'o verde. joy.F 

Fine pollo tra Qiiilloa vecchia A'Quilloa nùua.i54.C 
Fiume di i».Doniico,nelle ilòle di capo verde . 105.F 
Fiuineilil.'intaMariadallaNcuc,ne!la cofladc Negri 
/coperta da pietre di Sintra. ui.B 

Fiume di bori legnali.ndla colla di Ccffàlla. 1)5.? 
Fiume dal (,'iie,porto d-.'l regno di Goa. 319.0 

Fiume di S. .Anna nell'ilbla di capo verde. 109. F 

Fiume in Zeilar.i,nelquale luiicono granate , zaphiri , 
hiacinti,& topati). ' i(J,e 

Fiume nel Pegii,qual I certi meli dell'anno tato crefcc 
che vlcédo di vafojallaga vn gradilUmo padè.jif^.E 
Fiume apprcllb il capo di iiantaMaria.largo in bocca. 
ioS.mi"lia.553.E/luo lìto. 370.C 

Fiume delle perÌe,in Africa- S^.F 

Fiume de fumi,pofto nella corta de Ncgri/copcrta da 
Pietro di Sin tra. ,ji_3 

Fiume lalato,& caldo in Africa. «o.E 

Fiumi li pili notabili tli Barbarla, & di Numicìia. 

89.D/E/F 

Fiume dde palme,pofto ndla coda de Ncgri,lcopcrt.i 

da Dietro di Sintra. m.B (to.^yoD 

Fiiie A^.lc /òrdelle.jH-FMlrrimé'ti Sata Crocc,&: fìio fi 

Fiume dd laeo,detto da Moderni Spirto lànto, ndla 

coftad'Ethiopia. 591.D 

Fiume di fan Vicézo largo nella bocca quatro migli.i, 

_ nella colla di capo di Sagres. ni. A (ro.jji.D 

Fium MafIchmin,lbno le città vcrlb Sahid oltra il Cai 

1 iumicello di acqua calda in Numida.75.F/In Elhama 

città d'Africa. 70.A (nicc.344,F 

J L A V T o , fatto ad imitatlonc del becco dellaPhe- 

Florida,có qual parizo.coftcggiatadal Caboto. 174.F 

f ^u'^o «^^^cflulTo dd mare dricto la colla dell'Africa,lì 

iio ài Tropico ni Cancro. 1 1 ó^.D 

Fluflb.&refluflbddmarediCalicut. iio.B 

FI uflb di quattr'horc,&: refluilò di hore otto nel mare 



TIONIETVIACGI ,4 

ddleifoleiliCiPOverde. n .H (ia.ii)r.C 

riiiiro,& retìullbai mareliultco,i)dlaeolluli Cibi- 

fvof MI , lkrepit;,|ih.iii,c\: grilli inhniit,vd-t),c.- veda 

ti da Hannone nellacoftaildrEthiopi.i.iii.|/iini> il 

giornf>pie(cntc-(i Aggoiiodaqllidieniui;;an« la 

tolluu Vnega,Gltine,i,òC delle Mellegii '111;'. iij.D 

r'uoco,(Sc Sole,,idorati d.igli .-.ntidii Africani. 7.C 

Fuoco è ogiii,in(».Kcetr no (Il pupilli <li lì.'noir.itiixa 

dal loro Re,ì lè^no di fiigge:tióe,&vbi\.ié, a.i.S9.A 

Fuoco cótiiHioneìi'ilb'aWiicopora. V')'C/r^.B 

logliedi ló||;htz/a In' braccia vinte p fcriucre in Mala 

lxir.,N';.C/aItre foglie |) l'Indi.i. 340. D/344.D 

Fogliedi palmiere in vii) per Icriuercin Culicut.joj.C 

jii.B/uf.F 

Fo"lie di Tàbor vfitc ^ mafticarc dal Sold.ino di Cam 

naia. ,p.c 

Fogliediarbore.quali viuenoj&caminano. 3^4 C 

Fcgl ia di fico d'india.è in vlb per mangiarli fopra i Ca 

licut. 
Foglia con la quale Adam fcacciato dal paradifo copfe 
Iavergogn.i. 95.C (.,-j7.D 

Foglia del Betelle, ouer Beire, releuatadal naturale. 
Foglie d tìchidóghe vn braecio,nell'i!óle d l.ulri. 3(?.F 
Foglieta d'oro è data iCalicut piede dd matrimonio 
alle donne,li comeapprellb noi rannello.307.D;di 
lei li prillano In morte dd marito. 30S.E/ ladiman- 
dano.Qiietc. 331.D 

Folio Indo dtto da Indiai Bctdlc,&: Illa Hiftorla.zgs'.F 
Fortczzed Portoghefi,mina nellacolta d'Alìica.ii<).B 
i4f.E/j93.B/Mó/abique.iS9.E/38^.D/i diuerii luo- 
ghi de NegrI.38f.E/38'j. 15/ Cert.ila.iS8,C/ Quilo.i. 
z89.E/ nella ilolad'Argin.yv.C/Zocotora. 191. B/ in 
Ormuz.iS8.C/i7S.C/iy4.E/Goa.i78.C/iCluul)89 
C/ijz.F/Chaldn Calicut.3Ìi.E/i79.B/58p.C, Bacai, 
ndla colta di Cnmbaia.3.S'9.B/ in Cananor. 3Si;.C/ 
3n.B/558.E/;nCodi;noful rio di Ripdhn. i4(;.A 
312.R/ vari) luoglurcferitiilal Barthem.i.i7i.A/in 
Coulani.589.E/^5i.r/Malacca.iSo.A/3i8.D/iTerena 
te37c.E/ 377. A/ Cnfi di fattoria nella Sumatra. 
■!iN F;fitta dal Ve/bucci. uy.H 

Fortezze de/iderate dal Prete ianni,p poterli congion 
gerecon chriftiani. jì^.ij 

Fortezza an ridia delle min - di Ceffda , fua Hiftoria , 
Fortezza d i br.icdo delli Cuiari)..98.E (^91. A 

Forte vétuia,ifola dllc Canarie hnbicata da chriiliuiii, 
Forna d'Argimcolfb nella colla d'Ethiopia. 9^'.F 

Formidie rollè come gamberi,acconcic col pepe fono 
miigiate dalli M.igi. Hod:)/^^.? 

Formiche bianche nel paefe di Budomd.chc tanno ca 
le nella tcrr.i alle bilce. 104. A 

Fermento nell'ilbla di Sa Thome fi rilbluc T herba, "& 
nò fafrutto,p la grallezza del terreno. nS.F 

Fordlieri nò parlano ad alcuno ndla Ethiopìa.fe pria 
non hannno la parola del Re. aiid7iu. A 

Fordlieri fono molto honorati ndl'Africa.u. F/Ì4. A/ 
2i.F/i3.A/(r.i.A/7y.C/io.D.78.B/ negli Azanaghi. 
101. A 
Fordlieri no entrao nella d ttà dlla China.5io.B/ 337.B 
Fordlieri ndrEdiiopia,có qual ragióenó fono laida 

ti partire dal Prete Ianni. 
Fortunate iible,lbno le Canarie, J48.A 

Fongaz,porto ddl'ifola Madera. 133. B 

Fóce di ac^ amara,& torbida nel mote Beni Achmcd 

in Africa 



l! 



in Africa, ^^.^^ 

Fortuna,orHinariamctcn6 fi (ente fra li Tropicì.iió.D 
Foratnatli.67 . tjionii li.uuit;uia Amerigo Vcfpuai. 
130.D/1 l'j.Al dall'annata l'orti.ogdc nel collo Ara- 
bico.iS;. A/ ila Lopez nel premier cipo Ikiona Ipcri 
za.i;3.C/ilaPortli()geiIi.cirinilico.t4(^. A/ dall'Almi 
nìte.i 44.H/i1a l'ietro Aluarez nel premier capo Buo 
narperan/a. 112,3 

Forma, ilsr ftacnradcl corpo clelli Negri, quali non vo- 
gliono ladiarii parlare ne vedere^ 101. D 
Forofàngoli , iìgnorc -Jel paefc di Cambra , fottopofto 
all'Imperatore di Melli. loS.C 
Fornam Lopcm rortliogefe,fenzaorecchic,cÓ vnama 
no, vn piede, Sk vn'occhio relegato nell'i/òlaSant'- 
Heìcna. ' 570. F 
Folle fatrc,& difegnate dalli Re d'Egitto per la nauiga 
tione del golfo Arabico, perche impertettc ("econdo 
Plinio,&:Strabo:ìc. 371.C 
Foile ifo.i Fefià p feriiar il grano,cauatc nella pietraTe 
ucrtina,la miordllev|li è capace de mille ruggi.4i.F 
r R A N e E s e o Aluare/i,H-ctte iéi anni nella Ediiopia, 
con l'ambaiciatore di Portogallo. 1S9.D 
Franceico S'errano Portoghefc, capitano del Redi Te- 
r(.*nate,& Tua morte. ^c^V 
Frama(qii.il,nobileAbi(Tìno. uji.A 
Frati ncirEtliiopia,fono 1 numero ihnito.ip9.B/ioo.B 
Treccie aiielcnate tratte co cerbottane da popoli della 
Giaiia.r<5S.C/da popoli di Puloan.^éi.D/ ferendo fu 
biro vccidono. lor p 
Freddo del verno,pcrche non agghiaccia la pioggia, et 
faccia tempefta. '^^Cj.C 
Freddo intolerabile Ci fentc prima che fi auÌLini al capo 
Buona (pcranza.4oo.leghe. lyQ 
Freddezza che nelle nubi agghiaccia ì jccic l'cftate 
ondenafc.1. i6j.D 
Fricatrices donne in Mauritania quale vfano il coito, 
con altre feminc. lajì 
Frombola per tirarpietre, vfatain guerra nell'Arabia 

Frutti del mòte Zelag fono li migliori dcirAfrica.44.F 

Frutto qual fu da Dio vetato allibrimi huomini.lècó-- 
do l'opinione di MacQmetrani. 9^.3 

Fruttodetto Habbaziz di grollèzzadivn radichio,n.i- 
(ce (otterrà, &: (iicciato rende (àpore di mandorle, 
v(àto in tutto il regno di Tunis. r„j,^ 

Frutto longo duoi p.Ilmi,molto gro(ro,di forma fimi- 
le alla pigna,di odore (òauillimo,ec di guilo mirabi 
lc,detto h\ Cai icut Ciccata. iCt.^ 

Frutto in Calicu t detto Comolanga longo duoi palmi 
di colore limile alla zucca,con tre dita di polpa, per 
fettillimo al i^ufto. jjj^, j) 

Frutti di diuerie fpetie \n Telenfin.^rcF/ nell'ifolaSan 

Lorenzo.i78.D;ncll'Arabiafeliee.ifi.E/ in Calicut. 

uo.D/in 5thiopia.2')4 E/ iìjì.F/ nel regno ili Tigre- 

mahon.iof;.C/in Burnei. ' ^^4.3 

Frutti d'ogni ftagione,fopra gli arbori in Zeilain.jn.E 

Frutti na(cononaturalméte(en2acoltiuatione,ucll'i- 
fola felice di lambolo. jy , p 

Frutti quali paiono melaranci, fparfi per la cimpacrna 
diSegelmedl. ^^^^jj 

Frutto detto Duriano,et fiia Hiftoria. 3,0,'c 

Fruttuolo,(anto i\i Portogallo. iVó.C 

* vo A, città d'Egitto polla foprailNilchabitatada 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 

,-x.A 



cortcfe popolo, ' g, 3 

Fuquiam.regione maritima della China. ^ni'.'c 

Furti nella corte del Prete ianni,(bno permellì,ctdi ql 

ligliladroni nepaganogabella.al Re. zìi.A/ìi^.E 
Fu(tato,tittà nell'Egitto polla fui Nilo. 81 .G 

Fulèllara,moneu del Pegu,& fuo Vixlore. jj+.F 



GABELLA dellicaualli nell'Ifoladi Goa rende 
al Re di Portogallo tréta mila ducati all'anno 
i78.E/pagaognicauallo di diritto.40.(;irarti. 187.8 
Gabella q uale pag.ino gli Chriitùmi delle Mercitie in 
Alellandria, g^ jj 

Gabriel Andreas frate Abillìno valorofilHmo nelle . ar- 
mi,moltoeftimato nella corte del Prete Ianni.i4'.B 

Gabmaria, Moro huomo lòrtillìnio giocatore tli brac- 
cia del Prete Ianni. j, j{_3 

Gademes liab; tatióe i Nuidia abÓ late di datteri. 76.'c 
Gago rcgnodeNegri in Africadel (uo Re, Mercancif, 

& popoli. jj p 

Cahi duoi in TiirnalTari combatterno cinque bore Jò 
tinue,<S: al hneamc'doi reftorno morti.i54.B.coin- 
battono in PuIoan.?r. i.F'ncHa Giaiui. 341.3 

Gallinegr.andillime,6>: iinifuratcin Bengala. ';ió.'a 
Gallina,có ql cer.monia (ìa ammazzata u.i mori,564.A 
Galline di Faraone,nel regno di Senc:;a. 104.F 

Galline con grande arti'tìcio condire &; preparatc.m'.- 
date dal Prete Ianni alli Porthogelì. 144. D 

Galian,ilola nel mar delle ^ f ol ucche. 368.C 

Galangain molta qu.antità in Cambaia, kt'a 

Gambra,pae(òde Negri. 107. A/io8.'c 

Gambrahume,& (uagrandezza. 107.F/108.D 

Gamrazen figliolo di Zeiien della ftirpc di Beni Ha'b- 
dulguag,RediTelen(ìn. y^.p 

Gambea,lìumedetto dal Molto Gabra.io6.D/ fuoi no- 
mi, (ScHiftoria. 585. A (Ì49.F 

Gannì, fignoriadegentilineconfinidiOyia,&:Xo"a. 
Gangetico Sino bora detto Colfo di Bengala. 176. A 

G,mga,fiumenclI'India,hiaorigine&: termini. 585.'a 

Gange fiume celebre & fiia Hiftoria.-jyo. A/3.91. A/Cre- 
lce,& fccma come il NÌI0.187.C/ (ito fito. 180.B/ (ha 
larghezza. 166. Cj 339.F/ detto Guenga da Indiani & 
fuaorigine,Mift.5i,-.E/S.itoapprellomori,qualic6- 
flituti nell'ultimo termine della vita, muoiono (b- 
pralefuerlpe. ,5^,,^ 

Gange,luom mercantefco,fccondo Arriano. 2S7.C 

Gandar,habitatione in Cambaia. 

Gandiui,citrà nella colla di Cambaia. 

Gannace.i8?.D/telc Indiane. ^o^.n. 

Garofmidell'ilòla di San Lorenzo non fono di tanta 
acutezza come quelli d'Lidia ma di miglior odore , 
& di forma di galla. 178.A 

Garofuii nelle Molucche iSc fua Hiftoria.5tf(r.E/(uo i'i- 
tioiCalicut.uo.B/inMalucco,&Calic.,'45.A/i67.F 

Gards Cartello antico nell'Africa habitato da cente po 
uera. ^ ^^f 

Garcopa,città fopra il fiume Onor, habitata da Re tri- 
but.irioaNarliiiga. jjq.A 

Garet,regione del regno di Ycffà,&: fua diuifione! ,-5.1) 
termini. „q 

Gar villaggio nell'Africa pollo fu'l Mediterrano. 72! A 

Garel Mek'h-.luoM poftì; ih'! Mediterrano dilcollo d.i 
Tunis.4o.miglia. ^q.D 

Garda animale mandato dal Re di Cambaia , al Redi 

Porto- 



389.G 
282.A 



' 85.B 

itll.i China. -59!. C 

ni,/òno pa-nicllì,ctdi ql 
brll.ialKc. zu.A/iKf.E 
i/iilNi'lo. 81.C 

: Ilio valore. 3'^,p 

; ncirifoladì Goa rende 

ivu mila ducati all'anno 
diritco.^o.làratìi. 1S7.B 
iltiani delle Mcrcàtie in 
81.IÌ 
3 valorofìirimo nelle ar- 
rte del Prece lanni.243.B 
llìnio giocatore tii brac- 
118.B 
ibó late di datteri. 76.C 
t ilei i LIO Re, ^ lercan cip, 
78.F 
iattcrno cinque liorc cu 
:)rno morti.i54.B.coin- 
l'aGiaua. 341. B 

ue,in Bengala. 516.A 
mazzata da mori.5(J4. A 
iS::ney^:i. 104.? 

ndi'te & preparate,ina- 
iiogell. ]4,..D 

ucche. }6,S.G 

^iambaia. 1:7. A 

i07.A.'ioS'.C 
3. 107.F/108.D 

■llaftirpc di Beni HaK- 

1 Gabra.ioó.D/ fiioi no- 

infinidiOyia,&Xoa. 
Po di Bengala. 176.A 
j;ine determini. 385. A 
ori.i.?yo.A/39i.A/Cre- 
■.C/fuofito.iSo.B/ilia 
I Gucnga da Indiani & 
•prello mori,quali có- 
.'llavita. 



ido Arriano 



muoiono ib- 
390.A 



1. 
baia. 



287.C 
3S9.C 
389.G 
182.A 
zo non fono di tanta 
Tiadi miglior odore, 
178.A 
Hi[ion.ir,66.Eliuo p- 
','SiCa!ic.H3-A/i67.F 
1 habi tato da gente pa 

)r,habìt.-itadaRetri- 

330.A 

Siutadiaifione. j^.l) 

fi.C 

1 Mcditerrano. 71. A 

di ferrano diicoUoiia 

90.D 

diCaiTibaia,aiReiU 

Porto- 



• Portogallo, ^yu,.i^ 

Cirian iiiontcalto,& freddo nel rcgnodi Tunfs. 7r.i> 
Garel Gare , villaggio nell'Africa vicino a Tripoli vec- 
chia. 7Ì.I3 
Gaftrir,caft:ello nellaprouinciadi Cheneg. 73.D 
Catti niaimoiii in grandiifrma quantità nell'Arabia fe- 
. licci jy,D/in CaJiciit.:6i.D/piccoli nel regno di Gam 
. bra. ,o8.E 
Gatti del gibctto,comc lì nutricano, & del modo qua- 

• le ii tiene in leuargli da dolio l'odore. 93.A 
Gatti del gibetto nel i\gù fi danno quattro al ducato. 

i(>5.F/inHaicoravaleno ducati dugentol'vno. 24.E 
Gate,mont.agna , corre nella colta di Calicut à villa dei 
■ marcleghe.ioo. ^SC.CliSp.A 

Canata, monte di lìto forcillìnio in Africa , & Tuoi ttr- 
.. "^'"i- f4.F 

GhauriSoldano del Cairo, vccifo nella guerra centra 

• Selim imperatore de Ti' rc.'ii. 83.F 
Gaza,hu.-.;e •, icino a Malacca largo quindici miglia. 
paz.i,cirtà neir£gicto,polb in vn deicito. 203.E 
Cazzuole non Inno Ibtc vedute nell'Ediiopia da Fran 

• celco Ala.irez. 151. D 
G E B H A, città nell'Africa poib fui Mcditerrano. yo.D 
Geber,Greco rincgatOjicrictore nell'Alchimia , fri cèto 
,• annidoppoMaconietto. 41. D 
jCcbclelhaaili monte detto del frrro in Africa, &liioi 
, termini. ... .. jj 

Gedmeusjirótc in Africa habitato dagétepouera. 
phediuc,iiòle,6c ilio lìto. jj^.Q 

Ghedmina,colb d'Adante, fopra laquale e pofta.lacit- 
; tàdiTcnezza, , ly^A 

^edioiì,popoIi ne confini degli Oriti. • . 170. A/272. A 
Gegon2as,pietrcnellamontagnadiNarltnga..5ooiF/ii) 
•• Zeilam. ■ ; 3,^.^ 

Gaiima, immegrande nel Regno di Xo.-i,fcorre;iel 
. Nilo. ..:....;, izo.C 

CemehTailon, borgo del Cairo , edificalo cj^^Tiilon 
^■^<^'*'^"o- .r .i'iuniS:' 84.B 

GemihaElchmen,cittàanticancirAfiuca,5t(liadelb:ut 
; rione. ji.C 

Gemi el Haiha rc,cioc il tempio illuflr^ dd Cairo fabri 

: catodaGeohatElchetib. .; , . , , . 8-.D 

Gentili che adorano la prima cofathe incontrano nel- 
le Molucche.^cJcr.B/nc^g:-; nella colta d'Africa. ii,-.F 
Cenouelì lodati da Giouan Lconcr Africano. , 30. A 
Genouelì prefeno & /atcheggioifn'oTripoiidi Barbe- 
< ria, & il Re di Feda , per riicatto gli flette cinquan ta 
mila ducati,la metà de quali erano falli. 71. A 

Ccptili di dàicrfè fpetiij, loro coftui)ii,vita,& religio- 

r"^:,,, . ., ,. . 502.A/}i,f.D 

Uentil fruornmi Indiani non manguinq in mare, & fa 

vi mangialTeno non potrebbono più vedere il lor 

Re. jj_^ 

CegeUnticQcaftcjlodel regno di B,iiggia. ój.p 

Gehoar Eltlietlb,lchiaao fchiauonecdiiicatQredel Cai 

'':°: r ■'■:..::■ sj.D 

GeiChon,fiump«mlEl2ino sbocca nel mdr Cafpio, det 
•^ to dalli Antichi Oxo. ' j-,,,p 

Ccngeuo.nafcctóbbein tutte le ifolc grandi del medi- 
^ terrauo.^ . ' ^-.^r* 

Gcngeuo Dcly , &.liio valore in Cananor.}ij.B/ Beledi 
: jnCalicut.525.B .- ìj,ìj,c 

Cegeuo f uà HiltoriÌ345.C/Coltiuatione. j(r7.F/i(Ji.G 



DpL/LE ^^ArVlGATIO-Nl ET VIAGGI 



'5 



Gcngeuo nafce nella Sumatra. n<). A/ da Cr.Iicut fino I 
Cananor..:33.C/ Bekdi molto buono I C.d;cut.3i s.C 
uo.F/3:3. B/ \xC. B / non molto buono in Cnnanor * 
311.C/ Mechino n\ Camaran , 6c in Ade \\\. 27,. D/ 11» 
Batticala.i7S.F,in BJgala.ió,. C/nella Giana inagoio- 
re.5i9.A/lua Fi;iloria.3^5?. A / nellalilippina. 57" e! A/ 
neiriioleTaiTao.57fi.E/inBornei.;^;.C/'5(5-l.!V nelle 
Molucche,etUiaHifl:urÌ3.352,B/inMelì;ina.3i!<.A/n(?i 
Chipir.3,Ji.D/ in Pulo.1n.362. D / in Timor. ^c^.Yi in 
Vendcji.io. ,^^ p^ 

Gcngcuo Verde in conferiia, 5; frio valore in Calicut* 
523.8 

.Genam.ani,irola nel niareRolFo nella colta d'Arabia d? 

Tetta. 180.0 

Geogr.iphia del..S. Giouan di Barros. 383!^ 

Geoinintia,molro incognita in India. 34^.C 

Gerbó ilbla nel Meditef rano,& ilia fertilità. 70.9 
Gerbo iiòla per virtù di vn caualier di Rodi, tributaria 

à Carlo q uinto Impèrarore. 70.D 

Ger(cliiiii,cittàanticaneirAfrica,diltruttadalpupoìc) 
diLontuna. --j) 

Gezan.citti di Porto ncll'Afabia frdice , friafertilità , .S4 
de fiioi popoli. i-^p 

Geza,cict.: nell'Egitto pofta fopra il Nilo. l-j.^ 

GcziracHdde!ieb,cioèifoIa dell'oro in i-r,itto,pofca in 
mezzo del Nilo. ''^ g, q 

Ge?eir,voc.Afric.mo,vedi Alger. (,Ìa 

Qezira,ilbla nella gola ìxd aiiine Lucu.s in Africa.47."G 

q I A e o p d'i Ubdal.icii de Maria primo P t di Maroc 

to.ic).AyScacciò ilRedi CaftigiiadiSela città. ly.'F/ 

: ediiìCatorcdiFe^niiou.'v; a^X) 

,Ghiaccio,&liiad.'fIinitione. :67.'d 

.Giapan,i(bla nclja parte lèttentrlonale fopra la Chinai 

nuouaméte /coperta da roithogefi , Fi.iloriadcl ita 

- toicofti(mi,& rviigionedel liio'Re,& de fuoi popò 

•^ li.3!77.D/37S.A ■ ^ ^ 

Giauamaggioie,;iolacelebre,HilloriadelfuoRe,mej 

^_ cantica popoli. ■ : ,. 3ip.A/j6<),A/54,.A 

.Ciacinti,lua Hill'jria,&: valore. ^ìj.d 

■Giacinti nafcono m vn fi urne di Zeilam . 163. E / 170 FI 

;. ,i84.B/3i4.A/34^D , ^ < 1 )■ 1 

Giardino dfAlcinoo Re del!';fola di Corfii, è defcritto 

daHomeroper dinotatela temperie dell'aere, & iLo 

_ filini d-jlla teira,chc fi troua fra li Tropici. 174.D 

Giardini,i(blenel maredel Sur,& fuo fito. 3-75 E 

Giardini delle HelÌ3cride,douè fofll-no pofti,fecódo oli 

lcnttoriGrcci,& Latini. y°^ 

Giardini nella citrà di FeiFa , adorni di varie Ibrte fiori- 

- Sfrutti. ^p 

Giannamori, popoli efij'ercitati nelle armi al fr'ruitio 
_ delPreteianni. ,^,^g 

Giannes Icliee pruno prelato neirEthiopi.i,doppo l'A-i 

buna Marco. \^^ q ^y 

Giauaminore,detta da propri) popoli Ambaka, & fu» 

Hi(toria.3.9.C/& fiia grandezza. 5'''9.A/54i. A 

Ghibetes dicono gli Abilllni alli popoli bianchi di Sò-J 

ria,Grcci.a,6c Cairo. ii- t) 

Gibre di vn'anno, cioè entrata portata al Prete iàni de* 

li Regni di Goyamc, Barnagallb, Tigrcmahon,& di 

^'a!gaciai\oDei. ^ ^ 

Gjhetto,&liiaHiftoria. t ^^7a 

Gibetto in abbÓdanza nel reirno di NubilSo.D/ nel "rd 

- gftodiGamlra.io8.E/in Calicut. ucF 

Gibetto 




Giberto fi appzza ?n Fe/Ta ducati f^'/Tantala libbra. 24.E 
Gibetth,ifòla nel mar padrico. ,ro p 

Gicolar,i/bla nell.i bocca del golfo Perfico. 2<jj.'b 

Giganti prefi da Magaglianes.354.B/lor niorte.3f4.F/ Pa 

^ ' ?70 A 

Giiolo.ifola vicina alle Molucche,fuagrandezza,& Hi 

ftoriaclcl filo Rc,& de luoi popoli. j)-- V/^66.E 

Gilon.ifola nell'Arcipelago di San Lazaro. jf l'c 

Gilofì,popoli nella baiTaEthiopia. loi.c 

Ginali,proi]incia nella Perfia. ik; q 

Gineftro di Europa.è molto apprezzato da Mori in À- 

"'<-"a- ,(; p 

Ghinea regno de Negri in Africa,& fuoi terminì.mer- 

c.ntie,monete,habit3tiói,et vita de Tuoi popoli.77. A 
Gioie,con fonagli, portano incarnati nel membro li Sì 

gnoridiSiam. .,,£ 

Gioie, quali fumo vendute da Pordiogclì al Re di cali- 
cut. j^^^. 

GjOghi,ifola nel maredellcMolucche. j^S.A 

Gion , fiume de! paradifb terrcftrc, origine dclli fiumi 

_Niger,&N;lo. 101.A.B/249.F 

Giorno non è più di hore.iz . & mezza nella Ethiopia. 

267.F '^ 

Giorno di qnattr'hore,di Giugno,& Luglio,nel porto 

di San Giuliano. 470.D 

Giorno pduto da Spagnuoli chenauigorno attorno il 

mondo,onde nacque la cau(i.54tf.D/ Plin.lib. 2.0.71 

Giorno di bore otto et mezza agli otto di Giugno,'fi'ha 

nel apprefTarfì al capo di Buona Speranza. ni e 

Giorno di qttr'hore,! vn'ifola riferita d.il Barthéa.i6S'.a 

Giorni quaranta calciiifimi, & altri tanti freddiffimi fé 

condo gli Africani. „ j: 

Gioncbi nauilij Indiani portano mille botte . Hiftoria. 
363.F 

Gioiiedi è giorno di buon'aHgurio,nelquale gli India- 
ni dano pricipio alli loro iportatillìmi negotij.i4o.c 
Giorgia,monaftcro nell'Egitto: giahabitatodadugeto 
monaclii, qu.ili morirono di pefte : vf urpato dal Si- 
gnore di Munfìa. 2S.E 
GiiKJco Ai palla,è efièrcitato à canaio da cuzzaratj^ó.B 
Gmocoai bratda tatto da Porthogefi alla prefenza del 
Precelnnni. ..g^ 
«.mioco di fcMcchl e vfato in Africa. 44,0 
Gioiellieri in Zeilam cccdlcntiilìmi. 514 . B. e/ in caél 
348.B/inAu3. * 

Giouan Battifta Rannufio al Fracafloro del crefdmen- 
to del Nilo. ,^, ^ 

Giou.inni Re di Portogal. fl-ce fcoprire il capo di Buo- 
na fperanza, & altre nauigationi nell'India orien- 
tale. , 

*"• T>- . 1 I76.D 

^louan f<iccio da monte Pulciano cardin.ale. 390 E 
Giouan Leoni corf"e pericolo di morte nel paflàrefl 
monte AtLm te. g j, 

Giouan de Barros genu-lhuomo Portoghefe,& fua Hi- 
ftoria dell'Alia, g Q 
Giouan Serrano lafciato prigione de Barbari, ndZu- 
. • 3v8E 
Giouan Solifio,capitano dd Re cadiolico mangiato dà 
can.ba i con.óo.compngni. 348.B/5T3.F 
Gioiiai . Menino, huomo antichiilimo nell'ifbla di San 
ffiomc. „u 
Giouan Matilde Pietro Antonio Milane/I, faceuanoar 
fe tighcria al Re di calicut . 169. B/ furno da Mori am- 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



mazzati. ^ 

Giciuni & penitcze fono necefTarij per la falute de pec 

catori.fecondo la legge di Xaqua. ,70 e 

Giraffa animale,& fua Hiflori.i. Sq 

Giraffa pefce.detto in Roma Laccia. 67 A 

Ghir,fiume 1 Numidia,! ba origine,et fuoi termini.i^o.f 
Ofiir deferto in Libia, fieri lilfimo di acqua. y6 o 

Gir.acalli,rifo ddlaprima fbrte,& migliore degli altri. 
300.B/330.B " 

Gitt.i,cittàndlacofladdrAfrica fuori dd «retto di Gì 
bralterra edificata da Hannonc.n i.c/eflèr potrebbe 
di qlie ch'hoggidi fbno nd regno di Marocco. 113. A 

Giudei in Africa.i6.A/i3. A/ i9-F/ ii.c/ iC.cl 45. A/ 54. E/ 
y';.D/7)-.A/RicchiJl]mi nel cairo.84. A/ In ciraeolor 

n7.A/3n.F/inArabiafdice.27f.F/ ingran parted'A- 
iia.3S8.c/in Malucco.385.E/oltrail regnocff Goiame. 

Giudei della ftirpe di Dauid fondatori d'Eitdeuet città 
in Hea. „ 

Giudei circÓdfi orca, r . mila habitano in vna mÓtagna 

ddf Arabiadeferta,fononegri, vanno nudi, di ibn- 

gfiezza Cinque paimi,& nimici à Mori. 149.F 

Giudei,dettenoAzzaamur città lAfri.àPortoTefi 22 B 

Giudei in Africa detti carraum , riputati heretk-i da gli 

altri Giudd. ^^^ 

Giudei fcacciati dal Re di Spagna. ., A 

Giudd odiati dal Redi TóbuHo,non habitano nel fùo 

regno. ^g jj 

Giudei ndli conlini dd regno di Xoa, & di Goiame ni 
mici al Prete ianni,mancano di k:tere,libri,& fina- 

r-^T- , • . . ^49.E 

Giudici nd cairo,in qual modo terminano lelite.'Srt.c 

GiuftinadelGiapan ropraliRd.378.A/37<,.c/in calicut 

161. A/306.E.F/1 2o.F/fopra le Donne.3o6.F/Ordinaria 

d Ethiopia.2H.F/ dd Re di Narfinga fbpra li faoi pa 

renti. 301. E/ della china fbpra li dfflibidicnti al Re. 

3(J9.c/Extraordinariadd Prete iani.238.c/allidifiibi 

dieti di Budumd.io3.B/inFeiTà.37.A/nd Cairo. 86.8 



Giufhtia in Edaiopia e vniuerfale fbpra laiti,& ecclcfia 

n- v''- n . "o-A 

Giuliano Romano còte di Sebta, TtrodufTe li Macomet 
tani a Granata alli d.ini di Roderico re di Gotti. 48 e 

Giuramento dato à rd fecondo il rito , 'i Benomatapa; 
J94- A / in India in diuerfì modi. 344 . D / in calicut 
306. c/in Ethiopia. j^ 

Giuramento fatto dal Re di calicut,di matenere le lee- 
gi,& oficruaregll ordini dd regno , co qual cerimo 
me. <j . 1 

GiufcppcEnefTIr, Re &PontificediMarocco,rotroc5 

1 eflerdto in catalogna al cafldlc dell'Aquila. 40.C 

Gì ufeppe di Idhn , primo Re di Marocco , nimico a eli 

Arabi. /^ 

Giulfar,citt.ì di buon porto nella Perfia. ,? j p 

G N A F E R, Re di calicut,& fua Hiftoria. t2j.'c 

co A rfgno,&città,fuoitermini,Porri,Mcrc.intic,Si- 

gnon , &t-oftumi de popoli.Hift.come combattuta 

da Portoghefì.& fuo fito,grandcrza , & de flioi pò. 

Goa,efrer potrebbe vicina al luogo di Barigazza. 282.F 
Goavccchia,& nuou.i,porti dd regnodiGaa. jio n 
oogari,porto del regno di cambaii ,27 e 

Gogana,luogondgolfo Pcrflco. J,c 

Cogole,caAdlo nella cofta di cambaia. lyj.Q 

Gogi- 



I7I.A 
irij perla/àluterlepcc 
ina. J79.C 

91.C 
:ia. (J7.A 

ie,etfuoj termini.i>o.r 
> di acqua, 7(j.ij 

: migliore degli altri. 

fiioridclflrettociJGì 
Mii.D/edèr potrebbe 
no di Marocco. 115. A 
i.c/2(;.c/4}.A/54.E/ 
).84.A/lnc,iragolor. 
.F/ in gran parte d' A- 
ailregnodiGoiame. 

itorl d'Eitdeuet città 
I4.B 
tano in vna mótat^na 
vanno nudi, di lon- 
àMori. 149.F 

^fri.àPortogefi. 12.B 
putatihcreticidagiì 
if.B 

on habitano nei (iio 

78.D . 
'03, Se di Goiame ni 
!«.tterc,libri,&fina- 

Ì49.E 
•minano le litcJSrt.c 
S.A/jT^j.c/incalicut 
>ne.5c6.F/Ordinaria 
ìnga /òpra li Tuoi pa 
dirubìdicntialRe. 
ini.ijS.c/allidifubi 
7. A/nel Cairo. 86.B 
•pralaici.&ccclefia 

210.A 
odufle li Macomet 
'co re di Gotti. 4S. e 
to i'iBenomatapai 
144 . D / in calicut. 

if5.A 
dimatenerelcleg- 
10 , co qua! cerimo 

iMarocco,rottòc(» 
dell'Aquila. 49.C 
occo, nimico a gli 

r -^-^ 

toria. ix^.c 

)rri,Mercantie,Si- 

come combattuta 

zaj&defuoipo- 

i78.c/if^F 

!Barigazza. 281.F 

odiGua, ;io,n 

}27.e 

Ì7J.C 

a. Ì77.C 

Gogi- 



ILE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



■Gogidcme monte in Afiica,ncllacoftad'Atlantc. 24.E 
Gogdem,dcft'rto in Libia nel qualenó li ritroua acqua 
ptrnoucgiorni. yc,_£ 

Goiame,rcgno ncll'Etliiopia,nel:j le nafce il nilo.249.F 
Goletta di mare palla appreilò Bi/èrtaA' valli tanto al- 
largando che iliuenta vn gioDò !, ^o. 66.C 
Goletta di Tunis di Barbarla C6.D 
Gomma Serapiiia,ruo prezzi! 1 Calicut. ^z^D 
Gomma con kqualtf fi tàllific.uio li mallici. yf.D 
GomorreaniA' Sodomiti viueu.mo di manna', nerico 
noicendo il beneficio da Dio fiu-no puniti. 149.D 
Comer;.,ilbladlleCan.irie,liabitatadacluilKani. 98.B 
Gonzalo Htrnadez di Ouiedo hillorico dottilllnio del 
le Indie Occidentali, volle ne Tuoi libri , che tutte le 
i/ole ritrouatc nelle Indie liano le Helperide, uj.C 
Gorgone, quali donne già foU'ero fecondo Hannone . 
j ii.D;& perche hoggiili non fi rirruouiiio. 1 1 -.F 
Gorgone habitauano nell'ilòla Uelpera, polb nella pa 
liideTritonidc. j,j,j) 
Gomge regno nella Ethiopia,c\' fuo fito.24i.E/ habita- 
to da popoli Gentili , detti Troglodyti , Hiftoria ilei 
lorolb.to.^ ^ i^yC 
Coro hutto,&: Tuo arbore nella terra de negri. io, a 

Golii molti Icóei nellagola,agli habit.ui nel monte Bc 
ni Achmed i A{iica.52.n/nclla regione d'Errii; 4ì;.F 

Gollaquc, terra del regno d'Ormuz. ir,j.B 

Gotri,domir,.;rori nell'Africa.T.E,-5.F/i<). p/ eilificaiori 
^.ìi Arnana 1 1 r'à.<78.D/Meramer città.2i.C/Cóte cit- 
tà.ii.C/Bedis citt.à.50.A/Titcitt.ì. 2i.C 

Gotti,& B.ubari deftruttori dell iperio Romano.571. A 
Leuorno tutti i traffichi dellelndicorientali. 571.? 

Goxo , Signore nelle colè temporali dell'ilbla del G.'n- 
p.m. ,,^ P 

Goz, porto lopra l'Oceano vicino àTecukch ciccain 

^'''- i5.B 

e R A N A T I N I, come s'impatronirno della Pvcgione 

d'Habat, &: fumo /cacciati dal Re di Fella. " ^cj 

Granatini gran mercan ti di lete. ^^q 

Grano li r.ucoghcil mefedi Marzo , ouer di Aprile liei 

le Canarie. j, i-j 

Grano fi raccoglie nel Cairo il principio di Aprile.Si.E 

Grano conkruato cento rnni. 2, j) 

Grano Se fuo prezzo nellilbla del Gerbo.70, B/ in Tu 

"'^- ^7.B 

Grani di diuerfe fpctie nell'Etiopia,à noi cogniti. 197 a 
Gramo hume,nella rolla di Perlia. ' 27U) 

Gninchi rolli nò molto grolli,danno inditio alli mari- 
nari di terra vicina 7o.lcghe,nel mar Indico. 14^ p 
Granchi grandi limili .. ' .iiarini nell'ilbla di San Tho- 

'"^^ 118 F 

Grallo del Cocodrillo, vale alle piaghe vecchie inchan 

chcrite. P 

Grafpi d'vua, longlii quattro palmi ncll'ifola Madeu . 

Grammatica Araba di Giouan Leone Africano, 40 A 
Granate perfettillimenalcono in Zeilam.i8o.A/«9 C/ 

34y.D/i6j.E/i84.B *^^" ' 

Granze,Signoria porta nelli confini di Oyi.i, & Xoa re 

gni.iEtliiopiahabitatadagc'tili,&chriftiani.249.C 

Gratiola.ilolndcI ne A-7r.i-oo >{- (1,„ (tf^ ,= T' T' 

r..^- ì-'t 1 /-■"":,■■ '''^ ''■O'Jfo. 57u.F/i7^.F 

tradì di To omeo, (ono ftati variati dacolorochc tra- 

IcnlTero il luo libro. „, (^ 

Grccia,à qual tempo dishabitata. j Q 



IO 

Grifoliti nafcono pfettilfimi 1 Zeili. i8o.A/iS4.R;?i4.A 

Grotta in Ethiopia , nellaquale vi e t;n to oro ilei Prete 

ian ni,che iarebbe balhnteper comprare la metà del 

mondo. ^^^^-, 

Grotta nel monte Sinai, nellaquale Macometto tàceua 

iiratione. 
G V A I, A T A Regno di negri i Afii.tributario al regno 

di 1 obutto,luoi termini,(^ vita d fuof popoli. -7 F 

Guadilbarbar,hume nell'Africa, (Se liia origine, & fuoi 
termini. ^ ^^,^y 

G ladauari, terra nella colla di Bifinagar. 590.E/52-.C 
Guand.ui, fi u m e di Ca m baia. 207 C 

Guadeuarij,città nelJacoftadi Bengala, ,Ki".B 

Guaden,calàlediNuniiil;a ' '-.,' 

G uardan , mon te in Africa habitato da gen te valoroT'i, 
£< riccha. ^ ^' 

Guameda,terra del regno d'Ormuz. 29,'.'a 

Guadel,habitatione nella colla rli Carmania. ^JiS F 
Gu.ild.uhibir,fiume di Siulglia, dtto da gl'atichi Betil- 
Gu.igid.i,città antica neII'AÌrica,& fuo itto.fS.D (^^1 È 
GuartguelLm^lortezza nell'Atlantc,&luolito. 16 H 
Gualeris mòte alto 6." fieddo nel regno di Tclélin.ój.C 
Gualhala,mote T Alrica habitato da popoli feroci. 62 A 
Guang.ua, regno de Negri neirAfrica,del fuo Re , mer 
cantie,& popoli. p 

Guargala,antidiillìma città in Numidia. 7^0 

Guac)ide,habifatione in Numidia. -,^ p 

Gualili,c;tt:i nell'Africa edificata da Romani. I/b 

Guarga,hue nell'Afii.liia origine,cV fuoi termini. Sy'.F 
G uaral.ammale neirAfrica,c^ fua Hiftoria. 79 A 

Guber,regno de NWr.i in Africa,L\' fuoi termini.Z4i.'A 
Guerra non finno gli Abillini la quarelima, & in quel 

tempo lono alla Itati , & morti dalli Mori. 
Guerra de Portoghefi à Calicut. i5S/C.-39.,4o.i7..A 

Guerra rotta dal Turco .illaSiqnoriadiVenetia.i74C 
Guegiiere,ifeladel Ni!o,dettaMeroc. 1^4 a 

Guelnileu,montealto & freddo in Africa. cf B 

Guez, terra del regno d'Ormuz. 29' C 

Gueliet monte neirAfrica,ne!quale fono delle veftipie 

degli edihci Romani g^'p 

G uida detto Marnar per mal d'occhi,hauendo fmarrita 

laltrada,con l'odorarl'arenalaritrouò. — C 

Guine ò Genij fiume, qual fi congiunge col Canaga. 

584. h 

GuidobaIdoFeltrioDuca'1'Vrbino. 

Giudich,nomeproprio della Regina Candace 

Guilan,terradi porto del Regno\li Cambaia. 

Guirhumicello in Africa. 

G uinca,cofta nell'Africa verlb Ponente, & de fuorpo"^ 
poli. t 

Gulfal,ifoIa pofta nel mare Perfiano , nellaquale fi'L- 

Icano le perle. ^^^^ j^ 

Guraigura,monte ncll'Africa,& fuo llto. 4- p 

Guzzarat,regno deMori in L.dia,& fua Hiftoria fecon 
doilBarbola. ijj.B/z^^.A 

Guzzerati,lorh.abito,cibl,& opere. ,70 D'uc F 

Guzzerati mercatanti in Calicut,& fua Hiftoria. uoD 
Guzzula regione d'Africa , & della qualità de fuoi pò- 
P"''- lo.G 

H ABITO del Prete Ianni. 227 A 

Habito del Re di Orm uz. jgs *C 

Habito del Re di Colom chriftiano. ,4^' ,Q 

Habito 



147.B 
io^.E 
5Ì-.B 

zS.C 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



=:.i 



M.ibìtodi.! RcdìCaliciit. u^.B 

M il->ito,dtl Kc ikl Ziibur. 5)9,8 

Hab;to,ilol Re dì Nanìiiga. i )V.D 

H,ibito,Jcl Rcciilu^lic,^ 157. 1) 

• Hibito de! Re di Tiuore, 3frf.D 

Habiro,deiii Re dcH'ilole del mar pacìfico. jfio.B 

Hab;to,dfl R-.-diMtlìiidc. 134.E 

Habito,dcil'Al-)nna Marco patrì.ircliad'Etìopia, i;a..C 
Hal->ito,dclli nobili Africani del dcffrco di Libia. 6, A 
Habito,de nobili^' plebei di Bengali. 514.B 

Habito d'alcuni chriili.mi di Sarnaii,Cirtà (otto il gran 
Cane liei Cataio. ir;,-.C 

HabitOjde Nobili,popolani, &c donne della città di l-ef 

'■': . , . , 37.1> 

Habiro,dlIi gétiHiiiomìni honorati di Prete ianì.ioo.E 

Habito delligradiiatiA'gen te ii;morata di Tunis.f^y.c 

HabitOjdegentilliiiominitliCaliait. iif.D 

HabitOjile gli Araz di Caiiaz,cioè capi di gcntcd'armc 

del Prete ian ni. lyS.E 

Habìto,ilelli,Soldatì,del regno di Tc4ciifin. 60. A 

Habito degli ngittij. 8o,F 

Habiro defli Clìiiii. 520.C/.!37.A/3^9.D 

Habito,de gli Ioghi. ' 3-s.C 

Habiri),delli Ciielijs di Coromandel, ^lo.C 

Habiti,&coihiini degli habitautì ìnHea regionedi 

Marocco. ,i,c 

Habito,de!Ii Bancani. zj),-.E 

Habito, dellilaiioratorìdel terreno, nel Regno di ca- 

.^o. ^ 78.F 

Habito , delli giudei habit,inti nella città dì Fez nuoua 

in Mauritania. . ^.^.A 

Habifo,de cuzzaniti. u,-.F/i)-7.C/i7p.D/i9(r.B 

Habito,degcntili di Calicut. 304.B 

Habito,deMorid'Ormuz. 294 B 

Habi[c,de mori di Daraafco. 148.F 

Habito,deili Negri Azanaghi. 101. F 

Habiro,deIli Negri di Cano,& del Guechet. 76.D 

Habito,delli Negri di cambra. 109. A 

Kahito,de Negri di Capo Sagres di Guinea, fcoperti da 



Habìto,de popoli ili Calicut. 
Habito,de popoli del reLMio di Dccam. 
Habito,de popoli dì Narllnga. 
Habito,de popoli di Zeilam. 
Habito,d(: popoli del Pegii. 
Habito,de popoli di iVIaLuca. 

popoli Idolatri. 



izo.D/i(Jo,D 

ifS-.B 

i)P.C/^ci.C 

314.A 

3irt.E 

31S.B 

12.6. A 

lóS.A 

33f-C 

• 341.E 
164.D 
irtS.C 



lo-.F 

3.2.F 

200.D 

3^10. A 

ioo.B 

67.F 

148.F 

301. C 

loo.F 

io^B 

ii<j.E 



Pietro di Silura. 
Habito,de Sacerdoti Armeni. 
Habito de Preti d'Ethiopia. 
Habito,della regina del Zubutchriftiana. 
Habito,delle nionaclie di E thiopia. 
HabitOjdelle ( lonne di Tunis. 
Habito,delle donne dì Damalco. 
Habito,delle donne di Bilìnagar. 
Habito,delie donne degli Azanaghi. 
Habito,delle donne del regno di Tigremahon 
Habito,delledonncdi Calicut. ^ __ ._ 

Habito,repufatióe,&: libertà delle dónedelCairo.y'j.e 

I Iabito,de popoli di Monzanibiiiue. 289.A 

Habito,dc popoli di Benimataxa. 288.F 

Habito,de popoli dell'ilòla di eoa. 178.D 

Habito,dc popoli chriitiani deHilòIa Zocotora . iSi.D 

Habi to,de popoli di Cameran. 37i.C 

Habito,delli popoli delle Canarie idolatre. 58.D 

Habito,de popoli vleiriiòlad'Ormuz. 187.D 

Habito,de popoli del Mòte Benibui'.ibeti Africa. fi.C 

HabitOjdelli popoli ile! paele d'Hoden. c,<).B 

H:!biro,dr- popoli dell acciU;:dad!S.Bi.agio. i^^-.D 

Habito,d popoli di Reame città nell'Arabia Teliccij^.b 

HabitOjd popoli di calaiace terra neirArab.relicc.i87.B 



Habito,tleZetires popol 
Habito,ile popoli di Borneì. 
I-iabito,ile popoli ilei iirelil. 
1 Jabifo,de popoli del Pegu. 
Habito,de popoli tra l'Indo Se il Gange. 
I l,ibito,de popoli di Tarnallàri. 

IIa[iico,de popoli dell'ilòla Baiidan. _ 

Habito,de popoli della ciaua m.aggiore. 3J5?.A/irt8.B 
Habiro,de popoli della China. ' 180.C 

Habito,de popoli del regno di Barnaga/lb. vji.E 

riihiro,de popoli dei-regno di Tigremahon. 205.B 
1 iabbbaziz vocabolo Arabico, è tìutto viàto nel regno 
di Tunis,iiia Hillo.vedi in Capes città d'Africa.69.F 
Habduluahidi,GianatinodiSibilia,Capitano del Redi 
Maroccu,airiniprelà di Tiuiis. cci.V 

Habdulach, primo principe ilella caia di Marin, acqui- 
itò la Mauritania co le regioni poik- ne conlìni. fi.F 
Habdida Redi Teléiìn, ritiene il tributo aCarlo quia 
to Imperatore. ^-8.A 

Habdulla,(ìgiiorediTechortcittàinNumidia. 7vC 
Habitatori,del Cairo (imo gente di poco animo. ^6.B 
Habat, regione nell'Ahica detta da Tolomeo fecondo 
Gi'oiian Leoiii,Mauritania,& (uoi termini. 46.F 
Habdul Mumen,da Banigueriaghel, Signore di Maroc 
co- 2.D 

Habdul Mumé,di(cepolo di Helmaeli,e!etto Re di Ma 
rocco,i:<c anni del Tuo Imperiò. 18.A 

Haddagia , città in Atiica polla nel contine del ileferto 
di Darha. ,, p 

Hair,de('erto in Libia,& fuoi termini. 76.E 

Hain Elcallu, città in Africa. iS.F 

Halcama,capitano del Calila di Damafco edificatore di 
Helcama città nella Sicilia. 69.D 

Hali,figliuolo di un fratello di Macometto , marito di 
Fatina. j^^.A 

Hali,quarto Pontefice di Fella, vccifo in Bafra città del- 
l'Arabia Felice. 47.D 
Mali ili Goeiìmen,fìgnored'Azafi. 20.F 
Hali, terra nella colla d'Arabia. 291.D 
i-Jali, Porto del Mar Rollò , appo ilqualc era il Porto di 
Mula. ^ ,,j_c 
Halcama,città nella Sicilia de tao edificatore. dj.C 
Hamrozo,caiàle lòtto Tripoli vecchia. 71.C 
Himmamet citta moderna nell'Africa, edificata da Ma 
luimettani 68.D (^Ó.C.D 
Hain Li(ìia,LÌttà neirAfrica,dllruttada Mahumettan !. 
Hanone Cardiaginelè,et 1 lia nauigatióe,et p q I cagióe 
non fece mentione dell'iiòle Hef'peiide. in.17 iiY C 
Haiug.i,mif lira di Nariìnga, lòno dieci quart.iruoli,ó^ 
mezzo Venetiani. 300.D 
Hanguan, terra del regno d'Ormuz. zy^.B 
Hannimei,città in Africa, & del v.alore del fuo /Ignora 
contragli Arabi,&Portoghefi. ^ ly.B 
Hioara,popoli Atricani fìgnori della prouincia di Te- 
meliia. ^^.A 
Haru , regno de gentili nella Sumatra quali mangiano 
carne iiumana. 3,8.F 

Harcfgol, 



Gange, 

lan. 
iggiore. 



lio.D/ifio.D 
3ccam. ifH.B 

l)-p.C/,-ci.C 
3H-A 

}i8.B 

ri. 116. A 

lóS.A 

3f).C 

33r-C 

• 34Ì-E 
164.D 

3I5J.A/I68.B 

iSo.C 
arnagaflb. lyi.E 

igrcmalion. 203. li 
trutte) v(àto nel rci^no 
pcs città il'Atn'ca.ói;.F 
lia,Capitanoiicl Re ili 
. _ 66.V 

1 L'a(a Hi Marin, acqui- 
ipoltencconlìui. f:.F 
tributo a Callo (.] Ili 11 

,-S.A 
ta in Numidia. 7vC 
di poco animo. SfT.B 
da Tolomeo lixondo 
uoita-mini, ^6.F 
icl, Signore di Maroc 

i.D 
naelijelettoRcdiMa 

iS.A 
el confine del ddlrto 

55.F 
lini. 7(j.E 

zS.F 
amafco edificatore di 
6c,.D 
icomctto , marito di 
150.A 
:ifo in Baira città del- 
47.D 
io.F 
291.D 
Jqualeera il Porto di 
371.C 
;diilcatore, Ctj.C 
chia. 71.C 

frica, edificata da Ma 
(56.C.D 
rtadaMahuniettani. 
^atióc,etpi;jlcagiót! 
.■(pcride. in.l'/iM. C 
dieci quartaiuoli,(Sr 
300. D 
z. ii-juU 

dorè del iuo fignorà 
" l'j.ii 
ila prouincia di Tc- 

2X.A 

itra quali mangiano 

.3'«-F 
Harcfgol, 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



Hareigol,Città nell'Africa porta /opra vn fcoglio cinto 
dalMcditerrano. jp.A 

Hasharicapo delli Thcologi Macomettani d'Afia,ct di 
Africa,& non del Soffi. S-J.C 

Hafcorajrcgione in Africa,& iiioi termini. iz.F 

H3uguilum,nìonte alto,& heildo in Afiica. p.E 

Hazliarc,vacabolo Arabico iìgnifica lUuftre. 35. D 
H E A, regione di Marocco,("uo lIto,quaIità di aere , ab- 
bondazad'animali quadrupedi,ò<: domeftici, etdcl 
la vita tie fiioi popoli. u.B 

Hegazaie, vocabolo Afiricano fignifica Beccaio. 14, A 
He)iopoliv,cittàdel Sole,giaapprellb ilCairo. 572.B 
Helul iàmoiò foldato tra gli Afi-icani vcciiò in Cathalo 
gna. Decatato nelle Hiflorie il come apprellò di noi 
Orlando. ^.y.£) 

Helclicafteilo del contado,di Retcl nell'Afirica. 7}.E 
Hemadullàoar, vocabolo Arabo fignifica colonna de 
'■ " ' Hz.D 



17 



gli alberi. 



Henrico lUuftrillImo Infante di Portogallo,inuentore 
di far fcoprire le marine attorno l'Atric.a.i76.D/96.e 
Hena herba limile alli pàpanetti di vite , ne fanno olio 
inCthiopia. ^H-^ 

Herba,nell'ilola Felice di lambolo, (opra laquale giace 
do fi fa in foauilTìmo fbnno morire. 173.E 

Herba detta fària,& da Latini Medica. j^,C 

Herbe odorifere , & medicinali di diaerfèipetie , nella 
Ethiopia. 103. F 

Herbe nel fondo del Marc Pacifico , che vengono fino 
alla f iiperficic dell'acqua. 3'>4.D 

Herone,fccca,fecondoArriano. iSó.B 

Herdil,fiumegroiri)limo,sboccanelm3rcafpio. 572.F 
Herctici nellaEthiopia fono abbruciati p nò voler ado 
rar le croci materiali fatte di noflra mano. 2of. D 
Heroum,città polla nell'vltima parte dal Golfo Arabi- 
co verlb 1 Egitto. 3iJi,D 
Hernia,infirmità regna nell'Egitto. ii.C (,-i.A 
Helcià,Calità della cala ài Lagleb,Signore di Daniafco. 
Helperide da Tolomeo, da modernu'iòle di Capo ver- 

«''"V r A^.rr .,.'+^A/347.DAm.C 

Hemilpero (coperto dal Vefpucci Fiorentino, 6c fua hi 

13Ì 



522.D 
3S8.E 

373-A 
30.C 
27o,F- 
37Ì.D 
94.A 



iloria.12S.lino al 
H 1 A e 1 N r I, ,fua Hiftoria,& valorc,in India. 
Hiaman da Arabi,& da noi Arabia Felice. 
Hiberi,&. A Ibani popoli bora detti Zorziani. 
Hi' uiron,ifolaneirArcipelagodiSanLazcro. 
Hidi-aceGedrofio,pedotadiNearcho, 
H idras, 1 uoTO nella corta d'India,Pliiuo. 
HidradiLibia,&fuahiftoria . _^ 

Hidreuma,cioèpozzo,luogoatico nell'Egitto Pl.372.ti 
Hierata, terra molto habitata,nella corta eli Perlia.27J.d 
Hicronimo Fracartoro del crefcimento del Nilo aMef 

ferGiouambatirtaRJiannufìo. 114.0/2^4. A 

Hieronimo Adorno Genouefè, morto nel PeguTan- 

no.i49(f. ^ 

HIeratirai,fb(ra,nella corta di Perfia. 275.D 

Hierufilem, in qiiata vtncratione fia hauuto ddli diri 

ftianidiSarnau. 167 E 

Hilcl,popolo Arabo,con li fuoi defcendenti. j. A 

Hippo,città in Barberia,vedi Bona. g?! A 

--J . — ;,•'— " !' ti", iiiiiiiiceoni v^"itrooai- 

bin a far vn pariizo dalla ArabÌ5,per la corta dell'In- 

u. •, ^„ 187.A/J72.A.D 

Hippalo Ortro Gatbino.fecondo Arriano.187. A/fccó- 



do Plinio Fauonio,&: fi conuengono. 572. A 

Hiftorie antiche d'Arabi, tolte da gli Africani diuilè in 

più libri, tradotte dal Latino.cllèr potrebbono le hi 

rtoricdiTitoLiuio. yi^ 

Hirtoriedi Dario,& AlelTàdrOjapjSllb igU7.zerati.295.b 
Hiftorie diui(à in (ètte libri di Ibnu Abdul Malich Grò 

nichifta di Marocco. ig.p 

Hirtoria,del Signor Giouan dìBarros Portughefe,del- 

la prima Deca dell'Alia. ' }84.G 

H o D E N, IcaladclleCarouaneche vengonodaTóbuc 

to de fuoi popoli,(Sc delle mercantie che fi traggono 

& conducono al lor paefè. "^ 09.B 

Hodeida,terra nella corta d'Arabia. 191. D 

|-Iom.ara,re di Goaga (ha origine,& fua liberalità. 80.C 
HomarSeief,hereticofuahiftoria,&: morte. 14.G 

Homar,città in Africa,& fuo fito. 47.D 

Homar,Elluef"heretico, & fua crudeltà vfata in Imegia 
gcn fortezza in Atlante. 17. A 

Huomo in Cambaia d'anni trccéto. 27(j.F/343.C/ in Ma 
lucco di cento & fette. jSj.E 

Huomo nella terra fcoperta dal Vefpucci qual hauta 
mangiato 5oo.huomini. m.Q 

Huomlni nell'Atlate bartanti per difenderli a piede da 
dueacauallo. j^jj 

Homer, Suocero di Macomctto fepolto in Medina Tal 
"^'"* 150.D 

Huomlni filuatichi viuono nel deftrto,& nel Nilo,fe- 
condo il Meshudi Hirtorico. 51.5 

Huomini, amici,propinqui , & feruitorf s'abbruciano 
col Re morto,in Narfinga.302.C/in Camboia. 336.D 
Huomini marini nelli laghi del Nilo. 145, p 

Huomini pelofi detti Benaiam,fopra l'ifola Buthuà ani 
mazzanogli huomini,& li mangiano il core crudo, 
con 1 ucco di naranci,& limoni. .^4 £ 

Huomini nella corta della baflàEtiupìa, più velod nel 
correre de cau.illi. j^^g 

Huomini di vn cubito,c6 orecchie molto gradi. 384'E 
Homero,hebbegran cognicioncdelfitodcUa terra, &: 

mafhmamente da quella parte che è porta fra li tro 

P*"' 7 D 

HonQr,fiumedetto daMalabari Ponaram, nelk coita 

di Narlmga. a 

Hofterie della città di Fertl '"°"^ 

Huaba,cattarrate del fiume Canaga. Jl £ 

Huaguida,paefe nell'Ethiopia. IJ^yì 

Hubl)ed,caftello nell'Afri.edificatodavn romito 44 C 
Hubed,citta in Afirica del regno di Telenfin. 60 B 
Hucba,di Vtmen Quarto Pontefice, edificatore del 

i-airaoan. ^ , y. 

Huinanghan,ifola nell'arcipelago di S.Lazero. «tfD 

Humunu , IfolanelI'Arcipellago di San Lazcro & flio 

nto.3f(J,C /[j. g 

Humaledegi,cartelIodiSegelmefre,edificatodagìiAra 
HumanitadiSochamirSoldano,nell'Arab.felic^iuC 
Hutmen Terzo Pontefice doppo Mahumettcdcrtrut- 
tor di Bona città nell'Africa, 6<^.A (,§ p 

Hunain antica Città nell'Africa porta fui Mediterrano 

IA e Qj E s Cartier, inuentor del paefe Canir^a, 
Ochelaga,& Sàguenai,detto nuouaFràcia374 C 
Iacancurij,terra nella corta di Bifinagar. ,90 C 

Licobitj,chriftiani circoncifi,habitano nel Tor. xil P 
Iadog,fiue uell'Afri, fua origine,& fuoi termini. 90 D 



Viaggi voi.] 



lafuf. 



I ^ 



lafu^,lllo^o nd m.ir rolfo nella -olb d'Arabia. Z79.D 
Iagara,ziiccarc) Ji palma, zyrt.D/ju. B 

lalii.x,tìgliolo di Mahimu-tco Redi Tclciifin fatto Cli'ri 

ftùno in Spagna. 61. F (5^4.D 

Ialot"o,proiiincia polla fra li fiumi Canag,i,& Gambèa. 
lanicoma.rcgno nulla coih d 1 A lalacca. ' ^^r.^.B 

lamboni Re di C-gnlgo , hiltoria liclla vifionc c'hebbc 

dormcndodfltiglioloXai]n.a. 57S.D 

Iambub,porco /òpra il mar rollò. 88.F 

Iamaga,tcrra,n(.lla colh di Decam. 389.0 

Iantronia,rcgno in India,(uoi confini.mcrcantic, & de 

iuoipupoi. ' ,j^ 

lambiuh, terra nella colla d'Arabia di'ferta. zsò.c 

lapet;j,notabiIe tìumedi cabaiaA' <uoi termini. ^S9."c 

Iaslitem,habitatione in AliicapolhlbprailMediterri 

, "'*°- „ 76.C 

Lizan.terra nella corta d'Arabia. 291. D 

J B N V caldun,Hilbrico commentatore fopra la caba 

, ''• ■ 40.A 

Ibnu,racIui,Hi(l:orico .africano. 1.F4/.A 

Ibnii, Abdul,Malicli,cronichilb di Marocco. 18.F 

J CH M I N, aniichillìmacittàd'Egitto porta (bprail Ni 

Io,eirliricata da giudei, y„f. 

Ichthvophngi popoli mangia pcfcc , ne confini de Ge- 

droii.zyo.E/grandezza della fila corta. lyi.c 

Icono Amelaca , cioè Iddio fia ringratiato , nionaftcrio 

nel regno di Angore. ^ 210.B 

. 'iicAM Turco valorofo,cauallierohebbc,40,bat 

taglie capali,& fua Hiftoria, 318 F/ Scacciato da Goa 

dal Sienor Alfonfo Alburquerque, 178.D 

Idcu.ilcal,prima parte dcll'Atlate.iuoi termini , habiti, 

coftumi,&:armedc Tuoi popoli. i-o 

Idolo del Dianolo in calicut,&: iua forma. 160. A 

Idoli portano li gentili nelle iiaui,&: con quelli Ci conlì 

gliano del nauicare, ,8o.E 

IdoliA'fuadelcrittione. i^o.C 

Idoli di.do.piedi d'altcz2a,& fua Hirtoria, jjj.D 

Idolatri nel regno di Gabra.ioiì.F/i lo.D/Guzzerati bà, 

cani (k zccires.ii3f.C/j04,B;Cocliino.i4O.F/Calic5ut, 

' }04,B;Zeilam.34i.D/nel regno di Benin.iij.D/ Sama 

ri.i76,F/nel capo di Sagres, na,H/ nella Taprobana. 

. H?-t/Hiftoria.^5y,I);l'egu.345.E/ Corpinàdcl.54f.D 

nell'ilola delle perle, 1 21.B/ nella corta d'Africa veriò 

Ponente, iiy,D/ in Lltthecala, it8,C/ Nariinga, u8. F/ 

nella Giaua.ióS.E/Bornci.35i.A/Gilolo.j6ó.Ì3/neirifo 
laFilippin.1. j7g_^ 

Idris,edihcatoredi FelTa città nella Mauritania, fua ori 
gine,& iuo valore. „ q 

Idris, famiglia, dallaquale fono difcefi li veri fignoridi 
Feda, ,_E 

I E L L E s, citta ncIrAfrlca porta fui Mediterrano. 50.C 
iFRico Rcdell'ArabiaFeliccs&fuaHirtoria. i.A 
Ifran,fono quattro cartelli in Numidia. 71.F 

I e N A M E radice, viàta per pane nella terra /coperta 
da Pietro Aluarez. ji,_p 

Igname radice detta da gli Indiani dcH'ifola Spagnuo'la 

Batat3,fuacoltiu,-tione,fpetie,ÒccomeiIconò(cana 
quando (ono mature. j,-, £ 

Jguir.terra del regno d'Ormuz. ,^3."^^ 

1 L A, luògo di Porto,nella cofta di Pcrfia. 174.8 

Ilaleni,nionte in AfricaAr futi! terni ir-.:. - ^'v 

Ubcrnus, mantelli «juali fi tcllòno in Tc-zfa Città in 
' ^'■^*'' M.A 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



llcufug.iphen città in Hea, fuo fito. Se homicidij quali 

commettono li (noi popoli. ,. ^ 

1 M A M I A, fetta ièguitata in tutta la Perfia. 4, r 

Imauo monti nell'India dentro il Gani^e cofi detti da 

1 olumeo,da popoli l>el.inguet,etNengracot.^8(;.A 

Jniagin . de nortri lanti,!io.„)r,uc,is: ador.;te, da Brami 
ni Guzzerati. p 

Iniegiagen, fortezza nell'Atla.. .e delhutta.laHonur 
Liuief. ^ 

Imizmizi,eittà in Afliea porta nell'Atlante. ,-t"e 

1 N A D 1 K E, f^ume nella terra di Benomatapa , £< luoi 
termini. ^ m n 

Incantatori nella Giana maggiore.3i9.B/in calicut par- 
lano vi/,b,imentc col Diauolo,eS: fuaHirteria.500 e 

!'';v;l'T^T'"-3-y-'^''»^lalahar.34,.D/„dp;K-- 

fecli Budomel,io4,A/in cananor, L ^ 

Incatatori.nella città di Fellà.liberano gli infpiritati cÓ 

incanti, ' .; 

Incantatori de caualli , nel Regno di Senega . & come 
Viano l'incinto. j^ . 

Incelilo &: altri o.lori in Diridotte Villa di Babilonia 
274, A/In cambaia,in molta quant:tà.ii3.D/In Dufàr 
terra dell Arabia feHce.iS6.D; In Pecher iic ilio prez- 
2o_,Z9z,c/iuo aere mal làno, ^^f B 

Incelò buono in grani &: in pafta il più trilto fuo prèz 
zoinmalabar, *, 

Incelò è liauuto I pzzo nell'Ethiopia come l'oro.ioJ'B 
Incenlo non può eller robbato , per virtù datagli dalli 



Incenlo nell'Ethiopia vfito dagli AbilUni nelli lor la- 

crihcij e più odorifero di qllo è portato a noi. zn.D 

India,quaiido /coperta da Mori della Mecca. 503 D 

Indie fuoi principi), diuifione, & termini, & Hirtoria 

de /uoi popoli- H2C/.79.B/3^i.DAk.E 

Ind..ulentro d G.ige detta da Per/iani, &: propri, popò 
li Indalkn,&: Iua Hirtoria. \^^q 

LKliani,.d tempo di ClMetello Celere trafportati d.alL-, 
fortuna dell'india aliti di Germania,non ellèr fàuo- 
lolo. _^ p 

Indiani, vanno in peregrin.aggio a buarfi nel Ga^rpèi- 
purg.uli depeccati. ^ir,.Et,^U 

Ine i.mi dodici mila annegati nelle bartl- di Cliilla, q u i 
Il andauaiio a danni de Portoghefi. ,j\ q 

liulo h urne al tempo di Arriano A' Tolomeo con fette 
bccclie.i8f.F/hora con due. iSi F/i ,7 ^ 

Iiido^regno antico è conuertito nel regno di cambaia . 

Indi,porto del regno di Cambaia. „^ 3 

lndouini,di tre (orti.nelb città di FelTa. 3^0 

Infl-rno,creduto,eS: di Religioll predicato nel Giapan. 

•Ì7S B/379.D ' 

Infermi delliqu.ili non fi ha /peranza di vit.i, /bno am- 

mazzati dal p.idre,o dalli fratclli,nell3 Giana. 16S.D 

Infermità qual ù ere/cere le gengiue fòpra li denti , ik' 

dalaMorte i^ó.E/jjf.G 

Intermit.i,quali regnano nell'Egitto. 8i E 

In/ortunatc,ilòle nel mar p.icihco,&: fuo fito. 5? r "c 

Informationc dell'i (òb luiou.iméte /coperta nelb p.ir- 

tc di Settentrione,chiamata Giapan. ,77 e 

Ingleli idolatri dltruifono la città di Arzilla I Afri ij e 

IngniungniginUitb di Hea,cV lue fuo. 14 D 

liihumanità,diMal:umetto figliuolo dei Soidano'di 

^^"^ ,f5.B 

Ininu> 



I /ito, Se honiiddij quali 
13.0 
ittalaPcrfia. 41.C 

Oli Gange- coli licttiMa 
uiT,crNfngracot.<S(;.A 
rtsiìcailorati'jiiaHiaini 
lyj.F 
•e dtlhiittadalloinar 
17.A 
ii.-11'Atlanrc. ly.E 

iiIknomatapa,&:liun 

rc'.?i9.n/i"iicali'ciitpar- 
oA dia l-liilwria.joip.c 
lalihar.54i.D/ndpaf- 
iior- ^ 3n.c 

erano gli inipìritaci co 

10 di Scncga , & come 
lo^.A 

tee Villa di Babilonia. 

lanci rà.ii^.D/In uiiiài: 

n Pedici- iSciiioprcz- 
iSf.IÌ 

i il pili crifto ilio prcz 

)piacomcroro.ioo.B 
per virtù datagli dalli 

iAbillìni ncllilorià- 
; portato a noi. zj^.D 
dia Mecca. 405.I) 
termini , & Hiftoria 
5C/i79.B/3^i.D/,i5.E 
ìani, &; proprij popò 
386.B 
;lcre trasportati dalla 
iam'a,nonc/Ièrfàuo- 

3-vE 
lauar-fi nel Gage,per 

3if;.E/39o.A 
baflediCiulla,(:iua 
ic'i. 514. D 

; Tolomeo con lètte 

iSi.I7i57.A 
1 regno di cambaia . 

■ella. 55,.D 

cdicatonelGiapan.. 

zadivita, Ibnoam- 
,ndla Giana. lóS.D; 
ie lòpra li denti, & 
i3(J.E/55f.G 
0. Si.E. 

ic filo (ito. 3Vf.C 
Icoperta nella par- 
>an. 577.C 

i Arzilla IAfri.47. e 
lieo. 14.D 

olo del Soldano di 

Inimi- 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



Inimici ria nata tra Portoglieli in Ethi'opia,di quaco ma 
, la làtisliution-' fu al Prete Ianni. 138. A 

Inftniméti da fonarc.q li vlàno li negri di Senega.io5.D 
Inftrumcnti miificali d'ogni forte hàno gli indiani,ec- 

cetto organi. 344. A 

Inuelligatori dcUi thefbride Romani in Africa. 41 e 
IO ARAfin(niy,fictoreIcaiicut del Soldano della Mec 

ca prelb da Porthogheli con grandillìma ricchezza . 

ij(J.D/ 
Iùglii,popoIi Gentili Icacciati del regno di Dely,&: fua 

Hiftoria. 505.C.D/157.D 

Ionaprofcta,douefu vomitato dalla Balena. if.D 

I V B A N I A D I, dicono li Mori al Belzui. 317.C 

liicuciiri),terrandlacoftadiBilinagar. 390.C 

lug fiume nella Molcoiiia. 574. A 

lulfar, terra di molto traffico del regno d'Ormuz.zpz.F 
Ianeos,gcnti che mercanteggiano alfai con fpetiarie in 

India. j^^Q 

Iulum3,luogo nel mare Roflb , ndla coda d'Arabia fe- 
, l'"-- ^ 189. F 

Iiiuagana,ifoia nel mare padfico,& fuo /ito. 340.C 
J ji I s veduto biaco nella mezza notte dal Vefpucci,c5 

tra l'opinione delli Filolòphi , q li vogliono che egli 

prenda i colori da i quattro elementi. 131.B 

Iris,fatto doppo la pioggia alla Luna, fi come fa il Sole 

il giorno. „g,j 

Irinocolfb.lècondoArriano. i6a.D 

Iro.monte ndla colla de gli Arabi, cofi chiamato da" 

Nearco. ^g^ P 

ISAAC honorato da Mori.i pi.C/fu tentato dal Diano 

loprimacheandallealficrificio. 151.F 

I 'chgliuolod'AbraàrediMaroco,&fuamorte.i9.C 
Ilola di San Iacopo ritrouata da melfer Aluilè da Ca da 

Mollo. jq3£) 

Ifola di fan t'Andrea , polla nd mezzo del fiume Cam- 
bra. loS.C 

Ifola degli Idoli. uj.E/elTer potrebbe la riferita da Han 
none nd gran colfo di Corno d'Hefpero. ni.D 

Ifola di San Tliome fatta habitare da don Hérich infan 
te di Portogallo. «g ^ 

Ifola di buona'villa, ritrouata da me/Ter Aluifetla cada 
Mollo. , P 

Ifola di Maio vna delle ifole di capo verde, abódante di 
tato falc.chevi fene potrebbe caricar mille nani, nc.a 

Ift)IadiCoriinhabitatandlacollad'Ethiopia. 59 a 

Ifola delle Garze, & perche cofi detta nella coda d'E tio 
pia. t,c,.A 

Ifola felice ritrouata da lambolo. Hiftoria dd fuo fitò , 
grandezza,fertiIità,co/lumi,&qualità degl'i habita' 

tori.i73.C.D/elI«r potrebbe laSumatr3,ouerTapro 
bana. ^^ £ 

Ifola ddlaLunagrandiirima,&rIcca,conpiudi.5)o.mi 

glia di colla,riferita da alcuni Arabi , àPictro Coui- 

• -i^lian Portoghefc- ^.^ p 

Ifola fcoDcrta da G5zalo Aluarcz nell'Oceano meridìo 
naie.dellaquale ancKora non fiha cognitione alcu- 
na,&fuofito. 1,90 ■(fito.„4.D 

Ilo a delle palme,dd r^ap di Caftiglia,fua fertilità, 6c 

I/ola vicina a Bedis cittlincll'Africa acquillatada Don 

Ifo a degli defapuilopra il fiumcGambra. ,S,. A 

I/pla dcrFaid,ifola de gli Aftori. - ,7 a 

«oladiSàiorcnzoaboijdantiinmad'animalijà'odori, 



18 

d'argento,di /petiaric,& di varie Ibrtc frutti. 178.8 
Ifola delle Amazzoni,fccódo l'opinione de Mori. ìjji.F 
Ifola Icoperta per il.S.Trilta di Cugna nell'Oceano me 
richonak-jòduofito. 1.3 

Ifola dishabitata , polla all'incontro ' ' porto del fiu- 
me Arbic. j^t>„ £ 

Ifola Icoperta ndla feconda nauigatione dal Vdpucci, 
&fuofito. ,,^.0 

Ilola colecrata a Nettuno,ndla cofta di carmania.Z7}.3 
Ilola nò anchora fcoperta,digradezza come l'ilbla Ma- 

dera,riferitadaThomeLopez,&fuofito. 153.B 
Ifola dd Sale, vna ddle ifole di capo verde.dishabitata, 

& fuo fito,& perche cofi detta. iH.F/iij. A 

Ifola non anchora /coperta,riferita dal Lopez, diftante 

dal capo Buona fiicriiza ic2hc.6co.dc fuo fito. 14^. A 
Ifola diftante da Calicut.30o.leghe,verfo il golfo Perfi- 

co,habitata da Gentili.quali non fanno altro cirerci 

t:o che pefcar perle. lu.C 

I/ola di s.Iacopo di capoverde,fiio fito,e gradezza.i i y.B 
Ilo a d'Oro nell'Oceano meridionale, riferita da Nico- 

lo di Conti,fua gr.indezza,& de fuoi popoli. 359.D 
Ifola RolTa dishabitata nella cofta fcopta da Pietro Sia 

tra,nellaquale fi vede la Tramontana fopra il mare, 

di.iltezzatlivn'huomo. m.A 

Ifola deScanni,ndlacoftadeNcgri,fcopertadaPiet'rc» 
diSintra. ^^^^ j^ 

Ifola di buona vifta, vna ddle ifole di capo verde, ii^ A 

lioadiSanTliome,fuadefcrittione,&fito. niS.E 

Ilo addl'AlcéfiÓe,riferitadall'Empoli,etfuo fito.i4f.B 

ir I "^'''i"'''''^"on anchora lcoperte,& fuoi fiii.nj.F 

Holc due dishabiute Vidne al capo di Sagres , /copertoi 

da Pietro di Sintra. • „o,d 

Ifole di Alaleò,fecondo Amano. 283.0 

Ifole due vicine à Zacotora,&: de fuoi popoli. 192.8 
Itole di capo verdc,& fiio fito. j^i.F 

Ifole de Iqs Azores,& loro fito. 370.F/173.F/U9.B. 

Ilo.le lette, vidne all'ifole di iabolo.174. b/elTer potrcb- 

bono le Gialle, BorneO,Timor,& altre ddle maluc- 

che. i7(;A 

Ifole di capo verdc,fono numero died.ii 5. A/potrebbo 

noelIereleHefperide. „, e 

Ifole ventiquattro mila, pofte nel golfo del mare d'In 

dia, riferi te dall'Empoli. 



- -all'Empc 
Ifole due vicine àZocotora, in vna ddlequali viucno 
gh huomini,& ndl'altra le dÓne,& fua Hifto.34z.B 

Ilo ediuerfcvicicadAmiadiua,riferitcdaI Lopez. i3^C 
llole Fortunate,pche nÓfiano ftatc cómcmorateda Ha 

none Cirth.iginefe,ndlafu3 nauigatione. nj.C 
llole di capo verde, fcopertc da melfer Aluife da ca da 

Mofto, Se fila Hiftoria. jq , £ 

Ifole di capo verde, fcopertc da me/Ter Aluife da ca da 

Mofto,& Antoniotto vfo,di nwe Genouefe, 

Ifole FortUnatepoftedaTolomepin.i7.&.i8.gradifo' 
110 le i^anarìe , anchor che fianp polle in . 27 & 18 

iff"'*'' .. n n . "5.C/II4.F: 

llolc.ii.milandlacoftadìMonzambiqui,pofteàdirit 
to camino vcrlb Malacca fottol'equinotialc. 179.F 
l/ola delli Re nd mar dd Sur , & fuo fito,& hafcito di ' 

/uoi popoli. ,,,jFj, 

iTANOR.terradigra traSipo ndla cofta di Calie 3U.Ì 

^*.£"i -^'^^^''^óbutto. tiranno ddliregmdiGubcf 
,Tailenai& Cano. ,.1 7P A B 

l2li,caflello antico ndl'Africa,&: fuo fito. • 'jS.G 
Viaggi V0I.1'. d ij Lacc^ 




T ACCAinCa!ui.i.t^7.B/Hi.A/,i8.B/iCaIicur.Hi.A 
■»-' 'nSiimatr.^&fuoarbore.ióy.A/.nlV^ii, ,8o.B/ 
ir.s.mid.E/in I.ingom.i. h^.B/iiy C 

Laci.M,& (no prezzo in Caliciit. ,io B 

LaccaA''uaHiftoria. jn.A (^j.'b 

Lacca Hi Wartaban; buona , & Tuo valore in Malabar . 
Labbri della bocca forati , & trapaflàti con olll.ct nc-lli 
biich; pietre a^iirrc&rvcDli. izì.A/hj.C/jìS.C 
Labbri forati , & ne biicchi,ollì, &: gioie. iRy C 

Labbro largo più di vn lommdVo puideù.pra il petto, 
aHiNegri,clic non fi laiciano vedere. Joo D 

Ladlroni,,(o]cncl marpacitìco, fuofito, & Hiftoria'di 
fi.o,nopoi. 3M-.F/570.E/.76.C 

Laghi cfel N,lo,!& Aia Hilloria in quanti gradi porti d.i 
Tolomeo. ° ic F 

Lago orÌP,inc del Nilo/ua gradczza,& hiftoria. joi.C 
L^go nel regno di Ailea,coli graiide,chc pare vn mare. 

Lago,-qu.iI gira dodici miglia, porto fopra vna monta- 

gnanel regno liì Fatigar. j^^ q fy 

Liigo nel regno di Amar?.,otto miglia in longhczza & 

^'tremJarghezza,neK7levirbnoViualIiman-ni.zip.A 
Lago "|:_Chianiay, nella interior parte verfb Tramonta 
na dlla corta di Malacca,^ S llioi celebri fiumi. 3.1.» 
tago »ralfiumcIndo.& Gang.-, lacuiacquaèdi mara 
'>uigiio(oiaporc. ^ 

Lago diMecom,& Tua grandezza. ,tj q 

Lagode lcprofi,in Elhamma città in Africa. 70A 
lagodi-fiffota.nclquale vi ^ il pefce detto da gli Afi-ica 
niGirrafta. ° ^^.g 

Lago in Zeilnm circonda tre miglia , nel mezzo dclqu» 
lc,vi e la citta regale. jf^ 

Lago Albano , fenia raanifcfta caufa , crebbe .1 tempo 
de Romani. i<r4.D K^^p 

Lagi,città dcll'Arab. felice fertile di Datteri,et fuo li ro.' 
x^us luogo apprello il Qpo di Santo Vicenzo fcdici 
miglia. - 1^. , ' „ 

Laguna detta fette mari,atferfata dal Po.z8i.E hojF 
Lagune di (ale bianchiamo , nell'ifblc di capo verde . 
Lagoma,irolanclniar,dclleMolucche. itfS A 

Laghan, vccello mangia il cora alla Balena. .rq D 

Lagrei.umegrortocanbuon porto, permezzolVbla 
del Bnrtimento.sbocca nel m.nre del Nort. ,7^ B 
Lagleb, amigha nobile dominatrice di Damafco. ^n.D 
i\? lell Erh.opia non entrano in Chiefa. ni B 

LaliacheiJl iliadi Mucbemmudun reful'Mlarh, parole 
' principali per flir 1.1 profeir.Óe di fede Morefcaf i « C 
Lam.l terra,nel regno di Barna^/To. ' ■ iqti A 

Lamneo,tiumcdiBarK.azz;iècondo Ardano, /gfc 
Lamon terra nella corta d'Arabia felice. j J a 

Lampade-in grati mianfitó fi accèndono Ja notte nel" ré 
pio maggior<1ella ci ttàtli Fe/B. „ n 

Lana ltlcéte,& moll^, canata rf'alcunecàneddfaquaie : 

.ftefannovertirn,milipopolidell-.ìòlafelicediKbo 
Livnenaicono fra hgrafpi de Datteri. 5.E (10.174 a 

^JoFdi Km"'"^'' ^' gottone, vfatiin guerra da po^ 

L3KhWol,nome del gra mare fra la Somarra, & pAfri- 
I^&.foctj4ifbladlIe-c.rtar(ehab/tatadachriftiani\;8B 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



I7«;.D 
ipj.B 



Lao,città grande ncll'ifola Burnei*. 

Lapis Lazuli,fi ritruoua nella Pcrfi.i. 

Lar.iiola nella bocca del Golib Perfico. 

LÌKirais,città neirAfi-ica,porta fui Oceano. 46 t, 

Las cornentes , luogo nella cofta dell'Etlhopfa fotro il 
tropico di Capricorno, per mezzo l'Kola di San Lo- 
renzo. . 

Lalcha pefce nel fiume Ommirabich. S? . E / nel fiume 
mth.Ò9.i/necauanoolioj)ahbiiiu'arliAfiicai.!z' B 

Lalis,conipofitione eccita la luiruria,& il ridere , vfat.i 
m Barberia. , .. 

Latte (è ne vende venticinque botte al giorno.nella dì 
tatii I ella. • .-^ 

Latte caldo, è dato da gli A rabi di Barca alli pa/Ti-Wri 
per largii vomitare li danari. ^ %q 

Lattedi camelia è molto rinfrelcatiuo , 8c gli Arabi 'ne 
danno a bere alli caiulli. ^ , .„ y 

LauoridiTar_fi.a,comec6portial tépo ci Romani. z8i".F 

Lauon Azcmini.con oro, fi fanno nella Giana marcio 

LauorieccellentilUmi fatti con Agho,daIle donne- dd- 
iaOiauam.aggiore. n 

Lauorl bclliinmi dorati,f.ttì da Chini. iloD 

L E F T- T r , rerra del regno d'Ormuz. zp, B 

Le^gge di Chrirto ollèruata, & come interpretata in Ca 

Legge M-ihomettanaù fondata fopra il rertamento°vec 
th.o.i88.A/prohibi7celaCabafa,etooni.iltraindiui 
nat.one.4o.B/La carne porcina.296.C/non permet- 
teche Canonirti habbino falarn.37.D/che li Re hab 
bino altro cenfo,che quello da lui ordinato.44.F/Ef 
fl'rc,tarl'artec{ell'orchcc.4z.F/vuolefia ragliatala 
pimtadellacrerta alla natura dcIL» donne,& è lerua 
tain Egitto,etSoria.8^.D/non pmcttecheli Re por 
tinocorona in capo.44.C/prohibifce il vino.47: A/ 
non permette che alcuno lignore temiiorale fi polfi 
<lir k^ ttimo Signore , non eifendo pontefice. 1 j.B/ 
quando fermò il piede nell'Africa. 7D 

Ieggcvnell'ifolafolicediIambolo,condannaalla morte 
gh ftoipiati,, ac quelli ch'hanno qualche difetto nel 
corpo, j . . . . p 

Leggcchc fi abbrucia/Te la donna viua col morto mtri 

to,conqual ragione inftituita. «s A 

Leggeyecchkj «cnuoua, i-olTeruata dalli chri4ni 
Abillmii _ 

Leghe quatordici miIa,quattroce'to,& felfanta, fumo 
fatte dalla naueSpagnuola attorno il mondo. z6n. F 

Leehe quindici di Portogallo.fono miglia felTanta Ira- 
hane. '' ^ 

Legno aloe! Gapaa,fuc fpetie,& quato apÓzzato ICa- 
hcur^io.B/}X3.C/39i.C7356.D/in Maarazia. «.,.F 

LegnorieWsWadato dalla ReginaSabainGierufalem. 
tolto nella citta di Sabaim. jof A 

Legno del mal Francefe,& fua Hirtorfa. J'd 

Legrio del dattero, &fua qualità. ^Ja 

Legnami fono molto apprezzati in Tunis città di Bar- 
' beffa, i g n 

LeitaiTi,rerrà del regno c^O^'m^z.■ ' J,"b 

Lencifcò,àrbòfè nel monte Atìante. ■ ,rB 

LetaHa,ifola nel mar Pacifico habi Mr.i: ^ firn f''^ ■^f- n 
Leone Papa , fi crede da gli Abìirinì hauer rotto moire 
cofe del Concilio di I^fifcca. ii,n 

Lcòhàtó capItaHb d'Alc/Tandró viTc gli Orìti.i7o. A/fu 



coro- 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



'''r'''i« i;c;.n 

IVrIìco. iP3.n 

111 Oceano. 4f7.C 

bdcIl'Etli.'opuflnroil 
tiezzorifoIadiSaiiLo- 

ibich.Sij.E/ncIfiume 
'UiuùrliAiTicai.lii.B 
runa.&iln'cicrc.vfàta 

Cy.E 
3ttealgi'orno,nelladt 

54. D 
li Barca alli paiTiggi'erì 

«Ilio, & gli Arabi iif 

149.U 

tcpod Romani. iSi.F 

o nella Giana maggio 

5'9-B 
gho,ilalIe donne (Icl- 

,, . . J'9.B 

-nmi. 310. D 

niiz. 1P3.B 

ne interpretata in Ca 
uo.D 
pra il teftamcnto vcc 
a,ct ogni altra indiui 
i.296.C/non permet- 
io.}7.D/cheliRe]iaK 
liuordinato.44.F/Ef 
/ vuole fia tagliatala 
rIlfdonnc,iSccfcnia 
pmcttecIieliRepor 
libifce il vino.47. A/ 
retemjV)ralefipoin 
ndo pontefice. 4 j.B/ 
ca. ■ 7.D 

ondanna alla morte 
• qualche difetto nel 

I74.E 
/ina col morto mari 

??S.A 
lata d.illi chri'bani 

190.F 
3,&reiranta,furno 
10 il mondo. 3(^9. F 
miglia fefTantalta- 

98.D 
atoappzzatoICa- 
Vtiarazia. 3^y.F 
abainGieru/àlem, 

iOf.A 
'f'a. 9f.D 

7?.A 
ruhis città di 3ar- 

if.B 

j,.j,. 

tiaucr rotto molte 
izf.D 
jliOnUiyo.A/fu 
coro- 



coronato da Alcdandro. Ì74.B 

Leoni in Arrica.i}.F/i9.C/30.C.F/4f.A.F/57.A/5f.E/9Z.E 

nella coda d'Hodé.i<j9.C/nel regno di Senega.i04.c 

In Arabiafelice.i5f.D/inNarfinga.300.F/i5<}.D/in ea 

liciit.i()2.D/in Cefala. iS8.D 

Leoni i pili nnnofuli tutta rArric.i,fuaHirt:o.92.E/i9.C 

Leoni in Africa timidi li l.iiciano (cacciare con li ballo- 

niyik conucriàno ncllecittà per mangiare le ollii co 

me li cani. 4Vl747.C/f^.B 

'.coni tjuattro ih catena', ibno kìi continuo códotti die 

tro la corte del Prete ianni. Ì47.D 

Leoni tìiqgono veggendo la natura della donna. 91.1' 

Leoparili in Atric.i.i9.C/45.C/f4.F/f 5.E/,-7. A/p2.F/ncl- 

la colla d'Hoden.99.F/ ne' ._, .0 di Scnega. 104. C/ 

Narlinga.50o.f/di Barbaria,Hilh)ria. 51. F 

Leprolì /bno diligentemente goiiernati, nella Citt.1 ili 
Fell.i. ^ ' ^,_^ 

Lepfdc,città nell'Attica edihcatada Romani. /o.D 

Lclì.cione,nalùeinZeilan. 1S4.C 

Lettera di Fugcnio papa à Ciri.ico Prete ianmV zjp.E 

Letteredd Su: D.iuid Prete ianni ai Re donEmanifel 

= . di Portogallo.257.E/i)6.C/aLopcsi"a:chicra capitan 

maggiore iielleLiiiic247.E/2fi.E/ia.A/àdon louan 

ru Redi rorcogallo.2)-7.D/a Clemente, v i i.Pontc- 

'ìce. ,^8.0 

Lettera del Ser.don Giouannì Re di Portogallo, à Cle- 

menterecdmo. "^ i^f.E 

Letrc^ra della Regina Hclena,auola del Re Dauid Prete 

ianniadEmanucl Redi Portogallo. 176.V 

Lettere del Signor A u tóoio Médòzza date nel Mexico. 

il.1r41.dtl paefè fcoperto : quella terra nuoua.574.c 
JLectera ilei padre Franceico Xauier, data in Cangoxina 

adi.vOttobre.M45.del(copiinKtodelGiapà!}8o.D 
Lettera del padre FranceCco l'erez Ila in Malacca , per li 

fratelli del capo di Comorin. 3S5.D 

Lettera de! padre Gioiiani d'Abcra ftain iWaliicco, per 

il Rettore diSanto Paolo di Goa. ,^^j 

LetteradiLodouicoBardiemaBolognefc,allailluilre 

madama A "nefinaFel cria Colonna. 147.D 

Lettera ài Andrea Cor/idi Fiorétino, al Duca Giuliano 

de Medici del viaggio d'India. . 177.D 

Lettere due di Amerigo Velpucci Fiorentino,delli diié 

viaggi fatti p il SerenifiRe di Portogallo.uS. A/i 29.C 
Lettera di Andrea Coiiàli,al Duca Lorenzo de Malici, 

della nauigatione del colfb Arabico, .3c Per/Ico, fino 

àCochin città nell'India. 181.A 

Lettere mandate al]'Impcratore,dal Re diTidore.5(J8.a 
Lettere nell'Etiopia non fono fcritte co l'anno.col me- 

fe,ne col giorno. 218.G 

LetteraAraba cvfàtada gli Africani, da.90o.anni"in 

c|uà,&h.-inno perduta la Africana. {j.jj 

Lettera de gì i Acméni, & de chriftiam di Sarnaii,è còìn 

pofta al contr.irIo della noftra. i^Tc.G 

Lettere JatinCiVlàtc da gli Africani. s.^ 

Lettere, & modo tenuto nel fcriucre nell'ifola felicedi 

lambolo. , 174. E 

Lctterati,&virtuofi,nelGiap3n. 378.B/579.C 

Letterati ib;Qo,ddidcEati,ct honoratl in Mcdua ci ttàdi 

Affica.tf3.E/dal Re di Tombutto. ys. A 

LeuceifolclècDodoArriano, jg^p 

Leuceporto,(ècondoArriano. , 284 C 

Lhebich,fiumCndll'Africa. g^.D 

LIBRO tliiùfb 1 otto parti^fcritto da tutu'gli Apoft'o- 



«9 

li.efTendo cógregati in Hicrnf.ilcm, olTeruato da gli 

Abillmi,detto Manila ik Abetilis. n^.F 

Libri nell'Africa, quali potrebbono ellèrclc hiftorio 

. di Li 11 io. i; 

Libri tii meffer Girolamo Fr.icaftoro donati dal Conte- 
Rimondo dellaTorrc,à vn pilotto Portogliefedi vii 
la di Conde. 114 D 

Libri tremillia ferirti in lingua Araba , comprati neìla 
città di Satiuadel regno di Valenza. 62.C 

Lil ri di Polibio della nauigatione dietro la corta deÌi.i 
Ethiopia (opra l'Oceano (Imo perduti. H2.E 

Libri.45 • ffi Macometto , & fiioi compagni porti nella 
Mofchea della dia (cpoltur.T,nelli quali (bno dedrit 
ti li (noi comand.amenti,& la fila vita. 1^0 A 

Libro di M. Marco Polo Venetiano , fu caufi che li Re 

di Portog.allo,fàccnèro (coprire le nauigationi all'Iti 

die. 17C.E 

Libro di Chrirtoforo d'Arco clerico di Sibilla, fopra iì- 

q uale fii corretto l'Itinerario di LodouicoBardiem.i 

■ Bolognelè. j g 

Libri dìAmerigo Vdpucci Fiorétino,dlIa nauigatione 

^ latcì daini verloPont'tcpilSer Redi Cartig:ia.i52.f 

Libro ili carta 13ergamina,fcrirto in lettera Abilfina,tiJl 

to nel nionartcrio della Vifione in Ediiopia, & man 

Tlato al Re di Portogallo. 1^,0 C 

Libri di Perii abbritci.ari dalli PÓtifici Macomettani.y.f 

Libro delle hirtorie di Aleisàdro Magnq fu veduto ddl 

Corlali m Perda. j^j. ^ . 

Libri- de gli Africani abbruciati dalli pontefici Maco'- 
mettali i. ■ p 

Libro delle vite dclli Santi Africani. J'b 

Libro della vita, &: miracoli di Abraam Impcrator del- 

ttttuopia. .... '■ ilo F 

Libto di Qdoardo Barbolà Portoghefc, fcritto nell'an- 

Libro di marinarezza delle parti d'India , fcritto da Pi- 
lotnPorroghefi. ^^j Q 

Libro dcll'EthiopÌ3,diLodouicoBarthcma. n.A 

L.hi-o dee parole di Macometto,opera d'Elcabi. 4,-.C 

Libro dell, vari) mouimenti delle ftelle,et altre cofc no 
tabih vedute nella nauigatione di AmerigaVeijjucì 
Fiorentino. * ^^ 3 

Libro clell'hirtoria della Regina Saba. J, e 

Libro didó Pieuo martire, del viaggio attorno il moa 
do,perduto nel lacco di Roma. , . ^ d 

Libro di PapaEugenio mandato da Dauid Prctciannf 
a Clemente lettimo. ^ p 

Libro deg; ->rdini,notertà, & benedituoni potificalè 
in mano de gli Abiirini. ^ ^^ p 

Libro delle colè naturali , & marauigliofe del Mexico 
con i paeli difcoperti,al:ezzc,& mìfurc dcl.S.Anto- 
nioMcndozza. q 

Libro ordinario h.ino li pilotti Portoghefi,ncl qh no- 

tano di giorno 1 giorno il camino che fanno, n qual 

vento,& in quati gradi di declinationc è il lble.ii6 e 

.Libri , quali fanno mentionc, douelbno afcorti molti 

tnelon. -, 

Libipht.nicicittà,edificatedaHanoncCartngine(tnel 
la corta dell'Africa uoridel ftrcttodi GiKralterra. 
in.Upcrcne coi, tal nome fumo chiamate. lU.A 
Libia fuo principio,^ fuoi termini.i.B/fua rtcrilità.«.a 
Libijiurno Giudei nantil'aduenimehco di noftro Si- 
gnor Gicfu Chrifto. jj 
Viaggi V0I.1'. a iij Libik- 



■v. 



INDICE DEL 

tibf,T,& Ini che fi rMiilTc alla legge Malujnicana.7-.(l 

Li boi.oto,Olh-o Garbino. iHy.A/iyU 

Liberalità dd principe di Zanaga, Aiiicaiio, Se de Tuoi 

coltiimi. ^ Q 

Libertà qii.il hanno li Mainmaluchi in Damafco,fopra 
le Donne. , ;j p 

Lil«iralità,.lcl Re del Pegu. jg^'n 

Lidii) popoli.nella corta ilclla China. 369.0 

Licrebait.a,purto del regno di Cananor. jj.ric 

Licdo ouiT allegro, capo nella colla de Negri , fcoperta 
da Pietro di òintra. [,o jj 

Ligido, pietra biaca per far va/ì da cóferuar odori.iSi.B 
Limoni laluatichi ntl regno di Cano , qu.di fono poco 
_ digerenti di (.iporcdalli doinellici. 75. D 

Limoni , al tempo de Romani erano portati di Media, 
_ Se Perlia,nc li ritrouaiiano in Italia. 37 j.G 

Limahorbaz.terra del regno d'Ormuz. ic;j.B 

Limirica,regione fecondi) Amano. iSc.C 

Limadur3,città in Cauibaia. ipy'g 

Lima,cittàdOrmiiz. ,gg £ 

Lingu.iggio,d'vna ifleili forte hanho li popoli da capo 
Buona lpernnis.^fino al foretto del marroUb. i78fA 
Lingua lìj Marocco, Numidia & terrade Negri , & lìie 
diuerfità. j A B 

Lingua Abilllna,c molto di(ìicile,ct fenza rcgokiÌ7."c 
Lince aTale,figiHo,& impref^uiel Redella China. 369 
Lionzc nel rc-gno di Sencga.io4.C/ncirEtiopia, in Nar 

l-jpan,i(ola nel mar pacifico. 3^4.? 

Lique.prouincia del regno di Narfinga. ipp.F 

LiauijpopolinelmardellaChin.i,fuaHifloria. 3io.k 
Lisbona, principal città del regno di Portogallo detta 

dagli antichi Oliflppo & fuo fìto. n4.E/j74.F 

Lixo.gran R urne difcendc dall'Africa riferito da Hànó 

ne.iu.E/pofto daTolomco r.ip.gradi fòpra l'Equin. 

potrebbe efièr il fiume Sus , qual sbocca nell'Ocea- 

no.aMefTi. ,3 

Lixiti,popoli nella corta dell'Africa, riferiti da Hanno- 

"^' lu.E 

Lizarijfortc di panni di Banghalla, lój.C 

loxvsTÉ ingrandiillnu quantità nel pacfe degli 

Azanaghi ,^,*a 

Locuftein Afn'ca,&fuaHifloria. 94 F 

Locufte f bno mangiate ilalli popoli diMauritar ;a,et di 

Libia. ^^P 

Locuile in Africa in numero incomprenfibile. 14.B 
Luogo in Damafl-o doue Sa Paulo fu chiamato da Chrì 
Ito alla fede. 148.E 

Locari,porto nel Golfo Arabico. jij'd 

Lodouico Bar thema prigione dellìMoriin Adem, & 
luaHiftoriiL ,.3 

Lodouico quarto Re di Francia liberato dalle mani del 
Soldano del Cairo. g , q 

Lombilico, tagliato fubito fa morire. ' S6.D 

Longon.città nel regno di Siam. jgp.B 

Lonzaanimale dacacda mandata dai RediOimuzal 
-Re di Portogallo. 188 D 

Lorom.tcrra del regno d'Ormuz. ijij.B 

1 V A N G o A, fiume nella terra di Bcnomatapa,fi>: f liói 

Lubccco.ci tta nobile polla fopra il Mar Herman .v« n^ 

crebbe con nuouo viaggio penetrar ncÌi'Ìiidù.}73^E 

Lucai Monte diftciIe,&aIlco nell'Africa. 51 J? 



PRIMO VOLVME 

Luccus,fiume in Afri.fua orig?ne,& fuo, termini. 90 „ 
Lugor c.ttàncLacofladel regnodiSiam. ,0, C 

Luhbella Re dellEtiopia,;viiie neirimpcrio ottanta a„ 

ni.edificòmolteChiefcdimirabileedilicio.iio 1/ 
l'ade. „ 1 ' 

Lumatola,Ifbla,neI mar delle Molucchc. ,6S B 

Lume di rocca,compo(lo con Solimato,è vfnto dalli se 

gri deil'ilola di Sa Thome,per medicina alla Rot;...,, 

*: mal Francefe. ,,»; |J 

Liintuna,f:miigliaantica,&: Regia nelI'Afi-ica. i.D 

Luna iaiou.i,;/i.,hua il medef ino giorno della con-ion 

tK)ne,allaM;na.39i.L/cScdalVefpucci. , » D 

Luna.idoratanellaGiaua.i6S.E/nelleC)".-ie.98.D/in 

Borneo.jSi.C/ncK.iapan, j,,.^ 

Lupi marini.ilanno inditio di terra a marinari, k:"]) 

Lufluriofi nel paele di Biidomel.103. A/in Cilicut. m.d 

nella terra fcoperta dal Vefpucci,i3i.B/in Pegii 



JiJ» 



^- 



MA A R A z I A, Città porta fopra il Gange. «o.F 
Maharmuduxa,RediD,c..m. 1900 

Maha terrad'Adem,neIla coftad'Arabia. uji.R 

Mahaldiu,Ifola neirindico,delle Palamdure. 31J.B 
Mab.der , città delle principali fia terra , del Regno di 

Decuii. j'8 F 

Macarmeda , Città nell'Africa edificata dalli Signori di 

Zeneta. 44 D 

Macatii.mótc fbtto ilq le è pofta la città del cairo. 8j.D 
Michamudi,Re di Cambaia nutrito di tolFico.dà la 

morte col fiato. ityC 

Macira,Ifola nella corta d'Arabia , potrebbe elfer Zeno 

bio,o5erapide. 182 D 

Macchian,ifbladellcMolucchcgoucrnatadapopoìi,"hi 
XA '*°™-5f'-^A<55.E/^ito. 3/8.B/3.P.E 

Machigan,habitationc in Cambaia. /b'jj C 

Machres.c.iftello nell'Alrica.pofto fuUa bocca del 20!- 

fodiCabes. J^ ^ 

Maceiram,porto del regno di Bifinagar. ^ic 

Macaceni,porto del regno di Araquam. !L'c 

Macis nell'ifola Sandai.34i.C/in Banda. 5 ji.B/nelle mo 

lucche.36ó.F/Hirtoria,& prezzo. I67.•E/5I9.D/^'?.D 

Macini, terra del regno d'Ormuz.igj.B (io- C 

Macqueda,nomc^prio della Regina Saba d'Ethiop'ia . 

Madera i(ola,perchecofi detta,quando,& in qual par- 

tehabitata,fusgràdezza,aerc,fertilicà, &defuoi pò 
poh. ^p 

Mader Auuam.città in Africa, ^c fuo edificatore, il'c 
Madrafaine$,moneta d'Argento di Cambaia, & fuo va 

''^' J17 C 

Mailarare,barcbctte, fecondo Arriano. xsi E 

Madeh.a, terra del regno d'Onnuz. ini' p 

M.-ulangan,pronìótorio cofi detto da gli habitatori, (la 

Tolomeo Ethiopo,da Portoghefi capo verde, da Ne 

griBifineghe.&fuofito. ^^C 

Madre vecchia, morta da figliuoli accio non traiiaélì 

più quella vita, i6nDt 

M.ifudi,MorovalorofiiIlmo,rotto dairelfercito del Pra 
te iannì,6: fua morte. j .^ p 

Mafumede.moneta d'Argento di Cambaia,& fuo vaio 
re. p 

Ma^adaxo, regno fopralaMarinadell'Ethiopia.detto 
■-■.2 1 Cronico opponc,& fuo luo. 17.- j; 

Magadaxo città nella corta d'Ethiopia.387.QHirtoria. 
»40.B/»jJD . _ ' 

Magon 



inc,& Cuoi termini. 90 n 
noflìSiam. 391.C 

ndrimpcrioorraiita.iii 
iirabilcalilìcio . irò . ì'/ 

218.IJ 
lolucchc. 368.B 

oIimaro,cvfàto filili Ne 
:r inaliciua alla Rogna, 

iiS.D 
jiant'Il'Afi-ica. i.D 
u giorno della con t;ion 
Vcfjnicci. i^.D 

(lidie C}"?vk'.c)S,D/ in 

J5I.A 
:rra a marinari. 155.!) 
.lej.A/inCilicut. uy.d 
icd.i3i.B/in Pcgii, 

a fòpra il Gange. jjjj.F 
'f.im, ipy.D 

l'Arabia. lyi.E 

Palamdurc. jij.B 
■a terra , tid Regno di 
318.F 
ifìcata dalli Signori dì 

44-a 
a città dei Cairo. 8j.D 
rito di tolFicOjdà la 

, potrebbe elTer Zeno 
iSi.D 
mernata da popoligli 
}£?8.1J/jip.E 
ia. 389.G 

ofuila bocca dei gol- 
70.A 
nagar. j^i.C 

luam. 554.G 

anda.jji.B/nellemo 
3. i67:E/jr<j.D/5??.D 
^93-B (ioj.C 

ina Saba d'Edi iopia . 
mdo,& in qiial par- 
jrtilità.&defuoipo 

P7.F 
10 edificatore. ly.C 

iCambaia, (Scfuova 

mo. iSf.E 

29Ì.F 
riagiiliabìtatori.da 
fi capo verde, da No 

ijo.C 
accio non iraiugiì 

569.D 
lall'eirercirodelPra 

14Ì.F 
ambaìa,& Tuo vaio 

JÌ7.G 
ell'Etliiopia, detta 

)ia.387.C/Hiftoria. 

Magon 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



Magon Cirthagfncfè de Re ruftiea , cll'cr iiotrebbc ap- 
pre;n)gli Africani li tre libri trailotti al tépo di Man 
<òr Redi Granata. y.F 

M.igraua,mon te nel regno di Tcienfin, iiabitato ih no 
bili & NMloroli popoli. 61.F 



Magran, monte di Tedlc,&: fiioi termini. 



+5.C 



M.ighilla,dtia iieir,'\tric.i,eilifkatada Romani. j(ii;.A 
Maglirpalicr,prineipale cittadella Giauam.iggiore. 
M.ig.ift.ir,' Li ine/lèr A laico polo , da Mexierni , iiola tll 
b.in Joreiizo. }i'7.U 

Magicai),chc !on Agalas,drogadiLcuantepcrCainl\i 
i.i,in(lro .ipprezzat.i.^f.F (yo.C 

Al.w;gii)re,liumcneirAiri.luaorigine, Se Tuoi termini. 
M.igiilnui , collunii , & othciaii ilella Corte del Re ili 
"l'eieniin. bo.\ 

Maglia, viàu in guerra nel regnodi Narlìnga.i,-9.A/ in 
Cambaia,i96.B/in Decam!i99.E/iii Ethiopia.i4f. D 
Mi!lul;,Heret!co,come li fece grande,& edibcù Elmali 
dia bora detta Arrica.CS.F (na.^S.C 

Mahdia,citr.\ ndrAfric.idcllrnttadal popolo di Lórii - 
Maliiz ncH'ilóia fdicedi labo!o,elI'.'ndo Ipruizaro eoa 
acqua calcia creict alla grandezza d'iioiia di Colom 
bi. i74.E/i7|.U 

Mais,fiumegran(iiilìmo,ft"condo Arriano. 1S6.A 
Maiinbi,porto del regno ili Canibaia. 317.G 

Maimi,terrj ili porto,del regno di Cambaia. 327. B 
Maiin,città ndlacoftadi Decani. J89.C/517.B 

Maini, terra di Cananor. 389. D 

Mai,porto del regno di Goa. ?-9-l^ 

Mapamondo maiukcodal Redi Portogallo, al Prete 
■ lanni.et ddli qiicfiti latti fopra do.aDon Francefco 
Aluarez. ^^jP 

Ma;polcam,potto del regno di Bifinagar. 33Ì.B 

Miidino moneta turcheica vale duoi (óKli. iSo.F 

Malao liiogo,(ccondo Arriano. Ì83.E 

• MiiiccadaiiK)derni,daglianticliiAureaClierroneiro, 
& Tuo rito.3S9.F/ii'o.C/39i.C/U9.C/ Hilloria. 166.C/ 
prefà da Porroghefi. 51S.D 

Malacca è nella naiiigatione de Casigliani. 577. A 
Malahathro in cognitionc de Romani. i87.d/qual cller 
potrebbe. ^jj^.q 

Malaquiti Cliriftiani.habìtano nell'Arabia deferta , Se 
dia Hiftori.i.5i4.F (del.jn.B/jjp.B/jpo.C 

Malcpiir città, molto anticadella prouinciadi coroma 
Malabar piouincia,(uoi termini , lóghezza ddla f lia co 
lh,rcgni,porti,&: città prindpali',coftumi,leggi, ii- 
to,& ordini de fuoi popoli. i3o.E/j5i.53z.}89.Da86'.c 
3S8.A/147.A 
Maldiuar iiòlc. 8. mila ndl'Indico , fuaHillona, & de 
fuoi popoli. 346-.A/3I3.B 

Mal Fràcc(e,regnain tutte l'ifole del marddleMoluc- 
die,ct è^'detto mal di Portogaiio.^tfS.E/nd cairo più 
che in ogni altro luogo delmódo. 81. E/ nell'ifòladi 
S.Thome,&: ddla medicina vfita dalli negri. 118.D. 
Mal Francdèdi quai forte fia. Se quali cfFetti" tàccia nel 
laBarberia,fuaorigIne,&douenon firitroui. lo.D 
Mal Francefc nella gola,ha il RediCaiicut. i6i.A 
Mal Francdc cruddc regna di la da Calicut , più di tre 
mila miglia,& è detto da Mori,Pua. 171. A 

Malcama.linguaggio vfàto in tutta la prouindadeMa 

Malicha,Re deNabatci/econdo Arriano. z84.C 

Malifacii Imperatore dcTurdii perfecutore della fctta^ 



10 

ili Elharit,lbnii,Eled,di 3.ig.ided. 40.C 

Mabuigie tolte in Candia,tra(portate ncli'ifola nuderà 

fi:utt.ino. j^x.A 

Maliiuliei(ólecelebre,&fiiaHi(lori.i. 319.E/167.E 

Malutclie,(()no della iiaiiigationedeCall;gliani.H7.F 
M.1I ucdie i(élf,relatione lìcl lor flato del padre Giou.i- 
nid'Alber.i.383.i" (eometto.Sfi.C 

Malidi!,di mediaTalnabi,fcn'tore (opiM la leggedi M.i 
Malue.tena nd regno di Tigreinahon. 105.!) ' {^M.D 
Malliia,i((>la nel mar di Bad.i,(iio fito.et de (ilo popoli. 
M.iloii.i,vltimo luogo ne cófìni de popoli Oriti.i7o.C 
Milmalet.flgnore potentilUmo,& molto dlimato nel 
Regnodi Decani. ^i^^ff 

Mamm.iluclii fiiaoriginc, & come pcruengono Solila 
ni nel Cairo.Xó.D/Hifloria. 148.E 

Mammalucco Fioreiitino,Signorc di Damafco. 14S.C 
M.imalucdii.3O0.pdifdàd'viiaCarouanacóbatterono 
có.i4.niilaArabi,& neammaz/orono.6oo.&:ddla 
Carouanafòlomori vn'buomo,& vnadón.i.HJ.D 
M.uìimalucchi.c;o.valorofì córra. gemila Arabi. 149.D 
Mamonc, panni di bambagio molto apprezati da Mo- 
«■'• Z94.A 

Hihmora città ndrAfrica,& fuo edificatore. 30.B 
Minna cttpiofà in Aiiica.fuo prczzo.operatione, & co 
mefiraccogli.i. y^j.p 

Mann.i,cra il cibo dell! Gomorrcani,& Sodomiti, qua 
li non conoftendo il benefìcio da Dio per il peccato 
fumo puniti. 149.D 

Manancor, terra ndlacoftadi Bifinagar. 390.0 

M.inapar, terra nella colla di Bifinagar. 590.C 

Manancabo^egno ndlaSumatra. ' 318.P 

Manantamar,Lauandi"eri di verte in Calicur,& fua Hi- 
ftoria. p<^_p 

Manadelli,terrandregnodiTigremahon,liabitatada 

Mori,tributari) al Prete Ianni. 207.F 

Mandali bifcie in Cananor,di fi acuto veneno.che mor 

dendo Cubito vccidono. jn.C 

Mandando,cittàgr.mdefòprarifolaButhuan, & Cala 

?i^''"- 564.E 

Madao regno 1 India,anticami;te delle Amazoni. 328.E 
Mand.igora luogo fecondo Arriano. i8(J.F 

ManfLoth, città nell'Egitto abandonatada Romani 

perii Cocodrilli. sjj e 

Mangi,piouindainIndiancconfinideTartari,Mogo 
ri,& luaHifloria.540,F (licut.jotf.A 

Mangiare,^: ccrcmonie circa dò ofTeruate dal Redi ca 
M.igiano 1 Calicut otto,& dieci volte al giorno.ióp. Ef 
tre volte la fettimana p digiuo la regia Hdena.i40.l> 
Mangiar,pefc),&: fuo valore. *■ -ii.E 

Magalor,terra nella corta d canarini.389.D/iy8.C.joo'.d 
Maiigdron, terra nella corta de Canarini. 389.D 

Manincongo, Regno nella corta d'Africa verfo Ponen- 
te, & fuo fito. 1I5.D 

Maniouo,fi urne nella terra di Bcnomatapa, & fuoi ter 
mìni. 3^i.D 

Manf or Re di Marocco, & grandezza dei fuo imperio . 
i8.F/dominator di Granata,etddiaSpagna.i8.F/ami 
co a gli Ambi. ^3 

Manfor Re di Marocco cacciando fi perfe, incognito al 
loggiò in cafad'vn pcfcatore,riceuetecortefìa-, & lo 
rimunerò. 4.6^C 

Manièra dttà in Afi:ica,cdificata dai Re Manfor. tS.C 

Manf à,porto nei regno dì Cambra. 1C.9.D 

Viaggi voi.i'. d iiij Ma- 



INDICE DEL 
Kfanuco«liat.i,vcccllctto qual non prcn.Jc rij)o(ò.i5i.D 

M.in(ca,.liVonopli'Ind;.in/àriiI)inl(liZcil4m. ut C 
Mamin,...i(KI!ontl tcrriK.ridHi Vij;.iincllt. %] H 

AI.ii.uall .l.ilàicrli cilcrcitii, adidcuti.lal Prctclann"i. 

M.ipiikT4-%,mori già pofcntiilimi in Cjliciit,& Tua I ii - 

Itoiia. ij 

Mapli:u; popnli,(ccon<lo Amano ih^.'d 

M.iriOitMri.>,,ial (latro. liCnbraltcrra/corrcnHo.lic- 
tK. la coib ildlAfr(ca,(in(. al tropico .li Cancro, nò 
moUrarcnlibilecr. (cimento. „6 D 

Mar Roilò.nonòlilliniilc di colore àndlluValrro ma 
rtM<?rt.C/^ pia atto (icIlEgitto tre ciil.iti.;7i.D/.,cl,c 
naii.j-abilclc non di giorno, ifz. Dy lua iaivlit-zia . 
i8D.I/t8).C/Hiftoria. ^^^q 

Marc Indico, pcrchcdimoftri inciuclla parte doiièè 
profon<lo,Kora eiUr di color ccJcftc,hora nero, vcr- 
nc,& di latte. ly'iC 

. Mar pacitìco.nam'qato tremc(i,&: vctigiorni, quattro 
mda leglicfcnza mai veder terra, ne (intir fortuna, 
oc vento.jff.B/iua minor altezza. ,(;^ A 

Mardell'Arena,nel.7le (! f.x la M.im;a,&: (Ita hift. . to".E 
Mar N.^ro è detto di Turchi mar mag-Tiorc, &c il hian 
colAropelago. ' ^^g g 

Man podonoellcrcchiamati tutti meditcrrani. i8< A 

Mannari d. Calicur.namgano con ciuadranti Ai Je.'no, 

«non con la Tramontana. iiiBC 

Marin.aricomc(igoiicrnano,nauigindodaBornéi al- 
inola Giau.u 1^81) 
Marea di Cecche nel mare RolTo nella coft»d'Arabià,& 

Mariamaria,fiinnf del Regno di Manicongo. Jic 
MarMlola vicina alle molucchc. ,68 ^ 

Marmi bianchiillmi , /prezzati nel monte in Anteta in 
Alnca.io.B fperio. tS.A/ 4S.F 

A arm,f.m,glia Regaledi M.,rocco, & anni del (uo im 
Manno Tirio Geogralo,reprobato da Tolomeo, &c ic 
guitatoiIaArriano. ^j, ^ 

^. arco Polo Gentii'hiiomo Venetiano,rcrittorcdeÌle 

citt.u,r.ctali.lelCataio.i7(r.A.E/qiiàtovi(rc. ;«8.C 
Marocco Regno,&: lue regioni. j £ 

Marocco città Regia neirAtri.Cuoi cdirtcntori,Re,er.m 
^ dezza,nobilita,leggi,ordini,&: edifici). 17.C/Ì E 
Marochini cordoiiajii lì cÓciano in Africa, & fono por 
tati in [r.Tli.i. r F/ii F 

Margiani,commentatore fopra la Cabala. '" 40 lì 
Mardaiiad,tìumc nel Regno di Dec.im. i^g D 

Martabancporto del Pegu. ^^^ p 

Marabo tìmne,pofto nef cÓiìne del RegnoHi Barna^af 
' fo entra nel Nilo. ^^^^q 

Mardi,popoli ladri,conrcrmin; .i!!.- Pcriìani 17Ì F 
Margaftan.v'fola pofta nella palude Citaderbe. lyz E 
Marmo bianco macchiato di macchie verdi , & tonde 
' nel monte Atlante. jg £ 

Maruch,i,diconoal rubino in Zcil.im. „.\ 

Marabi.i, terra di Cananor. ,({!" E 

Mar/b,citta nellAfi ica polla fui Mediterrano. 68 C 
Marlar/aor,portodel Regnodi Can.inor. nzD 

Marr.i^ancscirra notabile di regno di Pegu ,9,.A/;h.F 
*^^I,'^, , ''^'■'""■''^"" "^"^ mazacliibir,p, tco di regno di 
Teleiin,g(a frcq aerato dalie nani Vcnet.nr.:Sn /c, R 
Maruciichicjicauaiii non tono ncU'Echiopia, 1-^ D 



VRlhìQ VOLVME 



Mantoan.montagna nella corta d'Arabia doferia.17, A 
Madio.conqual gomma (ianofiKificati. „,'i) 

Ma(.ìin,pae(e(econdoArriano. jg ,. 

MWuiipat.mi.cittamliacolla.li Bengala. iSn'u 

Murimonio de (acerdoti concedb diian Pietro nclliìi 

bri degli Abilìnii. j,^. ,j 

Matrimoni), dote , & toftumi circa ciò odèruati nella 
citta di Iella. p 

Matrimoni, nellEthiopia nò fono (labili, & per poù. 
<i duiidono , delle cerimonie , & vii circa c^ò ollcr 

Mirnmoni,defìraminiGuzzerati,cÓc celebrane a 
Matnmoniili Preti Abillini. ,g n 

NIarr;m..m,ICalicutc.-.qicerimonieceIcbrati.,o7D 
Matamngo nc-gro.nel Re^no ,ii Decani. no" C 

Matgara,montealtillimo nell-Africa,habitatoda popò 
liv.iloro(i. jT Ip 

Margara,cótado .ull'Africa nel còline di Chenct. 7^ 

Matl,.an, dolane l'Arcipelago di San Lazero,.roneVu 
morto Magagliancs. .-q ^^^, j ^ 

MataJeni,portodimare,del Regno rli Decani." »8 K 

"oh"'-' E " ""' '''' ^"''''"" '""' ^' '^'" '""' P°- 

M.iter,pianura gràde,& fertib fotto BiTcTta citS Afri 
^•^^;'^''^''2"*--'l'"^f"«indl-Africa.9.C/nellEtiopia.if4. 

Mattheo Armeno, ambafciatorc della Regina Helen.i 
«tttliiopiaalReEm.inueldiPortogallo.i76.F/efti 
nuato bugiardo da Portoghe(I.i5,o.è/fua morte.igz.c 

Mauntania,qualpartcfo(Jb nell'Africa, apprcflbTolo 
"u-o, fecondol'opinionediGfou.i Leoni Africano. 

Mahumet nacque nella citt.à dcllaMccc.i.U4.E/nó voi 
evc-cler Ic.fonne diSiras, pcrandar.in paradiib. 
}i6.L./vedi (ne leggi,a Lcgirc, 

Mahun,ethBenigne;t.aggé,XgnorediDubdu cittàin • 

Afri.d (uà iberaliuet valorc,cótrail redi Fein..f4.a 
M.ahumethgl,uolodel5oldanodi&,narabbiofo,àm: 
mazzagh hiiomìni,cV della carne fi p.ifoe. i6< R 
MahumettamMìgnori d'Arzilla città ncirAfrica. 46 F 
Maus,iign,hca Mule frutto d'Egitto. 80 C/or B 

Mauma,porto del regno di Canibaia. ' JIq 

Maiiulgis, moneta «li (lagno di valore di v„ gro( bnc 

vfata nel Regno di Budomel. ^ °U 

Mauider,città Regale di Decani. ' e 

Mayandur luogo ncllaprouinciadiBattecala. ,00 C 

M.az.,aifolancìlaco(aEthfopiaditrafHchi.ricchez- 

;Sd;tS!!""''""'P"P°'^-^^°-^^345.B//n 

Mazua,e(Tcr potrebbe l'ifolaOrene iS^D 

Maz.na citta in Africa,edihcata da Romani. ^rj p 

Ma:tilepatan,tenanellaco(ladiBifin.iRar. „,> 

Mazeire,luogo de mori nel regno di Calicur. ,1, C 
M^euegoucrnatore di Araób, p.fottodi Ncarcod.- 
C.armania,finàSufa. l 

Mazibraiti, porto di Ari.adan nella corta d'Anob. 170 F 
Ma/andran,prom-ncia porta fopra il fi urne Ganee.g^F 
Mazcare,porto nel regno d'Ormuz. ^ i„ b 

M B A N D R o fiume nellAfia, perE/Taggcrationeha 
fatto vnagr.an regione. "'' ^^ r 

Meacon, prouincia non anchora fcoperta , continuata 
«.on.acoflaaciiaUiina. ' .<.>^ry 

Mcaco,dtcàRcgiandGiapandc.9oooo.cafè. ^^.F. 

Mecca, 



nofjllifitati. 55.1 ) 

j8«.E/i9i.n/i87.C 

'"; 187.IJ 

itli Bengala. ^89,H 

tcllò da ian Pietro nclii li 
11). 1) 
licircaciòo/Icruatindla 

fono (labili, & per poi r, 

riic , & vii circa dò ollcr- 

197.B.C 

erati.cóe celebriti, ipfi.a 

• -IL. '^^-^ 
rimonte celebrati. ^07.!) 

di Decani. jip.C 

Afric3,habitato ih pop,, 

, . , 54•^/6l.F 

IcohncdiChcnet;. 7). E 

di San Lazeru , Jone fu 

Jfo.C/jói.lJ 

i'gno di Decani. jiS.K 

-.(iiorito, &:deriioipo- 

(ca.6(r.B 

fottoBiferta città I Afri 

:a.9.C/neirEtiopia.iy4. 

re della Regina Helena 
Portogallo. 176.F/ edi- 
li, ijjo.e/fua morte.i9i.c 
rAfric.i,appreflòTolo 
Sioiia Leoni Africano. 
lluMccca.^i4.E/nóvoI 
cr andar. in paradiiò. 

lorcdiDubdii città m ■ 
,cótrailrediFeini.,-4.a 
di Sina rabbiolb , ani- 
Jrne/ìp.i(a-. lO^.B 
-ictà nell'Africa. 46.F 
i"o. 8o.C/9f.B 

'^•J''-»- ?i7.C 

aloredivngrollònc, 
102.E 

idiBattccala. 500.C 
aditraltìchi.ricchez- 
>poli.iyo.D/545.B/yn 

214. B 
'f- iSi.D 

a Romani. d'i.? 

5i/ìn.igar. jpi.p 

di Calicut. ju.C 
pilottodiNearcod,' 

17J.A 
i corta d'An-ib.iyp.F 
ilfiumcGajige.8(J.F 
^' ifi.D 

^rE/Taggerationcha 

:operta, continuata 

jSS.D 
oooo.cafe. }4i.F, 
Mecca, 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



Mccc.i,Citt:\ nelI'Arabiadelértafic fua Hiftofia.iKi.C 

ifi.A/)i4.E 

Mecca caflcilo nella corta d'Arabia felice. i"'9. A. 

Mcchiris, mefcliiondogli ligitti) auantili crediti di 

Cìennaio,Plinio. ?7».F 

McclullatCliais, città nell'Egitto cdificaca moderna. 

nie-ntedaMahiimettani. S^.D 

Xlfclitlla,iitra nc;rEgitto,pofta (òpra il Nilo. S^.C 

Meco lìunic Celebre dcirindij,fua'jriginc et tcrmiiii. 

Mecna(i-,cicta in Alrica.ìo.F (}9i.C 

Medina T ilnabi,iioè citta del Profeta.& dia Hiftoria, 

riferita dal B.irthcma I49.F.^14.E 

Medici lii Calicut,in qual modo vifitaogli ammalati. 

i''ii.A 
Xledicinc date a gli ammalati,in Ethiopia. H4.F 

Medicinadi!).ile,èv(àta dalli Negri percóferiurli dal 
la putrcfàttionedcl (àngue. loo.E 

Medicina al mal li aiicc(èA' alla Rogna, vfata dalli Ne 
prinell'i(olladiS,Tiioinc. ' njj.O 

Medicina alla tébre,.il riull(.),alle feritcA' per purgarli 
il llomaco,vlàto da Malabari. 331. U 

Mcditina,alla Lebbra. p^.D 

Medicina vlàta in Barben'3,contra la pefte. lo.E 

Meditili.! .lik ftiite vlàta da Mal.ibari. m.tì 

Medicina p clliccar le fuperriiiità del rtomaco,cóturtar 
il ciU)ie,& (cacci.ir ogni véto/ita, v(àta da idiani.iy9 
Medicina alla febbre, vlaudalli Negri dcll'Kòladi San 
Thonie. * ^ nS.D 

Meiiitinapercuacuaril ftomaco, vlàta rCalicut.iiJi.B 
Medicina alle piaghe vecchie incancherite. jj.F 

Medica lit rha , veiii Farfa. 73.C 

^ledipopviii.vicinialli Colfei. i7..F 

.Med.iglied'oro,d'argfiito,&dipióbocon lettere cgit 
tic, év ttrtedtlIiRcliricraouanoiManf LothcittA 
d'Egitto.S5.D/in Dcufen città di Numidi.!. 7,-.F 
Medu(à,Reginadelle Gorgone vccifà da Pcr(èo. in.D 
Medua,citcà nell'Alrica, porta ne conhni di Numidia 
dominata da BarbarollaTurto. ^i.^r 

Mcda>Uinc,t: ttà porta fra terra , delle principali ói Ci 
baia. ,i,,3 

Mcggto Città in Africa,porta(opra vn monte altillì- 
mo,ligii()it!:giata (!.i - u ,: oiò caualiero della ca 
fadiMuathidii) „p 

Mcgefà mòte inAiuui.liabitatoda tcllìtoridi tele.ff. A 
Megcr.ida (tue iR!rAfrica,ftia on'ginc,& terimi. 50. D. 
Meilcch lii;liiiulo<ii balomone.ÒC dellareginaSaba,&: 
fuaHirton'a. iro.C 

Mele in molta qu.mtità in Africa.u.C/i5.C/i(f.D/i;.C/ 
26.I)/ . y.B/,-3.A/6}.C/nel Regno di Senega. lOf.C/i'n 
Qiii!oa.i8;).E/ncirifola di sa Loréio.i78"B/I Calicut 
i5j).B, in porto fmto.'J7.E/In Timor.^iy.C/inZeila. 
lU-E/in Ethiopi.i.2f4.E/in Bcngala.}i5.E 
Mele biachillimo,duro come pietra nel regno diTigre 
mahon. 2o6.F/in Tngodart città d'Halcòra zj.C 
Mele fatto da mofchettc,minori delle formiche- , nelle 
Molucchc. tóS.A 

Mele canato dallecarobeiAfrica,ctv(àtonellicib.^8.e' 
Mela città antica neirAtrica,cdi(ìcata da Romani.óS.F 
Melli regno de Negri in Africa, tributario a Tombut- 
to:& Cuoi termini. 7}j,b 

M(•lli.C.^^^'/■(^ì Witii'It <lir«rh" "-••"{•«." J-'X>f-l!' -o r-' 

Melitta,città nella corta d'Africa fuori del ftretto di Gì 
bralterra cdiiìcarada HanoQc.in.E/eilèrpotrebbc 



II 

di quelle tbchoggiiii (bno nel regno ui ivurotco. 
Melegr.ina'c (enza ollò.in Africi. jt. A 

Mt-lctotognc,in A(rica,gro(JI:,& odoridre. ?i,F/(5.Q 
Melaranti (àluatithi nel regno di Cano.quali (òno pò 
to dirt..renti rii (àpored.iìli domelliti. 79.Q 

Melloni,ma'uri l'Aprile iTemdiia.iS.B/pcrfettilliini 
nel regno di G.iga. 78.P 

Melapolad.i,liiitt() in Calicut (iie(petie,&: Flirt.idi.D 
Mcli/igara lii()g<),fccondo Ardano. 1S6.F 

Melegete (petit (iniilc al ((ireod'italia.Kirtecóe il pc- 
pe,na(cono t, -H.i corta dli'Africa ver(o ponéte.iif.F 
Mclcla,città nell'Alrica pt)fta("ul mcditerr.inoabbni- 
eiatadal redi ' .((à,hora i poteredi .Spagnunli.fi.D 
Mclinde regno &. città nel la corta il'Ethiopia Uirtoi i.i 
del fuo Re,&: de Cuoi popoli i54.D/iix.f n9.E/it(9.(: 
Melugan,i(o!a nella bocca del Golfo Pertico. uj^M 
Meliijuc d'Artus Abillino,(chiano del re di Dcc.'i.mol 
to honorato.U9.A (Romani.CTi.E 

Meliana, cittàgràile, Cantica nell'Africa «liticata da 
Mclchias Morop(ianov.iloro(ò,gouernatoredi mot 
te terre in Canibaia,i\: Ina morte. j27.B/i97. A, 
Meli( phta (ecóilo alcuni greci fono vaddi ramc.iSi.B 
Membro vergogno.!-) trapartàto nella pelle.con vn ari 
ne.'lettod'oro,vfano li popoli del Zubut. ^(,0.? 
Memphis luogo dcllePir.-unide d'Egitto. 88..\ 

Mcnadro,& Apollodoro regnorno in Barig-izza , dop 
pò Ale(làndro,(econdo Arriano. i8(J.Ur 

M--nàfiumedl regno di Sià,fuaorigtne,& termi.391.Dl 
Men.ihaó, terra del regno d'Ormuz.jyj.B (j8S.C 

Mequehoan, terra del regno d'Ormuz. 393.8 

Mcnin,città in Scria habitata da chrilliani quali viuo 
no alla Greca. 148.8 

Menethii(ia,i(bli,(ccondo Ama. 184.B 

Mercato liella Città di Feira,(imllc,nó veduto in Italia 
A(ia,&Africa,daGiouan Leoni. 42.A 

Mercantie,qualial tcpode Romani erano portate d'E 
gitto per Roma. 181. A 

Mcrcatic q uali al tcpo de Romani cmno portate in It;» 
liadall'IndicA' dal mar Rortò. 371.Q 

Mercan tic portate a Tariiallàri a M.ilacca portate ik cs, 
nate per le Ma! icche.3i7.D/3ii;.E/per Sumatra.3i8.F 
per tin,or.;i9 C/a Bandà.3i4.B/agli Abiifini-d'Euro 
pa,al Cairo,& dal Cairo,! India. 5i4F/chccaiiano,&: 
portano a Adé.3if.D/thc cótrattaOrmuz , con le lu 
die.3ii^.R,di Per(ia.3i(J.D/cauate, &: portatedi Cab* 
i.a.-2S'. A/che (i c.iricano in Malakir.^3.C/che fi caua- 
no daMahacca, 8c vi il portano da Bcgala.5^5.F^34.A 
del Pegu.5H.D/dt Guzzerati,al Pegu.3;5. A/di Malac 
ca,pSiam.<^f.E/apprczzateinlagom,a,&Erema.33(;. 
A.cluji cauano,&: (bno .apprezzate in Camboia.35(; 
A/di Cochinchina,checauano,&: conducono.336.E 
di Malacca, 8c della Chin3.;36.F/.illa d ttà di Bi lina- 
gar.30i.A/àZeila.5i4.C/aCaromad'-1.3rf.A/alPegu 
5i^.E/che erano códottc dal Zidem.a Calicut.}9i.D/. 
portate a Oniiuz.igj.F/portateal Diu da diueriè j-' 
uinde.iij6.I7die ficauano,& conducono all'Kola 
d'Argin..9y.C/d'ogni (òrte. Si loro prezzo nel Re- 
j^no di Gago.78.F. vedute 1 Tezfa città il'Africa.if.A^ 
Per(ianed'opiii fòrte nel C-uro.S3.F/buoneper Cali' 
tut.i2i.B/defìderatf, & portateaUcMolucche.5,i.E' 
apprezzata, in Coi nei. ^64. A 

Mercan tic quali vanno alla Mccca,dairindia maggio- 
..r^daBanghalla,&durEthippja^ 151.A, 

Mercan- 



Mcrcantlc ijo Jori , & varie forti Sete lauointe porcitc 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



tl.ill.iCliin.1 a Malacci 



iSo.C 



ti 



Mcrcatati di iliucr/cproiiincic quali pr.uiVanoiaCa- 
]iciir,i^ delle merci che vi couducono. u6.B/i6i.C 
Wficataiui in Calicut,qual mudo tengano in cótratta 
rcleloromcrcantie, '' lói.G 

Mea'ii ice ncIl'Egirto lènza forbici tagliano li capelli, 
&r,ul,inolebar[ieaj;liluioai:ni. ' S3.A 

Merg<.\.,:iiiine nella proulnciaiii Tuliinar. 5Q0.A 
Mcrgcii, terra nellacoltade Ginarini. 3S9.D 

Mernizza Monte alto,& freddo in Africa. ^i.E 

Merocifòla del Nilo,hora detta (ìiicguert*. 1S5.F 

Mcramcr,citià in Ali ica tributaria a Portogallo. zz.B 
Mergo città nell'Africa cdiiìcatada Romani. 47.A 
Mella è celebrata dalli (àccrdoti nel regno di Tigrema 
hon ailc.ii.liorc. ' W..A 

Mclia,&: vÌTÌ,-ii di Natale,celcbratiallaLatinadaPor- 
i;heli,alla prelll n/a del Prete lanni.zip.A/detta i Er 
c()co.i<?o.A/nell ilòla Ziibiit. jfio.B 

Mellà lècondo l'vlò de Chriftiani Armeni. 4^. A 

Mcllà,&: (ne ccrimonie.lècojido il rito degli Abillìni. 

I9VD/I94.A 
Meli.'i (òno tre piccole clttàin Afiìca porte fopralo 

Oceano. ,,£ 

Mefi ne quali il vento fpira nel mar RolTo, fauoreuolc 
alla Nauigatione d'India. m^n 

Meli del verno nella Ediiopia. 199. A/ioi.A/iyz.H 
Meli di quanti giorni lìano Iccódo li Mahumcrtaiii,&: 
Africani. „ p 

McllànaJIblanel Mar P.uiHco,dl Re fatto Chriftianò, 
fua HillonaA' (ko. MC A/^f7.C/^58,C 

Me(lolI,terra polla nel fino Gangetico detta da Moder 
niCurum'ni;!. 170, A 

Melàmbria paefe,nella cofhdi Perfia. ì74.'d 

Meshudiai;co(critrore,dellecofèdirAfrica.77.D/9i.a 

Me.'uare,'ritolo dikcódo gradodihonoreapprellbit 
KediTunis. ^_p 

Melèllata,prouincia ncH'Africa pò Ita fui Mediteremo 
habitatadagente riccha,& mcrcmccfca. yi.C 

Mefopotamiaoue polta Ì74.A 

Meire Hatielii,cioè città vecchia nell'Egitro,creduta la 
cittàdiFaraoiiepcrIècutordi Moifè.Si. D ^i,C 

Meirata, Prouincia nell'Africa polla fui Medlterrano. 

Meifila Città nel Regno di Buggia edificata da Roma- 

".'• 6<.Ì- 

Mekhct terra di porto nrllaPerlì.-i. ,f,j; 

Melrai,dicono gli Hebrei alla regione d'Egitto,da Mef 
rain lìgliuoIodiCus. *" jj, jj 

Melèttaza,Monte nell'Africa habiuta da géte ricca, &: 
nobile. . p 

Melzab,habitatioiic nel defèrto di Numidia. 7^. A 

Mer,fjrra de Mori ol tra il Capo Guardaflini. i90.'c 

Mctteggia pianura fertile n.| cont.ido d'Algier. 6i.'a 

Mezemmc,città nella Mauritania polla f ulMediterra- 

no,fàccliei;giata,&: abbracciata dal Pótefìcedel Cai 

raoan,&: dal Signor di Cordona. ro.D 

Mezzagrà,città nell'Africa polla fui Maliterrano.6o.c 

Mezilag:!,piccola città ncH'Ati ica. nel piedid'Atlante. 

Mezgana,citfà vedi Algier.r.z.A (^(;.À 

Mezeribe, luogo nell'Arabia delcrra dominaroda Z.x 

bei Arabo Signore potentilllmo. j^c,.» 

Mcv;cn,horanuotiaSpàgrìa,tSc iuai iiUo.& fito.^74.C 

Michele da Sa Michele, Verone/c Architetto ccccUéic. 



m.c 

M I e H A I A,terra nella colla d'Arabia felice, i78.D 
Michia,s,ilo la polla nel mciizo del Nilo, nella quale vi 

cilNilofcopio. g.|> 

Mie Re.có zz.Regni,fbgetto al già Re dlla china.56y!d 
Micidi-ih come puniti in Tcfètnecittà di I Jea. i v.I) 
Mitrulhetich primaiittà edificata nell'Egitto, al tépo 

de MiluiiiK-ttani polla fui Nilo. " 84.C 

Miglio Zaburrodettoiiellelndieoccidei: tali Mahiz.fi 

k-min.i nellKMa di .SVuo !acobo,di capo verde il p'ri 

cipio d'AgolKscS: l\ raccoi;l;e in 40.i;iorni. i i^.C 
Miglio Zaburix) delidera le piog!;ie,& I- lèminato,trc 

me/i nati il verno generale, nel regno di IJarn.iglIè», 

199.A 

Miglio Zaburro nell'Ethiopia feminato fopramont.i 
gnealtillìme,& dirupate.) ,y, j: 

Miglio Zaburro fuo dilIègn.ì,&:coltiuationc, portato 
in Italia di color ioll(),& bianco. . ^Sc B 

Miglio biàco nafèe nell'Arabia felice, chiamato Dora, 
& ne fanno molto buon p.anc. i^ p 

Miguol vocabolode Negri di Budomel,fignirica vino 

Migindanao, o vero Vendenno , ifi)la nel mar del Sur. 
fuagratulezza,fito,& de llioi popoli. ^yó.E 

Millehmo de gli Indiani,^ filo pricipio. 504.A/344.C 
Mfllione d'Iuiomini Indiani in vna batt.iglia. ^44.E 
MiHancota,città in Malabai,ÌN: fuo circuito. 541. A 

Milagolin,gentilepriuatopiu ricco di'tuttal'india" 
i97.f"/}i7.D 

Mna,fiue ncir.ifrica,fiuorig;nc,& fuoi termfni.po.B 
Mine di Cefil.a,et lor HiRo-^g;. A'potrcbbeli da quelle 
ritrarediioi milioni di mitigai d'oro. 134.C 

Minerali quali fi ritrouano nell'Africa. <.4.F 

Minnagara,citrà fecondo Arriano. iS^.p 

Minnagar Kòletta ibttopofla alli Parthi fèc(').arri is/p 

Minnagar,cittàpiIeipaledllaScithiafèc(-)doarri.z8f.E 
Minab.ir,abr.ica vomiMto tlallcbalene,&: fliahi ^ I) 
Mioformo Città d Egitto. 37i.C7i85.B/potrcbbeellèr 

^"'"^ 57i.n 

Miracoli di San Thommafii. .[j^jy 

Miracolo fatto da Magagliancs nel Zubut.;^o.A/i6o!l) 
da Portoglieli nellEtluopia, ^q, q 

Miracoli diXlacoiiutto nafcono dalle falle opcrationi 
delli Sacerdoti della Illa Molchca. ,^,.G 

Mirra,in molta quàtità C-portata de tcrrade gli Abili; 

niaC.im.aram. 176 D 

Mirra,fiio prezzo in Mal.ibar. „.q 

Mirra,è apprezzata nell'Ethiopia come l'oro, loo.ll 
Mirra non è Hata à noi condotta la vera. i8i E 

Mirrha finillìma l'i potrebbe hauere in Ccfialaogni m 

nodugento Cantata. 1-4 C 

Mirabolani i Cananor.ifS.E/in Battecal.i.i79.A/}n C/ 

di tutte le forti in Caliciu.jii.F/iió.B/i Malabar.ja. 

C/m Cambai.i. \ 

Mirabolàiemblici,bcllirici,Indi,cirrini,cVchebuli,fuo 

yrczMì 11, Malabar.jij.E/conditi in zucchero. m.D 

Mir.ibolani,tSc Ina coltiuationc.irti.H (no id D 

MifHIioncs,capre l(-)ghedi corpo,ncl porto di S.GiuÌia 
Mit.galo moet.a,vale vn ducato et vn ter/o. ioo..i/ioo f 
M o D v s A,luogo liabitaio.lal RcPandi0ne.Pli.j7, É 
Mopharire,tir.inno fecondo Arriano. ■.^, " 

Moger,marinari,&: condottieri delie robbc del Rc^cJi 
Ciliciit.iuaHiflpria. joj,£ 

Mohi, 



l'Arabi.! felice. 178.D 
ilei Nilo, ucll.1 quale vi 

praRcc!llachiiia.56.;.il 
iicdtcAiliUca. iv.I) 
cata nell'Egitto, al tcpo 
J'Iu. " 84,(: 

lieoccitkr.taliMaliiz,li 
>l->o,ili ca))o verde il pii 
Jein^o.ijiorni. m.C 
.\i:;(^ie,& è (ciiiinato,trc 
nel regno di Uani.igllù, 

feminato (òpra monta 

Ccoltiuationc, portato 

HO. , ^Sj.a 

felice, chiamato Dora, 
e. i,i.F 

iilomeljfignilìca vino 

, imlancImardelS'ur, 
popoli. ^76.E 

prIcipio.504.A/544.C 
'na batt.aglia. 444.E 
ilo circuito. 541. A 
iccodi^uttal'inilia. 

',& fiioi termini.po.B 
.'potrcbbeli da quelle 
I doro. IJ4.C 

l'Alrica. y4.F 

o. iSf.E 

Partili fccÓ.arri.iSf. E 
tliiaiècódoarri.iSf.E 
lalcnciSchiahi.^^.l) 
/i85.B/potrcbbeellìr 

372..n 

511.D 
•1 Zubuc.?5o.A/i6o.[) 

zoi.C 

lallcfaireopcrarioni 

CJ- Ui.C 

dcterradegliAbillì 

Ì.76.D 

5M.C 
rome l'oro. 100. 11 
ivera. 28i.E 

re in Celala ogni .\n. 

ittccaIa.i79.A/jn.C/ 
ìi<;.B/iMalabar.}ì5. 
Hi-A 
rrini,&:cIiebnli,(uo 
i in zucchero. ji^.D 
i-H (no.jH.D 

lel porto di S.Giulia 
n-i terzo. ioo..a/ioo.f 
Pandione.Pli.}7j.E 
no. 1*^ - '^ 

llcrobbcdclRcdi 

505*. E 

Mohi, 



DELLE NAVI CATIONI ET VIAGGI 

193.B 



»^ 



E 



M((hi,tcrradcl Rrgnod'Ormuz. 
Molin,luogo nella colla d'Arabia defèrta. 
Molinnri nellacirt.ìdi Icflàjl'arte de quali cóticne vcn 
timilahuomini. 56.C.D 

Alolucchei(i)ledlliGarofàni.Hiftor;adclorRc,popu 
li,niercantie,etrito.55i.E/;rt5.(ìnoal.}(S9.A.B/<77.A 
Molucchc fono nella nauigationc de Casigliani. 577.4 
Xloliei.liine.iS3.D/fòno tele indiane. iSi.B 

Mombazza , ilóla nella corta d'Ethiopia,ricchczze , Se 
colUunijiie (noi popoli. iii.F/zSp.D 

Monete del regno (li Tunis.rtS.C/dcI territorio di i'e- 
gelmcllc,& loro valore.74.AAlITóbutto.78.C/del 
la.Suniaua.ió^.F/chelìfpéilonoilCalicut.iio.A/di 
Oniiiiz.iSS.A/chefJH-ndonogli Azanaplii. loo.F/di 
N.!ilinga.;oi.B/i)9.C/di Deca.iy8.A/d;'liada.i<;7.E/ 
di t'ota.ì42.C/di Bengal.i.?34.D/dcl Pegu.}34.l7delia 
Chinn.jiS.A/^rij.F/iliCimbai.i.^iy.C/diapiol-ia ni 
;^9.E/;ilidiuerlì luoghi dellclnilie. H-i-^^ 

Moneta,nó hanno di k)rte alcuna , li Negri di Scncga, 
ma contrattano colà per colà. 104 F 

Montagna di chrirto,iiel porto di San Giuliano, jyj 
Mót.igna ncir.Arabia indirti nella quale habirano cir 
ca.f.inila giudei circócilii!s; nimiciaMoriqu.ili va 
M no muli, (0110 N'erri, (S.: di longlu'/,zi.f.palmi.i 49. F 
Montagna ncll'Arania deluta lòpralaqualeli Morì 
fano fati i lìcio alli patriarchi Ahraha , & Kaac.if i.D 
Mon t.igne nel rrgnodi Cimbaia nelle quali 11 cauano 
• leCornioIe,Calccdonij , &: Diamanti.if7,B/ncl Re 
gnodilXvam. ifS.B 

Montagna nel Regno di Bagamidri abbondantillinia 
i\i Argéto tjual p forza di fuoco porto I vnafua grot 
fa,tol.i,ÌN: (correpurgato in verghe. ifo. A 

Mót.igiianel regno di Danuitcalrillìma,ct molto freil 
da, nella quale lono dal Prete Ianni madatigli huo- 
mini che vuole che muoiano prefto. 146. C 

Mótagnealpre,iSc fillbfc,có valle profonditlìme, qu.i 
li li.'.nno jMìncipio nel regno di Amara, &: Icorrono 
lin lopra il Nilo. 110. A 

Montagna limile à quella di Tertacio di Roma in Alci" 
(adri.a,nel!a quale lì ritrouao molti vali atichi. 8i.c 
Motagnn porta nellVftiema ptc di regno di Adcl,nella 
<iualcgli luiomini vi muoiono in y. giorni di febbre. 
14(^.X 
Mó tagna al tillhna di filTl), porta a ma finìftra nel vfci- 
rc della bocca del mar Rortò. n?.A 

Mont.ignamoltoa(pra,chcdiuideilRcgnodiNariin 



ga,daMalabari. 



500, E 



Mót.igna nd regno di Aneote,neIla quale fono (erra 
ti, ctguardati li figlioli dlli pti lani,et fua hirt.ii7.c 

Mótagnealiilliine,cir(.ÓdanolaProuinciadeM,il.iba- 
ri,&:inipedi(cono li venti. jjo.E 

MonMgna di Trcuertino,in Maurit.ania. j6.F 

Monte Sinai è detto da Mori TurLi. 191. B 

Mòti vicini a Tunis,(c)pra li qu.ilì fumo edificati mol- 
ti cartelli da Romani. yi.E 

Monte altìllimo In Zeilim, al quale i Mori v.anoipe- 
regrin.iggio p honorararc Adam che Ai quel luogo 
afccfeIcielo,Hlfto.dllapcnitétiachefano.5i4.C/i(r} 

Monte altillìmo ncirifoladiSàThomepicno d'Arbo 
ri neidctro i! quali vìcdic6tinuovnincbbi.i,qi!a! 
il riloluc in acqua, con la<jualcli Negri adacquano 
li campi de zuccheri. n7.F 

Monte ntll Ifoh Tentriffc delle Canarie di altezza mi 



glia fertluita con fuoco di continuo. 98 G 

Mòte Atlante fua natuM,rterilicà,qualit.» de fiumi, de 
venti &:neui. g.C 

Monti dello rtato di Conftantina habitat! da ricchi, &C 
valorofi popoli . yi.Q 

Monti di I labat Regioncdi Africa. 4p.A 

Monti dello rtato di Buggia. Ji.Q 

Moiuidi Bona,in Africa,& fuoi termini. 71.D 

Monti dello rtato d'Algier. (Ji.F 

Monti del regno di Telcnlin. 6i.F 

Me toni,d'Egitto,la coda de qualijiefa libbre cento & 
cinquant.i.9i.E (glia.ioy.B 

Monaliero di San Giou.ini Iettano da Chafumo lèi mi- 
Mon.irteri)d frati Minori d'oHèruatia habitat! da hu(» 
mini di làuta vita.ncH'ilbla M.idera. 98. A 

Monafterio in Egitto,nel q le S..'\ntonio moritc.i48.F 
Monaftcrodllavilione,fuofito,dcicrittionc,&vitade 
fuoi frati. icj^.E 

Monarterio di San Michele,& fuadclcrlttione. 
Monarter città atica i Afric.-i,cdificata da Romani, tfg.E 
Monachi in Egitto quali nò mangiano carne ne pelèe, 
& fono liberalirtìmi vcrfo li foVcrticri. 88.D 

Monachi nell'Ethiopia tutti fono dell'ordine di S.An- 
tonio Erenn'ta. ioc.D 
Mon.achffonodiEthiopia,aIcunedifantavita,etaltra 
hanno figliuoli. loo.C 
Mon.icheviuono nemon.irtcrij defratin clGiapa, Sc 
làlnieggiano in vn iltertb coro. 378.C/381.G 
Mondo,luogo fecondo Arriano. iSj.F 
Monache (bno tele Indiane. iSi.B 
Mongalo luogo de Mori nellacofta di Ce .àia. iScj.A 
Monchrico,porto dell'ilòla di Matier.1. f,7.F 
Monarippa,i(i)la nel marp.uifico, &.V.e fuoipopoli. 

?fr4.D^ 

Monftroliutto llmilea vn hnomo gettato d.alla fortn 

na (òpra la (pi.-iggia delltthiopia. 114. A 

M5z.ibiquc ilbla n-.-lia corta d'Ethiopiafuo (Ito. 178. A 

mercantie;i75.C/de fuoi popoli. iSp.B/uz.D 

Monzambiquc,(ccódo la gracfuationedi Tolomeo, ef 

fcr potrebbe il promontorio Prallò. 181.C/386.C 

Mori I mon zabiq ne parlano per (tridore della lingua, 

&: non per efprelhion di parole. i75.C 

Mori nel regno di Colo fatti chriftiani, a perfuallonc 

del Capit.\ Fracefco Alburquerque.Generaledll'at 

m.it.i Portoghcfc. I46,E 

Mori non vendono colà da magiare h berc,nclla corre 

del Prete Ianni. 147.D 

Morihuomini bertiali,come s'finlànguinorno nclli 

Portogheli,airrpre{à di Mahniora città 1 Africa.jo.c 

Morbo caduco,regna in Africa. iq.E 

Morphca ifermita procede dal m.agiar troppo latte, 6c 

P«^'"'; 8.;.F 

Morotobari,luogo c6 porto ficurillìmo nella corta do 

Rl'Arbi j6^,e 

Morte di Abraa Re Ai Marocco,qual [i precipitò con U 

fua conforte.invn diruppe. 18.A 

Morte del Re di Telcnlin. ro.o 

Morte del Re di Adem. Ì.76.K 

Morte del Re del 21ibit. t7p.C 

■ •)• "t^-- ••" i Mviiiiii. ^s.ìi. 

Mortedelli Redi Gubcr,Zcgzcg,Cano,&:Zanfara,da- 
tagii da Izclu'a Re di Tóbuttx), Tirano de lor Regni 

Morte 



% 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



ili 



Morte del Re d'Azad. ^^ p 

Morte dì Abui:-iliKlRediFeirac51ifigI,-oli,dataRli da 

vn/nokcrctario. 48 F 

Morte di Abubacr Re di Tunis,có vn fito figliuolo nei 

k Rocca ili Tripoli por comandamento di lahìafuo 

Mepote qua! viiupò il regno. y, ^ 

Morte di lahia Re di Timis in battaglia cÓtraHabdul 

Miimcii (no cugino,qual iiicceilc nel regno. 71 A 

Morte di Roderico Re de Gotti. /g q 

Morte di Hadiilac Re di Fella. \y p 

Mortc,& rotta del tìgliuolo del Re di Tunls. 7 C 

Morte pi Re don Emanuel d i I'ortogallo,deplorata tó 

pubhca meftitia nella corte del Prete Ianni 141 F 

Morte di Gì ureppe,(kódo Re dlJa cali di Marin 44 E 

Mone di Giufeppc , Re cii Feflà all'aflbdio di Telenlin, 

Morte di Qualid Califa Pontefice di Damafco. tf p.D 
Morteci Hcrnando,Magagliancs. 3T0.D/561.D 

Mortcdc Signor AlfÓfo d'AlburquerqueCapità mas: 

giore dell'armata Portoghcfc in India. 180 E 

Morte del Soldano d'Ormuz ammazzato dal j)prio fi 

gUuoIo,in(iemc con la moglierc &:.c).ticìmoli.u6.n 
Mortedel Principe di Segelmellè,datagli^aMahdi 

Heretico. ^ ^ 

Mortedel Signore di Mcze'nie, città nell'Africa, co E 
Morte del Signor di Caphfà,citt.\ nell'Africa. y6 B 
Alorte di Ezzeranghi,capitano del Re di FelT.H. is F 
Morte di Beiczid pdicatorc, & vn iuo figliuolo, all'ini 
prcfa centra MahdiCalifadelCairaoan 68 F 

Morte di Barbaro/là Re d'Algier. ciE 

MortedilfaacfigliuolodiAtirahaRediMarocco.iSa 

Morte data a gli ambafciatori di Redi Feilù, nella città 

di Anfa. p 

MortcdiSclim Eteumi Arabo tiranno d'Algier.<;2.C 

Morte di MatlieoambafciatorcdellaReginaHelcna, 
al Re di Portogallo. ■ lozD 

Morte data àvn Capitano del RcdiFelTain prelcnza 
del Re, ^ p 

MortedidaoiMilanefi,quali faceuao artiglierie Sre 
di Calicut,ammazzati da Mori. i-,i ^ 

Mortericeuonovolutariaméteperdirpofitioned'vna 
loro Icggcli popoli dll'iiola di Idbolo.doppo che 'la 

no villutovn certo prcfcritto tempo. 17 . p 

Morte miierabile fumo li Canarij dejl'iibla Tenerifli- 
perhonorarii loronuouo/ìgnore. nS È 

Morte data -ì tre mori p hauer \^-duto vna Vacca-uò f 
Morte cnicioie date alli rei nel Cairo. 86 C 

Morti Se cerimonie vlite degli Abilfini in dargli fepol 
tura, ° * v' 

Morti eoe fopolti, fecÓdo il rito di Giapa. 578 E/vVd 
Morti mangiati da propri) paréti,&: amici p dargli ho 

noratafl'polturaA'ton qual cerimonie .17 £ 

Morti co qual cerimonie honorati, nel regno di Beno 

mat.ipa. * "" 

Morte del Re di Benin.có qual Arano Itaodo honorata 
dalli fuo, cari ..mici,& pro|i,-nqui. „ p 

Mort.,c\ cerimo.e circa ciò oireruatcnellclndie.u^ a 
Morti tuttifono abbruciatinelleterredeGétili.n7 E 
Moru con qual cerimonie honorati nel Zubut. LÒf 
Morr. co qual ceriinonié honorati in Tarnalfari.L^ 
Molai, tele /otaliinmedelequalihcnnn m.o(}.: xl 
da iene leruono (opra li Dolpaoni. Sj.F. U70F 
Molamaporto/lcuro,nellacoftadeglilctluophagi. 



MofcoDhagi,popoli fecondo Arriano. ig^ D 

Mof:-,doue.iperleilmarc,&lommerfePhara5e..74:E 

Motoportocelebre,iecondoArriano. Sa 

Mo(cheaIDamafco di mirabile c.lificio, nel mezz^^U 

la quale V. e. 1 corpo di Sa Zacharia profeta da Muri 

nonorato. * ' 

Mofbhea nella quale è fepol to Macomctto con i c6pÌ 
gni.&iuaHutoria. *^. 

Molcouiti hanno comodità di penetrar nelle indie,& 



venire al regno del C.'ataio. 



^lShr'"'"''"^"''°"^^^^^^ 

Mofillo luogo,fccondo Arriano, ^2- F 

Mofilhte,C.nanmomo,cS:fuahi/loriafecondoDio/Ì;o 

Mota^es popoli ne cófini della Perfia,loru terminui^ 
coltumi, ' 

Motel,ifòla delle Molucche, ., p 

M V Acn IDI N,cafi regia in AfncMi.F (ù.il 

Auhallacaarud'E^poftafulNiIofo^ 

Mhaz...mmi,voc.Africano,fignifica incantatore. ,9.F 
Muha,<u-a,ci tt.i in Egitto polla lopra ì[ Nilo. 88. A 

poTolo.'"''" '''''^"^^^"^ 

Mucare,luogo nel mare Rofro,nellacofta d'Arabia^ 

Muchoa marinari molto pratichi di mare, in Caìiai^ 
ma Hi i tona. ,^ 

Muchi luogo nella corta d'Arabia felice. So" A 

Mud.i,faraba,tiorto nella corta di Cnmbaia. 2-6D 
Mugora uogo con buon porto nel mare RolTo, nella 
colta '1 Arabia. ' ^ 

MupiribidiGonat.-i,fcrittorcneli'alchimia. 4kD 
Mu uin ? ' ' ' AfrK:a,fuaorigine,ct fuoi termini.90. A 
Muuu.lu,e.Kll Africa fuaorigIe,etfuoitern,i.90.A 
Mulati,lonodettinell'iloladiSanThome,lilig]Lli 
di padre hianco,& madrenegra. ,1(5 p 

Mumuvera,èhumiditadccorpiimbal/Imati,cóolio 
cocotnno,&m)rrha.U4.D/li componenel mare 
nell arena. , p 

Mamuna,panni di b.ìb.iggio,fitti in Bégala,molto erti 
mati per fu: camicie. * y 

Munfia,i/«la porta fra San Lorézo,&: la corta d'Arabia 
& de luoi popoli. ^jj j^ 

iiman Re de Turchi. jjjj j^ 

Munia citt.\ iieir£gitto,porta,fopra il Nilo. 88 G 
Munacem, terra di porto.nel regno di Decam. x^U 
Munafid, titolo di primo grado apprtb il Re di Tunis. 

Muro cittànella cortadelI'Africa,fuoridelrtretto dì 
GibralterraedihcatadaHinone.ii,.E/ellcrpotreb 
bedi qllech o-idi lono nel regno di Marocco, ir^.a 

Murchat,bikic del capello venenofilHnie,& fua HiL 
l'in. ^ 

Miirhina pietra molto apprezzata da Romani.zsi/ 
Ina Hirtona. J , 

Muftsfigliolo di Nofiir capirao di Qualid cahfiSig'io 
re di Dam.i(co,airrprefi corra le citta di Ponete.d^.c 

Mufa^ortodelm.ireRonbnellacortadArabia.non 
luuuo lontano d,ii porto dHali. ,71 e 

Mula frurto,dtto nell'ilòladi Sa Thome AbellaainS.B 
Mufcfrucu ruauiiliini naftÒo nelle ripe iki Gàge.«9.f 

in The- 



Arrìano. 283.D 

^mmerfe Phara5c.374. E 
Arnano. iSyA 

le aiilìcfo, nel mezzo iti 
-achan'a profeta da Mori 
14S.E 
Macometto con i cópa- 

lyo.A 
penetrar nelle indie, &: 
^ 37,'. 1' 

ie,fannoM'lc nelle Mo 
}6S.A 
^; 2S;.r 

liftoria fecondo Dio/co 

Periìa.loru termini, cS: 

319. H 
rica.^i.F (ri.SS.A 

fulNilofotiledidactc 
m'hca inamratori.'. 39.F 
lóprailNilo. 88. A 
'iiTiin:s,lcacciato dal 

7I.A 

iella corta d'Arabia fé 

zSo.A 
lidlmarcjinCalicur, 

309. D 
a felice. 2S0.A 

i Cam baia. i-^6.D 
lel mare Roflò, nella 

279.D 
:ll'alchimia. 41. D 
,ct fiioi tcrmini.90. A 
ie,etfiioitermi.90,A 
iThome,liiigliiioIi 
;i- 116.F 

'mbal/ìmati, co olio 
1 compone nel mare 

150.E 

inBcgala,moItocfti 

3i,-.F 

,& la corta d'Arabia 

iS'i.D 
Milo in potere di Su 

88. D 
■a il Nilo. S8.C 
odi Decani. 299. A 
prtóilRediTunis. 

.fuori del ftretto di 

le.iii.E/efièrpotreb 

no di Marocco. m.a 

iìllìme,&fuaHilto 

?ri.C 

idaRomani.2S5.D/ 

281. A 

^alid calila Signo 

-•itti di Ponéte,(j<;.c 

:ortad'Ar.ibia.non 

571.C 

lomeAbeliaa.iiS.B 

:npcdtlGagc.?,'9.f 

in The- 



in Tlicbc. Sj.A 

Wiii.i,rrutto,fccondo Macomcttani,fu qllo, che Iddio 

vietò ad Adamo, & Eua,fua Hiftoria. 9f.B 

MufchioiCalicut.iio.F/in lagoma.jjfi.B/nclla China 

3^i».D/3io.D/ncl Cataio.2f)4.A/in A uà & Tua Hirto- 

ria. 5I7.B/JJ4.D/5I6.E 

Mulchio buono,& fuo prezzo in MaJabar. 313.C 

Mufchio nò fiiiìlìcato dura in bontà.io.2nni,odorato 

i.-i vlcire il /àngue dal nalò. 1 56. E 

Mufici in Bengala di cantare , & fonare diuerfi inftru- 

menticongrand'arte. 516.8 

Wuftagnin,citta in Africa poftaful mcditcrrano.óo.D 
Wotir ifòla dlle Molucche,& fua Hiftoria.jtf ^,0/352. A 

lìto. J68.B 

Muz3,luogo,iecondo Arriano. 183.D 

Muza, terr.i,fecondo Arriano. 184. D 

Muziri.luogo nella Limirica,rccondo Arriano. 2S<;.F 
Muzziro.572.A/286.F/òzizero fiume, &porto dell'In 

dia,in cjiiantaaltezzapoftoda Tolomeo. J72.A 
Mhz ZLTo.luogo nella colla d'India come fituato daTo 

lomco.&ellcr potrebbe Anor lòpralacofta di Ca 

licut. J72.A 

NABi lignifica profeta Macometto. 150.C 

Nabam terra del regno d'Ormuz. 293. A 

Maeri lòldati lìdclillimi del Re di Calicut molto hono 
rati,& priiiilc2Ìati,Hirtoria. 550.F/307.C/J08.309 
Kafilfa fan ta,appreflb li Macomcttani,fua Hiftor.84.F 
Kagorani,città nella corta di Decam. 589-B 

Kagha e ciò mirabile in formadi fèrpéte, nel qle il 
Re della China fi laicia veder à fuoi popoli. ^6i).C 
Nagudij, ti urne nella corta di Calicut, iua origine, f ito, 
Stermini. jgp.B. 

>'—:quepatan, terra nella corta d'Orixa. 590.E 

" ':■ ■>r,tLrranelIacortadiBi(iagar. .i.. 390.C 

;•> '.Ivjljfortczza del regno d' Ormuz. 292.F 

iNam'.iiaiior.i,chriftiano Re di C6ÌQm,obcdii;real R? 
di Portogallo, i4cr.B 

N.imonepnnno di Banghalla. KJf.C 

Naiquijjprouincianiaritima della China. J 391. D- 
Napoli antica città in Africa,portaful mediterrano,cdi 
tìcata da Romani. 6S.C 

Naranci al tempo de Romani , erano portati di Media, 
& Perfia.ne fi ritruouauano in Italia. 37)'.C. 

Nataci li migliori ctl mòdo nella corta di Mclinde.uj.a 
Narici dolci & garbi.di trc,& quatro (brte iàpore , in 
^ Zeilam. ji,_E 

Narrationedl cSpagno del Barbofa,qual fu fopra la na 
uè Vittoria,chccircondò il mondo. ;70.C 

Narb.ida,notabile fiiìc di Cabaia,& fuoi termini. 589.C 
Naràgia,caftcllo nell'Africa , dertrutto da Portoghcfi. 

47.C 
NarsTga regno nella cofta di Malabari,hìftòrÌ3 dlle fue 
jpuicie,et città,et tcrmini,cortiai di fuo Rc,ct d fuoi 

popoli.uó.B/i59.C/299.F/3oo.30i.302.503.A.B/33o.C 
Nalò trapanato con vno anello portano lì Negri del ca 
^ podiSagrcr. >: , -; ,. uo.E/nuC 

Naii trapanati con vn fil d'oro,& in qllo vna perla pÓ 

N.Ì1I0 «1 quale n fanno cauulo nciriibla Madera larghe 

&.ionghc,delle quali fi fornifcctutto Porrogallo.i^.a 

Nalàri.monttad'argcnto del Regno di Tunìs, Arfùo 

valora „^,;o,,. ci,C 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 

Natiuita di Macometto. 



lO.E 



Natiuita di Macometto.&comechonorataìn la città. 



diFertà 



5^ 



A.B 



Natura cucita alle figliuole in Mazzuafin che fonò ma 
ritate. ^^^e 

Natura trapanata con vno anello portano p gradczza 
le donne del capo di Sagres. no.E 

Nauigatione di Nearco capirào di Aleindro dell'Indo 
fino nel golfo pfico fcritta da Arriano Greco. 2^5). A 
Nau igatione di Hanonc capitano di Carthagcnefi.fno 
ri del ftretto di Cibralterra ni.D 

Nauigationedi Vaico di Gama cipitano dell'armata di 
Re di Portogallo fatta ranno.1497. oltrail capo di 
Buona iperanza fino à Calicut. 1 i^.D 

Nauigatione del mar Rollb alle Indie oricntali.Icritta 
per Arriano Greco. jg, g 

Nauigatióe di cipita Pietro di Sintra Portoghefe.fcric 
ta per mefi!er Aluife da ca da Morto. no.C 

Nauigatione del capitan Pietro Aluarez, fcritta per vn 
pilottoPortoghcfe. iì,,d 

Nauigatione verfòì'Indie Orittali, fcritta per Thome 
Lopez Portogheiè. j»,a 

Nauigatione di'iambolo mcrcarate tratta dai libri di 
Diodoro Sicculo .i74.B/difcorfc. fòprail viaggio 
^^•che egli fece à qual partefort'e tralportato. 17J.G 
Nauigatióe ali nòia di San Thome,porta lòtto la linea 
.dcll'Equinotiale,raàdata ai conte Rimondo della 
Torre Veronelc. 114.D 

Nauiptione d i Hanon e celebrata da Grecl,& da Lati- 
^ ni,edllcpiu àtiche,dllc quali fi habbianotitia.u2.B 
Nauigatióe alle Indie Oricnt.ili, & frcquctata, Se cono 
Iciuta al tempo de Romani. 281.B/371.B 

Nauigatióe per la corta dll'Ethiopia , & mairinie olt'ra 
il capo Bucuiu lpcraza,à drlttalinea vcrfo il poloAn 
tartico è prohibita da Portoghcfi. 114,3 

Nauigatióe,col hoiIòlo,& cartamarinarczza incogni- 
ta al tempo di Plinio. ì7uA 
Nauc cinquc.ò lèi di fpetiaric vengono di ordinario à 
Lisbona. ^^^3 
Nane vna de Gcnoucfi , dette di gabella al Re di Telc- 
hn.ij.miladucatid'oro. yj,,^ 
Nauede Mori co gran ricche? '-óbattuta,& prcfa da 
■ Portoghcfi. , g p 
Nauetre'de Mori della Mecca,t. , ri ricchezze d'oro 
pie nel mare Rollò da dò Hettoredi Siluiera. 2,-2.F 
Nauc di Mori armat.i,& con molta gente prefi da viia 
carauella di Pottoghcfi,à requifitióe del Re di Cali- 
cut.uj.C 

Nauili Pcticotori,fono fuftcdi.fo.rcmì.có.do.dlli qua 
li nauigò Hannone fuori del ftretto di Gibral terra 
iii.D 

Nauili Indiani di diuerfe fpetic 1 Malabar,&: fua Hirto 
ria.itfi.E/3io.F/3j2.B/di Cambaia.3i7.F/dcChim. 
320.E 

Nauili fumo creduti dagli Azzanaghila prima volta 
che gli viddcro vcccllicon ale bianche. 99 F 

Nauilio d'Harais,^uf rbio 1 Africa,ct fna origine. 4ó'.c 
Naura,luoeo mercantefco fecondo Arriano. 186.F 
Naucarilòlo habitate nel golfo dJ «/-no,!,,,;.-.-.,- «ii. 
Sumatra. „g g 

Nauchin,città delle principali della China. i<^*.B 
Nazalig,cartelloinNumidia. y^.g 

Niuarct,monaftero nella terra di corcora nel r^no d 

Tigre- 



t 



Ti'grenuhon. joy.C 

M EA R e o capitano dell'armata d'Alefladro dall'Indo, 

lino nel rolfo Erithrco.zóp. A/coronato da AlelTan 

dro. j^^ Q 

Nekinda luogo fopra la colla di Calicut/ccód o Arrìa 

no.iSó.F/dettoda Plinio NccanidÓ. 37i,t/& da To 

lomeo Nelcindc. .^^..C 

Nebliia circóda vn'arbore nelle Canarie, & fi rifolue i 

acq jbaftate p il viucre d'habitati,ct di animali 352.F 

Necaus.citti iiell'Afnca edificata da Romani. 64. A 

Ned koina,c;tcà in Africa cdiricata da Romani. ^.E 

Ned. vocabolo Africano,fuona quanto nel latino fimi 

"*• 58.E 

Nefta città nel de/erto di Numidia edificata da Roma- 
ni deftruttadal RcdiTunis. y^£ 
Nefzaoajibno tre cartelli in Numidia habitati,et popò 

^°^- y/.C 

Negri quali non fi lafciano vedere,ne parIarc,comecÓ 

trattano ir rcantia di fiale con al tri negri, & della 

ftatura di q ' ii che furno pigliati p hauere di loro co 

X, S'"^'°"^- , loo.C 

IVegn di regno Ai Beni Ci /èpelifcono viui c5 il loro Re 

morto,perfargl. feruitu anchora in morte. iif.D 

Negri nella Numidia,non fono » cagione dell'aere del 

clima ma per generationc della niadre. 7 e C 

Negri nella corta dell'Africa quali adorao,la prima co 

lache veggono quel giorno. ikF 

Negri dlla regione di Gaogao fono chrirtianl comesi; 

Egitij.-77.E (perto.77.F 

Wcgn di Guatata, con le loro donne portano il \ilb co 

Ncgapatam.tcrra nella corta di Bifinagar. 390.C 

Nembrot,dominatorc dituttoil mòdo n tertimonio 

diMacometto. .^q 

Neptano,luogo nella corta di Carmania. i^z'c 

Nclr,vccello ilpiu grande che fi troni in Africa, & fiia 

Hiftoria. p 

Ncrtoreheretico,dal quale hebbero pricipio i chriftia 
niNeftorini. ..^p 

Nelpolo di Calicut di color bianco. ^j, d 

Neue tutto l'ano in Africa.i6.D/ic).F/i4.A/27. A/ yy. B/ 

per qualcaufaefier vi porta. ' ^^j^ p 

Neue non è(ne vi neuiga maijnclla Erhiopia. 1(4 E 
Neue non fi vede mai.ira li Tropici. kJi^b 

Neui chefi liquefano nellaEthiopia, fono caufa di ere 

fcimen to del Nilo,fccódo Anallàgora Phifico,et Eu 



INDICE DEL r-RIMO VOLVME 



Negromati nella Giana maggiorc.^ip.B/in India.HJ.C 

Niger fiume (uo principio, ik Cuoi termini , opinion, 

hano li Africai,checi fia vn ramo del Nilo. 1. c/detto 

daMori Senega,è vn ramo del Gion.ioi.A/mefi del 

uocrefcimento.78.B/crefce col Nilo. z(J4.D. u6 C 

Nilo, fua origine Se Hiftoria.Z4<,.r/c cauli della inÓda 

tione dell tS'"o.if4.D/Difòorfi,lbprail filo crefci- 
mento. ^^^ j-j. ^ ^ 

Nilo,Hiftoria del fuo crefcime'to,corfo,orieine,et Ani 
ni£..^i.a.b/8i.e/nel Cairo crdoealli.17.Giugno.26> 
JJ/Hiftona.3Z4.a/e vn ramo di Gió.ior.B/oltra il Cai 
ro,co_mc focci.! il corib vcrfo il Mcditerano,8o F/nò 
e "au.Mbile ol tra la citt.ì d'Alfua, porta nel confine 
di Nub.a.89.B/8o.D/profondillimo,& porto fra cu 
diHimi monti. '^ zzo A B 

Nilo,& Niger.ragione del loro crefcimc'to, fècondo'il 
Fracartoro. ^^^ j; 

Nilolcopio,colonna del crefcimcnto del Nilo. s/b 
Niiichilam,terrad; Cananor. ,5^ q 

Niloptolomeo,luogo fecondo Arriano. zsj F 

N.lixoram,porto del Regno di Cananor. tii C 

N.mpo,citta della China, nella p.irte di Chequea. ik 

C/391.C '■ ' 

Nino,cittàaItrevoltegrande,&felice. 274 B 

Ninxit,inlinguaGÌ3panefe,fignificaCorediverita,et 
eiJ nome di vno de primari) litterati , :& di buona 
vitadelGiapan. .g^ p 



ripide. ^, A 

Neuifi dileguano apprertb di noi quado il Sole entra 

nclTauro,<S:èdil'bntegr.idi.fo. ig- /i^ 

Neui eòe fé generino, & d q 1 vapori fi vnifcano.ifi^C 

Neui fé pollono crcarfi nella Ethiopia. zg- p 

Neui, & tépertcfepollbno cilernella£thiopia,ònò 

zCj.C '' 

N I e o N E fiume,fecondo Arriano. 154. A 

Nicolo Bracaleone pittore VenitianoIEthiopiamàri 
uto,&: ricco di portcllìone.&vaflàlli. 121 A 

Nicolo de Coti Venetiào,ct fuo viageio nelle Idie.ua.e 
r^icoli Dictrc nelle Ilòlc vidnt à Zocotora. 292 C 
NidaElmule,configliario diCalèilagh Imperatoredc 

ktJ"5 , '''"^"^"'*^""'''^'^^"^"'n» eli Bagaded. 
Nido del pappagallo.& fua Hilloria. 104.D (4o.d 
iNififamonteiftAfri'ca-haKiVfiMvJ,,,».,»».../!:-. . <-. 
Nifhs fiume d'Africa, nafcc neli'Adantc, vicino àMa- 



Nirabaxi,frutto dell'arbore Baxana , mirabile cÓtra ve 
neni. p 

N e E YA M o R,;fola nel mare di Bandan. 3^!^ 
Nobilta,degli Antichi Egitij, 1 qual parte fi rirrouafi-e 

anticamente. o (^ 

Noci mofcatenell'ifola Sandai.54i.C/nclle Molucclie.' 

36<J.E/mBadan,&.3p.A/quantitàchefcn'accoglie. 

370.E/prK<.2o 1 Calicut,&: in Bidan.523.D/Hirtòria. 

167.E 

NoccorefiumeinAfricadiuìdeErifdaGaret. ^o D 
Nome proprio,non pongono gli Abiifini lènza fi^nifi 

cato. i^'-n 

Nome proprio, nÓ fi pongono ii popoli del RegnoVi 

Borno. ^^g^^^ 

Nomi di Signori principali gouernatori nel Reenodi 
Siam. ° . p 

Nomidi tutteledi-gnltaprlcipali &officij.apprelIb il 
Soldano del Cairo. g (- 

NomedidonnedcU'Arabiafelice. i^.'c 

Norban tccittà iiell'Arabia/uori del ftrctto. 388 E 

Nornodefte,ciI vento fra Tramontana,&Greco 

iSJofcari,città nella corta di Cambaia. 3S0 e 

Nofila ilola conlàcrata al Sole, nella corta degli Ic'th vó 

phagi,habitata da vnaninili dellcNercide, & fu.i fk 

uola. ' p 

Notte d;.n.hòrcet mezza, li primi giorni del mefc dì 
Luglio nel paefc di Cambra.. - jq^c 

Nottedi quattr'horc, del mefc d'Ottobre, nel ftrctto 
di Magaghanes. ^ 

NottolcnefRegnocliGambra,gradcpmditrcpalnii. 
109.D ^ 

Notuceras coIfo,vcdi il corno d'Oftro. Hi A 

Notatori cccclcntìirimi fono gli Nceri. & delle l'or 

ptuoucnarratedamellcrAluifcdichadaMofto. 
ro2.C 

NouellapIaccuole,&amorofa,fcrittadaGÌQualcone 

Afri- 



M E 

iggiorc,5i9.B/ìn India.j43.C 
S ik Cuoi termini , opinioni 
1 vn ramo del Nilo.i.c/detto 
no dd Gion.ioi.A/melì del 
efce col Nilo. 2(J4.D. ikJ.C 
ia.249.r/c caiifà della inóda 
Di/cor Jì, /òpra il Tuo crefci- 
1^1.0/264.3 
méto,corro,onVine,et Ani 
ocrcicealli.17.Gi11gno.26i 
ao di Gió.ior.B/oltra il Cai 
.•r/òilMcditer.ano,8o F/nó 
■ d'A/riia, porta nel conlìnc 
bndidimo, & porto Ira già 
210. A.B 
oro crefcimcto, fecondo il 
166. lì 
cimento del Nilo. 8).B 
f- jSy.D 

doArriano. 285. F 

diCananor. J^i.C 

:lla parte di Chequea. 388. 

•,& felice. 274.B 

fignifica Core dì verita,et 
irijlicterati,:& di buona 

ìaxana , mirabile cétra ve 
joj.E 

ircdiBandan. icS.C 

Iqual parte fi rìrroualTe 
81.C 

ì.34i.C/nclle Molucche. 

uanrità che {e n'accogl ic. 

n Bàdan.}i3.D/Hirtòria. 

leErifdaGarer. ^^o.D 
gli Abiifini fènzaiìgnitì 

226-.D 
> li popoli del Regno l'ì 

' 80.A 
uernatori nel Regno di 

)ali&officij,apprellc)il 
87.C 
ice. ij^.C 

)ri del ftrctto. }88.E 
iiontana,& Greco 
ibaia. jSp.C 

nella corta degli Icihyo 
delle.Nercidc,&ruafa 
171.E 
imi giorni del mefe di 
, ■ I07-C 

d'Ottobre, nel ftrctto 

gradc più di tre palmi. 

Oftro. 111.A 

li N^ri, & delle lor 
nife da cha da Morto. 

Cctìttì da Gì Qua leone 
Aùi- 



DELLE NAVIGA 

-africano. fj.D 

' >( o V E L L F. fcritte da Giou.'i Lfonc Atncao in fiia dife 
fa per fcriucre l'Hiftoria Ahicana. 11. E. F 

'Kiioua -Spagna dtta.Mexico, et lii,'. Hiftor. et fito.^74.c 
Nuoiia Fracia di Jacques Cardiier.Hìrtoria di iiia !>ian 
' di'zza,ftrtiHta,&: (ito. 374.G 

Wuoua foilàjluogo Iccondo A rriano. 
.» V B I A N 1 popoli già cluiftiani,nclli confini di Can 
h!a & Danila vcriò l'Editto. 200. F 

Nubia rc'^no dcNcgri nell'Africa, & fuoi termini. 8o.d 
Nubij pcpoii già chrirtiani,hi>ra (cnza alena religione 
hanno ddìdcrio di ritornari- alla t'ode, fico del loro 
(tuo. 2,-O.B 

NiKopora ilnla vicina alla Giana, nel mezzo della qua 
learde vn continuo Vulcano, Jiy-C 

Ni:iIifamonccdcl rcgnodiTunis. 71. E 

Nii"o (tincnza fimiieal tìorc qual n.ifce nelli fornK•t^ 
detto Gioton,dcl qualcne fanno olio nel Regno 
d'Angotc. 108.C 

Numpoclo dicono li Malabari .ì rubini del Pegu.3io.F 
Numidia,iuo principio.^ tcrm;ni,& diuidonc. i.B 
Numidia,("ucrtagioni iSc qualiu de (uoiterreni,&: co- 
me mercanteggi ino con gii datteri. <;.F 
Nuniidia.icqui(ìatada Romani.-' 4.A (^.E 
Numidi, q uali popoli fieno lor liabiti,coftumi, et cibi. 
Nun habi:atióetraNumidia,&: Libia, poftafòpra l'O 
erano. ^ 77. A 
Nu/a,i(bla nel mare pacitico. }64.F 



OB D o R A prouincia nella Mofcouia citrali nió 
ti,dctti Cathcna Mundi. 374. A 

Obedienzcdataal Redi Portogallo,daUi chrirtiani di 
• Mang.ilor. ,^.,.A 

Obedienza data à Clemcn te.vii.da il&n Franccico Al- 

■ uarcz,in nomedel Sereniis.Dauid Prete lani. 155.0 
Obo,fiume sbocca nell'Oceano Settentrionale vltimo 

termincdelIaMo(couia,&("uiorigine. '374'A 

e e H 1 di gatta naicono in Zcila,& lòno da Mori ha- 

1 unti in molta cftim,atione.}i4.Byi8o.A/i84.B/IZci- 

■ lam.:39.C/ ^ &.,'45.D 
Occhio di gatta, &: Topatio Inliemc,in Zeilam. 314.B 
Occhi di gatt.i,come (i fanno. ^ii£ 
Occhi canati da vn figliuolo del Prete Ianni,p erter (ce 

(b della montagna de confinati. uS.E 

Occhi piccoli,riputati molto bflli dalli Chini , jzo.C 
Occin'ali (bno buona mercantia per Calicut, Se I alcu- 
ni paed (bno molto apprezziati, m.C 
Oceano p.idrc de gli Dei,(econdo Homero. n2.D 
Oceano circondala terra (ccondo l'opinione di Srab- 
bone reprobata.282.F (pò de Celi.^72.0 
Ocele citta nell'Arabia.felice 284.E/clIcr potrebbe Ca 
Otelevill.à,lècondoArriano.284.E (574. A 
OchcLiga, terra detta iuioualTanci.i,ccfuo inuétore. 
Oche nò fimile alle nortre nel regno di S'ensga. 104.F 
Ochomonte,portoin vna iiblai^el golfo Periìco.273.c 
o D E s e A R 1 A,città nella prouincia di Malabar.jjj.B 
Odia città re<;ia de Siam. 355.C/369.B 
Odoardo Galui àbafciatore del Re di Portogallo , alla 
Regina Heléad'Ediiopia.i77.c/i88.D/fua\nort^.i8f 
OETABACAN iibliaboiidatillìma diari'éto vicina 
.1 San Lorenzo,pcrrclationcdnl Corfali.'^ 178.D 
OFFERTE de brcccati,(cte,& oro mailati in Hierufà 
Icin al fante fcpolcliro dal Prece Ianni, i48.e 



TIONIETVIAGGI 14 

Oflficij,cerimonie,et altri orciini della chiefa fècódo l'v 

fbdelliAbiillni. 
OfHcij dlla (èttimana iànta,celcbratiiligli Abillini, &: 
con qual cerimonie. 240.B 

Oftici.alidlli.ii.tribu"datidaSalomóeàMeilechluofi 
gliuolo,hoggidi honorati d.igli Abillini , eòe popò 
li de(cen<len ti dagli I(r.aeliti. "^ ijo.C 

o L A D I paefe nel Regno d'Angote. 216.B 

Olin in molta quantità in Atrica.5i.F/ff.A/<75.F/68.E p 
(ettiirinio.76.B/(uo prezzo in Sus. 15.F 

Olio è buona mercantia per Calicut. ]2o.F 

Olio di Sagu,v(àto da popoli di Vendenao. 37f.E 

Olio di Suiim."ii,magiato co Amham.nel sono ta mo 
/■i'^'-'- . i<)6.C 

Olio del Cocco, vfàto per medicina delle ferite da Ma 
labari.33i.B (ni.ii.A 

Olio di pc(ce Lafca, vfito »er abbruciare dalli Africa- 
Olio nel paefe di Budóel,di odore di viole zocte, (àpo- 
re '.óe il nfo,colore di zarterao,& tigc le viuade.n^.F 
Olio detto Fnna, col quale fi vngono il capo li Gentili 
di Calicut in vn loro Ikrificio, p hauere indulgctia 
de loro peccati. 163. A 

Olio canato de frutti della canella,molto odorifero, et 
pervnguenti. ^^^.c 

Olio di Su(imani,in grandillìma quatit.à In Zeila.ijj.E 
Olio d'arg.an,meicolato co olio di noci,è in vCo appref 
fo gli Afiicr-Vi per mangiare,&: abbrucciare. i t.C 
Olio fatto coHàle, da glllchthiophagi. 271.D 

Oliodi Herba detta Hena,c vfato inEthiopia, & non 
hanno oline. itr.A' 

Oliue Africane,& come le colgono,& quali fiano có- 
formi alle nortre,& di quali non facciano olio. «j.D 
Olidppo citta dei Regno dì Portogallo, hora detta Lif 
bona. ' „^p 

o M B R A^ non fi vede nel mezzo giorno nell'ilbla Me 
roe, Se i\n pozzo ndla città di Siene d'egitto.nel tts' 
pocheèilfolrtitio. 270.D.E 

Ombre del fole, & fua Hlftoria. a^S.C 

Ommana, luogo della Per(ia,(ècondo Arriano. iSf.D 
Omir.ibih , fiume de principali d'Africa, fua origine, 
cVfuoi termini. . 89.0/2,-.? 

Onciad'oro in Ethiopia,& fuo valore. 100. A/24f.A 
Ondam Ancham,(ignore potentiirimo.moko eftima 
to nel Regno di Decam. 329. A 

Oneficritto periti(fimo Artronomo madato da Alefl'i 
dro con l'armatajCondotta da Nearco nel Gollb Per 
fico.268.B (o(buro.if^A. 

Oneros pc(te maggiore del Pai^rOjgrafTo , & di colore 
Ongucto fanno gli Barbari col quale ellèndo toccata 
vna mano fa morire. ;67.C 

Onguento ili feuo di Bccco,ct di dicco d'herbc vfato p 
fare grolla la pelle contra il freddo nelle ilolc Cina 
Onor.città capo del Regno di Bifinagar.58i;.d(rie.98 d 
Onor,fiume nel Regno di Garcopa. 3,0. A 

o p I N 1 o N E di Arirtotile nella Mcteora.circa l'appa- 
renza di Iris reprobatadal Vefpuccì. i^z.B 
Opinione degli antichi, che fotte l'Equinottialc folTc 
arido è conolciuta falla. 281.D.E 
Opinioni .li Thalete,& di Euderao, fopra il crefccr di 
Niln.confuratc. ^^j^g 
Opinione che li Oei traireroorigincdalli Negri. ii2,"d 
Opinióe di Strabóe,che il Nilo babbi atterrato tutto il 
patff itermedio dal mar Roflb fino al Mcditcrta. 181.F 

Opl- 



Ili 



INDICE DEI. PR 

Opinione di Strabone,che la terra fu circÓdata dcll'O 
ccano,reprobata. ^j^ j, 

Opìnióc liclibono gli atichf.clie olerà la linea eq ufnot 
tialc verfo mozzo giorno, niécc altro vi foifi che vn 
mar^- larghilhmo,d tto Atlatico,ct alcune iiòle arie. 

Opinione che l'ifole Molucche habbino p Tramonta 

na,vnagranco(tadi terraferma. 187 r 

opinione de Portoghefi,cheoltrail capo Buonafpera 

zaadnttahnea vedo il polo Antartico, iiagrancÓ- 
nnente di terra. ° „ 

Opinioni aHiftoricichegliAfticanihauein-ro j^ptie 
lettere. p 

OpiniÓi diuerfe.che l'Egitto habbia p..rte < Afi-ica.Sn- 

Opmione d alcui Africani,cótra leiaéti j diuine.4o.d 

Opinione hano li popoli del Giapan,chc tutti i peccati 

iianovguali. ^ p 

Opinione degli Afrlca^che i Romani lafl-ianeno^mol 

te tlieioro nell'Africa _, j q 

Opinioni diuerfe della città di Pharaonc. 8i"c 

OpinionedÌGentili,cheledonneclie muoiono verci 

ni,nonvadino in paradifo. j^gj^ 

Oppio Thebaico dttodaMori Anfia,narce nell'EthicV 
■ Pia,et nell Arabia,hauuto in gra pzzo da Mori p luf 

lunare. 1S7 Aa r» 

Oppio magiato co oLo di Sufimani,nel fonno fa morì 

Oppio fatto in Adé.& Cambaia, & fuo prezzo in cf 
licut. * 

©poneR.|nocoridettodaTolomeo,poftofopSia 
tnarmad Ethiopia, chiamato hoggidi Magadazo,ec 

bpoijc,terramercantefca,recondo Arriano. SI'.A 

OpiidianapietranafcenelmarcRoilb.zSi.D/quatofu 
eftimatadaRomani. z8i F 

Operadel Meshudi Hiitorico, nella qua! tratta delle 
cole mirabili,rcoperte h tempi moderni. 01 B 

Opcrafopralalegge,&:f;-,lediMacometto,.iiGioua 
' Leone Africano. g^^ 

Opere principali,& famofe nella Cabala. . jA 

Opere diuerfe nell'alchimia. T'i q 

o R A T Exii libbre quidici.nell'ifole di capo verd.ioj.e 

nell'Afiica di fei. ^ ^J^ 

Gran città & porto del Regno di Telenfin , già freqùé 

tato dalle nani VenitiancyS. A/I potere di Spagnuo 

Oratione a Micometto,cÓ qual cerimonie fi 6cdadal 
iignorBudomel. j^ q 

Ordini delle dignità fuprcme, apprefTo il Soldano del 
Cairo, g 

Ortline tenutodai RediFeira,quando fi riduccà (iL 
alla campagna. ^ 

Ordinazadigéte,pompe,ccremóie(tl Redi Fcira.44 a 
Ordinatioe tenuta dall'Albuna Marco ncH'Ethiopia ■ 
nella quale ordinò.13 fó.ficerdoti da Mellà 1 vn fior 
^ no & con quali cerimonie. ^% a. 

Orea fiume,fecondo Arriano. X'n 

OrenciTola nel mare Roiro.zgj.C/efTer potrcbbeMi 

Orecchie di tata gradezza, che vna è ballante à copri 
^ re tutto ikapo. jfi.C/j/o 

wreccniiilorarf .-irrnrnrv ^f^^.-»- _•— ,- 1. n '' 

•'.ilumanohNegridelcapodiSagrcs. uo E 



IMO VOLVME 



Orecchie tato gràdi,che fopra IVna fi deftédonoA' u, 
1 altra li cuoprono. ^j; i) 

Orerici li migliori di tutta l'India nell'iTola di col" " 
Oi-iacan,cittad'Omiiiz.5SS.E ■ .7S'n 

Organa ifòla nella colla di Carmania. 27// 

Orgabra , tara polla nell'ellrema parte del Regno di 

Oricello herba da tingere panni , nafce nelle c'nl^t 
^ da Calefe.o da Scbdia e códotto in Leuante,& in 
Ponente. ' 

Oricalcho(cofi detto,fino al tépo dlla guerra TroSn ,) 
perche tan to apprezzato da gli Antì Jii. zs- A 

Orixa,Rcg„o,ló^^h.^zadllaliiacolla,luecittà,&t.r. 
mini Hiflona di luoi popoli. 

Oriti popoli Indiani vinti dall'eirercito d'A leilindro 

170. A 

Ormuz Regno, fuo principio , città,&r termini , c^' di 
/uoi popoh.388.K/3Zf.I7Hiltoria del Barbola.iyz.C/ 
fino al ^i^4.D/Hilloria. ,S7.C/lko.,7P.D/tribut.uio 
^^°""p3'':;-!87-f/pr'.'(oda Alialo Alburquerquc. 
i78.E/abodatill.ma di ple.136. A/ifòla lontana - !,! ter 
ra dodici miglia. «8F/i»'D 

Oroatcfiumc nel confine tra Perfiani,&: Sufi. ' i'-- E 
Oro,6<: lue minere nel Regno di Manancabo.^S.F mi 

laGiaua maggiore. 5i9.A/ncirifòlaSolor.}io.A/Li- 
qu.,.;io E/nella Ethiopia.jH.B/quàto ellimato in 
tìegala,& , Malacca.534.B/n8.B/rCàbo;a.55(J.C/rC:i 
paa 1 molta quantità,^ fuo pzzo.j^^.D/In Codiin- 
chjna.,3c;^/nella Sumatra. ^39.0/! M.urazia.,^;.F/ 
nellilolaHumunu.j,-6.c/i-Buthuà,&Caleghà.;/7.b 

n^tr"i'f^'r^l-'°-'^''' P ''hbrcM4.diferro.5y5> 
D/_nel hfolaPauilogó ,^6..C/nell'ifolaSaràga„i.3Ì4. 
E 1 Qlolo.3^<j B/ne l'ifola Vcdenao.37,-.FMdl'i7bì. 
W.pp.nx376.C/nell'ifolaTarrao.376.E/Arenad'o- 
ro ne hu. d, Sp.agna.38f.E/ne fiumi d. Benomotapa. 

59i.E/nelleminediCefala.59..E/ii..C/i34.B/zS8.C 
oitra il Regno d.Guangara. 7P.F/nell'.ìolad'A.gin 
P9.C/ne regno di Negri,che nò fi lafciano ved^Te. 
oo.B/nelihuinellacofladll'Africa/n<J.B/rzo.a/nel 
atcrralcopa-taddVelpucci.i5..e/nellaterrafernu 
d Lt uopialopraMozanbique., 73.C/ dall'ilbla capo 

Verdc,h„o.,lmarRolIo..78.A/ilaChina.i8o.CA.i 
Nubia.zoo J/ nel Regno di D.amute.M9.D/nel re- 
gnodelleAmazzone.Z49.D/OrobalIbnclregnodi 
GoKune.Z49.F/nell-Ethiopia.zf4.D/;vicin'al Gange. 
18 _.Dye molto appzzatoin .Zcili.ji+.Qncl Regno 
ilr Siam.31 7.D/di Paan ballò. ,kn 

Oro in vnagrotta del Prete Ianni,qual farebbe ball.;.! 
tepercomprarelaMetadelMondo. i.s D 

Oro,& rirdu-zzedl Redi Tombutto.78.Dfbaia. t; a 
Oro.zz.m.ll,oni ipefoi vnaguerradaBadur Re d Ca 

OroinFefianopuòeirerlauoratononellèndoluggd 
lato all'offido del Re. '^^^ p 

Orfi,nófònollati veduti claII'alu.arezncll'cthiop.ili;c 
Orfamagg.orc,&minore,nó,:-alpoloAntarticL3z.a 

-1 ctieiono in vinti gnidi. ,^0 p 

ospicosfragofos,neriacofladiBuonafperanza.386;F 
Oflodipefce.nTarnairari,d|-maggiorp^dbdi.,o!ca';a 

Ili* 

Olfi di datteri ine;rafrano.&finn«l-,«-.i|--.,__'^t'^ 
Oftrichecon.44:Ìibbred'icarner~"" ,; Sb 
OnrichedelPùucofipiglùuaoantio^néJ^^Jono 

della 



fi ilcftcdono*)Sc u') 

'll'ifbladiGo.u 

• J7S.I) 

irte del Regno ili 

fce nelle Canarii-, 
(ìnLeuiinceAi'ii 

i guerra Troùn:)) 
cklu". 3.f<l.A 

,(ue città, &ter.. 

tod'AlelTàndro. 

?>.' termini, & di 
l Barbolà.iyi.C/ 
7i).Dln-ibiu.nìo 
Albiirqiierqiic. 
la lontana d, Iter 

&Suii. iTj.E 
ncabo.jiS.F/nel 
Solor.jio.A/Li- 
ito eltimato in 
bo.'n.^jó.C/fC.i 
'.D/InCodiin- 
^^aarazia.^^;.l•/ 
:CalegIia.5f7.b 
■,i4.diferro.3f9 
iSaràgani.36'4, 
37f.F/neiri/ò],i 
S.E/Arenad'o- 
Benomotapa. 
C/1H.B/1S8.G 
l'i/blad'Aigin 
(ciano vedere. 
<^.B/iio.a/ nel 
Ila terra ferma 
Hall'ìiòlacapu 
liina.iiìo.C/iii 
i49-l^/nel re^ 
mei regno dì 
cin'al Gange, 
C/ncl Regno 
31S.D 
rebbe badali 

D(baia. 491..» 
iir Re di Ca 
[cndo liiggcl 

. .. ^^''^ 
'cthìop.icji.c 

itartico.i5i.a 

ricreda quel 

16S.E 
Tanza.}86.F 
o di'.io.cata 

164.B 
e capre." J.C 
351.C.364.B 
e od porto 

della 



DELLE NAVIGA 

Hf Ila città ili Meltla l'n Africa. ^z.D 

Oftriche marine ncll'ilòla felitedilabolo, delle quali 

cauano porpora eccelentillìma. 175.A 

Oftro veto à noi pioggiofo,neIl'Ethiopia fereno.iój.F 
Othnian,gcnero di Mecometto,(epolto in Mcdnia Tal 

nabi. 150.B 

OvA di Struzzi fono buone da mangiare. ()c).C 
Oucdi Garze marine,dlle quali gli Portoghefi ne cari 

carono due caraiiellc iòpra l'ilola delleGarze, nella 

corta d'Ethiopi.\ pp.A 

0x0 fìunK-grolllfimo, sbocca nel marcCafpio, dtto 

da Moderni Geichon. 561.F 

o z F. N E,citta Regia fecondo Arrlano. zS<J.C 

PA A M città,capo del Regno ili Siam. 5c;i.B/3i7.D 
l'ahan, terra dt'l Regno d'Ormuz. 
Pacarcs nauili di Calicut di portata eòe carauellc. ;5i.B 
Pacé,Regno nella Sumatra. jiS.F/ammazzano il Re,&: 
& dicono eflèr volontà di Dio, j^j.E 

Pacharil,rifodellaquarta fpeciedìNarfinga. 300.C 
Pacamurij,citrà in India, 33-9A 

Padre venduto dalli figliuoli nella Giaua, acciò fia ma 
giato. ' 168.F 

Patiri,quali vendono lì propri) figliuoli per farli bene 
ficio. "" 116.A 

Padre dLó'co.figlìuolì,dì,^oo.&.fo, ^66.B. 

Padre vccchio,èmortodafìgliuolI,acciò non trauagli 
più in quella vita. 3(J<;.P 

Padiglione fatto con ago 'enduto nel Cairo dieci mila 
Sàrafi. S4.A 

Paefèjche dagli atichi era tenuto Ihabitabile,etabbru 
ciato dalSole,horaèfcojj:o verdillìmo.etda molta 
' genteliabitato. pj.A 

Patfè di Giganti,fcoperto daMagagliancs , fuo fìto, Se 
H.'llorla. ' 5)3-F/5)4-A^ 

Pacfè oltra il monte A tian te,& fue qualità, <>. A 

Paefi quidici de Negri ncll'Aflica , quali Ibno cogniti, 
fua defcrittionc,& termini,vita,et coftùi de luoi pò 
poli, et come fi feciono Macomettani. 7"'d) 

Pagelongi,popoli fuditi al Re di Manicongo. 3SrJ.D 
P.iglia die dura p copta di cafe , la vita d'vn'hóo,n4.B 
Paggi iècreti del Preti Iani,(bnof(:hiaui figliuoli di Re 
Mori. 150,1) 

Pagale,litto nella corta degli Oriti, 169.F 

P-agotlescad-d'oratione delle Cugianem. 30S.F 

P.igode,antichiirimo, & mirabile editìdo.có figure dì 
pietra nera pcrfettillìme,neirifola Dinari, i78,F 
Pagros pefcc,dctto in Venetia Albero,8c Coruo.i i ^a 
Pagaméto di oro,argéto ,oucr coralli, vogliono in Ca 
licutpcrlcfpedcrie. uo,A 

Palazzo di Pharaone città ncll'Africa,cdificata da Pha- 
. raone nel tempo di Mole, ^^.B 

Palazzo di Antheo,qual cóbattè cóHcrcolc,doue fòrte 
' fecódo l'opinione i311ilcrìttoriGreci,&Larini,n3.b 
Palazzo,nel quale tiene il Re di Calicut il fuo thefòro. 
, 161.A 

Palazzo,cdificio mir:d»ile del Re della China,& fua Hi 
ftoria, 3^p,C 

Falclimondo ifola detta da Moderni Taprobana , fecó 
^ doArri.ino, iSy.R, 

PaJcpalmc luogo fecondo Arriano, ig^.F 

PalcacatecittàdiNarfinga,dttaaticamctcSalacéi,i79.F 
'■ Hiftoria di fusmercanue,& de fuoi popoli. 164. A 



TIONI ET V LAG Gì 



»f 



179.D/515.D 
Palimbotra ciità in India, .illa quale lambolo fu códot 

to.i7)-.B/fuo fito.Hiftoria di tuo Re,& popoli referi 

ta da mcrtèr Marco Polo Venetiano. 176.(1 

Paliaria,città in Malabar, , 341. A 

Palled'oro fat.ale,nella città di Marocco. i8,B 

PaIeudora,RedellaGiaua maggiore, jiy.A 

Paladura,i(òle nell'Indico pofte altraucrfo di Pananiu, 

Cochin,& Coulam, Hiftoria del lor Re,popoli , &: 

mcrcantie. jij.B 

Palma,iiò!a delle Canarie.habitata da Idolatri, 8S,C 
T*alme faluatiche picciole I Temefna,et fuo hutzo.vj.E 
P'^Ime.quali non fanno fiutto in Africi. 28.Q 

Paleftini, fono defcédcti di Mefraufigliuolo di Cus,i,c 
Palude nella corta d'Africa nella quale erranui Elcfìiti 

al lépo dlla nauigatione di Hannonc Carthagineie. 

IH.D/113.A 
Palude ne Sufiai,nella quale entra il fiùcTigsu,i74,A 
Pamile,terra del Regno d'Ormuz. ' 193.8 

Panagate, terra nella corta d'Orixa, 390,8 

Paneru incantatori in Calicut.fua Hiftoria. 309.E 
Panine,terra del Regno di Calicut. }89,E 

Pandarane, terra del Regno di Calicut, )9Si,E/3ii.D 
P.ingaiamas nauilij del Pegu, 3}4'E 

P.inanie,citta nella corta del Regno di Calicut., 3n.E 
Panhanes,tìume nella terra di Benomatapa,& fuoi ter 
mini. 5(,i.o 

Pani Dam.ifchi,r.ifi,& brocatelli lauorad nella China. 

Panni t]f feta figurati,& di diuerfe forti,tefruti in Cam 

t,-^^\% ,...., . 597.D/i,-7.D 

Pam di Europa,li pai tnrti valeno nel Regno di Gago, 
■ quattro duciti la canna,& li più fini trenta. 7^.A 
Pano grortò,et fuo prezzo in Sus regione d'Africa, i<r.3 
Pane falato,è coniècrato nella merta , da facerdoti Ar- 
meni, .,, ^ 

Panedil.ocurte feccatemagiato dalli popoli di Libia, 

&: di Mauri t.inia. g.p 

P.-ini cinque di farina d'orzo,crudi, & grolTi quato vi» 

pomo gianato,(òiio dati alli cameli,'^& con tal cibo 

durano in Carouana.i4.liore. 149.C 

Pane nò è vlàto rlagli africani fc no li giorni foléni.ó.d- 

Pane come fi fàctia,nella città di Tunis, 6y.C 

P.uicin alcune parti d'Africa nò è magiaro fé nò neÌlc 

nozze,ònelli giorni fòlenni, ^ yj.B 

P,anedi legno dettoSagu,& fua Hiftoria, 566.F 

Pane d'or20,come fi cuoca dagli Africani, u.C 

Pane cópofto di panico,& acini d'vua , vfàto nel mòte 

Bcnigiufep in Africa, ^, j\ 

Panicari,macftri di fpada,& targa,gioco molto efTerct 

tato in Calicut, ?07,F 

Panacatc,terra di porto,del Regno di Narfinga. 

Pap.igalli del Pegu fono li più bclli,& migliori che fi ri 

trouino,i65.E/fiiediuerfel]ietie.i64,B/34i,C/368.FA 

Tii,A/lor prezzo nelle Molucchc.368.a/3i9.F/loro ni 

di,io4,E/qual Ila migliore,p .tppréder la faucUa h* 

mana, .^^,p 

Papos,peIIe dell'animaledcl muichìok 334,0 

Papio,ifble fecondo Arriano, iScC 

Papiceluopo.fècondo Arri.i.no= rS^.A 

Pardefi,dicono in C.-ilicut a gli Arabi,Pcf fian i,Gu zeral 

; .,ti Coracanr,& Decana, macau'gìa potcdflìmì i Ca 

licutjfua Hiftoria. ^ ^ip.p 

Viaggi.vol.i'. e Pardiù 



■ 



m 
m 

' ili i 



Ì'H 



I l'i' a 



INDICE DEL 

g, & ddl aJtra Jctterc. fS. A/vngl/ano va ducato ci" 
Parao muc Indùna & fua forma. '^''^'^"'il 

gal^.o rdmi,ccrcmonic He apparati /òpra do v/àtf . 
^lSbt^'*''^°'"'";"""'^-^P'"^-SencraleFra 

raroladclPret.IàniaRodr;god.Lu„a/opraIearÌ;;^ 
mandate.;!, dal Red/Porroi^allo. *^ , , ' e 

Prau..norJuogodigr£traffico,neilacoftadic£^ 

Farth.aRcg.onc,qualfia/l.c6dorifcriireilBarthcma. 

Paradia,pacre fecondo Arriano. ^c, r 

Pargos,pdce. ^'*7-iJ 

Paragone,perprouarel'oro.avfatocomcdano;,ina 

Pajìrdpopol;,nelIacoftadegl;icth.ophagf. xSe 

'l^hJt°h^;i;^r^'^-^°^«^s.Tar-s^^ 

Pafitigrifiume,fcorrciipacfcd.Sufiat,f. ''°a 

Pafl-ereverd.checantanondrifòlad.S.Thomc^^F 
Patanam,PortoddregnodiCananor. '''°™'- f^ 

ncSSct''"""'-'''^^"'P^'^^""8'-^^'ló 
Patam,terra di Porto.dd rc^no di Cambaia »i" R 

Ja;?-?""^ -"^ coftadd^^cgnodisSn • ll]s 
Patti terra ndl'OceanoOriècale rifcrin d.ll-i: i- 
Patccerra,.eliacoftad-AraSc^^^^^ 

Patale.57..A/paefeintermec^,adicboccheddG5Sl 
parteddRegnodiCamoaia. "^^^iGagee 

Pateniffi,dttàcIdregnodiCambaia. Jif 

I^tde^rappidOro&diSetachcfifanoncIkcKSf 

Paudi,dttà nd regno di Siam. . .„ „ 

FatolaspannidiScu,ct hàh^odiuinr!.f.rr^ ;„ jfc? 



PRIMO VOLVME 



Patamifoland mar Indico. « « 

Patam,PortoddRegnodiCamba;a. ''l-J 

Patagoni.GigatikopcrtidaMaga8lianes,&fuaSo 

Pa.doApoftolo,inpamafcoèchiamatodaa 

Jafede & tratto dallangdo della primonc 7!^ p 
PauoIomo,Hiftoricodottiin,no. ^^ 'f'v 

ino Kc,vitade/uoi popò i &run firn .^ n 

Pauonifaluatichibianfhfndì-^baMi.. %''ì 
Pxar,p,etracontraveneni,&fuaHiftoS Sp 

aS" Setrandolifaill&fbnoreput'au- sJSf^ 

"diaSe^"-^--'^^'-Snodi Partati 
Pcc^hieriGouernarored.-CheuUohoamicoaPoaf 

Pecoreddl-ifolaCarancmangianopefce. '^^'^ 

Pcccmat<.nale,&artitficialecome4ccodia. o, R 
Pedocch nutriti dalli Bancani,& fua HifS k ^'n 

Pedirregnoprindpale,ndIaSumatra. 1\IÌ 

Ped.r,c.tta d. porto ndi'iibla Sumatra. ,'^6 D 

Pedan.città nella cofta di Malacca. 

X df ?u'ò!t:?Ì^^' termini.,PtA/Hiftoria dd fua 

KCrteluoipopoli,etmercantie. «4.DA1Ó E/itf e F 

Pegu fiumcnd cjual nafcono lì RuS'. '^'"'^"'^'^ 

vcnfm,.led.cl-.nduircportarle,&chepdlipoteua 

Pc^li di caftronineri/ono le tauole fopra lequah-Iia 
p .S'^"° 'S""%noriinEthiopia. ^ ^ '''™'J 

Pelod^Elefanteegrofro,nero.4vnpalmoèmeSo 

Pclledd Cocodrillo è di modo durilfima, die vn filco 
"«toepocobaftanteatrapafl-arla. " Ja 

Pclagonga,dttàddRegnodiBi/]nagar.&fuagr?cfez'ì 
Peh,fioramocfiNiIo,sboccaaDamiatandMeditS? 

Pcnaze,terra5d;eenod"Ormuz. ''^'"^t" 

Pentepoh,terraneffacoftadiBifinagar. ,,oE 

PenacotcterrandJacoftad'Orixa. ^ ^o E 

Pcmtcnzedi.7,giorni,fecondol'onbneddGiafa^: 

PcpcnonnafccfenonndleIndie,OrientaIi. U7 A 

PepetCananor.i58.E/5io.F/rCa!icut.i.^.B .o.FAnF 
migjiorji tuttegliaJtri,inMa2aIor.,cn ./?c2'I? 

*cbdIoiQucdaa.59,.B/3,7.D/iSuina.ndrcgnodi 

Pcdir. 



iSf.B 
^' J17.F 

cicJIanati'oncVtnc 

liancs,&fiiaHiièo 

natodaChrìftoal, 
prigione. 14S.E 

iftoriacicl ftaco,& 

587.E 

) Viaggio per cena 

'.i,ctfuahift.j4o.f 
I-azero.Hifto.Hcl 

ftoria, joj.E 

reputati San ci ili 

67.1) 

■gnodifartas,&: 

oamicoaPorto- 
298.D 
;fce. 

iccoglia. 5f.B 

-ìiftoria. i9f.D 

ano li Negri, & 

118.E 

?ip.E 

itfó.D 

Hfiftoria del filo 
l-.D/}i6,E/Kjj.E 
i. 

cdaHannone. 
snc.iu c/caufa 
hcpelliporeua 

iH.A 
ralequalinian 

116.P 
•almo è mezzo 

a, clic vn falco 

94-A 

li Capo de Co 

179.A 

fefuagradcz- 

ci Medi terra 

J7I.C 

d'Arabia, & 

Ì89.F/181.D 

195.B 

J90.E 

WGìapan»! 

Ji. H7.A 
VU0.F/311.F 
XD/iCnchf. 
ileo buono, 
id regno di 
Pcdir. 



DELLE NAVIGATIONI ET 



Pfd.r.5i8.F/}iiF/359.D/ISuda.,i8.F/nellaGiauamac 

giore<.9 A/nel regno di Cha'.5,-,E/ncllcMolucclie. 

)i9.L/in.Vcndcnao.,75.F/iiella Filippina. „(; A 
Pcpc,&ruacoltiuationc.Hy.C/H9.D/Hiftoria. «.ic 
I>cpc& (up prezzo,in aiicut.3Zi.F/iio.B/nellcMaluc 

che nella Chma. -n 

Pcpclógoin laChina.i8o.C/in Bcgala.515.FAn Mallua 

dtto Luli.568.D/ISumatradato Molag.-,,& Tua Hi- 

Pepecyiacodaloga,dettodaPortoghcfipicmiétadal 
Rabo (ort.ll.mo più I vn'oncia che l'altro in mezza 
l.bbr.T^ e prohi^bito dal Re di Portogallo che fia trat 
to delia cofta di Guinea. , p 

Pepe e la maggior Mercatia ,& più eftimata, che corra 
ncllaEthiop.a.iii.A/x4i.c/apprezzatocomel'Oro 

lOO.li 

Perlcripcfcanoin Colò i63.C/nel'ifolaSaraVani.,(;4 F 
I Ualacc....i84.B/in gra quàtita et ptettilHi^c I Balia 
ren,.Z9,.B/,84.B/i88.D/végonoda/Cataio,etdaalcu 
ne .(ole di S.no magno.. S4.B'.- G.ilftr.iiz,D/i92.F/ 

A r n^i'^-^'"^'n'' ^•'''^'•^'+-'^/"^'l'''^^SoloiC3io. 
A/In Baharc.}z<j.B/in Cochi.ichina.4,6.F'I Cael.L 
C/inMaarazia.;j9.F/in Ormuz & (ha pdbagióe.ic^ 
^/^■^':-^i"!Ì' 'l'^'--^^' ^•\'?'-'''"'M^4 J>/nelIi Chcchii. 
369.D/ncll,(olaainam.}9,.D/ai.B/nclieVciquenr| 
d..z88.B/nón molto tonde nella China. ^zoD 
Per e eòe vou.i,di oche,& voua di Tortole. ja.CAói.a 

^"^'^™"»«f"noapprczzatenell'Etliiopiacóc l'oro. 

PerIecongrand;arrefonoral(icateinCambaia. 197.E 

Perl,a(uad,u,(ioe.&grade2zadella(-uacofta.z7;.E/Hi 

ltona,r.to,& termini (bcondo il Barbofa. u6C 

Per/.an^rodomiti.i95.FyIdolatri.7.C/aftuti<nmi,libe- 
rali,&(uaRcl.gionc. i<6 ¥ 

Perdt,n,iza togliono li Mori nel tc'pio della Mecca, del 
il lacnhcrj & cerimonie quali fanno per purgarfi de 
loro peccati. - A 

Perrtici di diuer/l- fpetie nelI'Ethiopia. Jls b 

Pcrfiche Ci maturanodi Gcnaio in luoghi vicini a Chi 
xunioinEthiopia. ^^.^ 

Perofcdiconogli Indiani alle Turchefi. ,ìì'c 

PerfcolìgliuolodiGioucvccifèMedufaReginadcllè 
Gorgone ni D/ A 

Perpcrij,cittàncllacoftadeIrcgnodiSiam. " 'j?,"b 
Pera,citta nella cofta di Malacca. ,g, 3 

Pcrchoa %nificaSignor de tucti,ct è il nome del Re di 
5iam. P 

Pefce nel lago del re^no di A .nara fimile ad vn GóS. 
molto grande& fungo con tetta horribile fmiile ad 
vn R_ofpo,graflo,&aclicatiiruTio al gufto. zie, B 

Pefcigradirtlmi nell'Oceano Meridionale referiti dai 
Barthema. p 

Pefdvolanti,in tanto numero che paiono ifole. »« A 
Pe(cecomeporco,&fuaHiftoria. ,11 b 

Pdce e magiato da gli alali nel regno di Vldnde. zoc.B 
Pc a (ono maggiori neU'idico.chc nd mediterra.Z7,.e 
Pdc, d. diuerfe fpetie quali fi ritrouano in Africa,et in 
Egitto.9}.C/in CaUcut. ,5,3 £ 

Pcfcc di (ìume Aroti,tenuto in mano da la febrc,lafc,i 
tonlana. L 

ma ai ronnahumana,nd fiumeColchan. V., p 
PefcecauailonclfiumeGambra,&fua:Hiftona..09.G 
Pc(cagioc fitta da Mahuinctco Re di Fefli nel Lago del 



iS 



VIAGGI 

Monte Verde in Afric.^ , y. 

Pefcon,(ìumediMofco«ia.sboccandMarSetten'trio 
Pe(o d'oro, vai vn ducato è mezzo. \lt'n 

Po;tog2.'"°''''^''''^"'^'^''---^''ì'-^^^^^^^^^ 

Pefi,& niifure del Pegn. '^'p 

Pcfte.non è mai nelle Indie. ^^"^p 

Peftilenza non fu mai ndl'ifola di S.Thome , & è ftt ta 

grandilìlinandlelfolediC-ipo verde. ' „ 8 £ 
Pefteregnaneiairo, plaquale vi muiono fpelfo do 

die. mila perione. 8 F 

PefteinBarberiaacc.adeogni.io.ann.MNumidiadòp. 

pò cento anni,ndla terra Negra mai io B 

r H A a o s Ifola in Egitto co/i efetta al tempo di Home 

ro hora e terra ferma congiiìta con Ale&ndria det 
talanon. „ _ 

Phafis (5umc,detto da Moderni falTo. „^a 

Phcnice.vccello,& fua Hiftoria. l/' e 

Phenicia prouincic alle Marine ddla Soria, doue hou 

fono B.irutt,,Saeto & il Suro,d.illa q le traflèro ori- 

gmeCarthagenefi. ^ . 

l- "" ^A f,'^^"\^/'-"f'''"""neIladttidiFe(ra. .cE 

Piazzadel acKtàdiFeznuoua,&fua grandezza.4z D 
Piazza della otta di Tauris in Perfia. ,/ n 

PianetiadoratidalliCanarij. A'r» 

Pianto de Morti,nclladtti di FdTa. ,l'r 

P.atoddVenerdiSato,o(reruatodagliAbilIini.Z4oE 

Piataaltaquatovn'huomoinCalicut,produccilfrut 
to detto Melapolanda & fua Hiftoria. ,TÌ 

P.aneneportatedagétiihuominidiFe(ra,&fuaHifto. 

Picis moneta ddla China. , p 

Piccmacoli terra n5 ancora (coperta qual fecódo l'opi 
nione d alcuni,fi cogiunge con la banda di Leuat?. 
P.V i'?7',?^?°T''°"^'^°^=^^^lBrefil. Z80.G 
P|co,Ifola Ddos Azores,& f„o fito. 57o.F/,7 F 

SSor'a^^^^^^^ ^""^^^^^^ 
Pietra contraveneni,& fua Hiftoria. '^oj? 

PietjadetcaTambarme,adoratadaGe'tilidiNar(Inga. 

Pietre che tagli-ano,come il ferro. ,„ R/izz A 

Pictra,tenutadavnSignoreMaumettano,laq;alee(3 
do poftandl acqua,ò tenuta in bocca,prcftafubito 
rimedio ad ogni veneno, 170 D 

Pietranera,ctfottiledcllaqualefifanno tauolcin Afri 

Pietra ro/Ta dttà neIl>Africa,edificata da Romani.ij.G 
Pietro Aluarez g.ofccon l'Armata a Calicuc & fmÓtò 
in terra per h.iuer parlamento col Re, & de gli inco 
uenienti quali fucceifero. iz' F/m A 

Pietro Nauarro condottieri dell'armau Portoghefeal 
1 imprefad'Arzila 48.A/prefcetfacchcgBÌòtìuecia 
63E/v.ttoriofoall'impfadiTripolideBarberia:7lB 
all.mprefad'Elmaghdiaconftrettopartirficódan- 

PierrodiCouilanambafciatorcdi Portogallo al ftcte 

Iani,primochefcoperfclacoftadiCalicut,&ditut 
te quelle marine.i7tf.E/Hiftoria dd viaggio che ci 
Viaggi.vol.i'. e ij fece 



ìit 





INDICE DEL P 



'il. 



Pietro Anronu,,&Giou.-,nmar/aMiIandIfkcuaS 

P;«reci;(ilchu-|cc6ccr,-ftal|o.&altrcdicoIorcvcr^ 
miglio in Onmiz. V n 

& del „u; e nel Regno di l'ali„,botra. ,76 B 

Pierre m Africa incognirc- in Italia. ^ r 

P'etrcd'alt.uc/ònoconsrariuercnzaportateHaa.nr 
troPrctidfctrolacortedelRePrctcIan" xx\d 

^' me/Te "^' ''''i'^'°"° "'^°"' "«^^ «"'"for'O «li SegcI 

Pietre fettcr bucchi fiuti nella facciagrolTe mczzo^ptu 

mo portate da ipopoli (coperti dal Vefpucci if, A 

dalI.fcopcrtidal'K-troAluarez. ^ jA f 

P.eccdifanThonunaro,&ruaf-onnan,iracolofàmétt 
latta in Coromandcl. p 

r/ede d'vn ElcfHn te donato da mclTèr Al,, rin. A ' j 

Moft^oallaDi,chenàciiBo.;"^^.^:^S^^^^^^ 

P. o n di dnc forti nauicano nel mar Rofli. ,80 F 

Pilo to condotto d.^le Carounne con bolToloAcn^^a 

danpuigareperfarv/ag^iodaterra. ' 'Td 

Pines frutti dolci molto gentili ' n 

Pioggi-ediEthiopia/ono caufa di crefdme'to del Nilo 
Pioggie&ddnuijgr.indiinmiquadofifaccianoneirc. 

Picg|ia,cfanprctraTropicUoueilSoleèperpcndf 

Pioegiacoincfiingeneri.cVcóefiraccianopioggfe^to 
clie,mediocri,&grandillimc. ^ "gg'^ Po 

P.ogg;acadeognigiornonelmezzodlmcfed.-LuJiL 
inimttjt:o(JttobrenelpadèdiGambr.t. ,óf C 

Piogpo denotacareftia,&abbódazandrAfri aoE 

Pipdìrd , gradi come Aquile.J5S.B/nel monte mÌ^ 

grandi come colombi. '"^ stiate, 

Pi-perisprimoSoldanodeMammalucchi. S^.A%,F 
Pirale,iiole,fecondoArriano. s p 

PiramidediMcphi.,/cpulturedeliiRcd-Ecitto 88 A 
Pmavd,rafo„ared3liipopolidiSenega,ft^^^^^^^^^ 
re \ no animale Vi 110. „ 

Pi-rtoriboniiCmi,<jualidipingonofigt,r.,ctognidt;a 
■ '•"nCal.cnt.ui.A/inCambaia. ^ '„ n 

gnateda]hRed£guto,perlanauigationedcl golfo 
Arabico.|7i.Qviaegioall7ndiaot^entale/no£ro' 

Piata fiumegrofiinmo,&: larghiamo nella terra";!;? 
M, nauigato allmlu , p céro leghe da Sebaftiano 

FODARGofinmenellacodidiPerfia. Htu 

Poducaportocclcbre/eccndoArriano. ffip 

Podagra.infermita rara negli Africani. ,0 g 

* .Tivrof^rlaiua ancicniuiuciaiiiia^iccilli 



RIMO VOLVME 

mi huomini riputata la prima philofophìj,? td* ài 

la pre ero tutti i loro principi,.^ *^ "^ , * '' 

Po^idilinguavolgarenellacitudiFeira. "'a 

^iClnif'^''^^'"-^''?"''^^'"^^-^^»^ 

Polibio Hiftorico,fcorfe la corta d'Ethiopia (bora fo^ 

infettano 1 huomeni,& (uà Hiitotia. uoJìku P 
Polucrc p con(erua. li corpi morti nel tépio^ldS^c 

Polo'iibla nel Arcipelago <Ii fan Lazero. //g 3 

co mirabile edificio. „ U: 

melE'°'°''''"'""'"'^"'A^""P«P^^-'-'S 

^Tn!;e1ta""''«''"'■'•■S"°^''^«-^°'^'^gSec^i£- 

Ponticam,cixtà ndla corta dd Regno di Siam z!! B 
Ponaram, f^umc ndla co(}a di NaSg '"'• '^A 

eie col labbro forato da baHo,et in óllovn chiodo.ù 
pietraverde,òazurra,etfubianopJcttibucd,iu" 
^at^ '^"^""''■^ VefpuJci.,„.A/rdat;"nc 

ra con vna guaina di legno. ,,,n 

PoDoli di RcgnodeMdlifurno Ji primide Ncg ,• ila 
legge di Macometto. ^ ^ ,s r 

Popoh-delRegnodiBorno,nontengonofedcalcuna. 
& non (I pongono proprio nomef goA 

£fdirri-;f'^'^-^"°'^^'^^ 

Popoli quali il giorno nò veggono molto Arria.z8^b 
Poponi non fono ndl'Ethìopia. \Zp 

Poppe fino alla citura riputate bdla cofa nd Regno ;if 

PorT^'rr'J''?;'°^-^^'^r'^°"^-'<'^S''Azanagi.^iolF 

Po toghefiddl'armata di Pietrod'AluarezICalicutaf 
i.dtatìdaMori,&maItratMt; x- ArT Z''"'^'" 
innrrr. ,,rr, v ''^^'"''' «^ Ari(corc-a fattore 

molto. 2^.C/cento&.46.mortidaSoliman Baili. 
i79.D/mortiinDalaccia..8f.D/conftrettila(ciaredi 

47.ULap,dat. nd Rc-no d'Angore. i,^ d 

Portoghefi v^loro(I,& fi;?di,rimi 1 ruttele^ttiói IthA 
ciodllorRe.57,-.c/Signorind|-OceaoSinomagno 
Gagct.co,Arabico,&nd|-Arlatico,&moltotcS 
daMon.,7pC/375.A.B/SignoridiAzaamurdtS 

Portoghefi hanoprohibico Ja nauigatione ddlacofU 
d tei. ,opa,& (opra il tutto oltra^fl cajH, BuonalJ: 
lazaadintta linea verfo il polo Antartico. 114 B 

«Uafratcrraperlifiiunincli-Echi-opij». '^ ,Ìb 
* Porco 



phjlorophlj,ctdAqI 

Il Feda. jy /\ 

•ni dalli/ fatte in /pi 

iSi.E 
Ethiopìafòpral'O- 
inotialcperdchdc- 

I.X.D 
icdetti.col /guardo 
3ria. }io.«/„,.E 
icltcpio della Mcc 

1(1. E 
.ero. },-8.B 

cere nel Cairo.Sf.F 
fi/l,vicinoiMiro 
89.D 
:àperpa/nucilhu 

:Jo la legge di Ma- 

,-c- ^^-^ 

uliSiam. )9i.B 

p- joo.A 

ila veri cadi Nico 

, Hf-A 

idivirmatidit'rcc 

lillovn chiodo.ò 

detti bucclii.iii. 

i.i^i.A/relationc 

in.D 
loprono la natii 

141.D 
ini de Negri alla 

78.B 
)no fede alcuna, 

80.A 
>lclocuflc.f)4.F 
giano huomiai 

2»7.C 

■OMagno.i7i.F 

iji.B 

toArria.z85.D 

. , ^H.E 
a nel Regno di 
zanagi. loj.F 
■t'zICalicut,af 
i/corea fattore 
>liman Ba/Ià. 
ettila/ciaredi 
Jira,in Africa. 
U6.D 
e'attióiàbtiiì 
) Sino magno 
molto temuti 
amur cittì ili 
àrafrica.ii.B 
:'ta città.48id 
le della corta 
o Buona Spc 
tico. 114.B 
nni,degliap 
zii.B 
:ic,(juaiil f^ 
itó.B 
Porto 



. '°p:p;'£;^°''"'^«^«'--«."^«"'-i'/i.oi 

^ J""«'fAlc./rindlnneIlacoftadet;liArabi. {!;ln 

1 orto dCalicut none liiiono. '^ ' '« 

Portodl lanatiuit:,,ndlanouaSpagna,etfuofiro,7 e 
IWto nel Mar rollo del Soldano5cka;ro £S^^ 

cano c/pet.cchcco„duconodaCaiicut. m A 

Porti della città di A lefTindria. o '^ 

Pom,^colónadi.„irab.Icediricio,nclMardcll-aru;^ 
'^Ama:S:t;^'P°^-'^'-«-delrcgnodi 
Porpora cccclIctilllma,cauatadalleOftrictmu^^^^^^ 

Porca dtti^'ofta tra il Regno di Cochin , & di Couia% 

Porci ingraifanooltramodo&fannoIacarnc&nTin 
■"•^>JmHoglipcrcibocan„edezuccher Tc 

lorcaiilola Vicina a Caiicur. ,> 7 

Pou moneta* Bcngala,6c Tuo valore. , ,'3 

Pozzo .1, .u-q i,a falmalba nel Tempio deila Mecca coi, 

uarpuii:»atidailoropeccnti "■ *; . _ 

Pozzodcir.ur,biadd-cru,fccòd;iiMcri fatto da&Mnr 
coLua^,clift.-^,,ermiracolodiDio. ""^'^^f^^^ 

elle un ila vn gran theloro. rn 

Pozon,ilòla nell'Arcipelago di San Lazaro sa 

V R A s s o IVomótorio/econdo la graduationcdi t'^ 

lomeoraa|,beMonzambique/bof.to. i D 

Prafij popoli htbitatinellaRegióedi Pah-botranrR 
Prao legno fitto come ^■ jfta ^""otra.iytf.B 

per qual cagione. "'«i anno. Le 

Prctelanni, & mododel ruocaualcare.cerimonie'^ & 
Pf«.Tarationefattegi,nelviaggio. '"'""•'"'*='& 

'^i=;^:fS:s!s^^'--"^^^=^-i.^ 

Prezzo clellbro nel regno di Tombntto. ^'Ì'? 

Prezzo del falcinTombutto. '?;S 

Prezzo di diuerfe forte di iÌK-t ierie in Calicnr u 

PrcfentedelRcdiPortoiall^en2'n::..C? 

PrcfentedclRcdiPortogaJloalRcdiCalicut preséta 



DELLE NAV/GATIONI ET VIAGGI 



tt noia al Rf di Lochino. ,_ ri 

PrcJentidonati<lalPrctcIanniall'Ambafciator,&có. 
pagni rortoglufi. i,-,r,7 U 

Prdc..ncm.idatudalPreteIa„niaDiegoLop^^^^^^^^^ 
raCap.uno maggior dell'Indie. ^ * ' p 

Pielc.ntc^iemeddZi^;,it..,SoIiminnafra.x^5,.A/;7.D 

PrdacdelRediPcT/i.v.lSignorAlf6fo d'Alburq cr 

Incli^, *""" '"•''KS'"r'-<<'--ll'armataPortoghefè in 

PrefJ.nte"delSignorrdiTenfi,aalRediFera. f^D 

Irir^ape Iiolalontanacento& vintimieliadallabdda 

• 'l'CcheriAperchccofi detta. ,,g n 

Prigioni dclli Rei,nella corte del Prete Ianni,& fi,a Hi 

iLi}riu« — _ 

Profèticb.ìnogliAbilIInidcllavenutadeChriftkn^d 

Prokt,cd.SaI-,catoro,&.'iàntoSinodaEremitad-Lt 
• toq,.ale,hannoi;liAbill5ni. ..^i^ 

Profivmo^odorifero,&del:cacovrato nell^Afrìca c'oh 

f^og<.nieappre/rog^iantichierailnume^0<iidn2iS 
Proclida Regioncfecondo Arriano. • •■ ' ' '^Sìc ■ 

naftDipreio origine. '. p 

ProuerbioinAfh-catura'valétecomel;L«,.idlA°ìa 
^ ali. quali ivitdii mangiano la coda. 5^2 

PromiKia de chri/liani,ndli confini del mar Cal^S. 

Protdto fitto da Poitoghcfi,a Caftigliani,dlla nauiw 
tionealleMolucche. " "auiga 

P s A,linguaggio v/«o in Ormnz. ^Tl'.t 

Puchou,drogamcrcahtilepcrMalacca,anoiTcoil!7rf 
t£l?;f"^"''^'"°Sondprin:ipioid^^^^^ 

Pudecheira, terra nella corta di Bifina-.. ,Ì"p 

Pudepatana,porto nel regno di Calie:- r. uift 

Pnd, ietania,citti c]i Bifinagar vicina al n: - ,. •. H'I 

P»glicfi,dominatorindl'Africa. ^f^ 

S;Ìp ' ;,"'' "''' ^'"^^°''""° ^''°'^ Hiftoria de 

Pulcrgentilid} Calicutfiiggitlcome fcomunic/ri!'& 
■_maledctti,c\'fuaHirtoria! ,!l a 

'"SnES'"'"'"^'" Airica.H.I7z7.C«I/;; 

Pulici,nónafcononeherrItoriodiSegclmc(rc; "Jf 
Viagsi.vol.i'. e' iij Puicc 





INDICE DEL 



i 



86.A 
)90.E 
370.D 
}i9.D 
jii.E 
J89.E 



QVAT1 



Pu icc.al q ualo fu fatto vna catcnn nel Cairo 
PuJuro.tcrra nella torta d Orix.i. 
PunLulcLupiM.il, !!;,&: (in, (ito. 
Punta ai R.im.i,porto di! Rt-no ili Occam. 
Purpuiangari.dtt.incllacoUaaiCalicut. 
Più l'paum, terra »li C.inanor. 
Purccragua,ToMti),lua Hiftoria & valore. ^^^ v. 
IurgatorioLrc-duto,Cj£ da RrJigioli pralicato nd Già 

Puz.j,tciraaciRc};no(rUrmuz. ^' Z)i.B 

PYRaHo montc.lccondo Amano. 187^0 

■ T A s,fàmif»li.i Regia di Feda. 54.8 

ud Califà Signore di Dainafto, & JUe iprc 

le ch'ci fece in Africa vcrfo Ponente. r.9.C 

.yuadragefimadagliAblllinioircruatacongrandilll- 
inca/h'ncnzc,& digiuni. »„ e 

Qa.iiWhabid,ciocriucdeScrui nc!l'Afrìca.nan:c nel- 
l'Atlante, g j^ 

QuedM, terra di Porto, nel Regno dì Siam , & de- fiioi 
• '"'*^'hi. j,^_0 

Qua smontcaltiilìmo neirAfrica,habitato«iaEt'tc 
valorof.i. • JP n 

Que.terradelRegnoa-Ormuz. 1,% 

Queji, terra del Regno d'Ormuz. i/. g 

Quelmain.città nella corta di Cambaia. }89."c 

•Querix.dicono gli Indiani di Malacca, vna dagalauo 
. rata nel manico di richi(nmaTarfia,& d'oro'. «8.B 
Ciyeximi.ifola nella bocca del golfo Pcrfico. 195.H 
*^aoa. Regno,& città nella corta d'Ethiopia tributa'- 

xio»Portogallo.ijf.A/fuofito,&hiftoriadlfuoRc 
■' roercantic,& popoli. }87.E/i89.C/i34.C/ii(i.E 
«4ttuJUI,^uincÌ3 maritima della China,& tuo fiw/cf 

condoGioandcBarros. ,ai,C 

Quinfai , città nel Cataio di trenta mfgL'adi circuito, 

molto pu^>olnta. j^q.^ 

QuilnMnHÌJunvj,celcbi;e,nella corta d'Etiopia .JS7. A 
Qninigenilam.zaphiri di Zcilam,ofcun di colore, & 

hio prezzo. , , „i_b 

Quilacare,prou{ncJadclRegnediConlam. ji^F 
Quuro,i(ola nella bocca del golfo Per/ìco. 19J.B 
Quixi.ilbla nella bocca del mar di Pcrfia. 1513.3 



PRIMO VOLVME 

lonna. p 

K, ..'ione dell'inftitutfonedelli facrivertimcnti.dpo 



RA B I e n,frutto d'alberi fpinofi in Africa. i9,E 
Rabatto, cittàiAfricapolafòpra l'Oceano, & 
fuoi edificatori. ^g p 

1^a.hat città in Africa,nel principio del Regno di Fedi. 

89.E "■ 

Raben, luogonclln corta d'Arabia deferta. jgo.B 
Rachollima tcrradel Regno d'Ormuz., uji.V 

Racha,città in india porta fopra il fiume Racha. ijjiÌf 
Radia fiume ncirindia. ..pp 

Rechufi, popoli fecondo Arriano. 186 jc 

Racjjce del Gcngcuo,& fua coltiuatione. lój .B/ Hirtò- 

Radice delli Mirabolani,& fua coltiuatione. ì6i.C 

Radice dcll'Ignamc , ouer Batata, coltiiiationc/pctie, 

8c come fi conofcano ij uando ibno mature, 117. A 

Radice odorifera vfata nell'Africa, per delicato nrofii- 

mo nafce nelle riuedcll'Oceano vcrfo ponéte.9f.D 

Radice vencnofirtima T Africa, vetli Addad herba s)f.E 

^f^'cc nel mote Atlantc,detta SurnaB,mirabde in far 

, itar ritto li mébro aU'huomo , & di fucrginare vna • 



'^'i II Prete lannula Dan FrancelloAluarcz. h/a 
Ragionamento co di(a,ii, notabili lòpra vari, vurd 
per liuua i 1. potrebbonc. condur le /pet.\uie.j7% 

Rau.SultaMatuor,RcdiTidore,etii.aHiftoria. 6 .1) 
RaiaS,npada,Reai Bum. if,,., H;rtona. 6x R 

R.i.aAbuleÌ5,RcdiTere„ate,i^li,aH.rtori.i.. dù- 

RaiLdmon Turco, Generale dcllarnuta del Soldano 

contraPortogheii. ,g p 

Ram.'.ik: fue miiure in Afri. io.C/7i.F/ncll'i/bla Giana 
i68.U/inttliiopia. j^ 

Rami di finguLuiilimo artificio fono lauoniti . I Scbta 
citta d'Africa. ' g^ 

R.imana,citta principale dei Rt;gno d'Orix.i. .90" F 
Ramarruoncfue colle. Ij^ "^ 

RahoMa,monte in Afric.i,& fuo fito. l'à 

RaPtohumenellacortadEthiupia,&fuaorieinc;& 

iito fecondo in Moderni,^ Tolomeo. «7 A 

Rape,non fono ncllEthiopia. Z'? 

Rafén.i,RediNarling.i. "J^'^ 

Rafia,valorofocapitàodiIdri«,dominatoredellaMui 
ritama. ., 

Rafid & da noi Roffctto città in Egitto, porta fopri il 
JNilo,is; fuo edificatore. j.^ 1; 

Raii fi fanno nella China. ^^^ '^ 

Raucna città d'Italia ,douc anticamere edificata li-V E 
Rmiel terra mercantile de Mori , nella corta di Càbala 
V 157-F 

Raucl fiumcnclla corta di Cambaia. tc,7 F 

R E A M E citta nell'Arabia felice nella quale viuotio 

ciiliuomini prò .erofi cento &.if.anni. ,f« g 

Rcbu tt-$,popoli ne cófini ridia Perfia,& fua Hifloria. 

jitf.F 

Rebuti Gentili antidii Guzzant,et fua Hiftoria.i9c.C 
Rechcda citta in Soria , & fuo edificatore. 69 D 

Re.5 c]u.ililu loreggiarono tutto il Mòdo. 4f.B/48"c 
Recfiriitiani potentiifimi neconfini de Rumi i6c C 
Red. Calicnt,et fua Hirtori.uz4.B/come feruito à me 
fa altamcte,& ddle cerimonie vf,ìtcda lui nel bene 
re. ,^ 

RediNarhngaS.gnorepotentilllmondl'lndia molto 

amicoaIRetliPortogallo.n-9.C/6.»nmcrodlJefue 

mogIie,qualcviiiendlafu3raorrc,tutte fi abbrucia 
no. 1^ 

RcdiAddertimato fantotraliMori,perfarc corintia 
guerra alliCluiftiani A biffini. i4i.C/fugL'ì del Re 
. gnofcacciato dal Prete Ianni. 1^,,^ 

Rt-cli Senega,fua creinone , come n man tcncliino'ii 1 
ft^nto loro cortuhii,moglieri,& entrata. " loi C 
Ke di Cambaia n utrito di Tollico, & fua Hirtoria,relè 
r.tadalBanhcma. 117.D/317.D/Ì96.C 

Ke ncll Africa,non fono fitti per dlettione,ncchiama 
T> ''*^^'n'^/'!'^"noalKegno. ^^^ 

Redi Fcrtahabi tata quafi tutto l'anno alla campagna. 

Rcdi'Tombiitto.èinimiofllmo alli Giudei ne pmet- 
te che h.ibitino nella fua citta. 78 C 

Re di Tunis tributario à Marocco , liberato.fi fa chia- 
mare Re di Africa. ^^p 

R ! t r^ì ''T"' ■'*'' ^i'^"" ''' Telcnfin. jg.À 

-.e:.:, r.r„;n rcacciàtodaMori,riuidIòIiiatoda Por 

Re 



ivellimcnti.dpo 
oAiuarez. jif.A 
òpr.» van'i viaggi, 
le '|'<'tiaric.j7f.C 
iiaHiftoria.56f.D 
"1,1. jrtr.B 

Hiftoria,. ^dj.h' 
iUU tlcj Soldano 
iSf.F 
F/nell'iTolaGiaua 

M4.I:) 

laiiorati.Iiicbca 
48.E 

l'Orixa. J90.F 
i)o.A 
49. A 

'f Tua origine, & 

ii^^o- 587. A 

30;. A 
latorcHellaMui 

o, pofta fopri il 
Si.E 

'CfiilìcaM. i!<i.E 
corta di Càbaia. 

197.F 
i quale viuono 
inni. ifj.B 

Sfiua Hiitoria. 

I-liftorLT.i95.C 
rf. 69.D 

^Ho. 4f.B/48.C 
i.-Riimi. 165.C 
lefcruitoà me 
eia lui nel hcuc 

no.D 
cll'lndia molto 
limerò (ili* (ile 
ittc il abbrucia 

U6.B 
:rfirc cótinua 
/t'uggì del Rc- 

14?. A 
iuengluno in 
ra. loi.C 

a Hiftoria,rciè 
V^iy.D/ ic/ir 
inc,nechiaina 

4X.D 
la campagna. 

fiei ne pmet- 
78.C 

ato.fifachia- 
66.f 

n. fS.A 

litatoda Por 

Re 



DELLE NAVIGATIONI ET VlAG 



Redi Q!iiIoa,& Monibai,2a,fcacciatida rortodiffi. 
iSp.Fi ** 

RedfirirolaFclicediIiboIo,r(rcndopfruenutoagli 
anni.ifo.volontariamcntf ptr non contrariare alìa 
■ W"'" pr'"» 'l' vita, ,^_^ p 

RfginadiAdcm innamorata di Lodoiiico Barthcma. 
M5.E 

'^*l;"",r".'^" ^" '"" ^'"■'" '^ ^•*"*"* »"a oboliéra del 
Redi Sia,Hcl quale mangiano arroilirii corpi mor 
tipcrd.irgli lionorataièpoltura. J17.E 

Regno del l'rcte Ianni , &: (uà Hi lloria, fecondo il Bar- 
boi.i.i' o.E 

Regno del Prete Ianni fi eftende lino nel Rrcno i\i Tu 

„ "''• 119.C 

Regno «ouernato dalle Amazonr,& Tua FMorii &i 

'""• X40.D 

Regni,& terre,qu.ilicontìn,ino col Prete Ianni.i4o.B 

Regnidi tctrideNegri. _i\ 

Rcgoladiftnto AntonioFiemita,coireriiatada tutti 

i frati d'Ethiopia. j . «j p 

Regola di Suuacli ofTeruata da Romani lAfrici qu.iìi 

habitano ne bofchi,& luoglii fòlitarij, 6c non viuo 

nofenondihcrbe&irutti/àluatichi. 4i,A 

Regraga popolo in Africa, habita nel mòte Gebeleiìia 

*^'"- if.C 

Regione di Marocco.fuo fito, termini, Se fertilità.ió.E 

Rlupte.vltiino luogod'Azania,lecódo Atriano.i84.c 

Rhada,città nella Arabia felice i^^.c 

Rha fiume gì ofiirimo.hora d lo Herdi. :. Volga,sb"oc 

ca nel mare Caipio. ,,j_f 

Reiner.cittànellacoftadiC- -nb ij. »;.>C/}i7.B 

Rei ventimila tenuti in fcrria; V'^-hamir iridano del 

l'Arabia ftlirt%per non dargli .i.v.c. KfC 

Religioil Oliato (ono ri(pettai-ì daijii Africai.ii.F/ój.C 

Rcligiofì <\ì tre l'orti nel Giapan,Iùro habiii.religione. 



C I 



tS 



„ f'^'f-'- ^78.P/linoal.)T9.F 

Religione di Monache nel Giapa & fiuHiftoria.rS.c 
Religione quattro quali fi ritrouano nel Cairo,& per 
tutto l'Egitto. 86_B 

Relatione di Iona Gacta,pilotto Caftigliano, del difco 
priinentodell'ifoleMoluccbeper via dcU'IndicOc 
cidcntali. 57(.D 

Remi pi r vogare , & fua forma vfati nel Regno di Ca- 
bra. jQg £ 

Remedio Urano vfato per bere in Libia, nel mancame 

to di acqua. _ jj 

Rethorica Araba. j.'q 

Rethl,vocabuloAfricaiio,figi .(Ica libbra di oncie.18. 

vfàra in Sus regioned'/\ li ici. ,, p 

Rctcl,contado neirAfric.i,nel confinedi Matgara.75.e 
Rcticortcccie fottilidi palme Ionghe.ifo.pa(I.T,v(àtc 

per pigliar pefcr dalli popoli Icluhyophagi. 171.0 
Reubarbaro,nella China,ct nel Cat,uo.i94. A/jio.D/j 

Klalabar. iio.F/jij.E/in Capaa,al| fua Hiftoria.56!j.B 
Rcubarbaro, nel Corafàm,in grandiinma quantità è 

appreziato fci libbre al ducato.fecondo il pefo no- 

^^°' 156.D 

Rcubarbaro, fuo prezzo in Malabar. jij.e 

Reuoler gentili inCalicut, viuono nebofchi,& porta 

no le lcgneallacjttà,& fua Hiftoria. j,o A 

ft I BE R A grande citriì nobile, «Cabondante di mo! 

te (orti di (r utti.pofta ncU'ifoIa San Giacobo di Ca 

poVerdt. „j.C 



Ricchezza degli Arabf.con/iac pel numero de Carnei 

f h 

R.Jriuicra nell'Aftic:, fuo pr;cipio,etfi,oi tei Énim-.'i.c 

Rita citta n< 'l'Egitto. j.j) p 

R iga fiùe,fcorrc il paefe di Lifionìa, Se ibccca nel Ger 

«nanito. g 

Rimondo.iellaTorregen(,!huomoVeron<ic,molfo 
intdigcnte della Colina, .,., pi,;.,, „^ j. 

Rimwlio qual danno à gì. aniuialati di doi-lia di c.irò 
«di petto ncllaEtluopi.1. ^ ^J^g 

Rimcdegli Arabi di Nuinidia,non fono di/Tevéti dal 
le volgare Italiane. gp 

Rinocerote animale , guerreggia co l'Elet.intc , & fua 
Hiftoria. ^^gg 

Riodi Barbacini.fcopcrtodamefTer Aluiic •' cada 
Molto. ,^^p 



1 



Rio gr.ade nella Ethiopia, nclqua'jfirltruoiianoCÒ- 
codrilli,&caualli marini,dcf 
cglifiailNiger. 



Tel quale è opinione che 

Kio dello? Camerones,& fuo fito i , j.p 

Rifo,fuaroltiuatione,&:fpecienellaprouinciadiBat- 

vr'r- ,. Joo.C/ip.a 

Kifo Uiacoitiiutionc inCalicut. igi.A 

Rilo negro di Màgalor è migliore, & più fano del b'il 

Rilo come (t cuoca da Indiani. ^g^ Q 

Rifpofta data a n Moro,à AmlralFcn Capitao del Sol 
p.*^"""- , 1PI.D 

Kiuerenza, con miai cerimonie fi faccia alla prefcnza 
del Signor Budomel, ,(V.yv 

Riuerenza,qualeportanogli AbiiUnialle loro chicfc. 

199.8/1^4.8 
-i o B E L Signore di Salgala prouincia tributaria al Re 
gnodiTigrcmahfin ^Q^p 

Rochol,città delle pricipali pofte fra terra , del Regno 
di Decani. ^o e 

Rodrigo di Lima col nome delli cÓpagni mandati dal 
Redi Portogalloairimperaioredcll'Ethiopia.i90.E 
Rocca partid.i,iiòla nel mar del Sur,& fuo fito. J75.E 
Rocca del Soldano del Cairo pofta fopra il monte Mo 
chattan,niirabilcedificio,& fua Hiftoria. 8<.D 
Rocca diCaphfa città nel!' Africa.eiiificio de Romani. 
76.B 

Rocas,fortezza del Regno d'Ormuz. icyi.F 

Ruote di. icciaciOjdettcCcrheranv arme p gettare co 

tra nimici.vfate in Dely,&: fua (fefcrittione. joj.E 
Roderigo Re de Gotti, rotto in Granata dall'elTcrcito 

di Qualid Califadomin.Ttor di Damafco.(Js>.C/cóe 

morto & fcacciato di Scbta città in Africa. 48.F 
Ruffi.-.ni.ouer Tabacchi'n permeiri nella città dì FclTa. 

jtf.E 

Rogonc,torrente nella coftadiPerfia. • 17. £ 

Rogna Regna nell'ilòla ili San Thomc, & fua medici- 
na vfata dalli Negri. „gD 

Romiti in Africa,quaH viuono di frutti d'alberi , Sedi 
acqua. 

Romito di gran fima netrAfrica,qual habìta nd con- 
tado della città di Barrha. (jo.E 

Romiti della Ietta di M.-icometto, quali non predono 
moglie,& elTf rcitano la Sodomia. 40.E 

Dntvxi^.-'. •'.'jl': -'~ n_.. 111-/*!.. • - !• -* - 

— „jji,.. .^, . ,i,a „i , On.uj^.uiu loLifaris, ce atta alia còte 

plationedegliftudij. g^g 

Roflb fiuc largo in bocca miglia tre,nclla coftadi Ser- 

Viaggi.vol.i'. e iiij raLco» 







i:-;;!; 




ili 



INDICE DE 

raLcona.fcopcrta da Picelo di Sin tra. ui A 

Roicttodtf.i,vali Rahil. g^V 

Rofhni.oucr corone tÓ.i8o.rc-gn;,&: libretti vfatl nd 
Oiapan per dire lorationi. ,-q y 

Ro/c biidie,rofl:-,& gialle d'ogni ftagione fi ritnioua 
noinCalicut. j^ .■ 

Ròjc bianche, & roilcin Dama/lo molto conicndatc- 

dal H.irtlicma. j j^r 

Rofc (ètche Cono molto appzzate dagli Abi/Hni. «tc.H 

Kotorn, terra del Regno di Coiilani, ^^ p 



l PRIMO VOLVME 

R ubini.di coii vino colore che .•alllmigliano a vna fii 
ma di fuoco,tcnuti dal Re Paieacate. 1S2.A 



Romani edificatori In Africa delle infra 
IcritteCità. 



Arzilla. 

Anfi. 

Bona. 

Brelch. 

Bcgcia. 

Casba. 

Capes, 

Caph/i. 

Dciifen. 

Eraclio, 

Elhrtmma. 

Ciualili. 

Lepcdc, 

Mela. 

Mcrgo, 

Menila. 

Mrliana. 

Maziina. 

Monaftcr. 

Maghilla. 

Necaiis. 

Ned Roma. 



47.E 
17.F 
«f.A 
61.C 
tff.F 

ee.A 
69.F 

7^. A 
75.F 

<;8.D 
6^9.? 
4T.n 

70. D 

<;4.F 

47. A 
oj.F 
Ci.U 
fTi.F 
68.E 

45.C 

(54.A 
J8.E 



Napoli. 68.C 

Ncfta. 7 5. E 

Pietra roflà. 4y.C 

Palazzo di Faraonc.4f.B 



Pefchara. 

Scbto. 

Suicad). 

Scia. 

Sella. 

Stcfc. 

Sufi. 

Srgchneilè. 

Serièr. 

Scrtc. 

Tancia. 

Tcgdcmt. 

Tcmdfuft. 

Tebefla. 

Tobulba. 
Tripoli vecchia. 
Tcuiàr. 
Vrbs. 



7f.i:> 

48.D 
d4.B 
»9.B 
19 ¥ 
6ì.¥ 
6S.D 

74.A 
61.D 
77.B 

48.C 

61.D 
<^i.E 

<rf.C 
tfS.l- 

70.D 
76.A 

<ry.E 



Romani.edificatori in Africa di molte città,& cartella 
delle quali non fi fa il nome. y,,^ 

Romai. i editìcotori 1 Egitto di Anthius città.3i.F/TÌic 
beCittà.S^.A/DeroteCittà. ;?, q 

Romani.deftruttori delle memori- Africane 8 A 

Rom.ini,(m oue pcnctralilro nelli regni di Rarbaria. 
U3.C 

Romani fpédeuano ogni anno più di ceto millioni d'o 

ro.rxilecofe d'India. ,^ p 

iloniana Orque.forella di Dauid Prete Ianni. 107 E 

R VBDi Ada Trgere,nafce nell'Arabia felice. Kr.D/vie 
ne di Perfia in India. iSS 1) 

Rnbani,gran noutori iii Pilotti nel mar rolU). iSo F 
Kiieni.i , iiume nella terra di BcnomataP,i,& fi:oi ter- 
mini. ' .- 

Rubini nafcono r vna Mótagna in Zeiiam. i6?.e/i79.F 
i84.B/-,.>C/i Aiia.cV Cipellam più accefi di colore. 

ji4.B/iH.I)/Hf.E/5i7.A.C/Hilloria,etv.ilot ui.C 
D/nclPegu. noFl A 

Rubini ipinelle . Itti da Indiani Caraputh i-ia Ì-£ia 
&. valore. p 

Rubinp.fif zaffiro.infieme in Zeiiam. Ijl Q 

Rubini detti da Indiani Maneca nò perfetti come ?.ic 

wnano nel fiiocoA fuo valore. ». b 

Rubini.comcs'accóciano -on fuoco. per caricarci [u 



SA n A e A T , vocabolo Africano fignifica quan - 
tonell,uin'),fnV.itria's. .„ ^ 

iab.. n ,gi„a ,•„ Ethiopi.,,c\: i[,a Miftori.i. icj.C/xkc 
S.ib.i,i, tu fecondo Arri.ino. ,0^ r 

.Sab,.callellonell'Ar,.l,i.,.P],-n,-„. "fi; 

S..U,, monti grandinimi pofti Ma finiftrap.utc del 
ItretroPeriico.iecondoAni.mo. " 18, ■ U 

iabai, .città nel Regno Ai Tigren.ahó dalla quale nre- 
fc 11 nome la Regina SiIm. ^óf A 

Sabavo,dignitaprmu.,pprel]ò il ae<li Decam. niv 
Sabayc, valorofo caualiero,Si^nol■e di Goa. L H 
Sakilettegran fiume, pollo nel confinedel Regnò di 
T.gmnabon,cS; Angore. %.,) 

S.ibj-1 Marga,p,anura nell'A frica,cV fuoi termini. yó.I) 
Sabbatlia citta Regia,(econd(> Arriano. zS; A 

S..mhaofanoliMorinellaMcccaalliPatnarchi.Abra 
nam,ò>: l(.iac. ,, 

S.iLTÌfido ftdella perfonafuailRediQuil.ic.ue,'.-lKl,- 
Idoi.,poicheha Regnato dodici annT, &:conqu.d 
cerimonie. ' p 

Sacrilìcij volótariamt te fitti di il- ftelll in Cambai.'.,\' 
con quaicrudel modo. ,p 

Sacrificio al diauoIo,có qual cerimoinie fia fitto ifiRra 
mmiinCalicut. ^^^ , 

&icrifici, futid.ilndiani.il DiauoloICalicutalli.ìtdi 
Uec-ebre.per haucre plenaria indulgétia de peccati. 

S.UTÌficij fatti da Alc/Tadro nel marIndico,alli Dei ma 
rim.269.C/perfaiutedell'.irmata condotta da Ncar 

Sacerdoti Armeni chriftiani, Uiftoriadel lorohabiu! 
^ ceranomc cho/Tcruano nelli (krificij della chic 

Sacerdoti, & loro numero nelli tempi) di Fe/Ta ciltÙi 
Mauri tani.i. ^ 

Sacalire,a,lfo di l'Arabia.doue porto daMarfno tL, 

& da Tolomeo. ^^' 

Sadi moneta d'Argento, venti de qu.al| valeno vn firaf 

§adrapat.im, terra nella cofta di Bifin.igar. /co C 

Saetoci.tapoftaallemarincdellaSorù,dettad.-,gliÀn 
titniSidon. ** 

&igu k-no , ilei quale ne fanno pane & olio nell''ilòL 
Vendenao.57f.I7in diuerfi luoghi, & fiiaHiftoria. 
J6(7.I/}45.I. 

Sagre, fortezza de Portoghefi porta fopra vna delle uó 

te del capo di San Vicen zo. , , „ n 

Sagmarogcne.28<.D/tele Indiane. j^Si B 

Sahid di ca/a di Marin.prigionc di liibdulla Redi Gra 

nata, ^ A 

&ic.Aka.con l'aiuto degli Arabi difcacci^ E/renr\°'ra 
no ifi Fcfia, de fecefi Signore. . , p 

Salcnell'IfoladiMaiointantaquantità.chcfcnepo- 
trebbccancarmillenaui. J a 

SalelOrmuzlucidocomccrirtallo.&altrodicolore 
vermiglio. „ „ 

Sale nell'Ethiopia ù apprezzato eòe loro.ioo.B/& cor- 

K«-. y. '.; 1 1 ubut w,78.W77./\/nel Regno di IJamu 
W...o7.A/zf4.D/belliir.mo ncll'ilbla Cmut^.Zv 

Sale 



HmJgli'anoavnifii 

inofigtiilkaquan- 

lorù. ic5.C/i,-o.G 
284.C 

1 liiiiltra parte del 
iSf.L) 

ló ilalla c|iialf prc- 
loy.A 

rniDc'cam. ^iS.F 

Jl'Cioa. lyy.B 

ifinc del Regnò di 

2oy.l) 

fiioi termini, fó.l) 

H>. iSf.A 

li Patriarchi. Atra 

ifo.F 

iQuilacarc,agli 

inni, iJc con ijual 

314.E 

n in Cambaia, &i 

. r r }-^'-^ 
mcliafattodaRra 

1(5.;. A 

Calicutalli.n.di 

Igctia de peccati. 

dico,alli Dei ma 
)ndotta da Ncar 

Ì71.I- 
del loro hahito, 
crificij delia chic 

r,.A 

jdiFc/Ccittàdì 

32.0 

a Marino Tirio, 

iSi.A 
Ivalenovniaraf 

iSS.R 
l'ir. 390.C 

i.detfa dagli Ah 

n^A 
^oli'o nelliióla 
CfcdialMoria. 

'fa vna delle pò 
iio.D 
z8i.H 

lullaRcdiGra 
50.B 

dò E/Tcrif tira 
47.F 

jchcfcncpo- 
iif.A 

altro di colore 
187.D 

.ioo.B/&cor- 

1 Regno di Ga 

•gno dì Danni 

Ca^ijar^. J$i.r 
S.ilc 



EiLELENAVlGA 

SiIcnell'Ethiopiaintcriorc, valenitìzzoducato lalib 
hra. . 

Saledi pietra in Tegazza, có<lottoal Rcgnodialtri Ne 
griA come cStrattano tal merc'itia.' 100 A B 

Salediftempen-ito inacqua, è kuiito ogni giorno da 
Negri p conferuarli dalla putrefatrionedcl inneuc 
100. A ^ 

Siledi AfTk.i,lk fuc fpctic. . ^ 

.SaJ Indo,di l'ietra in Ormiiz. j,yj ],- 

Saline di Cile diirillimo come m,irm«j in alcune grotte 

diIibia.77.A/in Aurazmontcdelftatodi Buggij. 

Sahi,cittàin Africa,nrl pricipiodl Regno di FcniuSo E 

Salamoile figliuolo diDanid^,dominaror di tutto il M6 
tlo,i>c r tcllimonio di Macomctto. . - Q 

SalamoncHi trcanni, in tre anni leuauagrandillilna 
quantità di oroddlaminadiCefila. n± C 

Salnitro in quantitaA' incognito nel monte Dedes'in' 
Africa. .. 

5.alnHtr. Tmolta qnSfita fé nefarcl%bcfn Ethiopia. 'L 
.«.a uatioeor«lihni ia vfhtaelalli nobilid-Et<i,opLi4o e 
.Sa ta,lu()-n nel mare RoHb nella cofta d'Arabia i7., F 
.Vl.uen,,cirta vicina a Coromandd, dcttn ìÌa Moderni 



VIAGGI 



29 



Palincare. 
Salario qua 
«liei. 



i-'9.F 



e d.in no gli African 1 di tilW:^ alli loro Giù 

Salatru,delIagcneratiÓedelRenauid,fiiggedellam6 
cagna d'I: tbiopia,c nimico à Cliriftiaiii ; & Sijjnori 
diZcila. 'i^ r. 

SaJuezze flòle vicine alla corta di Serra Lcot.a,rcoperte 
m Pici rhiU Sin t?a. \j^^ 

Sals.fino, ("uaorigine,vV come- <1iuenncSoManodel 
Curo. jj^ . 

&ftiìari,popoli idolatri nel Indi». / j^^/f; 

Sanioryn vocabufo(«-tile,figi,((icaDio il, ferra. & tal 

noiiu'cdatoalRcdiCalicur. ' ,f^ p 

vS»ng()za|»orr<>.ttmnre,dcl Re-^nodi Dccam. ,i.s F 

?amiiiaicanuRcgnocrcdutoda Andrea C:or(iliÌA IV 
gioi.ed(f- Partali. ,^^g 

Samma ixan te, citf» grorTi come il Cairo , porta nella 

prouinca «letta dagli Antichi Haòhiana.urt.F/u^v C 

San Mafto ilola nel i«aredelle Molucche. ^ya.n 

'oan Eorenzf ,,i(òla lolo cogn ita nelle parte delle mari 

iic,(uagr5dezM,& fito.373.E/Hiftoriadi<ua fertili 
taA' de (noi popoli. ^j ,; 

San Lorenzo liola detta ili M.Màrcd Polo Macaftar 
jS-.D it ' • 

Jm Thommafo,i'Wa fiel mar del Sl»f,&<'iio fìto.i7f D 
San Giorgio.ifoladelos AzorcsA' (Aio fito. «o F/i-, F 
San Michele i(oladelosAzorcs,&(u<J/Itt>k ,70 V 
Sanra Maria,ilola ile Ips Azores,fiio ii». „^^y 

San Pietro.ifòla nel mar Pacitìco,&: fuo fita 170 E 
San t'Helena,i(oln nell'C)ceaho,habit.im da Fornàlopé 

Portog.ie(e,& (ilo rito. To F/17/E 

San ThfinMi(oapolk>k),rua vita,& iniraooL'.,u.E/Moi- 

tc&ScpoJttirft.^ £ 

Snnflieron;mo,Frace(co,(^iirico,&Domcnico,rono 
■ m cognitionc dclUChrirtiaiii AbiUini. 117 fi 

Si^t'Agortino dottore della chfcfà, Vdcouodi Bona! 

6). A .o^!,'.ffi'.(i 

Sàfì Giofgfoà c»«iH6,è porto I tnttelethìorf d'Echio: 
San Spirito,chicf« de finti nel regno di TfgPeraahon! 



TIGNI ET 

lO^T.d 

Santa Croce.chicfa porta fopra vn mote nel uegno di 
T.gremahon. \ g 

San G.ouann.,.nonafttrio de frati nel Regno di Ti.'rc 
mahon. '^ pV^ 

San Pietro chiefa d'Angore. ^^'a 

San t,1iiirico, chi'cfadi bello edificio in Angugui terra 

ni,ivegnodiTigi-cmahon, ^^^c, E 

Siti principali venerati,^ accettati dalli Chrirti.midi 

-San Tliominafo. ^ p. 

San t, limo adorati nel Giapa.come intercertbri appref 
IO a Dio. [^ p 

Saiuita fin ta da Lo.louico narthema,per fuceirediCa 
licutAridurliallarmataPortoghek-. ^Coi 

Santo ili Africa (òpra li I.cni. Jq 

SaiTguin,ii;da nel .Sur,popolata,(uo flto. ,76 E 

Saguedi Drago, g<,mma nafce .l'alcuni arbori ncll'iib 
I.UI1 porto (anto. .S: come (i raccoglia.97.E/in mol- 
taqu-atitanenafceneirifolaZocotora. iSi.D/iyz B 
Sangue e I ratto d'alcun membro del corpo per fc-eno 
ili amicitia dagli Iiviiani. J, ^ g 

SagiR. bei' ono li Mori ile inimki poi chcgli hano am 
mazzati. ° 

S«ng„edi vn animale referitodalambolo, qual ha vit 
ni . . a.g.ungereogni membro tagliato, & fepara- 
to dal corpo. ' _ 

*^y',;;;''^'^'''»':vratonelliSacrihci,alDiauoloinCà. 

Sangu,me.lr.!ia dcll'arbo«EttaIche,v&t«dalli £kì 
Africani permcdicina «iel mal Francefc. -r D 

&angari,naiiiii;,f.condo Arri-mo. ^g, g 

Shh*Hciiai, tetra detta ni.onaf randa, & fuo iniictorc 

■ ì'!'i4tC 

Sit^Uxo de Turchi.con. i7.cauaIli,rope,&: fece mivt 
•ni<j|uomilahtion?ini*. i7x£ 

^nghirifblaconquattroRegni,nclmarePadfico!& 
iinMito. ' r A 

Sanda teiT.-i di Porto,dcI re.^^no di Cimbaia. l'J^ B 

Saiu!a,.,.(ola nel UntchidoI,nella quale nafcono noci 

niolcate. j. 

Sa'dalo nel Regno di Nubia.8o.D/in aiicut.iic.F.uóf 

, <«'nCeckTghifia.c^Odcfchiria.3,9.B/in Pauconia. 

Itl't'^ ""'•""^''•^5-^/'" ^^-8" in Malacca. 

Sandali bianchi, ndiifob TÌmor.3i9.F/}i3.C/ncllaSu 
n>atra.j4f.F/in Timor, con quale oflèruantiaflata- 
^ ' <58.F 

SandahRolìl,biachi,&citrini,dcll'ifoIa.n Timor, fuo 
prezzo in Mal.ibar. ' (. 

Sangad.i,pefè nella corta de gli Arbi. iL D 

Sana,cittafortiinma^ll'arabrafelicc,lcmuradcllaquA 

'«'"nod.aIt«zadiedbrr-x:ia,etdilarghcrzavrati 
ifl.C/ijf.B 

Sani$,vocabuloPerfiano,%mficnSole. „/; « 

Saiuoa R.iia,RcdelIa Chin.i.Hirtoriadcllafua«rBnpt» 

^T"'"'^ r"' L • *■' ""^'■'' '^'" P*''".=^"P«" f ff«to mira- 

'daJMd. Portogallo. , g 

Saponc.nqualpartcd'Africaiionnainvro. ,1 E 

5arrad<crtogradillimo,p.ftoiraÌaBarh.uia,etl'EthÌa 



-.Il 




Viajjgivoi.i" 



pia, 



Ìé^'W:\ 



' '■ : IN D rCE DEL 

pia,&: fiioi termini. _ ^ 

Saru,vaHo i Caliciu,di forma piccola cau megho dei 

i»cmpione,humeli.-coni1o Arriano. 184 B 

Sardonitspictre in Cambaia. t.2\ 

S:iphnr,cartclloncll'Arabia.Plin. J^^'e 

Saranctis , panni di bambagio verj;ad, fitti in Bcncala 

molto eltimati da Mori. ' ,,.p 

Siringa iiòla nel mar Indico, nella corta de eli Arabi! 

169.E 
Sarani;ani iibla nel mar Pacifico.fuo ficoA de fuoi pò 

pOii ^ r. •• 

Sarman vilaggio neli'Africaabódantedi Datten'.'y^B 

&arnaqam,;iaia nel colfo di Bégala,dirimpcto alla boc 

cadiChat/gam. . ,j^ 

Sarnau,c;tcahabirata da Chriftiani nel Regno del Ca- 
taio.K;y.C/& itola, i tJ^.E/Iontana da Sumatra tre m i 
la miglia. i<j- C 

Saffi tratti co le frombole , fono le arme de gli habi'tdti 
ntl monte Scufaiu. , p 

Satigam.città lituata fòpra la bócca occidentale del fin 
me Gange. joo-B 

Sathan.liiogo nella certa d'Ambia dc/l-rta. x8o B 
Schiiole di lettere per fanciulli, in Fefia, Se come fiBno 
animacrtrati. a 

Sraliiìjuogo ddcrto nella corta degli ArbJ, lói.D 
5dicdia,luogo fopra il fiume Paatigri. 174 fi 

5L-arpe fimifcà quelle che portauano i Romani fono 
vfate nel Regno di Guber. y„ 13 

-Sccuo falato è molto apprezzato in Numidia. 7? B 
Schiauo nero ammazza iì Ilio pa-lrone , & co la robba 
_ «"^c g'> togb'c n fa Signore del Regno di Gago. 80.C 
Sciiuua di quindici anni nel regno di Caco c'apprez- 
zata iei ducati. 70. A 
Schiaui ir.afJa.fcno apprezzati in Ferta vcnd feudi' 
• .'vno. ^g 
Sciuauivc.ui.fi danno .\ baratto per vn cauallonel Re 
gi^diBorno. g^g 
icinrtilono vna generationedi Movi della cafadiMa- 
humerto.moltoriueritidaMacomettani. jS-» F 
Scirocco Veto in Libia U ftorpiar li genocchi , & pdér 
lavirta. * g 
Scorpioni,& fcrpi in Numidià dalli morii 8c puntiur 
dequaliogniannovimuoregentcairai. «A 
Scorpioni,tiu.ili fubbito vccidono,in Numidia, 7f.D 

ScorpioniinnnitiiuIterrittoriodiSegcIineflTe. 74 A 

Scorpi_oni molto gramli',& ccmi leali nel Rcgnodi Pa- 

iimbotra '^ .,^ r, 

Scrittura /aera in lingua Caldea,apprciro chriftiani Ar 

""■■"'"' wi A 

Scriuono d^i alto .J balTo del fogUo nel Giapan, & fon 
_ qual ragione. ^ ^^ g 

ficriueno per longo del foglio gli Indiani. 544.D 
Scriuono in Calicut lopra foglie di paliniere.cÓ ftOj di 

ferro con lettere fecondo Pordine noftro. jof C 

Scriuore non coftumanolVn all'ai" o neU'EthjQpia. ' 

' M4-D 

ScuhurcdiducSanti perfortiflime.neUTithioDivuni B 

SculturcdcgliAntichigaitilcpcrfcttillimcndl'WbU 
■ deDinari. ,^5 p 

SEBASTIANO Caboto Venctiano pilotto matìcforc 

nellaSpogna.&fuoi viajiei verlòMacilro aUa'T.-- 

• nuoua per lnghikwra,&dietro la corta dfiac«ril^ 



PRIMO VOLVME 

ilReCatholico. «74 E 

Scbni,citti neIl'Aflica,porta nel rtretto, di GibraltcTra 

«letta da Latini Ciuius, comevéne in potere di Ma>- 

comcttanf. jj jj 

Scchnm;r,Soldano nell'Arabia feliashumanilliml' nÓ 
h!\ in.ii conltntiro alla morte di alcun rco,&; e ripa 
tato (.Ulto. '^Q 

Seccha in maredi Icgrieor-odifroftada Mózambique 
leglie vfiiti dietro la corta. ,,7.^ 

Sech.vocabulo Aralx),i;i;iiiiua fante, i^Q 

Secliua,montealcilliino;6.- freddò in Atiica. Z F 
Scddvd hgl.uoiodf Ha.l,.|.| quaiecopivonc cl.eedi 
. "f ' , ^"""•'■'a' dominio in tutto ii mondo, hiito 
ria della fua pazzia. o n 

Sedoa terra nella corta del Pfgu. ^^ '^ 

Segelmeilè, (tato nella Numidia. ,' k 

Scgghcmcmonte di Tc.lle. ^óÌe 

Segno di vittoria hanno gli Africani, vedendoli venir 
due cdercin contra di due (ignori. 20 p 

Segno,qiml darà inditio della hnedcl mondo. ki.C 

Segni quali fi veggono a gli Abilfini nella ikcia.com.; 

Ci perche iiaiio fatti, ,^5; * 

Segni qiiali danno alli marinari inditio di terra nel ma 

re Indico, 1 r F/ n 

SegelmclTc.prouincia nell'Africa, & fuortermini, 

S£gelmefre,cittàncll'AfrieaedilìcatadaRomani.74.A 
Se ia,città in Africa edificata da Romani. in 3 

Scia citù in Africa,porta (òpra l'Occ.ino, edificata da 
Komam. p 

SelcftìumencirAfrica,fuaorig[nc&fuoitcrmi.oc?C 
òeliipo moirtc il» Cheuz,prouinciadeI regno di Fcfli 

Selana ifola nel mar Pacifico. ..q.^ 

Selim Ettcumi Arabo, tiranno di AIgier,morto da Bar 

baroila. , ^ 

Seinfi.l Mcharif,cioè il fole delle fcientic, opera nella 
Cabala. 41 B 

Semen z/na da vermi/uoprczzo in Malabar. in D 
Semiramis monte,(l-coniio Arriano. iV.» 

Semillaluogcl^condo Arriano. ly^' p 

Semcxle monte in AlHca, habicato da gente rozza, & 
pollerà, ^^ ^ 

Semenda,vccellodcttodanoiPhcnice.&:iuahirtona 

H4.F 

Geniali in aiicur.qual modo tengano in contrattare 
Icmercantie. ^^^ ^ 

SaitentiaiummMÌad,itadaalcunigiudiciAbiHini;n 
materia di ftato. a 4D 

Senttntia ArabacfpoOa in Idioma Italiano. uA 

Scncga,regno nella balLH Ethiopia la grandezza k- 

■ termini. " ' „ 

e 1- . 101, B 

denega hume.ioi. A/come chiamato dal Barros , & ila 

diucrfipopoli.iuahirtoris, ,01 A 

Sepoltura in Ethiopia latta alla fnnilitudinc di quella 

de nortro fignor Giefu Chrifto.mólto vcnenata in 

fctlnopu, . 

Sepoltura di EHa,fuori del Zidem. 17!' b 

Scpol tura di fan Thomc aportolo. ,, jj\ 

Sepoltura di Zacheria profeta in Damafco. ,48 F 

S^lWradi Vn 6nto Afirfcano & quato riaerita,i8.b 

■.rf<>.-rr:rat!:G-;;;rpp.-,pni,,.,cÌiedauiudci folle por- 

• '»"»«K(«HWf«ilef»piVM»tich/. 8..D 

Sepolture 



erto, di' Gibral terra 
iicinpotaciiiMa^ 

c,iuimanillìiTioaó 
Jcun rcoA' cnpu 

ad.i Mózambiqiic 
"J4-A 

n Ahica. ly.p 

toiiinoivlo.liilèp 

48.B 

391. A 

I.E 

i(J.É 

, vcdendoii venir 

jo.F 

d mondo. iji.C 

nella fuccia,coni^ 

lyS.A 

Io di terra nel mi\ 

. I45-E/I55.D 

& fiioi termini , 

^aRomani.74.A 

ino , edificata d,i 

fuoi termi.9o.C 
:1 regno di i-cflài 

M«A 

cr,mortod3Bar 

6i.G 

eie, opera nella 

41.B 

ilabar, 515.D 

x86.r 

jcntc rozza, & 

19.P 

,&:(uahifloria. 

in contrattare 

161.R 

iki Abillìnijn 

144.D 
ino. }j.A 

grandezza, & 

loi.B 
: Barros , & da 

101. A 
line di quella 
to venerata in 

111.A 

t75.B 

141.A 
•o. 148. F 

'rioerita.iS.D 
dei folle por- 

8t.D 
Sepolture 



5epoIturtdecliantichiRod 'Egitto. 
Sepolrur,! fltlii Re de Mirin. 



T^ELLE NAVICA TI O Ni 



ET VIAGGI 



88.A 

Sepolture delli Re di Felli t,^'c 

Sepolture <\i Macomctto , & di Fatma fua figliuola , de 
luoi generi,<uoccri,6c nejxiti. , ,0 ^ 

Sepolture nel defèrto diAzoad.col cafo memorabile "ii, 
tenicnuto ad vn mcrcatatc qual morite p la kte .1 B 
Sepcturedi Abraam lmpcratordell'Etiopia,iii vn ilio 
JigliuoloA di vn Patriarca di Hieruiàlem. zio E 
Sepoltura di Erythreo,Re della Carmania , dal cui no- 
me ]1 Pcrlico è detto Erithrco i-, ^ 
Sepoltura di Aleliandro Magno in Aleilkndria. 8x D 
Sepoltura di fanta Nalifla , (icchcgirlata dalli Ghianni- 
zen,&: toltuqli cinquecento mila farafti. 8. A 
Sepoltura.di M.uifor Redi Marocco. 2'," r 
Scpoltura.dc Idvis edificatore di Fella. Jb 
Sepoltura di Elmadi predicatore, & di Habdul Munìé 
luoililccpolo, , 
Sepoltura.-ilRcdiBcnin,con qual cerimoniegli fibula 

Serra Leona montagna dcllEthiopia Auftralc, :& |\,o 
fnoisi.flir.i.mii(iona. n6.Cluo.¥ 

Serra Leona, benché lia poft.i da Tol.ìmeo in gradi ot- 
to, altro mòte nò può elferv- che il Carro de eli Dei 
riferito da Mar.nonc. ujIA'ii- È 

Sercri.popoli Negri idolatri , nella colla <li capo verde 
come fi reggano de fuoi coftumi,& arme. lot F 
Sette città anticain Libia.cdihcarada Romani. 77 B 
ScriftEilàtali,Hiftorico Africano. ^^^r 

Serit tirano li Guartgueflcm,fortezza ncU'Adite. itf B 
Sercs popoli, anticamcntcporiauanolafctancirin.li.i 
orienialc. , ; p 

Sanu pcrimal antico Rcde Malabarl, Hiftoriacome 

, «t/uilfla |nouicÌj,i(c /atto Macom«ttano,morite nel 

viaggio della Mecca. .q, p 

Seriel,città .iimehillima ncllAfrica edificata da Roma 

ni,poftal'ulMediterrano. ^j o 

Serui.h urne neirAlrica,& fua origine. Jp 

Serpenti di dut- braccia co leali à modo di Nottole, vo- 

ano di notte. Si ouc lalciano calcare alcunagoccio- 

Jaii orin.i,aniazzano,qucl Ibpradichicllatade, nel 

regno di Palimbotra. ,^^d 

Serpenti co (ette a-ftc,et ali , che col fiato ammazzano, 

nella prouinciade Mal.ibari. , . ,_l> 

Serpenti grulli come vnhuomo,lóghifei cubiti, ioiio 
manginti dalli Mangi. ^ ^4oC 

Serpi nella montagna di Narfinga co ali, volano, et am 
mazzanocoUiato,&:collguardo. joo.F 

Sci-pi nel marclndicodanoiuditiodi terre, ne cleono 
fuori più di.30.ò.40.lcghe.iu.D //òno daUe pioemie 
del verno in mare tralporrati. ,7,1; e 

Serpi domeniche nel li monti di Ziz in Africa, couuer- 
l.lnonellecafccoinclicani,& gatti. 57 q 

Serpenti fimili agatti faIuatichi,'chevolan«,&ibno 
' mangiati in Malabar. , , q 

Serpenti di diucrfe fpetie, vencnofilfimi in Calicut nò 
fono oftefi da Indiani.haucndo opinione , che lìano 
IpiritidiDio. - jgjj. 

Serpenti pigliano piacere in ri<guard.irU fanciulli nei 
laprouinciadiMalabar. ,., ry 

Sefkia fiume ncll'Afri.fuaorisie,& fuoi termmi.^.C 



ÌO 



Se/iti popoli.fccondoArriano. . iR.C 

^/amo.granodelqualenefimnooliogliEgittij. 88.B 
SelecT,encv(oleapprelìolaCherfbnelS.lècSndoArria 

Setta qua! prende tutti li piaceri del ni,Hlo, doppo die 

lonopallatipcrgradicinquanrad.dilJplinaA'di, 
cono Dio non p.t.nfcriuergli peccato. .q F 

ietta d Afticnni idolatri , quali doppo lùteo vn loro L 
CI inc:o,li godcao carnalmente. ,k r 

Setra qual vuole che ninno polfa fir errore, nfil-rmàdo 
che 1 animo detraail'huomo adonue quello che me 
ritaellere .adorato. a 

Sc-tradifcelerati,mulifott'ombradilàntità,v/ano'l!òn 
Icdonncmpublico, 1 

Sette lèttatand ne principale , procedono dalla lesuc'di 
Macoinetio. *''^ " 

SettediuetfcMacomettane,&n.oiaudiori,&li,copi4 
nioni. p t^^ 

Sctt.a^diIbnuElharftdiBagadcd,fuopn-ndpV&fine. 
Setta,citti fid llretto di Gibralterra. jg p 

Seta narmaimctc prodotta dal verme nelli bofchl.noit 
e molto buon.!. *;' g 

Sctadomeftici.&fkluaticain molta quantità nella ^M 

SetaintaraquantitànelCorafam,cheinvng:orno;e 
ne può caricare quattro mila Camelli. i^6D 

Seta migliata ceto & lèlfan tafei al pe/b grolfo di Vene, 
t.a,caricat.. i rre mefi applTb lacittà di Nimpo.j^z.G 

Sete anticamente erano portate dallIndiaorientale,&: 
"1 quella ancho condocteda i popoli Seres. ,7, G 

S«egrezzele,mglioriddrindialònoi„Cochinchina 

Sete crudcl ilfi.na patita dall'armata Portoghefe nel ma 

Sculàocr, monte il più pfaccuole,& ameno dell:AfrIc^ 

Seujàua mòre I Africa,habitato da popoli bcftiali. 19.F 
Seulauahuinein Afiit.n,&: fi.aoriginlT ^ 



Scu,delerto,nelqu.ale naicc il Nigcr. , £ 

s F .4 e A I „ A T, terra nella coftà d'Arabia lèlice.ioi'.d 

i I A M Regn(.,liioi tcnnini,dtrà,& Hillo.<?t.A/ji7 C 

mercantie, coftumiddfuoRe, &defiioi popoli. 

Slagro promontorio.i8f.B/,7i.d/da moderni sfacalhat 

Sicilia diuenuta in potercdel fignoredcl airaoàuJo-D 
Oictliani dominatori nell'Afi-ica. 7 n 

Sico,ilòIa nel mar ddle molucche. .gg a 

Skhabo.luogo nella corta d'Arabia deferta. zSo' 

Sulon, d tt.1 col. detta dagli antichi,;&' hoggidiSaeto .' 

poftaallem.inneddlaSoria. .^ l 

SiJihdi Berrafal, rcbellealli Redi' FelTafignorcdi&a 

laoen monte in Africa. ^ 

Sidibu Median,fiimofo fanro Africano. coii 

Sufi d Dahi,pazzo Africano,& fua Hifton'a. 67 D 

Sitelmei fiume di Africa, nafcc nel monte Hantcta vici- 
no a Marocco. » r* 

Sifarciaintcrra.nclkcoftadiDccam, jS^.Q 

Sitfai4 






. ! 





ì 



Slffùadamed'Afrkì. r. 

alia fiume nel r.^no di Pal.mbotra fi.pr.. PncCJ dclqu^ 
rii mon" ^°"°ShciC'''ioroi\iìhL Capùanoc^ 

Simich-anch;,&dificdanrsra,maggforMigranCa^ 
nincIrcgnodiPalimborra 176 B 

Tua HmorTa' '^"''' ''"''' *"' "'™"'"° '" ^'"''" ' «^ 

iJjU'nelJ Ethiopia. ,„ 

Si-narwm regio Ha gif ant,cl,f,-la moderni Chma. .3zF 

ò.nahnffi, p ,nn, di Bambagie fktri in Segala molto c(H 

man per far camicie. '^ a , , p 

S.no Ganeerico eletto da Porcogheii colfo di ungala , 
o-liiadeknttione. /' 2 

Sintacora, terra nella corta di' Decani. fsn E 

Smtho h«me.z85.e/ù vna dlle bocchedelllndo coli det 

ta al temj>o d, Tolomeo,^ da Plinio, Saiado iSi E 

5.r^Scm;;cfeI!aPer(.ai>ofta/bprailriumcEurra.i56.E/ 



M E 



SìfruLafhi. 



.,•! 



•Il,- , , ""• iOO./l 

iicnuine, ciotla virtii che tendono / un 

«an„nonu.pio,opera,.eIlaCab.nla. ^ "°':rB 
Jtod.lac,tra.&campagnaddairaoan. L'e 

5.to,& dil.gentedefcrittioncdi Fe/Tacittà in Maurita- 

Sittaco,fiume nella codi di Perita. „^f q 

* V Y "■ .° > ?."''''' '• ^'^rcuano nelle Rouineidi Bar- 
banda,citta d'Egitto. ' ^sp 

Smeraldi duoi comprati da Cazazionor nella giana per 
mille Pardai. ^ |^ ' 

Smeraldi finiilimi fi ritrouano nell'ifola Giaua . i,J8 E/ 
ne vengono di Babilonia. " Y 

Smeraldi,(iupruoua,valore,&Hiftoria. (ìIe 

Smeroldilono inmn,gior cdimationenellalndiache 
qualimchealtragioia. .g^ g 

Nilo *' "'"■°"'"° ^"°'^° '^ Meshudi Hiftorico nel 

Smeriglio in curati Mangalor. ,2l'l 

soAR, citt.àdOrmuz." cjp 

Sodomia,permc(ra nella città i\i FclITi. , . a 

SodomitiPerfiani.u^.C/„^.A/29^.F/inT«ni.. '.^E 
fodomm fc, . li religio/i del Giapan. 578.B/.8 I) 
Sodom.tl fono i Romiti della fetta di Macom«tc,io E 
Sodomiti di Azzaamur atti in Africa caftigati da Dio . 

Sodoma, .^ Gomorra cirt.\ roiiinate da Dio , & ùia Hf 
ftoria rcfcrlta dal Barthema. ' ' , n 

Sojroi città nell'Africa nel piede d'Atlante. ci' A 

Il rnrchi,6c mori di Arabia. ,0» a 

Sole fc PUÒ eflèrcaulà difir l'attrartionc delli i-apori 

cheionomatcna dcllegran pioggie, & perche felo 

Sol. porto fopra il cfrcdo Meridiano non fa ombri!& 
circondandola terra, manda l'ombre in vn medefi- 
«ìo ,«ftan te vcrjo la t,uarta partcdcl mondo. irt8.C 

iole non e mai nel fcttentrionc. .„ r- 




^olr^,l"l"' *'""°^°"trario corfo a queKIi Sprona, 
pltialalincaEquinottiale. ' ' f' p^ 

Solecpuro &/empbVe(plédore,ne in Ini li può i, ," . 

gmarealteratione alcuna di caldo,o di lrc.5do.F 
Sok,adora^.iKl'ilolaGiaua...8.E/dagliantichi£ 
""..7 C/nelle Cannrie.9S.D/nel re^no di Beni. n< 
p/'nflorne/.n..A/nel Giapan. ' « P 

u Lontra Portogheli. ,_^p 

Solimato comporto con himcdi rocca, ^ v/àtodall'in^ 

'"tJ;;;^;^^'"^^"^— -«^-i^^^-lnotarc&nd 
Sol tanij,città nella Perda. ^^^'J 

SoldaticlelSolclanodelCairo,conlinomidelorog;a 

Soloentepromontoriodell'Africa/hprailqnaleF^no 

K:;;od;c:r^"^^-""--^''^^p-^ 

Solongor,citra neUa corta di malncca. ^ B 

So^i-e m ciuontità li ritroua,nell. montagne di Ethi" 

"^i'dh 3!:^*^"Tf t '■' S^-^-^"- -' -" Indi' 
co,nellacoftadegliArbi. ,,„ e 

Solapcjciródeileprincipalipoftefra terra delr^^^^^ 

'°lllaSne"d1lfÌ!^'tr"°'"^^^^-^'"^^^^^ 
alla parte alla cliina,df«oipopol,',&richezze «o 1 

Somariocli Amerigo velpucciFiorctino,didiSenÌ^ 
ingatioiu fatte p il Serenin:Rc di Por ogallo uó C 

Sonagho portato per galanteria Ibpra la natiua deìt 
donnedcfregnodiTigremahon; ,0 r 

Sòro nT" ''j''?"-'^'-^'^""'*'-'"'^""%^tì 
delXgu ''^''""'^"^''''"•'''•^/'^■M*^^^^^ 

'°hS:^:i:iin^''"^^^^°-'«^^"^''°-^ 

Sonagliappre«ati,&defiderati. ,t, f^^^d 

Sonagl,o,con v„ ra(òio,daro dalli portoghefi fn mI 
2amb,qcw,pcr quindici vacche. ^ ,°n 

'^?/iS:;^''^'^^''"^°'"^"-^'--->^elr^;S 

Soparma„fècondoAiTÌano J^'J 

Soraa.ufolanelm.uroflbneliacoftad'Arat;ad2;a 
8 P A A N, città nella Pcrfia, , « 

, ^- --6- - V mgtiuno mfuga trecento miialn- 

• " ■ ■ ^ ?To£ 
oparto 



in maggior diftantia 

i67.B.F 

torbido pprfpatio (li 

I07.C 

giorno nella Galla, 

'ò.icjuchliSpagna, 

. , . M)-l> 

"inliiidpuoimnii 

o,oilitraWo. 26I.F 

'd.iglianrichiAfri- 

loglio ciiUcnl.iiy. 

... ^^'-^ 

eli armata Turche 

!:cn, e v/aco dalli ne 
«licinaalla rogna. 

Iti a! notare, & nel 
Ì70.B 
34'J.B 

nomi delorogr.i 
87.B 

'P"'lqiialeHano 

"i.E/cHcrpotrcli 
irj.A 
^;I.B 

ontagncdiEfhio 
214.F 

szanclmarlndi- 

i terra del r^no 
J18.F 
crfcTramótana, 
5f richcrze. ^lo.a 
JiOrictali,cólÌ 
lanojcomincian 
dlla china. )i4wà 
^egliordinl,c^- 
el Prete Ianni,et 

3,di due fiic na- 
rtogallo. iip.C 
la natura delle 

2ovB 
bro, portano li 
diamanti legati 
Iftallo la plebe 

316.F 

Ile donne,.! gli 

HO. A 

"1.F/145.D 

ghc/ìinMon- 

no , del regno 
78. B' 
Ì87.B 
Arabia defèrta 

34<;.B 
ciuati5e.^}}.D 
cn temila In - 

Sparto 



DELLE NAVIGATIONI ET VIAGGI 



Sparto herba.dellaquilenefonnoperfettiinmecprdc 
nei Regno di Angote. j, 

Sparcs,pdce nel Merli tcrrano. "f'» 

^^!Ìl'ÌT'opr"""°'°"'^""''"''""'"'^"^'='<'''"''''^'<= 

Speticnen.ircerebbononellc.noilrcregioni.nonaltV^ 

randohgrad.loronatural,dellclatL.li;i. 37 C 

ip<.ticnc,c]„ali h ritruouano in CiJicut. ,10 A 

. tccUJliMoriinCalicut. ^n 

"^SigaSl,^^^*" ^'^°'°-;^noobligate allS 

5pico„ardo.i„Cambaia..p.B/ruoprezzoinMalabar^ 

Spi^neHedettedalnA-aniCarapuch.fuaHiftoriaA'va- 

SpincIleinAua.3,7A/;nZeilamperfettirtlme. Ijfp 
5p«.ale,pcr la cura degli inkr, ni i;,nd.ito nel Cairo da 

P4;nspr..no6old*K,<liXIammalucchi.haSn 
tadiigcntomilaS.iraffi. ' T a 

Spedali.dtUa città di Fella. "^"J 

s T A T V A d-Augufto d, pietra Opfidian.x llff 

Stat.iad.p,o,iìbotonlcttcreEgittie.fattarottoconft;i 

lationccontrailCocodrillo. V 

Stamc^^: marmide Romani, in Vrbs , citt.à in Afoca. 

^7/?;^'''^'r'^''^"°1^5'^i'Tarthao,.VinCcgnigo. 

J-'0-D.inO,apan.jS5.C/inlaChina. ''.«sD 

Stagne. .KÌr£t,opia.zf4.A/in Carangi.or.i.T.D/in Mi 

lacca. o } /iiiivi.i- 

St.-.gionidell'anno in Calicut. fono contrarie allè'ì^o^ 

St..gioni dellanno nel monte Atlantcfonoducelbte 
oc verno, ' * 

Stagioni diir.mno ncU'Africi. '^'^ 

Stag.on.dcllilbladiSanThome.quantodiirerentidal 
le noftuA' quali tempi llano noccuoli,illi negri.cS: 
quali alli bianchi. ^ J ,^ 

Stadi, ottodi Ncarco, fiuino vn miglio de nollri di'mil 
*P^"^ i68.F 



M 



Stachiris fiume detto da Tolomeo , da modem; Gam 

8 A 
e ^^ "-J- ^..^"''^"'^«'•co.defcritte d.-il P,W„ta. i'c 
Stelle dell-An tattico vellute , & delcritte dal Ycfpllcci. 

oÌÌl""'A'?.T'''° ^""°'"^Sg'Oti ,&piulucentidf 
quelle dell Artico. "^ iSP 

Stejco di ogniqualità, quanto è apprezzato in Nilmì- 

5two di Vacca,& fuo vfo nella prouinda di Malabart 
}0).u 

Stcfe.città ncirAfrica,cdificata da Romani. g, p 

STO K A e E liquido , in molta auan tara naf^^ :„ r™ 

baia. ' r\" "n 

«Wicccauautìllcbui. '" il',°c 



Stretto d'Ormuz,&: Tua Hiftoria. ' ,^^ 4 

Stretto^di Mag..glianes,lUa longhezza. & fito . ,70 D/ 

Stretto ^Granata è miglia dodici di larghezza. '3 C 

1,1; , V?''''^'''S"-"^'^^^"'i^«^'J'Eg'«oper 

ianauigationedelmareroHb. ^ .^fr 

Stta^de^red..l mare Egituo.linal mare rolFo. & q^uit 

^"'£a"''"''^'^'""-'''-.^''''''^"^'''^°"'>''""°'l^"-Hi- 
Stromenrnnufic..l,,^'daguerradegliAbiirmi. 2«C 

ddrEV«^''"•^''''^'"^''^P•■"^■'^^ 

Stufe dclL città di Fe(i:,A' fuoi ordini. l'o 

5tur.i,folI.. nel hume Indo. J^T, 

SuachenilolanelcolfòArabico,&fuofito.i8o.E/II;B 
eiler potrebbe TholemaidaTheron. x8 iF 

Subugg,^iorriumediMauritania:,&:lI.opriucipi^: 

Suheit,cittàdi Duccala. p 

Subeica calcilo nel regnodi Tunis, deftrutto da'glf 

Sutanin,yillaggionell'ifolaCalaghan. J'c 

Sr3h;;^l^:^""'^'^^''^-''°-''%'ù.oas 

Sugodiradicedi zenzero bcuuto purga lo fto.xS! 

Su«icadacittàanticanell-Africa,p^^^ 

no edificata da Roimni. "wra- 

S^due(K^•entu f. a me/zodi,& Garbino. ,,„ n 

•Suerginare donne è riputata coli vile , & brutta Z'ìì^ 
prouinciadcMaiabari. ' ""^^ 

Su..,terra nel principio del inare roiro,& fuaHifbrS 
^4,r7SM.E/z74.0/.9r.A/e,Ièrepot;ebbelSS 

Sufgmare,huenc;II'Arri.ruaorigIe,etruoItermim\^^ 
Su taiì,Heraran,Corda.RedeirilblaTerena e re 

't;;SAor^^'^"^"^^'->-^^-^^'^^ 

SultanXaqucd.,rfigliuolodelRediCa,£ÌT? 
SuhuhoifolanelnurcdelleMolucche.ruolito,&^^^^^ 

Sumatraifolacelebrcdetta dagli antichiraproS^ 

1 .3i8.E/H,ftor,a.3ji,.D/Hiftoria.i<?<;.D/ 347.E/L E/ 
'letta da di antichi Palefimondo. .g,? 

Sitn .ra,dlerpotrebbelilblare!.- -ailambolo. 
Su..uv;,t,,lolancl.mrepacific^>,, «olita . KfB 
Sundadulapo(tatralaGiatu.na,.,iore.&laSu.v,;:;f 
et «cimo Re. ~" ^ se 

Sunj/ai.linguaggio vCito nel regno di Gu;. ai 7! p 

Si.fft.uoncriaiculoli,vfaudaTcuncdónc;;.Barb7rÌa 

conerà 



•tlÀHiSfi 



INDICE DEL 

«Mitrala febbre. , p 

Supcrftitioneojeruata in AfricancI paiTarcvnafajlw 
per fuggirla febbre. ^ 7'" 

Sus fiume nell Afr,ca,pofto in gradi .9.& ,nezzo.sboc 

Ci .n ma.. «Me/Ta.nj.B/eirer potrebbe il fiumcLixo 

rcfcri to da Hanno; x ,, g 

Sus rcgio.ne d'Afnca,iao firo & termini. k'c 

Su/i, popoli ne confini Ai Perfia , perche con detti & 

grandezza della ficozza. '!^ 

Sufacmànell;Africa,poftarulMcditerra..,.,edificata 
oaKomani. ^8D/<fRR 

Surat,città neli. j/b di Cambafa. ,'»!! e 

Surnag radice nel monte Atlante, ha virtù di fare , tare 

ritto il membro,& di llcrginare vnadonna. sf E 



PRIMO VOLVME 



Tahagi 



A B E luogo.fecondo Arriano. tg. p 

Tab la,terra del Regno d'Or in uz. j„, n 

bagun tcrra,nell'Etiopia. ^q "r 

Tabernacolo del Re di FclTa, per alloggiare alia campa 

Tael,moncta di Bengala,*: Tuo valore Vi b 

TaeTa città antichirtima nell'Arabia felice , & f«a h5o 

na, i,-f. B/ faccheggiata dall'ElTcrcìto del So\,hno del 

Taff. di Guxa,grano nell'Etiopia, &: fua Hiftoria.ù, -V 

Tagiorav,.mpagnafo^to Tripoli vecchia abbondante 
«ti L'atteri,. ^ 

Tagaracittà,fccondoA. ' na J^'13 

Taghima,ifola nel mare P^ciai o. .,- *r 

Tagaiioftxfrtà di Sus,in Aù:l-^, ' ^^^q 

Tagodaft drta d'Ha/^ora%n. «r, rrj;iata da r ■cco,& libe 
rale Signore. 1 C 

Tag|n,i,monctad'argu)tc diOrmuz, valcducmar- 

Talmena terra con porto comjnodiinmo , nella co'fia 
degli khthvophagi. B 

1 alaie,nauilij de : ii-^ri. ' ^ 

Tai,arbore,le cui fog! Je per tutta l'India ( eccetto in Cd 

bai.i)(onovfatepcikriuere. , .q p 

Talafl[èn,grado di honore, & é miniftro della giuftitia 

«nCalicut. * p 

Tam.ir.ndoarbore,&: fua Hiftoria. /°, r 

Tamarindi nella prouincia di Malabar. »,*c 

Tamarindi nuoiii.fiio orezzo in Malabar. Afe 

Tambarme,picrragronàcomcouo,portata al collo « 
adoma come Dio da alcuni tentili di Nariinga. 

Tambaranc, figura di vn Bue, òd'vn Vitello , adorata 

nel regno di Cochino. . e 

Tamb""-^'"'--— ■• "-'^'^ -- • ''^°-'" 



Tanor,regno nella prouincia de Malabari,& fua Hifto 

Tanor,cittàdelregnodiCalicut. Jo'e 

Tana humegia detto Tanais. „^. 

Tana mayamba^fortczza nd regno di Decam. 298 B 
Tang.ac.tta nell'Africa edirica^a alla fimilitudinedc-I 

TrrS'"^^'"'"''«^-^'-'"'"4-t:cin 

Tantharag;,popoli,(c-condo Arrinno. ^J D 

Tanforctuncll'Africancilaregioned'Habat. 47 A 
Tapatege,luogo(ccond«Arria.,o. t:? 

Taparajuoghi Barbarcfchi/econdo Arriano. 18, G 
Taprobana,f u detta Palefi,^ó<!o , d. Tolomeo fu màt 

i.tuata.,SoA/&cal!.anu,tcdiLini.;c^?^.doAr 
r.ano.i87.C/hora,fmnatrt. Zl^F/^?/p 

Tap«>^è l'i/ula d; Zeilaow fbcondo l'opini S 
TaWla,c.apofcorremo:co;nmar;,,dl.co<hd:C.im;a 

Tartvfcle in .radiifima ;inatità fbno portate in iSa 
.o,dallemootagnedi A:menia,et:i.Turchia..4c.a 

T-,r,rapatan,cittapoftaneconfiniddrcgnodiana- 
no**. % ° 

Tai taruca tcftuggine,«f fsia Hiftoria Tc 

Tanìa^.;ricm..nInd..JJftor.adelfl,oR..&d.fboI 
pop^.i,nferì ta d,ii Batthcmx ,„- . a 

Tarodàtcittàdi^usiArr.Mubitatadagétenobile!,?A 
TaraporcittànellacoftadiCambaia. ^ Xc 

"ro! '' °"°'"'' ^'"' ^='^'"^'^' *-' '''^^'^^^ 

ali imprefa contr, k- citta di Ponente. ^ e 

Tartan deftruttori J, Rigaded. Zyì 

Tartaro buonamercutiapcrCalicut. niC 

Tarl.s citta, vedi Tunis. '"f^ 

Canch Capitano dcGo.i , dominatore di SelacittàTn 

Tateluia,porto del regno ràCambaia. „?r 

Tauns prouincia & città nella Perfia. , Jn 

TauolafopralaqualeChriftoSi'gnornollrofecelace- 
na,efl.mata vn m.lhone d'oro, tolta da Mori in To- 



leto. 



G^.C 



Tauz.-irghenreradiccodoriferavfatanell'Afria perde 
hotoprofumo.nafcenellcriuedell'OceanomS 



Ponente. 




Tambul 
I9P.A 

TamaMcrort,eaflellondlaprouinciadiChene2. m D 
Tamul,dicono li mori a Goromandcl. ^L p 

Tamcat,moncta d'Argento di Bengala , & (i,o valore 

S^"* ^ H^^^'^M quale ne finno nauili in 



^ "^^ 






TEBECR.T c.tta.„ Africa, poftaful Meditcrrano. 

Tit'^"'"",,!^'^^'-'''"^^'^'" Aft'". 7J.F 

Tebelbct.hab.tatonenelddèrtodiNumidia. 74G 

^tSvJltSSf'"'"^^-^^ 

Tcdii,cittàdiSus in Africa. ,^r 

lE;jrdrdrR'r"'v^'''^p°^^ 

6i.t/prc(a da Barbare ^\ . yrcd. , r 

Tcdle,rc-gioncin Afric. .. >, termini. jÌ F 

Tcdneft,città in Hea.fi, ,.. vj-a •_... *^-l 

i^»iic.città;-A(iic::ba^do;r"'""" ;^:ì 

Tcfcfra 






f 



ilabari.&fuaHifto 

jSp.E 

di Dccim. 198.3 
la Similitudine del 
I bronzo, & lì tetti 
48.0 
^ valccinqnatacia 

>. xSó.D 

cd'Habat. 47. A 

Arriano. xSj.C 
Tolomeo fu male 
iftfìiica,lè'.ódoAr 

doropiriidi del 

1S4J 

J^i coda d; Canna 

portate in Dama 
:diTurchia.i4<j.a 
?1 regno di Cana- 
51..B 
.;,.G 
ioRi\«rd^fuoi 

J6'4.A 
:Iie,lii/bria.;a.F 

;68.B 
jéte nobile, itf. A 

389.C 
are, & ricche dt 

?79.D 
>rc di Damasco» 
e- 69.C 

40.D 

iii.C 

e di Scia città in 
19. F 

D/lrofcceiacc- 
:1a Mori in To- 

ll'Africapcrde 
'Oceano verlò 

r r ^'-^ 
;truofito.}9i.a 

Mcditcrrano . 

'ca. 7J.F 

nani. «f^.C 
nidia. 74. C 
i da popoli 11- 

16.C 

I mcditcrrano 
T.G 



ViK, 



I4.F 

ii.r 

JO.P 

Tcfefra 



DELLE NAVIGA 
Tcfcrr.i,citti del regno di Telcniin. ,„ r 

SI^? ">:' "Ì','^'^'-'Ìl:^ "^-P"^'-^ fi'oi tcrmini.9^ 
Te etnc e. tta m Hea,Dofta /opra l'Oceano. , . F 

Telas,c.tta antica ncfl'Afri.difhutu da di Arabi c<R 
TegcgcrdttàinAfrica,&ru.ulclh-ur.tio^nc ,8E 

Tc|ag..,luogonellacoftad-Ethiopi.,abondantilli„;o 

Tegdcm;cittàinArricaedificatadaKomaiu\'^''SD 
Tegorarm,grande habitatione nel d.riato di Numiclia 
" 75-rt 

Tcgaili,citti ndl-Africa vicinaal mcdùerrano. co C 

TaieutcittàinHeadeftiuttadaPortod../i. ll'l 

Tel.. l\,rtoglufc, 60 f iandrefc, & fuo vaiorcin Afr^;. 

Tclcnlln Regno detto da Latini Cefaria, fuagradez/a 

tem.n,6.rcgioni..,D/57.F/..C/trib.tarioàCWÒ 
Quinto imperatore, „7 

Tden/in città neirArrica,hora dettaTren ufen pre^a 

/acchegg.ata da A bulLcTca Re di Fdl. ,& if fuo Re 
n.ortogcttatoncllcbrutturedellacitt:. Iq 

fedXrm nr'^''^'°"°'P''"'""'^^^ 
letiittorniicbila natura, ^ 

Tempio in Calicutantico edifido.nclqu.ieaUi . zj ! dì 

TcmpiodiNettunnofabricatodaHanonrro.rai/pro 
roTSn"^o.^""^="^"'^^^-'"-^/^--^"-" 

Tempio in Afric.-., dalquale debbe vfcire il póteficJg.^ 
AoprofcftizatodaMacometto. ' ,fn 

Tempio ahtichifilmoin Taefa città nell'Arabia fel ce 
inmk-.,ìh Rotondadi Roma. "?r 

Temj,iodeGenu-linrarabilecdificioinDinari,vdiPa- 
Tanp.; inFelTa città di Mauritania, di mirabile édilf 

Tempdtc,perche non fi 6cci,ino il verno. iTr'c 

Temdfull,attaanticainAfricapoftafulmediterrano 
edihtata da Romani. ^'-^J^mo 

TemiftJtancittànelielndicdiPonentc. J'n 

Tc-maracoftdttàdiDuccaU '^f 

^Tetnn^&"'''^"f•''^"''^^^^''•Siuftiliade^P«: 
te Ianni, & s'odono le parti litiganti. ^ . , a 

alziatc,& polli alli luoghi deputati. ,.y a 

Tendaia,omToFihppinai(i,lan[iraarddJemolucch^ 
fuo fito,& de (boi popoli. ,? /i À* 

Te„cn-Jbilbla.i:lle(£nLe,&ruofico.,7oè^^^^^^ 
jJaddmondo,&havn VulcanocheLtiS^^ 

!'tlSnT"'''"^'''''"'"'~^'*'A^"^«^.«'""o^ 

89.C 



TIGNI ET VIAGGI ,. 

Tcadll.,antichiilìma città neirEgitto.& fuo fito 81 A 

Ten.anl.m.hgnihca terradelledd.tic & con ulnomt 

chiamanoglilndianil'ilòlaZeilam "ro 

Tenmdle montcaltiirm,o,&: àcddo ii, Africa. IÓa 

Tenezzacittain Ajrica porta/opra vnacoftJ-AtS; 
i^.I/dom,aat.i da Cair.idin Turco. ^ p 

Tengaarboredellenodd'lndiadetteCocho.,etfua;J 

Tcnegc,u,caflellodiSegeImdrein Africa. Ìl'f 

TemmellccttainAfricahabitatadapelImìagctelca 
T..u«..,„,onteinAiWcafignor4atoSS: 

Tcm Armeniaca è rimedio vfato nell'Africa confala 
Terrad;Negri,fuoprincipio.&fuoitermini.i.C;5;u 
Terra,& <uudiuifione,fecódoliFiJofofidiMcfi Jc 

Tcmdcll7<ola <Ui,,Tho„e, ruaqualìd. ScfoSI;" 
Terra e da ogni parte habiuta. ^l*'^ 

Terre.& Repi,qualicQniinanocol Pretelanni jf A 

«eauii.iiitapervno. „ • 

Wnodi T....ndnarendc cinqtuntapervno.4'^/ 



TerrenodiAlelTandriaèftcrilc&deferto. 81.C 

Territorio di Ferra,& f«oi termini. {t'p 

Terr.toriodiSegdmelIè,à:fuoitermini. //f 

Tergacittàd'Er,f,cdificatadaGotd. ^^c 

Terga atta di Duccala. '^^'t, 

^"Sc£'""'''^°"°"'^^^"^•S'-.&'^=^^ 

T:Ìy''>'"-]g8(°'<'^'"°''.n^lregnod.SSt'"^ 
Ter/ez frutto nnf rdcariuo detto da Medid CamsVn, 

fcenedefertidiNumid.-a,&fuaFiSS^^ 

Teruera,.loladelos A2ores.&fuofito. .70 F/m F 

Terabch colfo,fccondo Arriano. /«, ^ 

TerenateiibladellemoJucche,&fuofito. «in 

Teftecortica«,&falate.connafi,&:orec;hiede^a;to 
gh cfi,m.indatcdaSoliman BallàalTurco. a7TE 

ndSrr^b^^^^^^^ 
Teifet dttà in Numidia. *'^r 

Tc/euchin, fono due fiumi ndl'Arr.-.-, «...f.._-/-.^**^ 

ndmonteGogideme. -i«-"-«>no 

TdI«uruùtdcncUadttàdiFcira.l'ar:cdc51ic5ticnc 

venti 



■!■ 



m 




INDICE DEt PRIMO VOLVME 



vinti mila huomìfti. ^q 

Tc(r.ift,citt.i <<i Siis in Africa. [Jq 

Tdcj^cclclt , città in Hca lubicata da popolo libcraliih- 

niovcr/oliforcllicri. f^ 

Tcftuggine, quantonpprczzatcol tempo de Romani, 
loi. r 

TcftiiggineinSumatraditrcccnto&ire libbre. 167 B 

Tdcuon.Ionodue monti neirAfiica,habitatid.i cento 
poucra. " p 

Tckut: vocabiilo Africano lignifica lilb.vcdiTcfcujtin 
mime. „ ^ 

Tdl-bit habitatione nel defèrto di Niimidia. 74 F 

Tcttcguin,cittàncll'Africa,&:perdiecolidetta. 4«"f 
Teuertino pietra in Afric.i. j, ly 

Teurcrto d ttà antica neirAfrica contcntiofa , tra li Re 
diTdcn(m,&aiFdIà. '^p 

Teufarattàan-JcanclddèrtoctiNumiiUcdificatada 
Romani. ^ ^ 

Teciilcth dttàin He.i,& ftiadeftruttionc. ,," A 

Tezerghe d ttà ndl'Afii.habitata da pouera gente v- A 
Teze^zctjcaftdlo ne confini di Tdeniìn. À'c 

Tczla,^)rincipal dtt.à di Tedic in Africa. Va 

Tcza,cittàncJrAfnVanobilc,& fòrtUlima. J"d 

Tezerin habitatione in Numidia. y. i) 

Tez/ota citrà ili Africa edificata da i Bcnimarim,& dc- 
• ftrutta da lacob ddla cafa de Mariji. ,, p 

TH A t, arbore diflilla liquore , quale vfano per bere i 
Taprobani. 1 D 

Thaeia^ittàdi Tcmcfna pofta ne mòti d'Adante. tg'c 
Thahcnauilij piccoli minori di luftc,nd maredi Per- 

' * ' ' ì-6 \ 

Tliefor|,& reliquie de fanti/quali fumo tolti dalli ^o 

n nel facco di Toleto. ^j q 

Theforo in vna grotta del Prctclini, ballante per com 

prarc la meta del mondo. 3, ^^ D 

Thcforo del Soldano di Ade in Almacharana dttà fbr- 

tUiimaddl' Arabia fdicc. j^^ ^ 

Tcforo del Re di Calicut. ,^j ^ 

Tbeforo nafcofto da Romani , in Togat monte d'Afriu 
ca. P 

Thdòro d gii .ngricultori,op.i appnb gli Africani, e/lW 
potrebbe Magon Carthagiiulc de Re Ruftica. 9 F 

Thebe citta nell'Egitto polla fui Nilo, eiiificata da Ro- 
mani, o • 

Theonochema.montc altilFimo, vccìi Carro delli Dei 
ni.A 

Thcolacha, dttà in Numidia habitata da mala sente 
7f.F ^ ^ ' 

Thina città mediterrana ndlc parti oppofitc del mar 
maggiore, Se Caljjio.iSy. D/ ne prdecu.dcntifluno 
errore Ariano, & farebbe la China. iHi.T 

T H o M M A s o Gradenigo Vcnctiano in Etiopia , ma 
■' fitaro,& ricco dipoiIcinoni,&:valIàlli. h^.a 

Thommafo di Marino Gcnoucfè,&: lua morte, jo. A 
Thomero torrente ndla colla de gli Oriti. ' 170. A 
Thoth è il mcfc di Settcmbre,fecondo Arriano. i8i. D 
Tholcmaida Theron. z8^ B/ ell'er potrebbe non moJto 
lontano dal Su.aqucm. ^g, p 

T H Y M I A T E R I o, prima dttà edificata da Hannonc 
fuori del llrctto di Gibral terra, in. D/ elTer potrebbe 
Jacittadi Aiamor. ut A 

Thymiama è cofa odorifcra,dctuMocroto.fecondn A r 
fiano. ^^p 



TISI, dalli Egitti,,da noi Dcccmbrc.Plin. ,71 P 

Tibi,terra dd Regno dOrinuz. ,„, p 

Tiburoncpdce,& liiaHiftona. ,,, "J 

Tiben lauoratori che fanno il vino in Calicut , Se fùa 
Hiltona. ' ■ 

Tiburoni.ilbla nd mare Padfico,& fuo fico. ,70 D 

Ticobon,if bla ndl'Arcfpd.igo di San Lazero. A» C 
Tmcl.duogomcrc.,,udco,/cc<,ndoArn,,no. ìL.F 
TidorcMfoladdlemolucche, Hifloriadd fuo Re,mer- 
cant,e,cSi f>opoli.^6u(ir,.^67. j^s I3/»g.E 

T.gr.s humcvioucficongiungecon |-Eufhte. 174 A 

T.grcnuhonRegnondlEdnopia.ioi.C/Tributoche 
nerilcuoteiil>reteI.mni. ^^tf B 

T.gn fenza numero ndlEtiopia. igi.D/ioy.E 

-ligrindla rcgionedi Palimbotrail doppio m.iggiori 
die non fono i Leoni. ,^^ y 

Timao ueres (bno grani piccioli 8c tondi, nafcono co- 
me 1. Lupmi,iie quali ne lanno corone le donne dd 

Kegnotl,Tigremahon,&lcportanolbpraknatu- 
ra por galanteria. ' ^ "^.q 

Tunei terra nd Regno di BarnagafTo. io!' A 

Tunois.lola nel mare ddle Molucche,fuo fito,mcrc.in 
ticA' popoli. }68E/<i C 

Timaia,Gcntilcpotcntiirimo,valIàlloddRediNariÌn 
TindiMuogo del Regno di Ccproboto,fccondo Arda- 
Tipur.1, Regno tributario à Bcngala,& di fue mcrca'li - 

Tiri,potto nd regnodi Calicut. ,!"[) 

Tiu>n,h,ogodeniorindlacofladiCalicut. ,„C 
^ilcbanco pac(e,f,xondo Arriano. l^' a 

TirannobocInogo,lircondoArr.ano. asJ F 

II. qS'e '^'^'''"^'''''^'^^'•'^""^S^'^- 
Ti^cittàdi IXiccalacdificata da Gotti. j, r 
Tito L. uio,et come le f i,e Hiflorie potrebbono efTcr le 

tradotte al tèmpo degli Arriani in Africa. -, F 

T oj V L B A antica dtta ndrAfric.i,editìcatada Roma 

T^j' 1 68.F 

i odga.piccola pronmcia in Numidia. 7. G 

Togat,montcndl'Africa vidnoaFdr-u Ito 

laTr ^"^"'"PÌ''''/^S""^'Paleac.-ite,ne u.ni. 

la.lolcndlacolbd. Monz.unbique, polle à diritto 

cam.no vero malaccafr.-.tol'Equinottialc, Se èia 

■ molteeolediminuita jg^ ^ 

Tolomeo non fècx- errore nel notareli gradi, ma furno 

^yanaridaqudlichetralLrifrero'ilfuolibro. n?C 

Tobmeoaqua tempo viflè,etdculP.to per nonhaiwr 

cnttochc Alricaliadrconcbtadal mare. „> E 

Tolomeo Attl6Ca,haucua d'entrata fette miUioni, e ine 



zoti'oro. 



ToletodttàaiCaftigliapre^&ii^eggiatadam;;? 
TomeifolanclgolforVrlico. ,„.» 

diezze & ordini dd ilio Re. ,J q 

Topati, nafronoiii vn fiume di ZciJam . 16 . E / ito >/ 
• 134.15/314. A ' 

Topstij detvldàIhaiimpiu-tcnagua,iuaHilloria,& va 
iure* --^ 

• J1Ì.C 

Topa- 



ì 



JrcPlin. j7i,F 

iif.A 

ioinCal;cut,&/u,i 

509.A 

e Tuo (ito. )7o.D 

frka, mangiano j;l; 

inLizcro. jjS.C 
Airi.mo, iStf.F 
ruddfuoRcmcr- 
, }ó8 B/JI9.E 
iI'EuHacc. 174. A 
L01.C/ Tributo che 
iOfJ.B 
191.D/107.E 
I doppio maggiori 
176.U 
oncii, nafconoco- 
ìronelcilonncdel 
anolòpralanatu- 
105.B 
>• 101. A 

«',fiiofico,mercan 
J68.E/5I9.C 
odclRediNarfin 
5P.A 
o,(ccondo Arria- 
i8(?.F 
Sfdifucmcrcan- 
5}^E 



al 



351. l) 

i«cut. jii.G 

»8j.A 

i8<J.F 

ledi Portogallo. 

ii.C 
rebbono cflcr le 
Africa. 7.F 

liricità da Rom.i 

68.F 

74.C 

'• 45.D 

racatp,ne ii.mi- 

', polle à diritto 
lottialc, &cin 

180. A 
Tradi, mafurno 
3 libro, ii^.C 
• per non haucr 
mare. n-.B 
Mnillioni, e me 

^7i.A 
ggìatadamorL 

3tì,coftumi,ric 

78.G 

KJ-E/179.IV 

HiJl»na,&vt 
• J12.C 

Topa- 



I 



DELLE NAVIGA 
Top.itio,& zaffiro iniicmp in Zcilam. „ . a 

Top.itio,& occhio di Gatt.,,inllcmc in Zcilam. .u.R 
Topat.,,par,m d. bamb.igi„,f:uti in Bengala molto tfti 
man per br camicie. ° ^ V 

Toparo,luogo fecondo Arriano. !«!; p 

Torjuogo nella corta d-Arabia deferta, habitatoda 
mola chriftiani della cintura. „, / 

Tortore ncirHthiopia in tanto numero, che volando 
o(curano,l5ole. ,<„.D/.p8.n 

Torpcdmc, pc/cc tenuto in mano l'addormenta . & ia 
tremare. ' ' 

Torr.in Damafco,ncllaau.ile fan P.iolo apertolo dLi 
do pnmone fu tratto dallAngelo. ^ ..gp 

Torrcnel K«j;nodi Tigrcmahon.habirauone della Re' 
ginaCandacc. ^ 

Torre in Rabato città d'Africa di mirabile alte^za.?/*A 
Torre in marocco.cdihcio celebre ,^ r- 

Torre nella mecca fibricata da Abraam patriarca. , n' B 

ZV'T-^^'^'^T "^"'£f'°P'-^n^lli conrinidel 
Regno di Tigremahon. , a 

Torte canfata dal Jcrler in terra . & dellapiacere che ne 
prendonogh Africani nelli loro tempi,. ,0 D 

Toll.co Drdcntanco, fputatoncl viibdal RcdiCamba 
la da la morte. ^ J? 

TRAMAPATAN, terra di Cananor. IZ'a. 

Tragainbar, terra nella corta di Bilmacar, ,00 C 

Tr.ipage,barche,(ccondo Arriano. Ys6A 

Tradimento del ièhiauodiMagaglianc$,pcrilqualfiir 
no morti.i4.Spagnaoli nel Zuhut. «o E/<<y,/E 

Tramontanafi vele niolto balli nel pacfcdi Gambr*. 
107. n 

Tramon tana fi oerde prima che fi auicini all'Eq uinot- 
tiale.ioo. leghe. O. r 

Trcmilbn citta, vedi Tclenfm. '^^' fj'Q 

Tripoli città di Barbcria, fuoicdificatori,prefa , &ciÌc 
chcpg.atadaGcnoudi,in potere di FerdinadoRc A* 
Sp.auna.7o DMrtcdiat.i,& vinta da gli Arabi. 4 B 

Tr.poh citta della Soria,riferita dal Barthema. lA n 



H 



-..r-.^...^.w.a.jv,i,a,riicricaciaiuarthema. 148 i 
Tripoh vecchia citta nell'Africa , edificata da Romani 
70. u 

Tributo qu.al p.iealacittàdl Dcrottc in Egitto al Soldi 

no per poter farcii zucchero. g. r^ 

Tr;minau.u,tcrra ndla corta di Bifin.iRar. «o V 

Trinar, Tcilera Portoghdc gouernatore ndl'iiSa ctf 

Madera. " 

Trimnngatto,tcrra nella corta di Coulan. ^J'a 

Trirti.luogondlacoftadeglilchthyophag,-. 4iC 
Trim,napatan,terra nella corta di Bifinagar. xL C 

da Arabi,&Macomettani,&: dal chriftianifiìmo Prc 
tcianni. P 

TrogIoditrco,luogoinEgitto.Plin. JI^p 

Tromajwan dttà de Gen tili in India,& fuo fito/^E 
Trulla ifola/ccondo Arriano. jg^ r 

TuKcc^fola nd mare Roflo nella corta d'Arabia felice. 

4^Etrf'^''^''"«^P^^^ 
T!?fr.,.^hft4bjtatn:caucili habitat, da gcntcpoucrl^n 



Atì-ict, 
Tanis Regno,& fuc regioni 



17.B 



TIGNI ET VIAGGI 

^T;;b;::^;ttf^^^°^^--^ 

Tunus,vocaburononhafignificatoapprell-ogliArtb£ 

Tunguli,barchctte piccole de Burnei. ,<, p 

Turcheie in molta cjuantità vengono di Perfia. .70 D7 
na|con.m^.aiar..,.E,vS,g..d.BabiSf 
Turclici;,(ua I lirtori.i.cV valore. ''^ r 

Turbiti in Cambaia..f7.B/fi,o prezzoin MallbaV. 

Tunjch^.fcogliundmareRoirondlacortad'Arabù. 

T T "^ o s cittàcofi<letradagliant.Vhi,ethoK"idiSuro 

porta alle marine ddlaSoria. m A 

Tutia in molta qu.an tità nd Regno di Tdenfin . 6j . Q 

m^S^rascittadiPerfia.,j6.E/i1,opre^zoinMalabar. 
TybièilmefediGcnna;o,fccondoArrìana. x8j.E 

VA e e H E fono adorate da Malaban-.i47.A/da cruz 
. ^""ti.uaVndl i(aladdlep«le.,zi B^^perche 

VaSle;dr?Ti'^^ 

vaccJK ntl Regno d'Adea,grandecomcgran Camdli 

Vacche rortè nò i\ ritruouano nd paefè de negri,nn il 

^nercoverobianche,òtaccatcdinea,,SXÌia 
^cts& di molta piccola rtatur.1. ' 'e 

yaahccinquantà ndlEd^iopia. datepervncai 

Vacdie qu/ndid comprate da Portoghcfi in Monzim 
l>'quc,pervnrafoio,&vn fonagli. ""™"^ 
Vaprmcfttànobilcddregnodipt^ 2'a 

Va.p.u,terranellacortadiBifinagar. '^ r 

Yarodr.a,dttapoftafraterradeÌìeprincipalidiam. 

Varuefidttàcon buonportond Regno di CamfaSf 

Vafi di porcellana bdliifimi, lauorati , & fnuctriaridl 
V r '°'"*-T°/\'?"«^'^"0'"M""bane. ' " À 

Var. pxeni di baUamo,. .; u:p.o ddla Mecca, fono mo 

Vaxa.^ viUaggiodemori, &GentilincIlacoftad;De^ 

''n?,"^rfS'^'^""''°'°'^"P"'lqualepota 
noacauallol. bàbinipcrfircpruoua àqualSS 

Kjned-animohabbinoadert&indinatr 7^^ 

Vc«llochev.uediftercodeslialuivccdli,&fuaH;: 

Vcceilodarapina,m.nggioredivn'aqtt.-L.di«,IorS^ 
, _ ^^'To.conqualcKepcnnabianca.bcccosiallo. & 

"' ' 111. a 

Vccdli 







ìtìjÈL 



I HR 



. Vece , Jctt. L.igh.nn,ni%iano il core alla halena.uj,.D 

j V , '' ' 'V'" ''•'""" '""So.o"'-' ftialti(chino. u,. A 

! vccclli^r.u)d. come gallina con corni, pongono le lo- 

,, I ro uoiu (octo terra vn braccio,& naicono per virtù 

• * oelSole. "^ gg 

Vcceilidi rantagranHezza,chc Iciianoinacreocniera 
; «le animale. Jtìi A 

VcctilinellaGnuacomeCoIombi, fenxa piedi, & per 
che molto cftimati. . , 3 

VcceIIita.itolcmi>!>ci,chcfilafcianopigliar con mano 
' n9.F/i75.F 

Vccelli fenza Iingua,ncl Brefil, ,„ p 

Vcccllivolatili,&aomeaicidicUucrfcfpcticnc!|-Etio 

v^'m-1-j. ,• ,- . ^ lOI.D/jyg.B 

Vccciii di diuerre fprtic in Calicut. , 6i.D/nelRegno di 

Scnega.i04.D/n.lii<blaSanTlin- r8.F 

• Vcccllerti quali cntt.ijio in bocca , ^ t|j 

nettano idéti,.^ da lui no ^ ,.,o,h. ■ .fiJs 

Vccclletn ammacftrati dar! x lotte con boUctunincI 

Cairo. g^ jj 

VcccllcttoManiicodiota,n.>n prende ripofo,fua orici 
ne,&Hilloria. M'-D/^tJgD 

Vcmiiegrandi, &piccolc, »iui-nctiunii ncll'acofta'di 
Celila. ^ggp 

V D I G 1 R M A t E , montagna del Regno di Narfinr.. 

pofta nel principio di Orixa. ji^^jj 

VECCHI, non fono honorati in Zubut. 118 F 

Velcno,qnal fnli ■ , .- fi morire. " /p 

Veleno compod •> di fanguc di bircia,con vna femenza 

di arbore vfai c> per attoscare le arine n ci paefc di 

Biidomcl. ^ j^ g 

Veleno acu -, ii: mo , Se fuo prezzo nel regno di Nubiai 

80. E 
Veleno di Bertele . ,^ g 

, Veleno potentilllmo fitto di vna radice qua! ammaz- 
3A in termine di vn'hot a vedi Addad,radic«. o^.E 
Velles della Gumera,Città.vedi Bedis. ,0 A 

Vela Porto di Mare del Re- no di Dangali. j+^.B 

Veloatadell'Llefante. ,oY_q 

Ventiquali regnano ueiriroladiSan Thomr. nSB 
Venti qu.Ji (criuno per lu: icare airilbla di San Tho- 
me. iitfC 

Venti quali fl-riiano alla nauigatione d'India fi ncll'àn 
dar,come nel far ritorno. 178.C 

Venti quali regnano l'Eftate,& il v-rno in Calicut. 

Venti quali regnano nella terra fcopertailalVe'"nucd 
m.D ' 

Venti q uali regnano nelli Mari dellr InAc, &: tcpi del- 
le Nauigationi .ì qiielli Regni. , . , e 
Venti calidiirimiMòftìano nel Mar ro. .,. j2+C 
Ventofc pofèe (opra il fronte , & le Tempie è rimeti'io 
vfato da Negri dclliibla de San Thom<: contra la fcb 
nre. ,jg ^ 

Venerdì gioruo ofTeruato da gli Africaiu per vdir'le 
lor predicationi. • j^ q 

Vendcn.io,oucr Migindanao.ifola nel Sur,fuagradez. 
za,uto,&( de (uoi popoli. . iy6.P 

Verzino nella corta d'Ethiopia.ii8.F/nella terradcl lu 

;;' d!:^^".'^^'"7'""'^"'-«9-^/ "^H.C/ nei Pegu. 
l66.B/in Cai/ -ut hu. prezzo. hq^^ t 

Verdc,HutTxc,nclla .oftidc negri,f coperta da Pierino <U 

.Vntr .: _ ^ 

VcrdftMontcaltiflimo in Africa,& fuoi termini. \jlC 



INDICE DEL PRIMO VOLVME 



Vergogn.i,caftcUonell'Africa,«pchccofid«to. 4< D 
Vergun morendo,non vanno in Paradiib. J» n 

Verginità dallcdonne&huominiinCalicutèdifprez 

Vcrginit.\, con qual cerimonia ila leuata allegiouane 
01 Calicut. " ì* 

Verginità dt^ataa gli Idoli da ..Icunc Giouincue di 

Marlmga,& con qu.il cerimonie. -oi e 

Verno & , u.i diffin,t/one,fccondo il Fracaftnro. l(,6 E 

Verno in eal.cut,c, daMaggio,/ino à mezzo Ottobre. 

VcriK>.& fuoi me/I,nell'Etiopia. .99.A/Ì0,. A 

Verno &fuo principio, nel golfo di San Giuliaiìo 

^"foit' '■^''^^^'^«' ^ mangiata dalli Re come cofa p, e 
Veri! ili Eldabag poeta fatirico,contra la città diTcbèil 

Vermabefum Maycerem,cio Dio in tre perfont ' ino- 
rato da Bnimini in Calicut. ,o^f{ 

Verma,Rct;„o in IncUa porto tra Bengala, & Pecu, & 
de (no. popoli. ** ^^ ' jj 

Vefich^delvcroAnimaledelMurchiòcomefianofliifi 

Ji/.B 



^tfl"r1'?c"'''V,I''"'^^' P°"'^^«» Pouafan^ci'd 
nell ifola di San Thomc. „<; p 

Vetro è molto ftimato nell'ifole del mar pacifico " 

r I A o e I o à torno il mondo fatto, & deferi tto pMtf 

fer Antonio pigafctta Vitentino,ranno..ci9. Ui.D 

Viaggio vcrfo fa India Orientale , delcritto daPlinio . 

Viaggio di Nicolo de Conti Vcnetiano.fcritto per mef 
ler Poggio Fiorentino. '^ „„ p 

ViaggiodcH,eronimode&intoStephanoGeroudà 
M.Giou.-mIacoboMainardi. ,. , r 

Viaggipcrliqiulieranoco,! iefpetieric, manca- 
to I Imperio Romano, & prima chcda Turchi furti 
romnato I Imperio di Trapefonda. ,72 n 

Vuggio per condur Ic.'Spnierie dalle mo!.,che in Siiu 
gì .^piu corto di leghe i/tfo.di quello de i ortogefi. 

Viaggiofcritto<h v„ Gomito Vcnrtianocondottopri 
gionc daAlelUuiria lino al Din perilmarerolìb. 
*74'C 

Viaggio alle Indicquandofcoperto da mori della mcc 

hxegio che potria far per terra dalla M.rcouia, alle 

Ipetiericieo^ndo l'intcntioncdi M Pau.u Centuno 

niOcnoucie. j. 

Viaggio fitto dr! ■nno..49<T.da Sebaftiano Cabora Ve 

ctiano,vcrlo .slaeilro aila terra noua per il Rcd'In 

,hilten^&: dietro la e iladelB.cfil K.rilRccatho 

V ia^io nrH'Etiopia.di Don I r.-ircfco Aluarcz PoJio 

V) :iodcTunis,noni irò. .(- 

^ . * ??f^""'' P^"<^ '^o àiVciTzil Cairo per il de 
ici adi Libia. * » 

Viaggio ?cllalndiadi Gio. . midiLEmn.,!; ./," » 

Viaggi! in rtjucrk partcd'Alia Littida Giouan Leone 

Miuno. g^g 

Vino 



i 



Vino 

lite 

Vino 

nel 

Vino, 

Cai 

Vino, 

Vino. 

Vino 1 

die] 

Vinol 

loS 

Vinib 

ncII 

■ Vii.ipo 

diD 

Vittori 

Vittori 

ro. 
Vittori" 
Vittori; 
di Gf 
Vittorie 
Vittoria 

nis. 
Vittoria 
zira. 
Vittoria 
Gran; 
Vite dell 
cano. 
Vitad'hii 
r.inta.j 
cuna il 
cento, 
Viti nciri 
no,nèl 
Viti,fi ritt 

?40.F 

Vituilipat 
Vixaopara 

/ICI N D 

Perfix,6 

VMF • ", 

Vmai, 

VNCHIk 

I70C 

Vniuerfità 
Mctico ci 

Vnicomin 
la corta f 
ghidelF 

VOLVME 

• liadiGic 
Volga fiuni. 
Volochdafi 
Voo,Rcdd 

ftumi. 
Votifecond 

Giapan. 
Voti tanno a 

diftefi in t 
Votobcflial< 



'che cofi detto. 4fD 

linCaJicutèdiTjirM 
, 'if.n 

Icuataallegiouanc, 

cune GiouincccL- ili 
•• joi.F 

ilFracaftoro. lOC.E 

à mezzo Ottobre. 

I99.A/IOI.A 
odi San Giuliojio. 

liRecomccofàpre 

talatJccàdiTcbdl 

tre pcrfont ' ono- 

ngala,&Pcgii,& 

i6 come fiano fili fi 

31/.B 

& figliuole, nelle 

ccà Pouafimcitd 
iitf.F 
dar pacìfico. 
Sf (lefcrittopMef 
anno.1519. jyi.D 

icritco da Plinio. 

io,icrìctopcrmef 

nano Gcnoude i 

pctierìe.manca- 
c da Tur chi fu (lè 
J71.F 
molliche inSiiu 
Ilo de j jrtogcli. f 

no condotto pn" 
crii mare roiiò. 

1 mori della mcc i 

40),F 
iMofcouia.alIc 
Pan . Centuno » 

ano Caboto Ve 
Ja per il Re d'In 
K"^r il Recatilo 

r4.E 
Aluarcz Porto 

Cairo per il de 
5>.A 

H>1L t^r.R 

Siouan Leone 
89.B 
Vino 



DELLE NAVIGAI 

Vinodura qufn.lici anni in Africa e/Tendo vn poco boi 

Vino^ non fi ritroua in India . Se è bona mercan til pc^ 

Vino,èprohibitod.ilIaIcpi^cdiMaco. , "°a 

Vino . ; palmcA' /uà Hiltoria. ,0, F/ur n 

^ Vino di Riro,.lirtillato,maKgiore. & n„ .Sg£ 

d.queld.palma,drtto,faIndi.i„,Ara. . Le 

T08.D ' '^'■""'^•'^'"^•"«n'^l Kcgnodi Angot;! 

Vini bianchi , vermigli , di mele , & di orzo fono vfarf 
nella corte del Prete Ianni. j.q CliJp 

Vittoria<liAlcirindroMagno,contragliOriti.JÒ^A 
V,ttor.adePortogl:cfiaJDiu.co,itrai4ldanodcTc.ai 

Vittoria de Portogcfi.contra li Mori de CalS^'lr,'? 
dS. ^'«"'^'■^''°"'° clAlbuiqucrqne ^llSa 

Vittorùuicl Prete iannicontra il Redi Adcl. "''L^ A 
V .ttonadi Abuhenam Re di FclHi contra .1 Re dcTu 
nis. "■ 

Vittoria del Re di Feflicontra i Pottoghefi all'ifolaSc 

Vitroriadr Habdul Malie ' Mninator diDamafco/i^ 

Granate,contra Roderigo Red. 'otti. ^ ' r 

Vuc^delliFiloiofiArabircrLpcr..otunLeoniA};^ 

^'r,nM"°t7-'''''''''"'°='""''^77.A/dicento.ìttu 
r. nm.,, B/dicentoccinquanta. trapaflitalenza^l. 

. *^""^'f™'"-'74.E/dicento,^cinquanta.n,.D/d; 

Vr"'u'-r ;'"]f'^'"S"«^i" K^^ame città d'Arabia.Mf A 
Vitinell ioladiSallìome fanno frutto due vokèK 

. no,nch'"oigrafpifimaturano3dvnte,npo. „8 E 
V,t,,fir^trouanoncll'India,(òloncllacittàdiPauco„ia 

Vitiuiipatam, terra nella corta d'Orixa. ,„o p 

V.xaopatam,tcria nella cofta d'Orixa. ioF 

V M F > ;iunaibc,antica città nell'Africa. '^^ B 

Vma». ■mHiporto,delregnodiainbaia. utB 

Vniurrfitàdiftobn,con cinque coUcgij principali, in 
Mcaco città del Giapan. ^'^ ^,0, r 

Vn.cornineltcpiodcflaMccca,r«aHiftoria.,n.F/neÌ- 

lacoftafcope.,adaPietroSintia.,n.C/portatodaIo 
ghi del Regno Dely. '^ " 

V o L V „ H di tuttigliEpitaflìfdi Mauritania.& Bar^ 
• ria di Giouan Leone Africano. . , e 

V.ttT «^"'^'^'""'^•^-ca nel mare Cafpio.37x".F 

Volochda fiume nellaMofroiua. ^ „ /f 

fh,mi.'''""'"^°'' ^«=1 Giapan.Hiftoriade fua vit;^?'^ 

^°Gi^r''° " '■'^°"°^°» «'Teruati dareligiofi^dd 

VotiunnoalcuniGentilidinoninrIarmai,dinfftar 
Aftefim terra.&altre fimilicoV ihanc. „' r 

VotobciialctattodaMorid !Ja ( .uanellegranS: 



lONlETX'AGGi ' ,^ 

lattic.fuaHiftoria. _ _ 

V 1- .. A R A luogo.iècoMdo Arriano. lllp 

V V A nerafenzaacino nell'i(òi.. Madera. .«a 

Vua^jalIa.nLtiopia,grofiàcomenocelle,etfcnzagr;. 

Vuaqualii/ccca.nAlricvliodorc&làporcmirabile. 
Vt.c,&^pclJ,cfimatturano;lFebbraioncll'Ethiopia. 
Vuelonghefenzaciolo.nafconoinMenincittàdiSo. 
'tS^^----'"^'^^'>'viciniaciS^ 

V X II popoli contermini alli Sufiani. 173.? 

^ ^ ^jfy' ^^""^ "«^"«°ft^ H'Arauia/uori del ftrctto. 

Xantom,prouinciamaritimadellaChina. ,c,i.D 

Q 2 Hit;-' Atr ''^•'^' Cegnigo. fan 'SS 
Viiapan,Hiftoria della fua vita. „« rj 

Xan^tmanellacoftadelPegunellapuntadiNigraes. 

X E s E Q^ ,, terra nella cofta d'Adem. xci R 

X I T A R 1 M, prouincia nella Perlia ,,l r 

X o A Regno nell'Ethiopia,& fuo fito. „o B 



ZA e HE R 1 A profeta honoratodaMori, fepolto 
m Damaico. fon 

ZachenafigliuolodilahiaRediTunisn-.rtodipeftt 

Zaffiri in vn fi.,mediZeilam.i<73.E/,7o.F/i8 , B/Biachf 

nelh mot..gnad,-Narfinga.,oo.F/teLri adi S- 

Kadclmare,nCapucar.,„.D/inZeilam. Lfe 

Zajtr. .h Zeilam,fua Hiftoria,& valore. Ifì 

Z A .,Quin.gcnih,m,fuaHiftoria,& valore. S.S 

Zaflin-,Cinganolam,fua H-floria,& valore. «" B 
Zafferanonell ifolaSan rou.nzo.t78. B/ilpiupcrC 
del mondo nel Rcgiu.. di Tunis. ^ ^ "n 

Za,fiume nell'. r ;ca,l-ua origine,& termini. 00 B 
Zagoan monte nel K .gno di Tunis. ^°r 

ZairagiaregoladellaCabaladifficililìIma, V'p 

Zauon porto pofto nella bocca del fiume Aua.fopJa « 
mare,' K .n.na,ndla cofta dj" Man-i. f.oP 

Zaide,M omctts >eretico,&fuaH;u<>ria. ,87 G 
Za.re.fi^umcdcl .v,,uodiManicongo. &fuaoriginS 

ZambeiArabo,SignorediMezeribe,rotcnt;«nmo,tIe. 

Hi^Sm"'''''"'^''^''^"'^^'^^^^'^^^^^^ 

Z. abucl,;nauilicuciti con Cairo. 58? "^/i<Ji.F/i''' " D 
Zamal,.fola nel mare pacifir,. * "Va 

Zanhaga,deferto , ' f.ibia,6c fuoi ter T,in?. Z'n 

"z-eK^"^' *^^'^ ^'^'"' '°'o o'iiJ'nc. & Hill- .-ia. 

ianguebarpacfcnclJacolhd'EtluopIa,&fuaddcrìf- 
"*• j8<r.E.P 

Zanfàra, 



■fi 



I ' 



■ 





il 


! J 


jduJIjfl 


i 






il 



flfl 




I N IT I e E D li L P 

2an(hra,Rrgno eie Negli ncll'Afiica,& ile Tuoi popoli. 

Zjnculo,liitinr)lcl Ripnodi Maniconco. •ttji.C 

Zaiizor, villnggio nell'Africa vicino A Tripoli vecchia . 

-•t.B 
Z.uinquin,t.-rr.uli mori , nella corta (IT riiiopia dentro 

il mare Rollò, 190, D 

Z.i|'p,i,&: (lai iii,liino infcj^ne reali ili Benomat3pa.)9J.r 
Zaranotis, panni di banuugio, molto apprezzati da 

mori. ij,^.^ 

Zjrhon.monrc nell'Africa,*: Tuoi termini. 44.F 

Zarfa citta di Tcmcina. 19. £ 

7.itta , Cua fórma , & materia vfata nel lago di Amara . 

119.A 
Zaiila città in Mauritania, edificata daGIufcppe fècon» 

do Re di Maiin. ^^.n 

Tauiiit ncn(arlnih,viIlapgio nell'Africa , habitatoda re 

ligio(ì,abondantcdi Datteri. yi.B 

truBEL, cartello nella proiiincia' Glicneg. 7j,D 
Zcb,prouiiuianelile(crtodiNun .u. Tj.D/i.D 

ZcdoarÌ3,in Cananor.5ii.C/j4i. Al tuo prezzo in Cali- 

cuf- u,'.I) 

2egrcg,Regno de ncw i ncil'Afi:lca,fuddito a Tombut 

ra. 79.D 

Zeilam,ifola nell'indico oltra c.ino Comorf,(l(.'tta da In 

diani Tenarifin ' iiftoria de (iiof Popo!i,mcTcnntic, 

& ricchczzc.)i5.D/i4i.A/fu.igrailezza,& iito.i<r5.d/ 

■ 5'9.C./.7i^..A,'.t79.F/no.F 

Zcilani.fcronilo l'opinione del Corfàli e laTaprobana, 
' &nonlaSumatra. 184.B 

7.cilon,i(ì)la ncU'ArcipcIngo di San Lazrro. ^fS.B 

Zeiia città ncli'EthiopiadettadaantichiAiomataFm- 
poriiim.i7(J.A/Hiibr;a. i,-,-. E/ abbruciataci Forto- 
gbcfi.&fnoiìro. iSó.D/ipo.C 

Zciniilhebitlin,dcllaftirpfdiMacomcttopadrcdiNa- 
tìllà dolina iamoià. g . j: 

Ztlag,montc in Africa,& Tuoi termini. 44.F 

Zcnetipopoli Africani Signori della prouincìa di Tc- 
me(iia.i7.F/fcacciaronolacafad'Idris. i.D 

2^nzib.ir,ilòla porta tra San LorL-nzo,& la corta d'Ara- 
bia,^: de ilioi popoli. i^.¥li()o A/i8i,D 
Zcnobio,&: Scrapidc Uole . i8f. C/ potrcbbonodi loro 
vna,fnLTC l'ilòliMacira. iSz.D 
Zcrzcllino,in gnindilljma qu.intità in Callciu,dcl qu» 
le ne fanno olio. 161. A 

Zerumba in Cananor.3ii.C/inCalkut.5n.F/ruo prezzo 
J13.D 

2crzcr,Uiogo nel mare RofTo nella corta d'Arabia feli- 
ce- 17P.D 

Zetires popoli idolatrl,& de loro cortami. iia.A 

a I D I T città cb" porto nell'Arabia fclicc.fua Hiftoria,et 
fito.^f. B / dcltrutta dall'artnata del Soldano . 80 . E/ 
i86^.B/prc(à ih Soliman BailàTurco. 179.C.D 

Zidem città ntirArabia.Hiftoric di file mercantie,ec de 
fiioipopoli.i7?.A/ifi.C/U4-D/i9i.B/fito. 185.B 

Zigir, e la cannella perfettilllma fecondo Dfofcoridc. 

• e8z.C 



RIMO VOLVME 

Zìmbaoi, h.ibit.itióc nel Regno di B<nomat.ipa. 18S.R 
Zinglii popoli habitanti ncUajH)diGiiardaliini. i8i.t: 
Zinganf gente poucra , &c latira , habitano nclli ddtrtf 

tra II Regni di CanoA' Borno nell'Afrita. 7<,.C 
Zingani di Gorani tendono guerra col Re di Nubia, Se 

hanno lingu.ig^i'o ih mori non intelb. 80.E 

Z'nghis promontoriu, detto da mo«lerni capo di Guar 

u.ifuni,&:(ii()(iro. 181. D 

Zjz,monri nell'Africa,*: f'ioi tcnnlni. 57.C 

Ziz, fiume in Nujnidia,f u« origmcet fimi tirmini yo.F 

Zizfrofli nieportodell'India.rt.r/dcttodaTolomeo 
*: Amano Muziro. i8ó. F/ in quanta altezza porto. 

ri-A 

X o A R A dtt.i neirAfric,»,porta fui Meilitcrrano, ha- 

birata dagente p.jiiera. 70.O 

Zoicoli vfàti p»)rtarc il verno in Feflà. 41.E 

Zoccoli portati dal Redi FelKi per riputationc, 44.E 

Zocotora ifola nel mare Indico incognita a Tolomeo , 

habitata da pafbri ChrirtÌ3ni,& ino (ito.iSr.C / Hi- 

lloria de fuoi popoli, mcrcantie. 191. B/ Circuito &: 

Hilloria. ?4i.B 

Zolfo,ci(c file minere in Africa. ^ ,-. A 

Zolo.ifola nel mare Pacifico del Redi Burnei. jff 4.0 

Zolor,ilbi.i nel maredi Bandan. jóS.C 

Zoncin qiial vlb erano apprellò i Romani. i8i.B 

Zorobia,i(blagr.,nde vicina a B.indan. ^CS.C 

Zorma,liiogo nella corta ifArabia deferta. 180.B 

Zorzinn;,popoligiadctti Hiberi,& Albani. ?7}.A 

Zofcale,SignoredaiMolcophagi,fìn all'altra Barberia, 

fecondo Arriano. iSi.I) 

z v H A I R, Arabi habitanti nel contado d'Efeis in Afii 

^ '^^ 4T-E/i,-.B 

Zuama.tiumcnellacortadi Cefala. i89.A 

Zu.-ingonzalesZarchoPortoghefc,goucrnaforcnciri- 
f ola Madera. 07.? 

Zubut ilbla del Re Chrirtiano,fua hiftoria,&: fito.jjS.c 
fìnoaL}«>i.E „8B 

Zutliolin Re di Senega,al tempo di mertlr Aluifc da ca 
da Morto. . ,o,c 

Zìi 1 uan if bla nel mar Pacifico.fuo /ito, & de fuoi popò 
'■• 3^r,.B 

Zucchero in molta qu.intità nel Regno di Nubia.8o.l) 
nell'ifbla madera.c)8. A/nell'ilbla delle p.iliiic. 114. F/ 
in San Thome.n7.B/ Principe. i i(5.E/ in Zibit.Hf. Q 
S.-uiLorcnzo.i78.B/C.ilicut.uo.F/Cambaia.ii3.E/Ba 
ihecal.i.ij8.B/i79.A/}oo. A/ in Bencala.i6^C/}i,-.E/ 
}M.F/ji6.A//uo prezzo nell'ifolc dcladri . in Bornei. 
j(Ì4.B/ in Ethiopi.i non Io fanno rapinare. iH-E/ in 
A fricxio. C/in Egitto. ^ g^.C 

Zucchero candido in molta quantità in Bathecala città 
d'India. ijg.B 

Zucchero da^li antichi%a vf àto per mcdicina,ct in pò 
. ca quantità ,j,Q 

Il fine della Tauola, 



A GM SIVDIOSI 



or 



Bfnomatapa. 188.E 
iGiuril.i(lifii. 181,1. 
ibiunonclliddcrti 
ci l'Africa. 7H.C 
col Redi Niibla.ac 
ntdi). 80.E 

Pilcrnicjj>odiGii.ir 
liJi.l) 
ni. 57.C 

?t fiioi termini vo.F 

Inetto da Tolomeo 
lanca altezza pollo. 

I Medi ferrano, ha- 
■;o.D 
a. 41.E 

piitationc. 44.E 
>Hnita a Tolomeo, 
luo(ìto.i8i.C/Hì. 
191. B/ Circuito &: 



^i Burnci. 

omani. 
n. 

efcrta. 
albani. 



J68.C 
»8i,B 

}<;8.c 

iSo.B 

47^A 

i all'altra Barberia, 

i8,.I) 

adod'EfcisinAfri 

4T.E/if.B 

189. A 

ouernarorencUi- 

97.F 

ftoria,&fito.)f8.c 

3«8.B 
tiedcr Aluifedaca 

loi.C 
3, &defuoipopo 

,56.B 
nodiNiibra.8o.D 
elle palme. 114. F/ 
.E/inZibit.Mf.Q 
Cambaia.ri}^E/Ba 
icala.i6^.C/}u.E/ 
cladri.JnBornci. 
aiiinarc. if4-E/ '" 

8<.C 
, ìnBathecalacitù 

H8.B 
mcdicinajCtinpo 

J7J-C 



«FOCRAPHIA. 






iiSiiSiiisSi 



sas^sssiii 



fir 




m\ 



f •- 



TT 



Pi 



*m 




H 

W 

< 

H 
M 



1» R I M A 




TAK A. 



TAVOLA 




zi 




^^imm. 



If-V.:-.; 




TR A,MvTaW A 






TAVOLA 






,££- 



" ^ «:~~ *^-^_ Corto fimfò IT 
Octtcjrnimiiiis o, ■ 



-^i>;.0 



no 










-4 


S S! 


ìw 


-1; 


ff 


f K 


««■ 



traAvtaiv^a 



!^mimmmmm 






{ 

i 


i 

1 

1 





■ 11' ■ 



i * 

' Hi 




^' 



DELLA DHSCRITTIONE DELL'AFRICA 

Et delle cofenc abili che quiui fono, 
Per Giouan Liont africano 



'*'MA PARTI. 




AP I 



dalFAlìa per .1 fiume dd N In I • .^ ' ^u ^ '' "]^' «"e'i'Hrranco , BC 

tcdo li* ritorno al luo rcLmo ccs\ fu^rG^ « « Kc d Affina,!,» pò 

che nelle parti v.Sca ?.T° ^"*° Ponentc.nò fi fermòprima. 

h.nontcngonoqua(,per AfrKuaItro,chcir j S^^^^ 

dono la parte occidentale (olamentc. ' C.arihag.nc. 8C per tutu Africa còprcn. 

Secondo I mcdefìmi A fricani rauclli du^ . '"'" *• 

paphia)rAfricainconiinciandodairaS,.i^T?3.r''°"HT^"'''^^^ 
hn,/ccdallapartediorienteanmmeN^r& éa^jf^^^^^^^^^^ 

to,c.o e doue entra .1 N.io nel mare mediterraneo r^^^^^^^^ 
iVmrar del N.lond detto mare,eflendendol^^^^^^^^^^ 

^.r«efopraroceano.l,ualefi„oS^fe^ 

«nupuatadiAtlante.apUoAS^^^^ 

ha hnc al mare m ed terraneo Diyliando .1 «-.^ ":'^^^J^iO miglia . &' dallj parte di tramontana 

coddlefouradeaecoIonne^'KS'a^'dX?:^^ 

. «^"'^S^PfaoltrafulmarcoceanXo; vl^^^^ ''rcrn,ine incomincia dal detto 

ce occdencale fopra l'oceano vicino al luogo ndSltl^.^^^ 'n'^f "^ '^^ "P° ^*>"^ P-*' 
ivczzoR.ornohn,rceapDrelTo.ImonteAK'S^^^ 

mare meduerraneo.queffa e la più nobile par' e d^n^A^^^^^^ 

ni biand,i,cl,c per ordine di ramonc &: d. lrao/(; nella quale fono le citta de clihuomi 

«a Numid.a A' da ali Arab. B.^edX^^^^ ' ^ ^'^^^"^'' P^"^da l^atm"fd 

«cmcominciadat%acatci,tad.rcofbSE«w^^^^^^^^ 

pmn .noaNunpolbrulmareoceano:a^dSotSr^^^^^^^^ 

ndlafaccia e heguarda vcrfomezzomorno nellan3f 

1 l.-irena dd diferto di Libia.afcfi AraYii rZ ,n ^ , mezzogiorno termina afcòfina nel 

ri,convnmeddimonon,e:pciS[3^^ 

it"'" ^^PP^'^'^L''^'-».^^ nell'arabica noLS?^^^^^^^^^ 

ci.or.emedalN.lo:ciocdaIconrinod,EloSs^if?^^^ 

no:&dal aparteditramontanaconf^a.ó°'N^^^^^^ 

tcrordallatodimezzogiornoconf^naconlatem^^^^^^^^ 

regno d, Uaogia^ 1. po^ verfo poner.n no al tSl^ ^"^^ ^^"^'^ ^.^ 

La quarta pdrte.che è la terra de necri dalla mL^^ ^"^'^" ' *^''*^^ ^" ' »"are oceano . 

.^r-'^5y-^-ccidenteinfìnorfiu'aSffi d^' -gno di Gao°.5: 

^^«-,& aaii^iou,mc2zo giorno termina al nwcoce"annl., ",!'"""'' ^^"""''"^ coni dUertVdi 

Vugg,: ' "*'«'""'*^^^"'"^PPfcirodinoi,ma 

* pure 









ih 



PRIMA PART 



Fmme Ni- 
fi"- 



pure molta notula ne liabbiamo da mercatanri rh^x7i,«^««^j »i . .,»- 

ino che clic entra nel mare creano. A- f.r..,.^^ .L Ta . ' "' ! ° ' n !' ""°'S*^ ^"'^ 



il 






PonVnu^.nfi;.oceenoTn^ 

ilN.gercvnramodelN.IoIquS^^^^^^^^^^ 

nui,rono,cl)cl detto tìumeJomncfavra^ ^'^"- 

quella par.e,clKauór de iXt de rÀSS 

Etiopi. f,tape',mc,l,erag,o„,,che?nln;cop«e^'^^^^^^ 

lei veni?ono certi rplio/nf. i'r-.,i ,v, i i ^""lengono.a i Lanni la chiamano Ethiopia. Da 

cllafupolTedutadalRediTSnTaifeKn^^^^^^^^ 

nedi effempio TelTetcittrSNwS ! r ^°"°'"°^'°> 

.ac.oneperKrtSace^^^^^^^^^^^ 

nondin;enov.narrcròinonSrrren h.S^ '"^ nonmerita titolo di regno. Io 

noalmododellaltrrrcglZomTlofta^^^^^^^^ 

fponde vcrfo MauritamV P^ìn^.^^V^ ^ °'.^^8«^'"'<^'è.che e nella parte di Numidia.laquale ri 

^:Teo.ar.Cap.e4N^\^:|r^°;l^^^ 



be,Garion;MefieÙara Men,a„ t" ,"'\^ 

ranza dell'aere. ^"''^ "^"^'d'^"^° ^"choracflb, ma nomato d.illa borni 8i tcmpc 

^>"'f'0»e Mi terra nco;rd ter ciafcunre^m, 

Anchora,Iaten:ancgraedfuifammoltircgn,;diqualfnondimenoaIcunffonomcognftf,8^ 

lontani 



S 



IregnodiTom-D 
ncia da vn diTer- 
li r/uolge vcrfo 
ri cofmographi, 
iellato. Aku- 
lìti, 8c correndo 
no dal regno di 
fino al regno di 
i regni d'i negri, 
loi detti cofmo^ 
Q cliendc vcrfo 
I mar rolTo, cioè 
Jtata parte d'A- 
)Etlnopia. Da 
ajgono per tutta 
odo di Impera- 
abitata da Chri 



leèdiuifomfet' 
ora,8<: Tedlc. 
loTemeznCjil 
'diTclc(jn,chc 
' di Tunis, a cui 
chccvnabuO'' 
he alcune volte 
li noftri li fece 
do Redi Spa- 



i non le hanno 
ltra,pcrcagio-' 
^daognihabi- 
odi regno. Io 
ouano,che fo- 
iidia,laquale ri 
j&BileduIge^ 
nda parte del- '■ 
JfrenjHacca, 
it, Tegorarin, 
re citta, quefte 
altre tante cit- 
rifoladiGer> 
'loachet.que- 
3me s'è detto. 



fìanodiuifiin 
a il fuo viuc' 
nega,Guan- 
inialignità,o 
3 per la fteri- 
itàSitcmpe> 



incogniti, 8C 
lontani 



DELL'AFRrCA 

A lontani dal cómcrtio noHro. Pcrilche di quelli dirò ouefonnfh-^.'A fvu,.u i 

..ca,&'d.qucgluItrianclìora,da'qual.partLohmCtfnTct^^^ 
nonclpaefe,dot,eiocra,mened.e'dero'buonainforrt r'^^^^^^^^^^ 

per quelli tanno la llrad? loro i mercatanti^chc parte no di Gualaia per andare al Chn/rr. ^f 

f.gnihca,quantoneIlaltalianamorniorare. PcrcioclKirfaiidbd^H, Af ^'"^ ''"'° "T 
to & dtcono chene'tempi,chcme AfricofSit ol^g^^^^^^^^ 

n f . . , ,.nr- (^^-ig'^e de s;li africani. 

e lAtrica,S(: Il come la trouarono buona &: fruttifera colivin<..rnnn.nr? ^Ar ?^ j ^^ 
glM,abi,an,,d/aIcan?par.,VA(ia.ondcSXchccSol"l^^^^^^ 

n.cc,cac,o,.c<,u«a,<pe.„o„en^fSor£!'rptlSprrSr"""^^^^ 



iWt- 



i ; 



n. 



, 


['MS 


'■f ' 


^ mJB 


■ !• 


. '.' il 


ili 




-flii 



Viaggi 



:gionUl Marocco» 
ij I Gumera 




j fTf'"^ 



1ì 



Marocco 
du chi fu 
edificato. 



^1 



PRIMA PARTE 

IGumcra Hn^ilnicntc habitano ne monti di Alauntania,doc ne monti r/jruardanfi- f.T-f n,-,... 

ducrraneo, & occupano tu tra la r.u.cra,detta R,fJac,u.dc ha pniS 
nc,a^ ic^ue vcrfo .1 Icuar del fole per mimo a conHn. del einoTff nfm nV^IU f f ^ °"' 
e chiamato Cefa ria. quei ti due popoli habitano feDarat^m^S. 1 l r ' V^° 'H "^^ ^^""' 

muncméte mefcolat. & fparl. oerZ A "ca^^^^ popo Inqual. fono com. 

thio dal forelhcre : cC fempre tra loro n.edX"^^ceZ^^^^^ 

niaflmiaente«l.habuantid.Numr SS^^fnclfam 

quell.,che fogilono per loro habitationi balere TpTdtS V aZa^^^^^^ ^'"^ ^' 

que,che negli antichi tempi hauédo colioro fatta kuiÌeuérrainfièTS?/.ìl.- .Ù ?'" r"^ '^^"" 

d.tori,d.uenuti valTaili de WitorAfurono mandati STaJ nc^^^^^^^^^^^ 

padroni della camp3gna,6<:.là ridulfero leloro mamcCn. F ?! ^ " ^'-"°"^'' '' ^•■''^cro 

d^n,ohid.quel..:d£r.b^^^^^^^^ 

ae«|fe^r^^^ 
^a;Sn::^;::^;:;::;:sT[^-sSE^^^ 

Sno per tutta l' Africa : come Zeneti che furono quelli e fcau^^a óóo la e S ?n H n ° ^^ 

cranod.fceri.verir,gnoridiFcz:&:edificatoridiiueftac S^ì^^^^^^^^^^^^ 

Venedipoi vn Itra Jam,gl,a di Zenetidi NumidL,appellata Alà^ 

fa del regno.di die elfi haueiiano fcacciati 1 lignori.& dmdi a poco tem poXS 

come ncllocirmichrdc. Il AfriS,w/;il?P •S°'''SSMram alcune parli parara 
cn.ro„cilafa."d'AS,tC»P X 



V 



1^ 



r 



Zanaga;cioepurt 

rr ... ,^'''"P'^& (conformità delia lirs-Hd africana. 



rica, &: la polTederono, 
ma 






B 



A mai] 

polì'.! 

ronc 

chele 

loro\ 

rotta; 

auicn 

in di'.j 

Guai. 

laqua 

rei rcs 

ferbat. 

Egytt 

ranco 

ciò ari 

fa uclla 

fono a 

gno di 

Neil 

vngra; 

Kjualif 

Arabia 

bnuNj 

contini 

ni Ile da 

foro,ch' 

cerca a e 

di quelli 

v'hauefl 

tarono e 

furono 1 

ào 6C vii 

africane, 

(tume,& 

bcrifann 

G al/uono 

Scmp 

lor padig 

matico : t 

gnò nella 

qualche t( 

pò d'Elea 

tatOjchel 

Ila con gr; 

procede» 

hauédo, al 

fi haueua 

dicoUui,fi 

gnor mio I 

gionc,cbc 

rabia,vciu 

bus.nccel 

t'habbian't 

guctuo, ; 



tiri fui mare me X) 
no delle colon- 
Io che da Larini 
[ualiTonocom- 
ì cono/ce il na- 
ncuc battaglie, 
popoli fono di 
tì^crniano adiin 
• rinufcro pcr^ 
tonoli II fecero 
Oliata .•pcrciO' 
liabitatoridel- 
cfannoiZcnc 
:IIa campagna 
na volta conv 
oli hcbbcro re 
ris:dallaquale 
letta Mccnafa» 
racciòMccnc- J 
Itili Zcncti fu^ 
furono dvna 
ItruITcro ogni 
',iqualiporcro 
ne poi, fecon- 
rcdicj;toreap> 
lrHargia,che 
morc.doppo 
ueriaghcl , le- 
rjni, laqualfà- 
'ni , che furo- 
uominio per 
o guerra con 
graoa . guer- 
"lantataltirpc 
tagli, fi<:han- 
ira nò liebbe 
i particolari, 
apoijche egli 
nenteilfuoal 
luendo tra lo 
noalgoiicr- 
alij&falauo- 
ìirpi;li come 
ore vn certo 
qualechog- 
d popolo di 



migliaia d'ha 
AquelAma 
1, ciie è la lin 
iaineflàpur 
::vfangliper 
z detto , del- 
io nella det- 
oflèdtrono ♦ 
ma 



V 



D Et L'A FR I e A 

maqueftipopoIifuronodigrofrointellcttoa:/gnorati:intantodiennTnf.1,..M f , ' 

polla addurre m fauorc né dclIVna ne dell'altri mrtr I- ..Vn , . . . lafnarono, che f 

rononio!ondlaprononr.a,maetiand;o3^ 

cheiono put vicitii a gh Arabi, & pm vimo U don eS S^^^^^^^ -^ moln voc.bol,. d" oucl!,, 

loro vocaboli arabi nella lingua.^ quafi tutto il JZk^^^Tr, ' f'J" /'"^•''^^""- tengono de 
rotta,&: molti della itirpe de'lìa gote di H oo r w n^^^ ^t^' ^'"'^"^ '''^''' '"^ '^'^ 

au.neperluuerlungi.temp,7,auutaconSÌt "rg A^^^^^^^ 
.r.d..ierfel.ngue.ynaddlequal.cdalordetta!.uneai:fi?oS h :t'\^l^^^^^ 



^ •fcl."^ue.vn.^di;;.^c^d^^^^^^g"j;f-^^ 

oualata,in Tombuno,in Gh<nea,n MeK "S^ ^ f'uT ' •""'^/:''-«'°»' . come e la 

cv^ta.nGtil.er,,nCanoJnChSSuSS^.Ìrf^^^^^^ 



i 



laquale^vfat;.n^;i;;:; ;,:^Z^;^ \^^ La'tralingua di „ , 

rei regno d. Borno,c^ è fom.gl.an a qud d e n ".ISm^^^^ ^'''%'\ , ^"^'''^^ ' ^<^""ta 
^rbata nel regno di Nuba: Sc qudìa partcc na de b a^ b^^ ^^ÌTl. ^"ì^''' ^^ '-' ^"^hora 
Egy tti).qu3ntunque m tutte le otta d AfiStende^^^^^^^^^^ '^'° 'r^'.^'"^ ^'^"^'"•^ '^' ^'' 

ranco mimo al mcìnte Atlante, tutti que I clTe wt b^^^^ "'"'T' ^''^'' ^"'' '''''' "''^"^^- 
parabicpcorrotto.eccettod em u'tto e "rd^^^^^^^^^^^^ 



parabicocorrotto eccettodiemtultoikenerde re 'rd^-Mu^^^^^^^^^^ 

^--" . barberefca,5c' ne più ne meno ne ^^er^eni di Nh,n,^H. U ''°v" P''^^f^'° '' 

.,&: a Cefaria v.c.ni.perciochenuci T w.^;^^^^^^^^^^^^ ^^;"i>"'"'di, che 



B 



ronoaMaur;ss:fc^;^^r;.zr.^;rc;^^^^ 

gnodtTripoli,tutt.v„iuerralmente.^^^^^^^^^^^ 

Nelloe(rercito,chemand6-St nS^^^^^^^ . ' 

vn grandifllmo numero di Arabi,che furono t^niob.S ni ^°?' ''' ^^''^'''' ''^""«^ ncIIAfnca 
5luair.comemoFteregioniacqut]bronTcofqua,?^^^t^^ 

Arabia. RjmafcquiuiròglialtriilgeneralcaDitannJrH^T*^ ^ "''^''' ^«''na'-ono alla 
bnuNahcb.,lqu;iegiahaSeuaed,tìc «kfmn taS^^^^^^^ 
continuo timorc,chc le genti ddla riuera d, T n? ì ^^'raoan ; perciocho cgl, f bua in ^i'^"''" '"'' 

nilTedallifoladiSiciliai-conq^^^^^^^^ 

foro,ch-egli acquiftato li hauea Vacofi v S dS-^rne^^l';;. f ' '""T"'' '^ "•'"'"'''' "^'^ "'^ 

cercaacentovenrimigliafabbricóladettaci ttTde Ca^^^^^^^^ 

di qutlJi;ch e feco rdbroao,die habitalfero ne luoahTSrf? ' <ù ^"^^"^«Z/"^^' "pi &: minìi^ri 

vluttelIerorocche&forte:^ze,vercdiSero^^^^^^ 
taronocittadinidiqudpaefe,&:^ìmefcalorono^^^^^^^^ 
furonomoltt anniliRnorcsciati lalinmw r,^,- ^^^^ '^"'""'•J<l"aiiaIlhora, perche da taliani ?;i">racit. 

ào & viuendo corrupperofpS a S^ lo^^^^^^^^ ^ Pf ^"'^^^ "S'^ne feco vfan ' [.^f" ^^■'- 

atncan.coli diduedt^'erlì po^p<5?vn^oTne^^^^^ 

[tume.&hantiotuttauia,dinoVarlaorigine 3àlran?.H -^ 
beritannoilfomigIiante;inmaniera,cfno^^^^^^^^^ 

S alfuonomedcognomedellafuaorigine^oarabo Sa^^^^^^ 

SemprciPontefSSt::;;^:!^:^ 
Iorpad,gI.oni,lNtlo=fìnoagI~ror 

mat.co:&: co per cagioneVdievno'dieLicofi^S Cal.fafc.f- 

gnò ndla città dd Cau-aGa^, ^inuu^f la Ha?bm^^ ^'''^'^ ^' '^'^^^^^ '^^ 

qualche tempo ,1 regno nella afa fu Sche li corn. in h.^^^^ '' uT^ ^^'^"^'^ ''"^^^^ P<^r 
podElcainCal.faèpòtcfìccdiquellacaKfi.^^^^^^^^ 

r1to,cheldettoCaltfa^.adóv,rfS "uoS^^^^^^^ 

uacongrandimmocirercitoverfoDonéte?mr.^^r a^^ a- 

procedLperinfinoallaprouinc^S^ 

)auédo,alfuoSìgnoreritornó,aIquaIeripoSnnno ò n^^^ 

«.haueua tratto Penlche .1 Cak bauSó"Zfdlrfv CT^^^^^^ ^^'^^ 

<l.collu.,fece penficro di mettere in ynainipref^maS veduto:lfehce fucceflò nnd.E,,. 

gnor mio io ti prometto,che,n come io tho fatw acaX- ^ ^ - '^"' '^'' "^P°^^- ^'' '" "^ '°"'' 
8.one,d>eltaurair,„,pe;iod;tuttiireg,^.de ua^^^^^^^^ 
rabia, vendicando leoffefe&glioItralsiSnoff;,?..^^^^ 

bus nècelTaròdimetterlaperlbnaS utt^^^^^^^^^^^^ 
^haLb^rtn^nelle^^^^^ 



.ìiabbiarimeiro"nd?;gg;;rnri^'2";uoTnXV^^^^ 

>. intero d Cala raSti^otefe.?^^^^^^^^ '""^J' ^^ir.n 

V,aa.w ■*'' '^''^"'"""vqocilcicito dicuanta- 

a «'} mila 



il: 



guctuo, 



Viaggi 






I^RTMA PARTE 

n^u guu)(cm Alciìandr.a,chc,I LocotcncS 

me con HI u.r CahK, . la onde Cielioar So fpa o d^nnrM "'""^ "'Z^° «^g^ded,per eHerc ml.e. 

acqinltótuttcIcrcjT,on.dcirERytto&:S^ h£ '^ d poch,g.orn.& con piccolo .mpcdimento 

tando non ,1 Cal.h d. Bagadcd venendone di ^^^^^^^^ "°":?';]^°';^"^ ^^"^a fofpetto , dubi. 

de lbetta,£^ lo r.ducelìc agricolo d?peXk S 

bcró d. fare vna fortc=2a,ncllaquale fé dS.^Tn. ""^ '^'''■"" ì"' ^^^^^"^ ' P'^rilche li d.Ii. 

ficnerriHipetod'.nunKi rS^^^^^^ 

VI faceua Ibr d. continuo vno de pSdati f eua d^.in '""' '"''^"'l^'^ ^' "lura : ncllaquale 

pofe non,e Elchaira:Iaquale pofcfa per lEur^Da fu dm^ cT P^^A'^''^ '^'''"^ ♦ ^"^ ^'«à 

diborgI„fi^dhabitat.on.di5entro^^d3^ 

le pam del mondo vn altra ImiiJc non lì truom H^ ^^/r^'^^^ido per li fatto modo, clic in tutte 

nonfaceuacontradiluialcunòappa"ecc^^S^ 

lerefiioniperluiacquiftategliprcLuanòo^^^ 

difele et guardatc.p?rcio quando pareir"ana fSlS^ r 'w'^ '""° "^°"'^ '" P^^^' ^ ^^n 

v.lerebbepiulap!;fenza'dnu7allocq^^^^ 

battcnti:a: farebbe cagione,che■iCaIIfadiB^aX^ ir ^,' '^''^^ 

8.ire. Come quella bella & n ainan^aS '' Pontetìcato & .1 regno fé ne fug. 

za altrimente conl,derare,a queS che not Sbe ° '" °''^^^"*"''^ ^'^ ««"^«"e' ^^b fen. , 

dd!afecondafortuna,preparTrg ofl-re; cl^'^^^^^^^^^^^ 

ral capuano di tutta la Barberia vn principe de non ' u h v ? "" *?"■ ««"«ornatore &: gene. 

co,ma domeftico feruitore . SubKc? SrZ^ ?.Ì t^'"'^'-^^ 

iuo fchiauo,indr.zzando l'animo a arand^n 3 r ì ^^''"? ' "'"""'° riucrentemente dal 

gadedauenne fra tanto, che "^^^^^^^^^ 

obbedicnzp,alCal.fad.Bagadfd2ualedfcSaS •^'' ^' "'^^"°>^ ^«-'«-fe 

tutta lAfrica. audio nel Cha'io S da Elch m n? h("'"^° '-^rghi^riuilcgnet leccio R e di- 
che egh n trouaua fuori del fuo rcXa: parte ^ ^'' am:.nmma nouella : parte per- 
I oro c\' delle cofe opportune,ch eS. haueifa por^a n f^ . r ^°"i"""t° '"tta la q uantità del' 
fpclTe volte maled,cVi,anconnglSdeCS,lSó É^^'^^'^^P/^doache partito appigharft, 

.uomoA'd,bdlo^prontoi.ftcSc?X"S-do^^^^^^^^^^^^ 

la repentina rouina,che foprattaua al fuo Lpo So pam nk ? I ^^"°''?' ' ^"""^SScndo 
fortare e a conhghare in quefte parole. Sigilo eTtiu^mS P°"'r '''° "^"^'"^"^ ^ ^°» 

VI doucte voi diffidar della voftra virtù Perlo mìóun r^^ ?^ ^°"""^ ^^"^' ^^'"'^ ■ "^ perciò 

vo.vorretcaccoftaruiaquello,che,bZf<^^E"ow?^^^^^^ 

UMo non dub.to,che non rihabbiate in brcSn^? rono,benc 8c lealmente faprò conligliar. 

todavoial.enato,&appreirononotten'^^^^^^^^^ 

n.uno:anz.,ovogliochepiutofbloefrercko chevipor^^^^^ farete enza pagar foldato - 

che IO VI dirò. Jl Signore ciò vdendo li ralIeSó^ dnS u ""l"' ' P'«'" ^°' P"" '^ '^^8'0"'> 
;c.E,:egl.allhoraiW SignormS^^^ 

onumero,chehogg.mairArLanongIipSe tnrrfi^^^^ 
hper le lorobefhe.perciochelaiterilitl gSe^^S em^^^^^ 
bitationi,madiviuereanchora.Dcrilchefnpff-pfiórr uT ^'^"^''"^'^P 
felìatoconcellodavou Date d^un^^^^^^^^^ 

VI metterò nelle mani vna gran auantiti dV, ° n i? P"'^' ^^''^^ ^"«^fto paOaggio : &: io 
I.etodiqueUoconl.glio?SirndrcheS Anb^ar^^^^ ^'' Secretano il §ignSf fu po^o 
ca: in modo che non le la goderebbe nfL?rleI^;n!^n ''^"'"^ dell'^fr'^ 

cheadogn.modo il re^noera perduto VZcàé!XT^^^^ P'"*= '^^"^"^^ '■•S"^>clo, 

tità di danar.Ji come colui gli SomStfua Stf/ '^'^''^'^^'^^''^^n^buonSquan' 
der parimente IVnacofi &:lXa*^ D^^lSn^^^ 7^^^ ^'^ ^"° nimico, che per. 

do^chea c,afcun'Arabo,d e SlTe^^aL^^^^^^^^ 

far neir Africa con libera k' Lga 1 icenSa f^^^^ ^'^ P^^ ''^' ' ^°«"^ '^^«o di paf. 

del detto fuoiibello. llchefotto^l refi fqu^^^^^^ 

a. le beate l.ono quali inhniti. ^^^::^::^:ttSS^ ^S 

Africana 



V 



[/adunque il fede- D 
JoEgytto.ncpri. 
d,pereflèrcinlie- 
•lo impedimento 
afofpetto,dubi- 
ffe qualche gran- 
i . pchlche il drli- 
rliIegcnri,a:fo^ 
nura:ncllaqualc 
rcito. Alla città 
rno in giorno à: 
odo, che in tutte < 
ilifadiBagaded 
iore,come tutte 
e in pace, &: ben 
la nello Égytto, 
nigliaiadicom- 
regno fc ne fug- 1 
gnorcefTofcn- • 1 
o dalle lulinghc ^ 
latore dC gene- 
ra nò pure ami^ 
rcntcnicnte dal 
ilCulifodiBa- 
bello, &:ofFcrfe 
, et leccio Redi 
iella; parte per- 
la quantità del' 
ito appigliarfi, 
bcretario, dotto 
antiueggcndo 
romincióacon 
'anj; ne perciò 
rioche quando 
:?r6conligIiariS 
ibellionecib- 
pagar foldato 
per le cagioni, 
tofipoteire fa 
efciuti in tan- 
fono bafìeuo- 
diTagiodlia- 
, fé alloro fof- 
n'aggio:&:io 
?nor fu poco 
ina dcll'Afri- 
do riguardo, 
3uonaquan- 
co, che per- 
ire vno ban- 
Iccitodipaf- 
l'cflcrnimici 
ii Arabi: che 
lice, Ilnu- 
e,ifenaull/, 
hic iiiltorico 

Afn'rnnr» 



B 



^ nt. . ^EtL* AFRICA 

A Africano d/ cui di /opra dicemmo Hr>...,f i- . 4. 

che!K,bbu.ulccroc!ìcrrrnS;^^l'^^^^ pafTaro .7 diferro 

Barher.a:&-cncraronondla;ugXtJ^^^^^^^^ 

d.rpotcrono...qu,icn:u,daronoaLSm S^^^^^ 

ra.yan: nclf u^ual cura il ribello luucndoli nm SjS/J diltrulTcro . finalmente alled arono Elo, 

il.mjea^,beneraliedioottonSa^"XS;"i!Sf''?" 
noA mdopponioltiUr.tijammazzarono DullcZ^^^^^^^ 

6^mdrehab,tarono,i..ponendoperc,a u ud^^SS 

ero femori d. tutto II circuito ddl Ainca per nS nt^ o I"'?^ '' 5' ■^"■''"^=^'^- Coli rima 
lufef figliuolo di IcAn,,che fu primo Re d Maro v-o r" n ' '''' ^'''''^^'' "^' «"^'«"o di Marocco 
dare aiuto a quanti erano o parenti oamt,dr?n? ^o^"' con tutto il firo pSterc fi riuX^ 
dominiodegliArabi.gl,A'rabTuutS.m^^^^^^^^^^ 
docio,CMepotctianoj-.uantoiparentiddSnor?c r T'^'""''^^ 
al 'cgnodiMaroccoManforquartXs^nom^ Mafuccedéndn 

antecelTorieranoftatiinfauor^d^^p^^^^^^^^ 

hcbbem animo deircr loro contra,K ".HUI d^^^^^^^^^ 1^'"" '" '^'"^ •• ^^ cgl 

fbconloroIapaceinduaegliArabiafarlorgerr^^^^^^^ 

e rgh ManfordipoiconduirciecotuttiimagS&prS 
tcAdieapiunobilipcrlorohabitationeDucSr-?AÌ P '^'"•'^'''^'■^^'^ 
crano,aUcgn6 Numidia.ma in proce^di temoo :^r.1^f f ' ' ^^^■^''' ^'"-' ^' "^'"or condiuòne 
counrono la loro libertà,^: a mal crado lóro d^n,? ''''*" " '"° '' ^°'"^ ^^hiaui di NuiSrf 
^cdeloron,abitationeAIanfor:^^t;^/or^ 

f uora del diferto fono coruc i pcfd fuori ddl'accua la. cbb ...^ /r """ ' Pcraochc gì, Arabi 

c..n,a loro vietaua il palio ,1 monte Atlam ' tc^o^ooZ, ^""f t T"'^'""^" '-^"d^" a i d4- 
«cuano vfnre per la campagna ; percioche d e"Xtf f± '^" ^^' ^''''-'^''''t'a parte non pò 
g.u la fuperb., 1, diedero a pafco ar le beftieTà huo .. '""° P'^^'°"' ' '^ «f^de ponendo 
Sliaia^dicaferulhcane,nepad.glSval^^ 
anno Red^MauritaniaLtiS;;^^^^^^^ 

libcn da ogni tiibuto.vna parte d'Arabicra rimafl/n TmI ''"'? '^'^^ «^«'"tudme, furono 

taro di menargli feco.quefti, venuto a . w Manfor ZT' ' ^'''°'Ì' '' ^^'''^^' l'^ucùa nfiu- 

AbuHafcoqualigli Arabisaccoidaronodilafdarlor^^^^ alcuni ddlalamiglia di ''"^P^^-^ 

nictad . tributi a^ d'I frutti,che fi catiauano aV^^^^^^^^^ 

Un d,. ma i kc di Tunis non gli polFono conten -?r mrr^ . ' ? ^ ''^°''''° ^ura per fino a no 
gl.Arab,,cherentrata&:l Vt^ed^tut'o?lregTo on^^'^^^^^^^^^^^^ 

C gataditenerpacihcalacampagnaulchef, I nornrf P "'''?°"^''^^"^P^'-f'^,qudb 
nopriui,fidan^^ 

rcat^come palla vn viandante,sbucano fuori,&:%tcSn i ''T' P'" ^^''^^ '"^bo- 
no d. man,era,che mai non li troua la via licura. ^ m rcadanr. h ''^^' . ''' '^'"'" ^''""'^"^'^ 

qua!chelocoloroopportimo,menanoiecoper£rofiS^^^^^ 

paffano tuttauia per duenon piccole dinicult^lVnf;^ < compagnia d'archibugieri- &: 

vnagromffimagabellaialtraVggLreS^ 

5'j,f "'-t-ó'ngiouandola^dXhcf oteiL^^^^ 

ddlhauere&:ddlavita» ^"'"°'^°"oadvnniedclimo tempo fpogliarf 

-ppdlaroHiMeilterzodiconoS^^^^^^ 

Sahid. Ethegietiandiolìdiuideintrepa rti,SSrElmu^^^^^^^^^^ 

u dono 1 inlniitegeneration,; Hilel anchora c\S 

^ n ctBer^,emiriiparteinHuroa,Hucba,HS mS^^ 

E chemh,Enedr,&:Garfe.&:que HefdparriSwnn^^^^^ 

M-WKh,ll,diuideintre,Maftar,Hutm n^Ha(^'"''^^^°^'"^^^ 

tnc, , d. uide m altretante, Elhafin, & cSana Hlflfn M ' ^ '"'1^'" ^"^''^'^ Selim.Hut- 

Snt"'"^Ìl""tf^f"^^^^"'"D"'^'">vZ,Ber^^^^^^^^ 

run,MenebbcHufan,a^AIbuhufein. Deulh 'kS1'!!?-''.?^^.^V^'-' Deuimaforin Hem 

Viaggi " '"'*"^'0"aiuiUemGarag,,Hedegi. 

a "') Tchlcb. 



.1"! 



( i; 




.1 



^1 



PRIMAPARTE 

v.u ■ f . . ^^'"f"'"'' '^^ll<' habitatiom dt étti ^néi &• i/„um<yn A .« 

vcrroidk.t.d.Tnpoirir." ui*^ 

né luogo m quellaima Ihnr.od femore co Horc^^^^^^^^^ "°" '"""° "^^ ^^•"•"'« 

atti alla miìnu,&: h pia pa te a p.^. s'h d haSni r f '"°"^ ^°'?° '"f^"'" ^ ottan tanufa 
pUono tener domc(£chc2:ra &:^co;ucrfa^o^^ 

forniTconodicarnetuttelccutàSuoS 

ftate.perdoche il verno non (ì partono da dfertofónH. "''^ '*'^'''" "^i^' ''° "^' ^^"^P" d^"=> 

niapoch.cauaIi.lKTno. DcIlcg,habtano nd^^^^^^^^ 

ria,ct i còhni del regno di Buixctq R h ino trZr H ?5 "Y^-'^'°'' '• ''^ "^"^ ' c^^"' d' ^efa- 1 

pa nelle pianure di Acdcfcn i ròriSMaunt nb n? '^"f ' ' -''^ r'";'"'-'''' P^"'^ '"'"O''^ °^^« 

kcd.Fez.E/nìutafìchabitaoneIep^^^^^^^^^^ ^ 

dFi anchora danno tributo al Re di Feza^DolTnnn?,. "? da moderni eh .amati Elchalutlu 

ne. Sobaieh.dicoimaggior.ldiDiuvalo'^fh^^.v ''^'°"°^^ ^^'^"^«n ordi* , 

prouigionati da i Re d.%S n^^^ "o el tt "' ?"^"' t ' ''T^ '^'^' ^^^^'''"'^ ^°"^ ' 

no di tremila caualli^ molto p on tS là n ?l.>^. ^r^^^^^ '"°^ '"■!;' '^'''' ^«SSette/ono poco me E 

nomoltacopiadicame!Ii,ripa.^rSdS 

&: Mccnefa. tengono pecore S: buoi lauorlnn fL ^ 5,^"'' "''"' P'3n"re,che (ono fra Sala 

EmfondaquattUtlLaualhben^SramiS^^^^ "'"'^^-'^ ^'^^^^^ ^-' 
TI,, , ,, ^'^'^h'°}'°l°ì'^i'lMbitiitwn d'ilio 

gnSi^S:i^^S::!!:S|;,S^-l--r ^ confìnidel re. 

gionatidalRediTelenfm Lohuom niZS^"'"/'^'"'!'^'^^^^^^^^ 
S.IacauaII,bclli&: ben n ordine Sa^^ ^-^^ ^Ci- 

ni faluatidu" & ladri,^: vanno maLnarcfeCnfd^J°r"^ 
neioldo ne dommiondla Barberi^ Sino ìLToÌh^^^^'^^ 

«oniIoroneconfinid,Md.anaihannoaS^^^^^ Hucba hanno le habitat 

re fono gcn ti alTalfine Sc lontani da Z?C.>? r ' P^°"'^'°"^ dal Re di Tcncs. ma pu. 
\i . Habru habirano ndle 1^' che fSnTfr oTa ' M^'S ''''' ' '^'"^^'"q^ccóto caual- 
pi&tributarial RediTclcl n.pSnoe£^^^^^^ 

fertodiMania,,lciualfìeftendeCrXgnodrC^^ ^^"^''^ '^''''^'""^ "^'^'^ 

nombutidaMaik&fdaalcune altreter?e R^^^^^ 

CofìantinaA quefèi hanno gran dom Sn v^ia na S.^x^ "'f"r'' ""' ^'^''' ^'''^ ^«"'^ ^^rfo 
rutti prodi nell'armi &' nobil^nnoSTo^dT^ ft ""'^'^ : ^°"°?'"'^' '" <'^' P^rti/ono 
piono il numero di dnquemila caualli Sd hX;^^^^^ prou.g.onati da! Re di Tunisi co 
di Tenes:a^ hanno gran riputat^one 8^ dorS n i 1 tT^^'*^"''^ '' ''''^'^"^ ^^rfo il regno 

J.-, valentia beneinaflettodbgmco^Sh^ 

tità di loro,che hab. tano in Gafit in^me con Hemram n^^"? v"'° " ^''^'- ^ « §^^" q"^" 

bitacongh ArabidiDuccalainluogo 4roSAzer?^^^^^^^^^ 
luncompagniadiSaidima.8^hano?ributòdalpoDood^^ 

« . Encdr habitano pure ndla pianura d Sa^ ^?^tt^t 1°'^°^"^ "' ^'''' ^ "^^'^ ^S'^ 
milacaualiKtuttauiafonoanchLeindtraSa d^^^^^ .f^""° «>" quatuo 

Jannocapo,&: fonomefcolaticonaltripS S;,,„ '^''''^"^"^^ 
Hcmramcoftoro portano idatteridaSegXraTrS^^^ ^^"^^bt & di- 

ghe necdrarie,&: a Segdmefa le conducono ^ ^^ ^ "* '"''' traggono le vettoua 

. RucheprolediMaaarStS^iS^S-;;;^^^ , „, 

ri. pcraochc hanno pochi dominn.fono tuttauiavaEh^^^^^^ 

vergogna,che vno a pie f, lafd vincere da due a cauaSn^"""' ' P','= ''"'° ^''^ ^' ^^""«^ g^S 

nopoiraperfuopiacereandareapprrodiqu^^^^^^^^ 
lungocammi„o.ronoccrcacinqSUocS:S'otS^^^^^^^^ 

lim 



■| 



- F 



V 



B 



ànonpurdiffici' D 



iforconduflè ad 
Ito fono fiati mo 
lacctomilahuo 
lali nfpondono 
ino ne dominio 
o a ottantamila 
-ibi'a: coftoro h 
nhi hdtiami, a; 
lei tempo della 
•cinquantamila: 
i còfinidiCcfa- 
te minore occu 
dano tributo al 
natiElchalutln 
3 bene in ordì* 
Jezeir,S:^ fono 
'.fono poco me E 
lo.pcrchchan' 
icfono fra Sala 
:alRedi Fez, 



confini del re- 
cliifonoproui 
nno cerca fci- 
i:fonohuomi- 
le non hanno 
nno le habitat 
Vncs.ma pu^ 
[uccctocaual- 
'oratoridcca- 
bitanoncldi- 
3(^aiTa(rinf.hà[ 
ic fono vcrfo 
fei parti, fono 
tTunis,&:c5 ^ 
-'crfo li regno 
e, fono nobi 
'è gran quan 
te:iaquaieha 
anure di He 
&:maleagia 
:»rca quattro 
li luoghi, nò 
nebba dC di 
le vettoua 



ft'fonopoue 
recano agra 
nninare,che 
a fornire vn 
guerra. Se 
lim 



A Iim'iabitanoapprcfroDiMff,tm«.jr ^ '^ R I C A 

aiLibia.ilqualecverfoIaprouinciadiSn. A'/ '^ ; i^urbushabitano pure nrl H.r ; 

ra certo tributo da/ Signore iSab?:^,^"''"'''^"^"' ''^""o '1 dominio dGuS A- °f "^ 

E Sa l?£F:e?==SS3'Si--a 

là pianura di Elaezair • fV ^r.!. 7r °"° ^'^''«^^ anquecéto caualli T'^ 1 1 1 i ^^^* 

--ajp.^..oi -«iieDfudiltruKo,checranobile& £1^!"* 

molto 



l'H^ 



1^ 






li! 



PRIMA PARTI- 

. »TiolcoyalorofL.ncIIamiI.t.'a.furo.ioqacfii cerca trcnuK. canali/. Cclioan Iiab.'tano feoanta 
: ra" ^"'^"'^'•' ^"^ f''"'f '"' '^"^^- ^^" <^i^7«' •• S^ I '«''ra con [ U.^, n,a fono loro come vaf^^lr k?:. 
Lu Au- ^^PP^™^,^)^''!HK.napur,•cn2aJ^oravo«lk^cI,ciapp,ae^ 

j,. ,. ,A- tralorosc«.crrcM«uto m>pmcntcccrcalania.^sK.ranzadcllanilMlta,caucnu^^ 

aI;:;'.: Vi f '^ ^"'' p.mc,co.ncda I altra hanno compolh alcun, d, .log, in veri. , ncquali dalcuno racconta 

la A. a-Mfc '■» v.rtu,. henelic. A' - buon, co ium. del fuo popolo.t da iapere ancì,ora,cl,eSi aS, S? 

>,cH.n..oiqualifuronopruiiachenalcellerot.ldrmael.ti,fonocIi.amandagI,lHltoid 
1 -..ncda b3,c.oc, Araburabid A quegl^che fono ^ 

rtal)raba,c.oc Arabi inarabatMlche tanto è quanto Scila Imgua de ci. Italiani Ar" ne te dm 
u;,pe.c.od,cc(r,nonro,ìona,., Arabi. CI.Arabi,cbeandLnod.poiadhX^^^^^^^^ 
d.co,ioArab.MuUd,ge.ì,e:,lched.nota Arab,.,,,barberat.4Krdocl chaueuano a«o f^iS^^ 
.onlo.^co.tikan.era..atio,,c,inl.noatanto.dìccor.o,i,pendolalorIi.ìgua,caX 

diuilion de gì. Af ricam 6^ Arab. per d.ec. ann.,chc io nò ho ne letto ne veduto libro alcimo dei 

Numidi _ ^'^'"n"<^'"P''^,^""P"PP''>c«oeZen3ga,Guen2Ìga,Te.ga,Lcmta AKcrdcui furti f.nodai 
qual, ropo Latin, diiamat. Numidi,^' v.uono à vnìlìelTo modo I che e n4 r anh n .1 n -^^^^^ n 

^-". b.toloroès.>f^nicelloarettod.lanagrona,.;;S^op;ch:;S^^ 

a; alcuno vfa d. portare .n capo,o riuoltoui d'intornoA-n drappo d. tcKuiegra qu I aiu K - "f. 
d. dolfpano. 1 maggiori &' prindpali per dfer iegnaiau da gì altri^x'r :SnTo o na ^^^^^^ 
camicia con le manid.e la.-gheA' fatta di tda azurn ^ d. bambagio aqual. v. n k ro r?c u da 
niercatant^d,evengonodallaterranegra.noncaualcanoalcr.an.n;al. d, e mcS.^^ 

d.rquc.htal.quandocauao,io perciochealcunavoltamettonolegambevnafopra l'ultra S^ 
ambedue pofca (opra ,1 collo del camello: altre volte pongono i pie .n certi ftaffi le 4Sè et 
in luogo d, (pro,ì. adopera.ìo vn fa ro,.lquale e attaccato m vn perzo diìgnoTi^go^ 
<=*-'" <>' T.rZ r" '^T ^"''' '"'''' P'"' "°" P""Sono,dK le fpalle del camello.^ 1 camef , cl"e fona 
«uaicare. ^^,^""' '"':«^'''''""° '"«Kom.iume.ìiente forato .Inafo, .ìdiaguiia, che hanno alci ni bufoi? 
che nell talia 1. t.-ouano, Si nel luogo forato fogliano mettere vìa capezza d, cuoio cG Iac3 
voltegg,a,.o 5C reggono i carnei!,, come f. fa con la briglia i cattali . ^Nel dorm^Xo June 

ne d, magiar pane ne cbo fatto d. niuna forte, ma f. nutrifcono del latte de i loro came"l. S^! 
fanza brod. ber 1. la mattmavna grande fcodeliad, qud latte cofi caldo, coLeglTef e delle ca 
n,dle.laferapo.eacenalorocertacarnefeccabolIita.-|atte&inboti.o.hquaIec?me^^^^^^^^^ 
fcuno fé ne pigl.a la fua parte in mano, & mangiato che hanno , beono quel b odo adoSdo 
«n co le man. .n vece d, cocchiari . dipo, beoni, vna tazza d. latte,e^ quSSn^ddE^^ 
jnemreduraloro.llatte,,.onf.curanoaltnmentediacqtia,ma(Tlnumentelap^^^^^^^ 
o .. ten .pò ddlaquale . troua alcuno fra loro , che nons'ha lauato ne man.;,ic Wfo . Sqùdto a. 
u.enc 1. perche in quella lìag.one effi non vanno alla campagna,oue è l'acqua , battendo come 
sede to.latte:fi^l.ancho.a,percheicamdli, quatta 

acqua. La v,taloroh.io al d.,chcmuoiono,èpoftatuttaòincacciarc,òinrubbarcicamelh^^^ 

oro n,.ìMc.,ne (, fermano ,n va luogo per maggiore /patio di tre,ò qua«ro S^ornT.VcheTauan 

to . camell. mangiando confumano 1 herba,dìe vi 1. troua. Qudt? anchofa che det o habb^ 

n,o,dìe vtuono fenza regola & fenza ragione,hanno nondi.ìÌno per caf^un d'i lor mpoli vn 

t, a fenza cogn.t.one ,ion pur d. lettere, ma ne d. arte ne d. virtù alcuna.SC fra vn dodoIo a £^r3 
fattca trouar 1. può vn folo g.ud.ce che tenga ragione.di modo,che fé akuno è Xo da oua ' 

chelu.g.oodar.ceuutofp,acere,pertrou^eilpadigl.oneddgudicrgrconuL^^^^^^^^^ 
qucecfetgK,mate.pemochcdnnòdatxoopcfaàg1tfludi,n4crcagi§rd^"^^^^^^^^^ 



D 



no 



l'tano foparata - 
ncvafallinlchc 
ioli: CIO è Scila- 
olodi Abrahà: 
aha.tt apprcf- 
. Et perciochc 
Ito clic efri coH 
fcuno racconta 
antichi Arabi; 
icani Arabi A- 
lari Arabi mu^ 
ibi per accidcn 
irncirAfrica.lii 
'fatto l'habitat 
ingiarono co^ 

li lignaggi, a: 

irò alcuno del 
o veder ncU'o- 



,tuiti fono dai 
jcalciina.riiav 
loro pcrlona, 
i.ilialiaFoqgia 
olio vna grar» 
loro recata da 
clli lopra certe 
•ella coù è à ve 
»pra l'altra , 6C 
lenza Itatre.ct 
igo vn brac-- 
cliijchc fono 
3 leu ni bufoli, 
io,còlaquale 
vfano alcune 
&.' d'altre lane 
cduti,non pò p 
in coftume 
melli.&: è Tu- 
li efcc delle ca 
mcccotta,cia 
»j adoprando 
ideila cena. et 
aucra, in tut- 
.&^qucftoa- 
icndojcome 
)gliono bere 
ci camelli d'i 
ilcheèquan 
ktto liabbia 
)r popoli vn 
io ignoran - 
lopolo a gra 
tto da qual- 
aualcar cin* 
ir li voglio- 
no 



D E L L A F R 



X. 



A n^^d'P''""-^f.«idircrfiforo.a'jgiudicini,I„Ml.n,. ■ « 

Sopporta, e . coauni. S, . mod^dX .e ^ fc ''' ^ucffa canaglia per non poter 

pcrcioclicdannoperdafcund'eiriall n^ 

gmd.c.o loro paiono più &: meno fuffici n," trenS Im »^'" ^^ '""' ''«^^^"^'^^ ^''^ •'' Po ero 
pure in capo,com'.o ho detto, vn drappo ne '^r/'' """""' '^' 'l"'^'*" Popola==o por ano 
(condcndoogn.fuaparte,ecc«toglS"Sl^^^^^^^^ 
R.ar vogl,ono,per ogni volta.chel. met noS^^^^^^^ 
g.atodiehano,iclatornanoacopr.r7aLù r I^T'"'?'"'^*^"^^ 
gogna ali liuonio d. mandare -1 cfbo hiou "oh v^^l'^"^''*" 1° 1^ ^'^"^^"^-'^''^ '' come^t^; 

^ ««-allccol 1 le poppe ,J petio,douc 1 1 cmne fcMio io/nl r r "'] '*■" '''"'''^ ^' ^^'"^0 P>cnillimc 
nar,come.ntoccarlen,an,,a^allevolteSo^^^^^^^^ 

p.u in,unz,,perche molli da 1, fatte cag.om ^anTr^^^~ y,''''''',''?''''>' ' '"^ ^ ^annofo ,1 pa,^ r 
m coterto fono più [aui d. alcuni d, no.^^e . ermo r,: ' ' ^" ' '^''^ '^'"^^ Perdono niuno i 
bono anchora quelh- popoli molto libbra' come r t- n T? "'"' ^^'«''^"^^ P^^"'^'" '«■' corni 
pai apahpad.gliomlo;o.&eirMion ven^^^^^^^ iafeccagginc di quduogln nelSo 

per h difer.i loro, fono tenute di uur,r/JKT '-''^^ "''''^'^''<^*"" '<• "rouane d 
d.can.ellovnpannicdlo,d,epu!^r^^^^^ 

B "''V'P:»'faig,aalcunianni,&comcarri^ ^n ni ""?'"^°- 'o^' a «li altri con la caroJa 

vcnneincontraaccompagnatoda inZc^^^^^^^^^ Araoan,,] p^ncipedi Z nai "d 

diiiario,muito tutta la carouana a girfene con S '*"■*' ''"''^^'^^ '^«oci pacilor 
g.oned.ripo(odue6tredi. Ma^p rdic^^^^^^^ 

h nano i mercanti accettar rinuito.&: il orinn^;^ «^ carichi, per non allungar la via no va 

dalfero con le fomc fegu. tando iJ cani no ^^f ^ '"'""■" ^''P°^^ '" ' ""^%che . ca Sr/ nn 
alqualecom.g.untifu^mmo,fubi:? K^^^^^^^ 

vecdii,&,nliemealtretantia«ra TcSr " J^'^^^^^^^ 

rattomtenderdamercatanti,di nSnf'de 1^^^^^^^^^ 

mammamcntenellaprcfen::^adaltrm m?n *• "."'''"'''^"''•■•^'^ccio, chcein non vhn^ 

felionorareilcomiùodellafuaprefenSemeern^ iH'Snore anchora egli voì 

niadanoifeparatimangiarono fecevem ..n.7 , '""'''''^""•P'""o^'''S^^ 
Cua^alederconlui.^ÀentrèhlS^^^^^^^^^^ 
ni ar del latte. Pcrildicaccorgendoh il nriiirn .?. '°.'^° "i^' Panc,ma folo prefero delle car- 
hlìupefatt.molto,&pienidin!!,rau?g4lSS^^^^^^^ 

"^ "^" •" q^-^SW'fert^ne qttalinon naCS 

ceua il loro tcrreno.&chedd yrano f. , ""f "^>'^^"°'Pcicio h nudriuano diqudlo che nrnd>r 

pairauanodilimachebeneer^a.C^^^^^^^^ 

n,,hcome.ld.;delIapafqua&idideacnfi^^^^ 

fcniprefaccendodcarezze&Iionoran ; - Jl terS '?''""!,"' '1"°' alloggiamenti due di 

perfonaaccompagnardinfmoallacat. ..na 8Cv!^rJ °^'^'^^^'''''-^^ '"««'^^ vollein 

occider per lo noflro mangiare, valeuanod^r;^! r '°" ^f '«'^''^'^ bdhe,che'J iignorcfece 

n^o.&:negIieffetti&ndparIa'efipo^^^^^^^ 

lunquenceflbintendeualanoaraCuanZn ' '^''"""°^''^^ 
d.ceuaa.cherifpondeuaniXpeS^^^^^^^^^^^ 

qucltopopoIo^eVimighante^gli^altriquaaro cE^o^ 

C^'^ArabUicomefonSlSlà^?^^ 

MidiabicanofraNu^nll^^'^'SS 

CIO differenti da i fopra detti popoli Afrirani Lk ? ^"^^r ^ P'*^"^ d» '^o'ta pouertà , ne fono in 

„ -,„!„ .„ ^j^, numero; Cv queiii ber. dóde, 



Camelli 
myiiù vi 
uandc. 



VH 



Caiiallibar 



fono 





PRIMA PARTE 

fono quclli,chc nella Hiiropa li dicono caiulh !,,„ Ini i. Di rontiniT(> H .^innn .ìu....- r 
n.c duci. iid.. lui. Mii..t.c!... ci. arazzi 3vdalm. nini Jli V f?" '""*"' f^""o^''<-«ccic, fi ce- 

bau ...ne. poter .Ila aic ,n ut onc i vA^^r^^^ ''"^'"'"J ''^^"'''«"^ "^>" l'->nno faculta dJ 

andarono a far le loro liah. tanon. ne d./cnixlie fono prop' Z a | r^ ,t ra ' ì i. A il 

gli che liabitano d'intorno a reenodi Maiocro A' m I ì,...,i ^"^ "^'^ "V? "*■' ^^'^^ <l"c ] 

ij,.,n.,„,,. viuonoilorol.^nor.:perdochcciafcunpr.'ndncliuiioltoh.,miP vTi^^^^^^^^^^? 

ounirortcdihcrccfdivfrrll. .ViVirr.^!,-. t ,,,"■'"- '■'"-'^"^'f'^" "ni a: falconi icpuitando 

chictti 1. cingono le ^anibe 8^ le cSfconici^^^^^^^ ?" TJ^'^^ '""''"'"^ '°" =''^""' ^^^^ 

flcdo„,,caua„ti A clic vadane a ™* Sì h Lrjnà^^^^^ 

mantengono 



D 



F 

f 



A mar 
ilon 
ria,h 
mcn 
perei 
dra5 

clic II 

rito a 
V rein( 

La 

tengo 

toiiel 

Torteti 

VI (on 

li poca 

da lorc 

re all'ir 

B balia.] 

io I Sici 

biti;icr 
cattar» 

plOCcdl 

ti loreiti 

dono ai 

mare, eh 

alcuna,e 

ccndod, 

ftnevid 

ciTarebbi 

pcrficuri 

calirati,& 

di Sicilia ( 

fonieA' ti 

nata&fpc 

C 

Sonon 

trauaglian 

>I detto me 

fuoriquell 

lingua Aft 

continuo e 

«ro popolo 

bcardimcn 

detto Re pj 

lo alIalitOjil 

/igliuolodc 

poqueftarc 

apprcUo tui 

«hi al Refe 

vndcmagg 

CliAfric 
fuoco 6^ Ufo 



He accie, (ice.' D 
.Ui'.ior par re de 
lulo ini] Utili le 
lor vcrli (ono 
anno facilita di 

l'OJ»nÌ dllj^rio, 

jlclie diriercn- 
i, ciano prima 
>ra con (guerra 
i,&iNÌinudi 
(ìliAnh/, 
no pili :ii;iat;, 
ocaiialii,& al^ 
a non fono co 
i,&'vicauano 
. &fpcrquclb 
a pafcor tan'^ 
3 roiulimcno 
iadclJic.c|uc E 
liberi (.h ogni 
lor.allliora tra 
e ne roinò, dC 
li opprcHc in 
per ifchiauia 
i,iqualih abita 
lei modo,clic 
I ioni dai Re: 
&.' tenerlo in 
encreicauaU 
della ftateaa 
cliefalorbifo 
i, vi rimango 
li Tegiiitando 
/aluto di mo! 
ttoni, che nò 
• alì'adìnano 
Iettano verfi 
nome cmol- 
«iaeiri hab- 
:e.gli il abiti 
dedmo colo 
orli fu le fpal 
ino dihauer 
n alcuni cer 
ncliora que 
ndo ciTi veg 
'iToj&: non 
ro.&fcomc 
pra li carnei 
anto picco- 
battere, me 
nchora quc 
:cia infiemc 
(anza han» 
prima non 
or donne fi 
antcngono 



^ ^ f J-'^ F R I C A 

A mantengono nella nicdcHma biand.c— . mn I ..,., . ^ 

donocertetintefatcec.,lfumod.gall jrj;;^^^^^^^^^^^ volte pren. 

f i..,Kirnianui vna cola tonda,comc vno fa d^. % ^i ' ," ''"'"'' ""y^y'^^i^UU nuia dlh 'r, 

Jwd,sra„o.cccL".;,fr 2^^^^^ 
v,fo.walc,,,,,p,ccol,podc,cu.d,datic Hv.^^ "^ 

dalj roco„,mou,,mp.cc,ar,„uaKl,.&fdt„S ?r "ì''"''"^'^^ 

Bbalia.pcrlaquaIa.raa;^tÌ doZ^^^^^^ 
^o . SiciIian,;iafcutiIoro per pegno .vSrtfd .?:''''."' '""'" ''«''"^'' ^ ' ^^^'"' ^^"m^ 
=a.a^rcfracerto termine conuamto ne'merc fn ' ' ''''"''' '^"°'"'"' P'^''a"o in acdén 

bit. : . creditori tengono i /iglaioli^" 1 S v " ^^^f'' '' ^^'"'"^^ ^*'' danarAclu'". o de 
cutar tre volte maggior qiTantita £ d Io" . modo "d/f ' P^^^'! '"^"-^^re, eonuerr bl e ac" 
r ocede.chequelh Araòiionoipeggio /S' W.'^^W^ ^rì? '""^^'''''^ '•^rc.rucgli. dalchc 

joreltieri vengono nellemaniloroSS^ 

dono a j btaliania tàto,che da ccntanSn nf,?n <rP''^''''' " ^' '^''^' ^''^ '^ 

nìare,checinge.ldettJd,rertond^^^^^^^ 

alcuna dafuolcandarperlaterrafermaSonT^^ 

Sendodalleloro.nanicorl.tuttaqueirnurr^^^^^^ '"''' cinquecenti m,,r|„. "X 

/?.neyiddero,vennerocorrendorpotomol^t nT'r^'^ 

c.farebbonoavtile.manonc.fìdXc^rC^^^^^^^ 

pe l,cuaaalcunilorligl.uolidiedero.nprrnóZ Ìm T°""'' "'"' ^«^^reno prinìa ch^ eff' 

alirat,,& botiro.cY I, partimmo di fub to téni?dn , * ' *'"° f omprammo alquanti di lor 

d. Sicdia &: di R hodo. Cofìoro in SS o 1 ut/ 'r"^"! ^"'^ ''' '^'^'^^ ^^ "rag, un, da co /a? 

i-ame A' tali,d,e pare che la nialadSe ? d' - ' "^ ' ''" ""' ^ "^^^'^^'^" P^' '^ ^^ran 

nataa'pdfimageiK.atione,fent"daquT;Sl-H,'S 

Sono moItil/gnaggid-Afn-can/ n.^T ^"^''^^ '^"'''' -''^'^'' 

-uagl.anotutt§dif la.™^ ;^S:SS^^^^ 
il detto monte.qucfh douunque li troumo i.^^^ 

uoriqudli.chehabitanoinK cSaTSl^fnn n^'^ 

i-ngua Afi-.cana,a^alcunitengori Ar Sn^^^^^^^ 

cont.nuocongliArabi;d,ehaSoi^[ecam^^^^^^^^ 

«ropopolo,chehabitadoueconfinaTu.SoTtfaH.H^^y^ V'evnJ 

beard.„entodiftrguerraalRe,comea^nneneS 

detto Re partitoli da Coltantina per rircuo"ere SS . 5°'° ' '^'"''^ ^ "'^q"^' '' %Imolo del 

b alTahto^ilquale gli s'era fatto incontro coS^ 

/^i^lmo oddRc,&: vccifdo,togl,endoneTcar^^^^^^^^^^^ 

pò queffa rotta il mcddimo Donolo n.m Jn.7"^^^'^*''°.*'''^ ^ '^^ ' ^""^ di Lliecira o.c vlT 

apprdlotutti.&:nioItid.qu?g| & 



9 



f" l'Arabi la 
'ciano j ti- 
«l'iioli Uì 
Pi'gno a Si 
ciliani per 
■' grano 
c'>c piglia- 
no in cte- 
<icnza. 



■otti- 



'^ti 



in 



vjuia ai cciu. 
tincuo 




mi 




Gli Arabi 
vincoli" & 
dilcacciao 

gU AULUII 



Gli Afiica 

111 limi li'i- 
iK'iijn" al- 
tra loi te ili 
Ictuia clic 
laUiuia. 



Qutttililni 
fon piiaiic 
tura l'iiilto 
tic ili Tito 
Limo pct- 
(c. 



i fé 


] ! 




1 I Mini de 




r<i(i (ono 




' .-ihliiuciati 




«laii'oiuc- 




Jici maco- 




mettali!. 



PRIMA PARTE 

tinouo ardcua il fiioco,di Se' notte guardato,chc non il fpcjrncfllc: nella guifa,c!ic nel tempio del- D 
la dea Velie li (olcua olleruarc appielTo i Romani.ilclie nelle croniche de gli Africani dC d i Per 
li dirtufamcntc li contiene.c vero,clie gli Africani di Numidia di di Libia adorauano i pianeti,S^ 
à quelli facrilicauano.& alcuni de gli Africani negri liebbcro in vencration Guighimo, chcnel- 
la lor lingua lignifica il Signor del cielo.fi^ quefta buo*- 1 niente hcbbero {cnza clTerc informati 
ne da proplicia,nc da dottore alcuno,5c^ d'indi à certo tempo furono introdotti nella legge giu.- 
daica,ncllaquale vi lletrcro molti anni,t ifin tanto che alcuni regni de negri li fecero Chriltiani: 
&' tanto rimafcTO nella fede di Chrilto,clic li folleuó la ietta di Maum?tto.i63. di Lhcgira. Al 
Ihora andati à predicare in quelle parti alcuni difcepoli di Maumctto, con le loro perfualioni ti- 
rarono s'Ii animi de gli Africani a quella lcgge:di manicra,clie tutti i regni d'i ncgri,che conhna' 
no con Libia,diuentarono Maumcttani. pure hoggidi vV qualche regno,nclquale ci fono rima 
fi hn hora,6<f rimangono Chri(hani:(blo quelli,chc erano Giudei,^ da Chriltiani dC da A frica- 
ni furono totalmente diiirutti. queglialtri,chc habitano vicino al mare oceano,fono tutti genii> 
li,6i' adorano gli idoli: &.' qucftì hanno vcduti,&f anchora hauuta qualche pratica con loro niol' 
ti Portogallelu Ghhabitanti di Barberiarimafcrocfli anchora lungo tempo idolatri, &^ du- 
j:,ento cinquanta anni auanti il naicimcnto di Maumetto diuétai ono Chriltiani: pcrcioche quel 
la partc:doue e Tunis dC Tripoli, fu dominata da certi lìgnori Puglieli 8C S icilianrS.' la r iuera di 
Cefaria dC di JVlauritania,(imilmentefu fignorcggiata da Gotti. In que tempi etiandio molti 
lìgnori Chriliiani fuggendo dal furor di quclh Gotti , 8C lafciando adictro le nathie & dolci con E 
craded'ltalia,vennero ad habitarviciniatcncni di Cartagine, doue pofcia vi fecero dominio, 
ma e da fapcr,che quelii Chnlhani di Barberia non teiieuano l'olleruanra dC l'ordine della chic 
(à Romana:ma s'adheriuano alle regole & alla fede de gli Arriani , & di quelli fu Santo A golti' 
no . Gli A labi adunqucquando elfi vennero per acquiftar la Barbcria,trouaiono i Chnliia- 
ni già p.idroni òC lignori di quelle rcgioni.pcrche fecero inlieme di molte battaglie, in line piac* 
que ì Iddio di dare à gli Arabi la vittoria. onde gli Arriani li fuggirono : Si chi andò in Ir.ilia , dC 
chi in Hifpagna , ma doppo la morte di Alaumctto cerca dugento anni , quali tutta la i^arberia 
duienncMaumcttana.cgli è vero che molte fiate quelle genti ribellarono, 8i negando la fede di 
JMai.meito amazzarono i lor facerdoa'S:f goucrnatori.ma i l'ontetìci ogni volta checio vdiro- 
no,lubito mandarono enerciii contro ò i detu BarberiA' quelfo intrauennc fin che giunfero in 
Barbena gli (cifmatici, ciò e quelli che fuggirono dalli pontefici di Bagadcd,allhora la fede di 
Alaunietto fermò il piede.tuttauia fem pre furono 5C fono anchora riniafe tra lor medclimi mol 
ce hcrelie v». ditlercntie. ma della legge di Maumetto.cioè delle cole Ai più importanza , & della 
diuerlita, che ì. fra gli Africani &f quegli di Alia,col fauor d'Iddio io pcnfo trattarne picnamcn' 
te in vnaltra opera, in tanto forniremo quella , 

Lettere yjate da j^li .africani» 
Gli hifìorici Arabi hanno per ferma oppenione, che gli Africani non tcncdcro altra forte di 
lettciJ,clie 1.1 latina. 2t' dicono,che quando gli Arabi acquiRarono 1' Africa,mairimaméte la Bar F 
beria,doue fu di e la ciuiltà di Africa,enì altra lettera non vi trouarono,che la latina. Confefla 
no bencjche gli Africani hanno vna liigua diflerente 8C propria loro.ma che cITi vfano còmU' 
nemente le lettere latine , fi come fanno nellEuropa i Tcdefchi . 5C quante hiftoric tengono gli 
Arabi de gli Africani, tutte fono tradotte della lingua latina, opere antiche , OC alcune fcritte nel 
tempo de gli Arriani,&: alcune auanti.& gli autori di quelle fono nominati:ma i lor nomi mi fo 
no vfciti di mente.&f penlc chequelte tali opere fiano molto lunghe: pcrcioche gli interpreti lo' 
ro fogliono d:rc:la tal cofa fi contiene a fcttanta libri, vero c,chegli Arabi non tradulìero le dette 
opere fecondo gli ordini de gli autonoma pigliarono la fomma dal nome d'i fìgnori,&! di qui di.* 
fpolero.à: compartirono i tempi per li detti f ignori Q( principi accordandogli con i tempi d'i Re 
di Feri ia,ò di quei de gli AlTirijó d'i Chaldci,o d'i Re difracl.à: ne tempi che i fcifmatici regnare 
no neir Africa,cio e qucgli,chc fuggirono da i pontefici di Bagaded:eiri comandarono,chc fi de- 
ucllero abbruciar tutti i libri delle liif lorie & delle fcienrze de gli Africani:percioche pareua lo>- 
ro, che i detti follerò cagione,che gli Africani rimaneffero nell'antica fuperbia , & che faceliero 
ribellar & renegar la fede de Maumentto. Alcuni altri noffri hiltorici dicono , che gli Africani 
haueuano proprie lettere.ma dapoi che i Romani dominarono la Barberia, &.'d' indi à molti tc.- 
pi IH furono lignoi i i Chrilìiani,che fuggirono della Italia, di i Gotti , allhora cfTì perderono le 
letere loro. pcrcioche fa di melliero a i (oggetti feguitar le v fanzc d'i padroni,fc elfi vogliono pia 

'"r*r'* o ri! T'olii ^ni*i/* Inf-^ "^^ iir\ntyirìii^ ri*» rrli A t"^]\i e ■^t1n^ì iti'\ o i l^/>i*i i'in(i«-»Ii {irtiilt^^/"»^»!» Ii'»»im/-\ t^it 

duce k loro lettere :&tuuii loro libri furono abbruciati pur per comandamento d'i pontefici 

Macomcttaui* 






A Macomi 
zcnatur 
ni.abbru 
iGotti,q 
polla bai 
le,che foi 
qualunq 
rei,che g 
che non ( 
me è coli 
te,dC vi n 
vi ri man 
Gottijòc 
chi né lue 
noratitit 
ma mede 
gnorc ccl 
disfar per 

B Io lafci in 
gnore,Sc 
pra, dC co 
adunque 
vfano lai 
vnalung 
uano,dic( 
lingua pr 
pariicoìai 

L'Affi 
marcmcc 
ta da mon 
in alcuni: 
licolli:à:[ 
cernfiuiii 
il monte/ 
foleuantc 
lequalina 
C pur tutti a 
tmercatan 
ghi 6i piai 
renofc,fuc 

Tutta I 

più tofio,< 
no grani £ 
giano pan 
ìaporcdcl 
ritania.for 
nimali,qu; 
monte At 
fruttila pj 
mare medi 
v'hanno fr 
taTedle& 

TTiOliO U'igl 

fclii,a:dal 



[tempio del- D 
mia: d'i Per 
o i piancti,6«C 
imOjChcnel- 
re idformati 
ì ìc^gc giu>- 
3 Chriltiani: 
hcgira. Al 
:rfuarioni ti* 
clu'conhna' 
ci fono rima 
5Cdi Aitici' 
10 tutti gentil 
on loro mol' 
)Iatri,a:: dU' 
Tciochequd 
x'Ia ri nera di 
iandio molti 
:&; dolci con E 
:ro dominio, 
ne della chic 
anto Agofti- 
noiChnHia-' 
•. inlmepiac* 
3 in lr.)lia,Òf 
talali.nhcria 
ndo la fede di 
heciovdiro^ 
e ^iiinfcro in 
ora la fede di 
ncdclimi mol 
inza, ideila 
e picnamcn' 



altra forte di 
lamctc la Bar F 
a. ConfelTa 
vfano cómU' 
e tengono gli 
uncfcrittcncl 
sr nomi mi fo 
interpreti lo' 
uflero le dette 
ri,&:diquidi^ 
i tempi d'i Re 
latici rcgnaro 
ono,che li de> 
hepareua lo^ 
'. che facctiero 
e gli Africani 
ndià molti té' 
pcrdcrono le 
I vogliono pia 
Ite hanno per 
> d'i pontefici 
Vlacomcttauù 



DELLA FRICA s 

A Macomcttani. pcrciochc cftimauano che i Pcrfi.mcntre haucuano i libri che contcncano le fciè 
zcnaturali,&: le leggi, dC la fededeglidolià: non potellcro ciTcr hiioni & catholici Maumetta- 
ni.abbruciate adunque l'opere, prohibirono lor le fcientic : &: il fomigliante fecero i Romani S>: 
i Gotti.quando, come se dctto,(ignoreggiarono la Barberia,a: parmi.che per teilimonio di ciò 
polla baliarc,clie in tutta la harberia.cofi per le citta di mare.come della campagna, cioc di aucU 
Ie,chc fono anticamente edificate, quanti epitaphi fi veggono iopra le fcpolturc , ò ne i muri di 
qualunque cdihcio,tutti fono in latine lettere,&: niuno altramente. Ne io per tutto ciò crede- 
rei,che gli Africani quelle tcnclTero per proprie lctterc,nè che in quelle hauclìcro fcritto. perciò- 
che non e daduhitar,thc cj^do i Romani,che fur loro nimici.dominarono quei luoghi, cinico 
me f coltumc de vincitori,& per maggior lor difpreszo,leualTero tutti i lor titoli d^ le lor lette- 
re,&: vi mettcliero i Ioro,pcr Icuar inlicmc con la dignità de gli Africani ogni memoria, ài fola 
VI rimanclle ql!a del popolo Romano . li come voleuano etudio de gli ediiici de Romani fare i 
Gotti,ocomc volfcro far gli Arabidi '^uelli d'i Perfu SC come alla giornata fogliono , fare i Tur> 
chi ne luoghi,che prendono di Chrirtiani.gualtando non folamente le belle memorie c^ gli ho- 
norati titoli, ma nelle chicle le imagini de fanti &: lantc,che vi truouano.O nò (ì vede egli in Ro 
ma medelima a noliri tcmpi.chc alcuna volta in principio d'un bello 8C degno cditìcio da vn Si- 
gnore cograndiihma lpc(a incominciato,a: per morte lafciato imperfetto, il fuccefrore,6fara 
distar per hno alle fondamela per tare egli nuoua fabricaio pofto che quello folle fornito , ò che 

B lo laici in pie, per ogni poco di nouita,che vi aggiunge vuole che liano leuatc le arme di quel Si- 
gnorc,&- che vi 1 ponganolefucr6pure,fectfitoda bcnc,chcvelelafci:lc(ue,fonomcflcdi fo- 
pra, g<: con lunghi epitaphi fatti à mifura OC à compafTì tengono il più honoraro luoco» Non è 
adunqucda marauigliarf i che la lettera Africana lìa perduta.a: da.900.anni in qua gli Africani 
Viano la lettera Araba,&: Ibnu Rachich fcrittor Africano nella fua cluonica fa di qucfb materia 
vna lunga dilputa,cioe ic gli Africani haueuano proprie Iettere,ó no : ec'conclude,che clTi l'hauc 
uano,diccndo,che chi nega cio.puomedef imamente negar che gli Africani habbiano hauuta 
lingua propria . aggumgcua anchora,che è impoHlbilc.chc vn popolo , che habbia vna Imsiua 
parucolare,vlincllolcriucrcvnaletterafirana. 

Suo (h^ fica, 
L'Africa li com'è diuifa in quattro partixofi elTe parti fono ne 1 liti differenti. La riuicra del 
mare meditcrranco,cioe dallo fìretto di >!. Itarapcrinfmoà confini di Egytto tutta e occupa- 
ta da monti: SC li allargano vcrfo mezzo g.orno cerca miglia cento , S>C in alcuni luoghi più , dC 
in alcuni altri meno.da quelli monti infino al monte Atlante v'hanno pianure, & alcuni picco- 
li collijCv: per tutti i montidclla detta riuera fi trouano molti fonti,iquali pofcia lì conuertono in 

certi humicelli,chiari,a^ all'occhio vaghi &dilctteuolimolto.dapoidcllcquai pianure a: collie 
il monte A tlantexhe incomincia dal mare oceano,cioè dalla parte di ponente; ài il ellendc ver- 
fo leuantc hno à confini di Egy tto.doppo Atlante fi fcuourono le pianurc,doue e N umidia,ncl 
lcqualina(conoidaitcri,ch'cvnpaefcqualituttoarena.doppoNumidia (onoi diferti di Libia 
C pur tutti arcnoli inlino alfa terra ncgra:nondimcno per li dcttidifcrti fi truouano molti mòtrma 
I mercatanti per quelli non fanno il loro cammino : percioche fra i monti vi fono molti pai Fi lar- 
ghi ÙC piani.doppo i difcrti di Libia è la terra ncgra,lc maggior parti dellaqu^lc fono piane &: a- 
iciiofc,tuor che le colie Ul Hume Nigcr,& tutti quei luoghi^douc bagnano dC arriuano lacq fue» 

Luoo^ht fM-iCrniuofidi ^fma. 
Tutta la riuiera di Barbcria,8(: i mónti nella riuicra contenuti, partecipano quafi del freddo 
più tolto,che altramente, a: à qualche f f agionc dell'anno vi neuica. per tutti i detti monti nafco- 
no grani 8C frutti,ma frumento non molto in copia,&' gli habitanti la più parte dell'anno man- 
giano pane di orgio. 1 fonti che fi trouano per li detti monti,hanno certe acque,chc tengono if 

iaporc del terreno,^: fono quafitorbide,&:ma{ìlmamente nelle parti, checonfinano con Mau 
ritania.(ono etiandio fopra i detti monti molti bofchi di alberi altiirimi,&: le più volte pieni d'a- 
nimalijCiuai buoni,^ quai cattiui.ma i piccoli colli 8C le pianure , che fono fra i detti monti &: il 
monte Atlante fono tutti buoniirimiterreni,chcproducanogranqu3ntità di grani 5<: d'ottimi 
trutti:&: per tutti idetti colli ?^: pianure paflano tutti i fiumi,che nafcono di Atbntc,(?y: vanno al 

mare mediterraneo, ma in qfta parte fi truouano pochi bofchi, £<: migliori fono le pianure, (hi: 
vliannofrarAtlante&roceano,comcélaregioncdiMarocco,laprouinciadiDurcal,5,&'(ut' Monte At- 
ta redle&TemefncinlieiTiccon Azgarinfinoallo flrctto di Zibeltara . llmontc Adanu: e làcclug.d» 
r ì?- '^^j^'""''^ ffcrilcan ciTo nafcono pochi grani.a.' per ogni iua parte fono folti à ofcuii bo- 
ichi,&: da lui ne nafcono quali tutti i fiumi di Africa.! fonti,chc fi truouano nel detto monte, nel 

mezzo 



fili 



ìM il 



NumiiJia 
produce,!, 
liacteri. 




J;1TT 



cord- J.MCO 
Jo di mor- 
te liti piC- 
lai il mon- 
te Ada u te. 



PRIMA PARTE 

wczro della ftatc fono frcddiffini.-d.man.cra,chcvno,chc fcncfTc la mano/n qucIFacqua m 
ogn.p,ccolol,xu.o,knzadubb,oyelapcrdcrcbbcJepartidcIdmoniontcn6rLtu«^^^^^^^^ 

tr^f) l '? "" ''=>l7tat.,come V, U dira panmcnte nella fccòda parte del noftro hbro. Le 
par .d shabuateofonomoltofredde ornoltoafpere.queIlecl,cr.fpo 

nolcafpcre: e fredde riguardano verfoMauritan.a,tuttau.aque8h che attendono alle pecore 
V. vanno nel tempo della Ibtei pafceru. le loro belt.e.ma il verno non è polfib.le pò eriu feT: 
mare per modo n.uno,perc.oche femprc che la neue e venuta giù,fdb;to li mur e vn vento dal 

ghiAmoli.huominianchoravimuo.ono,peraochequ.uic.IpaWraMauritan.acS:Nuniu 
àt;,^!]''/^^^^^^ d. datteri nel fine 

diottobrea. cvoltelaneucveglicogl.e,d.maniera.cheniunovcne reità viuoicondofu che 
fnlT/m ., "°"^ ' neuicareja mattina li truoua la carouana fepolta &: affogata nella ncuernè 
Neui gridi olamentc la carouana,ma tutti gli alberi fono coperti,di modo.che non fi può vedere orma ne 
jAuttore Icgnodoucliano icorpimorti.& IO ducfiatc per gran miracolo fono fcanVpato dal pencolo di 
quelta morfc,neI tempo,che io faceuo qucfti cammini.dcllequali non vidifpiacera intender co. 
nie vna me ne auen.de Parnti inlieme molti mercatanti da Fez,!, trouammo con la carouana 
del fouradetto mcfe nell A tlantc.& cominciando cerca alloccafo del fole vna fredda S,: folta ne 

ue{indulTcromliemecertiArabi,iqualieranodadicciindodicicaualliAmmuitaronol3fcian 
do la carovana a girmene a buono albergo con e(To loro.io non potendo ricufar Io inuito.&: te. 
mendo di qualche inganno,feci pcnliero d. leuarmi da dolio certa buona quantità di danari.che 

SI' 'Z'n^ ^T^'' ?;" ''"'^ ' "'' '"^««"'"ciauano à cauaIcare,aftrettàdomi elii, finge! 

do,che 1 bilogno naturale m al trmgeUe.n'andai in difparte fotto vnaibcro , & q umi tra lam dC 
terrcno,comc .1 meglio potei.nafcoli dC ripoli i danari, legnando c5 diligenza ralbcio,caualcani 
ino adunque taciti predo alla mezza nottc,allhora vn dicoltoro parèdo loro eder tempo dZ 

quello,che haueuano in animo cioè di tormi i danariA' lafciarm, alla buona ventura, mi domaa 
do le IO alcun danaro haueua addolTo io rifpofi,che i miei danari haueua lafc.ato nella carouana 

avn nitocaro a: ftrettoparentc.nonfuicreduto,&perfaperneemilvero, vollero che m quel 

f^fj! a""' f °^["*^' ^r '"''"'' '? camic.a,&: nulla non vi n ouando , cominciarono me- 

£^s .otnr.lT.'^''' CIO haueuano fatto per ilcherzo,^^ per conofcer fé io era huomo forte. 

Acf? ^°PPO''"'-e il freddo . Hora feguendo il cammino fcmpre al buio , Se' per gr.ncò ' 

tnod.fideltempo,comedeIIanotte,quandopiacqueàDio,fentimmoilbclar di molte pecore, 
verfo ilquale e. mu.ammo drizzando i caualli tra bofchi 8^ alte r upi,di maniera che ci foprafta! 

uavnaltropericolo.infineincertegrottealtctrouammoalcunipartori,iqualiàgran fatica v'ha 
ueuano condotte dentro le lor pecore, 6^ accefo vn buon fuoco vi llaua^o al dm?orno quaho 

rn no, v.ddcro,8^conobberoqueni enere Arab/;primahebberopaura.nonqualche dto 
gì taceficro.dapo. s alTicurarono fopra la qualità del tempo,& né dimoftrarono alTai cor tefe ac' 

cctro:&d.eroncnìiangiardicio,chehaueuano:ciocpane:carne,6^cacioiornitalacen^^^^^^^^^ 

glato Ignudo, fenza la paura.che io haueua.con queftì partorì dimorammo due di & due not- 
ti j he tanto connnouo il neu.care. lltcrzodifuceirato.onde.paftoriincomindaronocongi3 
dil.gentia a leuar v.a la neue,che haueua tutta rinchiufa & turata la bocca della grotta St 

toncmenaronodouehaueuanoalloga«inoftricaualli,chefuincertealtrcgrofte& 
togli d. mo to heno.iqual, trouando in buono elTere (u vi falimmo per d fpS. qud Xno 
fi moliro .1 Iole ch,aro.&: leuò quali tutta la freddezza d'i di trafcorlU paIbCenneralq Ite 
n.glia con noi.dimoltrandoci alcune piccole vie:doue fapeuano.che non pmerelfer m£ I 

n.a.Kue.macontut.ocioicauallivandauanofottoinfinoalpe;to.giunt.X^^^^ 

ni d K'z in vna villa e. fu data certezza,che la carouana era Rata affogata dalla ne r Allho 

grata la caro una &anc.uratala,pigl,arono vn Gmdeo,cheera nellanoftra compaenia- ilgua- 
le haueua nella carouar ^ cinquanta (ome di datteri:& .1 menarono prigione ne nSrSinT 

nTacr^nd'ar^Iorr 

rii accomandarono a Uio. Jo prcfo a vettura vn mulo fornito con certe bardelle che vfano 

colorotraqueimonti,.lterzodig.unliàFez,douetroua.cheg.aerallatar^^^^ 

pudùtó Tofo "''S."'hS' ^'--,'P"^^'o morto,ccme gì, Jltn.ma co per fua bont non era 

"^•^^^°"f«ii'-^'itiwtniurc,ruorncioalialtiaioordinc.dilà 

dal 



quclFacqua per D 
bno tutte vgual 
oafl'aibcne lia^ 
nofiro libro. Le 
foTcmcfna, fo- 
no alle pecore, 
ìcpoteruiii fcr^ 
e VII vento dal 
no in quciluo^ 
:ania^' Numi- 
datteri nel fine 
; condofia che 
ta nella neue:nè 
edere orma ne 
dal pericolo di 
ra intender co- 
on la carouana 
lda& folta ne- 
ftarono lafcian 
lo inuito,&: te- 
adidanari.chc 
imiclli, finge- 
liuitraianijà: 
JcrOjCaualcam 
r tempo di far 
ura.midoman 
iella carouana f 
che in quel 
nciarono ine- 
huomo forte, 
^'per grnicò' 
molte pecore, 
le ci foprafta- 
an fatica v'ha 
irno.iqualico 
ilche difpiaccr 
(Taicortefeac- 
cena.ci ponè- 
era fiato fpo^ 
idC due not- 
rono con gra 
tta. Ilchcfut 
8>C proucdu- 
quel giorno 
ero alquante 
;frcr molto al 
imo ne confi 
uc. Aliho- 
10 accompa- 
agnia:ilqua- 
r padiglioni, 
ilcauallo,&: 
e , che vfano 
trilb noucl- 
)ntanon era 
ordine, di là 
dal 



còfinano con L.ha/ono certi moSpr maVen^^^^^^^^ ^''-^ "' 'Ì'^^'"' ^' ^'"'"'d'^' '^'^ 

fuochi di ccr,<alberi ruttifpinoiiriqLXSiS^^^^^^^ 

zi quaf. incogniti alle gentUtti fra queicoS mnm^^^^ 

molti fcorpion. &: fcrpì: <hÀ mor^ ^Zm e droul n h R '""' ' '''''"' ^' ^"^""^'^'^ '^"« 

gente. Libiacctiandioplfed.re tSr^^^^^^^^^ '""^^' nuioredigran Scorpioni 

• i;,c,nc acquaeccctto pu- ™t ™"àu^^^^^^^^^^ arena.doue non (, troua, ne fontane fin «^ '"?'• 

no molti^k vhanno ak . . Srn Zh n^^^^^^^ ''^J" ^'-^^'''^'' "^••^' ^"*^ft' "o" fo 

^bifognachcimerca.. ti fc la^^ó tSe^^^^^^^^^ \\T '''^''''' 

i da Fez a Tòhutto,o da rtlenlm ad Agadfz S-^Kl.r' '""'?' ■"'''"" ftrada,che 

derni,lquak.èdiandardaFezHnoalcS7op^^^^^ 

gio 1. palla a canto dVn grandilfmio lago:d m^" no a S^^^ '" T '^^^° ^''^«^ 

ma nel viaggio di Fez a Tombutto fi trouano alnm; S.- f ? ^ f °'' ''' ^'"'"^ ^' <^orrhan. 

I.,omurat.Tonleoiradedettian"mali^"°^^^^^^^^ 

viaggio d'altro tenipo,che il vernorcioche allh .r f^ffi i i '"^"f "''^ ^' mettono a quel 
B &Icuanotantaarei a, hccuopreX W^^^^ 

ranza di trouar ne luòghi confuet l'acaS^ non C'h r ''''' '«" ''"^«^""'^^'^ '' Partono con fpe- 

clT^rcopertidalIaarcn^^^l^^S^n^^fei"^^'^"^ 



ralc,vna tazza di acqua ccr dieci mila durui- ma r.„t.,. • j i.^r "1^";^'" '^ ' ^ "^era vettu v,. m-rca 

peròiacqua.^iiv.i^chj^ii't^r^rs:^:!;^ 

noipafridellacqua:fudineceiruadirirparm;à.^?pocaXtr^^^^^^^^^^^^ 

li potc, copartendo quella parte, che deuea darci il borra f ri. » «uamnio, il meglio che per noi 

C niafeioquivolemdWndcreleparticolaW^^^^^ 

"^ ucindial ro, Ndla terra neLraTnoS^^ b.fognerebbe , che io feri- 

g.onedelnumeN.ger.&tSeIeregir^^ 

n., douc vi nalòegrW.ma quatita di gran i iroSfin£ 

frutto di niuna forte : eccetto alcuni fruSe nrXo, ó^^^^^^^ ?""° "^^ ?'"''•' ""' "°" ^'^^^ 

gl.ano allecaflagne,matengonoalquln odd W 

<olaterraferma.ilfruto,ch7odico,cch.amatoneriorS 

no in quantità cocuccie, citrioli dnollc S'-lrr.f ,m ,,^ ^ *^°'^o-tglicvero,chequinafco Corotute 

«econ^i diLibia fhrouan^.ont^^^^^^ 

^^d^^""T^"^"'^T'^?'^'^°^'''"^"^^'^^^^^^ 

me ctiandio particolarmente a fuoi luoghi vi li dira. '^F'J'tnn^^aitnammah.co cipoHe 

Mot, natura!, delUm m llfnut, & éunfttà, che di queU, procedono 

doXr^ ''^-^r^- ?Sc"^^^^^^^^^^^^^ 

ordinaiiamcnic V haniufi mon (icddo . ma fouciiKin vi. .Vlwn^ r? 7 '"KO. nel l-draio 

^"S§» b giano 



1 

ì ' 


1 


\ì 


\\ 


ì \ 


1 

'L'i' 


1 


1) 1 






i 



w>% 



]«i 



ni I 











i'^i 



ti 



,ììi 



SECONDA PARTE 

t...c: C< nella te, .a fatmuna d. Giugno .nco.n.nc.a à matllrarl. luu^ ^ t rS -inZr^ ^ 

pcrlicl.c . pallaro niezro Aj;ollo incomincuno à fcccar I mn &: li Wr > .rfi> / ^ V 
m^hcun,U.c,du.ualuua,chccnnun,bnnoWni^:;;m^;^|^^ 

c.aJ.k.Uonu-ptnv,.u(.co a.nHMi,cv,ud.ra. Nclmczzod\)cu>lMccoLròk^n^^^^ 
natccicotogiir.iulNoiicmlMcroliuc; ma non (icol'rnnornn \rfr,ì -^^ '°'*-"f' ^.' '«^«"^^ 

fp.ccandolcconlcnvmKncrOKKhcnnn(M.n?f- ''r^l " !^^^^^^ 



rpKcandolccinlcn.m,pcro.o i,;;;; ^u^^^^^XuS^^^^^ 



Oline Afii 
cane. 



Qual pio^> 

gl.l lllllOt.l 

caiclÌM & 
<]ii.il abon 
din za. 



IcontaJini 
Atiicim & 
!;li Ar.il'i le 
•/J riltic k- 
ticli.uioro 
Ciiicióo itl- 
KiAlhi-lc- 
gi.i. 

^^n■l}o !i- 
l'idc tacil- 
nu'tc qiit'!- 
loiti M.ij»ó 
cattliyiiit' 
frdcrè ru- 
ihci. 



Anno Ara- 
bo Afiicào 



ali un alno non \'i le ne nona acino . &.' vìuimo certe oliiir .rmff.. ri,, n ! r '^,''""^'^"-'].'°^ 
OKI.O : n,a i , n^an^umo conc.c.cnand.o .n ttute k b^iet^ S .ZinUl""''" ( "'" 

Jc.cn,dulcllapn;nauera(onoqualiren,perati.E.,^.abV^ r;^^^^^^^^ 

ral regola e apprelìo loro ,& la fcrbanod, nellaffitar dcS Lcr & i ^f f à''''' '^ '' 

re, come nel nauicarc &: nel troint- Ip iii~^ <^' i i - ° P°acriA li nel feniinarc,8c r^ccor. 

clK' f;ino d>h.(ogno alla agrKÌltura,aocll S 

qwattrog,orni;pc.ocl,e(e.n,er,fannod.trenad &'l^^^ "^^^ 

SH..;KaIladeu!.fonnn.Lcfefie^.d:^r;o^'Sgon<^^3" 

c\ /\frjcano e meno del latino vndia morni et olii vrid, • < w ^' ^ """^"'^'n "^"^^ 

&da 



maturi, come h D 
aiigù nrichora. 
ItìcliidcHamiiu 
trinchi, ideile 
ole . & ic pioue 
te nella prouin 
) le mele , le j^ra 
(anelli Europa 
loaHaliczzadc 
ncnte ijueglidi 
anza con j;liaJ 
Icoliuc, vanno 
•adcrc.llchcco 
■clIij;iouanctti, 
abondanna,& 
> buone da fare 
l'anno Tempre 
il-ebraiOj&^co 
IO bello, mafc g 
iocpelfinia;S(: 
i^ono per bene ! 
perduiotione» 
."), fpeiialnien- 
J che alcuni an 
.'molti s'Hiler^ 
ij:;ioiu-deli'au^ 
nbre,i2v quelli 
:hc il f rametto 
hianiauil for>' 
a luna. Da cjii 
vbraic&'nel 
obrc.j>!i Ah i^ 
incipiar da do 
uinciaiio^a do 
) et ne (edici di 
:bre, cofiqha 
are,S<:r.^ccor- 
l'cptmctiacio 
i» còtadini &C 
della alìrolo 
etlacognitio 
noi meli per 
ibridiuifo;il# 
lingualatina 
turtclccofe, 
c,dincalmar 
lapprclìogli 
creilo I Lati- 
cofcptinenti 
acinquanta^ 
3 inncmcag 
iquc Arabo 
noftro adric 
odio alcuna 
ettc,Sc:mol' 
CjUailloccc^ 
&:da 



^^r, D E L L'A F R I C A 

A a dn messo giorno.fono molto nomn^i/ .■.-^ir .. ' 



ir> 



lurcoildLNV-lminreAtlantel'.Z on 1^^^^^^^^ 

Aprde tutti . fé. n,eh iono verno.e^ ir^rh;^^^^ 

.-n tutte le fon,m.ta del detto monte il tXd.rannnZ^^^^ Harcmapcr tutto Tanno '"'7'"^'?' 

c,ual.a,nnug,,ore vdoe.tà:perc.och;:;:;aSo (^^ '^^^'V -'-no t^^^ 

iametadiSettembrecontiittoOitobrehnoàLT-M Llh r?/' '^••"'■'■'"'^''^^ 

uen5e»emb..idatt.i,t«K.,crlan,4g;oA^:;te"^^^^^^^ 



uc,i5ettembre,idattenq;iin;;iam^";o;\;^;;;"';'^;;'^^ 

ren.diNum,diav.,g|.o.lo*readacqÌ'^";eH ".^^^^^^^^^^^ 



Iante,tuttiihunud;S;;;;r ^,Z;^S^ '^^---"de A^^ 

fcrreni.a^ non P'^n.endo (inìilmenuM-C\tX non 1^^^^^ """ ''"'l'^^"^' adacquare i 

noxchmancandoracquailmefedAprilént'^^oc^^^^ 

do no pioue.c buona raccolta di datteri ; à: nuefrhdi NJ,,n ? '?; ^-'''"pagne . ma quan- 

datteri,chedelgrano:pcrciochcanchó aciS fofì^<^^^^^ 

perciò farebbe a fufficiJnza perl^SdcS m!n^ i'^f""^ abondanzad. grano, non 

Ihora lìon ma.ìcano «rani.p rciochc i fA abT^ '.^^ ^lì ° " 7''^'" ^ '. ^^"^'■' ^ ^^"^"^"^ ' «'' 



:l:' ! 




icimcn 



dio per 

delleherbc.trouanii :.uttaLibiamdt7la2!7s?mZV7"Tl'''''"^ 

catant. della Barberi, fanno il loro viagg o aU l™^ ^^^^ Pf/ 'l"»"''^^ ^^S'^ne i mer 

pu. per tcmpo,8^ iuicominciaa piouere nel hné d LmS l ' ^ ^'.'' "'«"'"' '"^«'"'nciano 

r.lla terra negra ha quefta virtu,che el a ne Sa „r S^^^ ""l P'°"^/""'to , 6^ la pioggia 

ItanoIcacquedelNigenlequalireSSno^;^^^^^^^^^ 

nenti, che faccia il Nilo nello bgytto.eRl[rve. o d ° "1 -' T' ^l' ' '"''i^''-"*^ • "°" a't«. 

iì Niger ne più né nìcnocrcfce nd t?po,d eaèf^^^^^^ "!" " ^;"" ! V- '"'-^"° '^ P'^^^^'e.ct 

..nautcarc.alcu„ebarcl.che|f^5^g 

mont. della Barbena,huomini,die forn.SnoX ° nVS^^^^ ^ T"" ' "^^ P"*" '' '^°"^"° "«= 
quelh dVna gagliarda & forte vecchiezza pèrcTodi e ho Ì^ "' ''^'^ l?" P^^^^"° ' ^ '°"« 
arar la tcrra,fi^ zappar le vigne,£c' far conSer^m.^^^^^^^ 
C no.^qudch'epiu,ho veducondmonte ASS7rr^n/d!nr^ ''''" 
combatter valorofamente con giouani,fi^3^d oro n "'"' '-•""« <^mrnre in battaglia,^: 

ra,eioé nd paefedi datteri,fonÌ'huonu^Zn^^^^^^^^^ 

corta la viUa.ll cader didenti procede da cór^tSo^H^ "^^^'°"° '°''° ' ^""'^5^ "lolto f, ac 

viifa auuiene, perche q uc paeli fono mniS^^ ^ ^' ""^"S''-»»- datteri : 8C lo accertar della 

nalaleuainairoduna'mSetpXe^^^^^^ 

guaUa.qudlidi Libia viuonoquaLenoZS/d ri 

no a felfanta anni,o dintorno Jverocrein ró^^^^^^^^^^^ 

te molto piu corte di quelle ddlaltre generanorn^a W. 5/^^^^^^^'^^ r '"''' "'«''^ ^°"° '^ vi. 

denti fono li-m pre fermi 5^ a vn mod^Sno huo.S n .T ' ^i?"° '^"^P''" •■°^^"«''^ ' '«^^ 

d.L,btaa'dtNu„.dta:^q.,di^Barbe;L^^^^^^^^^ 

Ndcapoa,p,cc.ohfanciuIIi,6^anchoraaIIedonnedi matu/a ed V.rM n.r 
della quale fé non con grandiflìma fatica euarifcono (-ì?.?Ìu i ''f^'*' ^'^'^^^ "^^' 

otfd.:a^qudb alle vohe lor viene fen^Tul fcbi;. H^f ^^^^ 
chi offende :&pcnfafi, che ciò aueneanerdo^^^^ Inn.hncnte non pò. 

qudlebeonoac5uafredda'fono3;o^Sh d"d" '''-' ^'-- ^' 

zachiamanodolordi cuore.torgimenti&m{ " .f ^^^ 

-or.d, ^,no... ,.„, ^,^ n-cqueaa, ^'procoiono dal ledere fpclIoYul te". reno;l d^ì «Sa 



IN 







Viaggi 



portar 




!1T 



II 



■•:/' il 



ne alle volte vna fiera Q^ ZttutXS^^^^^^ 1' ''?'''"f "'*^ '^ ^'^'•"° «'^ «rra , fi mo. 

pixdicTc/camenc,chevntoffajScon S 

Ma. frScio ma!e,chc nclllcal/a e detto frando(o,.o non crcdrche S«^^^^^^^ *!? ''''"' * ^'^ 

ro. nella lcampata,a: fuol venire con dog!,c,con bolle ^c^^^^ '^ ^'^^'"^^ P^"^ 

tauiancl'uarifcono.cvcrochcncIroma.nA'nw '^Pa? P^^^ 






Zc(l-ìii 



;;^:,i:a ;: pefce.s^ .o ho vcdu onS^o S nu^ ^;^ 

r;;^..oJan,.at.onfoladell>erelÌ:C;;:;^ 

ca & in che gli» »'U'io 1 haueua fentito nominare.ma hebbe pnnciDio rS rrn^n^l 7T""-^"^ /" 9"^' '«<> 

n,o.o. Sn^.cacaód.Spagna.G.udcKchepofdacheX3oiKaZb^^^^ 

imbrattatKaucnnc chcalcuni tnfti A' ah.nr « M-,..- r - . ,^^""^^ » cllendo molti di loro 

dffeguuan^dod/nnal 'rano^^^^^^ 

nìighyheo^^anerta,ònonhabbX^toqu Z;^^^^^^^^ '^-^^ ^' 

ticnli longincclTcrvcnutadiSpacna&conolM/I^n^ P5 e ^^'^ '"dubitata proua 

chiamano hranciofo comco I. ]falian?"r^ ou!f f ")',' ''L, ^pagna.ma quei di Tunis Io 

po:coliiuEgyttoé1nSo^i: cot^ n^^^^^^^^^ 

bena pochi pa uTcono quel male ò difetto chrlT.Jn:/ J^' ^'"'° "* alcuni auienc.Jn B:ir 

nedoLno,d^allcvol?c.dl ,^?,t' "^^^^^^ 



He mia d 
de nafcc 



T.-rra Ar- 
mcuica. 



Gli Africa 



liman.cnic nella Barberi? de nella terra nr rrT i, 1 " guarucono . c: hanolo molte donne,maf 

ciucilo uìale^eir. ^h lenicno fp STaSS '^'' ^°"° '"^«^'"^ ^^ 

dici,ó d. vcn ucmm re anni • S le fa iànd^v Ir, ^^''"^ '''^ ''"^"■' '" "P° ^' '^•^^'' ^i quin 

non-unorK^uard^òdaSona^^^^ 

farcene vnnonidintornocontérr^ar^^^^^^ "^T ''' ghiandulTaJogliono 

polorpauodicentoanni:ma"X;rrg^^^^^^^^^^ 

Gl.Africani,cicègIihabS;S^;Sfe^^S^ „ . ,, 

re med. terranco,fono huomini- che grandem nte H fcno^ S^^^S f^' ""''' ^*^' "^^ 
cura à gli Rudi : tra quali quello delIaLmanTta A q^^^^^^^^^^^^ 

tengono il primo luoco. anticamente vfauano di ftudi nHI^I^^^^^^^^ '^^8« loro 

philofophia, &:ctiandiondra{^rolo'Ma maTQuaVtrnr/nf ^ "^ mathematiche, ndla 
to,mo!tercientiefuronolorovc«tefaiTottorr&^^^^^^^^^^ 

e^ fa«rolog.agiudidaria.queIl? tùndiò che S^ '^ ph.Iofophia, 

nella fede loroTobedikonoL- loro dot.oriSerS^^^^^ di Africa fono molto dinoti 

fariediefTafede. vannocontin^uamen e?^^^^^^^ 
fiKiiodanoncrederedilauarpercagTonJd^^^^^^^^^^ 
ilo tutto il corpo,come ho meco nronnfto H, H.W n 1. 1 r °1"^ sembra , &: alle volte laua. 

cana.fonoan?hóraghl abLn^^ndfe^^^i^t^^^^^^^^^ 

rarcifìdo d. belli &chucrfilauori,&foXtSat&^^^^^^ '°"^' ^' ^^^^' "^'^ 

«idigranbontà,nèhannomoltódimalitSl^^^^^^ 

chorachcncglianiichifccoli, comedidofannofedcleh ftorLd.^^^^^^ 

altrimenti tenuti . fono h uomini valoroli S? di or.nH™ 3 ^''""°" ''='""'' ^'^"o «^" 

"unemonti. Lafedeoile'urXmi^etSetl^ 
lavita,checlIlmacalTerodÌQurIIn.rLi™^^^^^^^^^^^ P^'"''^ rnancarebbc in loro 

?ni altra cofagclofiflìmi: 

riceuuta per conto delle 

annoapprelTo in tutte le 

uunquc 






trouano alcuni TiD 
catcviuandc.ppr 
i,chcadeffimoJ- 
> in terra , (i mo^ 
tclqualc clTendo 
lu bella parte del 
uttiquafì advn 
>l'ha vdtta.Del 
ila decima parte 
e.ma molti tut" ' 
'coffcfodaquc-» 
acliiri]abbia.ne 
inetto come vn 
aaltririmcdifjj 
anzi in quei luo 
«do Re di Spa^ 
io molti di loro 
lei prefero, d'in 
lonfi trouafà- E 
dubitata proua 
Ki di Tunis Io 
ire per alcun tè 
iauiene.lnBir i 
ìgytTo molti fé 
l'aà vedere. ere 
ducofpeflcfia- 
3ltedonnc,maf 
ino inoffel'i da 
didieci,diquin 
leeirinòv'ha-. 
ludajfogliono 
irire,fenondo 



iriucradclma 
no con molta 
-l'è leggi loro p 
maliche, nella 
e in parte dei- 

1 philofophia, 
molto diuoti 

:rlecofcnecef 
cnendo vn fa 
He volte laua- 
i^gc Maumet 

2 li vede nel- 
ndio huomi^ 
llalingua,an^ 
ni, liano fiati 
lijChehabita 
■ebbe in loro 
agclofìflìmi: 
rr conto delle 
fio in tutte le 
e . fenc veg^ 
rchia,&:do^ 

uunque 



ì 

DELL'AFRICA 

Aminquccnrivnd.'no,vcngonomoItobcnved[it.A'h«« • • . " 

ccrfcttameniemquvIlaarte,chehaMnoimDara^or,n^^ 1^^^^ 

fano ma. m pubLco pargl^ d.shoncR T.Snòrrren^^^^^^ vergogno!.. ne par: 

naincnf.,6^ m ogni altra particolarità &'f..n^^n!; « 1 "°"^''*^ al inag:7,or^> ^ „^, , ' 
fen=addpadre;^delz.oLnTrd.S;t^^^^^ 

hannoavergognadicantarccàroneanSoueveZno^'^^^^ 

cui . i. abbattono per forte fra ragionamenti t^urdSpT ^f !f ^ ' '^"''^ "^>'.^,^'o,i.fc i fan. 

quclt. fono i buon, coltum. A' le lioneaTcréiS-r H, V ^ ^"b.to i, dipartono da quel U.ogo.a: 

' , hab.tanonepad.gl.o.n,doégl. A-Tbr^Tpa^^^^^^^^^^ cl^ 

il, panent, , conucrfabii,, doa.efr.ci , d buona Wtà S ^n r ""''^f''^"' ^^' P'^^^' ^"'"lo. 

dK.llegra natura , gli lub.tant. du;ontraXa'°/l^^^^^^ 
Iionclunelviuercommune. oueid.N4n;'d^,r^„ ?. ''^'^'"'^'''^"'^ 

alIev.rtu,&ftudir.nonellalegg^^^^^^^^ 
fonohuo,niniefcrcicat.neIIe a^-^ìerco^^g,^^^^^^^ 

r. d. L.b.a: cioegli Africani, cV gli A rabf/iònóLratn^ Cili habitato- 

fet.cano con tutto .1 cuore . vegguDno volcnnew W^^^^^ 
ver.. InegrifonodivirabuonU'toa c^^^^^^^ 

To teinpo a piaceri,&: d far vita allegra, dannando & IbnHM ' ^"''^'''J ' ^ ^^""° '""° '' 'o- 
B 2. d. diuerfc maniere, fono fch.cttilT.m. !v7w J rr '' f^'" ''°'^'^ ^"conuiti, 8c in follaz. 
i/gioii.5.quefttnellAfricahat.no;in"^,t^r^ 

pouer. a^fuperbi, fdegnof. fenzacompar non?, 1^^^^^^^^ 

ce , jn marmo,ne ,nai fé la lafciano vfcir di nKn"e IfS IH^I '"^' ""'. ^"''"°"° ' ^"^"^^ " ^i 

re che polfa acquiflar lamicitia loro.fono cti^nL P'''^^"'''' ^^' " a'i'ca, che raro e quel forefiie 

faimpoinb.le^lvoIgoèmoItoÌPnoZ^^^^^^^ 

.ioni&:motideIIanatu.-atengoTalSE 

mlIeattionloro.foggettialla?hoIeraS^ 

pcrbe,& con vocealta,^ per le fì. ade coZmn,>^^^^^^^ Parlano, vfano parole fu 

duco tre, che facciano battaglia con le pu.narnoJ^''^"'''^^^^^ ^'"' ^gh'no 

innpocoprezzo:ondelìpuodire,chevXnorc^^^^^^^^^ 

d vn fuo cttad. no. non hanno ne prima.^^ .^pro™ ^^ ? [' ?'," '^°"^P ^'""^ ^'^«'^ ' ^'^e 

gl.are m cofa alcuna crea al gouerno. SoÌo eSSl^ ] ^^ t'^^""° ' ^^^S"'^' ^ ^ ^°n« 

nonhannobanchidicambio,,iemenochXnadttTaI?lf H ?'^ 

u.ene,che ogni mercatante f.a preflb alla fLarobba Sdii n 'P^^'T" ^° ^"^ '''^' •' «"^ ^^» 

ne. auar.ir.mi più di ogni altra cofa:in tanto chr i t ^°"^ ^"«^"3 e condotta,iui ne va il padro 

C ha,,novolutoaIlogg.a^rforefherrnep r^S^^^^^^^ 
5,cherendono .Icambio à coloro da qual. hanS InSuXl S*^ ^?''" '"^'^"''^ ^«^"^ q"^» 
d.man.ncon.a:neporgonovolentierioreXà mW °^^ 
fcrd.continouooccupttinelleb.fognddvmerc^^^^^^^^^ 

«"•^TP'^^^ol'-Ipaftoricof.dVmontiXSllS^ 

che delle lor mani,& ftanno in continoua nX?&nc^^^^^ 

gano ma, cola, che lor fi dia a credenza.^ réoftom fnn. °"° '^'^^^'^''''^dri, ignorati,nc pa 

tra forte, à tutte legiouani prima che fi mari ,?o1li° H'I" "''^'^'°'' """^'^«'^ •cornuti.che d^l 

Jamore.&dpadr?medefimoaccareL^ nnamo ' n^^ J^?""";^""' cVdigoderfi difrutti 




. ,. — . '■'^"^"*^ '"*-'" 'uo,maono lenza firlfAT^.,-,, -- -•'-""■».iiouu,n€ 

d' rd,g,one alcuna:di modo, che ne fanno oraS n. r ''"^1"°" P"*" religione , ma ombra 

fucdc le pur fi troua alcuno, che fe.a a qualche oocò ^ -H^°"2 '^ ' ""' '""''"° ^ ^"''"^ "^^ ^'^ 
ne lacerdote,ne regola alcuna ècoSn I v r.?r '^» O'Jf.'cd» d.uotione,nò hauédo ne leeee 

dallacog...onde?ecofe,&7onot^^^^^^^^ 

n.K.d, &ladr,fenrarifg,,ardoócfnfidcrat,on^^^^^^ 
m,ndannoadogniv.irfnmomi(fiere:&d^^^^^^ 

-d.li.eua„e,^quaifet«igUdtil^,eanfinendanari£::^^^^ 

Viaggi 1 • ^ ^ V". 

«>*» b li} gli 



f 



liiì 

l'i 



Ki 




Il 



^J,,,, 



I,;,J }^ j,, °' R?"".o 'n P^frer ktcrtce pei- 1, diftrti : & fcmurc vanno fnl-iS 

te ■„ (un di nel mio na/fpii, vn ^f ^A V"^^'''^'*' '° cHcmpio d vna bncuc noudlctta . Ra«.onali, che 

Si à m Ir nn n^? ^ ^ m'a,maf fimamcntc efTcndo all'incontro priuo di quelle virtù che 
ilu^ d vno;'^^^^^^^^^^^ 

KoueIbdiue&>ccuoren^^^^^^^^^^^ 

M>o vccei- vrrrlirr^ A-V ^*^lf"^P' «^^'^g'» animali parIauano,v'hebbc vn vaeo d' aniniofa 

ictto,narra ^^^«^«^"'^"^'«^lopratuttoornatodVnWeGno mirabile- ilnmf,- H^iN «.... i^ animoia 
.adallo Au piu,chcclìb po^ua viuer cofi benroffni..^ , . r ^ ? '^ "^'"'■•^ '^^"*^"''' n"cfb di 
torre ind,- j\ crmotcmitnjti^uuA^^^^ al tVivcccU 

fefa di quai ^ : ^'^'^ 1 , 1 '"^ '^''^*'"' ^' '^^^'"^ "^ '^' 'J^'' c'afcuii'anno certo tributo à il loro Re oer 1 

S^K^ti^^^lSo^^ 

«0-.^ Jo-granvoZTnnt^^^^^^^^^ 

noi!piunctto,&:ilpmdabcngcnt.niuomo,cheliafratutiigIivccdli.&fcLTUÌto ncf 
recaro in mio fauore l'elTere io ali™ n A fw.. T ^^"*?,'^ ^^' ' "^'° Pi^^^ verrà bialimato, 



B 



Della 



:S(f viuoncco- O 
TTcro in ogni tè- 
imeneo, che cffi 
lunghe le cor- 
lanOjOinfarma 
vanno fcalzià: 
ic, fenza ingc- 
rea guidi di he- 
;nici becchi; da 
itimcnto humà 
vituperi de gli 
ho fpcfo la più 
ficio dell hifto^ 
: al dcfidcrio di 
criuo,non vo^ 
irolc,6<: l'artifi- 
rhcfidcgneran 
liagionaii, che 
ilquale per va E 
nclqiialccoftui 
icdcrfuo ami^ ì 
li altri non era 
enioltocrude^ 
do io tuo ami^ 
jcio à me con-« 
ido di mano in 
aceffi i vitfj lù' 
itto per Iiaue^ 
clic virtù, che 
à punto il CO' 
uvn'altrabric 
o &r animofo 
cua qucfto di 
gii altri vccel* 
irò Re. per il 
e il Re mandò 
Ito parole,pre F 
vedendo que 
lauetra mollo 
ondo è venu 
:apriccio flra 
che purefo' 
jjpcr l'amor 
to più bontà 
Uà onde egli 
ci, venuto il 
intendere il 
vfci delle ac^ 
lefto vccellet 
]uante volte 
e, che doue 
cani faranno 
à biafimato, 
ro àgli Afri 
ie,5irpiupa- 

Della 



DELLA DESCRITTIONE DELLAFRI 

Et dcJIc colò notabili die quiui fono , 
I^er Ciouan Ltom africano 



tx 



CA 



SBCONDA PARTI. 



^ R O li 



Mio, 



h 



"-od.,nedinKmi;rdj;iA£t'Se^^^^^ 

per darul particolare inforniationrTJ^r ' ^''*'. '^R^'i-anno , fono 

d'nti,d.;cggiAcoiiun^?lororn^^^^^^^^^^ 

rcintcfiu lircominciaroadinCnr^^^^^^^^^ 

p.tandodnuocoinIuoeo,fSfe eTm ZoT^^^^^^ 



■ ^^ '' '«itmadiEcyttoilchf firìHiM/r-; r '"^'° ''^gionamcnto n 




Alberi tpi- 
noli. 



buanu.pcrcioche ho veduto loSXX 1? ^?^'^'^^^o,n^^ dalla ignoranza deghha 
frumentopiccolapartevinafce.madiorl''^^^^^^^^^ difichl &: d. perlicS.d 

=a,&l.m.lmentedimelle.,lqualequeid&cfe2a/n?.^'"''r'8^^^^ 
fanno aitnmente quello, che ifacc^ delhcr..! ^ °P'''^°il^"'^f° c.bo:&: perche non 
C '"^d'i'--^''^cri W Q-^nt troua n^oltaquan" 

gono d, Spagna:^quefti fr'utti ,^I lingu"gg " „ "o E^'J^r^^^ ^J^'"'^' ^heVen. no..". • 

g o,.Iqualeed. odore molto cattiuo :riondS velo adnt '^^ ' ^' '^' "^ ^^""o «' 
neUarder di lumi» . """"^"o ^*^lo adoperano nel mangiare, &etiandio H^ C«. 

Modo è yiuere di quejìo popolo, 

^^ un certe padelle di terra fatte come Su L fon SS "°'° '^^/"^° ' '^ "^^^^ ^' ^"«^«^ 

fi trouano , che cuocano il pane nel forno So '-^ ^"oprono le torte in Italia,et pochi 

cdalorochiamatotlhafìdl^&frffi/nr^^^ 

niettono dentro farina di orgio:5^con vn bafTone horn ^'l' ' f '"'"" '" ^"''^ "'''^^'^ '• P°» vi 

fcoIando^inCnochcelIaècotta. IndXrnl r? ^"^''^''^''^^'^no^'^ofecndo fif me^ 

colafo(ra,vipongonodentrrdqtlfe 

torno al catino: èC fenza altri cocchia Sic pro'^^^^^^^ ì""^^ ^^"J'gl'a «'acconcia cSn. 

gI.are.mangianoperin(ino,che venSnevnTS 'P'^^^^^^^ 

^^(iatcfogliono bollire ladenafari^aSre^^iW^^ 

me erbano nelle cene: percioche nel deHnaré vf nXÌn<?Ìf "" ""'"^^^ ^""^''- ^"^»° ^«««^ 

conlafte&conbut.rorfoglionoanchor?r.n ?"?f"S'arpancconmelle,5^Ia(late 

purel-accompagnanocon^nScii^'^ 

touafflie.ma H.ft-.»^^-^ . . '■'"°'''"foaa<''iJ^urcuru.a:non vi aHnr.<,rìp« ,.,.^1- :,^ 

^ ,.,=«.n..„,,„ra aKunei|uorctonde,a^mangfano /opra qùS; "' " "' 

"^^* b iiij Habito 



■H ' 



m 




n 



qf»!! 



m 



■ 1. 1 



Cautcriodi 
fuoco ado- 
gai male. 



1 



Modo dì al 

loffgiatfo- 
telticti nel 
la caca di 
Tedaelt, 



SECVNDA PARTE 

/Saluto cSt* co/lumi del tWikfimo, * 

La pili parte di cota! gente vfa di portar per vcflimctìto certo pantio diFana detto Efcliife 
fl quale e fatto a limiglianra d ima coltre, con la quale in Italia (i fuol coprir le Ictta.cm (e lo nuoì 
gono intorno molto bene (Irctto: et cingonli non il traiierfo, ma fopra il culo , & le parti più fc. 
crete dinanri con certi fciugatoi pur d, lana.ful capo portaoo alcuni pannicelli della medciima 
lana,!iinglii dieci palmc,& larghi duc.iquali tingono con le fcor=a,cIiccauano dalle radici delle 
noci, & (egli intorcono,& aggroppano dintorno la tclh : di maniera , che fa fommita del capo 
rimanfcmprercopcrta.neliannoincoltumcdiportarberrcttcaltricheivccchi-afuliliuominl 
dott.,fcalcuno ve n'fia.&Tquefte berrette fono doppie & tonde, astengono fa medclima aitcz. 
za di quclle,clie fogliono portare in Italia alcuni medici . l'ocliiiTimi fono quelli che portino ca^ 
micieiparte, pcrclie in quel pacfc non li vfì di feminar lino , 6C parte , che non v'ha chi Ir fappia 
ttllere. I loro fediti fono certe »uore pilo. . intelTutc di giunchi: 8C le fetta alcune fchiauinc pure, 
come dicemmo.pilofc di lunghezza di dieci braccia.flno.io.dcllcquali vna parte fcruc per ma- 
terazzo,e^l.iltra per lenzuolo, &: per coltrcfiC il verno Icvolgonocol pelo vcrfo illorocor. 
P°r ^ / 5 '"^"°"- ^ «capezzali a^ guanciali fono di vna forte di facchi di lana , crofTì dC afpr/. 
nella guifa di certe coperte di caualli.che vengono di Albania,ó di Turchia . Le donne loro per 
la maggior parte portano la faccia fcopcrta, vfanfi tra loro alcuni vali di legno fatti no à tornio, 
ma cauan con lo fcalpello:ma le pignatte 6C i catini fono pur di terra . ^ll huomini.chc non han^ 
no moglie,non vfano di portar barba.ma le la lafdano crcfcere allhorà che l'hanno prcfa. Ha. 
no pochi cauani,ma quei pochi.chc hanno, fono auczzi à correr per quelle monta Jne con tan. 
ta agilità SC dcf trcz^,chc paion gatti'nc gli mettono ferri à i pie.arano la terra fohmcntc con a> 
lini,a:concaualli. Trouali inqueOa regionegran moltitudine di ccruidi.capriuol.A' di lepri. 
maqutuinonfivfanocaccic.8(:mtmarau.glioaflai,cheeirendouimoltitìumi,(itrouano pochi 
«nolini.ilcheauiene,cfic quali ogni cafa ha dentro gli mi ìrumcnii di macinare, A' le feminc fan^ 
no qucffa opera con le lor mani QuiuinonhabitafcientiaaIcuiia,nelitrouano alui che fap- 
piano lctterc,fuori,chc qualche femplice legifta,ilquale e voto di ciafcuna altra virtù . ne v'ha me 
dicodiniunaforte,nebarbierc,ncfpitiale,&: la maggior parte dclli lororemedii &: medicine 
fono con il cautcrizare con ilfuoco come belhe.egli è vero,che qualche barbiere pur fi troua il. 

qualcaltracuranon ha,chedidrconcidercifanciul!i. In quefìopacfenonr,fafauone,mainluo 
codenoadoprauid lacenere.mfìneildettopopoIocfcmpreinguerra:mala guerrac tra loro: 
di maniera,che cm non fanno ingiuria a forefiieri.&: fé ad alcun del popolo fa dibifogno di paf- 

fardavnIuocoanaltroconuienecheegliprcndalafcortadiqiialchc,òrelig.ofo,ódonnadeIla 
parte auucrfa. Di giuf htia in quella parte non fi ragiona,nc molto ne poco: mammamente tra 

qucimonti,douenoncc,neprincipc,ncminiftroalcuno,chcgligoucrni.a:i nobili & ma^r. 
gion appena poffono tener qualche apparenza di magiftrato dentroicmura delle città. &: 
elle citta fono poche , m a fonui molte terricciuole , &:caftelli,2^ cafali ,dequali alcuni fono 
Vi fchuero ' & agiati, fi come di ciafcuna & di ciafcuno partitamcntc 

, Tedneft città in Hed, . 

Tcdncficcittàantica.cdfaadagliAfricaniinvnaalTaibdla&'vagapfanura.èm 
ta muratai^t fc mura fono di mattoni & di creta.cofi di dentro fono fé cafe,&: le botteche.fa miU 
lecinquecento fuochi &: piu.fuori di quella efce vn fìumicello,iIqualc corre vicino alle mura . lo. 
no in lei poche botteghe di mcrcatanti,comedi panni,che li vfano di la,S^ di tela, che vien reca, 
ta in quelle parti di Portogallo.non ci fono artigiani,fuori che,calzolai,fabbri , &: farti , S^ qual. 
che giudeo orefice: ne y'e hoftcria,ne f tuffa , ne barberia in niuna parte di q uefta citta . fa onde 

quando vamfeiqualchemercatantcforeftierccghalbergaincafa di alcunfuoamico.òconofc^ 
K,ÓC non neconofccndo alcuno , i gentirhuomini della città, cauano per forte chi dee clTer l'aU 

bergatorerdimaniera chetuttiiforellierifonoalloggiati.6^ foghono coltoro hauer dilc'todi 

tare honore a vn forelhere. e vero, che colui nel partirli è tenuto di lafciar qualche prcfentc al Si 
gnor de Ha cafa che gli ha dato lo allogiamento per fegno di gratitudine.ec fc è alcun paifaggic 

re,ilqualenonfiamercatante,hapriuilegiodicleggerqualcalbcrgodiqualgentilhuomo,chc 
più gli piace,Ò^ alioggiarm lenza pagamento o prelente alcuno.fe pcrauentura li abbatte qual. 
che pouero foreltiere , a quelto e deputato vno f pedale non per altro fabricato , che per dare al. 
bergo & mangiare a poueri . Nel mezzo della città è vn tempio molto grande,edificato alTai be 
Jvr1?H M S'"\ '^"''"'.""'°k^^'"°"'^''"^P"'^hequel paefeera fottoil dominio 

d 1 Re di Marocco.ac: nel mezzo di quefto tempio e vna gran cifterna. Vi fono molti facerdoti 

&' altri 



n 



E 



ri 



ì 






la detto Elchi'fc, 
tta.drdclonuol 
^ le parti più fc- 
dclla incdclima 
dalle radici delle 
mniita del capo 
, fltf^lihuomini 
nedclima alteZ' 
die portino ca- 
ha dille fappia 
fchiauincpure» 
e fcruc per ma- 
erfo il loro cor- 
jgrofTi&^afpr/, 
: donne loro per 
Itti nò à tornio, 
lijclic non Ilari' 
loprcfa. Ha' ] 
itai^nccon tan- 
jjamcntccona^ 
iiioiijSi di lepri, 
i trouano pochi 
L Iclcniinc fan- 
3 altri che fap- 
rtii.nev'hame 
.11) Se medicine 
pur li troua^il' 
ione, ma in luo 
terra e tra loro: 
lifogno di paf- 
,ò donna della 
rimamente tra 
lobili de niag- 
1 delle città . fi^ 
ìli alcuni fono 
t partitamentc F 



1 . e intorno tut 
)tteghc.faniiU 
alle mura, lo- 
di e vien reca- 
farti, &:qual- 
citta . la onde, 
licojòconofcé 
idee ciTer l'ai- 
auer diletto di 
prcfcntc al Si 
un palfaggie- 
i!luiomo,chc 
abbatte qual- 
ic per dare al- 
ficato aflài be 
ttoil dominio 
noltifacerdoti 
a' aliti 



& f mno batter le nioiictc Jcqua "fono d W^^^^^^^^ ^'">P ' ^ '^"'"' ''"«^"^^ '"» = •^^•'. 

l.ni.1. a certe n,oncte,che vfZ Vnlen " X. ?"'Ì' '' ^^''"""^ ^' cào'eiran ta afpr, 

doj.an..nevfficioakuno:maq^nlì^^c^^^^^^^^^^ 
• ^P^^i.liragunanoallhoragIilulmn^Xn;K^^ 

fa tra loro. Rouinòcotal citta laiZ io c^^^^^^^^^^ ^^' ^''^^^""^^ d'odono la fpc- 

|ut».;l.lK.bitatoriaIlemonta^irS^^^^^ 

h sauid- die i vidni Arni,. .r „o dac^cS^l cat nm J . W ? n ""''' "«'^^"^^".^''c .1 popò 

d.d;a LctauChriUian.. liiio vSrdataciXnnn^^^^ f^ortogulb.dielià in A^ìtì, 

cranocadut...,ecalehab.tate..,lecoJ^^ 

B po.,criAvnaltropcrlireliuioSd,ìb^^tamn H^^^a^^ 

percioche ella è vicL a v ipo r ó ?S a nLtT. ' ^T T^ ^ '"' ^' ^1 ^'^"' d' l^^dendl, 

granquantitàdigrano:per£X a lldaH^^^ 

ra molta cera a i mercatanti Porth^S onde nn.f? T'^f' P""""' ^"^^""0 ^ncho- 

uallifonobenimmoagiatidiSmenti^ 

randla dettacittà vnc?rtogeS« n^^^^^^^ 

.lcaricoditmtoilgouerno,Ìl cS^^^^^ 

tarlepaci,&gliaccordi,ch;accadonofrafdct A^^^^^^^^^ 

tore di molte ricdie::2e,&: ifpendeuale in acn3h. S Popo'o della ciita.coftui era poflcdi- 

ceuamoltelimormepogenr:^ uocólfStS^^^^^ 
cuno,chcnonrama(£comepXEt?odc.nno?^^^^^ 

fuidiqueftoconfapeuoIe.maCciahSo It^^^^^ 

dironiche di Africa.il mif ro ^^^0^1^^,' 'ftn ^'^^'>' '^"^' "'°'^^ h.ftorie 2^ 

vnfuo%Iiuoloin(ìemc. FuXSinnfnti? '^^^ 

jadttàfu^andioraeirpofiaartina & a c^iap^^^^^^^^^^^^ 

/uggidicomcnoihabLmfcrittonelSiSSernéSr^^^^^^^^^ 

IT j , . . Haéahts Città di Hect. 

C -^oiS^ZSrJ^tSS^n;^^^^^^ mcz 

no tutte lecafe.palla dentro la città vn S e noZn^^^^^ crude: coli e il tempio^ cofi fo- 
& bell.irnni pergolati, ve eran e nh di ar Lnn n r .«'"'^"''^•^oP'-a 'e cui riue fono molte viti. 
nienrcA'haSeb^eicaual^^uXperS^ 

fabattcrmonetadiargento:^vfaffi3Sa ' .^r^^ 

ragunano tutti iconutóni montanari che hanno '^^^ ^c^^l^nì^ ''"' <''°''' ' ^""° ' "^"^q"'>'^ « 

huomini;8^truouariindettatìerag infS^^^^^^^ 

milmente ferrile,: pannidd oaefc idurin.rrftn^^^ ^^^^^ 

donneveramente'bdlimmS nl^^^^ 

uolKma gli huomini fono befttali 6c ?,cm'e^^ccSòf^^ '""S ''^^'^t'^ ^ P'^«' 

ro. non vi lì troua giudicane huomo littc aVo chr dTrJl^ f '""° '^""^ ^'^'^ '^ "^°g'' '°' 

5orali:niaimagg4gou;rnanoaZrdt;l 

dori,&: altri miniitri. ne vi cgabcUa ne srauez?, mlTn?'» "'^"'^'^°^^ rpirituah tengono facer- 

re.dicdertohabbiamo. loetiandtoS 
r.ruegI.atomtelIetto,&dilettauahdc r^^^^^^^^^^ 
laca(afuapiugiorni,ncqualiioglilcmvnaoD^,«?„I;. P^''*"^ 
rezzo nemilIfdòdipar'lircfenlaZ;:^^^^^^^^^^ 

ta ciìcr h/iulmente rouinata nelle nucrre d*. Pnrf h!>„Vi r i u ,. ^ °*^*^° ' °^ '"'cfi la detta at- 
ti l'anno nouecento ventireSSloSn?^^^^ 
annidiChrifto. M D XIII. ^'^''^'°^*"''^ P'*'"*'»^"^^ Scorrendo gli 



Cera. 



Teeulctfi 
fu dai l'or- 
tliogalefi 
poftoato- 
uìaa. 



^4' . ■/; ■ ! 



Hatlecchi» 
rouinata 

ghcli. 




SECONDA PARTE 

ncuRiRaRhcn e certa tcrrfcduola hibricuta a modo d vna fortezza fonra vna ^Td.^m , «m» 
tngnaJon(.nudiHaJccchisdiccim.xIu vcrfo mezzogiorno nSTnyr<T^ 
fuoch.pa.ra[.uo.c.v.U.um.clIo:ne^l.dcntro,„cd.T:S;d^^^^^ 

bcro alcuno (rutt.fcro.Ia cagione c,c he gì. hab.ran» fono ht,on„n. tranfcura ?éJ d. una d m 'o 
caggme.clic non , curano d altro c.ho,cl,e dorg.o.a: ol.o d'argan:8^ vanno (olz .ori del 
cun. lunno m co ìunu- d. portar certe Larpe d. cuoio d. camcllo.o d. bue . I ' nno d connnouo 
lutt,ìgl.acon i;' '''-^"dcllacapaRna,^lummazzanoinl.emeaeuif,d'can, n^^^^^^^^^^^^ 
no fìc Ki.M .- f.r, .,,K meno huomo alcu.io r.putato.per far ra^Mo e . peSc h^c f n^^^^^ 
^^d/^^ ^ > non nclU.o.nnnta della Imgua. il. tuttie mZi iS o^ ^ Z 

IT. 1^' ■ ■ T' ''T «''" "•"'"'" * '^' '"^"«^•^"clb OC re lo tengono perabo k' ne ven! 
doiwi v*dni,malacw. 'ig.rruiov.ainl.emccon Iraltreimmondrt.e.vi è vn niccòlo -mo^^ 
cher««capcjMudicentoperronr.perdochee.l»ìonnnhauendocuran5i^^^^^^^ 
t^ì aìcuna,douunque vanno portano con eifo loro . p- fgnal,,ouero arn,a d hS S^ hnnó d. 

tl^a^hUyrinapcdit-k;x.Sc . i vcnncperpacihcarcindcme il popolo, ne vi notrd drte h 
tntAmfàinc d . l.t.g.A delle querele de gli homoddi 8C de gli alìain.Lien^ ci 'mn'^ tì a o o eoì 

die haueffi a u rn. .are fecor.do .poter mio.le loro d.ttcrenze. onde fubito còmp ^rfe d. S P 

mc,& al pr..icipe grandilhma turba. &: tale v'era.ilouale diceu i che afr.rnn i .,,^! ^i"-»"-' a E 

cttohuom.mdellafuafam.gl.aA'cglidiqudIadcl?auarar7o"e^ 

cordo della pace.d.mandaiKuann ducati fecondo .1 coliunìe d'i loro a.iticl ito i S u^^ a 

fpondcua .1 pr.mo,per g.ulta cagione ho io i tuoi v.c.li , perciochc clli h^ueua. o ron fr^^ '. il 

uatann d. mano vna polfeinone,che era n„a A' l'aucuoh/luuln xr 1 J S'^^^ 

rema tu vccdelt. . m.e. fciza rag,one,foIamente per far vendetta di coloro X con ò'. due? 

furono mort.:conc.ol.a cok che i. haueuano vfurpato lo altrui, audio (. fat o coiS".»; to da 

roper.nl.noanotte.&.ocercandopurediacdìe^arlelorod.fco\dK^nón^^^^^^^^^^ 
ceniuna,intorno alla mczra notte (oDrauen.ic vna irirr^ P/ !• .Im- . q,' • " ^"'*;""" ' "•'urgii a pa 

to,ambi eleggemmo per migliore &: per più .'"ano conliPho di narrirf. H, H V , aamicn- 
verfo Agh.hngh.ghi!: E t^udia tatct^i '-no a quS^^^h^J'a^a • p ci^^^^^^^^ 

mono le otkfe de Porthogen,l.aue.ido per loro ifcampo le montS^^^^^ 

TeijcHt. 

Tdieut è p/ccola terricduola nel piano,ma fra f mont., lontana da Ileufaghcn dice.' m.clia ver. 
fo ponente.fa cerca a trecento fuoch .e murata di pietre cottegli habitator. di d fi, òTia L^^^^^^ 
rator.d.camp.. I loro terreni fono buoni per la ftimnnddlnrmV^-.i.VVl tutti lauo. 

Hannoanaic'opfad.giard.nirip.enidiviti;d.ficHS;^^^^^^^^^^ 

d.capre_Euu.enand.o gran numero di leoni.iqual. mangianoS: guaZio^r^ì ró H J 
dette bdì.e. lo V. .-.man v,ia nottcA albergai in vn picciolo cafale, q^uahd, rutto k I uetdo 
proueduto a . caualh d. molto orgioA,qudl. ben legati & allogati ^^e li pot a m^'io W 

.a deli vao ferramo con molta quantità di fpine , Era allhora .Imefe d- A pn^^ 
caldo,faI.n>mo nella fomm.tadel tetto, per dormire quiui all'aere cere-, -ilh n^r^ Vr, 

rodueLeo..igrand.mm..quaIif.a4auanod.r?nrue^ 

uà I..ncommc,aronoadann.tr.re&afar romored.forte cheper noi f. temeua,/onb debolca. 

fa haueirear-derc,percheglidconueni(rcr.manerpafto diqudferociir.nl. ,Jm?l?n.^; 

f.v.dceb.anchcggiarlalba^c.hefellatiicauall.dilàl.'^artimroA^^^^^^^^ 

dato il Liruicincnp annpna \7i AiU^nr,-,^^ « .. .,.-j- 5. . r. . • . T 'miummo , ou era an^ 



.-» 



popolo 



i t 



■'il 



1 1 i;ì^^ 



u,n,'ta dai P«t<^f"vcvi(oA par tea Porthogallo menato, l'u l'inno noucccntouenti 
Pofthogcli Tefcgélt città in fJea, 

Tefegddt cafTai grandetta c'tti.fa ottocento fuodn'A è fonra vna aira mnnror,^.-, ♦.,». - j- 
torno cita da aJtilT.me npe;.ntanto,che non le fa bifogno Sra e lón n^i ?i ." ^' "^ '"' 
quafi dodio miglia verfo mezzog.órno , palla fo«o ifdetfe mura vn Er n n r" '''? • 
^ S^r^"-^b5d-^'fr„r,idbgnyo?teJarf^^^^^ 

chiAhannobu. "Qi^'^mtitàdicaualIiidimaniera^chcagliArabi nond^notS^^^^^ 
fennodicommcuc. • .. rendetti Arabica: foucte ne v?ddono gran quanu°a\ 

ilnonolo 



A flpopolc 
lolghino 
&^ cortei i 
mandine 
glialberp 
noconib, 
là hanno 
aliai dottj 
chel.fogi 
ilSenfpri 

Tagtd 
lornodell 
caaquato 
il fiume di 
dVn migli 
pelli a mot, 
tutti . loro 
B terra, fono 
fono p^ilfai 
Io vi lui.) n 
auarizùd.c 
vedcua.lu 

Eitdeuei 

bcll.ir.ma}: 

fo mezzog 

diirinie. la V 

finia quanti 

ni &: orefici, 

porc.achci 

inetto, vi fo 

riaidccj-eti^ 

vo[ume,(.hc' 

br.,doaefon 

cittàcqualh 

C mcntiAtai 

clTiiiilgouc 

popoloÀir 

dVnoauocai 

giiii.dc dopp 

cuno poiTedc 

re,nella lingi 

nclignifìcau 

tico in trouar 

lequdhoni,c 

fcono d'orgic 

ne iojio beile 

molto pelofo, 

Quefìacvi 
vguali alla dei 
alla fortezza r 
la montagna.* 
mezzo A da] 
marSciiefrub 



iiattroccnto 
' viro, ne al- 
■int.1 djppo 
irori chcal- 
coiitinouo 
non trn^o- 
he c(Ti non 
n li triioua 
&f ne ven- 
do tempio. 
Ile, ne di ho 
!c^ fanno di- 
itti col SC' 
trci dire la 
ha loro.col 
affi quello, 
i" dinanzi a ] 
nmazzato 
iJe per l'aa 
lòdeua. gli 
k- tuoi . ri- 
i f rande le- 
mia parcn 
^lini deuer 
ncntJdu- 
iurglia pa 
cconj^ra- 
tradimen- 
mdammo 
o non te- 



ligli a ver- 
lutti lauo' 
ili mette, p 
imacoj>ia 
>che delle 
haucndo 
iOjl'entra- 
ciuifacea 
e vcnne- 
lualli. I ca 
dcbol cac 
e appena 
m'era an- 
J popolo 



ttacdìn- 

a Tefjeut 

no molti 

fono ric- 

alciino ♦ 

vcrOjchc 

Innnnlci 
I I — 



li lieti 

ilo 

ncit 'irfoi 
i>)tciti«ti, 



Del L" AFRICA 

A li popolo della campagna conduce tirtriT il rrr.r. ,., Il < ** 

.olKh.no.que.dellac.un,anoalEilK^^ 

«cortclu.pereKxhe con.metrono i^urÌ n^^^^^^ '" ^•'"- '''^^ '''" .?'""^ " 

niandino,seKl. ha ..Icuno umico nella eut^S eli 'C'i T'' '"''"•' ''" '^^'"'''re,lo do- "V"' ' 
glialber«o:intan,o,chen.unforeayreZ7^^^^^^^^ 

nocon,battu..dallaselona,n,ahuomiA..^uMtooS^^^^^^ "cctt..,Mdii':,- 

iahaiinovnlH-ll.fInno.xunp,o,amm,n,lh,.toTSf. -ti "^^^^ Nelmcr-oddUcit- 

^ f 'd^"J"cllaleH«e,lqtulefuoltcncr uii^ne n^^^^^^^^^^^ -nRonovn ,Mud,ee rerfona 

che (ifoghonofeminate/ono tutti ror-.momV.m.r «-cttontniak-hd. fcampi, 

ilScrifpr.ncipcranno.;.p/ ^ '''''^""«"'- *"'«'-■ -^-'niol.id.ncllad^^^^ 

rr . ir ' ''''\i,ttlU atta» 

1 agtclTa e vna antica città cdiri. ita (bora vn i iTr .fT..^ , 
torno della detta monta^nacome T^n^k^Ù^^^^^^^^ ''"'''^t' '^^^n- 

caaquatordicimiglia.fottoladet auttacorfet^h:;;, r'fr '^ 

il fiume dalla città fé. miglia.c^ alla v. a d,^^^^^ ,?HI ' r;'^'''' ''"""" «'' h-^^-ratori. lontano 

dVn miglio d' mezzo Je dónneSdo^^^^^^^^ 

pelli a modo pure d. fcala. Gì, h Sto ^dcll e cH '^n '' ''^ Tir ' ' t"'' ^""^ ' f^''^» d' ''"«•' 

cutt. I loro vicini. 1 lor terreni .^ , lorTe .an i^o ' fn r I "' '"'"'"'"^ '^■'''*^^°"^^ ""^'^'"^' ^^>'» 

B terra,f:,no pieni di porci feluatichi ne in dct a cm T ' '"^l'^Knc. tutti li Nofchi della detta 

fonop:Urarperquelbcittà.ncpe utón^^^^^^^^^^^^^ 

Io VI fu. .. tn, , po,che vi li trouaua gran co^ ''u ''^*-''"''''^ ^^'"^ condotto. 

auanzodiecitantilamoltittidinedelIelocuTe laoum^^^^^ 

xciSc uà II terreno, dell anno. 9 , p . ^ '^"'"^ ^'■"^ ^P'^"''*^ • "» modo , che appena lì 

E. , s fndcuetcnti. 

"'^'^"«canticacittàedillc.itada'rh Afi-ican.frtn^,„«' f 
belili rima pianura, i. cerca a fatecècó fuocS &uan7da t"^^';;^«"'^ ; "^^ "^' ^^'^^^ ^ vna 
ron1ez20g.orno.rono ,n mezzo di quefl e ttà 1 Xfi.m P'''' ''"''' ^1"'"^'^' ""J^'''^ ^•<^'-- 
d.fn,ne. L ircondano tutta rup, a.' bS S^ d acque vr.u A' correnti à hrd- 

fum quantua di alberi.fono in quella ci^^ mok tÌi?n f ' -."m'*" "*■"' ^^'"^ '"P' R'-^"^'''' 

ni&r orefici. Si dice che oli antichi t^onS^S^^f'^'^'^'"^'''^'^^ 

pofciaclK.Maumettanfieccró^^^^^^^^^^^^ 

incito. ^ = iono molti huom.ni dotti nella leX&b „£.'"' ^' '^"'''''^ '"' ^^''^^ ^' ^'^^'''"' 

ru I decreti S: i tcfti d. leggexV conobbi f o vTv^cc /o f 3"^ '"^ Tr""'" '"^^'"" "^^'"^^ 

wlume,dKl,ch.amaEl„iudeuuana,chefirmSrnnl^^^^^ 1 

br,dpuef.ìoIequeflionipiudiH?cii;SK^^^ 

^'"3fq"al.vnforo,nelqualcl.dafped.nonerruttM Ir?.? 1^^^^ ^°P''^' ^l^'^'l^-qi'ofìa 

C menti,&taicore:dimodo,chetuttiiSv?crco^^ m^^^ 

cir. 1. .1 souerno temporale, come fpSc v^k neirof ' '"°"V- r' ''«''" " ^"«-'"'«rano 
popoIo.S^ in quello poco gioua loro ,1 fape ^ lo cu\,,d f "*"'n ' '^"^ ""'^ °^^^d'" ^al 
dVno auocato. pcrilchc vna fera tra le altfeauennr^rh ( '" ">"'"' '^'"^ ' "^' ' P^«"ai in cala 
g.ft.:£^ doppo cena nacque tra loro vna co aU^^mu. r '"'. ^1 ".^^''^'^ P''^^^""' '"o ..dottor, le- 
cuno polTedeua,per le blogne ^ rcein ti d it on ^ '^ "'° ^' ^'"'^'^^ ^" ^ '-'"°' ^''^ ^'' 

re,nellaIingualorochiamatoHegazra^fe qu'uivn vecchio che nlu ^be Phono 

r.el.gnificaua.rifpofeegli.BeccaiUfogg^^^^ che.Ino- 

cico.ntrouarelcgionturcdellebeliecS^Sn.fP '^iT^'^j;^^ "«^'topra 

lequefhoni,chea?cadono nella leS cccellentilTìmo in trouare, nodidel- 

fcono dorgio.d bl.o d'argan.&: di c^rne d7can .^H ' ^^oniniunementc molto ali a : fi pa- 

ne fono belle & colorite .^gli huoS a^^^^^^^^^^ "°" !' ^' "^^"^''^"^ tra lol . le femi 

nioItopdoro.fonol.beraSTÌmrmaolfreSgd^^ naturalmente U petto 

QueflacvnapiccioIafo'^;^zl'Xt^^^^^^^^ ''^"^'\ . 

vguali alla detta montagna, fono Sa q^^^^^^^ ^tie altri monti, 

allafortezzanonfipuoafcendere/enòpe vnp cc^^^ 

famontagna.da vnapartefonole upi,dalSlm^^^^^^ 

mezzo,8^daEitdeuetèdifcoflodiciot^S 

lnafScljefrubdloa'^,n^.^.„^ui:°-7'^'F^♦'14'^"^ fortezza fu fattaatemni nnfJriH. m^- 
,_. ^U„.„«,,,„^ ,„ ^,^3^^^ predicatoria: haucndo tirlto a fc 

gran 




« F II 



iti. 





■4 







SECONDA PARTE 

j^nn numero dM.Ycepo!.; &: cjTcndo obbedito da quella 

nel dominio dod.c. ann. . cgl. tu cns.onc della rnnna d. qucfio p.-.cfc.vcc.Tclo vna fu" n^ocl.crc 

li <olkuo II popolo A pofc a hlo d. fpada tutti i Tuoi difccpoliA chiunque era della fua fetta rima 

fauvnn,potc,IIq_uaIcwJlI^nor.•tolIdelIafo^te::zaJo(U^^ 

d. Hca vno anno ucroid. man,era,che elfi nmafcro dalla impi enuSc' .1 medefimo ,no a di d W 

R. tiene gr.d.mn,a nimiila con quegli di Hca A con quali tutti i vicini , li viuer fùo e di ubb5 

r . percodìc egh ha certi caimlli,co quali alTalta i via.ldanti A' f tando in continoue cor cr^c pi 

che la Itrada maciha e difcofta dalla fortcz::a va ir.iglio,fpen"e volte fcnfte .V ammazza i nouerJ 
pafTaggieruììa tanto e odiato da tutti,chc egli non può ne far feminare,nc laureare domina/ 
pure vn palmo di terreno fuori del fuo monte . fece ,1 detto fepelirc il corpo Si fuo auotmól^o 

f X;^'ff P°^° '' n e"co,chc 10 non fui giunto da vna tirata darch.bug.o. vno che già fu difcc 
polo d. detto Homar..e.,ef^n,i diede buona informationedella vita d^ fede del detto libere co & 

^s^;:^it=;s;!5^^^ ^^'-^""^•^ '--- ^- — ^^^^^ 

, . ... ..,.,. W>'l 'n^hio;hil città di Hea. , 

fcolìa da Litdeuet quali fé. mig la verfo mezzogiorno. fa cerca a quattrocento fuoch fonò nel 

I^^^ "f'"^"^^"^7S''\"''^'^^dicofenece(rarie. Il terreno d.fuLi.e ottimo per 10^^^^^^^ 

copiad mcne,aMd.odargan4.er afcendercallacittà vcfulamcnteviuvietta nell^^^^^^^^ 
rionte llrctt.flìtna &: malageuole,in tanto, che con gran d.fficulta v. li pò a d né a càuX H 

hab.tator.fonohuominivaIentifr.miconlearm.inìnano.lhnnodi Cno^^^^^^^^^^ 

llttclanS^^^^^^ 

, l'4'^tlmc attàdi porto wllcct. 

1 cfethne e vna fortezza fopra il mare oceano, lontana da Ighilinghigh il qua fi quaranti mi. 
filia verfo ponente, u ed.hcata da gli African,;et fa cerca a fcicàHo fuoclLum a nXon Ton 
o per naui piccole hanno m cofiume di venire a quelìo porto alcuni mercat.ìnt Po I oÌ iK 
«qual, contrattono loro mercicon cera QC peli, di capre. 1 .campagna che c"conda q° e a d ti I 

.uttarIp.enad.mo,n,Anafceuigrancopiadbrgio.pall;.acamo^acSav^ S 

polTono entrare aO-a. bene i nau.l.quando fa forama in mare . ha la città fo t.W nun f teli 

pietre Icuorate OC di mattoni.ticnfi dogana Qc gabella 5c mttr Ir rcuAitrTÀi ^ \ ' . 

cittadini. ^ofuinellaattàconilSerifprindpeAvidimoraitregSqu^^ 
an lann, pcrcagioned-.pulia,d,eveneranomfinitiARlopefs^moo^^^ 
Jìcrco dellecapre. pciodie ciafcun dttadino ve n'ha gran copia , lequali il d vanno a n^^ 

ro,&Ianotteallogg.anonefcorridoriddIecafectd1,rmon'oappr'dlogl.S^^^^^ 

^ . ^ J<i^'*'ical,primapartcdd monte ^tlmt, 

Hauendo fin qui detto particolarmente delle citta nobili,che fono in Hca.parmi ben fetto die 
liora IO ragioni d i monti,non lafciando a dietro cofa,die notabile mi naii nrrr^^ , i ^"^''^'''^ 
parteddpop.Mohab.unemontiAmqudl.fo.,od;cont;no^^^^^^^^^ 
aduncjuediAtlantechec.monted.]deuacalpopoIo,mcominciadaIma'^^^^^^^^ 

verfo leuante,p.r mimo a Ighilinghighil A diuide la regione di Hea dalla re^^^^^^ 

quali tregiornate,peichela fouradettaTcfcinaéndla niint i H.>ll, Tr.^^a ^- ■ ^^ ^ 

iMcffa,edu,a..o,«g,o,na,cdamc tecncl ca„W. qudio n,om''c?motoSabtaL. 

fonui 



B 



I 









A fonui 
vfanc 
porta 
coffui 
ne pò 
che p< 
le mai 
perciò 
la Itati 
fonui I 
roAs 
nodiv 
quaih; 
vanno 
ccrdott 
tori.fu 

Que 

h verfo le 

uidebu 

liabitatc 

iìateco' 

citn,nci 

iiiini,iqi 

lifonti,c 

ne.quiui 

numero 

padroni, 

tati quali 

tifco&:d 

con arga 

Hoinicfi 

mio rito r 

furon fati 

Qucfi( 

6 montana, 

da quella I 

Acgraga. 

no hanno 

uoii.nclla 

fono fedeli 

fcono del | 

queiromii 

trauagli.oi 

limolfeco 

rcddRe,! 

a: dallo elfi 

li.coliideft 

fij l'anno n( 

Hora dica 

alla rcgiòe ( 

«còpie nel 

còfìnidiHc 

tceiòc.Ioìi 
«j — -* — 



ranno, &' durò j- 
a fila moglicrc, 
lioras'amddcro 
pò la fua morte 
lafiiafctta.nma 
iipC del popolo 
finoaldid'hog 
fuo e di rubbc- 
)accorrcric,pi- 
di lontano, pcr^ 
nazzaipoucri 
re, ne dominar 
IO auolo molto 
micino alla detta 
che già (il difcc 
Ito lierctico, dC 
dell'abbrcuia^ 



Africani, e di- 
ochi. fono ncU 
•liorgi.vcgra 
nella corta del 
L:a cauallo.gli 
lamifchia con 
o. fono molto 
pcnfochcnoii 



quaranta mi> 
illaibuonpoc 
'orthogallcfì, 
quelb città, è 
ctllo,nelqualc 
mura, (attedi 
10 fra gli Imo- 
n hanno aut- 
I egli trouato J 
alo fette anni, 
angiunti dei- 
chi, domelh- 
tà.perallog- 
a nelle cale de 
•arueio altre- 
)rina,&: dello 
a i pafcoli lo- 
loro camere, 

ben fatto,chc 
e la maggior 
I prima parte 
, & cltendclì 
li Sus.c larga 
marediver- 
aTefemaet 
ichabitafo« 
fonui 



D E L LA F R I C A 

llfonuimoItevilIe.Vcafali.glihabitatoriviuonodelIelorc-.Dredioru.oA'^' „ , n '^ 
vfano portar canucia.ne cofa fatta con a^o DerciochVfr,^? ' ''[>''°'^ '^' nicllc.ncl vcflire nò 

portanoipanni,ntornolaIoroperfonaS.XS^^^^^^^^^^^^^ 

cofhnìKdiportareagliorecchirerteaneiKSdl™^^^^ 

ne porta quattro per ciafcuna orecchia . VVano anchn? T, "'°''f.S,''?"^-^ "'«^ ^«^ " ''a, che 

che peiano vna onc.a,con lequali attaccano r^?,ion^^^^^^^^^ 

lcmani,8^nellegan,bealcumcercl"SurdC^^^^^ 
perc.ocheIepopolari,5^pot,eregIvE^^^^^^^^^^^ 

V f>''a.ura&rnongI.fer.a;;oA'io!^ocotai"niX^^ 

fonmmoIi,lepacapnoli.etcerui,maqtrellegent. rgS^^^^ 

ro,a^ alberi,main„ìamentc noci.qucft popoli per la mS S n^» ? ""' "] "1°^'" """^^^ 

no di vn luoco in vn'altro. le loro armi fono cotah t Ìpp S f Ì °"° come gli ArabiA' va. 

c,ua.hannolafch,enagroira,comeèqurdv3fc^^^^^ 

.or^.dettoalS.fp..pe.nla|U^^^ 

Qiiefìo monte è fìmilmentevna narrarli Art, .«„«/• . . . 

B vcWoleuamec.rcaacinqtian m"gS.„oa mo^^^^^^ 

uidebuonapartcdiHeadaSusA^icIfrcoSjd naS i a^^ 

I)ahtato,madagentebarberac<'bdhalehdnnon?, .^^ n^''"'V*'S'°"*^^'^^ 

fotecovicini&:congIiArabiWetaXch^^^^^ 

cit:4necaaello,necaÌfonSoK^^^^^ 

r.ni,iqi,al. fono obbediti da tutta la plebei èrSe^^^^^^^^^ 1| truouano moltigcntirhuo- 

t.fonti;che(corronofraquellevalliient 3C 

ne.qu,ud,cauagrancopiadiferfo,ilqiiale3onord/t^^^^^^^^^ 

numero di o.udd caualca per qua mor^Sali norr n . ^ V'''? "'""'"" ^''"'»" ♦ gran '"• 

padroni.cio'^edelpopolo del deuoTonS ot h m^^^^^^^^ 

rati quali per heretici,& fl.no ch.amat?Cra3m in^ui?. ^ ''?' ^''t' ^' ^^"''^ ^^"° ^'P" 

lifco Se di bolìoA- -^ Iberi laiiilnienTe ero rSn^^^^^ TT'"" ^'"'') ''^''" ^'"' ^ grofr. di len ^'«"-'co 

con argan A' ne cauano ce to XS nt . "•^'' ''.''""'^" ^^^^''°"^ "^^^'^olar le noci f ""° '" " 

Hointdo da -oIi.cIk'i d uo moiS^v^^^^^^^^ 'r^' "f S-ano &' abbruciano '^°"«'*^'- 

mio ritorno da S us .o paff.i p!- So mome^^ '"'^ ^'f'^'l' ^'' "^^"' ^ ^^nti a pie.nd 

furonlattcmoltecarcz'zcfic'Ì^ZdllXm^^^ 

c.c2^i^f:r;^;^S;£on;:^^^^^ 

daqudladiMarocco.e^dallareg.o,rrdiDtccT ab"m 

Acgraga.quiuifot.ogrand.(si,.7bofdìi,Sfom^^^^^^^^ ■ 

nohannopocaquantità,malocofiduconodaDurr h f^n^ r '^°''°'^'^^^^"'d'8r^ 

uoti.ndla ama dd detto mòte fi truornonioldron^^^^^^ 

fonofeddi,&amatoridipacc,&coL vno'onmKue^^^^^^^^^^ 

fconoddpaefcperccrtotempo.femphdS^^rTaTodo^d^^^^^^^^^^^^ 

que, romiti fa qualche operatione, l'hanno pTr nSo < l", t . "' ' ^'''^ ^"'^"^0 alcuno di 

jrauagli.onde.lpopolo^ervu.erquietameStef^^^^^^^^ 

li molle contra qudb parte di Arabi,onde cki fuir^.r^'ìn . / Maumct ìi^c di Fcs 

re dd Re,f, fecero forti;S<: alTaltaronoS Arab S 1^ °!!"- ' ?°"f^"'''" aiutati dal fauo 

&dallodrerc.toddRefuronotaSpez^ 

I1.C0I1 i defti montanari furono libe ?del So fi^^^" n '' ^' "^^ «'' ^'^^'^ ^"-^""'^^ °"'''^' ^auaU 

.l.n„onouecetov..t.o,li,.bitr;d^:^^ . 

a^^S^S^n^SSlS^^ 

rceioc. Io r,nm?--,5.u^.i-.::.^j. r. T , ""'°^"^*>daanederiuato ilnomfHdhH^r,, 



: *' 



i 'I 





JDatteiiclie 
nò ù'.iiano 
tutto Tau- 

QO. 



' n 



mienc. 



Ambiaca 
ne. 



Zucchero 
negro . 



Cordoua- 
n I Mano - 
chini. 



_ Me[]a città, 

MclTa fono tre pfccoIcc.tt3,IVnav,dna all'altra quali vnni.gI,o,cdifi'catc dacliafìtfcfi.' Afi-,' 
gm accofio la .ma del mare oceano, & fotto la punta,nella quale ha prSoVi n oS 
ec fono .nurate d. p.etre crude, palli fra le dette terr.couole .1 gran HunieSiVenebate varca' 
f quelto fiume a 8ua.=o.ncl verno nò vi 1. può palTarc A" hanno cer^baSt^e he non ^^^^^^^^ 
atte fé .m per I. fatto tragetto.l I, to,dcuc fono polle qlle p.cdole dtti,rvn bSò faìuat^o iJ^^ 
di palme,.k,.iale e la loro poiTcITÌone. vero è che i dat cri che vi nafcnn,. nn^n f? *'» "«'«^o=ma 
percoche non durano per tutto Faiino . gli hab'tatSo tu7t"aIrS^^^^^^^^ "'^ '° ^°"'' 

no,auando crefce ,1 fiume.ilche e nel iettLbreS né .W d Anni? 1 ' ""T"" '' 1"''*^' 

g.oA-fe,lfiamefc.emaircnelVnodu erdueme n^ 

no poche beft.e.d.fuor.- fu la marina è vn temp.oTqu'rk ter^^no cS .n ^.^^'^^ ? '"^• 

cono molti h.ftona.che di quello tempio vfamprtScS^^ 

to.d.conoanchora,chealIhira,chelon%rofetafuSS^^^^^ 

terreno di Mc(ra.Hrau,celli del detto tempio fonotur^ XXd baìen.'&^r.n T ° °P? Ì 

marcmoltegroirebalenegettanelluomo^tejequahconlatg^^^^^^^^^^^ 

ma eh elle hunncporgono terrore à chi le vede.d.ceua ,1 volgo che oenfbalcna ci e mSr.n 

to il tempio,mi:ore per la v.rtu data da Iddio à quel tcmnio io non. P^., S . Y ^r T 

vedendoallagiorn/aapparnc,ualdKbalenaLrtaZnÌ°f^^^^^^ 

fo.dipoiragionandontconvngiudeo.midilTcchcnoneradTmnrnW I r . f . ^'^ 

requandu?miglud.lcollofonoaIcun fcogS^^^^ 

tohn,uouonolebalened.iuocomluoco,'d'^^uelladie?a"b^^^ 

fcogli.di facilec macerata &f muorli . per ilche pofc/a il mire I , nctn H W 1 !i i ^ ^" 

qudbmiparueairaim,gl.orrag,onedic,udla'Ìdv"4rFu fo c^^^^^^^^^ 

h citta . & per ilìrada trouammo apunio vna colta dvni di dette Irilrnr n,T, ,n fi À 
fotto laquale.con,e per vna porta /u camelli pallando , .rommo d^^^^^^^^^^^^^ 
aggiugnemmo con la telia.a- d.cdi che fono'preflo a cento ^ e que la cóft m oud luT' 
h ene.i^ ferbai, per cofa marauigl.ofa . nelu. pia v.c.nial maro ruouKrVe P^eh 1 3 
e ne perlctt.l umo ilquale e venduto a mereatanu Ponhogallch^o a qud d R^'Ì le D è^zo 
eh e quali meno dVn ducato per oncia.molti dicono die I VlW^n-. . , ' ." V^ per vi ic prezzo 
cane li crea, ahn aflermano diere lo f icrco d 1 ^S ,' X^^^^ --"f^^ 

genual.ddmafd.o,quandocvuolevrarcconlafe;nnaAÌacq^^^^^^^^^ 

—, .. , Teijcut città c{iSus, 

leneutcvnaanticacittàedificatadac!iAfricaniinvnaMlifnr«n„.-,« ^j- •/- . 
tiJVna parte d.rcollo dall altra quali vnfmghS^^^ 

quattromila fuochi. palTa accanto di lei il fiume Sroudocrr^n \lf-T"^'}'^ '""° 
to,do, gio cV d altri grani S.' Icgumi.nafceui and Sn rnn nnnn?> "^^''°"f »"'^"^° d' fornicn. 

nobencuocere,nepurgare,pek.lde toS S^^^ 

mole, mercatanti diFcS, di Marocco , 6^ dal nacfe d' néa?^?n ' q^f'^^ citta vengono 

quant.ta d. datteri, quiui^ltra mone^anl fi Se iXoc^^^^^^^^ 

genti nel ipendere alcuni pannicdliapprenatiV^dùcato IvL vTfunro^^^ '"'' ^"^''S^"^''^ 

poco fogl.ono portar le donne per loro ornamento ?n?, 1:. truoua poco argcto, & quel 

ferro del^elo crea dVna onc.a.n ouanfi pod "S 'ecc t?i. -f 1 '^"'""" r'f "^'^^''" ^'^^' ''' 

non VI nalccma portauifi lol-o da alcum n on d Kcco i^^ ^.^^«^"' * ^^'"^ 

canta.o,chccceniocinquantal.bbreltal.ane ilorodurr,f nf T . ^^ 

valutano lette e vn terzo per vna onc a So: bncia e Sn^f ^^^^^^^^^^ ^'"T, T^T ^'"""' 

c.otto.d7ìlad.amanoR^thel.centorethcl°vnc^^^^^^^^^^ 

nuverromezzog.o;noeterXd"stS p^^^^^^ 

Arab,.nel mezzo della detta citta e vn bello & gnn ten pib ffl tf^tZ f '^ ^'^'"' 

noinpacc..c.alcunad^.lct^-::^^~^^ 

nel 



[ 



B 



A ncln 

Hea, 

pann 

drc/c 

none 

più h; 

lono^ 

maig! 

tornai 

tacittj 

piccio 

Tal 

lontan 

trcnta( 

ciuile,{ 

ffanza 

brii-ata 

J2 torivd 

fuccdìì 

ione pa 

laggi fv 

Io della 

Ja via ri( 

Garti 

prelTo o 

in qua, fi 

ucrquef 

pitanog 

aflcdiòd 

che lo lai 

m atener 

ualli.ilqu 

&"altemj 

nitiAda 

C 

Tedfii 
lontana d 
venti.cpa 
guado,&: 

dilei,iqua 
atta pallài 
tri.v'èvnt 
nella leggj 
gliAi-abì^ 
nellaqualc 

Tagauc 
fa di pietre 
Ver/o mcz: 
Sus.neline 
partii il p 
foccorfogli 
qud.'a.nclc 



15 H t L' A F R 



i gli antichi Afri- 
il monte Atlante, 
nella fiate varca- 
ttc,chcnon fono 
anòfaluatico.ma 
no molto buoni, 
l^uorano il terre- 
ccolgono il niag ^ 
mo vn folo.han- 
imadiuotionc.di 
iizrò Maumct- 
vomitò fopra il \ 



ttì 



mtc auicne,clic1 
on la brutta for- 
i.chepaiìààcan- 
diito , fenon clic 
iiciorcftarfofpc 
rciochc fra lima B j 
tornare è turba- - 
in vn di quegli 
le la vcggiamo, 
id tempo del Se 
, cli'crafiioridd 
i foggia di arco, 
alto, clic non vi 
la in quel luogo 
tei pLìcfi ambra- 
servile prezzo 
)ndc oliò ambra 
illa dai membri 



liuifa in tre par- 
lano, fo in tutto 
imo di fornicn/ 
ma non lo fan- p 
i città vengono 
ilmcntc buona 
»c anche quelle 
argcto, acquei 
certi pezzi di 
<f datteri, oliua 
lindici ducati il 
oneta battuta, 
5rafj onciedi- 
vettura,quan- 
fa libbre fette- 
.nella detta cit 
ionfiqueltiiui 
ili de villaggi;, 
i d'i lor vicini 
)iltcpiomag- 
naturalmente 
cne,chelìftia- 
C non durano 
nel 



f 



A ncimaginratoptucIictrcmefìfMinint,, i * 

Hea,a:'talve,cLvaveKrp':nn^^^^^^^^^ 
pannogroirocomeèdrregetto^ale^nd"^^^^ 

dreie non molto grolla Quattro ducati,8^ cani pfzSwnr' /''' ^'''^^^^^^i^' o 1 un- 
no nella citta giudici dC àcctdoù,nta obbelTiS'nKme L2 ''r"f ° ^''T ^' 'i ''^^""a. han 
più ha de parenti ha più fauoi i.qaando am e cL vnó^^^^^^^^ 
fono vccider,bene iia : fé non polfono, quel fé ol LnZfm''" '''•'''''' ' ^''''' ^'' ^^'"' '° P^^^' 

niaigrado^eeghvienebanduo,lapena\comedYfop^^^^^^^ 

tornando,^ vn conuito a tutu , gentili, uomini %inLì '^'*^7,!^0'^,«^S'' '" capo del termine ri- 

Ucittafonomolcig.udciart.g.aÌ,iquri.Z ul^r^^^^^^^^ 

picciolo prefcnte a i gentil Imomini! K^auezza fono alirctti,fuori che di far qualche 

lont^'^i^::;;^^^;^^-^;;^^^ antichi.facircatremila fuochi S.è 

crentacinque.quefia'attà f nelh SaL^fc^^ 

c.u.le,perc;ochenel tempo , diela famiSi^dfMart^^^^^^^^^^^^ 

ftanza dd Locotenen te dd Ile . onde vedcfi fino a M. dl^ '^' '^S"° -^"chora a S us, & fu 

brKatadaqudhRc.mapoid,eladettaTml,irnn^^^^^ 
« toriveftonodipanriod'duela.viiono3 nS"^^^^^^^^ 

fuccdìiuan,entectenutodaquattro.£aiueft.nòSnonTr^^ 

fone pacifichine mai fanno ohragg b a WciniTc uX / ^"°'/' ^'" '''^' ^^' '"'^'^ ♦ ^o' o P^ 

aggi&cafali.lepianurc,du'r,gua,danoan?Ìt^ 
oddlacittàpaglgraqu^ntitaSt^^ 

iav.hcura.atioaridi,queaacittàn.^ 

.nqua,furo„oprendaPortogaUefi.onSpopooS^^^ 

uer quefia fortezza.^ vennero con cfToKr foccorfS^n^i' r"'' ^!.'r ''^^ '"^'^^"^«^ P" "ha- 
manogc„eralevngent.ThuomoSetif;dSSS^ 

aflcdiodettocalìdlomoItigioriii,&furonooZ,,^ , ^''T"^^'''^!"^'^-^^ 

ch5lolafciorono&tornorlnoa;Sa,&S^^^^^^ 
niatenerlaguerracontraiChrifiiani 5^.1 p^^^^^^^ 

uallulqual come hebbe toccato molte V^J^cètu^ZT^^ '^' '^Z"'" ^" cinquecento ca- 
&altenipocheiomipartidallacortedffiósSE^^ 
^nitiAdanari.ficomendleabbreuiationno£eha^^^^^^^^ 

venn.cpaefeabbondeuolea.Lttro;nS^^^^^^^^^ 

guado.ò:trouanliquiuimercatantiddpaefed"nelrM^^^^^^ 

cmil.&honefh.ilgouernoloroèper Wa'd™ ^ ^«"o huomini ^' ^r^" 

d.feMqualifonocreatiaforte,&hanno.lfuccedS^^^^ 

atta palfail hume Sus tre miglia difcolfo i £n, . i '"<^apodi mdi iedici. a canto ddladetta 

mv'vntempiofornitomoSiS^^^^ 

nella legge pagati dal commune di efla cut/ &^ivnrr.^^^.^^^^ 

gli Arabi & paerani,&: montanari. Quelìadtdl^^^^ 

nelIaqualrifaceualafuacancelW^ "'^'""°"°"''^^"'^^^''»"fidiedeal5cnfpruK^^^^^^ 

rp „, ^^^'<t*o/l città in SU!^ 

lilfimo 



il: < f :■ 



n 



i i 





secondaparte 

no aMjdottj a I oniburto,c\ a Gualata tcrrcdcll/ iìcgru 

u.n d. are due volte la fetcmana.,! loro hab/to è honefto,& lefemme bcliaiìme & «"a i^Snó 
molti hMomu1i^run^.quah^ononat.•diblancIM•£^d.•ner^qum.•nonédl■term.^^^^^^ 
regna cb. ba m.gg.or poteremo fu, m detta c/ttà tred.ci g.omi coi caSS stTS^ 
per comperar certe «fcbiauc per lo detto principe rannof 9 1 p. pnncipe 

tJanilnlùmomc, 

noie paricgiaiic, Icquali vfano di portarc.in qucfio mcmic nnn natr C,™,™, — * I 

|acopia&„Kllc.,mu,,oil,c„,p„'iciran,,o^i„c„rZ8rSardS^^^^ 

^ „ , sito dclkreo^ione ài Marocco, 

tri . , ^ . , HZ'"^»f''*(^ittàdelLifnbra(Iettare:^,o>7e, 

tlgiumuba e vna citta picciola nel piano.appreilò vn fiume detto SrOV,,^ ^.r.^a a 1 



I 






ia;;d,gran'd,/.t:Siri,';^^^^^^^^^^^^ 

a... «""P"'C.lcorpo,&caua,„cfuorMccrniurcr£S?a„or^f^^^ 
s,nco„„„aòarmab,,are,mafola„,cnK„cUccc feSe ^n^^^^^^^^^^ 

Sci;i;ra£itT^x:K^^^^^ 



^'■''fx.xf* 



Dd^Htnuhé 



Q 

«crii 
fium 
dcll'ii 
niilc 
forte: 
. AjJai 
molte 
fonol 
giani, 
giardi 
aliai g 
intene- 
rente,! 
alchini 

Imir 
B taverfi 
te alla r 
laquale 
fonolji 
quiuin; 
tiirima. 
ra,chcl£ 
cÌ2no a 1 
quiuiall 

Tumc 

ci migli; 

ti.hanno 

molelha 

dodici, 0( 

uor di coi 

Arabi,iqi 

ciole&:di 

C tomodo,< 

quelta tcri 

licdiPor 

Qyeftaè 
ncntc.i4.n 
daitcri,&: l 
fiume alle , 
mangiano 
gioronolu 

Maroc 

fia in vna j 

Giufeppc fi 

gente ni qu 

A|;'"et,ilc 

fulabricatai 

rcnoj&iquai 

quafch'vno ( 

fa, ftttcdic 



iella città, vcngo> D 
et il mercato vfa- 
Sfgratfofe.fono 
iatodominio,ma 
lei Serif principe 

verfolcuantecfr 
uomini valentie. 
allo, co certe pic^ 
ma orgio in mo| 
mar poco il fi ed- 
erif tentò più voi • 

i 

l 

lanellarcgi'ondi 
tatori fono imo- 
ire guerra pera 
vincitori, go- *. 



D E I r A F R I e A 

QlTcaacittncvnaqranfortez^atr'^''''^'''- "'^ 

«erli altri montKfouo la dcuaoneiana^^^^^ 
fiume di romorc. porci ,dc <w , jT ^ ^lifinual , che nella Juicrua Afrir ,,?-, ' "^^ ^'^ 



-u u.tuniiu aucati.,1 popolo ticncllrmV;,, I '"'-'""^ ™lai,'?fdl 



■ I li 



)Icuantc,finoal 
ini ino che que- 
a Hca.ha quella 
:idigrano,di,nu 
poma,&f pere 
iof"reddifTìmi&: 
dalla parte ocd 

:ofto dal monte 
Arabincltem- 
imane,checer- 
ler loro , il rima 
3divtilccent0' 
jliArabijiqua^ 

F 
tCjIaqiialenon 
letta città verfo 
lietro certi no- 
ilquale vivsò 
incgrauidcjfa- 
delle loro ma^ 
dell'anno poo. 
qualche parte 
are,&^ fcminar 
e, quando per 

a Ghcdmina,' 
:. forte dicfla 
e molcftati da 
del monte, SC 
10 terso delle 

Del^Htnuh» 






T r li -*" — """'■"'^^^"ipagnauiii 

8»ro„olabMda,a:fupo,a,pc.g„„r?u;:" 'e ^orn^dl;,'^^^^^^^^^ 

MaroccoècM „, ^ rr '■'/'■"•"■'^'l-M.-mc "'^" ""^'«"«odaKli Arabi. 

«afa v„a grand,mrpL^r:totamffÌ2:L*''"™t-^^^^^^ è Po 

Viaggi ^^■^^°'^^°^"Srantìume,il( •-''^^- 






1 quale e 
appellato 



"Illa fuo- ■ 
ghi. 




SECONDA PARTE 

appellato Tcnfift . è fornita di tempi, dicollcgi.di ftufc,&: d'hoiìcnc, fecondo ilcofìumc d'Afri- D 
ca.a.' Ji qucfli tempi alcuni furono edihcati da i Re di Lontuiia,ct altri da i loro fucccirori,cioé da 
i Re di Lliniiachidin.ncI mezzo della città ce n'è vno veramente belliflìmo, edificato da Mali fi^ 
irliuoio di Gmfcppc primo Jic di Marocco, &: chiamaii il tempio dHaliben Giufeppc : ma'vi» 
lucceiior nel detto ietvio,il cui nome fu Abdiil Mumcn,fcce disfare &.' rifare il detto tempio non 
per altra ca.£;ionc,chc per kuarne i primi titoli di Hali,&: poncrui il fuo. tuttauia la fatica di coilui 
^11 Mana.r fu polb indariio,perciochc le genti ancliora hanno in bocca l'antico titolo . Hauui etiandio 
xoMo. qi"*' vicino alla rocca vn altro tempio,ilqualc fece fare detto Habdul Mumcn,cliefu il fecondo, 
che per ribellione fuccedettc nel regno,^: dipoi il fuo nipote.xl Manfor l'accrebbe cinquata brac 
eia da ogni lato,ornandolo di molte colonne,lcquali fé conduccre di Spagna , dC fece tar fottodi 

elio vna cilìerna in volto tanto grandcquanto il tempio, &: tutte le coperte del tempio volle clic 
follerò di piombo con certi canaletti ne gli orli , fatti in guifa,clic tutta la pioggia che cadeua fu'l 
tcmpio,correndo per quei canaletti era riceuuta dalla cif ierna.fcce anchora edif. :c vna torre di 
pietre laiiorate OC grolTjrimCjCome e il Colifeo di Roma, il circuito di qucrta torrt, contiene ccn 
to braccia di Tholcana,&.' è più alta della torre degli Afcnclli da Bologna, la fcala, per cui s'afcca 
dee piana dC larga noue paimc.la grolfczza del muro di fuori dieci, &■ il maffo della torrec prof- 
fo cinque, ionui dentro lette ibnre agiate od molto belle, vna fopra l'altra , 5C per Tafcender di 
tutta la Icala li vede grandillimo lumc,percioche vi ha dal bado all'alto finenre bclliirimc 8C fatte 
con grande ingcgno,lequali fono più larghe di dentro,clic di fuori . come fi giunge alla fommi- £ 
ta della torrc,truouali vn'altra picciola torricclla,la cui cima, ccome vna guglia , dC cinge venti- 
cinque braccia,quafi tanio,quanto il maffo delia toncè alta come due gran lancic , SC fatta in tre 
k<\^^ -n volta. vafTì da vn folaio in l'altro con certe fcale di legno, fu la cima de la guglia e vno fpie 
d"' •'!r;o molto bencS: vi fono tre pomi d'argento, l'uno fopra l'altro infilzati, &: quello di fotto è 

più grande che quello di mczzo,&: quello di mezzo più grande che quello di fopia.coinc Ihuo 
nio e nel più alto folaio,gli conuiene volgere il capo,come chi è nella gabbia ddi albero d vna na 
iie,&: piegando gli occhi dal di fopra alla terra, gli h uomini di qualunque grande ilbtura , non 
gli paiono punto maggiori dVn fanciullo d'vnanno.S: vedcli benifììmo la montagna di Aza- 
hjaquaicc difcolìo da Marocco centotrenta miglia, veggonli anchora le pianure, che fono 
d'intorno, quali per lo tratto di cinquanta miglia, il fopradctto tempio di dentro non è molto 
ornato A' turti li fofhttau fono fitti di legname , tuttauia con aflài bella architettura , come molti 
cheftoihabbum veduto ndicchiefcd'ltalia. e vero.chccffocdeiii maggior tempij.chc fi truoui- 
no al mondo.mahoggidi e abbandonato, pcreioche gli habitatori non vfano di farui dentro le 
loro orationi altro giorno,che il venere. &.' la detta città e molto mancata circa all'habitationi, ò: 
mal limamente le contrade vicine al detto tem pio,dC con gran fatica vi i'i può andare, per cagio- 
ne della rouina di molte cafe che impedifcono la f trada, Sotto il portico del detto tempio fole- 
«anoelTcrcprelfo a cento botteghe di librari, &altretante al dirimpette, ma al prefcnte non fé 
ne tr uoua in tutta Marocco vna fola. 8C la poucra città e in due terzi dishabitata . il tcrren vacuo 
e piantato di palme, d'vue,6i: d'altri alberi fruttiferi, pcrcioche i cittadini non pofTono tener di ^ 
fuori vn palmo di terreno . per effere molefìati da gli Arabi . 8C in vero ei li può dire , che a uc- 
fta citta f la inuccchiata innanzi tempo, perche non fornifcono anchora cinquccentofei anni,clic 
Marocco IH edificata, ma la cagione di cio nacque dalle guerre, & dai mutamenti delle lignoric. Dette 
? eMcai PV"'^'P'o^"^ ^"3 edificationc Giufeppe figliuolo di Tesfin,ranno quattrocento ventiquattro di 
Lhegira.btmortoGiufcppc,regnòilfuo figliuolo Hall, alquale fuccefTc Abraham fuo figli- 
uolo, nel cui tempo ribellolìivn certo predicatore, chiamato Elmaheli,huomo nato &:accre- 
fciuto nelle montagne . cofiui fatta buona quantità di foldati, molTc guerra ad Abraham . per- 
ciò fu necclTario al Re di vfcir con la fua gente contra a quefto Elmaheli, à: fatto giornata , il Re 
liauendo la fortuna contraria fu rotto , & impeditogli le fìrade di tornare nella città , di maniera, 
che egli lafciandola a dietro, fu coltrctto a fuggirfivcrfoLeuante, venendo il cammino accanto 
lacoltadi Atlante, con quella pocaquantità di gente,chegli era rimafa. Elmaheli nonfi con- 
tentando di ciojcommiffe a vno capo de fuoidifcepoli, detto per nome Habdul Mumen che 
fcguitalfc il Re con la metà dcH'ellercito, &C «gli rimafc con l'altra metà all'afTedio di Ma- 
rocco. I!l<.e non potè, ne trouare ifcampo, ne difendere perinfino a tanto, che egli pcruen- 
ne in Oran . nellaqual città con le fue reliquie pensò di ripararli il meglio che poteua . Ma Hab- 
dul Mumen accampandouifi di fubito,il popolo fece intendere alRe,cheeglinonvolea per 
lui riccuer danno . Per ilche il mifero Re , hauendo perduta ogni fperanza. falito di notr*- a «- 
uallo, a preia la moglte,chc fece haucua, in groppa , vfci da vna porta deUa città , dC fconofciu' 

tOjdrizzò 



Icoftumcd'Afn'-D 
fuccclì'ori,cioèda 
lifìcatodaHaIi,h- 
Giiifcppc:mava 
detto tempio non 
ab fatica di coftui 
Hauui ctiandio 
,chc fu li fecondo, 
)bccinquruabrac 
&^feccrarfottodi 
tempio volle che 
iachc cadeua fui 
; .e viia torre dì 
Trt, contiene cen 
ila,pcrcuis'afccn 
delia torre e grof- 
■ pcrrafccndcrdi 
bclliirimcà: fatte 
jnjreallafommi- £ 
, 5i cinge venti' 
rie, &: fatta in tre 
guglia e vno (pie 
'quello difetto è 
bpva.cornclhuo 
l'alLuio dvnana 
kieiluuura , non 
intagnadi Azi^ 
ianuiCjClie fono 
tro non e uiolro 
ura, come molti 
pii,chc fi truoui- 
ji farui dentro le 
iH'habitationi, di. 
idarcj per cagio- 
tto tempio fòle- 
prefcnte non fé 
. il tcrrcn vacuo 
»oflbno tener di ^ 
adire, cheque- 
cntofci anni,che 
;noric. Dette 
ventiquattro di 
aham fuo figli- 
) nato &:accre- 
Abraham , per^ « 
giornata , il Re | 
ittà, di maniera, 
nmino accanto 
icli non ii con- 
ti Mumen,clie 
afledio di Ala- 
le cgh' pcructi- 
teua.MaHab- 
inonvolea per 
to di notte a ca- 
ìj&rfconofciu- 
tOjdrizzò 



D E L LA F R I e A 

A tOjdrizzòncaiialfoavnaruDcalri'mnn ^j,«^- j '^ 

iTtialii.furnnntrAiiirtr-,.,^ r-_ i ^ . - ..'"F'J"lti'runo, tutti rirninrf. <l'. . 



caualIo,vif.gittògiù,pcrn,odo,cheand:.ndodiJ.^;^^^^^^^ 

'uati fopra vno fcoglio &: fcpellitS „,-^ !' l^^ ?^ ^ '" P'" P'^'^te ^-"- -'• 

:oAvolleIafuabu1,naveiCTtrmK^H 

/,lP^A/n ,- . ^"""'*-"C trono eh era n]orrnl-,v..r,„i. ,..j ,,'. Kcdi Ma 



vlanza 




^1 capo u vn anno v entro per forza,5c prefò Ifac picciolo fiVr'lnV^i'-; T7\"^ Sa.^"ardamcntc,ct 

ha crudelmente con le fue proprie manufucnó &: wn ^T 7 ^^'° '^''^ •'""^fo di Abra- 

«,Jeverano,tolfediv,tavnag.anpart S^^ 

dall anno cmqucccnto fcdici di Lhegira fino air mn^V-^^ ^ f imigha d. colèu. per fucceirione 

nioperliRedellafamiglK.d.Mari,ì:vcd"^^^^^^ 

regno in quclia famiglia di Marin,tìno allanno fé ttece^in; ni !n '^ '"L' '^'" ' ^^'^""^- ^^rò il 

nealmeno,^Maroccofudomin.;adacertilignoS^^^^^^^^ 

«.ma in quelh mutamenti d. l.gnoric da niun^S.^ nm. S ''"'" vecchio,N'icino alla de 

rm,Iaqualfeceilfuoiegg.oin^k,&qSTet,S^^^ 

Luogotcnente,d. maniera,chc Feda fu capo dei t "nS/ ' "« ^^""^^'^ '^""" V" ^^^ 
tale.ix' di ciò più diftufamen te trattamo iic ° iX J?n^^^^ Mauritania^ di tutta la parte occiden 
tane. Hora,perche liamo alquanto vSt.^^^^^^^^^^^^ 
B e vna rocca grande,quanto vn J città,le nwa d Sale ZT" '^'^'^^^'■'"•?"'^ della città . in lei 
liifime porte fatte d. pietra t.burtma i cui vfd fono " frl.?f/'^'°,"'^'"^' ^ ^^••" ' ^ ''^""^ ^^U 
fimo tempio,fopra ilquale è vna tor e lini.lm nS £/ "1,"''^''° ^'"'"^^ '"''' ^ ^"^ ^^ellif- 

qualfon infilzati trepomidoro,diepefana3LndS^^^^ 

fottoA più picciolo qudlo d. fopra . il perche moì" tnoS 1^^^^^^^^^ ^ P>u S'ande e qudlo di 

didanari nebifogni^mafempre^loroauuen K^q S^ 

ftrett. a lafciaruegl.;in tanto,che tennero a mara^iuno^^^^ ^" ''n"3le furano co 

quef^epomafurono iui meirefottoataleinfluffol I^^^^^^ 

qud luogo rimofre.aggiunge anchora,che cohdt vKó^ 

caperilqualccofirinlealcunifpiritiafiarliDeroe'tuL^^^^^^^^^ 

di Marocco,per difenderfi da i&hrift.anX òS cT'' ''"J^"' "°"^° '' ^- 

lafuperfiitioneddpopolaz-o trarI^d.■H,^„.^w.l ' , ''' ""t^/c'ierncndoli della credila 

qudleefjl.Iamaglofnob'^FtS rtt^^^^^^^^^ 

poicheilmaritofeceedificar qudtempiopeH fafS an^ 
qualdiemcmoriadifefkiTa.vnodeipropionWr 

da Re,quandorandòan,arto,&:fattSar étren K^^ 

laS^apparentelacima. cetiandionXdett. S^^^^^^^^^ 

SoaaegnatoalloltudioAricettodiduei'r^hS n.S .^ 
^ladouefileggeuanetempiantichiAogS^^^^^ 
C &: ,1 vdhre vna volta lanno.^ i dottori per loro filano .?.!., ^ ' ° '°"'8'° ' '^^"'^"^ '^ ^P^re, 

to,fecondo la qualità delle Icttioni^cheefTì e fno ob 4^^ ^'" cento ducati,^ dii dugen 

dcttocollegio,chinoncramoltobeneamn aefLto Si^^^W^^^^^^ 

beli. mofaichi,&: doue non ha mofaicht fSmuS dKZ' l^"!,^^'^""^'»' '"°go è ornato di 

inuctriate, tagliate in fogliami fottili . à: altri°auod ù^^^ ^' ''"^ P'*""'^ di terra cotta 

fiIegge,&liportichico^perti.6^tut toSt^^^^^^^ 

E^zuleia come fi vfa anchora nella SpagnaTmc3^^^^^ ^^ ^'"'^«"ano 

«orata A fatta di bianchifsimi marmi mSSw-- ^ a ?''°^ ^ "^"^ ^°"''"' bdl.fsima, la- 
ododire,grannumerodifcholar/ SgS 

rant.fs.n,oIegifìa,ilqualepocointendedWaST^ '^'"J'J"'.'^*^"^ 
Marocco , hebbi domdlichezza con vn S ce Sr'r^nT° ^' ''-''' H''}''' ' '° l"'-""^- ^«' '" 
nni^orie Africane, ma pocoperitoneTewJrC^^^ 

fece.nquarantaanni,chefunotaio,& auSdelRr^H^ ^^''° P^f ^' P''^"'^^ ^'>'cgli 

bl«a,miparucrohuominidigroab,neepnon^rfpL^ 
ftoSignoreincampagnadoudoroSSv^^^^^^^^^^^ 
fonoanchorandIadettarocca,vndidodXnL^l^ r V"^^^^^^ 

fattied.hcardalManfore.nel pSche S^^^^^^^^ °'-"^"' '^"'^1' ^"^"ono 

«•> .qualifoIeuanocfrercinqueccmr^qfS ;iV^^^^^^^^ 

S"ore,quandoiìnioueuada vnluogo al alVroVneimbt'^n ''"'''"'"''' ^'"i^P'"^ ^'"^"^' ^'«'■' 

V/aLei P''^^'^°^<^""toa qaeftoalloggiauanoal. 
'^^ CI) trctanti 



me con U 
(ùa donna. 



IN 



-J-^ 

■1^: P 


'ili 
mi 
•fiil 

fffi 


1 


il 2 


fm 


1», 


1 . , 




i- 


IH|[ 


uJii 


.W&,! 



Il 




i} •'!;'.: 



SECONDA PARTE 

trctnm.- 3xckriA' vn poco auant.' al paIaz=o,c lalbcrgo dV canccll.cr.;^' fccrcrarulniialc nella Im D 

sua loro e cl..maia la c.fa d . ncsot.j.I terrò cdctto .1 palazzo Jclla tutoria, ik .uSof te e 

uano arni, e. le nionu.on. della cma.d e vn'altro v,, pico piii oltre al detto. , elquaE oyu uà 

Il nuìcl tro d. iUh del l.onore, &' viono allui fono tre i L.lle latte a voIte,,n c/afcu na I eS pof 

fonoca;m-apatamaKedapntocauall,.ronu.duealtrc(blle,.naperl.nu,^^ 

to nu,l,,.A 1 ..Itra per le cat.alle S^ mule che caualcaua .1 Rcapprello alle dette i al er'l due cn 

na.hut,pureavolt.a:„uiue(olaKnel/ola,od.gu,,teneuan 

2o pe. I. e tiall..neli altro r.poneuano .1 tornìento,&: e tale,chc cape m vno ihìL p.u d. tré a nn' 

la rug,^,,a' ;Ut, et at. nell'altro.dottc fono fatti certi huchi a polla fopra ,1 vetto:&: eu .i vn ab ma 

na d. p,etra,aMe beli.e vanno car.chc hno fopra .1 te.to,& iui li mJfura , &: poi Ina I d n ro pej 

canato d mettono (enra fatica.piu oltre anchora ce vn bel palazzo ilouale cri I ìfclnioh d. fi 
Sl.uohdelReA'de.;lultridellaiuafan,iolK..inquenocvtì!u,e|.,irm^^^^^^^^^^ 

concerncorrK!orMntorno,f^c6lKll<mmeiinelh!-divetrodu1nrerncolorKS^^^^^^^^^ 
d letalcumarnu.daairoleeonuuaglidorati e^d^Mutiin nioltepart>,conr,n,mmoa^^^^^^^^^^ 
oro.c e vn alno palazzo,nelquaIe d.moraua linuln,ente la gua, dia d. e rti armati vn ho mol. 
to grande doue .1 ignore daua venerale vd.enza,&: vnaltro doue tcneua pIì ambali^u dór° qut 
do gì. parlauan gì. kcretan, . ^'e ne vn altro fatto per albergo delle moglidel Re dam^ elleS 
. eh.aue . vn alno apprel o cjael to dutifo in molte piarti , per h figliuoli >t\ detto , e o paCelh . 
cKeeranoalquant,grandcttqMud.fcofto verfbil.mtrodellaro^^ ^licr.lpoS;:d aca™a ^ 
e vn bell.fs.mo 5^ gradiamo g.ardino,nclquaIe ha og.ìi forte d'alberi &: di Bori. &: etZK 
« a tutta d. marmo quadra,^: profonda (ette palme.nel cui mezz - i vna colina d,e ofilne vn 
icone pur duìiarmo fatto alllt. maelìreuolnientc, dalla bocca delqitale efee^-ln ^ 
aa,ua,che h nuerfc.a nella log^gnA' per ogni qttadro della detta bg.wfewo^^^^^^^^ 

^"^"'^SShemvnnSnlcdiAf 

,o ci, „uc- ^•^'^""' ' ^' ,*^ '" vn monte di Atlante,difcolto da Marocco centocinquanta m.olia . annrcHo del 

ch,c. verde K|ard.no v e certo fl^raglio, nelquale I. rinch.udeuano molte faluatiche herr a m Sic et 
...onde. PYHMcon,cTruK\'capr,ol..evero,che.leo.aihauetunofeparatafbnradalSaT^^^^ 

linl,oraquJluogocdeuo,latanzad-.Ieoni. qudlepod.eidimqucd. ve .o | 4" o„;^ 



:ipe 
Wari(or. 
foi.]Uflln ni 
(]ual Ralis 
medico de 
dico I Tuo 



'" >^ ' . , ' ; '"'^"'"'" ^'-"tTc i iion,iono i nidi loro . fu certo audio M infor vn 

gran prmc.pe perc.odìe l.gnoregg.aua da MelTa per inhno a Tripol. d. Barbma chcTla nar 
ep.ut.ob,ledAfr.ca.&nonl.potcafornirqudtovia^^^^^^^^ 
..,e..co ... ^pl^^f ^ •" qumd.c. l.gnoregg,aua etiand.0 nella Europa, tutta quella parte d^H H ^^.n det. F 
d.co .luoi taCjranata,&checda rariHafinone aprouinciadiAraaon &'vn, N,,.n. . ^' r>^a , 
hbn. fanchorad.Portogano.nefolan.ntefebbel.^rrdS^^^^^^ 

dd Mumen^Huopadre Gmfeppe,eIuilacobeIManfor,&ft,oftgl u^ 

che fu rotto d^ vinto nel regno d. Valenza,&: furon mortide fuof, à ga te da catello sTd^V 

fenantam.lahuonuni,egIdaIu6lafuaperfonaAtoniomaiMaro;coSc^^^^^^^^ 

vmor,a prdo ammo feguttarono Timprefì, anello (patio di tre.ua ann rmipe o "ò V^ 

Icnra,Uenia, Alleate Murzia,lanuouaCarthacine Cordona Siiiicrlh [..„«/ vi J^ 

lbmemorab,lrotta5coccilione,,ncomi,Ki6àd?c5;5arh^^^^^^ 

metto,la(cio dieci hgl.uoli huomini fatti,iquai tutti voleuano viurnarli^ Iwn^ ^M ? 

ne,che I. vccidellero tra loro A^ che app^efTo il popoSr^ 

que contorni , (. (olleuó etiandio il popolo di Habduluad S^ recano T^^^^^^^ m ' ^ '" 

re di Tunis S^ faceua Re chi gli pareua^cotal ftne hebb rmW^Io dTj^ f^ ° Ì''''% 



A 

; 

cani 

Mu 

dini 

mot 

crea 

vno. 

Ncg 

allad 

rocce 

tjua,^ 

Jiain 

inors 

luron 

dacer 

trouai 

t]tiale 

B rocco, 

che pei 

ilnalci 

uerfa f 

pi, voi r 

vn ceri: 

rono a ■ 

40 forfè 

me con 



Hani 

rocco cii 

mino pe 

glii.dal I 

da Marc 

«imnici ( 

Taallign 

C liberale a 

gnorc.or 

trecento ( 

porte dell 

iàvnagr^ 

aie perche 

di cz A' 
molti cau; 
tadi(chiO| 
glie del lig 
gouernaie 

Pofciac 
mente, hot 
fc,que(ioc 
«Hea.èm 
ièmiiuorz 
■ciuilitàaicu 
guifa diedi 
re &: toccar* 



l'Iqiialc nella fin D 
iiu|udtolitcnc 
ualo allog^iaua 
laddlcqualipof 
'vicapcnoccn- 
e erano due gra 
:llo di fopra,l'or 
più di créta niiV- 
lui vn.\ (cala pia 
ttali dentro per 
aprono, Sxl coli 
lafcliuoladìfv 
miin quadro, 
no al d'intorno 
ìmoazurro QC 
.vn'altromol^ 
) a fa ad ori, qua^ 
:, damigelle 8^ 
cioi per quelli, « : 
illacampairna, 
V euui vna log 
rhefofticncvn 
?i'abondeuole 
rdo di marmo 
oin altroluo- 
i.apprdlo del 
icgirafcjcle- 
tri animali. 8^ 
iioionorima^ 
i del Manfor» 
)uc albergano 
;o di colomba, 
:etto delle l'm^ 
, ff in altra di 
Manfor vn 
jdicclapar^ 
irni, de per la 
lifpagna det' ] 
:di Cartiglia, 
3 auolo Ab^ 
ietto Enaiir, 
allo de da pie, 
riliianiperla 
)erorno Va^ 
Jcda.pcrquc 
11 orto Mau^ 
lidie fu cagio 
di Fez, Scili 
leuò il rctto> 
enne dipoi il 
n.vltimanic- 
i Arabi, qua- 
lonti. quan> 
ibnu AbduI 
ni delle diro 






«9 



( 



Agtn«crcrMdtta*,vicinaaMarorr^ *^"'"'' ""*• 
cam,iu la colla dVn mo.ne,pur d, queSdTA'tbm." r'^"'',?'' 7«''^' «•'^'^^«=' da gliantid,i Afr/ 
AI»adi.du,fumoltociu,le,&d,Jm^^^^^^^^^^ 



B 



«;mopcrlacoltaddm5tc.&:ilf.unieSXm^ 

giM.dal hume imo alla città e vna cai -paeS^bo£m^ , l'° ^' Han.mmci, cirVa a quindid rni 

da M arof co fino al fiume, poir.ede d I ,S d^M '^i^'-''"'"^'''^ ' '' c^^ 

ti.mmdcrotto.ldonun.o'Lfig^^^^^^^^ 

raall.gnordiiVlaroccoa:agli!\rab.W 
Cl.beralea^animofo,neliaucuafcdtàanSnSL / T°'"P°P^ 
gnorconde rubito gli conuenne -noCf^no deZ ' ? """''^^° ^" ^"° ^'° ' ^ «^«0 «! 

.recenK.caualli leggieri de Clmftan. PorSS^^^ 

porte ddla cuta.6c egl* con cento cauall. Ì Si aS^^ '°''"i^ P^r mrmo alle 

favnagranquant.tadxdcmArabi,&deCWaninL^^^^ 

di czA' dimando a coUui certo tributo i!n„^£ . i r ".""«^«^"'o venti . venne dipoi il Re 

rioIt,cauaiI.^balelirteri..ir,gno3^^ 

tad. fL-iioppo nel pcno^ft" tolfo cadde mo'^Sl e t Sn ' ^k"^'^''^' '''^'^' ^'^'^^ P^'' ' 

gl.eddlignorecondufl-emolfi«ob,Iip„JnSr^^^^^^^^^^^ 

SouernaiwWidiparnndl'anno.pz./^ "^"''''"'"''"r"3n°ddRe.,lqualclarciatou"vS 

Porciad,edmol,abbiamoddIareg/onSwnf . , 
mente bora orilinatamcnte feguend^Sndvr' 'T'^'' ''^^ 
fe,que(ìo e vn nionic delqualedi vSfo t "emc f n ?"" f" ^^"^"^'•^ P^^ incominciare da S 

raHea.cmo/tohabuaro,k:nellaSSb^^^^^^^^^^ 

iJrm.naorzo,iiquaIevinarcemmoltacopTarom^^^^^^^^ 

<'u.litaa]cuna.&rcomc vcggiono vncnSnTn ^ ''''''"^^^" 'l^O'"'"'' f^Wuat.chi &." nò hanno 

^:5^^..cIav..c..oi..ua,dicc«vn^^^ 

^^* ^ ii] amano 




^n 



SECONDA PART 



E 



i 



r; 




% 


■i' 


1 li 



duicnto come vna nracaa di cucina, fanti firrno quell. che Io volfono 
siovzo a br canìho d vn («o cuuallo.chc potcua valer d.cci fcud. per vna mu fpada che non vT 
cua.nfcxvno5^nu'=.o &:c,ucaoproccde.perc.ochenon vanno m 
. ' t li'.'J^^'V"^ '''"1'',^" Icltradcperche que. luo^h, fono per lo p.u tenutrd" lUni m mal 

STciidaloa^^^^^^ 

Semede monte» 
Srf^lf V n;òtc incommc/a dacontìn. del fopradetto,a^ fono frparat.' iVno dall'altro dal fiume 
SeLaua A clitndcli yerfo Icuantc circa a venti ni.^I.a.i fuoi hal^ratori fono vi\i roz ° ^ nZ 

fcnon al e volte d. qualche pairag^icro.che paia loro che fia pcrfona intcndenl^b a iX ?vnà 

nottefuldettomontc,mcafadun reIi«iofotra loromoItoLorato^^^^^^^^^^ 

del cibo che eli . mang,ano,c.oc farina dor.?io téperata con acqua bollènte inlieme con cm^"^ 

nedtbeccoc Kmoltrauaalladure=zadihauerepiudifettea2n,deta S re^ 

ne dormircfu la nuda terra onde leuatomi la mattina per tempo, &'penfandonidW^rii 

Con,e quello che non fapeua i v/anza loro, mi fu fatto dm torno cerchio da più d°dna .?n a ner 

d I htiSMo loro nfpoh, che non fapeua niente de fatti loro.a!ll,ora vennero innàri ^e r^ "i^Shuo 
rìm.,c.oc tre d i pm riputati tra loro,dequali vno d.lic.sent.riiuomo voi forfè ntn oc^e" coftu B ' 
ine noltro.nol tro coitume c.che niun foreitiero fi parta da noi, per mfino ci -eZò ha bia n°ol ' 
to bene afcoltate &: decife le noUre caufe . ne appena hebbe fornite quX paSX m Wdd ef ' 
fcrIeuatoilcauaIIo.or.dee8l.m.fufor^ 

pcrilciboAliper.ldorm.re:HaoclK-oltreimolti.ntriciìMìòerachidilorofS^ 

^Iapa^rola:&:conuennemiellereparimentea'giud.ccc\',;otaio.incapo^ 

che cir. mi forebbono la feguentc mattina vn prefcntc honorato & nobile . peScSe narnc 

mille anni la notte,p.nfando fra me IfelFo d. riceuere qualche buona qu nt\ t?d.^^^^^^^^^^^^ onS 

parue la lucerli fecero federe fotto il portico d Vn lori tempio. & fatw ct?t o n ne nc^^^^^^^^^ 

ciocia cunodiloroavenireamecolfuoprefente,2Cbadorommi,lapoSd 

vngal!o,talcvnasuraad.noce,vnodueotretrecciedicipoIfeA'altrodiauho a'^^^n^^ 

rn. ccedonod vnbccco.lequalcofe non l.trouando alcun che lecomp a^^^ 

nari in quel mote le lafciai al padron della cafa,per non volermele portarSo miX adunaue 

Fcmiohebbi,odellafanca&:d.fag.odique8iorn.-eglièverocheanqua^^^^^^^ 

mi accompagnarono buona pezza di viajaqual non crafìcura* i«*a>qu"K canaglie 

, Scufiud monte. 

Seijtuamonte, '^ ° 

».fr, "^ 1 " r'ù " "^°"^7'P'^"o '^'OS"' faluatichezza , altiffimo & molto freddo . vi fono di nìol 
mm, bofchMie mai di quindi li leua la neue.gli habitatori fogliono por^rd e pò cert^canTel 
hb.anch.A'vilonofontaneinn,oltacopia.i 

dcunccordfccUcpcrdifmdcLclcJhnciT ".*'«^°PP'"''°'"°^ 

Tenmelle 



ì»] 



iifvnvifiicficfniD 
ada che non va- 
itiin quella par- 
da huominimal 
di s'incomincia a 



l'altro dal fiume 
rozri, de pouc- 
rai»ionc alcuna, 
io alloggiai vna 
nncnii mangiar 
ic con certa car- 
dio mi conucn- 
3mi di partire, fi 
cinquanta por- 
rci: terminator 
:itrc gcntilhuo 
nfapctciicoftu E 
nò habbia mei- 
che mi viddi ef- 
c amare notti, fi 
rncfcriucrevna 
' giorni ditrcro, 
Ichcàmcparnc 
ucati.comcap- 
ione.uicomin-- 
j ciicmi portò 
de il più nobile 
r non *;lTer da- 
ucflo adunque 
quelle canaglie ' 

I nome, quid 
icontinouoco 
inclc.ÒL'dicar- 
rtc fabbrile, ài ^ 
he poche facce 
>.necalcina,ne 
detto . hanno 
conofciuti,chc 
pagnarmi , 

( fono dimoi' 
acerticappcl' 
:1 detto monte 
ì dell'anno tc^ 
fieno &: certe 
in quello niU' 
ibutiro.fono 
nni, Scialerò 
negli anni «S^ 
nofcarpesec- 
a gamba, con 

Tenmelle 



{»] 



lo 



dottifnmi,pcrciochc lutr. lìTnn n "?.^""fO" Tonogéte maligna & nel . l.' ' '®S'' 

G-j ' ('tdmcua monte, "«-vuipigae. 

'? Qiieflocvn J YT fi'*ntty<i monte, 

■ofimrl„,cmcmoliccofc,mrau,gE„^lT^'""''^"""="'"'°PP"Oilorodrfc^ 

-".cn.c.,e„doeUaoccupa«tetSSrS?.^^^^^^^ 
AHim«,~^, -^"""^lei monte, 6S "*•: viuita. 

«luimmeie vn monfpcrfSfiff A/ i l 

■"™'P?™"li™cnKl,aue,noferbam\Barlarf^^^^^ 
rocco,ch'cdaAtlS.eicrminacodivJronS^ P J'''''"'''='""'°fo™^ 

Lar^-o„ed,G„«„h;„„/«Tt'',"«-"^ ^««=feP""'l'adc„cd„.rcgto,n. 

Poncn4da<,u°S:r^^^^^ 

VI li lanno molti vafi del detto rame Sf I. r.^, ^ ? '°"° '""''^ vene di rame Se di ferm fC ^'"*" t "- 

^ e ili) .colquate 



il f:- ■ »■ i-m 



m 




:J|| 4 




y 



SECONDA PARTE 

cotqu.ilc vcJcfTc Fiimc.to veramente Io trouai tutto puro , tutto hcnfjrno.flif tutto pieno iUchirU 
fà.vcltoMo ciucile gnici.di certi camicioiii ^attl di lana.corti SiC (enza inaimhe . iquali tendono d< 
fopra .ilìai Urcttatiicnte.vfano di portar certi pugnali torti & larj;Ii/,mafottili(ìinii vcrfola pun- 
ia,&: t igliano d amenduc le parti,et le fpade portano come quelli di Hca.fanno ne loro pacli vna 
tìera,clie dura due mcli,ncqualj danno mangiare a lutti i foreltieri che vi li truouano.qiiùilo ben 
follerò dicci milj.comc sauicina il giorno della detta fiera.fanno tra loro tre gua,fi<: cialcuna par- 
te li cIc^'^c VII capitanocon cento hnti.per guardia dC fecurti dclli fiera, quelli vanno difcorren 
do.&f punifcono chi fa male.fecondo la grandezza del peccato.ma i ladri (ubito gli ammazzano 
panandogli da vn canto all'altro^con certe loro partigiane^' lalciano ti corpo a » cani . falli que- 
Ita fiera in vna pianura fra certi monti,&: i mercatanti tengono le robbe loro ne padiglioni, èc in 

ceree capannctte latte di lr.ifdic.etdiuidonolVn.v forte di mercatanti dall'altraidi maniera che al- 
irouc Hanno i venditori de panniA altrouc quegli che vedono le mercerie,ct coli gli altri di ma- 
no in mano.A: li mercatanti di bcllic liano fuori de padiglioni.ogni padiglione ha daprcITo vna 
cafettanuredi lrarche,douealloggianoigcntirhuomini,6fdoueli da mangiare a forefticri.&: 

hanno certi loprartanti,iquali hanno cura di prouedcr dintorno alle fpefc che li fanno a forclhe- 
ri.ma anchora ciic fpendono a(Tai,nondimenù ncllu vendita di dette robbe gua'dagnano due tati 
li. perciochc vengono a cotal licra huomini di tutta quella regione.a: ctiandio del paefc d'i ne- 
gri,che fatmo gran facccndc.in ime quclii di Guzzula fono huomini di grolfo ingegno,ma mi- 
rabih in vero in gouernar con quiete et pace.la detta fiera,luqual II comincia nel giorno della na- 
tiuita di Macometto,ch'c alli.iz.di Rabih mcfe.j.dellanno haraba fecondo il lor conto , io luiin ' 
quella fiera con il Scrif principe. 1 5. giorni per pucerc.l'anno. 9 i o. 

RmomdiDuccM, 
Duccala prouincia dalla parte diPonentc incomincia da Tenlift,&: vcrfo tramontana tcrm^ 
na nel mare Oceano, S^ dal lato di mezzogiorno nel fiume di Habid , Qc nel fiume di Vmmira- 
bih da quello di poncnte.quelb regione e lunga quali tre giornate,&: larga circa aduc,8i:è mol^ 
co popolofa.ma il popolo e maligno ÒL ignorante, &: poche città murate vi li truouano.noi dire- 
mo ciò che v e degno di notitia di luoco in luoco. 

Azafi e vna città fu la riua del mare oceano.cdificata da gli anuchf Africani , h circa a quattro 
mila fuochi.a^ e molto habitata,ma ha pocaciuiltà.vi fu già gran copia di artigiani,^: furonui da 
cento cafc di giudei.il terreno e ottimo e«: fruttifero,ma gli habitatori fono di poco ingegno, pcr^ 
Cloche noi fanrio coltiuarc.ne porui vignc.vfano bene di far qualche picciolo horticello?&: allho 
ra che le forze dikc di Marocco cominciarono a indebolirli, rcfle la detta città certa femiglia 
detta la famiglia di i-arhon,6^ nel tempo mio vi reggeua vn valete lignore,iliiualc era detfo per 
nome H cbdurrahma,&: haueua per regnare ammazzato vn fuo zio . dipoi pacificò la atta &: 

•''"'3fclungotemponcllalignoria.HaueuacolluivnabeIliirimafigliuob,laqualeinn3moratafi 
Re"! aÌ r 'f,'" ''"T^° popolare,ma capo di molte genti.detto Hali figliuol de Goelimen,per opera F 
fl d vna ichiaua S^ della madre di lei giacque più volte feco . delche egli hauutone auifo dalla fchia- 

ua riprelc la moglie,^: minacciolla di morte.ma dipoi dimoftrò di non farne conto . ella nondi- 
meno conofcendo la maluagità del Signore fece intendere a colui, che fé ne guardalTe. Hali adun 
que(che coli era il fuo nomc)dubitando da vero della fua vita,fì rifolfe di ammazzar Jui dC fco- 
uerto quclto fuo fegreto ad vno giouane ammpfo,&: capo anchora egli di molta Éantctia , di cui 
molto fidar fi potcua.ambidvnmedellmo animo mctealtro chctempo. acio atto afpettauano. 
li Ke da I altra partc,.l giorno dVna felta folcnne,hauendo fatto dire ad Hali,ch'ei volcua doppo 
Il compimento delloranonecaualcarealquantoconeflblui, per cagionedi follazzo €^ perciò 
s attendelfe a certo luogo,douc e^li haueua fatto penfierc di vcciderlo, fé n'andò al tempio Hali 
che del tutto s'accorgcua, chiamo il compagno , & dilTe che era venuto il tempo, che la congiura 
haudie eltetto.ilperche con dicci altri lor fkmigliari,enendo armati molto bencSC prima fatto ap 
prcttare vn bregantino,moftrando di volerlo mandar in Azamur per poter , quando bifogno 
tolte fuggirc,aiidorono al detto tempio a puto a hora,che di pocoil lignor vera entrato & tut- 
lama oraua.efTendo ti tempio ripieno di molto popolagli animofi 8C ben difpofti giouani, con 
la loro compagnia entrarono dentro^ apprclfanfi al Re,ch'era vicino al faccrdote^non furono 
Il Re ano impediti dalla guardia,che fapendo quanto efTì folfero gradi appreffo lui di niente fofocttaua di 

Tz^o dalli "^"a'<^"'^"a>o^'nvnmeddimo tempo, quel dmanzi gli cacciò la fpada nel corpo,&^^ 
«ógmiati. mor*ugrandeAlaguardiaprimieramente?nkjltòiduoi,.mafoprauenendoi4i€CÌcoaiefpadc 

ignude. 



A ign 
per 

pias 

satc 

aedi 

ronc 

certi 

fare ^ 

volle 

auifai 

fadoi 

! fl^coi 

i quel e 

iicura 

duna 

archili 

lagabi 

nuocci 

6 ardili! 

choler; 

no vnl 

ncfug^ 

la detta 

Icijcfli < 

fmarrin 

tocinqu 

fopragii 

di arme, 

ii,&:2oo 

lagne di 

lafabrica 

tocapo.t 

lifcruitoi 

pitano d< 

qual città 

ftahiftori 

Q na della ci 

teuohaue 

Ja campai; 

ne con il e 

•IRcdiJVl 

to venti,c< 

Contee 
rono qudl 

Titccitt 

pralamarii 

•n molta co 

che velie ali 

quando fu I 

«0'&:ndmi( 

potendo far 

wefTariOjfec 

frocradisha 



pieno d/cfiaW- Ti 
ualncnj»ono dj 
invcr(ohpun- 
eloropaciivna 
ino,i]iiàJobcn 
^ciafcuna par- 
anno diYcorren 
li ammazzano 
:ani. talli quc- 
dixlioni, Oc in 
laniera clic al- 
^li altri dima- 
daprcflb vna 
ì forcHicri , èc 
nnoaforcdic- 
;nanoductan 
:I pacfc d'i ne- 
^egno.mami- 
orno della na- l 
onto.ioluiin I 



intana termf- 
cdi Vniniira- 
duc,&:èmol- 
lano.noidirc" 



:irca a quattro 
,&^flironuida 
ingegno, per- 
icello.&aliho 
erta famiglia, 
era det'o per 
icó la città, &: 
innamoratafì 
ien,per opera ] 
b dalla fciiia- 
). ella nondi- 
re. Hall adun 
irJui,&^fco- 
ntcn'a.dicuì 
afpettauano, 
olcua doppo 
:o , de perciò 
tempio. Hali 
e la congiura 
rima fatto ap 
ndo bifogno 
rato ,&tut' 
^iouani,con 
:, non furono 
bfpettaua.di 
ugnale lo ferì 
k fintilo, il ru 
icoaJe.rpade 
ignude. 



il igtitide, pcnfando qucfio e fTcr Hato rr .r Mr« ^ f '', ^ ' ^ ^ li 

pcrn,odo,cl,ealtrinonrin,areon" " '^^^^ ' 

acclKto,&<uco„tcnto,chcquch.duoil,auc e ?( ''^^^^ 

a^ conpoca ipc^uv , rehbe à in^Lroni^^^^^^^^^^ ^^nm, d. cu 3 

f*ìc"a ?^r '""'^■"' ''^''^••'"^^^'l^rovna aVafo ce^^^^^^^^^^^ ^" '^'^ '1"*^»' "^'rcatann ,„d C 
i cur... adduceuan le ragioni, che nella moS ^ '^"''' ^"^ '"''''"' ''"'' ^' '°''^^ ■■ ^ ^ 
duna buona parr icccrSadu^quev acarforn^r/^*^"?'' ?!'°"^ ^"'''' ^^«^che^.uti ^1^^ 
archibup dentr o /e bottediogl/o 'd^^^clìJZ^f^^^^ P^^"»" ^ccrcta.ne.uc fc .m.m^f 

la gabclfa,,ion 1, cercaua altrimem da au&^^^ 

Clio era. ch.glid, vcndcua.chceglumpaticntc ^,"?"""' ^^^"^P^^r-indo carne, indulTo 3 tanta '""""'«^ 
no vn fuo pugnale,ghc lo cacciò nel pct^SS n 7"' «"'"^'^^ 

puanodcIKenonùpeuarvfodiqSCn^n "n, ° ^ 
qualattàrimarequal^dishabitat ,^e2 ufoT^^^^ 

fb hiftorta, per dimo«raru/,clie vna fcSna^ i E . r"'"'''^^" "^^'^ ^'^"^nto 1^ 
C na della cittaUa di tutto il popolo Ir dS^^^^^^^ 

euo hauer anni dodici.ma dapoi circa Sua S^ ''' ^'"'^ 'l"^"^'^ ^^ P''^'"'» detta c.?rno 

lacan,pagna,pernomcddRcdiSaa?de] S 
JcconilcampodicinquecentocaLm?^^^^^^^^ 

iIRcdiMaroccoAri/cofretuttalin La^fA r '^ 

coventi,comehabb.-andcttoUcrrcu:^^^^^^^^^^^^ 

Conte ' • • r ^°"^' ""^ ^' ^"^^"'''^ 

quando fu prefo Azemur,que(b drrifi Sf. '^ f^ " «ntertcnimcnto con Portogallclì « 

«\efrano/ece palTare 11 popolo in FeTcTdS.^ir^^^^^^ 

„,„^Viunaarcz;aoUiu miglia» * '"-"Mwajdicgaaie 

Elmcdina 




l l! 




S»ffo Te 
nercino. 
Gcaiio fcr 
uaio cento 
anui. 



:ri 



SECONDA PARTE 

ElmedinaaitàmDHCcalit, j 

EImcdina è vna città m Duccala,8(: quali capo di quella regione, laquafc e tutta murata di ccr 
fé mura,che fi vfano in quel pacrc,piu tolto vili, 8C triiìe che altrimenti.il popolo che nel vero fi 
può direignoran te, velie pure di certi panni di lana, che il fanno là,ct le loro donne portano mol 
ii ornamenti d'argento &: di corniole, gli huomini fono valorofi, dC hanno gran quantità di ca- 
ualli. 8C quclh furono trasferiti dal Re di Fez, per fofpetto d'i Portogalleli nel fuo liato , perciò^ 
che egli 11 auidde d'un vecchio,capo di parte della terra, qual conligliaua il popolo a da'r tribu- 
to al kedi Portogallo . £C lo viddi menare in catena , fcalzo , dC n'hebbi grandilFima compaf- 
fìone, perche il pouero vecchio fu isforzato per necelTitaà far quellochc fcce,confiderando 
ch'era meglio à pagar il tributo, che perder la robba Od le perfone. per la liberatione delquale (e 
intromcHcno molti, apprefl'o al detto Re di Fez, talché lo fcciono liberare per via di pagamelo 
8(:d*poi la città rimale dishabitata,nc!ranno..9xi. * 

Caiitopo'i^ città di Duccala, 
Qucfta è certa tcrricciuola fopra vii colle di falTo Teuer tino, fuori dellaquale fono molte folTe, 
doue gli habitanti folcuano nponere il grano. dC dicono quei del pacfc,chc nelle dette folle è (ia- 
to ferbuto detto grano cento anni continoui fenza guaftarli, ne uiutar odore,&: fj la moltitudi- 
ne delle fopradette folìè limili à poz^i, è dettala città d'i cento pozzi, il popolo di quelia città e di 
niun conto, perciò non vi lì troua artigiano alcuno, eccetto certi giudei fabbri . 8C nel tépo che 
il Re di Fez condulTc il populo di iilmadina, ad habitar nella f uà regione, volle fimilmente con- v 
dur quelt altro, ma cllb non volendo far tal mutamento,fuggi in Azafi, per non voler laflarla 
patria, il Re ciò vedendo, facchcggiò la città d'i cento pozzi, nellaquale altro iion trouò,chcgra 
no, mele , àC cofc grauijSt: di poco valore. 

Siéeit Città nella medefima, 
Subeit è vna picciola città fopra il fiume di Ommirabih verfo mezzo giorno , 8C e lontana da 
Elmadina circa a quaranta miglia, è quelia città foggetta a gli Arabi di Uuccala.di grano è mol 
lo fruttifera OC di melcma per ignorantia del popoìo.non li truoua horto ne vigna alcuna.et pò 
fcia che Bulahuan fu rouinato, il detto popolo fu -idotto dal Re di Fez, nel fuo regno , Óc diegli 
vna picciola città di Fez, ch'era dishabitaia, èC Subeit rimafe diiierta, 

7 racoQ* 
Temcracoft è certa pica'ola città in Duce .., polla pure fopra il fiume di Ommirabih,S<: fu e- 
dificatadjllignorc.ch'cdiiicòMarocco. perciò e detta da quel nome, &:èmoltohabitata. fhcir t 
ca a quattrocento fuochi. &.' In ioggetta al popol di Aremur, ma nell' anno che Azcmur f u prc 
fo da Portogalleli, la detta citta andò in rouina. il popolo lì transferi a tlmadina» 

Terrei, 
^ Terga è picciola città fopra il fiume di Ommirabilvlontana da Azcmur, circa a tréta miglia, 
e molto habitara, & fa quali trecento fuochi, quelia fu fottopolta a gli Arabi di Cuccala, ma da/ 
poi che fu prcfo Azatì.Huli capo ^ii parte, chefucontra a Portogalleli, andò in detta città , &: ha j 
bitouui alcun tempo inlicmc con molti valenti huomini. ma pofdail RcdiFerlo fece andar 
nel fuo regno conia fua famiglia, di maniera che la città rimafe albergo delle ciuettc. 

Bulahuan, 
Bulahuaii e vna citta picciola, edificata fu'l fiume di Ommirabih . fa cerca a cinquecento fuo- 
chi. &: fu habitata da molti nobili &: liberali huommi,lungo il fiume,&: nel mezzo della lirada, 
per CUI fi va da Fez a Marocco, fece il popolo di quelia, vna cafa di molte ftanze, con vna gran^ 
dillima Itala.a: quanti padano per quel paefe,fono amoreuolmentcinuitati a detta lianza,a fpe 
ie del popolo: perciochc cITo popolo e molto ricco di grano SC di beliie.&: ogni cittadino ha cc.i 
to paia di buoi , o poco più ò poco meno , 8C fonai di quegli che raccolgono intorno à mille fo* 
me di grano,& alcuno tre mila, gli Arabi ne fono compratori,^ lì fornifcono per tutto Tanno, 
nel nouccento diccnnoue il Re di Fez mandò vn fuo fratello a difcfa ÒC goucrno della rcgioti di 
Duccala.ilqualc giunto che vi fu appreiro,hebbc nuoua,comc il capitan di Azemur, douea ve. 
nir per facchcggiar la detta ciità,8C hr prigioni gli habitatori.Ia onde egli fubito fece ifpedire due 
capitani con duo mila caualli,&:vn'altro con ottocento balcftrieri in fauorc della città, in quel 
punto che qucfte genti arriuaiono,arriuò anchora la gente Portogallefc , laquale haucndo aiu. 
f oda duo mila Arabi di facile la fuperò.ibalelirieri del Re diFez ch'erano riflrctti nel mezzo 
del piano,furono tutti menati per fil di fpada,eccetto dieci o dodici,che infieme col rimanete deU 
lo efercito fuggirono a i monti.c vero che i Mori lì rifecero,^ tornando à dietro dieron la caccia 
a Portogallci i .à: vi amazzorono centocinquanta caualli.il fratello de! Re venne in Durr ala, et 

rifcoHe 



A rifa 

nari 

il trii 

imo 

non 

tilib 

uaaj 

5enf 

feria j 

A: 

fiunu 

grane 

rogali 

polo( 

ciocia 

gli rei] 

coniin 

B fuogr 

toiioc 

Simez 

olio.in 

fce,a: ( 

togallo 

capitan 

il Re de 

dccofi I 

moltitu 

della idei 

da vna j: 

altri a ca 

pigliate. 

fiiani, ig 

ta,còpa 

te, collii 

prima fu 

peccato e 
C 

Merai 
Siffaprelì 
citta, al fij 
rono,&:ii 

patto, a: j 

OlicIIc 
ni, &: tutti 
tempi adic 
polo noni 
"utadeIR 
nati dal Re 

Verde è 
de verfo pc 
die, a: un 
fanno quel 
iamUd'.ììtr 



I 



ta murata di ccr 
Jclie nel vero fi 
ne portano mol 
1 quantità dica- 
Uà to, perciò^ 
alo a dar tribù- 
Ifima compaf- 
jconfiderando 
me. delquale (e 
i di pagamelo. 



no molte fofTe, 
dette folle è (ia>- 
E) la moltitudi- 
quella città è di 
X neltcpoche 
milmentecon' j; 
ì voler laflarla 
itrouòjchcgra 



&fé lontana da 
di grano é niol f 
laaicuna.etpo 
rgno.&diegli 



lirabihj&ffuc' 
abitata . h cir f 
^zcmurfupre 



ì tréta miglia, 
uccala. ma da/ 
Ita città, &: Il a p 
: Io fece andar 

te» 

queccntofuo" 
:o della iirada, 
con vna gran^ 
talbnza,afpe 
ttadino bacca 
rnoà mille fo' 
r tutto Fanno, 
iella rcgion di 
»ur, douea vc^ 
ceifpediredue 
a città, in quel 
hauendo aiu-r 
cti nel mezzo 
rimanete del' 
lieron la caccia 

in ■Jurr^f2. £t 

riTcoire 



- r (T r f ° ^ ^ I- A F R I C A 

AnrcoirciItnbutOjCtpromcttendocIrfa,,^ -ir ^ ^ ^ ^ 

narfiinFezaw I che vX?.;?n^ ?"!:"'/' ^ . 

mnbatoA'dùuunoaiucoglt^^ 

• montidiTcdletcn,endochel7pn r^ h''''""^''^""°''"P^"'-"^^ 

noni. P^^gando/un "om n pSf o ^ "'"l"^"'' ^ -"'^ffin^pt u ^it/ .'S ^^' 
ti li baldtr.cri,ma difcofto circa vnn^?-' '" '''"''^ ^iddi quando k ro io an "-^^ 

«aaMarocco^partcndonudaLanSfc 

5enf pnncipe,pcr nome del R e di FelTa cóme i f- if ^' n l'"'"'^''' '^ ^'^'^o»" ^' ^ I^^rocco S 
• fenaprouiiionecontraiPortogalldi:' '''^'^'''^''"^'-'''^'^^^^P'^'-iì'"^^ 

togalle .:d. maniera, chegidiabita?ori "io nerf^^^^ 

polo e d.u.ro m due parti'io.idimeno è fìaS '° ''"''' '.^' ^-"'"^ '" ''^1'' habftiVd do. 

c.oelac,pagna.egl.cverodìcnonvTronoS^^^^^^^ 

gl<rcnderannod.g.hclbdipcrcclarcinnSÌr ,'''"'' ^*''"^*^^''^""'a^ 

con.ncùapercardì„cred.o'SS^^^^^^^^^ 

BruogralTo,cheIacarne.ondcquadol'3 
tofbcbeilpefcercnte.Icalorddfooco.mS^^^^ 

a^mezza.&:queftoccomeolio,6^1oabb u^^^^^^^ graflo,dic pcfa più dVna 1 bb a 

ol,o.mercatantiPortogal/di, vengono vna X^^^^ 

fceA qudh fono qudli che pagano la Sa ?n ti " H ' 'n'T''' ^'''' ^l"^'""^ di detto pe 
togallo, aprender ladetta citfa/ondeeJ^Snd ?vn '"' ^JP°' '''"'■^^^ 
opuano poco pratico Jundlo in,brocclrStì^^^^ 
« Re doppo annidue, vi mando vn altra armata dTi'', ''°''' '.^ '^^ P'" P^"*" "ffogo mi 

de,cor, perde ogni fuo ardimento, di nodo c^noJS^'^ ^ 

moltuudmefuronmortiottantaà'pSc^^^^f"'"^,"'''"^"^ 

della detta atta non /:,pe„do come akrm cnTfua J^'^^f . ^"""P' '''■*-'''^ ^'-'""^^ à foccorfo 

ia,copatto,chealloronoidbirefrtrn nn^ '^ f?5'^'°^°'^<^diPortog^^ 

pateo,ac<or„aro„cadT,ab„arial"fl^£raXno,AraÌ^°'^ 
<cmp,ad,c,roJaq„cnomon.cfo "opottoa ^»n^^^^^^ 

dlc.&'tmolioborcofo&arpro.euuinioSmST ^'\*™^P"'«''fllain'ondrrc, 







cuca 



sfTT". 



11 f 

i; 

n t 




Alberi fimi 
Ha piai. 



:é 



S E CO NDA PARTE 

cfrca a vinticinquc miglw.trouanli ctiadio nel detto monte molti fantrSirnioItt altari fatti al mo^ O' 
do di Maitmcitani.tr iiouali liniilmente alcuni edifici) de gli antichi Africnni. fotto il monte e vn 
bellirsimo Iago grandc,comc e quello di Bolfena,in terra di Roma . hauui grandifìTima quantità 
di pcfcc,li come L-^no anguille,lafchc,Iucci,8d altri pcfcijch'io nò ho veduto in Italia,tutti in fom^ 
ma perfeitionc di bonta,iTia non e alcuno,che pefchi in qucfto lago.quado Maumetto Re difes 
andò a Duccalu,icrmofiì con l'cflercito,otto giorin appreffo il detto lago , & fece pcfcar ad alcU' 
ni,iquali,li come io viddi^cucirono il collo 8C le maniche a certe camicie, &: legado certe b jcchet> 
te dalla parte di (opra giù le calarono nel lago. &C in quciia guifa pigliarono gran quantità di pc^ 
fce.penfate quel che fecero quelli che haueuano le reti,&f quanta qualità ne prefcro.perchc il pc-- 
fcc era come llordito dC imbriaco p la cagione ch'io dirò, fece il detto Re entrar nel lago forfè vn 
buon miglio dentro li caualli dcll'cflercitcche furon da.14.mila de gli Arabi venuti in fuo fauor 
Se d'alcuni fuoi vafalli,&: gli Arabi mcnoiono fcco molti camellijquali furono tre volte tanti, co^ 
me li caualli,6^ li camelli dclli carriaggi della corte del Re dC di fuo fratello, che furò.? 000.& infi- 
riti alirijch'eran fu detto cHercitOjà: per caufa di tanti animali ch'introrono in detto lago, lo tur^ 
borono di forte, che non fi poteua haucr acqua pr r bcrc,& il pefce era come ftordito, dC fi laflaua 
pigliarc.tornàdo al lago,dico,che nelle fue fponde fono moltifsimi alberi , iquali hanno le fòglie, 
che fomigliano a quelle d'i pignari,&: tra i rami femprc e grandilFima quantità di nidi di tortore, 
li come a quc di,ch'cra il mcfc di maggio, di maniera , chcii dauano fci tortorini per vn viliffimo 
prcz20.ii Re poi clic ripofo quiui otto giorni,volle andare al Monte vcrdc,& coli v'andammo J 
molti con ciTo Iuiàìoc lac crdoti,8if cortigiani del dctto.cgli ad ogni altare che trouaua,faccua fer^ 
mar tutti'A' poUoù con li ginocchi a terra piangendo humilmentc diceua. Iddio mio tu fai che la 
mia intcntionc d'effer venuto a queiio faluatico paefc,altra non è, che d'aiutare 5i. liberare il po^ 
polo di Duccala.dallc mani de gli empi 8C ribelli Arabi,&: inliemc da i noitri fieri nimici Chriftia 
ni.ma fé tu vedi il contrario,riuolgi il flagello nella mia perfona.pcrchc queitc goti, che mi fcguo 
ao,non meritano efler puniti.Hora noi rimanemmo tutto quel ài nel monte,S: la fera tornàmo 
a i noltri alloggiamcti.la mattina feguenteil Re volIe,chc fi faccflc vna caccia nel boicliOjncl cir^ 
cuito del detto Iago,laqual fu fatta con cani 6C con falconi,dcquaIi il Re femprc tcncua molti; co^ 
pia.la preda fu certe oclic faluatichc, anitre , QC altra forte d'vccelli d'acqua, 6c' tortorellc . il di ap.- 
prcflo fcccd VII altra caccia, con cani leurieii,falconi,&: aquile, & furon prefi lepri , ccrui, porchi, 
fpini,caprioli,,lupi,coiurnici,6c:di liarnc vna infinita quantità, pcrciochc in qucflo monte non 
ci aitata fatta caccia alcuna,pcr lo fpatio di cento anni.doppo quelic caccie prcfo il Re alquanto 
di ripofo, fi pani. Al' andò con l'elTercito vcrfo Elmadina di Duccala, dando licentia a i facerdoti: 
Se dottorijchc feco crario,di tornare a Fe2:vna brigata di alquanti mandò a Marocco per orato-' 
ri,tra quai vi fu anchor io,ranno.9ii.diLhcgira. 

Hajcoru regione* 
Hafcora e certa regione,laquale incomincia da ì colli che fono ne confini di D uccala , di vcrfo 
tramontana, &: termina dal lato di ponente nel fiume di Teniìfit fotto il monte di Adimmei. co- J 
fina dalla parte di pcmentc in Quadelhabid fiume d'i Serui.che diuidc tra loro Hafcora, &: Tede 
!a,8c Duccala con i fuoi colli,partc Hafcora dall'oceano. quefta gente è molto più ciuilc, che q.: vi 
la di Duccala, peicicche in quel paefe e grande abbondaza d'olio,&: di cuoi Marocchini , de qua 
li gli habitatori lòno quali tutti conciatori,^ hanno grandilTima copia di capre, di tutte le pelli 
d'i conuicini monti, quiui li conciano.percioche v'ègrandiiTima quantità di capre, onde fi fanno 
bellinimi panni di lana allVfanra loro,8i:bellifsimc7elIe da caualli.&:i mercatanti di Fez, fanno 
gran faccende in quel pacfc , dando a baratto tele per detti cuoi dC felle . la moneta loro e quella 
chefifpendein Duccala.gli Arabi lògliono comperare in Hafcora olio &: altre cofc, Horavi 
narrerò di citta in citta. 

Elmadifìit città di ^fcora. 
Elmadina e vn'altra'città nella colta di Atlante edificata dal popolo di Hafcora,^: fa arca àduc 
milafuochi.c lontana da Marocco vcrfo Icuantc,preiro a nouàta niiglia,& da Elmadina di Due 
cala circa.60. m iglia.quelta citta e molto habitata da artigiani cÒciatori di cuoi QC fcllai di altri ar^ 
tefici . fonui molti giudei , parte mercatanti, &: parte pure artigiani . e la detta citta fra vn bofco di 
oliuc,di vigne, 5(:ljclli(Timipergolati,&: noci altiirime. fono gli habitatori huominifeguitatori 
éi parte, tcnj' MIO quali contiiioue nimiciuc tra loro dentro la citta, dC di fuori con vna citta loro 
vicina aquaitromiglia.&nclfuno può ficuramentc andarealla campagna, per veder lefuepof 
fcfsioni,eccctto gli iciiiaui d<. le femine . &^ fé vn mercatante forcfticre vuole andar dVna citta al' 
l'altra, gli tadibilbgno d'cilcr molto bene accompagnato vilpcrche a quclio effetto fuoi tenere 

ciafcuno 



A onfcur 

chcfoi 

giudic 

dono I 

piano, 

rocco f 

leftrier 

zi, fece 

il popò 

re della 

di,chev 

do galli 

non mi 

animale 

co.Lcf 

fcgreian 

Alcn 

B Ic,ciivui 

gciitilhi 

nannidt 

te di Per 

namorai 

delle no2 

bato,ma 

tòalRe: 

tobaleftr 

promette 

ce mila di 

che egli h 

tciia al gc 

catantc.ilt 

ch'il pope 

no riceue» 

dotto in n; 

dettela al r 

ch'il capo I 

• grauida.c 

«lcapo,lio 

to.il mcrca 

dcndo al K 

chcgoucn 

io Coltanti 

Tagoda 

ti- fra 1 detti 

te di frutti. ì 

bcllilfimip( 

nella lingua 

chetengoni 

«10 giallo &: 

fontane grai 

Ita delle riuc 

donne fono 

dono molto 

sogforno.ii 



ari fatti al mo' D 
)iIinontccvn 
fìma quantità 
ajtutti in fom^ 
cttoRcdiFes 
pcfcaradalcU' 
certe bucchct" 
juantita di pe^ 
D.pcrclieilpc-' 
I lajTo forfè vn 
itiinfuofauor 
volte tantiaCO-* 
j.fooo.&infv 
olago, lotur- 
tOj&ffìlaflaua 
inno le fòglie, 
lidi di tortore, 
Tvnviliffimo 
(i v'andammo B 
iua,faccuaferx 
lio tu fai che la 
liberare il po^ 
limici Chnftia 
, che mi fcguo 
, fcratornàmo 
(oicIiOjnclcir- 
ciia molti; co^ 
)!cllc.ildiap^ 
ccrui, porchi, 
o monte non 
Re alquanto 
a a ifacerdoti: 
eco per orato»; 



cala, di verfo 
^dimmci. cò^ J 
cora, 5C Tede 
iuile,chcq.:J 
:chini,dequa 
^ tutte le pelli 
onde fi fanno 
di Fez, fanno 
a loro e quella 
ofc» Horavi 



t^ fa arca a due 
ladina di Due 
Hai & altri ar.» 
ra vn bofco ài 
Inifeguitatori 
vna citta loro 
:der lefuepof 
dVna citta al' 
:o fuol tenere 
ciafcuno 



, . r . , , . 15 E L LA F R I e A 

H oarcunovnarcliihueicrc,ohaIrffi-!Wr'/-o.r.f I ir, ^3 

gmdia&-inoraiJcg.lKllcdcforcl]icXoS^-.u^?'"''''''^^^'^ ^'' ^)^'-" '' "^-^^^i 

dononcllacommunevt>laa\p:,^ando . aIpT;^^^^^^^ 
p.anononfochctnhuto,muguadagnoda..A£d/"^ 

roccofu.,nque(bcitta,&allogg,aimc (adVnG ann^^^^^^^ 

leftncr. enea a diciotto,anni,l5Jalc a n a.^a . ,Som ° ^ " ''''^'''^'"^ <^^to quu.i pe.- h, 
^ =..fcce molto amoreuoimcntc le ipefe,pcr mlinoillam^u; '?"'"''' ''"'" ^'''-' ' ^^'^'^- 
.Ipopolo voIelfechVo allogg.air/nclcomn, nea he odeio d^^^^ '!,torrog:orno, &: comiche 
re della mia patria,non foficnnc, che li ru,araninó mi. ^^'^'^i-'' ^^M nondimeno per efìe^ 
di,chevid.morammo,.lcommunenc àccan i^^^^^^ 
dogaIIine.&:iovedendogranco;;ad^^^^^^^^^^^ 

non m, apprelnnalfero alcu.u' di queRi cap e I , ,11^^"^ '' '' T '"^^"'"^ ' f''^'-^'^"^^ 
ammalcchcfofle m quel pacfcc^ che mu to(h. > *^ ' ^''^ 'T''^"^^ '^^ tenuto il più vile 

co J.C fommc d. quel'ia ci^a fono MliW è b^^^^^^^^^^ 
fegrctamcntcconforcrhcit ' ''"''''^^'^^ ''^'^^»"'-'»'.qu^ndolcpoflono,vfano 

gcntilhuomin..f,c.rcaamilIchi.chUhnrc^^^^^^^^^^ 

ranridetta.a^neltempomio.iIJicdifczaS if r"""?"^'^ 

led. ^eral che fu in quelb modo.v era vn meTc^^^^^-^r V^^^^ 

namorato dVna bella g'ouanetta^quella "li n?o e i?,T''" ' T^\ ' '''' ''^"^'^ ^""^"^o ini 

ddIenozze,lagiouenegI.vénelèSatadSda^ 

bato ma ^ngendo altro tcife licentia dal detto capol^'ndT'' '"' ''''¥P"^<^ ^R'' nrr. 

loalRcalcimc narca^ belle cofcdiquclDacfI?MnV,^i'''''"'''''''''°'""'"ì^ 

cobale(frieri,trecentocaualliA'quit nt^^^^ 

promettendo fra pochi di,prènder la SdtH &^ fo '^^ ""'".^'^"'^ ^' ''■"^' ^ ^ ^uc fpcfe 

cem,laducat.;dcl£rendité^didettopaSe Con^^^^^^ 

che egli haueffe fpcfa d'altra gcnie,che d ' baSw A vJ "^of^/ andò liberalità , non volle 

K.,aalgouernatordiTedIc?afaram.^^^^^^^^^^^^^ 

«tante,,lquaIeeirendo alfa, bene in punto^S^^^^^^ 

eh .1 popolo fece mtendere al capo,chStion vo£^. - a ' "'■''' ''""' ^''^''^^^ ^<^' ^^ornL 

nonceuerdanno.ondecghmLbitodln, Xt-^S^^^^^ 

dotto mnanzi al mercatante,,lqualc lo fece me crWn c^t Jn ' "■,'"' ^" ^^"«^«^'"to &: con. 

dettela al mercatante in nome del Re.i ,^'rcn t de Ih fan^^^^^^^ '"'5 '',''°P?''^ 'P''^' '^ ^'"-i^ ^ 

eh il capo hauea loro fatto forra,.\ eh era vera.n?rr """^.^'"^t'-» ^^ lui i. fcufìiono, con d re, 

.® grauida.ondeattefeilmercatante d -dhnarr^^^^^^ 
.lcapo.l.comefornicatore,fudagi\S.K^^^ 

toalmercatanterimafealgouernodiqudbSrfinl^^^^^^^^^ 

dcndoalRe,qudlocheprì.me(roglihauc X-^^^^^^^^^ '-» P^^c atten. 

clic gouernaua. allhora io era in Fez S^iTm^\vV.nT r '"''^''^^ "'^ "°"°'^^' '' mercatante 
foColtantinopoli, '^ '"'^"''''""^"^^^^^""omiparti da calli per andar ver 

jcJrutti.c\'iohovedutolechr,fomelegrScoSS^^^^^^^^^^^ 

bc .mmi pergolati, appoggiandole fu leStc de ' h . "°/' '°'' '''^"'^ ^''"'^ '^"^ ^^ 

>icIlalingualorovouadigaka,fi^ndvXcheS^^^^^^^ 

che tengonoMui e grande abbondanza d-ohò S dm, ? r™""''" '''*'° P'^r 1^ 

jrogiallo6.chiaro^comeoro.co(SccS^^^ 

fonianegrandi&fmoltocorrenticonhcmTmi^ ^^ 

<taddler.ue.vifonoetiandioS: iSS 

donne fono bellifUmc^ portano mo ;Vb h ornat en^i^^^"^ '' ^'^f'"' ^ ^"''^' ^'"'J*-' • 'e 

^^l:^^'^--''S-o'-Rortandoloallc:SSS:!:l:^g:-^^- 



AIciTitlinS: 
Einiaiiiiia 
vcn-.-i(.i[)o 

cfi I cz col 
mczo .f VII 
nic-rcniecó 
iiot.ibilec- 
xcmplo. 



Clirifi)me- 
me naiaii- 

7.1. 

Vile grof- 
(Ifsin;/.-. 

^li-ìcbian' 
co. 



ì 



i' 



i -hi 






vi fono bel 
lilfimi 



-i 



SECONDA PARTE 

linTimi campi da fcminar grano: pagano i pacfani vn certo cèfo a gli Arabi per li loro poderi.UcI- 
la città kmo dC faccrdoti,& giudici, Se' ve gran quantità d'Imomini nobili, nel tempo ch'io vi fui, 
craui iignorc vn certo gentirhuomo,iIquaIccra vccciiio &:cieco,&:cra obbedito molto, r"li ( lì 
come intcfi)ncllafuagiouanczzafuhuomo valente &: di gran cuore, &: tra molti altri haucua 
vccifo di fua mano quattro capi di partc,iquali oftendcuano tutto il popolo.doppo la morte d'i- 
quali vfó tanta clcmcza al popolo,&: fcppecoli ben fare,chefcdatelc parti,lo riduiìc a vnione dC 
fumma concoi dia,faccendo feguir tra l'vno 8C l'altro non pure amicitic,ma parentadi. òC circa al 
reggere tutto il popolo era in liberta.ma niente poteua determinare fenza configlio 6C autorità 
del dctto.io alloggiai nelle cafc di quclìo vecchio con ottanta caualli, ilquale vfó verfo di noi gra 
magnificenza 8C liberahtà,facccdo dicontinouo cacciare, accio fcmprchaueirimo nuouicibi dC 
frelchi.raccontommi i pericoli ch'egli haueua foftenuti in pacificar la città, niun fuo fcgrcto afcò 
dendomi,non altrimcnti.che fc io fuo fratello fofTì fìato.nella partita io voleua rifarlo del danno, 
ch'egli hauca riccuuto in honorarci:ma eflb noi confenti , dicendo ch'egli era amico 8C buon fer 
uitorc del Re di Fez:ma che tuttauia non ci haueua honorato per elTcr noi famigliari del Re,ma 
perche i f uoi antichi gh haueuano lafciato per heredita di coflume d'alloggiare 8C honorar tutti 
i fuoi conofccnti,o forcltieri che pallaiTero per quel paefe, prima per l'anìor di Dio , dipoi per la 
fua naturale nobiltà.foggiungcdo,chc Iddio che prouede per tutti,gli hauea fatto quell'anno rac 
coglier fette mila moggia di formcnto dC d'orzo:talmète ch'era minor copia afHii d'huomini.chc 
di vettouaglia:&: ch'egli hauca più di cento mila fra pecore &: capre, de quali folo trahea vtile af. 
fai delle Ianc,percioche il latte e'I cacio fé lo godeuano i paibri : ma che ben elfi gli dauano certa 
quantità di butiro.dille che tai cofe non li vcdcuano in quel paefe, perche tutti haueuano copia 
di befìiamimache le pclli,le lane,&: l'oliOjle faceuano vender fette ouer otto giornate lontano da 
!oro.&: s'egli auueni(Te,chc il Re noftro tornando da Cuccala , tenelTe il cammino vicino a quel 
jnonte.ello gli vfcirebbe incotra OC cffòrrebbcglili per amico &: ieruitorc . hora noi infine da lui 
toglicJfimo combiatOjlodando quel buon vecchio per tutto il noftro viaggio» 

Elgitimuha » 
Elgiumuha e vna dttà vicina alla detta, circa a cinque miglia,edificata a nofiri dijfopra vn'alto 
monte polto fra altri monti altifsimi.fa circa a cinquecento fuochi & altretanti le ville , che fono 
fra i detti monti.quiui fono molti fonti, &: molti giardini abbondeuoli d'ogni forte di frutti , fpe- 
cialmente v'c vn gran numero di noci grandillìme dC altifrime:&: per tutti li colli,che ha intorno 
a detti monti, fono molti campi per orzo,a: euui gran quantità d'oliue . la ci:tà e molto habitata 
da artigiani.mafrim amente di conciatori di cuoi,fellai,&: fabbri, {jciochc v'c vna vena aliai profo 
da di fcrro:^^ quelJi fabbri fanno gran copia di ferri da cauallo . OC tutti i loro lauori d' -aerei reca 
no nr pacn,douc non (i truouano,dandole a baratto per ifchiaui,&: per guado.Scf per cuoi di cer 
ti animaL,chc habitano nel difcrto,diquali ne fanno targhe buone & fortilFime . Icquai cofe poi 
eOi conducono a Fez , SC l'abbarattano per pani Se: tele , dC per altre cofe che fono da loro vfate, 
la d. Ita citta e molto JifcoUo dalla via maefira:di maniera,che fé vi viene vn forclhcrc,fino è fan^ 
ciulli corrono per vederlo, mammamcnte,fc il forelìiere haura indolTo alcunhabito,che in quel 
paefe tion fi vji.il popolo li gouerna pel configlio della fopradetta città.fu Elgiumuha fabricata 
dalla plebe di Tegodait;percioche cflcndo fra gentil'huomini nata difcordia , il popolo non vo. 
lendo accodarli a niuna parte,! i parti dalla città, &: edificaron Elgiumuha , &: lafciarono Tego- 
daft a gentilhuomini.onde al di d'hoggi l'vna e folamcnte ripiena di gentil'huomini, 8C l'altra di 
perfone ignobili, 

7?:^o città in sfiora ♦ 
Bzo e vna certa citta antica edificata fopra vn monte aitiamo , 6c' difcof^a dalla detta circa a 
venti miglia verfo ponente.fotto quella citta palla il fiume d'i Serui , ilquale va a lungo circa tre 
miglia.gli habitatori fono tutti mercatanti & huomini da bene , &: veliono molto gentilmente, 
fanno portare olio,cuoi,6^ panni a i paeli del difcrto.i! mote loro e molto fertile d'olio, di grano, 
OC d ogni forte di frutti gennli:&: fogliono coftoro feccare vna forte d'uua, ch'c d'vn colore 5: fv 
por mirabile.hanno grandifsima quantità di fichi,i cui piedi fono alti 8C grofsi.gli alberi delle no 
ci fono d eltrema grandczza:di modo che i nibbi ficuramcntc vi fanno fopra i loro nidi: perciò 
che non e huomo,a cui bAH l'animo di falire a quella altezza.la difccfa ch'c dal monte verfo il fiu 
me e tutta piantata &: adornata di bcllifsimi giardini,iquali li eilèdono per inlino alle riuc del dct 
to humcquiui IO fui vna «atc a tempo che v'erano molti frutti,cioc chrifomeli^ fichi, & alloga 
giai in cafa del facerdote di detta tcrra,apprcflb vn bel tcmpio,a cato ilqualcpalTa vn humicello. 
qual cfcc per la piazza della terra. 



e! 



Fi 

ì 






Ttmeues 



Te 

guarc 

lentifl 

fa fiati 

nenaf 

tutte le 

lercg^ 

delene 

a mille 

perfoni 

mo.ilqi 

guale,f 

cglis'all 

Ihora ci 

clicndo 

tochea 

oratore, 

B da Ile, pei 

era lecite 

lungo ii 

nipote a 

vnpaiot 

di /proni 

ti doro fi 

quale lì ti 

in camini 

lode del d 

andar allj 

ccchiama 

mio zio, i 

mento, &: 

£adinott( 

poi ch'io r 

gli detti la ( 

rauadipai 

allcgrczz: 

C &!iononn 

quali erano 

mo,&: più ! 

fouienc.al 

ciolo prefe/ 

fuo animo,' 

tca:difcep( 

cicche quali 

qucib dette 

te dimandai 

fcdicianni.lt 

rc,midiclict 

toducati.ch' 

dicinquantj 

cati,d' ni'inij 

zona, non in 

Tomhuttoc 

ffgnalTelavi 

Jtir vna corre 



1 



ropoderi.ncl- D 
pò ch'io vi fui, 
molto, rj;Ii ( li 
ti altri haucua 
ola morte d'i' 
Te. a vnionc 8C 
adi. &: circa al 
io 6C autorità 
:rfo di noi gr<1 
)nuouicibi(3(r 
o fc^rcto afcò 
ilo del danno, 
:o 8C buon fer 
ari del Re, ma 
honorar tutti 
', dipoi perla 
lucii'annorac 
'liuominijclic 
rahcaviileaC- £ ; 
dauano certa i 
jeuano copia | 
te lontano da l 
vicino a quel 
liintìncdalui ! 



fopra vn'alto 
Ile, che fono 
di frutti, fpe^ 
le ha intorno 
olto habitata 
la affai profó 
5^ ncrcireca 
crcuoidicer 
quaicofepoi 
ia loro vfatc, 
re, fino è fan- 
),chc in quel ^ 
iha fabricata 
olo non vo^ 
'ono TcgO" 
i, agl'altra di 



detta circa a 
ngo circa tre 
gentilmente, 
o, di grano, 
colore &: fv 
beri delle no 
nidi; perciò 
te ver io il fiu 
e riue del dct 
:hi,&allog' 
titìumiccllo, 

Tirmems 



I 



lem.aimi con farmi in n.ano.coO ^ nic cnn^^^V ^^P . ^''•'^«'''^^''"^fO'-'^ono Inioimn li 
Iaftatura.neldettomontenaCL^^^^^^^ 

ncnufcpgrano:dimaniera,chcror-oeillomn?3 ''^''^'^'''•"''^ 
cutteIeibgionideiranno.frailpopcJotnTn?^^ P^'^ q"c(b nLTlTnZZ 

. «"Wcomel.g„ore.colhunLotdeSrS^^^ 

dele nelle guerre che fono tra loro c\' ,1 ponolo rt f?? '''ì' ^°"° "'^^'' ^^"«"c £^ larghe et S 
am^lecaua li,a;igent.lhuomiui^c Slnn^^ 

pcrfonefrabalefirieria^a.chibug,eri.neSnó^^^^^^^ 

nio,,IqualeoltramodopKKeuaeìterprefe t7o^ 11^"''^"'-'^"'^^^^^^ 

gualcperciochedonaua tutto .1 fuo.d^le taXdl £^ '" Tf' '"'^''^ "°" ''^"cua t 

cgl.sallegrauatutto,quandogliven,uae/S^^^^ 

lhorache"lniio2Ìofamandatod)IRcd.T.° f ^^'''"'"^^^^ ml^ì 

cifeiu^onoigicmtiallarcgion'dTD^^^^^^^^^^^^^ 

to che alf orecchie di coltili per uenne la f maS n T ^'-"*'''^' ''''"^ ^ ^«^'"o miglia fS 

oratore,£.'elcgantepoeta,c^lMì.aoH^^^^^^^^ 

B daRc,perche et dehderaua d.VederlX conoS^^^ 

era lecito a vno oratore del Re d\.ndarr . vS >i ^ ""' '' '""' ="^ ^^» rifponderc che nnn 

I-'goifertt,g.delRe:nuchenod?nS^^^^^^ 

nipote a bacagli la mano, cofi elfo megi m^andoaC' f 7^""' ^'"^^^ ' "^anda^ebbe vn fuo 

vn paio d. 1 afte addome &: lauo.ate alL mòrefcX™ i'^'""''"'^'' P''^'""> 'q^^li furono 

di pron.belhn,mi6^nioItobcnIauora iXaKn? ^^^ 

t. d oro hiato. fun paonazzo, d^ Sa4, ' V ^l""^'^''^" P^'o d. cordoni di fedaFauora 

quale li trattaua la t:ita de fìn;i A ncam i^^'^n^ ,^„7 'f/^ --^/° bello, cV legato d. nuouo nel 

|ncaminoconduecaualli,5^quattroSpef^^^^^^ 

lode de detto, come arriuai alla citta , trofia 1 1^3^?' "^ Vm '' ""''^ ^'^"='^"''» '^ompoh pure m 

andar alla caccia con belliffimo appa JS o i ófc ' ''' T '"'^^'' ^^^«° del fuo plaz-o per 

cech.amarallui,&poich7orhebbS«^5 1 '^^^^ 

mioz.o,&'iorirporroglichW| ftaua "^^^^^^ bi>ciatogI.lamano,mi dimandò come bua 5 

nì^to,5.d,lìecf.om!ripoiàliSS 

zad notte,mandòadirmich7oandaffiali"on^LÌiL ?'?^ 

poi eh 10 1 hebh, lodato aliai, i^l, apprefén n.^df^i w^ '''' ^''""^ -'' b'^^'^' da capo la mano &: 

8l.dettilacanzonadelmio4.cl^^S^^^^^^^^^^^ 

raua di parte in parte le cofe in qudla conteS df ^'''^ ^^crctario, &: mentre colui -I,' d,c a 

allegrezza.fornito che fu d. JgerSSn^H ^^ 
C &:.ononmoltod.fcoaoda luUe vTufndetn'"^^^^^^^^ pofeafeder pe7man^^^^^^^^^^^ 

quali erano ingroppate in cert nSd ^^1? '''"' "^^ 'f'''' ^ ^ agnelli arrofte S effe l": 
r '.^ pm groff .tiui dipo, rLato i£ S ' feP^;7/^"° ^ "^°do d. lafagne, ma p u f r. 

ouiene.alhndellacenaioleuaimpietód inondi"" 
ciolo prefentc,!, come quello che poue rodo ór. ? ÌS 1"'° ^"^ ^^ "^^"^ato a v.ccc. vn pie. 

ruo.mn.oA'percheeg^I,habbiaqS:pt^^^^^^^^ 

tca^ diiccpolo per non mi trouar altra faculra mnVrT "'^'^ memoria.ma io fuo nipo^ 

oochequaleionu/ono,defideroaS odXnù^^^^^^^^^^^ 
quclbdettoincominciaialeggerlamiacan^na SJT.M^^^^ di voftra alterza.S^ 

jedunandaualecofechenoneranoSrdalS^ f P'"^'^^'°'^'^SS^ 
fed.c,annUcttachVohebbiiacanzonaeS^^^^ 

rc,m.d,cl,centta.lamattmamVnintóper eninn?H r r^^^ 

to ducati,ch'io portaff, al mio :rio K fchiaK f ?'' '^^'^ ^^""""^ «' mang,are,mi die cen 
d. cinquanta ducati & vn caual/o & per dafa^' ' 5 ° ^''^f''' "'^^ ^'^SS'° ' ^ "^^ fece préleme 
cati,£c m'impofe ch'io doueffi d?e a e^fo ^ o "?o / ^"^''^^^ ^?"° '" mu compagnia^ di e X 

2ona,nonincontracambiodiprefa CSrda^^^^^^^ 

romhu tto di mof irargliene buona gaS-^^^^^^^^ '^^' ^' ^"^'^^ ^'» «torno (uo di 

ifirnaffelavia.A'fnr.n. .i, ... *>".'"'^'"-'<^o»' comando a vno d'.7]To.T^,>..-f,„- -.....' 

t,rx,r,^^ '"'■ '■'*^'"""'"''"0)nnUcttc licenza di f,n.-f.vi • '^ft'«""AÌienim. 

dilcorfo 



!Ìfj 





WJ 




£lamt ani 
anale. 



SECONDA PARTE 

difcorfo fio voluro far per dimo(>rarui,ch'ancho ncll'Afi ica vi fono gcnuTIiuomini, arcortcfi fi 
gaorijli come il (ignor di quello monte. 

^ Tenfitamonte, 

Tenfitacvn montc,cioc vna parte di Atlantc.clic incomincia da confini del fopratVtto mon 
tedi verio occidente, 5: (i Itcndc lino al monte di Ocdcsdallatodilcuante,»: vcrfomczzogior 
no conhna col difcrto di Darà, quello monte e molto popolofo,(Sx: vi iono cinquanta caQ -'li tut 
ti murati di creta OC di pietre crudcS^ per cagione elici monte depcde vcrfo mczzofriorno, po- 
che volte vi pione. » detti caftclli fono tutti fabricati fu liìume di Darà, ma difcofti dal fiume chi 
quattro A' chi tre miglia.quiui lignoreggia vn gran lignorc,ilquaIe fa orca a mille Sl' cinquecc- 
to caualli,ct pedoni quali quanti il lignor di fopra.detto.&f Innno inficme tiretto parcntadoima 
iono mortalifiimi nimici,&: di continouo l'vno fa guerra all'altro.nella maggior parte di quefto 
monte nafcono molti dattcn'A' gli habitator- fono buorarori de campi à mercatanti. nafceui 
anchora in molta abbondanza orzo, ma ve gran carelfia di formentone' di carne, percioche ci 
ion pochi bcftiami. vero e dici detto fignorc caua dVtilita dal detto monte ventimila ducati d'o 
rama i ducati di quel pacfc pefano due terzi di più d'i ducati Italiani.chc fono dodici caratti . an- 
chcra il detto lignorc e molto amico del RcdiFez,&: fcmprc gli manda di gran prcfenti. il Re 
dall altra parte di continouo lo ricambia con molte gentilezrccome fono caualli con bclliirimi 
tornimcnti,panni di fcarlatto.drappi di fcta^ qualclicbelpadiglionc, di mio ricordo qutfìo fu 
gnore mando al Re vn fupcrbo prefentc,che fu cinquaniafthiaui ncgriA' altrctantc icliiauc fé. 
iiiine,dieci cunijchi,&: dodici camelli da caualcarc, vna giraffa,dieci ((ruzzi, fedici oaui di quelli 
chefannoiIgiubetto,vnalibbradimufchiofino,vnadigiubctto, & viValtradi ambracane & 
appreso feiccnto cuoi d vn anima!e,ch'e detto Elair, t.con liquali fi h di tmifrimc tarirhc ^V o'tiu 
pezzo di detto cuoio vale in fez otto ducati.gli fchiaui s'apprezzano v,.nti Ihidi IVno OC le fc 

mine cju.. : .CI. ciafcuno cunucho è di valor di ducali quaranta,i camelli nel paciè dd dctt'o fidino 
re vagliono cinquanta ducati per ciafcuno,i gatti dugcnto,il mufchio.il giubctro, &' lanibraca- 
ne vagliono I vn (opra l'altro feflanta ducati la libbra Ji contencuano in qudio prefcnte altre co 
lc,lequali io non pongo nd numfro,comcdattoli,zuccharini , &' certo pepe di Ltiiiopia . io mi 
irouai prefcnte quando fu portato quetto notabii dono al Re di Fcr.rapprcfcntatore fu vn huo 
ino negro.grolfo S: picciolo &■ di lingua 5C coltumi veramente barbaro, 6v portò vna lettera al 
K c,laqual fu alTai rozramcntcfcritta : ma peggio fu rambafciata^ch'cgli fccea bocca,m tato die 
*J u n "" ' '^"^"''"' ;'""■ "O" poterono tener le rifa : ma fi copriuano,o con mano,o col lembo 
ddla vefte.tuttauia il Re i giorni che il detto rimafe apprcflo 1iti,Io fece lionorarc aliai nobilmen 
te,a logg.andolo in cafa del predicatore del tempio maggiore,5<: faccendoh le (pcfc con quattor 
dici bocche, tra fuoi fer nitori QC compagni , tìn che fu cipcdito. 

C-ojridernc monte, 
Gogideme e vnmonte,chc confina corfopradetto.mafolamcntehabitato dalla parte eh- ri. 
fponde verfotramoiitana;pcrciocheqiidla che riguarda verfo mez2ogiorno,c tutu dishabita; 
ta.Iacagionefu,cliencl tempo cheAbrahamRcdiJVlaroccohcbhequdlamemorabilrottadal 
dUccpolo di l Imahdi,^- fuggiua verfo qudto montagli habitatorigli hcbbcro compaffione et 
volcuano aiutarlo:ma la fortuna fu contraria.onde il dilòepolo di Elniahd.- riuolfe lo fdegno co- 
tra quelto popolo,abbruciando le lor cafe 5C villaggi^ parte vccidaido , &C parte fcua:iando 
da detto monte.qudla parte dunque che e habitata,c tenuta da vililfimi huoniini , iquali vanno 
tutti mal vdtiti ec fanno mercantia d'olio,ddlaqual viuono. quiui non nafcc altro che oliuc &: 
orzo:hanno alfai capre &: m uli,iquali fono molto piccioli, perdochc i lor cauallifono di piccia 
lillima Itatura.la qualità ddmonte,difende loro la hbcrta» 

Tefeuon, 
Tcfcuon fono due monti.lVno accanto laltro.&T cominciano da confini de! detto dalla parte 
di loncntc,&:finifconond monte d»Togodafì.fonoquefh monti dava popolo molto pouc 
ro hab.taii,perciochealtronon vinafcc,chcorzo8^miglio.haoriginedaeinmonti vn fiume, 
ilqualc corre per v na bdlifllrna pianura . ma gli habitatori non hanno a fare nel piano , perche 
clloepoliedutodaccrti Arabi.horactcmpodidircdellarcgioncdi Tcdlc. 
, Tedlc rc<^iorìe. 

Tediecvnaregiotìenonmoltograndclaqualeincominciadalfìumc d'iSeruJ dalla partcdl 
Poncntcac hmfce nel fiume di Ommirabih,doc dal capo dd detto fiume.dal lato di mezzogior 
no, termina ne monti di Atlante^: di verfo tramontana,ha fine doue entra il detto fiume de Srr 
UinexhumeuiOmmtrubin.qucitaicgioiieha quali form»d4 triangolo, pcrciodic ideiti fiumi 

nafcono 



Fi 



to vene in 

fi Icuò all'j 

re la metal 

ditichore 

te,cl)c voI( 

incominci; 

non era ale 

chela port; 

20 ddla pia 

leuano fugi 

pcrioiu,o ( 

còtincntela 

«ece fntcad» 



mini, 5«: cor tcfi fin 



foprac'otto man 
erio niczzogior 
uantacafi'li, tilt 
zzogiornOjpo^ 
jHiduI tìumcchi 
ille&.'cinquccc^ 
oparciitado;ma 
■ parte di qucfto 
rcatanti.nafceui 
nCjpcrciocheci 
limila ducati d'o 
Dd)dcaratti.an> 
1 prdcnti.il Re 
li con bcllilfimi 
cordo qutlioli^ 
tanto iciiiaucfe- B 
icigauidt quelli 
ambracane, & 
stargli e A' ogni 
idilVno,&:icfc 
cdi-I detto Tigno 
0, Se' l'ani braca- 
prcfentc altre co 
bt Inopia. io mi 
atorctu vnliuo 
tó vna lettera al 
jcca,in tato che 
no,o col lembo 
aliai nobilmen 
de con quattor 



Ila parte, che ri^ 
:utia dishabita; 
lorabil rotta dal 
:ompa(rionc,ct 
fc lo fdegno co- 
rte fcucciando 
, iquali vanno 
o che oliue &C 
fono di piccio- 



:tto dalla parte 
) molto poue- 
snti vn tìurne, 
piano 5 perche 



i dalla parte d< 
dimczzogior 
ohume deScr 
he i detti hiimi 
nafcono 



. ' ^'' ■:• ""Kf"to caie di giudei, tutti mercafinr, A T"'"^''' "'"^^^•"ta da gentil 

nodarcabaratto,truouano\.ufaaC^^^^^^ 

J,comefonofchiau.,caualli,barnufll,giS"S^^ 

dare a contanti,do còucnrono hrc nlìr.7 ' ' ^'^"''•"'^^.^ fai cofc.ondc fc ciTì Ir v^^ ^ 

formadiducati,nequ.t,ic5rnÌ;^S 'J^™ 

dontrclequal. fono tutte piaceuoli.- . eSa S c^it^S n^ ""T "^''''" '^^" '''^"''' S^còu.hr 

nd tepo pairato,qudla città li gouernaita a n od -> ?. n " ''"'P'' ^' ^'^'^dotid^ SXiS^ 

cominciarono amazzar lun l'altro n,.n, . f «-t-publ.ca.dipoi p difcordic d^diS 

dimandarono dal Re iti ^ ""che ! C ITa^'' "'' "^'° ''P° vénWo i capi dvm Dar p . 'Sr' 

vcmrlifuo.WciniArabi,chcnchiamanoKS^^^^^ 

laducatiogn.anno,conpatfo,d,elapartedeLoS 
mH.d.re,p,,Ktoogou'em 

ra,& effigi! nrpofcro.S/gnorenoiconofcLioIan^ftnn. 

ooblighiamo di daru, in mano cromila d^So^^^^ 

ameno laccheggiar cafa veruna,ma rolameScft^^^^^^^^ 

noarcpolTc.l,on..ches'hano goduti n tre ìnn^Sr P^'^^'''^^"^ Pa"c contraria i fmtnZt 

vogl.a:ntuttclerperefatteintforo a'uo ;^^'^^^^^^ 

ti faremo hauer 'entrata dell i rn-r-i r!,"^. ^ - . '^""^"^ almeno trentamila dirr ,»• a ■ 

Cbutodunannoodue,W,^^^^^^^^^^ 

mandoadireaqudddladttà,che'iRclmiéaS^^^^^^^^ 

d'aiutargli m tutto q"cno,c hàrebbe pot J^cTn ^^^^^^^ H^Y T^^' gàil'/moi^ìin d/ f o a 

nano loro.dic nelle vortrc.n molti rifnrnRT ^ 'J"'''^°,volIeche'i regf^micto fuifc niu n ^?« 

càaIRe,n5vi(arafattotor;o'ru!^^t"^tE^^^^^^^ 

aiutodldd,o,&IafeIicitaddRe,difaru pL°S^ 
ovene.ndircord.a,pc.ocheaIcunivoSo R^^^^^^ 

leuc airarrtie fra loro medernì,i.le fpic veCo dì ciueft^^^^^^^^ 
re L meta ddla fua gente,& accollarli alla teiTa c5 itoT^.i «P«tano,.lquale fub/to fece fcaual a 

te,chc voleua il Rc.ragunatali indcnie s'accoli/rnn . ^"'^ '''' S'» huomini fuoi.pchc la Dar 

cotinentclaterrasacquet6,&:,u;DÌcanSPf:^^^^^^ 

-e «ucnaer iore,ch'cfr. (ariano P^^onir/niin^chèufe:^ -P-tano 

Via^i, ""^ P'f ^° mtcramcntc d'ogni 

** fpcfa 



•VW 




• I 




T E 

fpcfa,clicgli hauca fatto per vn mcfe a i detti caualli, laqualc afcendca alla fómnw dì dodicn Ha 
ducaccoh le mesi. c\' i parenti d7dett. pr,K.cn,,pagarono la detta fomma.ShWonò' al- 
Ihora venne la parte del Rc>V d.de eheir. voleuano elfer pagati d'i frutti delIcSoro poSonÌ 
d. tre ann.., capuano r.fpofe,ehe8!i non hauea a ùr di quclta%ofa nientc.dicendolchedouef 
erometterIeorod.tTerenzein8ludiciodidottori,5^ehegIifareb 
to poteuuno Ibr pr.g.on. per quella notte, i detti prij^oni uieomineiarono a d.r al capitano S° 

ci e 1 kc fo(Tc fodisfatto . nfpofe i eap.tano,io non v. manco della fede mia , perche bora io non 
^lnnT';''7'''"'P'''°'"°*^''^/''^«'P5'' ^°'"odicoaoro,chcvi dimaiLola rohì4loro 
fccondochc(entent.eranno.g.udici,&.dottori,colifaremo:forfedief:iràmefiliopervoi l'at 
tra matnna, fatta congregatione d'i dottori,^: dV giudici dinanzi al capita.io, pa hrono prima 
^curaton d i png.on.m quello modo , Signor. cgl.c vero,che quefti noHri Lo^reZJ Té?^ 

poireir,on, de gì. anteccnor. d', prefcnti prigioni, .1 procuratore de gii auKerfari rifpoie. Sòri 
quella cofì.che colloro d.cono . 1 ata già ce.no cinquantanni palTati,ne lì truoùa t?R i o.lo ne 
n trumento per prouarla . d.flc.l procuratore d'i prigioni, ella li pu^ ben proi«r peS v^^^^^^ 
a fam ì pubhca. r.fpoie 1 altro,que«o non li può prouar per fcma pubhca , L^ 
tempo le hanno tenuto .detti antecelTori fforfe^che le pilfederono per ragioiie:^^^^^^^^^^^ 

mdLU<ecatcz,&quellcponeir.omfuronodcllacamerareale.allhora.Icapica.ionermìlitia 
n^olkando compaU,o.ie fopra . detti prigioni,d.lle al procuratore;non incolpS^ 
l|. poueretu pr.g.o.i. .1 procurator rifpole.paionui fo;fe coftoro poi,erettir.4na^ ^p t^ n^^^^^^^^^ 
e e Ira quel., pouerett. perfona a cui non ballalTe l'animo di trouar ci.iquamanì. u S q\nn^ 
do faranno vfc.t. da quelle catene, voi vedrete bene le vi fcacc.eranno. ma voi v , e ^ emno 

f ub.to 1. fpauento,et Lcent.ata la congregationc,moltrò d. voler andar d delinare et 1 uto v2 
innanz. a lu. . detn prigioni , gli dilTc, io voglio , <hc voi fod.sfacciate i vollri auu ^ ri o^ ero 

St'^i'; i ' , ^'H^ro.cercate d. .imediarui^p.rcho no.' l.a.^^o fiati infamati di hauer . ,oì e ri 
5 ' "?? hauemo vn'ottaua parte di quello,cb-c fiat. , detto al lignor capitanTcoSe ! 
3n..|e d otto d. furono portati a gli auuerfari alla pre.; nra del capitano^enSuo m^;. ctai fra 
anclla,anM,lleA;al.riornament.didonne:percireledonnepernuli.iavoKn^^^^ 
hauer altr. danan,che quell..a: come furono pagati i detti danari . allhora il cap^^nò d (Te a i i^ 

g on.,gent.l huom.n, m.e.,u3 ho fcritto al Re di quefta cofa, & mi r,.icrcfe d'haTr" h f^^^^^^^ 
che bora .o non v. poHo lafcar hn ch'io non habbia la rifpofta fua:ma voi per S odo Tar «é 
! berat. perche hauetc fat.sfatto ogn'uno,pero fiate di buona vogl.a..l cap.S.n ouelb .?o e 
chiamato vti fuoconhgliere, gli dimandoUme potremo noi cauar de ghEd^^^^^^ 
d. queft. trad.tor. feiaza h auer colpa ne infamia di mancator di fede fra que ò popolo 'S^^^^ ^ 
fe,hngete domane d h^mer hauuto lettere dal Re,che vi comandi.che do\bi X^o ta° W.^ar Ica! ! 
Po.nianiollrated.po.dhauerpietaded'ifattiloro,&chcvoinonvi volete .n p c^^^^ ' 

' f^'S'on.. P^«^^^'R,^«^0"'7f"n^ prigioni,che furono quarX 

due,6^ghd.lìcmoflrandohauergrancòpair.one.gentirhuominimidiohohru"ol^^^^^^^^^^ 
Ke con male nuoue:nellequah dice,che fua altezzaLolto male informaDd^^^^^^ 
vo. fete r.bell. cotra la fua corona,per tal cagione m'ha comandato,ch'io v face a tìpInS?.n 

nm;.ncrdcemoltod.queflacora:percheparràaognVnoch'iovh bb am^^^^ 

ma .o fon leru.tore,e^ non poflo far di meno,ch'io non vbbid.fca a quelSe ri^è coSa^^ 

pouer.huom.n.com.ndaronoapia.ìgereA'raccomàdarleloroplfonealcap.tan^^^^^^ 
chora fingeua p.angere,&: d.ceua verfo loro.io non vi truouo altio migl.oSdTo%S an 

chormcd.copac.rcaaifatavolfri/e.ìòmadaruiaFez.forfeche'IRe%iojr^^^^^^ 
che gì. parra.hor bora .o v. fpcdirò con cento caualli.allhora elT. più piangVuano & fi raccS 
d uano a D.o,6^ al cap.t.no.in qfto venne vna terza pfona,&: d.^ffe al capuano S^iorc la m^ 
ita del Re v, mando qua ..i cambio della fua prefenza hche voi potete far queno fhc vi m?. 5 

n.cgho:.nt.Midete vn poco la pomb.lità di quWgen,,11,uomin,fe poflbno ^^^^^^ 
rmcd.arall^^ 

farlord.fp.accre,a^chcperramorvofìro,pregatclafuaahe=za,d4livogl.ap^^^^^^^^ 

- ' anchora 



Wó tenuto 
dal Capita 
rop ttaric 



ma di dodicii ./la q 
j;Ii liberarono, al- 
: loro pofrcfìTioni 
idogIi,cIicdoucf- 
onc, a: clic corto 
irai capitano. Si 
IO liberati, dapoi 
rclie bora io non 
no la robba loro: 
;Iio per v oi. l'aU 
arlarono prima i 
no renino le po( 
Lidi venti annile 
iriTpofc. Signori 
uà tcRimonio,ne 
lar, pcrclic ve la 
:bccbi /alquanto 
c;percbc ancbo 
Ili centrala ceto E 
itane per m.ilitia 
te eoli tanto qiic 
norcapitanojnò 
il.i ducati, quan^ 
cniUcin tempo, 
lei procuratore, 
e, et fattoli venir 
Liucrlari, oucro 
perle loro ino- 
hauer molte rie 
tano. cofi in ter- 
• mila ducati fra 
3 moftrar di nò 
tano dille a i pri 
erglifcrittOjpcr 
;nÌjnodo farete 
in quella notte 
mari dalle mani j 
jpolorqualdif 
3ro tagliar il ca- 
cacciar della lor 
ivna lettera per 
rono quarata- 
liuto lettere dal 
ttivortrij&clie 
tagliarli capo, 
'della mia fede: 
e comandato,! 
tano, &: egli an 
diOjgleuaran 
rà,&:fàraqlIo, 
>,8C[i racco ma 
Signore la mae 
, che vi pareli 
r alcuna cofag 
Ira fede, di nò 
perdonare, fate 
anchora 



B 



Aanchoi%i,ntenderraqu3t,Hd,ccfr.vogI,onoDalfcf..? f , .. , xé 

alRc.megI,ofariehevoiand.ate,&forfrchSSi^ P''^^^ quantità non voler fc Wuer 
rac^mandarono,hn chel capitano gli d'^e voi irt n,, ""' ''^' '^'''''^^' "'"° P'cgarono ^ ;; 

chimm,,fe mipromettete duemila due S per vnóin^^^ 

altnmcnr. ic 'i manderò a Fr- rir. i^l ^ ''° '•^""co al Rc,d: ho fncn.i-, M r i • 

recondolaru , po/.bZ^^àr'la; t' ^K^^ quantità, S^tntoS 

qu.nchc.g.orni.a:eglunchorahnfed°?c^^ pare, efìì pigl.a'l^no teiS " 

nofinfechelRcperamorfuoeraconte' d nerd^^^^^^^ 

fcnte poi al detto capitano , che valeua ci e d^ml H^.* '''? S*^""i'''"°""'" fecero vn pre- 
fi fcu a. ono, che non gli erano rimarti dana &' lo m '" ^'' cauall,,fchiau.-, & mufclno £ 
no tìn c'h ' r ?' '°^' '"^^^^ ^' ^"'^ regio ai R ' d Fe^J'";;'"° "^olto chegli hauefle fam- 
no hncheghfuamma: ^atopermanodenli A..!? i"'''^^"^''"^'^' i^^zcranehi cani» 
dideaaregione, ducati ventimila fanno lon^^ caua.IRedi fSenS 

n attancai m parte per ifcampo di detti poueri nr.mnm T/ , •'''"°^'*'"^'"^ condotta;^ „,c 
oroavn tratto, fappiate anchora che K r^ "^ '' ^ ^" 'a prima volta, ch'io vedem .« 
epoueroRe,&hacircatrecenomi^duc^^^^^^^^^^^^ 

fauorcggiatolapartccontrariadeIRe' 
quando rncoteua la detta taglia. 

Efeaèvnap.ccibIacmàv,anaaT.p5^'"''Ì'''^'*- 
C fu edificata fopra vn colle ncTp e df A^Sr "' ''^ ?'?'''•• '^^"^I ^^ PrefTo a feicento fuochi • A' 
granquantita^dibernun-lXbi^^'^^^^^^^^ Mori &: ^udei ^Sfife 

nocfottoicittadinidiTefzXieS^^^^^ 
iilfimi bernuflì dc dielchcfe &: nnaii l^^ ^ ." "^"^ eccellenti ne lauori di lam tZ^^ux 

giardini di tutte le forti d'alberi &: di W r » W. . o ?'r "?' ^" '^ ""^ d^' «""^e. fono bel film ■ 
nohbera hffimi^piaceuol.fop7an odT^^^^^^^^ 
n.Acoglierquantifruttiallor'Laftanoln^^^^^^^^^ 
J^„^"^"" %''°" dar danari auanti trat°SK^^^^^ 

v/g.unfe, qu.nd.cic!uall S^^^^^^^^^ toS S^ 

firo:etiand.oglifurdatidugentSronT^ 

neperfedeli^amacoridelfir ''^'^"'"'^'""^^^'^^•P'^'khefemprctliS^ 

Cith itcb è certa cirtà edificata da oìi aÌ!^"'^7" '" ^''^^ 
tacircaadiecimigl.ave'rt^^^^^^^^^^ 

P^erchem.Jifagranquat.tàdibcrnufn^?rt^^^^^^ 
%failmoiedclladcttacitràr.n.sa. ed-^ -^^^^^^^ 



it.ri* 
città, 
fono 



I :, 



m 



1 ■! I, 



■ ìi 







i> 



f'^ 



^ 



IO argcto Jianno sl( occhi nccri. &: con e caDcX.rn^^^^ 

per capuano vn'gcntilliuoino.a: fatto niillcrauallilrcrmvwh^^^^^^ 

dclRc,&fcccslHalKUcrra,chcpmvoltcraS ''''''P°'''' '' *^='P'»"° 

Rc..andòvn'ruofr^tcIIoc;„rn7SSt^^^^^^^ 

la guerra tre anni.indno a ianto,clic a ridiiclb dd ìi ^ t.,r^i.T i ^ P '^ S'°"°' ^ *^"''° 

ralacmàltrclcapatttlaiìnonoucrcntotn^^^^^^^^ 

CI...' ^t/iiad città neUamedifima» 

parte del monte, & dalla mtcT.rLSav^^^^^^^^^^ ^°''"'' T"''''' ^'^ ^" '^'°^"°^ ^^1'=» 

Sochelcrup.8hbafhno?n£>,o J S^ d.Tortc n.una, per. 

tro di qucfta cuti è vn tempio uccido ma bdlEol^^^^ f '' ?'•'' ^ '^°'''" ""S''^ • "^'"^ 

agu.ra'difiu„,e.dìab.tati^dafoShSLf& 

forelheri &ddpacfc,fi^n>oltimudei vifono cualcar LLn^ ,'°''' "'°'" "icrcatanti 

nafcono molti font./.quai; d.fflendoair.n 3,u Im/^S ' ^^'^"' ' mercatante. Dentro 

alladttà.&rdVntornó ledue fuoSl fi^n^^^^^^^ "^tto 

uavuaperfett,inmartruoLS't^^^^^^ 

col^c dd^^amontac;netta, fono bel mSr^^^^^ ^^ "°"- P'^'' '""«^ '^^ i 

nnì,che piaceuoh: vai^.rbcne & S^^^^^^^^ 

chietti che portano al bncc.^^ d^hrdom n^^^^^ t'"' "^ ""«'r'^ ' '^''""^'"'^ ' ^' ^*-'-' ' 

Stg^hme monte nelJ,i mede ftma, 

'^^^^^^^''S^:^ -uto per 

&l.ftende verfo f-cuante.nlino al monte d^Ma^^^^^ "'f^''^' ^^'^'""""^ 

verfo mezrcaiorno confina rnlml^?i^H. ri !^^^..',"^ 

pcdelpopolo^S°a,ta^^^^ 

part.-g,andle , & alcune fpade torte ^oCn^^^^^ li " r !r "' ^'T''" ' ^' '^^'^ ^•■'^' ^^"«^ 

deftrezza 5^ forza , gucr^egg a.^o di cSouo^^^^ '''^^^'"''^ ^°"S'-='n 

tanti d. la non poffono pafifr peHo det^o m^^^^^^ In-^.T? ^ ^^"'^'^ •" ? '"'"'^''^ ' ^''^ ' "''''^' 

rohabitanon^ldetron^ontcS:rai3rem^^^^^^^ 

volte fi iruouano tre o quattro cafe inliem^han^Sl ™. A f T''^' '"?^°' "''^ ''^'^'^ 

•quali vanno pafcolando per h bofcSettrm^^^^^ 

granparte. qudbgentcnonoll di^ceffS^^^^^^ 

fo A' malaeeuoie, che h rende .nrfnnàn.h.l^A ^ .'.P^'^i'*^ '' "'''"'*' '^""^ «^ ''"«o fcabro. 

re Vna corderia nlpacS^c^^^^ 

gi..adivalentihuomm ,chaant;S ''°'.^f' ""^ '^^"^ ^°"^P^' 

pa , per laquale douean^ patra? n.m ^coS^^ ''"' P'T ' ^'^'^' ^°P^^ ^"^ "' 

monte. vraronofuor.ddL2uatodao^ZLJ^"5!5 "^'ff^' ""^"',^^^'" ^^-^f'' '^ cofta del 

casI.afubreue,perciocheeS^^^ 

fcneadietro,eraneccfruatoinqEtrettS"vn^^^^^^ 

boccauano co caualli giù ndla mpe à' h SuaZ /ni U ''''^ = ''^ modo,che molti tra 

non vi fcampò vn fobiche non ffiVo efo ZZ /?^^^^n ^^^^^ "f^ ammazzati;.» tanto,chc 

gior conduce, perciocirvma^^^ 

no in molte parti per più diforczzo im n^r^r , J^ ? ^ r l, "'*^'^ '^ ^^"^'"^ S'' taglialo- 

ni, e^gli danno inmrnoEemlVXrc^^^^^^^ 

Tedief'manehannopocod bSo-^c^^^^^^^^^^^ ^'^ ^ "- ''^''^"^ P^'""^ '" 

2o,&euuigrannumerodibc tS'K^^^^^ 

ddlecofe della mercaiuia. ' ^«^onti fono affa. p,u,chele cafe.folo hanno difconcio 

Magran 



I niuna forte, per la D 
mo ornate di mol- 

?tdapoichc'lRrdi 
licnsarmadcllon 
iporli al capitano 
imitato Iiaucua.iJ 
;ligiouò,&:durò 
'ngiudeo.&allho 

ledi Atlante, edi- 
'n lato, noe dalla 
forte niuna, pcr^ 
lodiciniiglia.dcn 
analctto d'acqua, 
molti mercatanti 
calante. Dentro 
clicpalfadjfotto ( 
inijdouelìtruo- 
loci, per tutte le 
fono in vero non 
nnclla , diccr-^ 
èandiora^ùfcr 
li pafcoli delle lor 
)cllo , per ialino 
\ cala del lucer- 



I>BLL' AFRICA 

Mtj^tin monte 



noe tenuto per 
titedi Tc/auon, 
Ommirabih, dC 
ti fono della ftir 
: loro armi fono 
;liono con gran 
ra,chcimerca' 
Timo pagamcn F 
modo, che rade 
ioli come alini, 
mangiano vna 
'Ctantofcabro- 
|uiltòTcdlc,la; 
a bella compa- 
J (opra vna ri- 
:cli la cofta del 
nfigrolTi.labat 
auati,o tornar- 
a,che molti tra 
uijin tanto,clie 
lijhebberopcg 
ne gli tagliare- 
la-zariprigio 
no praticar in 
ole copia d'or- 
nno dffconcio 

Magran 



M-',qrnnè vnmontealqiinnto ri,, oUrT^-f;'"'"T 
Te d. l-arcla nel confm del d fertoVd P f ''^P^-'^etto . gi,arda vcrf.^ mr-c.ai 

fin,fcenepied,delmontedrrV;d„ .Vi .r" r '"'°"^'"^'^ 

rub/rato. i hanno moltiinm. beli a;^ " P'^'' T''' '^"'^^'»- ^u lacinia d af IV,'^'-'^"^"''^ 
co Lmno le loro cafc d. fcorra d' b l Ti T '''' ""r" '' f^^'^^"" ^^nnare in 'o T"'' ' «" 
trnui hanno forma di quc cerchi d'i' ^'""'"^ ^^P" «^^ «-te pertiche non n> ""^'n^'" 
.;rIefem..cropralin?ui:; V ;' o H^^ 
r ^'^•"^"'^•^nevannoconcbea'eC'L^ '''?"«^"^ 

doue truouano he> ba.iu, plìt le c-af".\' v."!'^''" ''°''^ ' ^"^'«^^ '"^^'o lo^a . idl'^l^ ""i^ 

vcro,die II verno ùtino Icrma In u.V. ' ' '''"^^''ano inf.no chele bclhV h rn J ^"° ' ^ 

fch. :5r quiui f cn^^onoTe d "te bc ? '""' '"r '""«^'^^ ^''""0 certe b.ft ft . I " '"'"°: '«''^ 

«PJMvfloIeMallc/periSd 'gì. ma r^ 

il ^uoco : d. maniera , d,e I n^ Zm n.f 7;^'^""''^"^'^'''^ '« 'eua 1^0 & ^1"'''"''"'= 

fi.oneeiniK.nfannoadctte al le^^^^^^^^^^ ''-•^tallc.ma Icbeflic/onopreSflrr. ""''^'' 

n,.odiquello,chedianoXcS^^^ 

Cloche non h vcdein quella regioSrar'^^ 

ca gentcdi niun valore • & h ^ '"'S'' 'abitatori di qudb mnn 17 T "^ • P'^''" 

ne d orzo & Fi ,.7 " "^'^."''^SS'o»' parte liabita in certe trr m.l j i*^ ^''"°'^ ''"' ^ <5" veri 
brod^Heaper enl^^^^ 

"SS'» d iq DELLA 



ìt 



j 




Salnitro. 







DELLA DESCRITTIONE DELL'AFRICA 

PER GIOVAN LI UNI AFRICANO. 

TERZA PARTE. 

Regno di FtU^t 

L R F. r. N o di FclTa incomincia dal fiume di Ommirabili dalla parte di Poncii 
tc,8t fìnifcc vcrfo Lcuantc nel fiume di iVIuIuia . verfo tramontana e vnu parte, 
che termina al mare oceano.ci fono altre parti , che compiono al mediterraneo, 
quello resino li di uide in fette prouincie, lequali fono Temefne,il territorio di 
l-er,Azchar,Elhabet,Brrit,Gai'et,LIchauz.aniic3mcteciafcuna di quelle prò 
uinctchaueua particolar ngnoria.ctiandio Fella di prima non fu fcdia reale,c vero, che fu edifica 
ta da certo rubcllo,8^ fcifmatico,& durò il dominio nella fua famiglia circa a centocinquanta an 
ni.ma doppo che vi rep,nò la famiglia di Marin,qucffa fu quella clie le diede titolo di regnoA' f«: 
ce in lei la fua relidenza & fortezza, per le cagione narrate nelle chroniche de Maumettani.ho* 
ra io ve ne farò particolar narrationc di prouincia in prouincia , & di città in città , li come ufTai 
pienamente mi par haucr di fopra fatto. £ 

TemcfnaproHÌmidnel njrnodi FtfjiU 
Tcmcfna è vna prouincia comprefa nella regione di Fez, laqual incomincia da Ommirabih 
dalla parte di Ponente , 8C finifce nel fiume di Buragrag verfo Lcuantc. nel mezzogiorno ha fi- 
ne nel monte Atlante, dC vcrfo tramontana termina nel mare oceano, e tutta piana , Sl li f tende 
da Ponente a Leuante ottanta miglia, Qc da Atlante ali oceano circa fefTanta,quelta prouincia fu 
veramente il fiore di tutte quelle regioni, percioche in lei fi contcncuano circa quaranta città , dC 
trecento caftella,habitate da molti popoli del lignaggio de gli A fricani Barbari.ncU'anno trecca 
to vétitrc di Lcghira. fu la detta prouincia folleuata da vn certo predicator hcretico, che fu detto 
Chemim figliuol di JVlcnnal.collui perfuafe al popolo, che non doucffc dar tributo, ne obbcdié 
za a i fignori di F'eflra,per effer huomini ingiuf tij& etiandio, perche elio era prophcta : di manie 
ra,che in poco tempo egli hebbe in mano il temporale &! fpirituale della prouincia . wV in comin 
CIÒ à far guerra a detti (ignori, liquali haucndo guerra allhora con il popolo di Zcncte, furono 
aflretti a patteggiar con coftui in quello modo, che cflb fi godclfc Tcmcfna, di. qucffi FcfTa , (en 
za che alcuno turbalTc l'altro, regnò egli terntacinquc anni, BC durarono i fuoi feguaci nella prò 
uincia circa anni cento, ma poi che il Re Giufeppe co'l popolo di Luntuna hebbe edificato Ma 
rocco, fubito incominciò anchora egli a tentar d'inhgnorir li diquefla prouincia.^: mandò mol 
ticatholic òi dotti huomini a ricercar di rimouergli da quella herefìa,&f darfi a lui fenza guerra, 
ma quelli col principe loro, che fu nipote del detto predicatore fi ragunarono in la città di Anfa, 
de fi rifolfcro d'ammazzar quegli ambafciatori, ilche fecero . dipoi congrcgorno vno cfercito di F 
cinquantamila combattenti deliberati in tutto di fcacciar di Marocco , dC ài tutta quella regione 
il popolo di Luntuna. ilchc intefo da Giufeppe col maggior ifdcgno , che hauelTe a fuoi giorni, 
fatto vn grof nflimo efTercito,non afpettò , che i nimici veniffero a Marocco , ma in capo di tre 
giorni, fu egli nella lor prouincia, &:pafTò il fiume di Ommirabih. come viddero l'efcrcito del 
Re,checoli impetuofamentc veniua loro incontra , li fpauentaroni quei di Temefna,S(^ 
fchitando la battaglia palìarono il fiume di Buragrag verfo Fez, &^ abbandonarono la pro' 
uincia di Temefna * allhora il Re milTc il popolo dC il terreno a ferro , a fuoco , 8C a facco con 
Crudeltà t^nta crudeltà , che fece vccidcr per intino a fanciulli , che poppauano , 8C per otto meli , ch'egli 
■vtata nella vi ftetteconrefercito,rouinòtutta la proui'ncia, intanto, chebora,nonvirimanc,fc non certe 
jpuincia di piccioleveftigia della città, che vi erano, a queftos'aggiunfe, cheilRcdiFez, intefo che'l pO' 
&'fi!a "de- polo di Tcmcfna era per paffar Buragrag, 6c caminaua verfo Fez , fatta certa triegua col popò- 
ftiuuone. lo di Zenetc con grandilfimo numero di foldati , s'indrizzò al detto fiume . fopra ilquale tro- 
uò il mifero principe con la fua gente molto debole St^ fianco, per la fame 8(^ neceffità che fotfc' 
riua. cffo volle pafTar il fiume, ma il paffo gli fu impedito dal Re. Ondei poueri perfeguita^ 
ti, furono per di fperatione sforzati a romper per certi bofchi dC rupi malageuolia pafTare.S^ 
furono circondati dC chiulì daHeffercito del Re : di maniera , che in vn mcdelìmo tempo perirò 
no datrediuerfe morti: percioche alcuni s'affogaron nel fiume, alcmii li fiaccarono il collo, cf 
fendo fpinti , dC gittandoli da quelle rupi . dC quelli eh erano vfciti del fiume, cadendo nelle ma- 
ni dd 



A nfdclRc 

Il nello (p 

I re. fra gli 

[ per rinoii 

f cidicuei 

l no,tIiefo 

ri con he 

a taiito.eli 

nucalam 

l< r diedci 

dacjiteiiu 

Re &' por 

iijianro,( 

clieiicred 

to in quel i 

Anfa è < 
oaiellant 

B circa a qua 

tiifuoitcn 

ncHAfiica 

ccilmare. 

può veder 

giie,(5i' ho^ 

incomincij 

percioche e 

riiMemprel 

glihuotnin 

volcu.inov 

portocene 

Poriogallo 

nandù vii'd 

qiieuliliuci 

inlKmcfiig 

inata,clicdi 

ciano difenl 

C città clic nel 
te p ti disfece 
nerleijgrin 
Jiconlelorr 
noi giardini 
ft.ivitijdciJ 

Manfora 
ma pianura, 
Aiifa circa al 
ccllo,ilqual li 
bandonati.pi 
braronolacii 
laf:iarono ve 
fecero gii An 
Cloche tacilm( 
diTemefna,|: 

Nuchailac 
to DODoIofa e\ 



\ , 



ICA 



:d« Pondi 
vna parte, 

iitcrranco. 
rritorio di 
qudtc prò 
ic fu edifica 
iquantaan 

cgnoA' ^'^ 
icttani.lio* 

come aliai 



>mmirabih 
orno ha H> 
diU Itcnde 
rouinciafii 
uà città, S^ 
lino trcccn 
he fu detto 
ne ùbbcdié 
a : di manie 
?<^ ni co min 
:te, furono 
:iFcfla,fen 
ci nella prò 
ificato Ma 
nandò mol 
iza guerra, 
ttàdi Anfa, 
3cfercitodi 1 
:lla regione 
joi giorni, 
capo di tre 
jfercito del 
emefna , S^ 
no la prO' 
a facco con 
icfi, ch'egli 
j non certe 
o chc'l pO' 
a col popò- 
Iqualc trO' 
à che (otìc' 
perfeguita^ 
paflare . dC 
m pò perirò 
IO il collo, ef 
lo nelle nu^ 
nidd 



Mcllont,& 
citiiuoli 
maturi di 



D E t r'A F R r C A ,, 

A nfdclRrfurcnomenntiafildifpada. cofinJihabintnriH.r'.,, .r. 

pcclie .ornaiHio i\ 1 a, j(or dal ri lmio d T... /.tl^/^ cento ottanta anm.clic fu per mimo al tè- 
L.conluap.loro,&d,-am^^^^^^^^ 

ata,uo.ehJlabnuglud.^Cp^XÌr^lZ^ 

vu.AmmàdC m.Una.uitanto ci efurorifom'i ulYl , 'h C . i 7"""? «'' ^''^'' '" «^''^«^' 

J< rdudero la prouincia al popolò dzlnc^^^^^^^^ 

cLc,.ii.due?opol.perc.i;iteru.;o^ìX.^ ;"^^^S^^ 

Ke.^ po,ìu-nc.dimarocco.col.iducpopol,l.gocLol p,^^ol^^^^ 

n a tantoché hogg.d, ( &i può cllerdaeento amn a que(to) hu m r " "r ^^^ 

che il crede eh ari lu no a fel anta niib cainlli 8/ f , „nA a ■ . ' ^^ «-'•"' cr . perciò- 

.0 .,, quella p,oumc,aAvc„;z;rcouis™s:ir'^^ 
ca^'n;:;niS"s^^^^f^^^rA^j':-'''-^c'"- 

ti I fuo. terreni fono boniirimi per o^ni iortcdi -r u o &- 1 nm. i -'^'7' f ""«^•Pccoche tut 
ncllAn.caJ,admtornodipu,\ara^,rcrao r:;.^;^^^^^^^^^^^^ 

ccil mare, dentro di lei vi furono molti tempii boire.iìie luS n,. A ' \ "' '"°"""' ' "''*= 
può veder S^ giudicar per le relimiie che v tiuo nn . b^l illmieA alt. paiarr, , come bora (ì 

,.c.^hogg,Sv.,.co&.egr^;^si;dd;i;s: L m^^^^ 

incominciano a dnienir maturi al mezzo dArrile &' ri, hab m^^^^^^^ '1""' '^^l"" 

perciochequeidil^-ztardanopm.vannolXn imol. be^^^^^ ì'fT ^^^"'*'" '^^^^= 

no|emprehatmtoIungaprat.c?conmercatÌS W ^XS I^m'^ 

sii huomm, alfai dotti, ma per duecae'oni auuennr il H ,n^tt ' , . ""^ '°*'^^«= Aptde 

volcu.>no N'iucr in libertà (e, za liaS^odo T^l n i ' ''°"'"'' '^"'" ' ' ""^' ^" P'''^''' 

porcocerteiulL^conleqt,;Vf:ec!^no;^"^^^^^^^^^^ 

Poriogallo . in tanto elici Redi PortOinllodr ZI H Tif . S'''"' "^^ ' ^"f" '«^ riucr^xdi 

«^KUìdu vu'arnuua d. ci ea ancmLt'mu h co hn^^^ d d.iiruggc.- la detta città . per ilche egli vi Rouinadd 

c,ue.d.lUcmà,comew5dr!:;-SlÌS^ S^ 

inheme fuggirono alla città di Rabat &'d.:>claS^abbìndonm^n^?I . '■'^"'"" '""' '«"i^'"' 

mata^che di co niuna cola (apea.li mille in or Une oer da la h r , '^ '"";'' "l'^'^'^^ '^^'' '' 
erano d.fenfori,auedutoli de htofeccfmomnH.'.'^n?^^ ''"^'^"'^•^ «^^e non vi 

C ci.rà che nel termine dSfVÒ^^^^^^^^ 

tept.d.sfteerolemu.d;^dt^h ;;;^SSSàE 

mrJelagr,me:pciocheIapiuparrc.'. I' . <c delIcStX i Hvf r^ > ^""'""Potcite. 

Ji con le lor rouinedano aìVoo n icctnÙn Z3' ,r '^^*ì ^^"° '"'''^''=» '" P'^' '^"^ 

noig.ard,n,d.,ert.a.diuc;u.leluept;rod^^^^^^^^^^^ 
^.v.t,deiRcd.Fez,haimocondLLlcXrK& 

Anfo arca al.retanti.f.-leua far prdìò a nuTtrocbt^^^^ fr^'V "'"'' ' ^<^""^-«"que, cV da 

cello,lqual li chiama Gu.r . fopra ifi'mTe Z mol^^ '*'£ •* '''"' '"■" ^"'^'^ ^'" '^""^' 

bandonati.perc .oche quando fu darut^Anf? , i^"'"''"',^ '"?'^^" ^'"' '"''' ''*^'- d'^citi 5: ab 

braronolaSttaA'fi'g'ol R^^^^^^^^^ 

lafriarono vota.ma Iduemura fonoanri, .r? m ! V ''"°«^'^^'' ^'cnifTero ;.IIa lor città.coli la 

fecerogliArabidiTeit/Sp^^^^^^^^^ 

c^diefacilmente li potrebbe nLabitaiSrWmanoiK^^ 

di i emerna,pei lor maluagità non vogliono, che n.ilun vi hlbuil ^ '^^* 

. , a.a,^. „e{ ..^..^ d. jih ;i,reuc., vi fi raccuu vnaitaa,vna volta Tàuo, allaqualc 

^"Sg« ci ili, ioa- 





IJ 


"'r 


;' t 



Cauedifer 
to. 



Arbori cor 

nili. 

gialle. 

'elluggini 

Rolpi. 



la Citta di 

K.»l)atoap 
f(\u\.i Ma 
T'iia edifi- 
cata ilalRc 
KUuiot. 



TERZA PARTE 

concorrcua tutto'! popol di Tcmcfna.gli habiti rori furono molto riccfii pcrciochc il lor terreno '. 
i grandc,&^ cinge da ogni hito quar.ua miglia di pianura.truouo nelle hiltoi ic,chc nel tempo de 
gli herctici codoro haueuano tanta abbondanza di grano,chc alle volte ve ne dauano vna gran 
fonia d'un camello, per vn paiodifcar^ìc. nella vcnutadi CiufeppeaTemefna, fu quella citià 
diftrutta come l'altre : nondimeno hora li veggono molti veliigi di lci,cioc alcune parti di mura, 
et vna certa torre.laqual era nel mezzo d'un tèpio, vt li veggono anchora i giardini,&: i luoghi, 
doue erano le viti,&f coiai alberi vccchiinmi, che non fanno più fruito, gli Arabi di Temcina 
quado tlli hanno fornito d'arar i campi,pongono i lor (frumenti apprcUo la detta torre : perche 
dicono ch'iui fu (èpellitovnfani'huomo.&fper tal cagione niun piglia lo lirumento dell altro, 
hauendo timor dello fdegno di quel funto ♦ io pallai per quella citta infinite volte, per elìcr fu la 
(fradadiRabat,&:di Marocco. 

Adcndum e vna ptcciola ctttà,cdificata fra certi colli vicina ad Atlatc circa a quindici miglia, 
& venticinque alla (opradetta.quei colli fono tutti buoni per feminarui grano . accanto le mura 
diquclfacittà.ncnafcevngran capo d'acqua pcrfettifTima. d'intorno fono molte palme, ma pie 
Ciole,che non fanno frutto.à: la detta acqua palla fra certi r upi,&: valli, lequali lì dicono cffer fla 
te minere,di donde fi cauaua molto fcrro.ilche affai ben fi conofcc, percioche quei luoghi hanno 
color di fcrroj&comprendeli anchora in parte nel f^ipor deH'acqua.della detta città non ci rima 
fcjfcnon alcune picciole vertigia,cioè certe fondamenta di muri,à: certe colonne abbattute, per- 
cicche ella fu diftrutta nella guerra de gli heretici , 1 1 come l'akrc, 

Tegeget è vna picciola ciità,edifìcata da gli Africani,fu'l lito del fiume di Ommirabih, nel paj 
£o di iVllc a Fez.la detta città fu popoIofa,ciuile,&L molto ricca.perciochc vicina a lei e vna itra^ 
da in Atlante,per cui ii va al diferto-St: tutti gli habitatori d'i conHni di quella parte del diferto ve 
gono a quella città per comperar grano, ma anchor la detta città fu diitrutta nella gucna degli 
lieretici.&^ dipoi gran tempo fu rihabitata a guifa d'vna villa. percioche vna parte de gli Arabi di 
Temefna tcgono lor grani in detta città,flif gli habitatori Ibno guardiani d'efFi grani , ma nò vi lì 
truoua ne bottega, ne artigiano, eccetto alcuni fabbri per còciar gli Urumenti d'arare , dC per fer^ 
rar i cauali.i mcdclimi habitatori hanno da i lor padroni Arabi efpreffo comandamento di ho^ 
norar tutti i forclhcri che partano per la città.Sif i mercatanti pagano di pailaggio quanto è il va 
lor dVngiulio per fonia delle tele,o de pannijchceffi conducano.malibelhami fi«:caualli nòpa 
gano cola alcuna.pafTai molte volte per quella città, laqual mi difpiacque:ma il terenno e nel VC' 
roperfettiffimo, dC abbondcuolc di grani, &.' di bcfliami, 

Uainllchallu^ 

Quefta e vna picciolctta città no molto difcofla da Mafora,laqual è edificata in vn piano , do^ 
uè fono molti bofchi di arbori cornili,& alcuni altri arbori fpinoli,iquali fano certi frutti tondi lì 
mili alle giug^giole,ma di color giallo,&: hano l'olfo grade, 8C più grolTo di qllo del l'oliue , ^' pò 
co buono di fuori, per tutto doue circondano le vef ligia della città,lbno certe paludi,nelle quai li 
truoua gra quantità di tefluggini oucr tartaruche,&: di rofpi molto grofTijma per quel ch'io vdi 
dire, non fon velcnofc ♦ ncllundcgli hiflorici Africani fanno memoria di quella città , forfè per 
la fua troppa piccioIcz3a,o forfè perche anticamente fulledeltrutta. a me anchor ella non par 
de gli edifici) degli Africani. dimoftracfTcr fiata fàbricata da Romani, oda qualchcgcneratiO' 
ne Itraniera d'Africa. 

Rabato è vna grandifììma città,laqual fii edificata ne tempi moderni da Manfor,Re 8C pon^ 
tefice di Marocco fopra il lito del mar oceano . dC da canto, cioè dalla parte di leuante,pafra il iiu^ 
me di Buragrag,& lui entra nel detto mare . la rocca della città e edificata fu la gola del fiume , fl^ 
ha da vn lato il mime,& dall'altro il mare . la città nelle muraglie dC ne cafìimcnti fomiglia a Ma 
rocco, percioche da Manfor fu con tal fludio edificata, ma è molto picciola a cóparatione di Ma 
rocco. fu la cagion di quella fabrica,che Manfor lignoreggiaua tutta la Granata dC parte d Hi' 
fpagna, laqual per elTer molto lontana da Marocco, penio il Inedie quando ella folle afPediata 
da Chriftiani,malagcuoImcnte l'haureblie potuto dar foccorfo.pcrcio il detto fé penlier di fibri 
car vna città apprelYo la niarina,douc potelle Itar tutta la fiate con i fuoi ellerciti , come che alcU' 
ni Io conlìglialTcro che fi dimoraffe in Sctta,ch'c vna città fu lo Itrctto di Zibilten a.Ma conlidc' 
rò i! Re che ouc'.Li nò era citt.i che •''Otcnc foUcncr vn ciii'^o tre o ouattro meli "cr la matrrcssa 
dd terreno ddcontado,s'auuideanchora,che farebbe fiato ncccllario di darnon poco difagioa 

quei 



■A qiicid 

edifica 

fe,di bc 

fece far 

v.ino ti 

nauilio 

fiaj,ch( 

&mer( 

certa pi 

conditi 

iìancir. 

dati&:( 

fii cditìc 

in fu cir 

da vn fi. 

fabncat 

diRom 

ptj.qual 

B tutte le e 

to mode 

re di Re 

prima.S 

te vigne 

che picei 

ipallàtif 

ageuoln: 

vngran 

uolgendi 

Sdlaè 
oceano ci 
gliconuK 
rinouò le 
dati.iimil 
faichi,à:c 
d cller fcp 
C quiui heb 
quali furo 
toManfo 
di far fepe 
lor regno 
epitaffi) d 

Qycfta 
nuadelfiu 
ferro effcr 
molti ofcu 
pcrilìnocl 
di belle cali 
pofcroarc 
alla città di 
dcrolacitt; 
noddRe( 
gliconueni 

cifprritMjlc 

fubito li fu^ 



e l'I lor terreno D 
nel tempo de 
inovna gran 
fuqucRa città 
parti di mura, 
ii,&ri luoghi, 
i di Tcmclna 
torre; perche 
nto dcllaltro, 
perellcr futa 



indici miglia, 
:anto le mura 
palme, ma pie 
cono ciTcr Ila 
luoghi hanno 
ànon ci rima 
bbattutc. per' £ 



irabih, nel paf 
ilcièvnadra' 
del difcrto ve 
guerra degli 
ic gli Arabi di 
lìi.manòvilt 
ire , òC per fcr^ 
mento dilio^ 
quanto è il va 
'. caualii nò pa 
cnno e nel vc^ 



l'H piano , do' 
i frutti tondi li 
iroliuc.avfpo F 
di,ncllequaili 
quel ch'io vdi 
:ittà, forfè per 
r ella non par 
:hegcncranO' 



>r,Rc& pon^ 
ite,pafrailliu' 
del fiume, S^ 
fomiglia a Ma 
atione di Ma 
Jt: parte d Hi' 
folle alTcdiata 
icnlicrdiùbri 
ome che aldi' 
uiVIacotirulc' 
'lì matrrczss 
30C0 difagioa 
quei 



DELL'AFRICA 



29 



B 



^qdcideiradttà,nVcaagIialloggiame.uid-iroIdat^^ 
cdihcarqucltacittaA torni adetcmiiri A'rl<.r--.ii««M^. a a ''>,.'"• '-"'"Tapociii meli fece 

fe,dibotteghe,dilblicA'difc^^^^^^^^^^ 

fecefarvMuto^reliniil aqueSai^Ma ò^^^^^^^^ 

vano tre caualli luno appreflo lÌro Sacchi e7u la ci^a^^^^^^^^^^^ 5'" "'^i''*^' P"''°'^'' ^' 

nau.l.oinmare.dagraiU.irimofpatioraI^^^^^^^^^ 

fia,,che II veggano.volle anchora il Re,che V. n?onduce(fero mo^ 

&mercatam,,à-ordmochacuctigi,habitaror,oltreallorog^^^^^^^^^ 

certa prouiiionc . onde tratti dalla I una di aupihi mrmr, ^,i.^ r jt ' , °"*^? ' ^"'> *"''c data 

f.br.cateruarclu,nonaItru;en e l.ve^^^^^^^ 

di iioma. quello acqucdutto fi diuide in molte mrfZ ^\ 1 "'^ nialFimamete in quei 

p.i,qualea collegi,qualcaipaa-^^^^^^^^^ 

tuu^lecontraded^-lLtlci&p;' nS^^^^^^ 

to niodo.chc di dieci parti vna non ve nn afa!>?hpn .1 ' ? '"^oni'ncio a mancar per li fat- 

rediRedeilacafadiAlaWnZalaXrAt^^^^^^^^^^^^ 

primaA' mi crcd io,che con fatica li truouano ouitr^rVn? 'J Y P,^^^'^';^'^ P'" <^he 

Te vigne &: polU'llìóra-.ma quar.toVd hah.W . f^nL ^ ^' «'abitatc.del rello ne fon (late fet. 

cheplc.olaLttega.8^IncrrSnS^^^^^^ 

.pallatiKediPorVgalloJranfattodiregnodZ^^^ 

ageuolmente potranno prender tutto tfregnoSez ma fin a oucàt^ 

vn gran proucdimento,& la folhene il meglio che può o SuerK nr ft' n H '' '" '^"^ 

«olgendondmioanimo.lvntercl;eraneÌ.,pip^irat;:aqurd:^l';,^;i^^^^^^^^^^ 

bella e vna citta piccioIa,cdif?cata da Romani apprelTo il fiume di Burr^ncr H.f.^O.^ r 
oceano crea a due miglia,a«: da Rabato vn m,glio:d. morcTrfe alfurvSnf ^? ""^'^ 

gI.cont.enpali.u-perRabato.ma la detta furfuinatS^g^^^^^^^^ 

rinouo le mura.à: kcc in lei vno foedalc he iliOìmn /V .,r. .,li ì7 ^^^^"*^'' ^'PO' Manfor 

dati.limilmétcùi kcc vn beMr.mo tempio Svn.f? P^'f -^> P alloggiamento d'i fuoi fo!. 

fa.chi.6^contìnellredVvetrodr,S^ 

■nolo ofcuribotd>.,nc,qualMi truouano Rran^,mraiSrbM™?^^^^^^ 

mazzo 



.jn 



>■ jt 



Man 

luefu 
repello. 



I :ii 



Mi nere di 



IMI di. 




É 






lì- 

m • ■! 
fi ■> 



i 



Sito Topra 
Leoni, 



Matene 

Rabidi 
friitio. 
l'alme fai - 
uuulu; |iic 
ciule. 



Città prefa 
daIRciiica 
llii;lia & 
pnida Cìi'a 
cob (uinio 
RclclUca 
(ki Milli! 



TERZA PARTE 

mazzo tutto quel popoIo.S<: da quel tcni pò (ino a q ucfto.non fu mai più rihabitata: ma ancfio- D 
tA CI fono le mura della ciiti,S< le torri di tempi] . io la viddi nel tempo chc'l lic di Fez li pacificò 
col Tuo cugino, &' vennero a Thagia, pergiurarfoprailfepolchrodVnlor (anto, jlcumomc è 
icudi Buhaza . fu Tanno nouecento venti. 

■//«»■/.< e // rà di Ti-rtìifia, 
Tliagia è vna certa picciola città,cdificata amicamente da gli Africani, fra certi monti di quelli 
di Atlante e molto frcdda,&: i Cuoi terreni fono magri $C afpn. d ìtorno alla citta fono mirabili! fi 
mi bofv. hi,lucgl) i de rabbiolì Lconi.nafcc iw c]uclto paefe poca quantità di grano: ma e copiolif- 
fimo di mele ÒC di capre , la città e priua d'ogni ciuiltà A' le cafe fono mal fatte, & (enza calcina . è 
in lei vn fcpolchro di certo fanto , ilqual fu al tempo di Habdul Mumen pontchcc, ÒC diccli quel 
fanto haucr fatto molti miracoli contra a i Leoni, &: che egli fu mirabile indouino, in tanto che fi 
trouò chi fenile la fua vita molto diligentemente,^: quello fu vn dottore detto Ettedle,qual nar- 
ra tutti i miracoli vno per vno.io per me credo haucndo letto i miracoli che collui faccua, ch'era- 
no o per arte magica,o per qualche naturai fecreto contrai Leoni, la fama di ciò, &: la liucrenza 
che fi porta à quel corpose cagione che quella città è molto frequctata.a: il popol di h'ez ogni an- 
no doppo la pafqua loro, va a villtar detto kpolchro,doue andando huomini,donne,&.' fanciul- 
li, par che li muoua vn campo d'arme : percioche ciafcimo porta il fuo padiglione oucr tenda : di 
modo,che tutte le bel tic fono cariche di di tende , &: d'altre cofe opportune per il viucre , òL ogni 
compagnia ha da centocinquanta padiglioni ini icme.&: fra l'andata OC il ritorno v'ha d'interuaU - 
Io di tempo quindici giorni,pcrche la città e lontana da i-cz circa cento venti miglia . &: mio pa- 
dre mi menaua ogni anno fcco a vilitar detto fcpolchro, &: quando fon Itato hubmo fatto, vi fon 
ftato parecchie voltc,pcr molti voti fatti ne pericoli d'i Leoni» 

Zarfà fu citta in Tcmcfna,cdificata da gli Africani in vna larghifTima &: bella pianura, douc 
fono molti tìumicclli &.' fbnti:et intorno alle velhgia della città,fono molti piedi di ficaie,di corni- 
li,&:di quelle ciriegic che in Roma fono dette Marene.lonui ctiandio molti alberi fpino li, i quali 
producono certi frutti, che in lingua Aiaba fi dicono iv.>-.bich . Ìono più piccioli delle ciriegie,&: 
hanno quafi faporc di giuggiole.lono anchora per tutte quelle pianure certi piedi di palme (alua 
tichcA' molto picciole,lequai fanno vn certo frutto groilo come I cima di Spagna , ma ha l'oflo 
grande,5c' poco buono, hanno quali fapor di forbe,innan:ichcli maturano . là città fu rouinata 
nelle guerre de gli herctici.hora i fuoi tcrnìini vengono (eminati da gli Arabi di Teme[na,&: efii 
v'hanno li buona raccolta, ch'allc volte rifpondc di ciò che vi li fcniina cinquanta per vno. 

Il territorio di Fez dalla parte di Ponente,incomincia dal fiume di Buragrag, dC li ficdc vcrfo 
Lcuanteinfino al fiume d'Inauen.fra l'uno et faltro fiume èdi tratto circa a cento miglia.di verfo 
tramontana termina nel liumcdi Suba,&: dal lato di me::zogiorno linifcc ne piedi d: Atlante . ti 
detto territorio è mirabil veramente dell'abbondanza del grano,d » frutti,&: de gli animali elicvi 
fono.in tutti 1 colli di quello paefe ha mohiSc: grandifTimivillaggi.c vero che le pianure perle 
paliate guerre ion poco habitatcnondimcno vi li habitano alcuni cafali da certi poueri Arabi &: 
di niun potere.iquali tengono i terreni a parte.o co cittadini di Fez , o col Re &: fuoi cortigiani . 
ma la campagna di Sala Cx' Mecnafc fementano alcuni Arabi nobili èi caualicri, pur quelli fono 
Soggetti al Re. hora vi li dirà particolarmente ciò che v'è di nobile. 

Svilii città. 

Sella è vna città antichifrima,cdificata da Romani>a fu acquiftata da Gotti, vero e che gli ef- 
ferati de Maumettani,entrarono in quella regione, &riGotu la diedero àTaric capitano loro, 
ma poi che fu edihcata Fe=,clla diuenne foggeita a lignori di Fez.c quella città fabiicata fui mar 
oceano,in bellilfimo luogo,dilcolta dalla città di Rabato nò più d'un miglio &: mezzo . il filimi 
di buragrag diuide luna citta dall'altra.le cafe della detta città fono edificate al modo che le cdiii- 
cauano gli antichi: ma molto ornate di mofaico,&: di colonne di marmo, oltre a ciò tutti i tem pii 
fono belhirìmi &: ornati.coli le botteghe,lcquali furon fabricate (otto i portichi larghi & belli 8C 
pallato che li ha molte botteghc,li truouano certi archi, latti(comc elfi dicono}per diuider vii'ar 
te da vn'alira . concludo che quella città haueua tutti quegli ornamenti &: quelle conditioni che 
s'appartengono a vna perfetta ciuilità.a: tanto piu.chc hauendo buon porto, era fiequentata da 
diuerfe gcneranoni di mercatanti Chriltiani.Gcnoueli, Vinitiani,lnglcli,&: Fiadreli : perciochc 
quello e il porto di tutto il regno di 1-ez.ma la detta citta,ne gli anni feuento fettanta di Lhegira, 

^. ^.a u_ . j j „i .«41- i»\.i ix,. a. vanitila . n popoi »uggi, wv nmaicrui i v-hninani , nu 

non pili 



B 



I. non pi 

fa di A 
lenfin, 
vccifi, 
toilpc 
tàfulfe 
&peri 
di belili 
prezzi 
v'hagr 
bitator 
le. falli ( 
citta del 
altri leg 
natorc,^ 
ti merci 
cadi col 
&.' quali 
chemoi 
la corte, 
ri lionoi 
Tliomn 
dilfima f 
tc,ilRcf 
iifigliuo 

Fanz; 

Muachi( 

d'altri gr; 

Abulche 

chiamate 

RcdiFc: 

re,Habdi 

litadidan 

montanai 

citin,&: le 

inliemcc( 

C noallhori 

pcralbcr^ 

Mahm 

5ubo,cio( 

mezzo,& 

cataptrdil 

cittàcvng 

glie come 1 

laporeviej 

Viano di pc 

tauanoanc 

difsimo pei 

pratichi:pei 

ti anni in qi 

che alcune I 

diFortogal 

iPortogallc 

tutte afone 



Ita: ma ancho' D 

Fez li pacificò 
, il CUI nome è 



lonttdi quelli 
no mirabiliin 
maccopiolif- 
nza calcina . è 
&.' dicci 1 quel 
in tanto che li 
.'dlc,qualnar- 
aceua, ch'era- 
' la liuercnza 
h'ezognian' 
nc,&.' Manciù I- 
)ucr tenda: di 
ucrc,&:ogni 
liad'intcrual' , 
\ . 5^ mio pa- 
io fitto, vi fon 



ìianura, douc 
caic,di corni- 
pino lì, i quali 
lleciricgic,6(^ 
Il palme lalua 
jmaharolTo 
tàturouinata 
mefna,&.'eflì 
cr viio, 

li ftcdcverfo 
ij;lia,di verfo 
d; Atlante, il 
inimalichevi 
lianurc per le 
jcri Arabi >?>: 
>i cortigiani. 
ir quelli fono 



e che gli cf- 
jpitanoloro, 
icata fui mar 
rzo. il fiume 
3 che le edili- 
tutti itempij 
;hi&belli,a: 
diuidervnar 
>nditionichc 
cquentatada 
li:perciochc 
di Lhcgira, 
iriitiini , nu 
non pili 



DELL'AFRICA 

A nonpiiic]icdicc/e(orni;perciochecfrifiimnr.'riv«,.,.« r n-,. . ^ ^® 

fadiMarin,&:inLrten^metucpe^^^^^^^^ 

lenfin,nella qualegia era occupato'^ondriu npreSacS ° ^^ ^^ ^'^''^''' ' '"^P^^^^ d' Te. 
. vcofi.ilrimanc^teliraluòncirarmata,&fug^^^^^^ 

f il popolo di quelle region.,&: col. a fualSiS! nò H^'°"'l' ^' ^" ^"' ^'°'"^° ^' '^^^ 

tà fuire tolto rihauuta,nondiineno é moItoSatà^^^^^^^^^ 

& per tutta la citta,mairimamente vicino aSura fi rmnf"'"°",'' ^ r ''° P'" "»="^ cunl.tà . 

dibell.mmecolonne,&fineftred.marm?dS^^^^^^^^^ 
. prezzano.,1 circoico c'clla città è tutto ar^na &^?ono cer?' ; '"''' «'« ''^^'^i*^" dLog,.i non le ap. 

v'hagran numero d. horti,c^ d. camp, ne qS^^ 

bitatori della città fono per lo più tcir,tòS I W °^ ^''".'J".'""" ^' bambu^i J. £^^gl, ha 

leJairietiandioinleigrL.mraqun^^^^^^^^^ 

cmadclrcgnodiFezrperciocheé v.dno3ladeS^ '"'"'^''^ '" ^"ttc le 

altrilegn.bttonipertaUtto.hoggZÌ^.ceS^^^ 

natore,à:g,udice,a:moltialtrivffiLifo,ioc§néZ.n.1?'^^^^^^^^ 

hmercatantiGenoudì,&:fannoquiuidraXc^^^^^^^^^^ 

ca di coi toro gli apporta grandiflìmo vt.le i dlrr?S^. .^^ ' accarezza airai.perche la prati. 

a: quale in Sela,& nello fpacdo deTle ro£e IW. "??" '"""? '^ '°''° «^"^quale in Fez, 
Bchcmoltonobili5^cortef?6^fpend^^^^^^^^^ 

la corte,non per cupidigia d auanzar cofa ^uSa d.m S '"■"'"' "^ ' ^''^'"°"'^ ^' S"^' ^el 
r. I.onoratamente viuere.&: a miei di fu^vn KS '«"?-!:'''"' P^*" 1"°'^' "«^ P^^^' "ranie. 

TlìommafodiMarino.perfonaSu ofau da^^^^^^^^ 

d.ir,maltima.&:moltolLarezzauaeglivJ^^ 

te,.I Re fece portarne ,1 fuo corpo a Gen^a come -' 1. - ^^ ^''^" '""■''? '^"'"' ''""'^ ' "^"^ 

nhgl.uolimafchi,tuttincch,A'honorTuXpp.SIS:,^^^^^ 

daltrigrani.fuoridelucSTp'reteS 'fro^l^^^^^^ 
AbuId.efenRediFez.ndtempode?ReZu^^^^^^ fontane, Icquali fece fere 

chiamato Sahid, trouandoli prigione di Hnbd Ma R^^^^^^ ^'' '''"' '!!^" ^' ^^^""' ^" ^"°'='o. 

Re di Fez,d^r .- Mdrecompiacefacma dVr^aS^^^ 

re,Habd.lb . detto 8ahid di prt"onc &: Io iÌ.nH J ^''^"^»i''«']"^' cof:, ricufando di fa. 

madidana. ..naa^d.sfaciSSSR;^^^^^^^^ 

montanari ArabiallediòFcz,& vi tennclaSof^rr,'^ ^^f" '^'"'° ^PP"^*^o d-^'cuni 

ctrd,^ le calidla di tutto il regno^fopr»^^^^^^^ ^?' ^^"^P° ^'^rurte , villaggi, le 

inl.emeconlamaj.gtorpartede?lvKrn^Xr^^^^^^ '" P'^^»"'' laquallotolfe eh vita 

C noallhoradiftruttl^mai .iinon ,tS;r^^^^^^^^^ 

^cralbergoadalcunicaiidegliArabi^SXfoTa'^tS^ 
, , . , Mahmora. 

."czzoA'daSeladrcaadodidmigia S^cu J^^^^^^^^^ ^«^ '^'S''« ^ 

cataptrdifefaddlagoladddettoftLcamóZv^^^^^^^^^^ 
c.ttàcvngrandifsinìobofco,doueScraI^^^^^ 
ghecomelefufìnedammafdi.ne.veroèdicrdr^^^^^^^^ 
l^poreviepiudolce&piudelicatodiauXSLa ^ r''^'.'!''"'"'^ 
vlanodipLar.^eg^aq^uant.tà;:;fe^^^^^^^^ --i al detto bofco 

tauano anchora . mulattieridi qudb citta' & vene fec^uan^.^J?"'"" "'°'," ^•^"''•■'•^*^ ")' P^r. 
d.fsimopericoIodiLconi.iqa^lima.ìgia;oS;Se^^^^^^^^ 

pra.ichi:perciocheinqucftibofchifon5ip,ufaKLeon. c1w^^ì5^i^ r^^^^^ '' "^'^ ^^"° 
t. anni m qua.la detta dttà è d.itrutta per la guma che fTsah^ ì^^^ ""'° ^ ^^"' 

chealcunerarcvdlimejequali dimoi ranod^r^^^^^^^^ Fez. ne virimafe altro 

di I^ortogallo mando vna crandifsima arm . . ^./ i e " '"'^^'* grande.ndl'anno. o... ,1 Re 

l'armati 



■ ! 



\t. 



Ghiande di 
fapor die» 
Itayna. 



leoni fa- 
moli. 

I Portogefì 
volé.io cdt 
ficar vuca- 
(Icllo lu la 
pola.litìa- 
irtcSut o ^u 
lOIU) tolti, 

& vcciA. 



* 



-lì 



liffl: 



l'oito 



TERZA PARTE 

l'armata era entrata nel fìumc,quando furono foprìqniti»' &: impediti dal fratello del Re di Fez, D 
oltre a ciò tagliati a perzi tre mila haommi,non per poco valore de PortogalleCi, ma per difcor^ 
die. ilclie fu che vna notte innanzi l'alba vfcirono quclti tre mila dcllarmàta, con dife^mo di pi- 
gliar l'artiglieria del RcdC fu grandiflTimo crrorc,dic tal numero di fanti andafle a far quella ht- 
tionc,douc li mmici erano da cinquata mila funti,5^ caualli quattromila : ma li Portogalleli.pcn- 
farono che auanti che alcun del campo fentiflfejdi doucr con loro artutic,liaucr còdotta l'artiglie? 
ria nella fortczzajaqual era lontana dal luogOjdoueandauano a pigliare, circa due miglia, alla 
guardia dcllaqual ftauano da fci in fette mila'^perfònc,lcquali ncH'Iiora dell'alba tutte dormiuano. 
6c crali fucceflò tanto fcliccmcntc,chc haueuano quali p lo fpatio d'un miglio, condotta via det- 
ta artigIieria,quando furono fentiti,&: fu tanto il romore,chc tutto il campo i'i fuegliòA in poco 
Atdiic & d'Iiora, prole l'armi corfcro verfo i Chriftiani,quali li riftrinfero immediate in vna ordinaza ton- 

'"'"'°,hc- tJa.Slfenza perderli d'animojcamminandovalorofamcmelidifcndeuano.neglifpauótauapun 
to il vederli circondati da ogni parte,&: che gli era tolta la fìrada: pcioche tanta era la furia &: em- 
pito in quella par te,che vrtauan con la telia dellordinanza^chc per forza li faceuan far la firada, 
& li larcbbono faluati al difpetto del campo,fenon che alcuni fchiaui rincgati.che fapcuan la lin- 
gua Portoghcfa gridando gli dilTero, che buttaffero giù l'armi, che! fratcl del R e di Fez gli do- 
naua la vita.laqual col.- haucndo fatta,i Mori,che fono buomini bdhali,non ne volendo far pri- 
gioni alcunojtutti gli vccifero : di maniera, che altri non vi nmparono che treo quattro co'l fa- | 
uor di cci ti capitani del fratello del Re.allhora il capitano dtiia tortczza,f u quali in vltima dilpe- £ 
rationc;percioche negli vccili fi conteneua il fior della fua gente, dimandò adunque il foccorfo 
del general capitano,ilquale era con certe naui gro(re,douc erano molti f ignori 8C caualieri Por- 
togalle{i,fuori della gola del fiume: ma egli non vi potè entrare,impedito dalla guardia del R e di 
Fe=,L'quale fcaricando fpelTe artiglierie , affondò alcuni loro nauili . fra tanto giunfe la nuoua a 
Portogallcli,chc IRe di Spagna era morto, pcrilclie alcune naui mandate in fauor loro del detto 
R<.: di ipagna,li voifcro dipartirc.iimilmente il capitano della rocca, vedendo di non potere ha- 
uer .occorlo,abbandonòla fortczza.St: meno fi volfèi o fermare i nauili ch'erano dctro il fiumc^ 
ma ncUVfcir vi perirono quali due terzi : perciochc \'olendo fchiuar quella parte.dondc tiraua^ 
no l'artiglicricli tennero all'altro latù,&: dicrono nell'arena: conciolia che da quel canto ti fiume 
non è molto profondo.i Mori furono lor adolTo, &: ve nVccifcro vna gran parte , gli altri li gct- 
torononeliiume,&:pcnfando di notare alle naui groffcjO vi saffogarono dentro, o caderono 
nella (orte d'i primi, i nauili furono abbruciatila: fartiglierie andorno a fondo . il mare iui vici- 
no,tre di continoui moftrò l'onde tinte di fanguc. diedi che in qudla armata furono vccilì dieci 
mila Chriiìiani.il Re di Fez fece dipoi cauar difetto racqua,&: li trouarono quattrocento pezzi 
d'artiglieria di bronzo-à" quciia coli gran rotta intrauenne per duoi difordini . il primo fu furo 
pcrliPortoghdi,quali lenza filmarle forze de nimid, voifcro con coli poco numero di gcn- 
le.andar a pigliar qudla artiglieria, il fecondo fu che potendo il Re di Portogallo mandar viVar^ 
mata tutta a (uc fpere,&: fotto li fuoi capitani, vi volle aggiungere quella di Caitigliani,&: feniprc F 
accade, &: non fallifcelmai,che due cflcrdti di duoi diuei ìì lìgnori, q uando vanno contro ad vna 
cflercito d un lignor folo^qudli duoi fon rotti d( malmenaii,pcr la diucrfità de minillri,6t: de con 
iiglijchc mai s'accordano,ik li nellri fignori Africani tengono per fegno di vittoria, quando ve- 
dono rdìci cito di duoi iignon andar contra quello d'un fignoi e.&: io fui in tutta la detta guerra, 
di la viddi particolarmcnte,6c dapoi mi parti per andar al viaggio di Coflantinopoli ♦ 

Tcfiijclr, 
Tefelfclt è vna picciola citticdificata in vn piano ddrarena,difcofla dal Mahmora circa a quin 
dici miglia verfo lcuante,tv: dal mar oceano circa dodid miglia.apprdTo della detta città palla vn 
iiumc non molto grandc,a: fu le riue del fiume fono alcuni bofchi,ne quali f lanzano certi Leoni 
crut,diliiniK&: peggicridi quelli duo dilfi di fopra,&: fanno di grandillìmi danni a pafTaggic- 
rMr.airi/namente a quegli che v'alloggiano di notte, ma per la via maeflra di FelTa, fuori ddla 
dc;ta città e vn picciolo calale dishabitato,doue e vna ftanza fatta a volte, quiui dicefi che li ridu- 
ccUvino ad albergo i mulattieri d:iviandanti,facccndo riparo alla porta con frini di frafche di 
quei contorni.qudta era holleria nel tempo che la dtt j erahabitata,Iaqual atta fu limilmètc ab- 
bandonata nella guerra di Sahid, 

Mcilìtidje città» 
Mechnafe è vna gran città,edilicata da vn popol coli dctto^dal quale dia prefc il nome, è difco 
{la oa l-cz circa a trcntafei miglia,da Scia circa a cinqu.àta,&: da Atlante circa a quindid . fa prdTo 
a fci nula iaodiijS^ e molto habitataStpopoIofa, Giungo tempo il fuo popolo viiTc in pace 9C 

vnioaci 



leoni cru 
delisiinii. 



B 



A vnionc 

vna pai 

tendo p 

bclliirin 

no moli 

ri.&f me 

alcuno,^ 

quantità 

dcre.har 

lo voglie 

do cicca 

vcrOjChe 

fccno in I 

ne.infim 

parte del 

pilbdlifll 

fuori dell; 

bi vicini a 

lana, d'ili 

parte dell 

di tutto il r 

no fra f fig 

molte volt 

creato lic, 

venne con 

, guaito tutt 

eh e danno 

fcvnaport 

di poterci e 

fommaqut 

&' ha vna p 

aatrcmig 

ti fuori della 

biTali,&:alI 

gcntil'iiuon 

per farla poi 

C ila cagione. 

&liiengon( 

mini fono m 

il verno tutt; 

Qiiefla è vi 
migifa verfo 
quali dicci.cl 
deche elTaar 
mura intorni 

Caniis M( 

nadaFezcirc 

a due miglia \ 

pradettagiicr 

madoppo,ch 

buarii,à:furo 

mercatanti di] 

to,quanto fi fi 

non coli 3 H'^f 



ci Re di' Fez. D 
la per difcor^ 
iikgno di pt-- 
àr qucfìa ht-- 
ogalleli.pen- 
3ua l'artiglici 
e miglia, alla 
rdormiuano. 
iotta via det- 
tò, S^ in poco 
rdinaza ton- 
lauctaua pun 
i furia de cm^ 
far la firada, 
pcuanla lin- 
iFez glido^ 
endofarpri^ 
latiro co'l fa- 
/Itimadilpe- E 
ueilfùccorfo 
jualieri l 'or- 
dia dd Redi 
fola nuouaa 
3ro del detto 
1 potere ha- 
tro il fiume» 
ondetiraua- 
mto il fiume 
,li altri (igct- 
o caderono 
lare iui vici- 

vccilì dicci 
:ento pezzi 
imo fu fitto 
icro di gcn- 
uid.ir \'n'ar- 
ii,&:fempic F 
ntro advno 
lri,&:dccoa 
quando vc- 
etta guerra, 
li. 

circaaquin 
ittà palla vn 

1 certi Leoni 
1 pafl'aggic- 
, fuori della 
che liridu- 
'< frafche dJ 
nilmètc ab- 



omc.èdifco 

ici . fa prcITo 

e in p.Kc fi^ 

vnioac, 



DELL'AFRICA 

A vnionc,ciocmétrchabitóncllacamn-io«, «,^ j • • 5' 

vnapartecITendofuperSrca alr?qu1?^^^^ 
tendopiudiniorarnlicampagna;oSulSXr^l&'S'"^^^ 

bdlimmopianoAIcpanidavfcinóvSrn^^^^^ 

no molti 8iardini,chc fanno perfcttilllmi fnm^ InT S'^^*"^^-^ '" '""^no circ;x a tre miglia Co 

r.,^meIegranate,d.efono^marau^"ISg.^^^^^^ 

aloino.à: li vendono per vilifìlmo prezzo at^chornS nonhannooiro Mde gr,- 

quantiti&giuggiolcrqualilinuernomana^^a^^^^^^^ ^ '^'^"^'"' viTonomgran -- ^"- 

dcrchanno andio copia alTai de fichi & 3,Wnll '^ V "' ^^"^ "' ^^°"^"° ^ ^''^^"^^ -^ vea "' 

Io vogliono feccarc ner còferuarlo.gétn fuori cSm^vn^ A ' '' "^P'"" ^''^'^''^ P''^^^' •' «co fc 

doclecra.&:hannotantaquant.tàfcS^^^^^ 

vero,dieleperfichenòronomoltobuone,nup.?nS^^ ''"W- 

fccno m inhnito.& vendefene per vn ducato 8^l^!lltZ^ uà ^ d un color qr (, vcrde.oliue na. vcr.i, & pi, 

ne. infineil terreno della detta città èTìZfcnik^^^^^ '^"^ ^"to libbre Italia- - '-^^^^^ 

parteddquaIelìvendeini:c2&mS>bha(dd;Ì^^^^ ''"' '""■^^•' quantità, la più 

pnhellif imiA WfonotrecollegijSifSiTSclla^^^^^^^^^^^ 
uondellacittdappreirolemurl^ogniluS'^S'?f ""^ 

MviciniallofìatodelIacitta,iqtrah>rmenanrbuoTS 
B lanaA' il tutto li vende per vilifllmo prezzo Tn^Jn^ln? ^'""5 ^'""^ ' "' P°"3"° butiro,&: 

partedeIfuofìato.2^fi.Lfichetra?c&;cS^^^ 

d, tutto il regno diFez.ma la città hebbe di S (nmi d.T ""? '^' '^^"«o^quanto d'un t4o 

no raifignorfdiqudle regioni. ^inda/cunn"^^^^^^ 

molte volte fu alTediata {c& fette anni oer S n?! '^ ''^'''^'■° ''"'"'" '^ ^"^'"'«^ '"«'^ d"cati;6^ 

creato Jie.vnfuofratdcugino8h36con;ri";;a.r'^ 

venneconleO-ercito^S^tennerafred SSn^^^^ ^'^ popolo. onde.l lievi 

.guairòtuttdeloropcMom.fuaS^^^^^^^^^^ 

chedaniiofii^quandofèettcairediata cinque SKrcTnn° r^ 

fc vna porta A- ioften.ndo gagliardameSmn/rTn ? r '" ''"''' P"*'^" '""•-"'» '^^l ^^^ ^P^r^ 

d. poterà entrare.coli fu Fa c^ct! rihuuuta^S fo^m na ^t ^^^ 1"^'"°' ^'^^^ ^^"« ^^^^^ " - '' ^« 

fomma qudta dtià e bdla.fcrtilc ben murata &'nTM?f P 'S'onca Fez. ma dipoi (i fuggi . ,n ^-T"^ '* 

dMia vna perfettillima acqua cK™;nrn^,^^^^^ 

caatren,igl.a.£.Vlfoiacc^npÌ cSfocca& e^m^^^^^^ 

V fuori ddla atta lontani circa a due nSaddi Sf ^'^ ' '°i''^'''^' '^ ^^'^^ ' •^"''"' ^°no tut> 

bc.al,,&airaidu:I,,„.adingcgaop,uS^ 

geimrhuominioartigiauincvncLdmXca^^^^^^^ 

E± ii:!'^:!!^---^- -^onogr^S :SS LJ^^S- -!^«-^' demenza 



K^!:if:?';"!.:'''-è-/uo. tcngonograi^d^^d;;^;^;;;^^™ --'-ij-di /em 



^1 

I 
l'I 



nnnilonomoltogdoliS^p^ncololtS;^^^^^^^^ 

Il verno tutta molle dC fongofa. ^'' ' 'i^^^^^ ^"^ ^ »"e difpiacquc, p cllbr 

'JeviihuFJdimen. 






I, i« 




mi 

quafidi _ 

docheefìaanchSd5ta;;^S^,';S;^^3(^°"ooccupat,da«^^ 

.urat„torno.a.atutteletorri^tip,.^^^^^^^ 

aduemigl,av'halwardinibei?i(nm?^?uc&d;i "^ 

pradettaguerrauSahid,quefiacitràfurouùi^t in.^ 

nìadoppo,dìVnapartedel popoIodiS; nSòm M "'" =>"'"■• '^o. 

bitarli,^ furonui piantati mol^fllniiaSSeb^^^^^^^^^ 

mercatanti di fete . vi piantarono etiandio r anni I i^ . ' P^''"°^h'^ ' «granatini fono grandi 

^o,quantof.fuolfardelIecannedirAnto 

nonrnf. .i«^fij.;.„^___.. ... , .'^"''^'y^'S. tuque/lacittanetemiMrmf.,-lv r,-i -•-. 

n.l{n.^a«uuKg«nabiUtoriipnoqualuuailauoratonduar;;^ "^ 

BcintlhifiL 









TERZA PARTE 

Bdmhafil, 
Banibani è vna picciola città edificata pure da gli Africani fopra vn fìumicello i mezzo il paC 
fo,che porta da I-cz a Mccnafe,lontano da Fez circa a diciotto miglio vcrfo ponente, ha 1 1 detta 
citta viu larghiHima cam pagna,doue fono molti fiumicclli,&: capi grofTì d'acnuaA e tutta col- 
tiuata da certi Arabi,» quali vi fcminano orro di lino.aitro grano no vi può venir a perfettionc 
per clTer la campagna afpra moltoA Tempre piena d'acqua . qucfb campagna ferue al maccior 
tempio di Fez A i iacerdoti vi cauano di rédita venti mila ducati Tanno, haueua q uef batta mol 
ti belli giardini d intorno.comc (i conofce a i veftigiima fu rouinat3,come l'altre nel tempo di Sa. 
hid. &: rirnafc dishabitata circa cento OC dieci anni.ma poiche'l Re di Fez ritornò da Cuccala • vi 
mando ad habi tar vna parte di quel popolo, tuttauia non v'c ciuilità , QC il detto popolo centra il 
<uo volere VI habita, *^ 

^ '■'H'ima^nA atta Ù' capo di tutta MMrttanid, 
La citta di Fez fu edificata da vn certo herctico , nel tempo di Aron pontefice , ilclie hx l'anno 
cento ottantacinque di Lhcgira.fu detta Fez:perciochc il primo di, cheli cauarono le fondamcn 
la, tu trouata non lo che quantità di oro.che nella lingua Araba e detto Fez. SC qucfta al giudicio 
mio e la vera deriuationdcl nomc.quantunque alcuni vogliano che il luogo, doueella fu edifica 
ta,tuile prima appellato Fez, per cagione d'un fiumc,chc paflTa nel detto luogo: pciochc gli A ra. 

bich.amanoildcttofiumcFez.comclilia,coluichclaedificò,fudettoIdris,amoltoltrcttopa. 
i-ente del detto pontehcc.ma per la regola della legge, vie più tolto a lui,chc ad Aron deuca venir 
Il ponuhcato: pcrcioche egli tu nipote di Hali,fratel cugino di Maumet to, che hcbbc per moglie 
Jalcrna figliuola di Maumeito,e«: cofi fu della famiglia da cato del padre QC della madic.ma Arò 
lu Parerne di Maumctio da vna fola partcperciochc era egli nipote di Habbus zio di Maumet- 
to.b da apere,che tutte due quelle femiglie furono priuatc del pontificato per le cagioni conte- 
nute nell antiche chromche.et Aron con inganno k lo vfurpò.pcrciochc l'auolo di Aron ch'era 
huomo attuto 6C d alto ingegno, fìngendo di dar fauore alla cafa di Fiali, per metterla in tal di^ni 
ta,mandofuoi arabafciatori in tutto il mondo.à: fu cagione che la cafa di Vmcucfc la perdè^'a: 
eli ella yenilTe poi nelle mani di Habdulla Seflcc primo pontefice . ilqualc veggcndo che quella 
dignità non li poieua nel vero lafciare ad altrui,lubito li riuolfe contra la fopràdctta cafa di H di 
Si incomincio apertamcnteaenerne perfeguitatore.in tanto chci maggiori di Hahlenc fue^j* 
rono,chi in Aiia,5(: chi in India.rimale vn di loro in tlmadmaAlclquàlper efièr vecchio QCxdu 
giofo,eglinon il curo, ma due luoi figliuoli crebbero non meno in eta.clie in l'radezza Qc tjuor 
di quei di Elmadma talmente, cheivolendogli elfo nelle mani, i mileri fiiron còllrctti a fussirfi • 
ma 1 uno tu prcfo&: lìrangolato,l'altro(il cui nome fu Idris ) Icappò in Mauritania . q ucRo Idris 
venne m grandilTimo crcduo, per modo, che in bricue tempo hcbbe fi-a quei popoli il dominio 
non folo tcm porale,ma rpirituale,& habitaua nel monte di Zaron, vicino a Fez enea a trenta mi 
e lia,e^ tutta JVlauritania gli daua tributo.mori egli fenza figliuoli: eccetto che pur lafciò vna fua 
khiauagrautdala quale era Gotta,ma venuta alla tede loro.coftei partorì vn figlio mafchio il. , 
quale dal padre fu chiamato ldris.quelìo i popoli volfero per lignore . onde lo fecero nudrir con 
grandiir.meguardieS^ diligtr.rca: crefcendo allenar fotto la difciplina d'vn valente capitano 

d.qu.nd,c. 8 0»-«^«cprodczze,aacquilbmolnpadi,perlifàttomodo,che accrefcettero le fuc famiglie SC 
an.n fece gli ellerciti. onde parendo a lui, che non gli baftalTe la Itanza del padre, deliberò di fabricar vna 
..■rah.c^citta,&lafciando.lmotehabitan^ 

i diligentemente hauendo confiderati tutti quei piani, ch'erano vicini al monte, coligliaròn che 
ia citta li faccHe nel luogo,doue fu edificata Fe:::percioche conobbero il luogo molto commodo 
per vna otta.veggendoui molti foiiti,& vn gran fiume,ilquaIcnafcendo in 'vna pianura nò mol 
to dilcolla.paira tra certi piccioli colli & valli molto diletteuoli , correndo prima dolce &C cheta- 
mente otto miglia di piano.dalla parte di mezzogiorno viddero etiandio,chc v'era vn gran ho- 
(co,iIqual poteua molto feruire a i bifogni della città.coli edificaron vna picciola citta nel tranfito 
del fiume verfo leuantc,di circa a tre mila f uochi,&: fu molto ben fornita fecondo la fua qualità di 
cofe perimenti alla ciuilita. venuto Idris a morte , vno de fuoi figliuoli edificò vn'altra non molto 
grande citta verfo Ponente, pur nel tranfito del detto fiume.crebbe poi in procedo di tcpo Ivna 
ac I altra, per 1 1 tatto modo,chc non altro che vna piccola contrada dipartiua le due città .• pèrcio> 
che molti fignori.ehc v, furono aitefero a far venir grande la fua . ma cento ottanta annidoppò 
che tu cdificata,nacquero grandi Fime parti & difcordie fra i popoli delle due città.ac ciafcuna ha 
ueuailfuoprmcipcAicccrotralormolteguerre,lcqualiduraronoccntoatmi.fopraué,icd.nni 

che 



A che G 

cegli e 
ambec 
diridu 
i? fium 
le due ( 
hora h 
del! a fu 




lodimt 

tàjlidiu] 

del Re, i 

ftcn'cgli 

faquadr 

B fontana, 

d'impetc 

nclmez: 

iro,5i:lu 

i detti cel 

molto gc 

fimilmeti 

colori.ag 

lori.conn 

leda tutte 

diduefoL 

icrpallàr 

oniereqt 

altcA'gh 

&.' intaglia 

rI)i quanti 

no alti,&: t 

(leali di dei 

C ioliche,&:' 

ti archi, tut 

no di legni 

nomoltillì 

qual fette b 

lefonofco] 

fontane bai 

niarmOjCOt 

teconferue 

fono anche 

conferuc,&: 

queltcconfc 

llate,nellaqi 

'e calè vna u 

gliono pigili 

torri n può \ 

doli luoghi < 

ornati di cole 

marmo &:d': 

latediraofaii 



i mezzo il paC- 
:nte.haladctta 
lActutta col- 
r a perfettionc, 
rue ni maggior 
]ucfbanàmol 
ì:1 tempo di Sa- 
daDuccalarvi 
opolo centra il 



, lidie fii l'anno 
IO le fonda mcn 
eftaalgiudicio 
:e ella fu edifica 
•iochc gli Ara- 
alto f trctto pa- 
jndcuca venir 
bc per moglie 
nadrc.ma Arò 
odiAIaumct- 
ragioni conte- 
iiÀron^cli'cra 
ria in tal digni 
fc la perde, fi«: 
idocliequcfta 
acafa diHali, 
ili fé ne fuegi- 
ccchio &.'rc!i- 
csza de f juor 
etti a fuggirli: 
a.qucftoidris 
ioli il dominio 
rea a trenta mi 
lafciòvnafua 

mafchio.il-y 
•ronudrircon 
:ntc capitano 

1 far di belle et 
ic famiglie $C 
lifabricarvna 
:egnieri,iqiia- 
jligliaron che 
to co m modo 
inuranòmol 
alceS^chcta- 
1 vn gran bo- 
ta nel tran I ito 
fua qualità di 
■a non molto 
ditcpOjl'vna 
città : pcrcio- 
aannidoppò 
kfciafcunalia 
irauénc dipoi 

che 







n i r- r » ^.r J' E t r A F R I e A 

AcIicGiufeppeliediLuntunaJimonèrnnm^r,^ ir • ?! 

ceghcruddmentemorire,airhó"il^^^^^^^^^^^ 

ambeduefliccheggiatcAfuronuivccVdiSetop^^^^^^^ 

d. ridurre , due popoli in vno, A- fece disfar leTufa E-,?, '''"'^""'''' P'^rioncdcliberó il Re 

.? fiume fabriear molti ponti, accioche li potfrTcomrnodS ^?"l? ' """f '"'' dairaltra,&: fopra 

kduecittadu.ennerovnafola,S^que»aroafuS^S i ^"'"''"^'"^^ 
hora hauendoui^ettalacagioned^a eciwS^^^^^^^ 

.p di mez2og,orno,perche l'ultra parte vcntraS ve f^Zcm. . ''^.' ^'^ nuoua,c.oc dal la. 

S R v' ? r°'" ""^''>'^1"^^'' vanno per la maggfor Se a£ "^"^ cit. 

del lU,ix: ad altre cafc.etiandio oeni tcmn.o «r^n.^^ ^ . }K "'^ ^ ' «^'"^dini , &: coniLMani 

rtcrie.glifpedali,5.icolIegicheSr'>^cr^r^^^^^^^^^^^ 

Jaquadra,e^aldintornov-haalcunecamererco„Znor^^^^^ 

B <,^,"«'">l^cuiacquavfcendodalmuro,cadcincer°o c^^^^^^^^ '" ^'^'^"nadellequalièvna "-, -cuo 

dimpeto,aIIhoraqueiracquacorrcaiccfn^nrm?nf, ? ,'"^'"'°'^^°'"<^ 'efì fi vn poco T%''^' 

ndmc^zodi^queSacafa.e^purvna?onS^^^^ 

iro,8.: lunga dodici.a: d'intorno fono rrrr, r^nói ] •♦• "^""^^ 'ì"'^'' tre braccia, larga circa a ouat 1"»"'° or- 

idetticeffldinumerocircaacentocn^^^^^^^ 

n.oltogentJmentefabricate,la;^u7ccS^^^^^^ 

fimilmente fono mattonati i luog! i fconcrti 5 . .wr.t "'' ^ °'"^^'^ ^' ^«^"' mofaichi 

colori,agu.Tadivandimaiolica^faSpfnS 

Ior.,comedazzurro8^dbro,&:fonodetticZSd^'tf±^ 

ic da timo ,1 coperto ddla cafa fendere i Danni^S' nJrl?^ 

d.Uuefolai,^molteditre,5.difuSd?grvif^^^^^^^^^ 

ccr paflar d vna camera in l'altra fotto il copcrt^DercShcT^J '''!.' n^^""'?'^" "^°'^°'P^r PO" 

omcrcquaifonodavnaDartc a/n,,^.vir ■ *^ f '^"'"'^--oddlacafac difcoDerm ^1n 

^c.C.^huommidrqZrprfg?^^^^^^^^^^^ 

&'mtagliatem.nutamente.&nd!?carrefoe^^^^^^^ 
^Imiuan.oelalarghezzaddlacanier'n 3^^ 

no alti & tali,die non paffino ki palmi per ootZZn^ ^°^'' P' " ^^^'^^-^ =^'<^"n' 0i voglio 

.K:a didettecafefonoVatti,fopra'ce3;KS^^^^^^ 
C ''^''^'''^.-^ vifitruonanoalcunifucolonnedimarm^^ quali p.uddla metà dima, 

t. arch,,tutti copertidi mofaico,8^ i traui,d,e fonóTot^ra I^^.T ^\ '^^ ''?' colonna all'altra cer. 
nodilegniintagliaticonlKllifììmilauo 1 fi^conS^^ 
romoltiirimecafe,lequal.hannocerteconWdW 
qual /ette braccia,&: lunghe qual dieci & qua dod.ci^^ 1 .f 'l"''' '" ^"/'^'-^''^rghe qual fei &: 

.efonofcoperte&mattonatediniaiolichrrcSf^,^^^^^^^ 

fontane balTe,molto bdle,&: fitte con dette maSSeS^i ""^'^'^^^ ^^^ 

n)armo,comelivedendIefontanedEu ópTcomelefoman^^^^^^ 

leconferue, per certiacquedutti coperti /niolm In. ^^5^^ 

fono anclToradlepiene?nevaaliSS^^ 

conferue.& cade per certe picciole vied. manSa rh ' J "ff"'^""' ' '^'^ 'ono intorno a dette 

queffeconferuefìtengono7emprenetfcS:^m^^^^^^^ 

at^ndlaqualepofcia vi fogl.ono nuotar donile Imomim ^ hn^^'lr ° Ì '^'''^ '^'P° ' ^^'^ "^'-'^ 
le cafe vna torre,dentro laqJalc fono molte S &! rn A """' ' ''^'"° ^' ^^•- «''^"dio fu 
S.onop.^,.ard.portoIedonne,quandoS 

torri h può veder quaf. tutta la città.fonui qu?f°feuecen " fr-- ' ^"°" "^ P^^'^^^'^^alle detti 
col. luoghi da orareA' vi for> d. quefìi teS cicrcTnmf^ '^"^PH & nìo(chee,cioe alcuni pie- t..ìì ., 
ornati d. colonne di marmo & d'aVi ornS^^^S ""r^"'? ^^^l^'^'v^ '"°'t° ben fibricati^ & Si?/ 
«narmo&d'altrepietrenonveduSnr^?;,^^,^'!^^^^^^^^ 
«..moi.coodtta«olcc5t„tagUbdlifIanZ-^^^^^^ 

cioè 



■ il 



Ifl 



! •! 



i 







TERZA PARTE 

cioè coperti' di raiiolc, &: il pauimcto cTi detti tcmpij,è tutto coperto di ftirorc bcllimmc. IVna cir n 
cita ali altra con tanta ed tic=za,chc non (i vede alcuna parte di tcrrcno.8^ i muri di dentro fono 
l.n, Imente coperti d. ftuprc,ma folo a tanta altcrsa,quanta e h Oatura dVnhuomo. Scuno 

anchoradiquclhtempncvnatorre,do»evannoqucIi.,dKhannodidocu.aaoridar&:num^^^ 
lehored.puratcaoratiom ordinarie n^^^^^^ 

detta orat.onc A ha cura dell entrata del fuo temp.o,aoé tenendouene diligente conto dS ! 

la a . mimftri del detto tenipio,comerono c,uesl.,clie tengono la notte le lampade accefe, & que 

g^.chc fono diputat. alle porte,et quegli alt ri,che lianno cura nella notte di gndar ft, la torre?! al 

pò delle orat.om:perc.ochequeIlo,che grida il di.non ha falario alcuno : ma bene e libero da ceni 

icnpo p,i f ^ ^'■' Caruuen..lqual e vn grand.inmo tempio^ tiene d. circuuo circa a vn mi-ho Ì me- "o 
cp^Um »ia trcnt vna porta , grandilfima 6^ alia ciafci.na.,1 coperto e lungo circa a cento ci7iauìta brln-n 

coperto e per lunghezza appoggu, to fopra trcnt otto archiA per larghezza fopra vcti.8^ din 

jorno^cioc da Leuante,da IWìteA' da Tramontana,fono ceni port;chiJar^Wcun^^^^^^ 
biacciaAlunt'Oouaranta. .Sotronniit.( inn^nVi,.' e.,,, ^L._.- _' •^., •;?..? "*""" 



bracca A lungo quaranta. Sotto a c|uelii portichi fono màgj^^irne;;;;^^'^^^?!' 

r cole neccdarie al detto fcmpio.nelqiulc ogninotte s'accendono no- 



Iampade,leliuore,tì(: l'altre 

uccento lampadcpei coche ogni arco ha la fua bnHxd'a^m'a'iff.mm^S'tc S^VS^chi X 

corro per mezzo il cuoi e del tempio,perche quel foto ne ha da cèto cinquanta lan pai nehua , 

ordine iono ceri, luminari grand, fatti di bronzo . ciafcuno dequali ha luoghi per m H 'cmoue ^ 

cento lan^^ìdeA- quehe fu. on capane di certe città d. Ch r.ftiari,,acquiihueÌ aLn"^^^ 

dentro .1 tempio apprclfo . muri, fono cert. pergami di ogni qualità nequali molti dom macSi 



n.c.o^cuUa^fc.cnze..or^^h;ii^;^i;p;;;;™„^^^ 

la i are da altri non 1. Iegge,chc da certi huomini priuau. le altre non leggono, icrSluoZTmoì 

f,oiXo dati 1. Iibr. di 11 umi. Jl facerdote di quefto tempio non ha altro carico,che di fàrl'oratio 
ne n.a ben t.en cura d .danari & robbe,chc fono offerte al tempio ptr li p m I è è dif, n fa o 
ddlcntrate,chefono afciateplipoueri,comefonodanari&gr'ani,5equ.di g og^^ 
e a tutti I. pouer. de la c.tta,a chi piu,a chi meno.fecòdo la qualità dd!e famig^ieTcoIu cheS 
la cura del rKcuoter 1 entrate del tempio,ha vn vfficio feparito , 8C ha di prouilìone vn duca o 3 
d.. tien colti,, otto not.i,chc hanno per ciafcun di falario al mefe fci ducat &: fci I uomini che n 
fcuotono.danariddIcpigionidelIecafe,ddlebotteghe,3^d'altreenS^^^^^^^^^ 

intorno pr proueder ai lauorator d'i terrenità quei,che attcdono alUigne,£^ a e, ueS^ 

fuo. 1 della c,tta,circa a vn miglio,fono prclfo a venti fornaci,doue fi fa la ca dnaS e"tamc 
Dell'entra- ^o"e f. fanno le pietre per le b.fogne ddle fabrfche ddle pofTeffìoni et dd tetim^^^^^^ 



me e 
ijpcittata 



di 



,-/-„_. ^i.' • , — i--f> •""' •'""p«-"«-p"*-i'tiamciane ccoie.onra d£ 

£ f n I ^'" ''"'^fP ""f^''"'' ''^'' "°" ^''^^'^ cntrata,quelfo tempio di molte cokforn 
fce,quello che auanza f . fpende a commune vtilità ddla cina : percioche il commut^e non 1.^^^ 

ratad.n.unaforte.cvero,cheanofiridi.RcfoglionofarfìprefbrdigradanawT3ot^^^^^ 
tempio,nepercio vegli rendono giama.; Sono in detta atti due colLi di fchoì nioS^^^ 
edificati CO.Ì moli, or.ia.ncti d. mofaico di di traui intagliati , 6i quale e laftr So d marmo^ 
qua.dipietred.maio ica.inci^afcundiquefticolleg.fonomolteca.mrc 3^ vTn'eV^^^^ 
to&qualpiu,£.qualnj^.no,,S^tuttifuroned,ficatidadiuerl.RedellacafadiMa^^^^^^^^ 

Henon6cinlu.hay.ìabcl llimafontanadimarmo.ch'ccapiccd.ducbottedacqretDerer 
irò palfu vn f lumicelb in vn . analetto,che ha il fondo molto ornato , £^ co de r uè Si i^a^n'o J^ 
d. pietre d. maiolica.e^ fonui tre logg.e con le cube coperte d'incred.b.l beHezza ^ d n torTo fo 
no colonne fatte in otto anguli attaccate al muro d. dmerll colori . & dal cnp; d 'cS^Tcun co^^na 
ali altra fono archi ornati di mofaico , d'oro fino,&: d'azzuro . il tetto è fa to^di lecni intasca iS 
fornati con bel lauoro &: ordine.'.=xr ne confini de porti chi con lo fconrr m i m .? /J^ ì^ 
lcrcuamodod.gdoiie,chcqucll,d.cfonoaId.fu'o..:nonr^^^^^^^^ 

ZC,CÌ2C 



A 2e,ch 

gerco 

lonofi 

luogo 

iolica,( 

no.lcj 

no di li 

fcalefai 

iqualia 

Volle Vi 

uodifp 

io gettò 

noi fri/ 

C( 

N( 

Ma fu 

ma v'era 

fimigliai 

B tinajSifd 

fcuno fcl 

non V Ila 

giardini, 

il mantcr 

ita e forfè 

maditutt 

roviucrd 

città, non; 

geiltefio. 

Icdifficult 

brOjfccon 

Sono in 

uanonetc. 

no molti al 

eh i.m aneti 

conligliato 

C cmator del 

cclloriddp 

lioni,pc.-fb 

furono vein 

&-'quaiifcn: 

nobile, ma p 

fiicri infermi 

fcnieperiniì 

tateaipazz 

forati arincz 

come ferrate, 

giare,comev 

con elfo lui a 

«liei o,i pazzi 

bonodfcrtcn 

no credendoli 

traghbruttan 

meno le più v( 

nouoi dettimi 



"fimc, IVna cu- D 
di dentro fono 
ìio-mciafcimo 
idar&fnuniur 
[i tocca a dire la 
:onto difpcfar- 
acccfc.&quc- 
fu la torre il te- 
• libero da ogni 
lianiatoiitcm- 
!;lio de mezzo, 
iqu'ita braccia 
altinTima.&il 
ravcti.&dm' 
iafcuno trenta 
fcrba Iblio . le 
:ccndono no- 
ie gli archi, che 
ipadc, nclqual 
mille cinque- 
ni Re di Fez. 
;i dotti madori 
npocodoppo 
poventiquat- 

I a legger non 
lalctiionedcl 

huominimoi 
fio, & li ven- 
di far l'oratio- 
è dirpenfator 
li fcfta fa par- 
coluijchctien 
vn ducato il 
3mini, che Il- 
io di quelh', pi 
ico d'andare 
legli.chclian p 
:atiil mefe. 
^altrettante, 

II tempio ha 
ofc fopra àet 
te cole forni- 
e non ha en- 
faccrdotcdcl 
i molto ben 
i marmo 581: 
:hc n'hacen 
. ve n'è vno, 
lai Re Àbu 
ta,etperen- 
li marmo dC 
d'intorno fo 
:unacoIòna 
ntagliati dC 
dilegneccr 

«vr *«v ni. ì :an 

zecche 



D E I t' A F 



Asc.chcfonofottoacfetfi'portich/ Tuff,'.- '^ ^ ^ A 

ger con mano fono velhti pur di pietre di Sica a"h''"'° '" '''°'^"^'° vnliuomo può o.'un 
lono feruti verh,nequali li rantiene 1 annn H, ^"^ '"'"'"^ ^ ^"" "i"" per tutto ,1 cnll^ ? 
uogo &:deired.ficalore,doe,IRe4Z^ 



per iiKto 11 collegio 
jTiolti in lode del 



.olic^arilcampo bùnèrdY;:^^ '" '°'^' ^'^' 

j^^^5^^^^j|^'^'P"9pJgarcoia,chepiacc/a. 

ma ve"ano " ^t.TpdTquTtfroc^^^^^^^ tenuto conto,a: trouò ch'in fon, 

iimiglianza con audio &' nrr ^!. 1, "^''aducati.tuti gli altri collerr, di^ZT- " '^"^ 

B t.na,a: du la fcraSml t m^^^^ '^^''^'° ^' ^^"° '"f°" in diuerL fc^S^c t'.l ''? "° ^ V''^*^^ 

fcuno fdiolarc d mXdC 1.?"^ P'-°"'fi°n'^ '^^ciata da gli edS ' A n ''^^'-' '' "^^^ 

nonvhan,,odien n?e pSf. 'r^''^^^^'-''''^'^''^^^^^^^^^^^ 
J^.ard.n,lacutentrataTr:d;p^:;e^^^^^^^^^^^^^^ 




loro/econdotlfoggl^^^SS!^"'^^^^'^"^^^^''-^^^ 

SonoinfemoItifpedahW^fS^!"^?,'^'''^^^^ 
uanonetemptad.etrSSt^^^^^^^ 

nomoltraltridifuoriddle porte noSh^S^j^''"' ,f':;^^S'^'"cnto in q„efh fpSF^flT' 
chi.ma ne tempi della guerra dsST '!'' "*' ^"^"' ^' dcntro.a: erario elTi fSt * l^ ^°' 

e per li fere- 

Abbachilo 

: camere dipo- 



-q....amct.nonsamdn,„o, Hamftnclofp^Jaliwttfq'^^^^^^^^^^ 

Viaggi ""'"^"''^^""8''3ri,chefanno dimiltiero, 

^ cioè 




TERZA PART^ 

rioc notai,fattpri,protcttori,cuoclir,&: altri clic ^oucrnano jTlinfcrmi.8(f Iia dafcuno adài honc- ] 
Ito labiio. Al tempo ch'io era i;iouanc,io vi fono flato due anni per notaio,fccoiuio l'vfanza d'i 
giouani I tudianti,ili]ual vfficio rende oj^nt nicfc tre ducati . ^onui ancliora cento fiufc ben iàt 
bricatcSi^ ornatc,aIcuncdcllcqiiaIi lono picciolc/alciincgradi.ma tutte fon bttea vnoillcllo mo 
do , cioè ciafcuna ha quattro ibn::c a ^uifa di (ala . di hiori fono certe los^^ic alquanto alte , & iti 
quelle s'afccndc per cinque oucr fd fcalini in luoj^hi.doue li fpogliano t^li huomini, dC ripongo- 
no le vcltiniciua loro, rvicl mezzo vfano di far certe fontane al modo d'una conferiia , ma molto 
gradi.horacomcriuioiTiovuoleandara vna di qucltcllufe, entrato eh egli è per la prima portj, 
palla in vna (bnza,laqual è frcdda,8(: tn lei tengono vna fontana per rinfrcfcar l'acqua , quando 
ella e di fouerchio calda, di quindi per vn'altra porta fenc va poi alla feconda (tanza , ch'c alquato 
più calda,&.' qui ' minillri lo lauanOj&T gli nettano la perfona.di quefta li pai la alla tcrza,ch e mei 
to calda,douc fuda alquanto rpatio.& quiui ha luogo la caldaia,douc fi fcalda l'acqua ben mura- 
ta,laqualecauanodeuramcntcincertefecchicdilegno,&^ fono tenuti di dare a qualunque Imo- 
no due vali pieni di quciractjua,ct chi più ne vuolc,o dimanda eller lauato.gli bifogna dar a co- 
lui che attcndc,duc o almeno vn baiocco,^ al padron della Uufa altro non li paga che due quat- 
tnni.racqua li (calda con lo Itcrco delle bcltie:percioche i maeliri delle (tufc,fogliono tener molti 
garzoni 6(:(omari,iqualidi(correndo per la città, vanno accattando lo rterco delle (bile, &.' por- 
tandolo fuori della città,fanno di quello,conic vna piccàola montagnetta, 5i ve lo lafciano feccar 
due o tre mch.dipoi per ifcaldar le (Iute dxL la detta acqua, l'abbruciano in vece di legna. Le dònc . 
lianno anchora elle per loro (eparate llufe,S^ molte anchora li tengono 8C per donne et per huo- 
mini còmuncTiicnte:ma gli huomini hanno determinate horc,ch"c Io fpatio da terza, hn'a quat- 
tordici hore,fi<' più & meno, fecondo la qualità d'i giorni.il rimanente del gior.io è affcgnato al- 
Icdonnc . lequali (ì come entrano alle Itufc, cofi per fcgno di ciò s'attraucrià vna fune all'entrata 
della ftub,fic'allhoraniun"huomo vi va. &.' fé acca Jv- che alcuno volcfle faucllar alia fua donna, 
egli non può: ma per vna delle famigliari le la apportar rimbafciuta . &.' gli huomini 5( le donne 
della Cina, Viano parimente di mangiar nelle dette Ihifeià" le più volte li (ollazzano a varie guife, 
de cantano con alta vocccoli tutti i giouani entrano nelle i uife ignudi,(cnza piti ider niuna ver- 
gogna l'uno dell'altro . ma gli huomini di qualche conditionc ÒC grado v'entrano con certi fciu- 
gaioi intorno,nc liedono in luoghi communi,ma li adagiano in certe picciole camerinc,chc (em 
prc (tanno acconcie di ornate per gli huomini di riputatione. M'era (cordato di dirc,chc quan 
do i detti miniftri lauano vna perfona,la fanno coricare,dipoi la fregano alle volte con alcuni va- 
ti riftoratiuijft.' alle volte con cotai ft rumcnti,clie cauano ogni bruttezza.ma quando lauano al- 
cun lignorc, Io fanno coricare (opra vn drappo di feltro , di appoggiar il capo (opra certi guan- 
ciali di tauoIc,copcrti pur difeltre. (ono anchora per ciafcuna Itufa molti barbieri , iquai pagano 
vn tanto ti maclìro per poter tenerui li loro frumenti , di lauorarui dell'arre loro . di la maggior 
parte di dette (iufc,(ono d'i tempij di d'i colIegi,fi^ lor pagano di gran pigiùne,cioc qual cento, 5C 
qual centocinquanta ducati, &^ chi più di chi meno,(ccondo la grandezza d'i luoghi. Ne e da « 
tacerCjChe i garzoni famigliari di quclk ftufc vfano di far certa telb vna volta l'anno . laqual ò in 
cotalmodo.inuitanoi detti garzoni tutti gli amici loro,& vanno accompagnati dal fuono di 
trombe di di pifieri fuori della città,dipoi cauano vna cipolla di Squilla , & la pongono in vn liei 
vaio di ottone, Scoperto che l'hanno con qualche touaglia di bucato, fé ne vengono alla città 
fonando fino alla porta della ftufa.allhora mettono la cipolla in vna fporta,& l'appiccano alla 
porta della (tuia dicendo, quefblàracagiondcH'vtile della ftufa:pcrcioche ella farafrequentaw 
da molti, ma a me parcelle d'oli debbia addimandar più tolto facrificio , nel modo che folcua- 
no vfar gli Africani antichi,airhora ch'ein furono gentili, di rimafc quel b vfanza inlino al no- 
llro tempojli come etiandto (i truouano alcuni motti delle fclte, che i Chri(hani faccuano, 
lequali quali s'olferuano hoggidi : ma eglino perciò non fanno per qual cagione (i bccia alcuna 
di c|uellc fcUc.à: in ciafcuna città vfafi d'olleruar certe felte di vfanze,che la(ciarono pure i Chri' 
(hani,quando effi l'Africa lìgnoreggiarono, di quelti motti, sei auucrra , che mi paia a propofi' 
to,vc ne (porrò alcuno. Hoiterie, 

Nella detta città (ono circa a dugento holteriejbenifTimo veramente fàbricatc.&ir tali ve ne han 
no,che fono grandiinmc,(i come quelle che fono vicine al tempio maggiore , di fatte tutte in tre 
folai.vc n'è alcuna,chc ha cento venti camere , & tali pi u . &' in tutte fono di fontane di ceffi con 
lor canaletti,che portano fuori lebriitture.io non ho veduto in Italia limili edificrj, fenon il colle- 
gio de gli Spagnuoli,ch'è in Bologna,^ il palazzo del Cardinal di Sa Giorgio in Roma.&f tut- 
te le por te delle camere hfpondono al corridore » ma come che qlle hof leric liano belle dC gradi, 

ve vn 



A v'cvnp 

viene al 

cheli co 

doucdc 

za, cioè < 

& della ( 

nc,chcs' 

mine.fi r 

ancho.ci 

che la mi 

lemerett 

immigri 

mini di p 

chi per q 

lo.queftì 

lacitts.ol 

gran qua 

ìufficient 

B Verità, vo 

fono alleu 

mini di m. 

no tener p 

nemcrcat 

tcrdetto a 

ro.menoj; 

ti d alcuna 

(come io e 

Dentro 
può elTer v 
(ala S^ in ce 
parte del ce 
no mulini; 
bottcghe,c 
gianijchen 
botteghe,6 
C fanno maci 
per roglio. 
chi ve ne fo 

Le arti in 

zadclmagj 

quali è cògli 

tai.piu olirà 

i mercatanti 

fcarpe&ib) 

diqueltofor 

teghe. Dall 

6^ di ottone. 

lichcvendoi 

ditori delle et 

ciaijmadiefli 

&'limoni,&: 

ghi affioriti 

ca a venti boi 

lorocòpagni 



noadài honc^ D 
do l'vfanza d'i 
o ftufc ben ùf 
/noUiciìo nio 
nto alte , Oc in 
i,8>CripoTìgO' 
tiu, ma molto , 
\ prima porta, 
equa, quando 
ijCli'calquato 
tcrra,chemol 
uà ben mura- 
alunquchuo- 
ognadaraco' 
clic due quat- 
10 tener molti 
(bllc,&.'porx 
lafciano fcccar 
Tna. Lcdónc 
ncctpcrhuo' 
za, fina quat' 
l' aflcgnato aU 
ine all'entrata 
Ila Tua donna, 
ini 3^ le donne 
:>avaricguifc, 
Jcrnmnaver' 
con certi fciu^ 
icrinc,clie fcnt 
dirc,clicquan 
:on alcuni vn^ 
idolauanoaU 
ira certi guan^ 
iquai pagano 
de la maggior 
qual cento, (5i' 
;hi. Ne e dj j 
no.laqualèin 
i dal fuono di 
;ono in vn bel 
L^ono alla città 
ippiccano alla 
ra frequentata 
lo che folcua' 
ainluìo alno- 
ani faccuano, 
i ^ccia alcuna 
IO pure i Cliri' 
aaiaapropofi' 

(Ttalivenelian 
atte tutte in tre 
ne OC ccin con 
fcnon il colIC' 
Roma.&:tut' 
belle &: gradi, 
v'cvn 



DEI, L'y^ F R I r* A 
A Ve vn pcfTimo alloRgfarc : pcrdochc non c'è ne Ietto ne lettiera m-, VU.n. -a .. ' '^ 

viene albergato, vna fcliiauma & vna ftuora pc fuo C, re^^^^^^ '''""^ ' ^"'^"^ ^''«^ 

die 11 cóperi la robba,^ gliela dia a cuocere in n.,l^f.h!Ar ^'' ^""' "^^"S'^'"'''. conuien 

douedelIacitta,Iequal.no^I,anoncternèpa^^^^^^^^^^ 

za,cioeci.ì(cuna ha la fua camera, Qc in tal ve ne ,lbrr„-,^5^ '^.r '^ c^uelies alTcgna vna ftan 

^dellacudna. Etperdaruialcunamfon^r^^^^^^^ 

ne,chesappella Elcheua.A: vanno velhtidh SSn S?om n . T^ T""' ^"'"''^^ 
iìiine.li radono la barba,& s iiun-mano d'imiia e n^r ^ ,°' ^"^°''' ' «"''^ ''' ^^- 

ancho.ciarcuno di quelt infam ìu ominf Se vn r V "''^^^"^"^'^'^^ ^'^o fauellar filano 
che la moglie vi. co'I mar.to.etunroSo dX^n ^f '""' ? 'i'' '°" '^"^ '"' "°" ^'"•'■"'^"■. 
lemeretricineichiamdeirEuropalumrcon^^^^^^ 
iminiaridellacortedianolorialSS^^^^^ 

mini di peir.ma vita.chi per imbriacarii clW neTsfi. Jar h Vy ^nV"° '^' ^o"""0"o tutti gli huo 
chiperqueiraltrevieillecite^vitip.^^^^^^^^^^^^ 

lo.queft. 1. fatti holtier. hanno vn co^loToToa, 'nn cr» Ì «^«"e de quali e il tace, più bel- 
la cut^.oltre a queUo fono obl.gatS;^^^^^^ 

panquà,itàdellalorbngata,p^-rfar\acucSSdah^^^^^^^^^^ 
fufficienti.ioccrtamente(chlrfmrnlJ^r,.,.uA a ! , *^°'^'''''""'^"0'ntalnic(hero 

B verità. volentieri hare?rapaatS 

fbnoalIeuato&crefciuto.che.nrot a^o^^^^^^^^^ 

mini di maggior l>ont3,chc (lano in tutta l'A fnl. -^ » ^ "°' '' '■'^«"° "^^ ^'^^ contiene huo. 

notenerpt^Lccome^^llèllSfcZi;;^ i^S^^ 

nemercatantenealcun1mon,odabeneartig.ano,pu fol n^^^^^^^^^^^^ 
tcrdettoaquellidintrarneitemDii a-ni-Ilpi^a^^i^^/ "J'i '"ente parla loro,(3(: e limilmcnte in- 

ro.metìo polTono tener l'hol^^?^eSo^?p^^^^^^^^ 

t. d alcuna rara qualità. &: tutto iì^pober' da omb '^'"^P'^'"^"^^"'' « alloggiano i mercatan- 

(come.odiH0^11ebtibg.tede.c^S:itE^3;^^^ 

pii^"nm^SXu£rSuS^^ 

iala OC in colonne.&: in alTuTa berS mfl' r ' '^"" "'"''"' '^^'^^ ''«' ^ "^°do di vna gran 

partedelcontado,chrmtra S b drS ^ r^^^ °"'"^ ''"'"^° ' '^'"^1"*^' ^ ^« '««'e . fvna 

noniuliniapigioneTcom^^^^^^^^^^ 

bottcghe,che tengono pu/e a nleSnc^S d?. /n «" remare. pofcia vendono la farina ndic 

pani,^he'nonhaSnZrf;cXhei?pt^^^^^^^^^ 

botteghe^: fanno far il pan in cafa manhlmnmS S[^"0'f;^'"Peranob farina a queffc 

Cfanno'macinaracertimSiniSSL^^^^^^ 

per roglio Ja magg.or parte,etiandio di qudf I tiu .n^"dS 
cluvenefonodVcutadtni.&Japig(oneègrande,cioedueS^^^^^^^^ 

qualiccò|5ntacolLrcXS'l c^^^^^^^^^^^^^^ 

ta..p,u ol.ra verfo ponente,fono circa a tre^ut bScX d^^^^^^^ 

« mercatanti delle fcarpc che fono drca a rrnm rm ^ di Iibrari,& vcrfo mezzogiorno Hanno 

fcarpe&:.borzacdiinT/acS nmSu^ 

diqudtofonoicalzola.,die fanno fc^pe^^^^^^^^ 

reghc. Dalb parte di leuante ciocdaltemn.S hln^ i . ' '•^fopoAbnoeirer cinquatabot- 

^^diottone. Ldirimpetto"^^^^^^^ 

Jchevendonolefrutte,che fannocircaa^lnquant7alS^ 

ditonddlccerciqualifannoipiubdlauori IziolilZ^^AMT H°PPoq"f'^' fonoi vcn- 
c.ai,ma di efT. v han podic bottcehe Si vr^ìKfn fi ^ ^ "".^' 8'ornu Poi fono i mcr. 
&'l.moni,a:achivedequeS?perla^^^^^^^^^ fion,,quahetiandio vendono cedri 

gh.&fioritipraticheliano.nn oCad^^^^^^ ^P"^^ ^"«^ ' P'" ^^' 

ca a venti botteghe:perciocl e S cCfa^^^^^^ 3" .^'^^ ^T'" t ^*"''^'' ^^''^^''^ ^°"o '^^ 
lorocÓDaeme. Anm.fT^.p.?.n;^^^^^^^^ voghonohaucrfempredi tìori nelle 

. .. -.,, q.u{..v„.^:.v.uuonaii«a,.quaiiicngonolcbottcghe fornite 



ti in Fez Co 

no ben or- 
liiiacc. 




r » I 



Viaggi 



e 1) 



di vali 



-"^-mm»iwiff>f-..- 



TERZA PARTP 
di vafi di maiolica.^: vfano di comperare il latte da alcuni v.k c3ri,che tengono ìc vacche per co- 




ìv 





da ogni giorno vcn(icmt|iic botte di latte infra aj;ro dC ircko . Oltra quei del latte fono amoìi 
che vendono il bainba,i;io,&: giungono a tréta botteghe. Vedo tramontana (ono i mcrcatan 
ti dei canapo.quclh vendono !c funi.t capcllri di caualIi,lo fpago, 6C alcune cordicelle . Oltre 4 
qucUi.lono quelli che fanno i cinti di cuoio.lc pàtofole, à: alcuni capcitri da cauallo,pur di cuoio 
lauoiati di (età. Più oltre fono i guainari, iquali fanno guaine di fpadc, &:di coltelli, &.' datino i 
pctiormi di caitalli. Doppò loro i venditori del fale, S^ del gclìb, qual coprano in groiìò A' lo 
vendono alla minuta. Poi quei che vendono i vali.iquali (ono belli «&: di pfetto colore: maqu.il 
d'vn color foU ,0.' (jual di ducA \ ha circa a ceto botteghe. Poi fono quelli cht vedono i morii 
lebriglicdccaualli,lecinte,lefcllc,à:lelbtfe,a: 'ono circa aottanta botteghe. Poi ve il luogo dì 
facchini,che fono circa a treccntoA hanno quclti vn loro con(ule,o diciamo capo, ilqualcforti- 
(ce ogni fettimana quelli, iquali hanno a lauorar &C fcruir alle occorrentic di chi gli vuole in tutta 
la detta fettimana.i danari che fi danno per loro nierccde,li ripongono in vna cairetta.latiuale ha 
diuerfechiauiferbate da diucrii capi, fc fornita la fcttim.uia li diuidono quei danari fra coloro, 
chevifono !laiicati.&: quelli facchini ualoros'amanocomefratclli: pcrciochequandoalcundì % 
cfTì muorc,o^ ììfct^ qualche picciolo figliolino.cglino in comune fanno gouernar la donna per 
inlino.chc volendo ella la rimaritano.d 1 fanciulli ve ne tengono amorcuole dC diligete cura, per 
inlino a tantvi che elfi liano di età di mettergli a qualche artc.ac: quando alcuno li manta o gli n : 
ice alcun hgliuolo,egli fa vn conuito a tutta la còpagnia.a: ciafcuno allincontro, '4I1 fa certo prc- 
fente,nc alcuno può entrar nell'arte loro , (e prima non fa vn conuito a tutta la loro brigata , QC k 
pur V cntralIe,lauorando egli non può haucr,fenon la metà del guadagno che ha cialcuno. &: (o 
no priuilegiati da i f ignori.di non pagar pena di forte niuna,nc gabella, ne pure cuocitura di pa. 
ne a 1 lornai.&: fc alcuno cornette qualche misfatto degno di mdrtc,non e punito publicamcntc. 
clh quando lauorano vcllono di certo habito corto,&: tutti d'un colore:m 1 ^^tiado non tocca lo- 
ro di lauorare, v.mo veltiti comunque vogliono.fono nel fine huomini he icifi 5C di buona v ita. 
Oltre al luogo di quelli facchini,? la piazza del capo del conlolo.a: giudici di tutti i veditori della 
robbachcli mangia . Nel mezzo di detta piazza,c vn certo ferragho di canne.fatto in quadro, 
doue li vendono carotcè nauoni,lcquai cofc fono quiui m tato pregio,che altri nò le polìòno c6 
perar da gli hortolani,fuor che alcuni huomini diputati,iquai pagano certo cenfo a i doganari.ct 
ogni di VI h veggono.500.fome di carote,^ di nauoni,&: alle volte pui.Sc' vedefenc infinita qua. 
titima quantiìquc clic f lano nel pregio ch'io dico,nòdimcno li fogliono veder p vililfimo prcs 
Zo,cioc trèta o almeno venti libbre al baiocco . & la faua frefca alla f iagione li vede a buoniHìmo 
mercato. Dintorno fono botteghe,doue fi vendono certi vermicelli, & aItre,doue li fanno aicu f 
ne pallotte di carne pelta dC fritta in olio,con aliai qualità di fpctic,a<: ogni pallotia e grolla, come 
vn fico comun.et vendeli fei quattrini la libra:ma fono finte di carne m'agra di bue. Oltre a qiic> 
fla piazza, e verfo tramontana la piazza de gli herbolai,iquaIi vedono cauoli, rape, & altre Iup 
be che fi màgiano inlieme con la varne,&: fono circa a quaràta botteghe. v'c poi la piazza del fu. 

mo,ciocdouefi vendono certi pani fritti in olio, lìmilia quel pan melato, cheli vendein Roma. 
de quelli tégono nelle lor botteghe molti f frumenti dC molti garzoni: pcrciochc lo fanno co mol 
toordincà: vili vende ogni giorno gran quatità di detto pane.pcrche li vfa a mangiarlo perdi- 
giunarc,ma(rimamétc i di delle feftc,&: auati a quelli del digiuno, 8C fé lo mangiano in còpagnia 
della carne arolio o con melle,o con certa brutta mineltra fatta di carne pelta,làqual doppò cotta 
peltano vn'altra fiata,&: ne fanno la detta mincftra liquida, &: la tingono con terra rolTa. larrol io 
quiui non li cuoce nello fchidione.ma fanno due forni, Ivno fopra l'altro , dC pongono fuoco in 
quel difotto,&: come quel difopra é ben rifcaldato , vi pongono dentro i caffrati interi , per certa 
buca fatta dal difopra,putche il fuoco nò offenda loro la mano.la carne ì cotal modo molto bene 
ficuocc,&:diuicnccolorita,SLhavndebcatofapore:perciochenon le può giungercilfumo,ne 
ella fcnte fouerchie fiamme, ma [i cuoce co temperato calore per lo fpatio di tutta la notte. la nìaf 
tina poi l'incominciano a vendercjd' tra carne &C quel pane che habbiam detto, fi vende per eia- 
fcun giorno per pui di.xoo.ducati.pcrcioche fono d 1 t)uelti tali quindici botteghc,chc altro ciTcr 
citio tutto di non fanno. vendono ancho certa carne fi itta,&: pelei fritti,&: certa altra forte di pa- 
ne follile de fello come vna lalàgna,ma più groflo A' 1 impal tano con buuro, Qc limilmcnte con 

butiro 



levaccfic pcrco^ D 
I di Ic^nocintidi 
iottf(^lic,5i£: qucU 

butiro, 8C parte 
ic nella dita A vè- 

l.utcfonoquij^ij 
» tono i mcrcatari 
Jiccllc . Oltre a 
lullo.pur di CUOIO 
olcdli.d' tanno j 
iO in jrrolìbA'Io 
) colore: ma qii.il 
L vedono i morii, 
'oiv'ciIlirojTodi 
pò, ilqualelorti- 
f^li vuole in tutta 
ilictta,laqualcha 
tinari fra coloro, 
quando alcundi £ 
lar la donna per 
iiligetc cura, per 

1 manta o gli n; 

, ;^li fa certo prc- 
uolTiirataj&irc 
lacialaino.&'fo 
cuocuura di pa^ 
> puhiicamcntc, 
do non tocca lo- 
S(f di buona vit.i. 
ti i veditori delia 
jfatto in quadro, 
[lólcpollònocò 
baidoganarict 
cneiniimtaqu.i- 
•> vililFimo prcr 
deabuomnìmo 
juelibnnoalcu f 
ta e grolla, come 
ic. Oltreaquc' 
ipc, 5C altre licr- 
a piazza del ta^ 
cndc in Roma, 
lo fanno co mol 
angiarlo perdi' 
ino in còpagnia 
ualdoppò cotta 
arolTa.rarroiio 
tigono fuoco in 
interi , per certa 
»do molto bcfie 
[i;crcilfumo,ne 
la notte, la mat' 
ì vende per eia' 
e,chc altro efler 
Itra forte di pa^ 
limilmentecon 
buuro 



loro lauori. Doppo queli, fono quel ^che venS ò o ^^ r^^^^^^^ '""'« '^•- ^"^^ ^''^'^' ^'^"-« 
ueJ.moni,carotc,.\^appariconc.Ì'tenL^onolcCrr.? f ?^ 

HK^no . forn.ment.,chda n,ercataMt.aKd^^^^^^^^^^ 

fi^quegli,cbegrmcan,ano,fonocertif,cdnSód^^^^^^^^^^ 
vende m quantica. Klett, vai. iono ciaicunocJntoS^^^^^^^^^^^^ 

ari cdi fargli d. f. fatt.. mifura. gì. còpcrano i pa "on d ffiS 5 rf"^'"'''''''''^' ' ^^''''«^^ '^'' ^•^^- 
u. gli riuendono . Apprello quelt; hanno luògo Ìca he ro^'Z? '"'^''"' ' ^, ^^^ ^"'' 
altc,a^fatte,comcfonoquelledeiralfrcartiin.nirr.,j I .*^''^'^'*''Mi'Jranta botteghe 

lande. &: nella beccarla tion (. . i m .-^zano d^^^^ '''""" ''^."''"'•^ ^' P^'^-»"" con iX" 

^u. le fcorticano, & fannole portaTcalldo o bo ^ e H 7" r''''''^ ' f ''' ^' ' ''"'^' '' »^""ìc, &: 
«Y Pnma.cl,e ve lefaccianoUare llgn^^^^^^^^^ 

le fa vcdcrcac da .>. quelli vna polirà, ncnamXlE^^^^^ dinanzi al capo d'i confuli, ilqual 

qudta pol.za è teniita dal bec aio aSSS n, r^ l^^^^.^'^''^- f' '^^ '> vender la carne dC 
,)arimente. Oltre a i becca, e la p a^zza ne k.Ì . v ^^^^^^ "'^'""'' ^' ^'"'^'' ^'^''' ^ '^KJ^^re 
fono arca a cento botreghe.8^ fé at Dorr v ''T? ' '"""' ^' '"'"^ «'-^^'^1 . hi pae?c et 

..;cantatorc,ilqu..Iefelo^ecainVal5'^rgn ,^^^^^^^^^^^ 

» gì incantatori iellanta.cominciali a faH.nc.£d^^^^^^^^^^ 
ga ali incantatore due ba.ochi per ducato d' i „u n .nnnT «'7"^,-''"^^ 'i"'! ^"a tardiA' li pa- 

de. 8or;od,poiqueglichepl,|.fconola;m,c ;^^^^^^^^^^^^^ 

v ha di coloro che le pulifcono et inlieme vcn£nol^^^^^^^^ cofe.a^ 

della dtti.V in quell!. di fuori. 6^ vendono per Wh.^^^^^^^^^ ' Pefca.or,,, quali pefcano nel tìumc 

c,.attru.lal.bbra.l.iudepigliargranquann d^,^^^^^^^^^^ 

re incominciano a pigliar dal principio -; '-«obre peri lin . i^? '' '' '''"^-^ ^^^^'•^' ^' ^'C 

fuin'adoueragionarenìodVtìumK \-'opp. -\cii^^^^^^^^^^^^^ 

ne,& fannole ci, canne . fonu, quara. ta t.ouc^l' e e or ;^ '''' ''"l"^ '' «'"'^^"^ P" '«^ ^^^^i' 

«ic.operingranare,&:percag;ondMie,^zza ^nl r^^^^^ 
.nqudfe gabbie. P.uoltrefonoifapo , dqu^^ ^^v^^^^^^^^^^^ 

teghe inhemc , perche le fono Separate pJcn; de Ì'S Ì ^'^'T '"J"'^^^"' ^ ^°"° P^^''^ ^ot 
ne , monti vicini, & i montanarf^ n.uLt.er v St m T.J^K T " ^^"^"^ ^"" '"'« 
botteghe. ^^lIoltrefonoql,eglichevcdonolaS,m^^^^^^ 

*.;licme,perchc ve ne fono per S.tte le cÒmrade Pi. tZ r '' ""'u"^'? ^°"^ P^^^e botieghc 
.legumi p fcminare, ve ne vendono bcZeHo 'cibo ^^^nT ^"'"''' 'I ^'^"''°"° '' S^**"^ « 
de II Tuo. fn qudta piazza fono . porta tSrTdS,, ^ ^"'^"t'fà.a^ niun dttadino vcn 

uall. con li bafhli. portano di confSwu^^^^^^^^^ 
C pra raltro,a: fono tenuti a m.furar de«o grano l'od^n^ il T ^"''''? '" ''' '■^^^'^''''"" ^«^ 
acircadiecibotteghe PoiclapiazzX f^ven^ Lt^X' ito' V^^^ 
mo.fqucftapiazzafattaanKKlodVnaWàcafr&'d.nl.. ''no,a^doucl. pettina detto 

lcquaIif,edonoimercatantiddletdc.Ì?enm,'n^ 

noledonne,chcvcndonodrofilato,S(cnct"^^^^^^^^^^^^ 

per gì incantatori chea torno lo por anoTl, comT.^ (^ "^n'""" * ''"'^"° '"^''O" fi vede 

èC dura fino al vcfpro.doue fé ne vende mSlT ^'*'''.r ^«? l^*^"-" ^o da mezzo giorno. 

foriopiantatin^oInpiedimoroperomS^ 

la=zo va a veder deiro niercato a gran f^ùo vSnn ? ' ^f' ""J" '^'' P" "S'^"^di fo^ 

v.fono.IequaI.fouentevengonoapa"dràZSfe 

del mondo.di maniera,che ffnno ridcrcVSrconf tt. H ? >^"''?" n^°'' ' '"^SS"^*- ^"^"P*^"" 

d.verfo.ltcpiofmallaporta,ncuff.vaaM cn ol^ 

xioquc,d,efannolefecchiedcuoio,chesadoDcrannS^^^^^ 

quattordidbotteghe.dipoifonoqSlhchSnM?"r^Ì^^^ 

onocircaatrenta''botteJhe.dipo?S cu SS^^^^ 
la gioirà per li contadmCà: per lo popolo mnuS I C^ "'^'^'a-.che fanno fcarpc cotale al. 

poi fono qudli,che fann^ leLghe KSd cuoi! f? "? Y''.?""''"^"" ^«"^M'^e. Di- 
ne vede alcuno ndl'Huropa, inopSand^^^^^^^^ 

«quali tengono botteghe , doue fonoWr"?vairÌatlt. '""' '' "''"''"' ^' ^^^""^ «^"^itione, 
hanno fintP^/-»,-. «-->/» j'__- . . '"'""^^"'.^3" grandi come vn tinacno, A'^Mn-.i. -i,-,.-.-' 



i 



1 




€ 11) iquali 






f fiì i 






il 



'i-Ximfmmmmummmmsmm 



Il|| 




tl.1^' 






TERZA PARTE 

icnnìi gli lainno molto diTi'^cntcmctc,&r gli afciugano diitcfì flipra le funf,comc fi fa in ^ Mia.poi D 
eli piegano con vn bel modo,&: fannogh venir cotanto puliti et bianclii,che appena colui,di cui 
lono.gli riccnnfce.di qirclli fono circa a venti botteghc.ma fra le còtradc&r alcune picciole piaz- 
ze ve ne folio più di dugcto^ Uapoi fono quegli.chc fanno i legni delle felle di caualli.&: fono 
molte botceghedalla partc,chc guarda verfo Oriète, doue e il collegio del Kc Abuliinan. Poi 
fono quegli, che addornano Ir f tatìcgli fproni,d' « ferri delle brigiie'et fono circa a quarata botte 
ghc.Si' fanno lauori ecccllctifrimi,5(: forfè alcuno di voi ve ne ha veduto in I talia.o in qualche al- 
tro paefc di Chrilhani. [\n tono alcuni fabbriche fanno folamctc Ifatfe, briglie.à: ferri per for 
nimenti de cauallu Voi fono quclli.che fanno (elle di cuoio, & v^ano di far tre coperte per fella, 
luna fopra l'altra.piu fina quella di mczzo,&: l'ultima di minor .)cllezza,& tutte di cordouano! 
Quelli lauori anchora fono eccellenti &: mirabili, come fé ne può veder per l'Italia, dd fono cir- 
ca a cento botteghe. Poi fono quelli.che fanno le lancic, «3l hanno le lor botteghe lunghe tato, 
che ve ne polTono far di grandiUìnic. Più olire e è la rocca , laquale ha vn bclltirimo corridore, 
&■ cjuefìo da vna parte li eltendc fino alla porta di Occidente , dall'altra parte rincontra vn gran- 
dillimopalazro.douc alloggia oforclla o parente del lie.macda (apere, che'l principio di que- 
fta piaz2a,incomincia dal tempio maggiore,^ io per non romper l'ordine delle pià2Zc,ho det- 
to lolamciucdi quelle,chc fono d'iniorno.lafciando vltinia la piazza d'i mercatanti. 

Piu\^.i iti wor.rf.iwf/. 
Qiief fa piazza e a guifa d'una picciola città,laqu.ile ha d'intorno le fue mura.chccontcngono « 
nel lor giro dodici porte.&.' ciafcuna di queffc porte e attrauerf-ita da vna catena;di modo, che nò 
vi pollono entrar ne caualli,ne altre beliic.la piazza è diuifa, come da quindici contrade . due fo- 
no per licalzolai.che fanno le fcarpe a igcntil'liuomini, ne ve ne pollono portar di quella forte 
& bellczza,nearti<>iani,nc foldati,nc cortigiano alcuno.Altreduc (ono tenute da « fetaiuoli:vna 
parte e di quclli,che vendono i cordoni per II cauallijiocchi a: altri ornamenti,&: lono circa a cin 
quanta bottcghe.raltracdicoloro,che vendono la (età tint.i,perLuion di camicic,di origlieri, &: 
di tal cofc,a^ fono circa altrerantc botteghe . apprelìo quelli fono alcuni , che fanno certe cintole 
da donnc,di hn3,&C fono grofTc 8C brutte . alcuni altri le fanno di (età , ma fono della medelima 

bruttezza.perciochccfTe(onofattcintreccia,&:grol!e,quantoducdiradihuomo,talniente,clic 
potrcbbono di leggicro.tencr legata vna barca. Coppo qUelfe fono altre due contrade , douc 
fianno i mercatanti de panni di lana.cioc di quelli,che vengono d'Buropa,&: fono quclti mcrca- 
tann tutn Granatini.quiui anchora lì vedono panni di feta,bcn Tttc,ò: lete crude, f'iu oltre fo- 
no quclli.chc fanno i matcrazzi,af i guanciali per la fta te, &: certi drappetti di cuoio. apprcfTo e ti 
luogo digabcllieri.pcrciochc limilmentc i detti panni li vendono a nìodo d incantoA' quei,clic 
hanno cura di cio.gli portano prima a ligillare a detti gabellieri, Qc poi li vanno incantando fra li 
detti mcrcatanti,&: fono circa lelTanta incantatori,8i: 1 1 pagapcr ogni panno vn baiocco . Più 
oltre fono tre contradc,douc Ifanno i farti.doppo iquali ve vna contrada di alcuni, che fanno ccr 
«e treccie nel capo dipannf,che fi mettono in lelta. doppo fono due altre contrade, douc hanno p 



OrJine ^ 
Klictii.-irU 
pi.i72a He 
nifuiiti,& 
Il ttibuti ie 
clliupcta- 
tuii. 




^ ,.Kllaqualel v....v^,..,......„.,a...„.... . uivtvìiaiun 

trada,douc II vendono alcune vclh,fattc del panno,che vicn pur d'Europa . 8C ogni fera lì vfa a 
far l'incanto de deiti panni,cioc quclli.chc portano i cittadini per vcnder,quando diucntano vec- 
chi,ouer per qualche altro (uo bifogno. vltimamcntc ve ne vna.doue li vendono camicie, tot la- 
gIie,fciugatoi,a^ cotai cofc vecchie di tela,^: apprcflo qucf ti,fono certe loggiettc^douc s incanta- 
no I tappeti,&: le coperte d'i letti. 

i ìtjm'jujoprit il nome dille contfdde dette Caif^trid, demmindte ddlnòme di Cefo; 
Sono tuttcqueftc contrade appellate inlieme Caifaria, vocabolo antico, & diriuato da Caifar, 
che vuol dir Ccfàre,che fu il maggior lignore,chc fulle a que tempi nell'Europa.pcrcioche tutte 
*' <à,chc fono nella riuicra di Alauritania,fu. ono lignoi eggiate da Romani , &r poi da Ciotti. 
U » tutte vera vna di quelle piazze.lequali haueuano vn tal nome.rendendo gli hiltorici Afri- 
cani la cagion di cio,dicono,che i miniliri e . Romani &: di Gotti teneuano di qua & di la melco- 
latamentc per le città ondachi &: in3gazrini,dùut ferbauano i tributi &.' ( cenli , che riceucuano 

dalle città, iquali molte volte veniuano laccheggiati dal popoloper ilchc vno Imper^dorc 1 i pofc 
in animo di far vn luogo limile a vna picaola città, ntiqual fi ragunallcro tutti i mercatanti di 
qualche riputationcSt' ten. lìnui le loro mcrci,&r ini leme i miniltrì dell'entfatc d'i fuoi tributi. vi 
icrbailcro tutto quello, che riicotcuano, rendendoli certi, che lei ciitadiìu volclfcro difender 



A ctconf 
potrei' 
te nelli 
con tra 

Vici 

tradadi 

con d Ut 

che la n 

nocofìi 

uari:pet 

nendou 

parte di 

conofce 

limi tetti 

aquelfn, 

le botte^ 

ticlii,(bn 

B III me; pei 

tini di bo 

Il fono qu 

glie d'i to 

molti altri 

pcrciochc 

coli lono ( 

vccelli.lic 

degli veci 

cine. l)t 

de fono fai 

coperte di 

manco d'v 

te commi II 

•c^iiodigi 

no più. 1 

5^Iie non p: 

il (anno le f( 

C ftoparipor 

pi I cenere,! 

clicggiano 

che fanno fi 

rile.ma font 

dovnquati 

tenendo ga 

montoni.! e 

Doppófom 

nu-s'ufanell 

iiiilure.fono 

millicri.tra t 

Cloche ifabb 

cornei timor 

fono I tintori 

noi lauori di 

•e fono pKìiat 

te l'altre. D 

firmano .ilici 

«"PPÒ iquuii 



:nacoIui,dicui 
'. picciolc pia2- 
caualli.6(: fono 
ulii'nati . Poi 
iquaràta botte 
> in qualche al- 
la^ tcrn per for 
pertepcr fella, 
di COI douano. 
!ia, di fono cir- 
c lunghe tato, 
mo corridore, 
mtravngran' 
ncipio diqiic- 
iiù:;:zcJiodet' 
II. 

e contengono - 
modo, che nò 
itradc.duclo' 
di quella forte 
ifctaiuoli:vna 
ono circa a CUI 
di origlieri, èC 
t"» certe cintole 
L'Ila inedeiima 
»,taimente,clic 
3ntradc,douc 
qiicltimcrca' 
Più oltre fo' 
o.apprcfTociI 
to,&^qiici,clic 
cantando tra li 
aiocco. Più 
, che fanno cor 
.',doire hanno p 
ii'qucft!ironoi 
;li altri. Più 
oivevnacon 
ni fera lì vh a 
mentano vcc' 
camicie, touj' 
ouc s'incanta' 



tatodaCaifar, 
ercioche tutte 
poida Ciotti, 
hiliorici Afri' 
irdilamcico' 
Ile ricciitiiano 
•ridorclipofc 
mercatanti di 
fuoi tributi, vi 
trcro difender 
flt con- 






D E L LA F R I e A 

A ctcon[eriiarIeIororobbc,iImeddinir.Ini-r<^r. n r . . ^^ 

~,quandononba.al.^^^ 

con due belle porte.S^ non men lor,,,cl e iSie S^^S^^fn* ^ ' '"' '°'"''^'^*'' ' ' ^''''' ^'^ ^"^ '•«• 
che la notte vanno decorrendo d urtò o con Lnt.^^^^ ''"cS°"^ ^' '^^''^^ ^alario,^„ardK,ni, 

noco(.Iecofcd.rpeti.ria,comednSuS^^^^^^^^^^^^ 
uar.jerc.oche.mediafannoqudi,vffiairKl-c /lor n^ 
nendou.«ar=on...qttaI.led,iinbu.Tco,,oiecoSe^ 

parte d. quelle bo.teirhe,rono congiunte inl.emecon ni HI. h^ f r ' ^ ' "e ''^'^"'' ^ '-> "^^«.'«'or 
conofce ne medico ne medicina.hanno i d a TDenah^ ^1 . «'','P'Ì:''''' ' ^ «' P'" del vol^o nò 

(.m. tett. a: armai.,te in tutto ,1 u,ondo penfo .o che ■ i'""^'^'^*-' ^'^*^ ^ '"^^'^^^ ornate,con bell.f. 
a qtie(b.egl. è vero,che m Taur.s cutrdn>errho vcdn, ?^'' ""' '".'fr='' ^' ^^^"■''' ^n^'^I'antc 
le botteghe fono cert. portici,, vn poco l^u ncMS.m^^^^^^^^^ Srandiffima puzza d. quel ù.ma 
..chMono fatti fopra colonned, niarn.o oE „ " '"^, .'^«^''^.f ^^^^^ &^ «'letti por 

B Kmìe:perciocheqt;ellad.Tauris.ealuu^too cur S 
t.m d. boiro,& d'altro legno,dequal.^^"r^^^^^^^^ 

1/ fono quelli,che lauora.io gì. agh. ^ o, o c^. . <- ' Y'' ^'"•'"^'^ ^ ^^""° ^ dett. /pena. 

glu•d7torniator.,mapoch:^pcrVètt r^S^^ 

niolt. altri far.nai,raponar.,aacoDari che r.w;„. ^ ^" ^'"'^''^'^ ^'"'^^ ^'t' • i^ipoi fono 
rcroocheghaltnlLìoaì^oTo^^^^^^^^^ 
col. o,,oquegli,chefannoforn.mentid. letti t^adSr^l^^^^^^^^ 

vccellM. da mang.are come da cantarcma fon?^o ^eCteoh^^^ 

dcgl.vccellator.. Hora nella p.u parte di nuef te bo r.,K/'^' .^"''''"^'■^^^^ 

c.ne. V°PP«^-"«nucgl.,chc!fan^noer3^^^^^^^^^^^^^ 

defono£mgofe,mafaue.mteromo!.ogent. .r ente^o^^^^^^ 

coperte d. cuo.o.cuc.te con feta.& il p.u m. e o S.Th u m n '" ^'''''''' ^^' ^^^" ''''' ^''^^'^ 

nuncod'vnducato.venefonod.qt,elle,chevagSÓ5.r\^^^^^^^^^^ 

tecomm.niementcd. legno d. moro & nero &- 1 ,^n^^ -^ v u.c.nque dircat..qucUc fono far. 

''.s-^d.g.ugg.ole.&qÌ?dìeduevSnVeSl^^^^^^^ 

no p.u. 1 >.u oltre fono quell.,che fan,ioK("rT« ' .* " ^"''''•' ""] T'^^' ''^' '"^'•^ ^ura. 

SlK- non panano d.eci. Sonò ctiand.o apSo Sh ^nn "' ,'"^V ^^' ^^''i^^^'^^ 'oro botte 

<annolefcoped.certepalmefaluanre?omS^ 
C fcopun portano quelfeloro fcope per la c.S n rr .^ quelle che vengono a Jioma d. S.c.l.a gli 

I- cenere,a'perqualdìell-arpe oSa f^^Sl^^l^^^^^^^^^^ 

e .egg.ano .1 '.lato.i cubati..,. fogl.onoconTprS^^ vaccar.,ct a cene, e a quell.,d,e bian^ 

Ce hu,no folamente i chioui. Doppo fSSn ch'Z ' ""' V J '" "''^'^ ^^"^ '!"" ^^^^^i^ 

nlcnia fono fatt. a gu.fa d. fccch.e.fanno 2hoS^^^^^^^^^^^^ '''' ^' ''^"'^ ^•■^"'^'' ^^"^«^ ^'" I^» 

dovnquattr.nod.c.afcuna. Doppofono S^^^^^^^^^ 

tenendo garzoni che le lauano.S^ caiiandot^e iX ?arrnn ' ."°"rP"''"" '«-' P*^"' da . beccaf, 

nìonton... cordouani 5c le peli, d', buo'" acconrnn;^ accotonano i cuo,,ma nò d altra forte d,e d 

Doppcfonoquell.chefa,,l,oIef;ortXcX^^ 

mes-ufa neirAfrica,e^ quefh con£,anò con S^^^^^^ 

- ure/ot,ocolorocheL,nopcttiniperTol moSr 

miHieri.tra quali v. fono alcunichelimanoihnnWtT* '"°'"^"fvnaluga piazza d.d.ucrlì 

CKKhe.fabbLonfogl.onoI.ma e Srpó^o^^^^^^^^^^^^ 
con,e.t,„,on.,8^gl,aratnd'ararla temKt^^^^^^ 
rono.t,ntor,,.qua.tut,.hànolelorbot gl^^ 

no.l.uorid.feta. Dr.etoqudh,fonoìlhS„7,o b^^iS^^^^^ 

«-• ono piatati alcuni alben d. mòro.& JotZia- "a nd?. ft ' -^ ' ''? ^f^ì P'*'=^^'' "*^"^'1"3- 

jc ! altre. Doppò fono i malifcald,rchrfe ran;7cau h^ r i ' Ta'^'ì ^ '^ P'" ^'^«^ d. mt. 

'.rnK,noaIlebald}regI,arch.dacdaiSi;"S^^^^^^^^ 

^oppo.qual.fonoqucll,chclui..noIccd.^5iuilù;:S;^^ 







il l'I w*^ 



«w5^.i.f^?jMi««s;;S5js3™^5SÈSSaTSS£:^a-^^ 



» i 




•" il' *^- 




li 



uè 



TERZA PARTE 

cioè di quella che dalla parte d'occidcntc,Iaqual anticamente fu vna città da per fc (come s'è detto ] 
di (oprala.' lu tabricata doppo laltrajCh'c dall'altro I^to d oriente. 

Seconda j'jiftc iklla. citta, 
Etiandio la città ch'c vcrfo Icuantc.c ciuiic.Sc: ha beIli(Timi palaz3i,&: tcmpii,&: collcgij, OC ca- 
fc.nu non è nel vero coh copiofaA' abhondcuole di duicrfc arti come l'altra: perciociic non vi fo 
no,nc nurcatanti,nc fanijnc calzolaijfcnon di panni 5t lauori frolli . ve vna picciola piazza di 
(petiali,nellaq'jale non fono più che trenta botteghe . bC vcrfo le mura della città fono quelli che 
fanno i matroni,6^ le fornaci di fcodcllai. 5C più lotto di ciuciti, v'è vna pia-za gràdc, douc li ven 
dono i yali bianchi,cioè lenza vctro,comc fono catini, Icodellc, pentole, dC tai cole . l'iu oltre è 
vn'altra piazza,douc fono i granai,ncquali {'i ripone il j^rano . vn'altra dirimpetto alla porta del 
tempio maggiorc,chc ha tutto il fuolo di mattoni,douc iono botteghe di diucrfc arti SC meftieri, 
&: quei le fono-lc piazze ordinate per le dette arti. V'ha pofcia quelle che loiio difordinate & 
feparate per la città.eccctto i panni &.' gli fpetiali che non (i truouano feiion in certi luoghi depu- 
tati. Vi fono anchora cinqueccto &C venti cafc di tciruori di tclcA' dette cale fono fatte a guifa 
di gran palazzi di più lolai con falc molto capeuoIi,&: per cialcuna (ala v'è gran quantità di tela- 
tì,òC i padroni delle dette itanze,non tengono inltrumento aIcuno,ma i maclhi (ono qutgli che 
tengono gli ltrumcnti,S^ pagano folamcntc le pigioni delle Itazcd' quella è la maggior ai te che 
fia fiella città. Diceli che in ella vi li contengono venti mila huomini,^: altretanti fono nell'ef 
fercitio di molini. Sono limilmcntc cento cinquanta cìk di biàcheggiatori di HIato, èC e la più 
parte di quelle cdil icata apprellb il Hume,&: fono bcnil limo fornite di caldaie ^' di vali murati, p 
ìar bollir il filato,^' per l'altre occorrentic che vi vanno. iSJ per la citta fono certi grandi alberghi, 
doue li fcgano i legni di varie fortiV&: quello vftìcio li fa da alcuni Chrilhani iicimuiA' di dana- 
ri che efli auanzano,i loro padroni danno a quelli il viuerc.ne gli lalVano prendere npofo,fenon 
la metà del vcnere,che è dal mezzogiorno inlino a fera. 5C circa u otto giorni fparli in diucrli te- 
pi dell'anno, nequali fono le fcfte d'i Alori. Sohui anchora certi chiallì publici,douc le meretri;) 
ci attendono per picciolo prezzo, &: quelle fono fauorcggiate,o dal barigcllo.o dal s;ouernator 
della città.fono certi huomini,iquali fenza ollcnder la corte,tacendo l'vlncio ^\i tabacchino , ten- 
gono fcmine ovvino a prezzo nelle lor cale, &:cia(cuno (e ne può fcruir licuramente. Sonui 
fciccnto capi di acqua,cioc fonti naturali,i quali fono cinti di muri d' di porte cheli tengono fer^ 
rate. perche ciafciuio li diuide in molte parti.ÓL' ciafcuna ne va lotto terra, palfando per canali alle 
cafe,a i tempi j,&: a i colIcgij,ct airiiolìcne.Si: quell'acqua e molto più in pregio che quella del hu- 
me: percioche alle volte manca,mairimamentc nella Hate, a quello s'aggiugnc,chc volèdoli net' 
tare i canali,c dibifogno che'l corfo del hunie li faccia padar di fuori della città, onde tutti fi foglio 
no accommodar dell'acqua di detti fonti. &: fé bene i gcntiihuomini la Hate hanno nelle cafc loro 
acqua del liume,nondimeno ve ne fanno recar di quella d'i fonti.pcr efllrr ella QC più frcfca OC più 
dolce.ma nel verno fanno il contrario.&: quelli fonti fono per la maggior parte dal lato di poiiè- 
te,&dimezzogiorno:perciochcla parte che niponde vcrfo tramontana,c tutta moiuagna,chc I 
1 1 dinuìda Teuertino,ct lui fono certe folle grandi et profondc,nellcquali li fcrba il gr.mo,p mol- 
ti anni.&: tale ve n'c.che più di dugento moggia ne cape.&: gli habitatori di quel luc^ ;o,chè fono 
luiomini di volgo,viuonodcn'vtìlechceiri cauano della pigione delle dette,ch'c vn moggio per 
ogni cento in capo dell anno. Nella parte di mczzogiorno,laquale è quali la metà dishabitata, 
fono molti giardini ripieni di buonill imi dC diucrli frutti,li come fono melangoli, limoni, cedri, 
$C altri Hori gentili. fra c|uali fono gelfomini,rofe damafchinc,à: ginelho recato quiui di Europa 
de a Mori molto caro.à.' ne i detti giardini,fono bcHillìmi alberghi,fontanc,SL' confcrue,&: qiic# 
Ile fono cinte da gclfomini,daiolc,o da melangoli. & nel tempo della primaucra l'huomo, che 
s'auicina a quelli giardini, lente da per tutto vlcir vn delicatiflimo,&: foauilfimood ., ne meno 
ha poi di palcergli occhi,della bellezza S^ vaghezza loro.cheinucioctafcuno di r .1 giardini af- 
fomiglia al paradilo terrellrc . onde i gcntiThuomini vi fogliono habitar dal principiè) d'Aprile, 
per ini ino al fine di Settembre. Nella parte di occidente, cioè dal lato che confina con la città 
reale, e la 1 occa,che fu edihcata nel tempo d'i Redi Luntuna, laqualcdi grandczz li può aggua- 
ghare a vna città . &' quella fu amicamente feggio d'i gouernatori OC lignori di Fez, cioè àuanti 
che ella fulle città reale, pei cioche pofcia,che da 1 R e della cala di Marin f u la nuoua Fez edifica' 
ta,queltafu falciata per habitanon folamcntc del gouernatore. Nella roccae vnbel tempio.fa' 
bricato ne tempi che ella mol:o era habitata.a quelli di,i palairzi che v'crano,lono llati tutu Ijpia 
nati,&.' del terreno se fatto giardini . ve n'è rimafo vno,doue habita il detto gouernatore, Òc altri 
luoghi pei" la luu taniiglia , àC loaui moki luoghi òi fcggi, uouc cfio gouci natoic fuok dai au- 

dicaza 



A dicnza 

j ti.&fo 

» fone.ni 

fegreta. 

Neil, 

ilrar la i 

prcpoU 

quali lu 

nJoni,S 

&' acuii 

per auto 

le condc 

fi fuol dj 

fcopatut 

cittàjign 

co ni pag 

ni riuclii 

B inc.il gol 

Icprigio 

deputati. 

rocche e 

no che di 

no; perde 

to alcuno 

limiimcn 

go,doucf 

la città qu 

alle due di 

e della reti 

ficiodi tal 

feiuentia a 

jja ogni di 

tclccofedi 

pagliate di 

hanno ceri 

C imulattier 

no pofcia e 

vifcnepori 

galline niu 

macello du 

corte di doc 

beccai, &: le 

fpezzare ir 

hoa:pello. 

Itovtiìcioc 

iolamente a 

u.ui&:igno 

no il verno I 

àC molto Itr 

robarnuiri. 

Zi orecchie. 

torno la bari 

roilvcrno,c 

=a quella rol 

pi eZ:.;o.i do 



rome se detto D 



ollcgtj, 8^ ca- 
che non vi fo 
bla piazza di 
no quelli che 
e, doue iì vcn 
► Più oltre e 
alla porta del 
ti Se iTicfticri. 
liTordinate dC 
liiorrhidepU' 
3 fatte a guifa 
antiti di tela- 
no qingli clic 
rgior arte che 
i fono ncll'cf- 
ito, Se e la più E 
l'ali murati, p 
indi alberghi, 
ii,à^didana- 
ripofo,fenoa 
1 in diucrli tè' 
uelemeretri^ 
1 _5;oucrnator 
lochino, ten- 
ute . Sonui 
tengono fcr- 
per canali alle 
.luclladelhu- 
volèdolinct' 
tutti fi foglio 
ielle cafc loro 
.1 frefca £c' più 
lato di pone- 
iontagna,cIic F 
;r.mo,pniol- 
OjjOjChefoiio 
1 moggio per 
i dishabuat.i, 
[nnoni, cedri, 
lui di Europa 
rerue;£c' quc* 
l'huomo, che 
liMc,nemeno 
il giardini af- 
pio d'Aprile, 
a con la città 
può aggua- 
z,cioè auanti 
V Fez edihca- 
3cltcmpio,fà' 
Uati tutu (pia 
latore, dC altri 
faolé da lau- 
dicnza 



one.ne v e reparata o decreta liunza^alcutìap e e^F^zS^^^^^^ di' f f '" ?^"' ''' ""'' ^'^' 
regreta. per la detta rocca palla vn hume alle bifogne ^ a comnod d rS '""" '" '^''-"^"•^ 

Nella citta non fono fcnon alcuni niccioli iiHìr, A- n,n '^i' ^'"'^"■"'.•««//>r. 

ftrarIaragione.vV.Igouernatorc,cfe^^^^^^^ 
prepolìo a ragiò canon.ca,c.oe alle le-S nt e da?lS!nT ""'T''' * ^'^ «'"^'^^ «' '1"'^''^ e 

qual.luogotenentedelprimicro,&'aacScS 

moni,ec' anche vniuerfal.nente rède r" eioneTnofc "^ ^ 'i'f'"^'^' ^^ ^'■^'"'"^«- ^^i^i 

&' a cui ii fanno lappcllation. d-i i^ ud^^^^^^^^ 

per autonra di quilche meno ec^ Icn te do o e fh^ot nn^'^'^'^^ ^ ^^""^ '^ ^^"^«-'"^^ 

le condcnnagioni,che in diuerli tcp. 1 f mni^^^^^^^^ 
f.fuoIdare,e?eiìerfruaatonel pr^^^^^^^^^ 

Éropature. poi al frulbto .1 boia mette v^ao^^^^^^^^ ^ì "^''T. ^^-"to^dugento Se più 

cutà,.gnudo tutto,eccetto le parti vergoS"^^^ ^f .""^^ '^ ^^"^"^J-' P^'»" ^utta la 

compagna,gridando fempre .1 boia ^pVSndo d m ^^ '. 7' ^'^'c'^ '' "-"'«^"^ '"^^ 
n. rmelt.ro,&: ncon.ato in prigione^ E X an ^ .^^ r '"^ ''' ^'"^^ '"^'"^' '^«'' <^ '^'^ <'"^'' P5 
B|ne..lgouernatorehapercfua^ucr;o^^^^^^^^ 
Je prigioni ha certo cenro,,lquale 4e duo Du^^^^^^^^^ 
de^uta,..ma fra le altre vtdiS ha vn mo3ar^^^^ 
roccheegheobhgatodidaretrccèto huomm \„^ 
no che dura la guerra fono da lui paca i7S ^ S f "' '"^P' "^^ guerra,iqual, per infi 

no:peraoclKevictatonellaIeggcK;-ru^^^^^^^^ 
;oalcuno.nuemviuonod.ah5falanrc i^^o^^la^^^^^^ 

luì. mentefonogliautiocati5c-p,ocuratori:p°S^^cS"e&^^^ 

go,doue fanno incarcerare i debitori Se altri ncr mi.. !., a!^ -^ ''''"'^ ' ■^''"^"^' «^^-'^o luo 

la città quattro barigclh de non p u nual f m,^ M '"--^f' 'f „^' P"^^"' n^omento.&- fono nel- 

alledued.notte,neLnnoemaS'iìS S^ 

i della retentione,a: di certa p.ccòh ocna X r I. ' . ''■'° '"'^^ '^^ '^'^''° ^'^^ P^cdono , che 

Jaoduabacchini&rSnug^^^^^^^^^ 

fcuentia a voce,con,e gli parc.nc vlpiu die vno d r^^^^^^^^ ?'^ ' S'"dice ne notaio : ma da la 
ga ogni d. alla camera del Re trenta dSSnfn'.??" ' '^^^'"' ^ì' ^'^'^^'^ ''^"^'^ P=» 
telecofedipicciolpregiopagano UuS^^^^^^^^^ 

pagnaie dalla porta a quella da vno de gua .^ £?^e urdun^^^^ ' '^."«f ^ ^^^^"^^ 

ha.Hioceriodanarodiputato.&:allcvoItede i m^^^^^^ "^'."' ^*'^°"^^' '^ ^"-""''^-J 

C n.ulattieri,acciodieeninonpomnXnaS^^^^^^^^^^^^^^ 
no polca doppia gabellaci pa.!^amèto orZarTofonX^^^^ ''' "^f «"^^""-'P^J^a 

v.lcne portano molte,pagali ilquarto di tutto 1 Drc--A H P ^ 'y?''"' '^'"' '^''■"'^^'»^ ^'^^ 
galline luuna cofa h paga*:.K- a!l%o°ah(S^^ 
.nacdloduebaiocchipercalironea^vioSurm^ 
cortedidod.dsbirri,&caua caToelìeStc iW 
bccca,&'lecofedieperS3òno^^^^^^^ 

fpczrare in molti pezzi Se da -^ colui dìrhw Ì\ * ' ^^ "r ? "" """^"^ '' ^^-'l'"'' P^'o, lo fa 
hoa;pdb.nmilm'ente;;.:ta"Xtp^ ;^^^^^^^^^^^ 

ito Vinicio concede il Re a gentilhiiomini che i^Sm^ ■? P"blicametc per la città, que 

lohmente a h uomini dotti Se d EX f ,m\ ni f "^' T ' "' ''"^P' •^^'*-'"'^ ' '« ^^"'''^"^ da e 
uat. S^ ignoranti, gì, hal^ aSrkSa S n^n ^K T '"!' ' ''«"°''' '° ^'^""° ' ''"""""' Pi- 
noli verino di panLi lana SÌ 

& molto Itrettcfopra ilquale port unV Icunr rnbU 1 T ' "T'"*' '°" "'^^^'^ """"-'^c 
ro barnullLin tdiu'^.fan^o fcm^ b ^^rcom alcun?^ dinanzi^ iopra qudle i lo 

=a orecchie.a: (opra qudle nonirono rrr rX^ P?""° '" '"'''^ d' "'-^ttc.nu fen- 

tornolabarba,nefoXr^ortarcTei^^^ 
to .1 vcrno,die volendo cauTariol^^^^^^^^^ 
=:aquella.obbahodettoXop"ltirn."!?^^^^^^^^^^^^^ 
Fcz.o.tdotton&.gcntUhuomt,udiqùaId.«àvf^io^;^^^ 



!« 



,.' ' 



} 



'k 



s 




f^P! 




li 




CuTcufu vi 
uanda. 



TERZA PARTE 

jr!ic,comc portano i gcntiTluiomini di Vincgn,che tcnjrono piii Iionorato vffido. in fine quei D 
clic fono di balla condmonc,vc(tono di alcuni panni bianchi di lana grolTa del pacfc, &C i barnuf 
(i fono della mcdcfima inanicra.Lc donne vanno alfai ben vcliite:nui nel tempo caldo portano 
folaineiuc la camicia, Sf d'intorno cingono la fronte con alcune cintole più tolb brutte che no.il 
verno Viano certe gonne con le maniche larglie,cucitc dinanr;i,come q uelle de gli li uomini.ma 
quando cfcono fuori,portano braghcfc lunghe tanto che cuoprono tutte le loro gambe , & vn 
drappo al coltume di Soria.che cuoprc loro il capo SC tutta la perfona.il vi{o lìmilmentccuopro 
no con vn drappo di tela, in tanto che folamcnte lafciano fcoperti gli occhi.portano etiandio ne 
gli orecchi certe grandi anella d'oro con belliirimcgioic.&: quelle clic non fono di conditionc, 
ve ne portano d'argento dc fenza gioie.al finir delle braccia portano anchora manili pur d oro, 
vno per braccio.iquali manili polfono pcfar communementc cento ducati.lc ignobili fc gli fan- 
no d'argcnto,6(^ di tali ancho ve ne portano alle gambe. 

Cojìumv tenuto in num^iAre, 

Circa 2I mangiare vfali fra il volgo di pigliar carne frefcha due di della fettimana:ma i gentil'- 
huomini ve ne mangiano ogni di.fecondo l'appetito loro,&: vfano tre palh' il giorno.qud della 
mattina e molto leggiero: perciochc mangiano pane a: frutti, &: certe mincllrc fatte di farina &: 
di foimentOjpiu tolto liquide che altrimenti.&: il verno in vece di quella mineRra,li tolgono far 
re liquido cotto con carne falata.nci mezzo giorno magiano pure cofc leggieri, come panc,car 
nc,ialata,a^ cacio , o,oliuc:ma nella liate queito fecondo paltò e buonilfimo.la notte poi magia- E 
no fimilmente vn pafto che è più leggiero.quefto e pane con mclloni,o con vua,o con latte . ma 
il verno mangiano carne lefTajinlieme con quella viuanda,che e detta cufcufu; laquale {{ fa di pa 
fia,comc i coriandoli,a^ lo cuoceno in certe pignatte forate, per riceuere il fumo d'altre pignatte, 
dipoi vi mcfcolano dentro butiro,&: lo bagnano di brodo.nc vfano di mangiare arrollo . A: u\c 
€ li viuerc del volgo,fi come d'artigiani, Se! di alcuni poueri ciuadini.gli huoìnini di cento , come 
fono gennlbuomini attcmpati,mercatanti,a: cortigiani,\ iuono aliai meglio (Sv.' più dehcatamé 
tema a comparatione del viucre che fi via. fra nobili nella Europa.il viucr de gli Africani e ve- 
ramente mifero&:vile,non per la poca quantità delle viuandeima per lo coliu'me rorro 5C di- 
fordinato chccfTì tengono nel mangiarc.ilqualc e in terra fopra certe tauolc balle fenza mantilc 
o drappo di niuna fortc,& non li adopera altro Ihumcnio che le mani. Qc quando mangiano il 
cufcuiu,tutti I conui tati li fèruono d'vn piatto folo,&.' lo mangiano fen;=a cucchiaio, la mincltra 
Oc la carne mettono inlicme in vn catino . dC ciafcuno piglia quella parte di carne che gli piace, 
& fc la reca auanti fenza taglierc.et non vi adoperando coltello fé la pone a denti,fiC! ve ne fquar 
eia quanto e puo,il rimanente tenendo in niano,S^ mangiano con molta fretta,ne alcun beue,fc 
non quando e molto ben fatio di mangiare.allhora ciafcuno li bec vna tazza d'acqua grande co 
me e vn boccale.quef lo è l'vfo commune. è vero che qualche dottore viue con maggior pulitez 
za . ma per conclnudci e,il più vii gentil'huomo d'Italia, viuc più funtuofamente , chc'l mag'nor 
fignor d'Africa. 

CojÌHme fcrucUG ne t f^idrira^-c^u 

Circa a matrimoni) s'ofTcrua vna tale yfanza,laqualc c,Vhe quando alcuno vuol prender mo 
glic,tof}o che il padre gli ha promclfa la figlia,fc colui ha padre,eiro raguna &: inulta gli amici A 
la chiefa,&' feci > mena due notai,iquali fanno i patti dC le conditioni delle doti,ellendùui prcfen- 
te il marito SC h nioglie.&: i mediocri cittadini,vfano di dar trenta ducati in danari contanti, vna 
lerua negra di prezzo di quindici ducati, vna pezza di certo panno fatto di fcta dC di lino di di- 
uerli colori a forma d'vno ifchacchicre,&: certi altri pannicelli di feta.che ti portano in telìa.coliu 
mano etiandio di prcfentai e vn paio di fcarpc bcnifTìrno lauorate,&: anchora due paia di zocco 
lilauoratigciuilmentc,moltilauoridargento,&:moltealtreminutezzc,comefonùpcttin!,pro 
f unii,&r certi belli ventagli.poi che fono fcritti li patti, dC che Ivna parte S>C l'altra è còtenta, Io Ipo 
io conduce tutti quegli che li fono trouati prcfenti,a delinar feco.fi*: da loro di quel fritto accom 
pagnato con arrol to SC mele che habbiam ditto di fopra . fa anchora il padre della fpofa il fuo co 
uitOjà: vinuita gli amici fuoi.&: fc il detto padre vuole ornar la figliuola di qualche vef limcnto, 
b può far per fua gentilezza, perciochc oltre a i danari che dà al iTiarito,nò e tenuto ad altra ifpe* 
fa.ma glie ben di vergogna.fe altro non v'aggiugnc.&: hoggidi oltre a i trenta ducati che li dan^ 
no per valor della doie,luoleil padre,fpenderc ( o Cm ha cura di fare li maritaggio ) dugento di 
trecento ducati in fornir la fpofa,li di ycftc.come di fornimenti di cafà.ma non danno ne cala , né 
vigna.nè poirellione.il confucto è di far tre gonne di panno fino, tre di f,: id,o di t.iPe{ta,o di rafo, 
o di damaicOjnioltc camiciCjfit molte lenzuola lauoraie,con certe lille difetaper dafcun btn.ca- 

pczzalf 



Apczz: 
per 01 
iono< 
fmiilr 
no&r 
prafii:: 
oltre 2 
ne dar 
cioloc 

10 con 
prao^ 
ma di ( 
le peri 
dare la 
ca fa, la 

11 pann 

ci,a:di 

&:glia 

B tenerci 

fpofo fi 

Cdùfun 

la detta 

entrata 

VI II feri 

fcio, pei 

ledi fan 

tendere 

re dipoi 

menrell 

rito la re 

za man, 

na.ilfcct 

Ulto II fa i 

fv.' tì'ttli 

dello fpo 

fitte gior 

C altra temi 

za. foghe 

detto epe 

flcggia& 

cipcgli,g 

ftetinturi 

co,affine 

nato la fpi 

fi grandi; 

&:Iofpofi 

tutta la ne 

fconoalTai 

lo,ficaua< 

norcachi 

pofciaicai 

noanchor 

rito vcrgir 

vfalididar 

mettonlì d 

dicci odod 



0. in fine quei D 
:(c, 6C i barnuf 
aldo portano 
ruttcchcno.il 
iluiomini.ma 
^ambc,& vn 
Ticntecuopro 
o ctiandio ne 
di conditionc, 
lili pur d'oro, 
)bili fc j^Ii fan- 



j:ma i jrcntiT-- 
no.qucl della 
te di farina OC 
,iì tolgono far 
omcpanc,car 
te poi magia- 
con latte, ma 
naie li fa di pa 
iltrc pignatte, 
rrolto.à:t.ìIc 
i cento, come 
iudclicatami: 
-\h icani e vc^ 
rozro &: di- 
cnra mantilc 
> manmanoil 
0. la mmeltra 
che gli piace, 
^vcnefquar 
alcun beuc, fé 
1 uà grande co 
igior pulitcz 
:lic'i maggior 



I prender mo 
tagli amici al 
dùui prc(cn- 
contanti,vna 
di lino dt di-' 
in tclb.coliu 
paiadizocco 
IO pettini, prò 
Stenta, Io Ipo 
1 fritto accom 
"pofail (uocó 
: veltimcnto, 
) ad altra ifpe^ 
atichclidaH' 
) dugcnto di 
no ne cala, né 
ctfa,odirafo, 
ilcun l^to.c^' 
pczzuK 



i* 



DEL t'A V K I C A 

A P<=2^''P"'''3"o/at.'&'or/gficri.fogIionodarcetiandiooirom-,frr-,- • ^^ 

per oriianicnto fopra gli armai.clic H.no da icanr, H.5 r. "^^^"""--''^^^ttro ve ne tengono 

fono d. lana grolfax^' Sue latti d. cui^'^ono "^ P oma'm'in:'' T^^^T ^'" '^"^^' ^^' ^-•'^' 
limilmentc vn tapp.ro pelofo di circa a vèm"braccir Ì^rr V^" '^'"' "^'J ''"""' ' ^-«""^ 
no ^di .cla,d.l/.lt. a piene d. lana.S^ dVna Ique e w^^^^^^^^ '^i'"''^' ^"^ P^"e d, pan 

pra se ì altra dilo,to:p ' rcioche le dette coomc ^.nn l.m . '"f"'PO"«^"doui vna parte difo. 

oltreaquelrealtrctrklifctaconlt End Jn?^^^^^^^ 

ncdano vn altra bianca piena pur di bambil -Tn^! i "^'Z''' f'""*^ ^' ^^^"ibag.o . ve 

colo d. lana lina,5^ diu. o m dSc m» T.^ ' ?'^'"'' ^7 ^^^''^^''' ''« <^'"f ^" P '""o pie 
.oconcertimerlidicÓMmXai^KXroei^ 

pra ogni fiocco vha vn bottoneSi Sa pS a LcÌ "l dTo t^^^^ '' ^'""'' ^"'°"' ^ ^°' 

ma di quello che 1. aggiugnealb dote à alle v^dtc m.< oT ^ J '^,''' ' """"'^ì^'^^^ ^ «a lom 
ic per tal cagione li fono impovcnU-^M^^^^^^^ Sentil'huomini fouen 

dareladoteallefeminc.madnmu^opronc^^^^^^^^^^^^^ 

cara,lafaentrarprimieramenteinvnt.beXJlT ? ' /^ ' '^^^ '» •"^^^''ca n mó d,. 

I. panni d. feta,^anchod, locato 'v'^l^^r^^^^^^ :^^ l'I"'' ' r? '" ^"° ^''''''^ ^'^P*^"^ ^rbeU '^«cno a. 
gardelpadre^^delmaritoconr^.^^^^^^^^^^^ 

5^ «''''"^l'ci del marito con ifuoi torchi le vanno uSsTn'^^^^^ ^^rchiingran numero: f. dd ma- 

fi tencreil cammino per la piazza ma^Piorrv^mò i? ^^ de padre la feguono.ct vfano di "'°- 

lpofofalutailpadr^a..p'^a;;n^TlErf^^^^ 

cafafua,3^raitcdcnclla?amera.il padre ilfflX t":,/^ "''"'''' ''"•^""' '"^'^"^ ^^ ^"a 

ladmac3mera,e^tuitiinliemclaDrefennn^npn5^^^^^^ 

cntrata.aeirac;mera..lSopo^nc rp^^^^^^^ 

vi 1. (errano dentro.intanto quei dicafaaiXV bif. .iT.n l '"'^Sl'c.Ichc fatto ambi lubito 

(oo.pcrmf.noatantocheegriSfu Sm^^^^^^^ 

ledi ianguc.allhora colle, fé ne va traiconT; r^ ' '°'^-' '" ^^''i'P^ ''"'0 & mol 

.cndcrconaltavoee,chelagiouancr;'^^^^^^^^ 

re dipo, ella accompagnata da altre femSn^vfw /n'"'"".'''' "'^'"'^ ^''""° ''^ «"^^''S'^ 

menrerhonora^l^dada mang art& rpV^"^^^^^^^ 

rito I,. rende ..Ila ^adre 8^ al padre ^lioo^rSmll ^ "T ^"^^'''^"^'^ ^^^S'hc .1 ma 

za nìan^iarcl. dipartono. IconuitiSSt.i^^ »"«« ^cn 

na, ,1 fc cond. la fela poi che s' menTa S Z. ^ ""'''' ^"""° ''^ "°"<^ ' '" ^"' <• mena la don. 

«nto I. fa .1 fctnmo giorno dapòd^^^^^ =>''••' ^''^^ donne.) .1 terzo co. 

e.' f uti 1 parenti ddla fpoH. I padre cofh.mfn. ^ ' ^ '" '^"f° ^' ^'^"*^ «' P^^^^^» '^ madre. 

dcllolpoÌo.qual.,onoStt.gca«ra"r^^^^ non picoolVprefenti a cafà 

K tte g,orn,,luole egli comperar certa quàntuTdinr^r ^ ì ''" f '.''' "^' ' '^"^ ' '" "P^ <^' 

C aln a femina, lo getta fopra e pied^délirnoui "a t nnn ' ''i" ' "^'^ '''P"'" ^^ ' ^''*^ '^ '"^^'•^.o 
za.logl.onl,far^oltraq^udhSod.Scó^^^^^^^^^^ 

dcttocper mandarla figlia a maritoonde clf Z r.?J V ^1^'} "P^ '' '^' ^«anti, ndquale il 
Ucggia'&danza.il d. feguenTvcTo^^^^^^^^^^ 

capcglLgli tingono le gin" e So ?^ e man ^^ ^^T °'"''' '^ ^P^'ì'^ '^ ^^^°"^^"° ' 
ae tinture pocS durano,&: quel Jornc^ìi h .S;^ ^ '^' T° '°" '^^'"' ^*="' lauon,ma que 

co,affinecheellavengadatrS nórV^^^^^^^^^ 

natolafpofa.&quan3olamóglI?^^^^^^^ 

h grandi pieni d. pane fritto in oho & d^llr rrnnr . T" ?'' "^''"''^ ''"' •"'^^^''"° '^«^"' va. 

& lo (polo inuitado molte p^fon?d^u de ouL^w' anchocalfroniarrolh pure interf. 

tuttalanotte,tengonofoLton&oZw o^^^^^^^ ndl.loroball. che durano 

fconoaiLipiaceu'olecòcenJa^anr^^^^^^^^^^ 

«0,1» caua di bocca vna moneta fit cenala finita ni, P'' ''°'^'-^ ^°"^<^ ^"o ''^ fornito .1 fuo bai. 

noreachidanza,loafermare„aSch 

pofcia icantori colgono fub.tat^e^nTeTefo^ivi £ "!?'""' ^''"' '^^ '""""^^ ' '"1"^" 

noanchoraellealorbalIia^cantatrc&foScfi^^^^n^^^^^^ 

rito vergine, ma fé vna è Ifata Der Id^^r^T, ) '?'*'''' ' '^^'.q^-ìdo la fpola ne va , .na 

vfal.diLmang^rnS^^ 

nicttonlidinanziacon.i;r.r.Hn^.w..l:":S"/"'^'*'"^-^ 

vfuiH) 



^ill 






r L 



Delle vedo 



-O"*»».!! 



SK^^ssaa 



il I 



, 1 




M.,.:- 






'• 


''2*,I 


i 


^n| 




» 





TERZA PARTE 

vfino certe f uppc fatte di pan fattile che fomigliano laf-ijrnc.Io bagnano coti brodo di carne ta^ D 
^\md m -T'oiìv- trcilic l'opra vn vifo grandc,nclqi;alc e li (uppa,&: lo mangiano fcnra cuccliiaio 
con la mano.cv dicci perfonc fono intorno a vn folo vab. ccodiime anchora di far conuito, 
nella Cii- quandc!"tcircuiicidcil%liomai'chio,checiUettimo giorno dopponafciuto. nclqualc il padre 
cuncii.ae. c|„a,nato il h.irbicrc,&: «nuitatigli amici.dà loro vna ccna.laqual fornita,ci ifcuno degli inuiia- 
ti (.\ vn prcfcnrc al detto S.ubicrriciii d'un diicato,ohi di due,clii di mcrro, fii chi di più &: chi di 
mcno,rccondo la qiiahr.ì di ciafcuno.5i: quclhcotai danari l'vno doppó raltro,ciafcuno pone h 
pra il vifo de! fanciulo del l\u biere,&: il incdcfimo fanciullo pronuncia il nome di colui, &: lo rin 
gratia.doppó quello il barbiere circuncidc il bainbino.allhora li danza dC fclteggia nel modo di 
(òpra deuo.mad vna fii];lia,niinorc allegre -ra li dimollra, ik 

.^,V 'V cojìmmji rb.ui nAiefcjìc, ciT- modo à punture i morti, 
Rimafcro ancho i in 1-ez certi vcftigi d'alcune forti di felle lafciateui da chriftiani,^: fjino cer 
ti motti.che lor mtaelimi non gì' intendono fogliono la notte del natale di Chrillo niìgiar vna 
niineltra fatta di fette diuerfc herbc.quellc fono cauoli,rape, carote , &: tai . QC cuocono ètiandio 
d'ogni iortedilegumiinteritomerono fauc,ceci,S<: grano, òi leni.ìgianoqr .Ila ??cmein ! JCv;o 
di delicata confcttione. fc il primo di dcH'vu ino fogliono i fanciulli con le m;: ichcu: ai volto anda 
re alle caie de gentil'liuomini accattando fru tti,8c: cantando certe loro fcmpliccttc canzoni, il di 
di SanGiouannifanno per tutte le contrade grandillìmi fuochi di nìplia. ${ ,;oine va tari. :ullo 
incomincia a meterei denti.i fuoi fanno vn Ciinuito agli altri fanciuih ,"À: chiamano quiilc cota' Z 
felle dentilla, che e propio vocabolo latino, hanno molte rskre vfanzc ^ modi v'.i pigliare augu 
rii,clic h'- veduto otìcruare in R omaA in. alar citta d'Italia. vna le felle, le;- uali fono'ordinate à: 



\ 







nijChc v.\nn:> in habito femjnilc,iquaii recano certi tamburi quadri,foni* .'v>glica!?t.ino (.l'iuipro 
uifo mclti Ct: latrinoli v,.rh va lode dei morrò. &C al hnc di ciafcun vet io le .ionnc g; .dano ad alta 
voce, a: pcrcuotonfi il p.ir ^ &' \: Tuandc;di nianien,che n efce fuori il langue in gran copia, 6^ 

fi quarciano fimilmcnte i capagli, :>ur tujtau-a forte gridando &; piangcndo.quello collumc dii 
ra fette di.po! vi mettono in \v -rro l -' ; :.:ruallo di quarata giorni, iquai hxniti rinuouano il dct 
to pianto per tre altri e ontitiui o..- n.'.Sé i. le e l'ufo commune del volgo.» ^cntil'huomini più ho 
nclbmcntc piangono knzw b ntimcmo niuno. gli amici vengono a confortargli , òC tutti i loro 
llrctti parenti mandano lor pre.^:nti di cofc di mangiare : pcrcioehc in càlx del niono,fin che vi 
i\ corpo,non s ufa di far cucina,nè le femine fogliono accomp.^gnarc « me i e? , quantiìque foflcro 
padri,o fratelli, ma come li lauiiio i corpi, QC come fi fepcllilchmo , quali vf ;^i Qc cciimoiiic vi ii 
foglia fare habbiamo raccontato neH'opcn'na.ch io ho detto difopra. 

Colombi. ] 

Sono molti huomini nella C£ttà,!quali prendono grandilcitodi colombi, &: ve ne tengono 

mc!a,bclli &: di diuerli colori.il loro albergo e fopra i tetti delle cafc in certe gabbie fatte a iomi- 

Rliani.a de gli armari che vfano gli fpetiali» èC gh aprono due volte, la mattina , SC vcrfo la fera, 

predenda piacere infinito di vedergli volare, &: chi più vola k di maggior prezzo . dC perche le 

più voltcìcolombi d'vno li mefcolaao fra quelli d'vn'altro.fouentcVolloro guerreggiano iiilic 
me,&: vengono alle mani.tale ve n'è,clie con cert.^ piccioli rete in mano accommodata fu Icci- 
me d'alcune canne lunghe,(lando foprr. il tctto,qu3nt( colombi pallano del fuo vicino,prcde co 
ia ditta rcte.in mezzo di carbonari fono fettc,o otto bottcghe,douc tali colombi li vendono. 

MfKh di 2^iuocafc . 
f//Ó"uÌ"r- ^^^'^ S'' huomini accofìumat» et gentili,alira forte di'giuoco non svfa, che quello de gli fcacclii 
■:o hìdo 3' collume de gli antichi.bcn hanno giuochi d altra maniera , ma fono rozzi & vfati ioiamenic 
dal volgo. .1 certi tempi dell'anno,! giouani li raccolgono infieme, ^' quegli d'vna contrada eò 
certi bai Ioni guerreggiano contra quelli d'vnaltra. & alle volte anibedue ìe parti li rifcaldano r 
fi fato modo,che ne Vi ngono infiemc airarme,&: molti k n amarrano, fpctialmente le felle nel- 
lequali quelli giouani li ragunano fuori della città.&' pofcia che e fornita la mifchia , vengono a! 
trar de fallijchc è col fine del giorno, onde il barigello, molte volte non gli può dipariir.ma alcu 
ni ve ne pigha^à: mette in prigione,iquali dipoi fono fruflati per la citta, la r ^* « molti braui va 
no inlicme fuori della deità citta, portando fcco l'arme. St difcorrendo perii .." -^ .'ini OC per la 
p2gna, i£ effi s abbaijoao con i biaiis' della contrada niinicajincomincianc t "0«nie tj yJciiili 



ta 

ni. 



ca- 

KXUC Liudcltlliina 

pugna, 



B 



do di carne ta^ D 
:nza cucchiaio 
di far conuito, 
Iq-J.ilc il padre 
lodcgliinuitU' 
di pili &: cliidi 
ifciino pone fo 
i colui, &f lo riti 
Ma nel modo di 



ani,5(: fanoccr 
tomìpjar vna 
cono ctiandio 
f?ottcin i K'ì;o 
l'i»! volto anda 
canzoni, il di 
i<: vatan.:ullo 
locjuiitc cota' 
pigliare aui; u 
no ordinate & 
aedi detta Icg' 
tiatcllo,a!!h"o- 
'lìi. tolgono ic 
i.;!ua<;fiuiomj 
ft ino i.i'iinpro 
;;i»ianoad alta 
j^rancopia, 6^ 
locolhimedi! 
iiuouanoiidct 
uomini più ho 
,&: tutti i loro 
rto,finchc ve 
ntùquc fodero 
xrimonic vi fi 



'cne tengono 
ic fatte a (orni' 
vcrfo la fcra^ 
. Sxl pcrcàic le 
eggiano inlic 
odata fu leci- 
cino, prede co 
1 vendono. 

>dcglifcacchi 
fati !olaiTJcnic 
a contrada co 
1 rifraldano p 
itclefcifencl' 
I , vengono al 
artir.ma alcu 
noltibrauivà 
li&fperlacà' 
: crudciiiTìiMa i 
pugna, 



fi 



nendouulnomedelfancit.irocheamat> enScCna^v^^^^^^^ 

anno nella feita della natiuita di Mauncr " rn.Ìnn '^''«°«"'' ° "^P'^f fo • quelli poeti ocni 

lunfiemelamattmapertempon ap^^^^^^^^^^ 

fcuno ordmatamente 1 vn donno l'alt^n.^^Ml r^ ^ 0"f" ^afcedono nel fuo fegcio di eia. 

quellocheègu,d,catohauer£?^ ofc^^^^^^^ 

tenuto pnncpe d'. poeti, ma a temp, dc^vU^^^à^^^^^^^ AY ^''' ^«"^'"'^""o Rridato 3,: 

u.Uoleua muuar al (uo paIazzo,tu?tig d m^^SdoSln^^ h V,""''' ^"'''^'"'or f. troS 
lentìe fella a tutti i poeti degni.voleua?hec^^Sno Sé^^^^^ '"' '""^ ?" ^'''""^^ ^"^ ^o 
.o,alla prcfenza iua 5^ di tutctlche faceuaniSpra v^^o i^f- ^"'^°"' ^" '" ''' ^^'"•""- 
huomini mtendenti,al più lodato .1 Ile dom, . f?T? ^^^ ' ^ '^'^^'''^o '' g'udido de eli 

pocheallhoraeglnttriuauahaue; ; do'raXltS^^^ 
tochctutt.daIu,i,partiiianocokmidardoneMSLrrr^^ '^ 
"^"°"^delregno,quefbcoltumec mancalo: " 

lorole«gere&fcr.uere,nòinhbrove S^^^^^ fenauil, . Q, „ maeOro infegn" 

nofaa(cung,ornovnaclauruladeirAlco a ;SAr '^''"^^^ 
nodacapo,à'nnteflat..chelfanciullo m.v';t^^^ 

e alla p,u km^a in capo di fette anni.dipoi .! de«o Sliro^^ "° ' ''^ T''"'^ "^^^"^""'^ ' ''^1'^ 
ph.a.ma pu,- .,uerta (k la Rrammat.ca Hlegge orinar ^cl '^"1,^"'^.^''^ ''°^° dorthogra. 
& quelt, macllri hanno vn p.ccolo falariSnm ; " vS r '^^^'' '""'' '' ^^"' '"^'^""'' 
corano e tenuto .Jpadre di fargli non foc^^ pSe ToocS"' '?'""'' ' '"'' P^"' ''^"'^' 
rano,alll,ora fa II uo padrea tuttigli fcholariVn mdu) foknnJ L^'"^ ''' T^V''' '"«° '''^'^° 
«tuo a guifa d. hgimolo d. fignore. 6«: prima clSfonr^h ?iT°' "''^"^'^ '' *^Mlmolo e ve 
2o.. quale inlìemecol vefi.mento e oNig^to " ' S " " ^ "^^ «''" P»"^ 

<cholar. ! accompagnano anchoraeni bp a°auSat ala n .'"^'^f"'^ ''"^ ideare, glfaltri 
te canzon: in lode d. Dio & del prophetaVnumetodDo^n /."-''"'''' TT ""'^^o mol 
•ne a tutti gli amici del padre.cialcuno de qi;a , dTn aE 'ir ^^'a ' '^'"' '^^"'^'""'' ^ 'n'-e 
di nuouo.cotale é IVranza.fògliono ctianXo nueS fi f. ? ' ^' "'ì'^''' ' ^ ' ^^"<^'^"o 'o verte 
metto, &. lor padri fono afh-L din aSev^^^^^^^^ 
C ca II fuo A tale ve n'c,che lo porta di trenta I bb e ?^ hM ^f'^"f ^ ^' '^"f "" ^^"^'""^ ^^rc 
Iua. I detn torchi fono belli,ben fatt'A bene adon .. i ^^ ''" '^' '"'"° ^^^«^^^ '=» 'oro qua 

cera..d,tt.torchiardonodaIlofpuimSarnt^^^^^ ' 

naru, alcuni cantori, che cantano lelode TM^FaZl^^^^^^ 

n.ta.quelto e II maggiore vt.le,che lubbianord^^^^^^^^ 

IO ducatj d. cere,& qualche Hata piu.fecondo irarrm! 2^^^^^^ 

d. fchuola:percioheeae fchuole fonò fatteci mTSi^ ^'^y^^"' ''^ =''"""° P^^^ P'R'onc 

nc.ifrurn&.tìorid'itorclMfonoiprl^cteSn^^^^^ 
^^.ole.comed•tcolleg..h.nonel.^..3n;^:^^ 

per ogni pelle cheacconciano^due^CcS^ 

cac..& de .barbieri.^ altri pe;hauSomtSo^^^^^^^ catwdiqueldat.oda duem^adS 

quecif. MManraquantitanoahano,cc^,iTdSr.nn 'J^^ 

iqual. Vi Jono in gran numero^' f. d.Sno p ^e fon o^^r ^ ' '^'^^ ^"'^""^ '"douini, 

tvm huo.nini,che indou.nano per arre d^ceomàn' b^^ vogliamo dire qualità, la prima è d m^ouini 

«dauna,comesVf.allediuerlicdd.q^aruiC^^^^ 
dodell acquaia vncatino vetriatold.nrl.^."fr:^^^^^^^ 

^--^a.cncc,co.cvnofpccchio,di^odiS;^SìK;:S^^ 

gitano 



:^^'- .': i 






di . 



da quelli 
douini 




-,:.,,« 



:ì W -h 







1 


i 


Ì- 


ì 






TERZA PARTE 

j»liano a vno cfcrci'to di molti armati.quando cilì vogliono piantare i padiglioni:8if clic di qiicfli 
alcuni fono in cammino. clii per acqua, 5(f chi per tcrra.&' come l'indouino gli vede acchetati, al 
Ihora domanda loro di quelle coic,dcllcquah' egli ricerca 11 Jucrcinformafionc.&.'i demoni gli ri 
Come le fpondono con cenni,o di mano,o d'occhio.vcdetc grofTczza di coloro,clie a qucfti credono.aU 
f""''''fo ^ò ^'^'"^ ^'^'^ pi^'Vi^^"^'* '' catino nelle mani di qualche f-anciullo d'otto,o noue anni, Si. lo dimanda 
inj|junatc nos'cgli ha vcduto il talcS.' il taledcmonio.à qucllo cliccfemplicctto nfponde che fuma non 
per ciò gli bfciano dire da per loroA' molti pazzi danno a quclti tanta fede,che fpendono in ef 
il grandillima quantità di danari. Latcrzafpeticcdifeinine, lequalifanno credere al volgo, 
ch'elle tengono amicitia con certi demoni di diucrfe forti: percioche alcuni li chiamano i demoni 
roflì,aIcuni li dicono i demoni hianchi,& altri fono addimandati demoni neri. &f qu.ìdo voglio 
no indouinare à richicUa di chi che iia.li profumano con certi odori.& allhora , li come dicono, 
il demoniOjche clic chÌ3mano,cntra nella loro pcrfona.onde fubito cangiano la voce , fingédo, 
che lo fpirito lia quello che parli per la lingua loro.la donna , o l'huomo, che e venuto per quaU 
che cofa,chc delidera di (apcre,dimanda allo fpirito cioche vuole,con gran reuerentia &f humil^ 
là.fli:: hauuta la ri(polb,laicia vn preicnte per quel denionio,&: li diparte, ma gli huomini che h» 
no con la bontà congiunto il fa pere &C l'eipericnza delle co(e,chiamano quelk fcmine bahacat, 
che tanto dinot3,quanto nella voce latina fricatrices.&: nel vero tengono elle quello maledetto 
colhime,ilqualc e dVfarclVna con l'altra,chc per più honeflo vocabolo, non pollo efprimere. 
S^ quando fra le donne, che vanno a loro co delio di fu pere alcuna cofa,fe ne troua alcuna di bcU 
le, elle s'inuaghifcono di lei,come vn giouanc s'inuaghilce d'vna fanciulla.&! in forma del demo 
nio le domandano in pagamento i congiungimenti jmoroli.&: quella credendo haucre a com- 
piacere allo (pirito le più volte loro confcnte. molte .i nchora fono,clic di quel to giuoco dilettan 
doli dcliderano d'effcr di lor còpagnia.onde fingendo d'cllere inferme mandano per vnadi que 
lie . et fouente lo fciocco marito e l'imbafciatore.eltc fubito ifcuoprono all'indouinc il loro diho, 
lequali dicono poi al marito,che alla fua moglie e entrato vno di quei demoni nel corpo , &.' ama 
do egli la fua fanitàconuicne che elfo le dia liccnza,chc la detta polla entrar nel numero dell'in^ 
douine,S:! (ecrctamente praticar con eflTo loro . il marito bufolo fcl crede, dC confentendo a ciò g 
maggior fua fciocchezza,fa vn funtuofo conuito a tutto l'ordincncl iìne del mangiare danzan 
do ogni vna &.' feiteggiando al fuono de gli Itrumcnti di certi negri:fic' pofcia ve la lafcia andare 
alla buona ventura.ma alcuno ve n c,che fa vfcire gli (piriti di corpo alla moglie col fuono di fo^ 
tenni baltonate.altri fingendo anchora cHTi d ellcrc indemoniati ingannano l'indouine nel mo^ 
dojchecdc hanno le loro moglieri ingannate, i 

Immtittori 
"V è fomigliantcmcntc vn'altra fpctic d'indouini,iquali fono detti i Muhazzimiu,cioc gli in' 
cantatori,quc(h fono tenuti potcntilfimi a liberare vno che fia i(|3Ìritato,non per altra cagione, 
fenon perche alle volte loro fuccede leli'cttOj&f le auicnc che non (ucceda,dicono quel demonio 
cflcrc infcdelc,o che è qualche fpirito celelte. il modo dello (congiuro li e, che fcriuono certi dia ] 
rattcri,&: formano circoli fopravn focolare ò altra cofa,poi dipingono alcuni fcgni fu la mano, 
o fu la fronte dello fpiritato.&f lo profumano con molti profumi.quindi fanno lincantelimo, Si 
dimandano allo fpirito,come elfo lia entrato in quel corpo,da qual parte, chi egli c,come ha no^ 
me.& infine gli comandano che li diparta. Vene vn'altra fpeticd'alcuni,iquali operano per 
vna regola detta Zairagia,aoc cabala.ma non cauano le loro operationi dalla fcr< tt ura- perciò^ 
che quelta toro fcientia e tenuta naturale.^ veramente cofloro fanno dare infalhi ile rifpoiia del 
le cofe,cli'alloros'addimandano.macotal regola e difiicililfimarpcrciochc colui che fé ne vuol 
valere,c dibifogno ch'egli da nò men perfetto aftrologo,che abbachiffa.ho veduto qualche \oU 
ta far qualche figura,ch e durata a farla da la mattina fino alla fera in tempo di ifate , lequali fono 
in quella forma . fanno molti circoli l'vno dentro l'altro, nel primo formano vnacroce,a coniv 
ni dellaquale notano le quattro parti,cioèleuante,ponente,tramontana,&mezzogiorno.dcn' 
tro della detta crocc,cioc douc li Icontrano i legni di lei,fegnano i due poli,S(: fuori del primo cir 
colo notano i quattro elementi.dapoi diuidono il detto circolo in quattro parti, &: il fcgucte cir^ 
colo diuidono pure in altrctante,Sc; doppò quelfo,ogni parte in fette parti diuidono,£(^ in ciafcu 
na notano alcuni charatteri grandi arabici,che fono ventiotto,o ventifette charatteri per ogni C' 
lemcto.nell'altro circolo notano i fette pianeti,nelt'aliro i dodici fegni,nell'altro i dodici meli dei 
l'annOjfecondo i Latini, nell'altro i vent'otto tabernacoli (o diciamo albcrghi)della luna, ncll'aU 
irò i trecento fclfanta cinque di dell'anno, &; ftiori di quello i quattro venti principali . pigliano 



)Ì 



pofcia fob-mcntc vna lettera della cofa dinìanda?;);& vanno me 



JiiiMicanvIo con iiwit 






mcrate 



A mcral 

tK>.da 

(oche 

nume 

no in 1 

dittioi 

detta e 

bthau 

tratiat 

charat 

la (ente 

te mar 

come I 

la città 

era cini 

notare 

tc,&:pi 

moma 

B che fan 

vno in 

jMargia 

hiliorio 

deriam 

libro, io 

ni IO, fé i( 

dalla leg 

vana,à 

volte me 

Vifoi 

moiali,6 

no perca 

no lecite 1 

nella legj. 

fi può far 

clielcdift 

ucr (pirit 

C auttorcjfi 

fuoidifcc| 

materia,!! 

faliiicnte: 

dannati ti 

anni,& vi 

uà la fua di 

guaci aliai 

daquclfo( 

«ia di potei 

moltralfec 

centi per fa 

lagratia.vc 

to che li pò 

ville.lafaui 

ta alni cent 

&' origine ( 

la Aral)ia,^ 
.1-... -_ /■ 

««.MitUiiU^ 



&fclicdiqncfh' D 
de acchetati, al 
i demoni j;lni 
fticredono.aU 
,& lo dimanda 
he fi . ma non 
pendono in cf - 
dere al volgo, 
nano i demoni 
quàdo voglio 
come dicono, 
voccjfingcdo, 
luto perqual' 
rntia&humil^ 
luominichehs 
mine Sahacat, 
elio maledetto 
»i1ò cfprimcre. 
a alcuna di bcU 
jrmadcl demo 
haucreacom- 
;iuoco dilcttan 
pervnadiquc 
ne il loro dillo, 
corpo , &.' ama 
umero dcirin^ 
cntcndoaciog 
igiarc danzan 
a lafcia andare 
:ol fuono di fo' 
juine nel mo' 



niUjCiocgli in.' 
altra cagione, 
quel demonio 
tuono certi dia p 
rni fu la mano, 
icantelimo, £»: 
CjComc ha no^ 
i operano per 
rittura: perciò^ 
iierifpoibJcl 
che fé ne vuol 
o qualche voU 
r,lcquali fono 
icroce,aconii' 
:ogiorno.dcii' 
i del primo cir 
K^ilfcguctecir^ 
not&inciafcu 
tori per ogni C' 
dodici meli del 
bluna, ncllaU 
ipali . pigliano 



;;i»v su vv»^ 



mcrate 



D E L LA F R I C A 

A incratcperinfino,chccnrifannoninln.i.«^,^« .11. ^ 

cio.dapfilapong^noinaC;!,^^^^^^^^^^ 

lochcdoppolamultiplica.ione.diu.lione^dhK^^^^^^^^^^ 

numero,chtauan=aio.a: fmnodel tmmrT^.i '"'?"" «^''^'^'''«'••«taecòuicnc a uuel 

no in mano,hn che fanno Se l So p^^^^^^^^^ ''^"^ '''''^ '^'' ^^''""^^'-'' ^^^ '"^ ' 

dùtioneA dalla dittionecomponem^nofa^^^^^^^^^^ 

detta orationc fempre in vn verlo miVuratoTn ^ ' r^ *';' ' '^' '> '"""-^ dimanda cS: vicn la 

ttluuil,che è otto Sipit. a^ dod X.^'^^^^^^^^^^^^^^ 

trattato nellVItima parte della nollrgramma^^^c^^^^ 

charatteri (opradetti^efce vera &' ine u^aa u Sh S l ' '" T^^ '^^""^'"^ ^''^ '"'^'^ da i 

la/entenzadiciochelidimandaAque ti a^^^ 

ic inarauigliofa.ne 10 per me viddi mai e fa rm, n "''"^'^ "V'cro quelia loro cabala e viVar 

comeladèttaJ,ovcdutohuv^ai1ru^^^^^ 

lac.ttidtlvira,qualfcopertoeraS;uo^ 

era cinquata braccia,8^ duoi ter-.2& rn d'^^^^^^ * '' ' ^" °«"' ^""^'^ 

notaredelladettaHgur^a^re;;role^^^^^^^^^ 

re,&: pur durò a farla tuta vnaSnau n °- n vi m '"" 1' ^^'^]^^'^^ '' cargo dVna par 

mo maellro,.! padredelquale ha u^a rame man b f.l "'"^"T ^"T^^"' '" ccccllennfT, 
B che fanno qucftc regole fono firn' IriK . . "' ''^'''' '" ''"°' ^^'""^' • ^ «'» ''uomini 

vno in Tunis,&: holcdu^^ at^S duo^^ tutta la mia vtu ne ho veduto tre,duoi in I^cz.e 

Marg.an/,ch';a.lpadredclmaelL^c ^°-<^"to fiuto da! 

hilioricoA' quando alcuno hau^ le pJac^^ d ved ^ h d rn "'" f""" T'^ "'° ^' ^^"" <-'^'dun 

dcria manco di ducati cinquanti i^cr cIìp mH.^^ r 'V'^'"" "" '' '"^' ^omenti.non (pcn 

libro-iobebbicommodua^Xorome^^l^^^^^^ 

mio,feio voleua imparare aucihd.^r/rm "''•c'"pclicli offeruia dinfcgnurmi fenza pre. 

dallal^ged.Maur^;S^^rS^;3S^^ 

vana A clic folo Dio la i fcacti Sf le coSùre nrrr. ''l'""^' ^^'^'=.' '^'' ^.^"' «"douinatione é !•« ■"■Joul- 

voltemetterenelleprigi^ e,^^^^ ^ 

nopercatholiaA-talinoma^v^^^^^^^^^ 

naìeotemol.ecWe,lcquXrJi^ee&^^ 

ncllale,,gechenonl.c!.ntialunactS^.^^^^^^^^^^^^^ 

h può fare. Sono in elfa legge molti ordini &- molrK^ ? f w "'"' "'^ ^f Fi dicono che ciò 

chelcdifendc&hannodottoncScnlnc^^H^^ ■' ^"° "po 

lalnientca tuttii fuoidifccpoh.dipoi ciuclìa fé « f , rtTl A ^ &^'"*' ""^ ^*'" ^P'"'^ ^"'"<^r 

da„nat.tutt.quegl.chelefegoleS°co1tuttt 

anniA v. tu capo vnaltro v^lentiffimo Iniom^i m ni. r '"^'^'^'""=* ^"ta dindi a ottanta 

ualafuadottrin%ubl,camentc:irn.e^^^^^^^^^^^ 

Kuaa alla morte dannarono A det^rSono rVr^f/^ '"^^^^^^ 

da quclb capo.egi, di fubitoSfc vn^ lei "° ' '' e ""° ^°«V'S''"" '^ »^"^ ' «' ^hc intefo 

.ud.poterd^i;ufarco;ieg.n^&fedr o^ 

nioltralleaquellila fuadounYiaelTc d^^^^^^ 

centi per falli calunnia douXo pe^^^^^^^^ '^°"'="'' ^''^ """ : ■ mer mno 

'agratia.venutoadunqueriuomS%ard^^S^^^^^^ 

tocheilponteficelagrimandofiTonuerr^^^^^^ 

ville.la fauoreggi6,Lcendo fabr'car Zìi tw c^- u ^"" ''^'r '^^'"''""^'^ ^*^'^P^*^ "^^"tre ci 

«alui,:entoa?S,mlinoa»nto h 3^ÌXr^^^^^^^ 

8^or,g,nedclurchi,,lqualepcrfeguiXdctVafern^ 

J?A4.^W„,afero^:^tianK.ifcSSh:S^^^ 

"^«^...ugltcrc.Uquuiccrahuon.odtgrandcfpir«o,chtanu^^^damSmi^^ 

Uà Ietta, 



n.itioiiccri 
/i'hata d„| 
là lej^Lje di 
Maumeccu 



Dalla leg. 
gc Mau- 
■neitana 



tilli 



".' 1! 



m 



TERZA PARTE 

fla fctf a,Ia rftorno in pic-St Ij follcuò.ct piantò per li f jtta manicra.cfic per opere d'un dottilTlmo 
huomo dittki l:ls^azzuli,ilqiialc nccùpofcvn nobile volume .diuiio in icttc libri, paciHcò inlit-- 
me I Icj;iIIkù i (a^iiaci di qiiclca fctta.a tale clic i lei;ii ti hcbbcro titolo di dottori èi di conùruato 
ri della lek;^edil proplicta: 5«. quelli saddimadarono intenditori &" riformatori di el?a Iclw. 
Qiielta vninonc duro,inlino che Haj^dcd hi rouinata da Tartari . Ilclu hi ne ^lianni feteniò cin 
quantafei di I lu-^ira . Ma pure la diuilione non le nocque.percioclie i;ia tutta lAtnca A: l'Alia 
era piena vie (uoi dikrepoli. A c]ue tépi nò luleua entrare in tal rcita.fcnon Imomini dotti in ocni 
faculta:& lopn tutto iiitédcntillimi della fcrittura per poter molto ben difenderla , &: confutare 
la partecontraria.Hor 1 da ceto anni in qua oi,jni ignorante vi vuole entrare: dC dicono,clic non 
biiogna dottrina.perciochc lo fpirito fanc^ìo a quci.clie hanno il cuor mondo , apre la cocnitioti 
della veritaiSK: adducano in lor fauore alcune altre deboli ragioni. Di qui lafciando i comanda- 
menti h foucrchi, conte neceflarij della regola da pjrte,non lerbano altri vhci di qllo, che faccino 
ilegjl4i;ma bene li pigliano tutti piaceri, che tengono lecm nella regola : percioclic fanno fpelh 
conuiti,cantano amoro! • canroni ,&. danzano lun^^^n^cnle. Alle volte tlcuno d'elfi fquarcian- 
doli ilvcltimento fecoiuio il propoli < ' cantano, à: Irrondo la faiu.ilia cheglidael 

ccrucllo di quelli huomini dilco(hi.natì.ciio lieall hora fono riicaldati dalle fiammcdello a- 
more diuino. & io penfo.chc i 1 » i > o ri'c Muu ualla foucrchia.copia dì cibi:pcrcioche ognuno di 
quelli piglia quel cibo.chc farci 'bc a tre huomini di iòuerchio.o quello,che più vero mi pare,fa- 

noqueihgridi molte volteaccompagnati da piantuperlamorccheeiriportanoaccrti sbarbati 
j^iouani.perciochc non rade \ olte auicne,che qualche gennl huomo inulta alle fue no=zc vno 
di quelli principali dC maelln ^on tutu li luoi difccpoli:iquilittdil'cntrar del conuito.dicono ora 
lioni de canzoni diuine. 3l come e tornita la cena,inen Tiutru; -o ; uiaggiori d'età à ifquarciarl i le 
gonne;&.' nel danzare :. alcuno di' gliattempati cadcubito è raccolto à: uiri^zato in pie da vno 
d I giouanctti di(cepoli;ilquale le più volte lafciuamcntc bada . l'er tal cagione e nato vn prò- 
uerbio. che in Fezc in bocca di ciafcuno:cioe il conuiio de roi. iti.&: dinoia,che tornito il conui- 
IO ogniuno di quc :. aciulli diuenta fpofidcl iuo nuel irò. perciò; he cclloro non pollono pren- 
der moglie, à: (onc . i iamati i Romiti. 

DiHtrfe .ère Re?;ole &> Selit , & fiferjìii'ofi credulità <ì, molti. 
Fra queffe knr Tino alcune regole iliimate hercticlic apprcllo luna &' l'altra llirre di dottori: 
percioche non Idiofono differenti dall'altre nella legge, ne ciiandio nella tede, iono inueroal 
cuni.iquali hanno ferma oppenione.chcl'huomo per le fue buone oper^-, per li digiuni, iS: per 
Jalhncnze, polla acquiliarc vna natura angelica: pcrciochc dieono,ch'eg!i purifica'l intelletto SC 
i\ cuorc,di maniera.chc non può peccarc,anchora ch'egli volelle.ma fa dibifogno.ch'i primio u 
mente pafTì per cinquanta gradi di difciplina. Et bcnch elio pecchi au.inti,che habbia pallaui 
cinquanta.lddio più nò gli alcriuc il peccato.Et quelli inaerò fanno liraiii dC inclfin ... Ai digiu 
ni ne principi):dipoi pigliano tutti i piaceri del mondo.Hannoetiandio vna Itretta regola fatta 
da vno cloqueme&dottohuomo inquattro volumi, il cui nome fu Ellehrau.u de SehrauarJ f 
citta in Corafan.v'cvn altro auttorc detto Ibnul farid ilquah recò tutta la fua dottrina in \\ .ii 
molto leggiadriima i detti verli fono tutti pieni d'allegorie : in parc.chc d'altra cofa trattino , che 
d amore . Perciò vno.detto t Ifargani comcnto la deità opera:à: traile di lei Ja regola , &: i gì .. Ji 
che fi debbono palfare.tu quclio piK'ta di tanta ele-an:a,ch'aItro i feguuu Ji quelte fette nò vl.i- 
no di cantare ne lor conuiti.chc i vedi fuoi : pcaocj ic da trecento anni in qua nò fu mai vna Im 
gua più eulta di quella lerbata di lui. Tengono colion^ che le fplui e & il fermamcnto , "li eie 
menti,! pi.ineti,& tutte le Itelle liane "n dio:a rhc niun cde,nc leg. e, polfa elfcre in crròrlpcr 
Cloche tutu gli huomini nel loro am li pc.uno dad. . .ir quello,, i le merita dellcre adorar v 
&C credono.chc la fcienza di dio li contenga in vn'huomo:che è detto lilcorb,eletto SC partecii : 
di Dio,& in quanto al fapere.come Dio. Ce ne iono quaranta altn huomini apprcllo loro ; i" 
Divnnf-t- quah fono appellati Elauted. )chtr ;d :.perciochcelI ^onodimin, . grado Si di minor feic 
la (alenata Za . quando muore lo Hlcoth : da quelli .. juaranta vn altro ic ne crca:&: queffo fi fortifc^ dal nw 
k„io mero di fettanta. Ve ne fono altri fèitc.cciuofeflanta ciiu|ue,d.- quai non mi ricorda il n:o!o ma 

morendo vi IO dì (cttanta.vn altro VI fc ne aggiunge di tale . ume. o. Vuole la lor legvre , che cin 
vadino kognofciuti per lo mondo,o à guila di pa:. o di ìt in peccatori, o del più vi e huoir > 
chelta.SoHoadunquedicotaleumbra,molubau. e! fihuominivani dii. orrendo per 
rAfricaignudi,d»moltrjndoiclorovergogne:& ' ti<.fiemti&:fenc.t rilpctto niuno: 

che come fanno le bdìit alle volte nel mezzo delie; . .KiiCf uzze vfano coi, ' ifémine:&: non 



%à 



eli 

ombra di 
faiuita via 
no pubi Ica 
mente Li'it 
le dune fili 
nelle piaz- 
ze. 



dimcnod;! olgo fono tenuti fami, Diaudbcanti"i<a»'e!""«''"'^"^p"" i .._....,-- „. 



topiu 



i 



A top'u 
Elcad 
radell 
feto la 
dicfUJ 
io dal I 
ni.con 
fugar ( 
di(|uel 

Vi 
no.ncr 
iiikiin 
H orati' 
caraitct 
6(cont 
IcnufUr 
B drcfti.a 
di Caba 
llramen 
harif;Cia 
fc ne trai 
tic nomi 
;.'oIainq 
iiiov>hifc 
foiirmei 
iniJUcol 
ì^bhunii 
d»ri.i<iin( 
due pam 
te. è vero 
lui tende 
per tuRa I 
Itiiiqual 
pili tolte 
C vn.. x(i 

In Fez t 

chcefì re 

fuor» ella 

opinione, 

ticadiSpa 

tórfcco. k 

Me mancai 

gli hanno ( 

Vana erede 

volta dieci,! 

bri,iqualif: 

per oracoli 

ìc.d^diman 

nliorauano 

Ne pcnf. 

ftudianoim 

fi. !.-„. J- 



dandottinflmo D 
i, pacificò inlic- 
iC di conlcrujto 
i di clf.» Ici;i»i\ 
aniiifcccntocin 
■Africa 3«:rAlu 
ini dotti inolili 
la, fit' confutare 
iicono,clic non 
prclaa\!Miitioii 
uioi comanda- 
"jllo, che faccino 
lic fanno fpclli 
i'cfTì fquarcian- 
iltaclicglidacl 
tiammcdclloa- 
>chc ognuno di 
'cromiparc,fii- 
)à certi sbarbati 1 
lite nozze vno 
jito.dicono ora 
i ifqiiarciarlilc 
oin pie da vno 
:cnato vnpro- 
jrnito il conili- 
pollone prcn* 



^rte di dottori: 

iono jiuirroal 

Jigiuni,à: per 

a 1 intelletto Se 

i.ch'i primiera; 

labbia patlatii 

Ifin., di digiu 

tta regola fatta 

de Sehrauard p 

utrina in vvili 

fa trattino, clic 

;ola,6^igi,iJi 

te fette nò via' 

fumai vnaliii 

imcnto , j^li eie 

cincrroic:per 

•llcre adora' ^ 

to&'partccii . 

tprclloloro:i' 

^ di minorine 

ortifo dal i!!' 

Ja il titolo na 

legge, che elfi 

uviie huoir 1 

kori ondo per 

ifpeito n'Hi,. 

fcmtne;5c'non 
f ..„.-., I 

topiu 



D K r L' A F R 



ICA 



A to più in Egitto, a^man'imamfntc nel Oniv^ r 1 1 .' "^^ 

tlca;ra.ny.ddicògIiocchiprc,pnv^^^ daaH.i, 

ra della »ufa.& coricarla nel nuWo della Sj^natlnr'' «'°;""^'-S'^ ^K , ., p„r .||,,o 

rc.oladonna,ti,tticorrc.ia,uxì,occarleipmnTcc;nr^^^^^^ 

dice uan fra loro.cbe quelio faiuo lu.o , ^ "u rn. H? ^ i """"'^ ''''" ^•' ^«"'^^ '"'^'"o . It 

n.,condarelemolmepereof.i.aragrat.a.lj. r^/dotnS ali '^T''"'"-'^'^^^ 
It-gar quel r.baldo;ma f urno a pencolo del è. ciJi dal non.^ . «"««o, volcuano a t.rr te le vie ca 
diyjelf. ta I e in gran Nvnerar.one apprelfo I ^ Jo'& , e^haC T^ 'T' '^^ ''° ''^•"o.c.afeu 
l.,a^J.uviftop.uco(eparticolari,cl/io^nvorg.^Ì;of,u^^^^^ 

Va.nUltrar.goladalcanulK-f.p^S;Td:n;^^^^^^ • ., 

no ne mangiano carne d an.male alcLuxma hannrcer, .i;. ^ f '^"'^"""^^ ^'«'«'n^ 

cafcuna bora di d,,à: di notte.cV certe particolar oration. £'^? " "'''''"'" " ^ ^^'P"'-^"' P^ 
H orario,» per vi, d. numerica' Mano di pc^Jtarc ncH^^^^^^^^^ ' ^T"'''' ' "''^ ' " '''■^- ^^^ 'e det 

^^!!^^--'"«'-'p-nuro,XpSdl!±°^:^;;i±^^^^ 



«n.entod.f^;;p-.SorS:i^^^^ , , ....mo 

bar.l.aoe .1 ^ole delle fc.en=e,.n cu. (i cont.via- So^. ft' "^"^''""'^ ^. Ì''' '« d'^^ Semiul Me. 
fc ne trahc. La terza e intitulatu S.rru Lafn a ' lch„rn^ ' i quadretti, &: dmiol fra IVt.le , che 
.enon,id.D.o:&:quelbioWd..nRon,: 1 

c.Mainqueltcfctte:chccdettalaregoladiSui,achcio.X.^^^^^ Ve vnaltra re^ 

Uio.^lìi folitari,ne daitro I. pafconc^bc d iS fern r f ' ""T'^lò "'"^'' ^'"°"° '" ^^ofchi, 
coi .mente intender la viu loro.percioch fup^nnl ^"'"'.'^'"^"«^'^•-S^ ninno e, che polTa partii 
.n. ,Mcm dal propolito dell operai nE° ^'"' ''Tn" ' domelhchczr .. Ma troppo 
JUMumettancdi, p."ncdelid<.^Xde ^1"^^^^^^^^ 'egtjirc duuttele duierlTSe 

dm.ian,metrat,adidiuerfefàrc.eheprS3aU Smfir°'''' ^'^'''■^"^ 

.f/-ntia.,chelafij;fia,a?;:S^: ^--^ réttanta -^Ì 



d..MN inc.pal.;& ciaiajn tie„c,che 1 fuSr^^^^^^ 
ra..erochcaquefMetà,altréqual.[heX^^^^^^^^^ 

luacndeperttittaAtrica,h>tti,Sor,a,a:AratJa&m^^^^^^^ 

• - tu«a Pnrfia I , rruot.a,etin ualchr «W^ ^"!!!.'^?l'';'.'' '"!. ^"^^^ 



rcrtuauPcìfiafirruot^T^in^q: rSS^^^^^^^^^^^ 
i> uquafiiuttalV\liaed;aruta:percSauS ?/;^;^^^^^^ 
p.u vnlteha voluto,cheperforzrd meS'l^^^^^^^^^ 
.C vn. ^ftaa..,bracdawctoUdominSdS^«^^f''''"°'''^"°'"'"""<^"^^ 

fuor cnacitta atra in molte Rrotte ^T^n^^lr, a^^^^ ^'^ Rcntc 

opin.cme,chc. - Romani Ciò l'W^^^ 

eia d. hpagna,fotter rai i in d intorno moke nrlr. .f £ ""'^^^''^ ^' ^"'U'rono verfo la Bc 

^^rfeco.Ktquellemeanrarono,&per^^^^^^^^ 

f^cma„canodiquegl.,chedico;ioiclla^eotal«tn^^^^^^^^^^^ «ncantatond, detti thefort. 

gli hanno potuti cauare per non hauer gliS &' h nmf '""'^ '''" ^'^" '^^•"" ^''c nò 

varua-edenzacauandoi:terra,guarta!^>S 

voltadiec..àdodic.g,ornateIontanidaFezSTacoffè?^^^^^^^^^^ 

fcn,iqualifennomcntioned-alcunimont. A'^IÓhfHif.lf '°r'"?""''' " ' ^ "do eglino li. 
|pcr..ucol.brprima,chc.omfpan,SH^^^^^ 

fc,6:d,mandandolicenzaaipadronidciluoàh com^^^^^^^^^ Paxzia crearono vn Confu 
«llorauanodognilordannor °^"''*^°'"^^='"^"^no"uatoquantovolcuano, gli 

--:->.:;_;;, per il foiiotc, et altri odont: liti. Eclaferanmi,",^-" ' "rH^l^i'y ^ più puzzane 

V o ,i ^^ "" ordinano fi riducono inlicmc 

"^'* f molti 




h 



TERZA PARTE 

molti di loro nd Tempio maggiore , &: difputano di qucfte loro fjlfc imaginatiom' . Et hanno n 
fuohc opere mb detta arie, compoltepcr hu mini eloquenti :& la prima e intitulata di Uc 
ber, die tu anni cento dapoi Macomctto, qua! vien detto, che tu Grecormegato, &' l'opera 
lua , Se tutte le ricette fono fcrittc per allegoria . V'è anchora vnaltro Autore, che ha latto 
VII altra operagrande, chiamato Attogrchi, che fu Secretano dd ioldandiHagadcth, come 
habbiamodefcriHo nJlaviiade'PhiIoioplii Arabi. Et vn'altra compolfa in Cntiche, dico 
lutti gli articoli di quell'arte , &: il maellro li chiamaua A W..inbi , che tu di Granata , dC tu co- 
manata da vn MunalucdiodiUamafco.huomodottiinrnodi talarte, ma il comcntoc pm 
dìtlicile ad intender, che noiK il tdio. Qiidti archiniilti tono di due torti, alcuni vanao cer- 
cando K> dihr , cioi- la materia, che tigne ogni metallo . dC vena , QC altri li danno a inuetligar U 
moltiplication della cjuantit.ideinctalli, per via di mefcolar l'vnco i l'altro. Ma io ho veduto 

die'lhnedicoltoro, lepiuvoltc,cilcondurlialaliiticar monctc;ondc la più parte inselli di- 
molirano lenza mano. 

CmrmMoYi/rmantdtwi à lufai» 
ijono finalmente in quefta dttà, molta copia di qudla difutil canaglia , die in Italia ha conno. 
me di ciurmatori , Et cantano c|iidti cotai huomini dt niun prezzo , per le piazze, romanze 
canzonc,&: tai fdocchezzc,fonando certi loro tamburi, vioIe,arpe,& altri Itrumenti, QC vendo i 
no all'Ignorante turba certi motti.&rr cui.che come elfi dicono.tonocontra a diucrli mali. A ' 
quelli s'aggiunge vn'altra forte di vii.ifimi huomini: iquali fono tutti dVna famiglia, dC vanno 
per la citta facccndo danzar le fimic , & porundo dintorno al collo , bC nelle mani molte bifcie. 
lanno anchora alcune ti'^ -re di Gcomantia.at predicono la ventura allcdonnc. Apprdlo me 
n..no con dio loro alcuni, come li dice in Italia , Italloni, 6C fanno a prezzo ingrauidar le cauallc 
di chi vuole. Hora io potrei feguir d'alcune altre particolarità.circu a gli huomini della atta: ma 
balta dircjdi'cin fono \ r la maggior parte ifpiaeeuoli , & poco amano t torellieri : benché non 
vene molto numero di detti forettieri:pcrche la dttà e difcolia dal mare cento miglia , dC da elfo 
mai e a lei fono vie afpreA' difageuoli molto per tordticri. Dirò anchora i Signori eflér fupcr- 

bitlimMntanto.che pochi praticano con loro.il limile tanno li Dottori,&: giudici,che perrepu- 
lattone non vogliono praticare,fenon con pochi. Nondimeno la concIulìonec,bdttà elTer bel- 
la.commoda.et bene ordinata.Et come die al tempo dd verno vi Ila gran tangoidi mamcra,chc 
fa di nidtiero di camminar per le Itradc con certi zoccoli,ch'dIl vtanoauttauia danno certi diti a 
canali, in modo che i dettilnc lauano tutte le contrade . Et douenon fono canali,tanno raccorrei! 
fangOjà: caricandolo fopra le bdiie.lo tanno gettar nel fiume, 

Bor^hi,che fono juuri(hll4 Città. 
Fuori della dttà dal canto di ponente, è vn Borgo , che fa arca a dnquecento fuochi : ma tut> 
te le cafe fono brutte , nellcquaii habitano genti vili , come fono quegli die guidano i cameli di. 
che portano l'acque. & tagliano le legne ndl'hoftcdel Re . Nondimeno è ciucilo Borgo torni 
iodi molte botteghe, &:d ogni fpetie d'artigiani. Vjulmanoancho tuttii aurmatori.&fo- ] 
natori di poca Itiina . Ut meretrid v'c altrdi gran numero : ma fono brutte, 8C vili . Ndla «ra- 
da madlradd Borgo, fono molte tblTc cauate per forza di fcalpelli di ferro , per effer il luogo 
di pietra teuertina , nelle quali li foleua tener il gì jno de' Signori , die non habitauan allhora in 
detto Horgo , fc non li guardiani de'grani , ma dapoi che comindorono le guerre , & die li gra- ' 
ni cran tolti, turoiio tattili granari in la atti di rdtànuoua,8<:quenicheran di fuori, furono 
abbandonati : ma dette tolk fono mirabili di grandezza , che la più piccola tiene mille rugci di 
grano, &: fono cento ednquanta foffcal prdente tutte fcoperte,a: molti alcune volte all'impro 
"'/? )} "'""? ?5"^''° ' ^ P*^"" quello v'hanno tatto certi muretti intorno ddle bocche di q ucllt 
Il Caltdlano di Fez , quando auuiene , che egli taccia qualdic fegreta giuitiria , fa gettare icor- 
pi de rei nelle dette tolfc , perche e vna por ticella fecrcta nella R occa , che a qud luoghi rifpoii* 
de . Qyiui e il giuoco de' barri , ma non vi n giuoca , fé non a dadi . Quiui ciafcuno può ven. 
der vino, tar la tauerna , OC pubhcamente tener meretrici. Onde li può dire , che il detto Bori-o 
fiali ricettoditutwlafentinaddla città. Etpoichc fono palfate le venrihore, in tutte le botic- 
ghc vn folo non fi vede ; perdie ciafcun o li dà i balli , a i giuochi, alle luflurie , & alle tmbriacag- 
gmi. V e vnaltro Borgo della detta atta, douehabitanogU inlermidilepra. Uquale h drcaa 
dugento cale. Et qudti infermi hanno illor priore, &:capo, che raccoglie l'entratedi molte 
pollcHioni donate loro per l'amor di Dio da gentilbuomini. & altri :& tòno fcruiti di manie- 
ra, che di niunacofa hanno bifogno. Etqudhpriorihannocuradi tener la città netta di eoa- 
u intcrmi,tt: anche autorità,comc cognofcono alcun che lia ammalaf q di «1 male di far b r.-nai 

tuori 



A fuori 
fauci 

li ilici 

d.-no, 
Olire 
giuia 
Jii-ntcì 

a Juer 

glOUCkJ 

noie lo 

gita di 

toiìo tr 

dono al 

laqualc 

trica.nc 

\ nd cof 

S fa larga 

no moli 

clicvica 

di piccol 

fiiiariui 

guila. C 

tua capai 

nielli di I 

nuta la te 

pratudoi 

unocvn 

del detto 

Poco par 

Vhad 
da gentili 
tatto 4 me 
nc,foglioi 
C aconfoiat 
mente il g 
viddi,non 
dckju.ileti 
fra quei ve 
no più ma 

^«orid 
tofcpoltur 
^'pieticdi 
moniera^d 

Dalla p: 
«"oliifJimij 

««■oigiardir 

paiono q uè 
«utto.&p, 

'»^ perfidie , 
dcui fruiti e 

'0' Et tutti 



noni. Et hanno n 
inutulatadt (.ìc. 
c^Mo , &.' l'operi 
>rc, che ha fatto 
Sai;adcili, come 
I C» nuche, dico 
anara, 8C fuco< 
I cemento e più 
culli vanao ccr- 
o a inueibgar U 
•luioho veduto 
arte in Fez lidi- 



Italia ha cogno' 
izze, romanzi-, 
menti, di vendo 
liuei (i muli. A 
niglia, Si vanno j 
ani molte bifcic. 
. Apprefloiiu- 
autdarlecaualle 
ini delia citta: ma 
cri: benché non 
Italia, àrda e(Ib 
tioricflfcrfuper' 
ci,chepcrrepu^ 
la città ctTer bel' 
):dimaniera,cl;e 
anno certi eliti a 
anno raccorrei] 



ruoehJ:matuc> 
anoicameli,d; 

Horgo forni 
irmutori,&:lb' j 
'ili. Nella (ira- 
ler elTer il luo^o 
uuan allhorain f 
e,&chehgra' 
Il fuori, furono 
e mille ruggì di 
volte all'impro 
occhc di quelle, 
fa gettarci cor' 
luoghi rifpon» 
cuno può ven" 
: il detto Borgo 

1 tutte le botte- 
alleimbriacag' 
quale h àia a 
ntratcdi molte 
ruiti di maniC' 
» netta di coB' 

tuori 



A "^"deIlac.,ta.ef/arlohab.tarindetroborKoetreaIcunm ^ . ^* 

aucrccompartoiio alla com.mua del lkvu:vlJ,rfS^ ^'^ 
^u.dfc/,gl.uoll.Jarobacdei,g|.uol eX^^^^^^^^ 

d.no,anchoraquc.chcha.u,o^lc.,nr .ucc Ib'^^^^^^^^^ 

Cure a qtid o Borgo vt.altro ve ne, douS, ,urrm\ . '7^^' ' ^^' '^''' •"^"•••''"'' •• '^r u^ 

gna.uol.:. iorgof picciolo, A' hc.ru a ccmo^^^^^^^^^^ 

guadi gen..rhuo,n,n, l. riduce mlien, ' quriJnf,? nl';^ ' ''" ^^'^""'^-'^''^ vnipav X J 
ioao tra loro tutta qi.dia e-. nc;& danno ber na» .?. ^"l'"'' ''" ^""''^"'o •'' ^^cccìto &: f« .? 

e ono al inercatmt. d. lan.Od.'c X'^m ffimérc;;:'' " '" '^i"'-^' ' P'^'^''^ Clc ven 

laqualefarcW,efoucrci,,oadirc.Q.,dtono,So^ 
frua.ne.n A i4,ncMnl,al,a.,K™.doueli ruom^^^^^^ 

^nu cofaindiimabilc. sono anchor^ Kiori d dia cu a cerr^'/'" ""J?'^' ""'^ '^'^'' ^'>e nel vcoi 
3 fa larga due iniglu A' iu lo dc.tr r.ip, tawl, no le n Wr f ' /" "j'?'^'"*^' ''^q"^'' «^'"«ono vna fof 
no molte fornacdoue f, cuoce effa cS B arK''^^ '^]' '' *' '>• "''•'"•'• '^^r tutta la folla fo 
che vicapiranno (e. mila moggia di e ina ffi 'ono gràd,:di modo, che tale ve rlv 

dipiccolanobiltà. Uall . parte di ponen^m^^^^^^ 

Iti^lariuieraddhunìe. Citdiefonotenj ed 'qt^li^d .^ 

guila. Ciafcuno ogni anno ne' tempi buoni b?gn J le lue ,d" £^;f '''^'«'•''■^ '^' ''^'- "^''^- ^^ '" al 

liK,capanna.Etcomecoftoroleveggonrar3r^^^. r'^''''^'"^*-''"^ 
n.h.d.legno.p,glu^ 

nuu la rcra,cia(cMno raccoglie le fue tele &reì.Zrr r '"' ^P^fRono fu ledette tde.Er vr 
praiKdoucIdkndonoIedcttetcI fé baf n. ,^^^ 
...KKvnbelfofpettacofoiSfe^^^^^ 

dcldettofiume:cheemoI,och,araparedaKnocrelth^^ 
Poe.iparui,cntcmfodediciucom^.,gonoek2am^^^^^^^ 

VhadVntornomofticampi doteTZdlT^"■'''^'''"^^ ' 
dagentilWiiudonatiaTolt"^^^^^^^^ 

ÌMio a modo di triangolo,ma è lungo.6c fottdc A 5? Jfi ^ '' corpo.doè fu'l tcri c.io, vn lai lo 
ne,fogliono metter da capo vna tauoJa d mlrm.^ ? ^'"'"' "°«b'''-&^ di qualche ripurat ó- 
C aconioIationcdicor.durUamaroplS^^ 

nicntc,lg,a,no,&lanno,clichìoritteTn7notì^^^^ 
v.ddi,non folamente in Kez,ma in tuttf/a^^^^^^^ 

delqu..kfecidonoalfratdfoddRe.cheviSn^^^^^ 

ira quei vcrli fono alcuni attia dare Cn In^f '''r 1"''^ "'°" *' '°^^^ P^^r^e Re veccl "olS 

no^p.umaninconuAcriite.mai:;SS^-^^^^^ 

^ P'ctre d, marmo.con epitaffi d. lettere ima^I a\e nd ;« '°l'"^ ''^^ ^^"'^•"^' ornamenti. 
n>anwra,dKempionogltLh.din,anu;^^^^^^^^^ 
Dalla n-ir»- ,^r j- (^"tt-dmiO'tìorti. 

:^^^^^^i^::^ <^i -.giorno, vi fono 

»roig,ard.ni, palfano alcuni piccoli Se Se i?Tr""r«''°^'''^ ^'"- Et peren. 
pau).,oqueft, guidint bofch., ne sv?a XaJe^^ 

K per .che . lequa . non hanno molto buon Mpore Et ihS ? n ?."^'"^ ^°"" = <^*^««'» 

dcuifrutu og,„ di cinquecento fome. trattt^rfiori ria. .^^^^ 

'O' tttUtIcledM#*./««w. * .""\™°"' vuc, eh IO non DOmrn in, ,T.,(} _- 

i Tsjiiiua vnwoeo lidia CI tra- Hr»ii» .„^ ' '"' ."'"" '" ' '"-'^';' 

^' i ij livcn- 





il 





Ir I v.iii 
I .. I ■ » l 

u iiuuiia 



TERZA PARTE 

fi vendono all'incanto , in prcfciiza de fruttaruoli. Et in quella mcdcl ima piazza,! i vendono i n 
khuun neri, 'Vf lui 1 1 p.ij;a la gabella di quelli . Anchora vcrio ponente e vn terreno largo circa a 
quindici mii^lia : &C lungo, circa a trcntaiilquale e tutto ripieno di fontane, et di fiumicclliA' e del 
Tempio maggiore. Qìiello luogo e tenuto a pigione da gli hortolani;iquali vi (cminano gran 
quanta di lino,incllonijZucchc,cetriuoli,carote,nauoni,radicchi,cauoli,cappucci,&iaihcrlK.I(j 
nìodo,che il crcdc,cha'l tempo della Ihte Te ne caui quindici mila fomc di frutti , & alti ctante lia^ 
ucrno.E vero,che l'aere d'intorno e cattiuo;&.' la più parte de gli habitatori ha il vifo di color gial 
lo:patilcono fpellc febbri, &.' gran quantità ve ne muore. 

La niioua città di Fez,è tutta cinta di bellilfìmc, altiffime, QC fortifllme mura, &,' fu edificata in 
vna belliinma pianura apprello il hume:di(colto dalla vccchia,circa a vnmiglio.nella parte di pò 
nenic.à: quafi verfomez::ogiorno.lTa Icducmura pana,&: entra vna parte deJHumc,cioc dal 
lato di traniontana.douc fono i (uoi niulini.&: l'altra parte del detto liume li diuide in due. L'vna 
ne vi fra 1 e: nuoua, & li vecchia a cito la rocch3,&^ l'altra palìà oltre per certe valli,ò<: giardini, 
vicini alla verchia,pei inlin, ch'ella entra in lei di verfo mezzo giorno . Quell'altra parte fc n'cn- 
ira alla rocch.i,&: pailt per lo Collegio del Re Abuttiman. QÌieffa città fece edificar Giacob fi- 
*, gliuolodi Abdultach primo lie dcllacafadilVìarin.ilqualeacquilfòil Regno duMarocco,fiC 
a. dilcacciò i fuoi Re.lit nel tempo ch'egli era in guerra con i Redi iMarocco : allhora il Redi le- 
Iciiilin gli dalia grande impaccic.com piacendo a i Re di Marocco , bC per non lafciar crefccrc la l 
caia di Àlarino.Hora.come quelio Cìiacob hebbe fpedita la guerra di Marocco:gli véne fantatu 
ui lar vcndcita contra il Re di Telcnirin,con ilquale volendo far guerra , s'auuidde che il luogo, 
liouefuron le fortezze di quel Regno,cran molto dilcolìo da Telcmlin.Perilchcd?liberò,che II 
facdli- la dfiiacinà; &:quiui tramutar il reale feggio di Marocco .'Et coli fece:chiamandola città 
liiaiica: ma il volgo dipoi la dimandò Fez nuoua, feccia quel Re diuidere in tre parti, l'vna fepa^ 
rata daH'alfra.li! vna parte dicluogo al palazzo Reale, &' ad altri palazzi, per li Tuoi figliuoli, bC 
pe I fi atelliA vollc.chc tutti hauellero i fuoi giardini: 6t' apprello il fuo palazzo.fecccdilicai e vn 
Inllil fimo 'rempio,molto adorno.fin: con marauigliofo ordine. Nella (ecòda parte.fecc far gran 
dilìime (falle per li cau.ìlli caualcaii dalla fua per fona.d' molti palazzi per li Tuoi capitani,^ huo 
mini più eletti della fua corte. Dalla porta dal lato di ponente, fino alla porta, cheguarcla verlo 
lcuante,fu ordinata, &: fatta lapiazza della citti;il cui tratto per lunghezza cpocomenod'vn ! 
miglio &. mezzodì per entro fono le botteghe de mercatanti,&: artigiani d'ogni fOrtc. Apprcf | 
fo la porta di ponente,cioc a! muro fecondoitecc fare vna grandil lima ìoggia.con molte altre loj; 
gitttc,douehauc(rca(hircdi continuo il cu(fodcdclladttaconifuo(foldaii,&:minilfr{.Apprc(' 
lo a quf (te, volle,che fò(rer fatte due bclliirimc (tallcinellc quali poiclfero ftarc agiatamente trccó 
co caualli deputali alla guardia del fuo palazzo . La terza parte della città fu'alìcgnata per j>li 
alberghi della prrfonwdel Re , che allhora erano certi huomini di Icuantc : le cui armcerano gli 
archi : perciochc allhora in quc'paelinoncra pafTato l'vlo delle balcfire; aiquali huomini,!Ì f 
Re dalia buona prouidone . Hora per la detta piazza fono molti Tcnìpij , bc Itufc bellifTimc, 
& fatti con grandi fpcie. Etapprclfoil palazzo del Re, e il luogo, douc fi batte la moneta, r 
U Zecca.' che c detto la Zccca: laqualc e fatta in forma d vna piazza quadra :& d'intorno vi fono alcune f 
loggietie , nellequali fono le caie de' maeiiri. Nel mezzo e vnalt? a loggia , douc (ìedc il Signor 
della Zecca con li'iiioi Notai , & Òcriuani : perdoche detta Zecca, come in altri luoghi , è vn'of- 
hcio,che(i fapdRe,&: l'vule e fuo. V icino alla Zecca, v'évn'altrapia/./.a, nella quale fono 
le botteghe de gli oi cUd , il lor Confulc , &C quello , che tiene il (igillo ,hch (òrma delle moncic. 
Ne in I e/ 1 1 può fare anello, o altro lauoro d argcnto.o d'oro,(è prima il metallo non è fuggclh 
to:(enoncon molta perdita di colui, eh e lo volcHe vendere: ma cflendo fuggcllato,lipaj»ail 
pri/Aoconliieto; A:li può fpendere, come li fanno le monete. Etlaniaggior parte di quciìi 
eretici (onoCiiudei;iquali fanno ilauori in l'ex nuoua, &:gli portano a vender nella vecchia 
a vna pij//.i loro alfegnata : laqualc è apprello gli fpctiali, perdoche nella vecchia I-'r/,, nonii 
può baiicr ne oro, ne argento, ne alcun Mahumettano può vfar r;Mte ddl'orcfice: perche ilfi 
dicono elicle vfura a vender le cole fatte, o d'argento, o d'oro per maggior prez-zo di quello, 
che le pefano . Maiilignori dannoliljcrtà aCiiudcidiforlo. Ture ve ne fono alcuni pochi, 
che (anno lauori (olamenjejicr li cittadini, ne altro guadagnano, che la fattura, hi quella pu* 
le, douc anticamente habitaua la guardia de gli arcieri.hoggi e tenuta dà Gujdei:pcrchc i Kc mo 
derni non tengono più qudla guardia , iquali prima habitauanondla dttà vecchia. Ma cu- t 
fcuna volta , che ne (cguiua la morte d'vn Kc , i Mori gli facchcggiauano , Et fu df nidhf re, ( 



Uilii 



A clic'lf 

to.doi 

le lori 

rciinii 

difpre; 

digiun 

ne che] 

I-Vz,qi 

forni -4 

nere vr 

che noi 

grandi; i 

certi cai 

noltritc 

le,cioca( 

pra certi 

uefe,aqi 

ramentc 

B quattro 

tone il p: 

vili vfici. 

d delia C 

Fra fui 

dd popò) 

iJignortc 

ddfàdel' 

iiabitatt,d 

ipontehci 

quella par 

polo di Zi 

no. e vero, 

gli dalle m 

no a folleu 

Jsigiioripe 

Principe pi 

C Corte a ere 

te fono olle 

lui, clic piu 

publicatù i 

irata del fuc 

ctperMag 

Rno,e«:que 

bilifcevngi 

rodi caualli 

fwifaccrtic 
>",clieglifoi 
detti popoli, 
Ciordinari,3 
gua loro leu 
ti entrata pei 
Icliercito. y 
pamaatèpo 
'inùdanari.c 

n>cno nella CI 
difiiiiaiu^c rjj 



;za,li vendono 1 d 
:nt> largo circa a 
iiimicclii:&'ccld 
i (ì'uiinaiio jirati 
:i,&iail»crbc.l(j 
Stfaltrctaiitclin' 
vifo di color gui 



de fu edificata in 
nella parte di pò 
cJHumc.cioèdal 
de in due. L'vna 
/alli.òtf giardini, 
tra parte fc n'iii- 
ificajGiacobfi- 
I di Marocco, fiC 
ora li Redi l'c' 
afciar crefcerc ia B 
^livénefantalu 
Ide che il luof^o, 
eddihcró,chcli 
iamandoia città 
)arti, l'vna Tepa- 
fuoi figliuoli, de 
fccecdilicarevn 
irte,fccc far gran 
irapitani,^^ hiw 
fic guarda vcrlo 
)OC0menodVn 
ni forte. Apprcf 
» molte altre log 
linilHApprci- 
[latamente tri'cc 
ilìcgnaiapergli 
i arme erano gli 
lali huomini,iif 
itufebeltifìlmc, 
attcla moneta, 
vi fono alcune 
cfìedcilSignor 
uoghijèvn'of' 
iella quale fono 
la delie monete, 
nonèfuggcila 
cllato, il pagali 

parte di (]udti 
■r nella vecchia 
'hialV/.,noniì 
fice: perche tifi 
r7,/.o di quello, 
> alcuni pochi, 

tt quella p ir* 

perche i Remo 

:chia. Macia' 

fu di fiicihcrc, 
-I- .1 



D E L L' A F R 



A cIie'IRcAInifjIi/dffJifjcefrctramiiMrrt.ii ' . 45 

t.douc,K,gg,d.d.Lruno.X\"nl"?:^,^^r^^^^^^^^^ 

KMorlunteghe,ecafe,dM.nagoghe.E,mS 
reilnuinero:mair,mainentedomio.?r ■ V .P ° 
difprezzo apprelfociafciMìoSi^,: u 'f '^"^•^"^^^•^^^ 
d.g.unch.marun,d'ntc..poairu^"^^^^^^ 

neche portino .nl.emc v„ panno roifo a t .ccato a»a ?"'"''^''^> °8''«"^^ po. far lvrrctta,cò e 
-c=,quattrocento ducati .1 „,cfe . In Hne a dct« rir^T^'u "/^''^ '''^"''''' ^'' P-^M're I S 
fon,. -. d. forte mura, A' di palazzi, Tcninn t ri» D"^ ^^'^^"^ ^^' ''"^^ -Vu.ur u ta inn 
nere vna citta. 1 1 crcdo,cl e marcio Srff^^^'l'^ ^' '^'"' M"^"' ornamcn, ci nuo ? 
chenonfunel/emura,chelaclng^o'no.S 

grand,..equal. leuano lacqua dal tìume.^ /" nlnìn^r ^T' ' ^"''""^^ ^^"«^ ^^""c ruote nuS 
cert, canalett.,che la conducono a i p^L^ aS^H £P''Ì^ "^"^'^ ^*"'^ ^t"" > doue f^,n" S 
no(ir.temp/,eioé da cento anni in qS pere i^^^^^ 

lc.ciocacquedut.o.che vfciua dVn^^oSTd ^^^^^^^^^^ ^^"'"^ -"''' citt/^v vn "na 

praccrt.arch.moltobenformati.Htdicel?ehdde?^^^^^^^^^ 

ramentccofamirab.e:maHimamented.eintar^tofM^^^^^^^^^ 
B quattro volte fra il d,;& la notte.Rdbm a d"re e ?P.nT o''^"'!""" '' «•'"^^'«ono piu,che vii,» ""'' 
tone,Iparentadode-Signori.&qua!crCo '^^^^^^^ 
vihvficKPerciocheglì,7K.m«nidi.,pu^^^^^^^^^ 

cideJiaCorte,ncftnìiiiIiantementedidarnTt;te;f°Ì^^^^^^ 

Fran,ttiiS,gnorfdeirA£at!rr^^^ 
dclpopolo,ne5uamatodaprS^^^^^^ 

de bde Pontef,o,,uttiicapidepopoli cf^cr^n'^^^^^^ 

l.abitat,a: per forza darme HatuiuCdiuer^^^^^^^^ 
.pontehc.loro.Comeéauuenuto"Xante^^^^^^^^^ 
ciucila Pirte.sVnlignoreggiauano de'S^^^^^ <^"'-'^''' Tarter, , A: altri venendo da 

polod.Zeneta,coliqucldiLomuSS"pe^^^^ 

nacvero,cheJagentediLontunavSf^^^^^^^^^ 

gi.dal cmanideglil,eret.ci.Etmqueftiv furono^^^ 

no a folleuar la tirannide,comesè veduto p";°"°^'8^^ 'T' "^'^ P^pA^ot ina.ni.ncurc, 

^.g,,or.perverahered.ta>eperelettionXoP^^^^^^ 

f!'"f'Pepnma, che venga a morte, lega S[Sr! "'"'««'°I''^d^''^-'''P't.'no.maciaicua 

.^?:r?r"^'""^'^'^^^woiamo;tSS^ 

.fonoolleruat..g.uramenti:perciochequaK^^ 

lui che più piace loro . In quella cuila li VuÒmÌh^ "^ ' ^'''' '^'«■'KgO"o per Jor Simiore co 

publicato i^e,fa vno de fuo/piu nffio maa jo''"'!"^ '^'^ ^^' ''' '^'^ ■ ''^"^'c fulÌ^o heé 

irata de fuo regno.Doppo XggeTn £eur S ^ ^^' ^"'^*^'"' ^" '^^^^^^^ 

et per Maggiordomo. cica dapSi , c?pt^^^^^^^ 

pK>,a^queili,,Ip,udeltèpo,lbnnocofflrca„n-;"n^^ 

W.fcevngouernatore:.l/,uilel.gode7l^^W 

ro di cauall, a fue Ipefe a comandi del Re do a uà uni' ' '° V^''»-»"^"' d« tener tanto nume '*^'"'- 

po.acert.comm.lfari,&'fartori.fopraip^^^^ 

l",clu'gl. (on loggetti. I coinm.l far animS ano r-w 1 "^;'"^""'^^' '""chora fopra gli Ara 

detti popoli, i fattori hamio carico di r" cuo r I .« ^ "S"' ' ^'"'^"'^^^ ''« ^*'""l ita de le Kv^i de' 

«u>rd,nar.A'd.quelI.,chenonfonSina^^ 

gua loro , cullodLcafcuno de qualdu vn ca h^? ''''"- ""' ^''^'•oni.chc fono detti neVa In 

unurataperloviuere,i^pcrjttcrrm^^^^^^^^^^ 

I dlcrcto. Anchora tiene cai ali. leggila o 'a ,,S^ ^?"dit.one daccompagnare .1 Re nel 
poma , .epo d. pace.da a colloro grano LtSoS'' t ^'m' "'^'^'^ ruo.quando llàno in ci 
l.nn da, uri.e vero,chegli velie vna vota lann . N^ ,f 1 "'^'^''' P^^ '""'^ 1 anno.ma pochi^ 

**«• i il} fu 



I I ' 



t 





TERZA PARTE 

fu camelli da fomc.Ticnc andiora vn altro commillano fopra a camclliulqualc dà ricapito a pa 
llori,&f difpcnfa fra loro le capagnc,& proucdc del numero di camelli, che Unno di miliiero alle 
bifognc del li,c,dC ogni camellicro tiene due camelli in ordine per cardare lècondo cheli vicn i o 
matìdato.Ticne apprclTò vn difpcnfatorCjChc ha carico di fornire,cultodiro,fii^ difpcnfar le vctio 
uaglie per lo detto ìi.c,6i. per lo cflcrcito: dC quello tiene dicci.ò dodici padiglioni grandi:douc di 
pone le dette vettouaglie,& di continuo muta,&; rimuta camelli in faruene portar di nuouc, ac- 
cioclie lelTcrcito non paiifca. Sotto di quelli fono i minillri della cucina. Ve poi \ n maeilro di 
Italia: ilqualt ha cura di tutti i caualii, muli, dC camelli del Signore : dC egli delle cofe necclfarie , si 
per (.]uelti,come per la famiglia,che gli gouerna,è fornito dal difpcnfatorc. Tieneetiandio vn lò 
mcHario (opra le biadc,chc ha carico di far portar l'orzo, 6(f ciò che bifogna al mangiar delle det' 
tebcltie.Etquelìocommiflario ha cancellicri,&;notai,per notare, Sflcriucrc tuttala biada, clic 
lidifpenfa,&^ renderne conto al Maggiordomo. Tiene fomigliantementc vn Capitano di cin- 

Suanta caualli:quali fono a guifa di curfori, iquali fanno 1 impoiitioni da partcdel fegretario del 
.c,in nome del detto Re. Anchora tiene vn'altro molto honorato Capitano.ilqualeècomc ca- 
po di guardia fegrcta:&C ha au tiorità di comandar da parte del Re a gli vfficiali,che faccino le elle 
cutioni,&f le confifcationi,& feruino giuftitia. Può prendere i grandi huomini , mettergli nelle 
prigioni, vfarc in quf'ii la feueritd della giu(hiia,fe gliel comanda iI|Re. Tiene il detto Re ctian> 
dio appo lui.vn fcdci cancelliere;in poter del quale è il hgiHo del R e , & fcriue egli le lettere , che 
occorrono di fua mano ligillandolecon quello . Di ftaftìeri ve n'ha grandiifima quantità, iqua- 
li hanno \ n capitano loro,clic gli accetta, ifcaccia, S^ diuidc tra loro il piu,e il meno del falario, fe- 
condo la loro lufficienza ♦ Et quando il Re dà l'vdienzaiil detto capitano glie fcmpre prefente, 
di fa quali Ivficio dVn capocamerierc. Tiene anchora vn capitano fopra i carriaggi,ilcui vhcio 
è di far portare i padiglioni.ne quali alloggiano icaualli leggieri del detto Re. Et è da (àpere clic 
i padiglioni del Re fon portati da i muli , dC quei de foldaii da i camelli. Tiene vna brigata di 
bandcrari, iquali per Cam mino portano gli ftendardi piegati: mavno,che femprc va dinanzi 
airelìcrcito, porta vn Uendardo (piegato dC alto. Et tutti qucfii bandcrari fono guide, 5^ fanno 
le vie , i palFi de fiumi ,& de' bofchi , fl<: tiene gran quantità di tamburini: iquali tengono certi 
tamburi fatti di rame a modo d' vn gran catino , larghi di fopra , 8C f fretti di fotto : 6C dalla parte 
di fopra fono coperti di pelle : dC gli portano fu caualii , che hanno i baftili : ma tengono dirim- 
petto al tamburo alcuni contrapcf i: pcrcioche cfTì affai pefano. Et fono queRi caualii de" miglio- 
si.&'dcpiu prelti corridori, ch'hauer fi poffano.- pcrcioche è tenuto a gran vergogna, quando 
il perde il tamburo: di. detti tamburi fuonano tanto forte , & con si horribil f'uono , che fi fanno 
fentire a gran pezza di lontano, dC fanno tremare i caualii , dC gli huomini; OC gli fuonano con i 
membri de" tori, i trombetti non fono tenuti a fpefa del Re: ma quei della città a tutto loro col t;> 
fono obligati di dargli vn certo numero . Et i detti cofi fono adoperati alle mcnfe del Re, come 
nello attaccarli delle batt.iglic. Et ha vn macffro di cercmonie : ilquale , ciuando il Re chiama il 
ConfigliOjò dà vdicnza, fcmpre tià a piedi del detto, ordinando i luoghi, oC faccendo parlar Iva 
doppo l'altrOjfecondo i gradi &C le dignità. La famiglia del Re è per la più parte di certe negre 
ifchiaue,ct di quelle fono le cameriere,S£! le donzelle.Nondimeno femprc ci oiglia !a fua moglie 
bianca.Tiene anchora alcune fchiaue Chriltiaae, & queite fono o Spagiiuole, ». Porihogallcfc. 
Et tutte le donne fono fotto la guardia de gli Eunuchi.che fono pure fchiaui negi i. Qiicilo ìic 
inuero ha gran dominio:ma piccola entrata: laquale appena aggiunge a numero di trecento mi 
la ducati.Et di queiia etiandio non peruiene alle mani fue la quinta parte:pcrciochc il rimanente 
e allegnatOjCome di fopra habbiamo detto . Ancho la metà di cotali entrate è in grani , in bel f ia- 
nie,in olio A in butii o. Et li caua per più vie. Alcuni luoghi pagono per tanto terreno, quan- 
to in vn giorno poli òno arar vn paio di buoi, vn ducato,& vn quarto. Altroue fi paga per ogni 
fuoco altretanto. Ahri luoghi fono: ne quali per ciafcun'huomo da i quindici anni in fu, fi paga 
puiealtretaiuo. Inaltn dC dell vn,&: dell'altro. Ne v'c altra grauczzu,che della gabella, laquak 
e nella città grande. Ne vi voglio afconderc , che a Signori temporali non è lecito per legge di 
Mahumetto tenere alcuna entrata , eccetto il cenfo da lui ordinato . Ilquale è , che ciafcuna per^ 
fona, che ha in contati cento ducati,f la tenuta di dare al Signorc,di quel numero , due ducati, èC 
nìezzo l anno,! n che dura quella quantità:^ ogniuno,che raccoglie del fuo terreno dieci mog- 
gia di grano,c ohiigato a dar la decima parte . Et vuole che tali entrate liano date in mano del Pò 
iehce;ilquale, oltre alle bifogne del Signore, le difpcniì alle comuni vtilità: 8C di quelle liano aiu> 
tati 1 poueri , gl'infermi , ò^ le vedoue , 8c' folfenutc le guerre contra a' nimici . Ma da che fono 
inanci|LÌ Posrciiei.i^unori- canine .^VcL'ttQ. lìaitnn mrnqiinfiatn g i/(ar b tirannide- ni' bi-< 

Ita 



D 



E 



4 

i 

A ftalon 

no agj 

iioaua 

dotto i. 

vna ili 

tiiiigni 

la caua 

neado 

quanJt 

nc,che: 

ualicm: 

d'cffif 

le cerili' 

qualclu 

niicrani 

nointcì 

gunanc 

nieiliv( 

B noiban 

difpenfà 

fonerei 

con qual 

porta la I 

ficiTcVd 

Urodele 

capcifro 

del Re: ci 

ca il capo 

i baleffrii 

no(ce,no 

^fgiati là 

niigli,in t 

pagna,pi: 

dvn calte 

(cunijtoi 

polle fopi 

C ci.ilcuiud 

ni. La cani 

iiunicntc, 

uoniidclj 

pelli di caj 



pel 
Re 



:chefoi 

iii.doueall 

^ogijia mo 

usili a ordì 

del carriag 

catanti,& | 

gli alloggi; 

eli fei uono 

Il può enti 

K e tutta la 

«lamie. .Si 

guardiano 

mini nimici 

gu.ililjcufi 

(rllrlii'\.\.'.> 

r •'=•-" 



ricapito a pa Q 
dimiUiero.ilIc 
:> clic il vicino 
pciiùrlcvctio 
^randi:doiicdi 
r di nuouc, ac- 
ivnmacllrodi 
!c nccelTai ic , sf 
Etiandio vncò 
igiar delle dct' 
abbiada, clic 
spirano di cin- 
I fcj;rctario del 
naie è come ca- 
z faccino le clic 
mettergli nelle 
etto Re ctian^ 
ile lettere, che 
|uantità,fqiia- l 
idelfalario, fc- 
r>pre prefentc, 
Tgi,ilcui vHcio 
e da fa pere clic 
vnn brigata di 
re va dinanzi 
uide, 6C fanno 
tengono certi 
& dalla parte 
ngono dirim- 
ailidc'migliO' 
3gna , quando 
3, cheli tanno 
fuonanoconi 
utto loro col t^> 
: del Re, come 
il Re chiama ti 
»do parlar Ivii P 
di certe negre 
1 !a fua moglie 
'orthogallclc. 
u QitcItoRc 
di trecento mi 
ic il rimanente 
rani,inbcltia- 
crrcno, quan^ 
paga per ogni 
li in fu, il paga 
;3bclla,iaijUaÌc 
ro per legge dÉ 
: ciafcuna pcr^ 
due ducati, 6^ 
no dicci moc- 
n mano del Pò 
ielle lìanoaiu' 
la da che fono 



DELL'AFRICA 



44 
ma v'ha- 



iìoauaMrarntanto,chebalhlorope ve tre S'elv"^ 
dotto e^ da bene vuol hauer domdhche--aco^^^^^ ^"^"' ''''' »'"" '"'omo 

vna .lidia méfa,nè meno accettar di ò^refcnH 5" ''"n;°^=>'''"^ """«'•" con elio loro i 
e. ^Ignori Ha pegg.o,che rubC l"Sct^3 dK^^^ ''timano,cIie la f.culta di det- 
la cauall. pagati^ dnquecento baleUr'eri A^ a^Ùa-L, HrH, W . '?""*'"? '" P^''^'' '"^ fé, mi 
ncad ogn, (uo con,ando.ma ne tcmp Sac^^^^^^^^^^ &' "^ °^d'' 

quando .1 Re e fuor, nrlla r.,m.>..,., . 1„ L ' u .' "'' r'"'' .'"=> '"'^^^"^ /eP^-ati vn miyl.o : cioè 



I.lgéteche 

Mene il Kc 
ih lei. 



L'ordinin 
/a del tic 
ijuaJo (.a- 



qualche mollra e d. neceirita I cl/l.t. f7;;. n ^ ,'''"'' ^'"' ^' '"' ' 
micranicnteilmaeftrod lem 

no intendere a i parenti del det Xa i canuTn t .<^^ T^°" F'I ""'"*^ ^'*^' ^^' • ^'P'" ^•"' f-"» 
gun.no inlieme'neila p.a==a e c^^^d? ^ ^ ,^"J^^^^^^ ■ 'q"- tutti 1. ra. 

n..lRee.ede,palaz?o..dctucur(or.dit^cl^nr;!S^S^J:^^ 



no I bandcrari : dipoi i tamburini : dm^ Inndró d bm r' ""'^'"'T- ' "'"•^ ^' "«- '' 
d.fpenfatorecon i fuoi : pò, . cuUod. pò 1 mie mi I ' "" """''^" ^ famigl.an. pò. 

for,erc..lgiudice,8^iIca^,tanoJlF,rerco 

con qualche l V„KÌpe.&' cau.lcano inn n"^ a ne (nn. n ' '^7"''*^™5 ^^' «"" conl.gh.rc dC 

porta la fpada, 1 altro lo feudo , & vnTroT XT; dd d m if"]' ^'''''''' ^1 '^'^^'^"1"^'' -^'^ 
imr.i\ di nudi, vno nona la n.rr.u. , ' 1 ,. J ' '.*^.^' ^^"° ^^'' ^ l^.f"""^ «'■ --'"no i luo, Itaf 



il 

he 



capdtro d. fopra alla brig^. de cuaHoXt n'cl y^v/T^^'IlT*'^^^':" '^ ^^"" ^' '""'^^"° '' 

dclRe:d,efonocertizoLlifatt conbKr^^^^^^ 

ca .1 capo de gì, Itaffierrdapoi gì, eunuci, :dapo EZ dd IPT'"""'-^ '^^^ il Re caual, 

i baldèrieri & arch.buCcr. Lhab.to cl^ il C vfa ^ V . '>^-^^P5".' ^^^'^"' leKg'cr.: dapoi 

no(ce,nonpcn(acheegI.I,a.lRe péS ed^^^^^ 

Irrguti à ricchi pannuNe alcun Re o Sk'i o Ma u.^ ,?/n "' ^"" '"P'-'r''^'"cntc , à' co 

n.glMntdb:j.rL-helaleggede.Vht'r^^ 

pigna piantai, prmu nel n,ez:3o .1 gran tabernacolo d'elio RcSae e Ìo/'^^^ "'" ""'''^ ''- 

ro..fopra,itettod^d«teZ::^£:i ::^^:;r^ ^e 

e e, cuna delle quali v. Ita la guardia de gKcunuch, fi? i.Vn^^lH M r "l"'!""" P^rtcper 

ni.La carne, a.ndlaquale dorme il Ree fa' n .i i^^ ' ," ^*^' ^**"^,^' '^"^ ^''t" Padigl.o. 

..an,cntel3mtor,;Laltaberna<:lbfon:S^^ 
uonti del Kc&l d'intorno à audii fono ordì.,.,..™ ^ .^ . f "^ ' cortigiani più fa- 

rcll. di capre,!, come queglTg A?ab7n^^^n^^^ 

kc:che fono tutti padiglioni in nero LrraS.m Non^?! , ^'-^t ' '** '"''"' ' ^ '' ""*^"'' ^'^ 

ni:doueallogg.anS.(otlat.dVcauXg™^^ 

togma molto v.lc.djlcoito vn nom r I . (t iìl.v-.v, i i "'''«'^"° "<^' "'i»;"o del Re, ma in vna 

.f ordine i-vn^:^ r2XÌ^^ cSo ZK^t:;;^^^^^ ^"^««'^"'- 

ddcarnagg.oddRe.5^iui fonobottCL^hcdibeSdii ^^^ - . '>''°X8''»"o ' mulattieri 

catantiA'iì.artiguni.die vengono ^^^^^^^^^^^ 

gli alloggiamenti del Re vcni£ono ad eSfcr,?!*^ ^ '^'"' "'"''^""•''•'.in modo, che 

<^.fciucÌ'it,inveced.mura:JqS.of^^^k^^^^^^^ 

h può entrare à dett. alloggiamenti fenon u?r hS, \ i 'f'*'^ 'L ' ''"''•'*' "'•'"'^••'•.chc non 

Kc tutta la notte 1. fa la g^a d S vero £^^a^ ordma.i.Et d intorno .1 tabernacolo del 

J?uard,e,nonlolamenteronortatirubbatrcau^l^^^^^^^^^ 
»i»ininimici.cn,rafi.iin«w^^..,^,i^ iiu ,■ ' , *^"^""""*^'^"'*coloddlvctrouat. huo- 



r 



y 1 



ne 



:ÌU 




■■-■■fs^ 




ì^. 



TERZA PARTE 

nella lunga &r molto copiofadcfcrittionc di Tctc: ma egli mi fu di neccflita d'allargarmi inTci.R : 
pelle la cimltà 3C l ornamento di Barlieria,oiicrodi tutta Africa ii contiene &C rinchiude nella fo 
pra detta ci ttà.à; li anchora ji darui piena infoi mationc d'ogni fua minima còditionc SC qualità. 

AUcarmedacntà. 
Macarmcda è vna città virina a Frr circa à venti miglia vcrfo lcu.Trc:IaquaIe fu cdilìcata da Si- 
gnori d< Zcncta (opra la riuura d'un humiccllo in vna pianura bcllilìima.quclb ne tempi anti- 
chi haucua vn gran contado ^t" fu molto cutileSu I detto fiume fono molti giardini &: vigne.Et 
i Kc di Hcz foleuano alfrgnare la detta atta i fopralhnti de i camelleri: ma nella guerra di Sahid 
Piincipe.cllafufacchcggiaudt abbandvinata Sc'hoggialtrodilci non li vede,' chele mura. Il 
contado s'atiittaà gentil huomim di i-ez,8t a qualche huomo di villa. 

HHhMCijhUo. 
HuHied e vnCaficllo edificato fu la coffa d'un alto mòte: ilqualcèdifcoRoda Fe= circa à fci 
mn^lia.à: tutta la citta di Fez 8C la campagna d'intorno lì può vedere dal detto Caitello : ilqualc 
lu-iibc principio da vn romito dal popolo di Fez tenuto fanto. ma il detto Calfello contiene in- 
torno poco terreno . perciò e di.shabitato;flt: (t cale (ono rouinatc : eccetto le mura &.' la mofchit- 
ta . pure quel poco terreno , che v c,è del tempio maggiore della città . lo r.lloggiai in quello Ca- 
itello quattro cif atc , per ellcrui lacie molto buono De lempcratoA' il luogo lolingo ÒL ottimo 
pk-r chi vuole (indiare . V alloggiai ancliora ; pcrciocfie li padre mio hcbbc molti anni il terreno 
appigionato dal cuitodc del tempo. j 

Zauia è vna picciola città edificata da Gmfeppe fecondo Re della cafa di Mat in : 8C e difcofia 
da l'c-z circa à quattordici miglia.&: quiui il dato Re fece fare vn grande (pedale , & ordinaiuio 
dcilcr fcpcilito in qudfadtta.lMacio nonconfenti la fortunarpciocheegli fu vccifb fuori di 'l'è- 
Jemlin ncll allcdio,ch'egli vi fcce.Zauia dipoi mancoA' fu rouinata:&' rimale di lei folamente lo 
(pedale con i (noi muri.L'cntrata fu data al tempio maggiore di ì'c'Z.dC il terreno fu cohiuato da 
cci ti Arabijchc fono quali nel contado di Fez , 

C/unlan CdfìtI/o, 
Bagno aae Chaulan è vn'antico Caffcllo fabbricato fopra il fiume di Scbu.lontano da I -cr circa a otto mi 
«lue calde, glia verfo mezzo giorno.! non del detto raliello ve vn bagno d acqua caldilfima: Sr Abulhefin 
quarto H e della cala di Marin fece fare vn bcliflìmo edificio fu'l detto bagno.onde i gcntil'huo- 
lìiinj di Fez fogliono vna volta l'anno nel mele d'Aprile venire à quelto bagnoiflt' vrdimorano 
quattro 6 cinque giorni per cagione di diporto . Ma in nel detto caitello non e ciuiltà alcunxfit 
j^lihabitaton (ono luiomini villa: auariirimi fopra modo. 

Zt /.(^ .1 fonte, 
Zelag è vn Monteiche incominda dal fiume di Sebiì quafi dalla parte di leuante : &' li fìen Jc 
vcr(o ponente circa a ciuattordici miglia. d' 1.'. iua fommit^cioc il più atto luogo verfo tramoni i 
na.cvK ;ia àie- fctte.Lalaccia.chcrilponJ:' verfo mezzogiorno tuttacdisl'.ahtata: ma quella F 

partc,chc riguarda ver(o tramontana.c tua 1 buone coilin».,doue fono inliiuti villaggi.et callelli. 
&: quali tutto il terreno e piantato di viti.che fanno le migliori & le più dolci vuc , che io già mai 
habbia gulfato à miei di.cotali fono l' oliucA' infine tutti i fruni.chc nafeono per quel contado p 
clTcr luogo afciutto . 1 1 gli habitaton di quello fono molto ricchi , ne alcuno ve n'è , ilquale non 

liabbia vna c.tla nella citia.Anchora quali tutti igennlhuomini di Fez hàno qualche vigna nel 
detto monte.a piedi del detto verfo pure tranvontana.fono buonilTime pianure dC campi da g^a 
tio,&: ctiàdio p horti.percioehc il fiume di Sebii irriga le dette pianure verfo mezzo giorno . tt 
gli hortolani con i loro ingegni fanno fare certe ruote.che Icuano l'acqua dal fiume , 8i' con ella 
ne bagnano il terreno.la campagna e grande & larga tanto.quantc polfono arare dugcnto p.na 
di buoi.qiidfa è data per prouilionnc al maclìro delle ceremonic del Re.nia egli non ve ne ha di 
rendita fanno piu.chc nn<iuecento ducati.pcrciochcla decima ne va alla camera de! Re; la qua* 
le frutta quali tre mila moggia di grano. 

Zrf»*/»w Monte, 
Zarhon incomincia dal pianodiEiaisdifcoftoda bez dirci miglia; arvcHcndc vcrfo ponm 
tccircaairetitaiiV: per lar^;jlezzacdleclmlglla.QlIellomonteda lontano par tutto fclua et dilcr 
Co:ma tutti gli alberi hno pi inted oline . In elio fono cu ca àcinquanta fra calali ftf caffelli : Ò gli 
fiabitatori fono » iechiff imi : ptTcìochf il monte è pollo fra due città grolle: dalla p.irtc d'oricntVè 
Fcz,5(: da tiuella di pons^nw Mechnafè.Le loro donne fono tcfritrin di panni tii lana fatti aHvft 
za del paeft: i^ vanno molto ornatcd andla dC mmiìi d argento mJi huonuni fono gaghard! ^V 

ionilfinit; 






B Gì 



M':€'y^:m^' 



'fTnrmiinTcìifi D 
chiude nella fo 
one& qualità. 

cdilicatadaSi- 
nc tempi ariti- 
iniSc^vignc.Kt 
ucrradi Saliid 
chele mura. 11 



Fez circa à (ci 
aliello:ilqualc 
o contiene in- 
i&,'lamofcliit' 
iinqucUoCa- 
igo OC ottimo 
anni il terreno 



n.&cdifcoRa 
&.' ordinando 
fo fuori di Tc' 
CI roiamcnte lo 
^ucolduutoda 



circa a otto mi 
arAluilheltn 
ci^cnnriuio- 
' VI dimorano 
jilt i alcuna:<3f: 



te .&'("( fìenJe 
cr(o tramoiir I 
ata: ma quella F 
ij;i;i,ct calldli. 
clic io già mai 
jud contado i> 
L'jilqualc non 
che vigna nel 
campi da g'a 
se giorno, ht 
ie,&f concila 
dugcntop.iia 
)n ve ne ha di 
et Re: U qui' 



vcrfo ponrn 
Dl'eluaetdilcr 
cafMii.AgU 
rtcd'oricnicè 
ina tatti allvfj 

otraaliirditi! 

loruiiinti.' 



B 



T) F r. r 'A F R r c A 

A fortifTimi.&rronoqucoRchcfinrcndonnri...^^.- .,;^i i . . , ^^ 

di FezJlqtiale f«ol farfare vncSn 17(^0 «/^^ ' '""' "' ^'^ '" ' .^'«''donano al {-' e 
,ccafettetantogrand.,quantov IP oS^^^^^^^ 

quelie ha la ina porticel a : d' denn^vM a vn In 1^ ^"''Ì m '"''"^" " ^'"^''-' ■ °'-' ^'•''^^^'" ' ''• ''""'• 
ii.quellacorteigl.armatiapr3dò*^^^^^^^^^^ 
bito corre verfo lhuomo,che egli vede &: eS co ' e ,^^^ ''',""'''", '^' ^" -'''' " L^-^Mie in 

tantevoltc,chelLconecad,rato.d.po icLn tS^^ 

comincia vna Itrctta &.' fanguinol . l> uta>r|rr rr]p ,1 T " foro.onde tra lor due sin- 

noaornita.mafe.lToroevcX; U^^^^^^^ 

battmo col Leone:.quaIi fono ioc^ iS 'lo fn nSceJ^^n^ a. ".„. efch.no ator!.&: con. 

CIO tìr mczro di Icno. &C k lW. h ..om.W ;,? ? '"ano certe partigiane, che tengono vn brac- 

^quandoilLeoneauanz^^h^^^^^^^^^ 

lircItaiKlo daldifopradcllelogiMcdoue oZ^^^^^ 

ma che muoia il Leone.ei ve ne Wc do -uno &- Iw rf''^^': ^' P'" ^^^'t*= ^"•«"ne , che pri. 

. quache conìbattonolrono é^d':^^^^:^^ I vn Z; ' ''h'"'"' ''""' "^' " '^^ ^' ^''' 
non lono, lenon perfone valent.ll.nìe.a^^dd .no me i^Z^la " T P T^r * "^' '°"' ''"°'"'"* 
pagna/ono del monte di Zarhon. '*°"'"°'"*^^'^^'^S'«^q"e'!'chch cacciano in la cam. 

lemoltolargheS^ aIte;&'circond3al (l.m ;i^^^^^^^^^P^^^^^ 

da gì, A trican. . egli /vem d e effi £ /^ ^^^ '"' '"^ * "" '" ^"''' ^"""'"cnte rouinata 

co a nnouar la data c.t à 1 t rmo .^^^^^ "^'/'"^ ' Vt^' '^i^^^^ '"bito incomin- 

quentatamadoppolafuamorle'rtìg^^;^^^^^^^^^^^^^^ 

come hahhiamo dctto.nondimeno Idr.s fu qu lu StoS; U, f i T''"" '" ""^"^ ^' ' *^=^' 

« qu..(i da tutti i popoli di Mauritania nerdor I. .^ T ''^'?' n "■' ' ''""^'•''a àC vifita. 

gio d. Mahumetto.ef hogg ZSo .n dZ Hr«^r " ^'T "^'"^ ^'l ' '^'"^''^^ ' ^ '^^•' ''8"^R- 

«leratione della fepolr ura ma dWn^ .» ' '"°" '^"".^ "''^ cafe.ddtinate alla cura &: ve 

HM giardm. S' po&niW^^^^^ T'"" ' "^."''^ ^'"^ ^'^'""^'o.&: fonu, bellifli! 

d.4rendo.Ìcert.p.cco}i:S:^!^ 

Clio moli, hmonci tengono per fcrm uumemono H,. ^ ^ * i^^^'^ '^' '^"''^° •"^'"'^' ^ «"' 
cdihcUe la detta c.rta,nomatido 1 dal ( mZ .' '°" 'V '^ ^'«'"° "*^' '«^'"P'' ^t Moife 

cruo..a,chemaineFaraor Tu ìeÌ^^^ venl.mi'c, pcrcioche non 1, 

C pen,onedavnopera.nt.t.5.::r^|lX;£^rfeS^^^^ 
la da vn autfoiv detto hlcalbi dicead.inn..P,.,lw . T '^^'''^"''"'"^"^'«t^i'dcttat- 

AlclLindro iM.ii;iioi' Sjlainon hi.huoio d. n * , r < j '^,-^ inji.t;li : i (edcli furono 

> me ..lc,„K- l.,„K- Ica-re- che ( S n o o,t , ,,^^^^^^^^^ \^'^"" * '■'■■=™"'' '^''"fc- 

iruouanca: gli habitatori (ono tanto auuezz, neM^n at ca V H n? /^ 'i "^'"^'^'"o ' '^"•'' ^'«^ 

Maghi!lafvnapicciolnc,U3ant..a,cdiricaraniirdakomin. /"^««i* ri 
fnorite.cioe dalla partc,chc Hfrcr -ir verfo I ^iZlt '^"",^"' ' ^r '^. P^'^a fu la putirà dd Jctro 

leètuttopimodLeAvS; bX£^^^^^^ 



ff: 



i:ì, 




! k 




f 



•ri, ■'» 



M 



Leoni paci 
iichi 



TERZA P . . R T E 

La y'r^oiina Cefuìlo, 

La Vcrc-ofTiia è vn cartello molto antico.òi: tu rdificato Cotto il detto monte fu la vfa macfìra p 
cui 1» va da Fez a Mccncfc:& è detto il cudcllo della vergogna: pcrciochc i tuci habitatori furono 
molto auari,lì cornee IVfaaza delle città,c!ic fono ne pairi.&.' diccfi.chc vn Re vna volta palsudi 
là: &: quei del caltcllo rinuiurono a delinaic.il Re accettò i'Iuito.coli il popolo piej»ó lui.chc f ulTi 
contento di Icuargli quel brutto nome, ilche ^U pi.icque. fecero adùquc colloro ammazzare aU 
quanti caltroni SC empir molte valellaà: viridi lJite,comcc ilcollume loro, per dar la mattma la 
collationc al Rema per elkr ^\i vtrigrandi,ognuno per la fua parte tcce penlicro, che fé vi mct 
telVcro la metà d'acqua.nelluno (en'accorgcrebbc:S^ coli fecero, il Re la mattina volendoli dipar 
CJre,non li curaua d'altra collationcnv» facendogli i miniifri indanza , Qc verfando gli v tri s'aui- 
dcro dell acqua.laqual cola intefa dal Re rtCe:dC dicendo , Amici voi doucte fapcrc , che collume 
dato da natura non li può togliere,! i diparti.lioggi il detto calfello è roumato^ voto;à: i fuoiier 
reni fono lauorati da certi poucri Arabi. 

Beni Guariten Contado, 

Beni Guanten è vn contado vicino a Fez circa a diciotto migliaxioc dalla parte di Icuantc . &.' 
«tutto colline di boniirimiterrcni:douenafcc gran quantità di grano .A: contengono bclliirimc 
campagno.ar perfetti pafcoli pel belliamc. Nel detto contado fono circa a dugèto villai.;gi,n„i 
di viiillimccafe.&.' fono gli habitaton huominidi piccolo valore.non e oliiuanò viti,ne tàù;v>riiì 
giardini.nc haano albero alcuno fruttifero . quello fiiol il R e difpenlare fi a li fuoi Iratellj £^ ha 
le firocchie che fono di pargoletta età . tornando a gli haliitatori cili (ono nulli di ^rani (x' di la- 
na.ma vanno male in arnclc.Si: lolamente caualcano gli alsnudi maniera .. che mimo da vicini ne 
vengono dileggiati di fcherniti . 

.'^fcisContado, 

Afieis è anchora egli vn contado vicino a Fez venti miglia vcrfo ponente : &.' tutìi> ì pianure. 
douc è fama.che furono molti cailelii 8C villaggi.à: bora non ne reità ne \ '. i (igio ne pur ici ■ ikì al 
cuno d'edificio,ma fono viui i nomi di luoghi,clic non li veggono.il detto piano s eiteiidc vci (o 
ponente circa adiciotto miglia:8(: vcrfo mezzo giorno circa venn,&: j fuoi terreni fono honilli- 
mi:ma producono i grani neri QC pkcoh.dC pochi pozzi, o fonti li truouano per qucito còiado , 
tu elio lempre tenuto da certi Arabi,che fono,conie liuomin; di villa, dallo il Re di le:: al calici' 
lano & gouernatorc della citti. 

To^M Montf. 

Togat monte è vicino a Fez vcrfo ponete circa a fette migliatilqu.tl è per certo molto alto, ma 
poco largo, a: s elìende vcrfo leuantc hno al picco! fiume di Bunafr : che fono circa a cinq uè m\* 
glia di tratto.tutta la parte del detto monte.chc riguarda vcrfo IVz,c piantata di viti: coli la cimi, 
&■ la parte.chc rifponde verfo Effich,? tutta terreno da feminar grano.&T per la foinmità del mò- 
te fono molte grotte, &: cauc ch'entrano fotto la terra:lequalc da quclli,che v.mo racercando i t he- 
fori,fono tenute per certi luoghi fegrcri:douc i iiomani nel partirli da quella regione nafcolero, ] 
comescdctto,lelorcofedigran prezzo, il verno allhoia.chcnclìun attende alle viti, quellicu' 
riolì&fèmplicihiiominicon iloroilrumentis'aflaticanodicauareodifarcauarcilduro Séfil- 
fofotcrrcno:ne perciò firagiona,chc alcuno niente trouaH'e. bora come i fruui del monte fono 
tnf h èC di malo faporc.ccli mcdclimamentc è brutto OC fpiaceuole a gli occhi il color dcUvua; .Sc 
quelli frutti & quella vua li maturano auanti i frutti òC l'vue de glialtri luoghi . 

Gnrai2^ur<t Monte, 

Guraigura è vna montagna vicina ad Atlante, bC difcofla da Fcz,circa a quaranta miglia : Sii 
da quella nafce vn hume.ilqualc corre verfo ponente, fif entra nel fiume di lluh . il detto monte 
è polto fra due grandifiìme pianure, luna rifponde verfo lez,cioe quel contado, che habbiamo 
di fopra detto.ilquale li chiama Efeis:S^ l'altra riguarda vctfo mezzo giorno : cV quella e appel- 
lata Adccfcn:doue fono belliirimi dC bonilFimi piani per feminar grano dC per palcoli d ammali, 
tuitc qucfle pianure fono tenute da certi Arabi:iqual( fono detti Zuhair A' fono vaU.lli del Re. 
ma cglialTegnail tratto di tal piano le più volte aquakh'uno de fuoi fratelli.^: fi una quali di CiV 
tinouo dieci mila ducari.eglieveio.chei deto Arabi fono fpcllo molcltati da certi altri Arabi, 
chiamati Elliufeuvchc fono habitatori del dilcrto.ma la Hate vengono alla detta pianura . a ciò il 
Re di Fez prouedc molto bene.mandando in difcfa della campagna alcuni caualli £t baici Inerì, 
per lutti quei piani fono vaghe fontane, OC chiariirimi humiccllii &' bofchi, ne quali fono Leoni 
cheti Se puLihthi:di maniera.chcciafcun'huomo òC tenuna con vn baflonc gli puu tacciare; ne 
clFi ^Làiuio dilpiacci e ad alcuno.iioi a fegmrcmo dtila regione di A.:gar. 



D 



La 

ne al fi 
bcn,d 
Qiieff 
polo:6 

tc&J 

pie&:l 
lanta.p 
dalla 01 
ma fon 
ilqualc 
quella I 
inera,d 
paeli (o 
chi bof( 

Eie 
g vna piai 
tana dai 
tante vcj 
Cini Ara 
grani.S( 

Lhan 

ctisda VI 

zil!a,SL"J 

Clirilliar 

di bende 

di vet tou 

molto r** 

edificare \ 

licri.à-'tn 

j;ranquai 

fono moli 

carboniiS 

C vnprouei 

ilnauilioc 

pagncdit] 

CafarE 

ordine. Ei 

torno, fu k 

ch'eilifma 

ncndogliii 

fogar nelle 

me dtlquj 

gnaredoui 

^ pregand 

fc,non vcl - 

appartiene 

a par di me 

ÓL'alemag 

K, là: amore 

nicconlani 

della nu^ cai 






'-•., ■' }'',^; ,, 



■^'^^^ymè 



ivfamacfinp 
itaton furono 
volupalsodi 
'òluUiicfufìi 
nm.inzjrcal- 
ir la mattina U 
, clic fc vi inct 
olendoli dipar 
• ^li vtris'aui- 
.cliccollunie 
to;5i:ifuoiter 



dilcaante.& 
mo hclliirune 
o vilUi.;i;i,n',a 
ti,f)ctciit;orh> 
ilratdh Àiita E 
«fraiM ìV ti» Li' 
lO da viaiH ne 



[tto e pianure, 
.'pur iciMioal 
dU'nd':vci(o 
fonoho;iiHi' 
ucitocòiado, 
i^c:: al calici' 



lolto alto, ma 
a cinque mii» 
i: colila cini.i, 
inìitàdclinò- 
rrcandoitlic- 
nenalcolcro, F 
iti, quel ben- 
il duro òii.ìU 
! monte fono 
)r dcll'vua; .5». 



Ita miglia :5if 
detto monte 
lii'liabbiamo 
ucUaèappel' 
oli d animali, 
all'Ili dei Re. 
a quali di co' 
I altri Arabi, 
mura, a CIO il 
2(f baleitricii. 
h tono Lcotii 
kacciiire : ne 



D E L L A F R I e y| 



4« 



^^» 



bcnAa pie del monte d. Zola^^d "af^^^^^^^^ TT^' ^^""^•^'^A' m vna parte Za . 

Qi.elbPro.inciaèruttapianukt^i;;;^J,^^ 

poIo.& VI furono 8C Qtta'A' Caltelli .Ma ner vn^an f ! . !^'""''' '^^ «• .'.id.l Hmo pò 

ic,6^lK>«gidiniuttorcMno feneved jùr/l^^^^^^^^ 

p.e&hab.tate. Eltendel. ella per la,,. ,c~^a e r" - -^^^^^^ '"'« ' "'' ''" '^'"^^ P"'*^'" 

/atjta.p.r mezzo d. lei palla .1 Hun,e dTMfbu e tu .'.^ 2'r^ '/ ' ^ l" ^t'^''^'^' ''^ ''« - ^^f' 

dallaor.«.ned.Mui,tahc.&:q..eni,t,ttlónXS^^^^ 

nia fono ricchi,^ vanno benillìnìo m o dme S^j^cn^^^^^^ ^' '^^'=-> «'' '^/""^^ M^an mlìuto. 
.Iquale 1. feruedciraiuto loro lolamente nd «LrcdroS^^ ^^" ^"" ^"^^ '^' '^ ^^ 

qudta prouincia è qudla,che mantiene d. vettoi,a4a d Hh ? "^"'"' '"'Port.mn.à in fine 
mera A' la citta di Fez . .1 Ke vù d. farui irruTlbtS nmV '^Ì'."'"'*''' """ ' '"*'" d' ^ m 

paci, fono dilctr.uol. À" faniA' v. e ^i e mo ta c^n aT4 ^'T%^ 'f ^""''"''' ■ P^^^'^^^''^' « 
cht bofdu VI I, truouai,o- ^ " ''°P''* '^' =-?'"'o'''^ d« icpn.cgli e vero, che pò- 

tana da Fez circa a trenta miglia . ÀS^Ì . ciK Sm ^,1 ""^ a1 ^' ^^' '^^"^ ^ ^ ''•»'••'"' ^'«^'«^ 'ò- 
tante voltericordata d. Sah.d la d.lS Ho'/" ?oh ±^^ ^ '""^"^ ^' ^•"""•' " -^ '-^ ^""ra 
cm. Arabi tengono i loro grani A vi la nn.SordlT "TT ''''' *^^"^>"^"^- Mu^li i vi 

Sran..Sondif5onmuliiii:doue queltSanS " ^''^'^''^"' ^llaguardia deidetti" 

Il • > . , , . IlwMs CirtÀ. 

lJiaraiscvnacittafabricatadai>liantidìi Af,-,v^r..f i ^ 
cusdavna parte polla fu la .^^ttadS^^^^ 

=.ilaATangufuronode Mo„-,eraritZ&t^^^^^^^ 

Chrilliani,rimafeabbandon;ita:diefucircaavSHnnm^^^^ 

dl^ezdel.beròdtlarnlK,b.tarlaA'IScò^^^^ 

d. vct totiaglia.perciod, egli 1. Uà in cont.norfofpetto dXrdtL'aH^ '"""'* ^^' '"'^^"' ^ 

rnoko.^ HìcilcadiivuoleentrariiellaKKcadelZiir V.l^^^^^^^T^^^^^ 

edificare vna rocca, nella quale fempre t2ne vn Smr inY ?"'''°''Ì '' ''«''"^'^^ '^^•' d^«« Ke 

l.cri,a'.recentocat,all,lcg!g.eri.NeCSdb^^^^^^ 

Kran quantità d'angu.lle,& di vccdliXcaua S^^ÌhI ? ?L"'''-' f"''"^'''^' P'-''".doue li p.gl.a 

<o..omolt.leoni.&^ltriferociaSfHl"nogS^ 

c..rboni:&' gì, mandano per mare ad Ar-iHa & IWn n t"' ""' '.""" ^'"^^^^ ^' ♦•>«• 

C yn prouerb.0 quali di qiidb maniera mu do vna rSn^ ' V' ^^' ^'•^"^'^""a viano 

.lnauil.odiHara,s,iIqtulehalaveird;Cb3^ra?h^^ 
pagncdiqudlaattali'fagranquatliSS^^^^^ 

n^^nd^luntuttoalCS^^^^^^^^^ 

fogar tìelle paludi.vi Jde vn lume & £ buon-, vl^^ < ^ '"' '"' '^''■•"^^''«^'"^'"do d af- 

-cd.lquaterad.p,g,urcangtnlt^tdaJ^^^ 

gnaredouc fìa 1 allugg.amentu dei RS.fn!!! 'i^lr * ?*^"' '^'"«^ '"^«^ • ^^prdiim. voi infc 

& pregandolo .! rÌ'^ veTo accó^na^ e P'^'f ^ 'f '^i ^"*^"^^ '^''^ '^^'«''"^^ ' ^'^'^ ' '"'Klta 

tc,nonvclcondurm7^Ùein,orSn^ ^*=^'^i^anVlanfonnperfona,d.,k .Ipcfcatò: ""-">'« 

appanienea» .avtta^^i^SC^^Xl^lf^f ^ '^ "- 

a par di me mcddimo. Camion Ke^^uJ^,)'tl ^ '' ''^'^ ""^'*-' '■■'''^' ^'' '"<• amato ^'••" " '<c 

Qlulen.agg,orbeac=«oS.f,^SÌ^: ,c^^^^^ 'T.f"\'^" u. nuuutodalui. "-- 

ca.àamoreuolezza^-tj^.^^^^X^^,'^^^^^^ 

r ««^«»-~—«w«H^ vuaomo quando mi v.mcdis.o.ac fraquclfè vuIIi^Ì 

i|udU 



n 



i ■ 

li» 



} 




sm 



warn 



I' 




TERZA PARTE 

C|ucni luoghi fcliiaggi fi truoua vno.chc mi dia noia. Ma voi gcntirimomovcnitc s'egli vi piaco 
ad alloggi.irniccoc]iii:UanoitcA' di materna mharctc per guida a qual luogo vi farà in gradi\ 
il lic accetto linuitoA' n'andò col InioiVImomo alla Tua piccola capanna . Doue come tur gitm- 
ii,adjgiato Ci' ben proueduto di biada al fuo cauallo.fece il pcfcatorc arroHirc di i|uelle anguilk . 
^' le pole manzi al ke.iK|U.ile fra ijucllo fpatio s'Iiauea, come meglio potè , afciug.uo i panni in- 
torno a vn buon fuoco.che tutta volta ardeua. Ma non gli piacendo quel peice , dimandò s'egli 
qualche poco di buona carne hauelTir. Dille il pouero huomo, gcntil'huomo.ia ricchezra mia 
è duna capi a,a' d vn capretto, che anchor latta: ma io llimo aucntui ato quell'animaleje cui cai > 
ne pollono honorarc vn par voltro, percioche,(c la voitra apparenza non m'inganna, voi dim,-» 
Itrate d elicr quali he gran Signore. 1 1 fcnza più parlare, (iienato il capretto,lo fece acconciare, S.' 
arroltire alla donna lua. Il Re cenò.tìi: prcfc ripofo per inlino alla mattina. PartilFi adunque dal 
la capanna la maitina per tempo con la guida del corteie holte:ma ìmix furono anchora fuori del 
le paludi, ch'ellì trouarono la gran moltitudine de' caualicri, 8C de cacciatori, che turbati con alti 
gridi andauano cercando il Re. Lt come lo viddero.ciafcuno fi rallegrò. Allhora Manfor riuol 
co al pefcatore dille chiegli era,&: che harebbc fempre a memoria la fua cortefia. Ht perciò men^ 
tre eh egli liette nella campagna haueua f Atto fabricarc fpelfi et bei palazzine molte cafe;nella fua 
partita gli dette per premio al pefcatorc. Ilqualc lo pregò che gli piaceirc a dimollraméto di mag 
gior fua bontà,&.' cortc(ia,di far cinger quei palazzi,& cafedi muro:ilchc fu fatto.Etil pcfcatorc 
il rimafc Signore della nuoua piccola città;laqualcdi giorno in giorno accrcbbc.di modo, che in E 
brieuc tempo dia diuenne citta di quattrocento fuochi per la molta abbondanza del paefe. Et il 
Re vlaua di Harc in quel terreno d'intorno tutta la fiate; ilche fu ctiandio cagione della bonifica - 
non della detta città. l'alTa appiclTo le fuc mura il fiume detto Luccus:ilquale crefce alle volte ià> 
to,che entra per la porta della città. Ella e tutta fornita d'artigiani , di di mercatanti. Et ha molte 
Tempi), vn Collegio di icholari,^.' vno Spedale. Non ve ne fonte, ne pozzo:ma gli habitatO' 
ri,f I logliono valere di certe cilierne: iquali habitaiori fono huomini buoni,&' liberali; ma più ta 
Ho femplici.che altrimenti. Vclion bene,&f vfjno di portarcalcuni panni riuolti intorno , fatti 
a guifa di lenzuoli di tela baiiibagina.buori della città fono molti giardini,S(f poflcfTioni, doue lì 
eruouono buonillìnii frutti:iiia Ivua è dicattiuo fapore:percioche i terreni fono prati. Il Lunedi 
(i fa nella càpagnavn mcrcato,alquale vi concorrono tutti i vicini Arabi. Ilmcfc di Maggio, 
coftumano i cittadini o'andar fuori a vccellarc, &.' pigliano gran quantità di tortore. Il terrenoè 
nel vero fertile.Sc' rende le più volte di fcmensa, trenta per vno. Ala gli habitatori,non pollono 
coltiuar quali intorno a fei miglia ; pciciochc fono moleltati da i Porthogallefi , che habitano in 
Arzilla,elIendo la città difcolta da Arzilla non più, che diciotto miglia. Anchora il Capitano di 
quella,fa non poco danno a i'orthogallcli;pcrciochc tiene trecento caualh,&: le più volte co quo 
Iti corre per ialino alle porte d A rzilla. 

ILth.it Rcninne, 

Habat Regionc.comincia dal humc Ciuarga dal l.ito di mezzo giorno,^' da tramontana, ter ì 
mina al mare Oceano: di verfo ponente confina con le paludi d Argar: QC da leuantc, in li monti, 
che fono fopra lo Itretto delle colonne di f lercolc. Ha di larggezza circa a ottanta miglia, ÒC di 
lunghezza.circa a cento. Qiielta Regione.quanto alla fertiìifà,&.' abbondanza,c in vero mira- 
bile,à. la più parte e pijnura:doue ha molti fiumi .Ma apprello gli antichi , fu più nobile, 8C di 
maggior famuAhenoiu- a noltridi:percioche fono in lei molte antichiirime città: parte edificate 
da Romani,^ parte <l\ Gotti. Lt pen(o,che quelt.» lia quella Regione,chc fu da Tolomeo , Mail 
ritania appellata. Ma da che fu fibricatafez.la detta incomincio a declinare. A qucltos'aggiun 
fe.chedoppu la morte di Idrisedilicatore di l-elTajperucnne il regno a dicci fuoi figliuoli, liqu.ili 
diuiderKloio in allietante parti, toccò quella regione al fratel maggiore. Doppo ne feguila rebel 
lione di molti herciici,&: Signori:iquali mentre clicchi gli chiama li Signori di Granata, di Spa- 
gn.i,£t: chi chiama li Mignon del Cairoan,furon vinti, &:fcacciati da vn Pòteficcdel Cairoan, clic 
ìli puro lurctico.à: acquiltò quota Regione. Et lafciatoui alcuni fuoi capitani, &.' goucrnatori, 
ruotilo al (uo paefe. Allhora il gran cancellieri di Cordoua mandò in lei vn grolTo cHercito,&: in 
hriruesimpadronidi tutto quel trattcperinlino alla Region di Zab. D'indi a cinquanta anni, 
VI venne C ìiuleppe primo Re di Lontuna.à: fcacciò quelli di Granata , Finalmente la Regione 
runaie lotto il dominio del Re di icz. 

L^^rf^^fw città di Hctbit, 

Eraggen,c città edificata da gliantichì Africani fu vna cofia d'una montagna vicina al fiume 

^m^r^ t}v:t t« « \tt\.\.i impila. wv ì.'.iU\. t^uvit;- «uvuiiizii^uaj iuììu p;ai2U* W| w«v%ì«UàU iWwgO U * cùitil;;, 



A aragli 

miglia 
(a circa 
IO cau2 

2uarar 
: necci 
\iino I 
ciafcun 
che noi 

Barn 

fiume C 
lo mila 1 
fono Ila 
in uero 
to fertili 

Mcrf 
B dice,clie 
tcre latin 
quale eh 
campagi 
tedi me: 
miglia. ( 
alcuna vi 

Tanfo 
quale fon 
tengono 
li. La citi; 
auariisim 

Agla.c 
terreni co 
ra le muri 
mo merc2 
C calanti di j 
de abboni 
sgridando 
gcndofì V 
1 leoni di/ 

Naranj 
failfiiimcJ 
intorno, m 
tiwdifrutt 
daPonhoj 

Gczirai 
dal mare cÌ! 
là aniica;Ia( 
fiume fono 
Lhegira,ilJ 
me.ilCapit 
<occorrcr,8 
ddanno,ch 



DJEtL AFRICA 



s'egli vi pi.i Ci' D 
farà in ^rad >, 
oinctiir^iiin- 
ucllcan^iiiHi. 
.uoi panni in- 
dimandò styji 
ricchczranii.i 
lulcjccuicai- 
mna.voidimo 
■ acf onciare,5ir 
(i adunque dal 
:liora Juori del 
lurbati con alti 
Manforriuol 
:t perciò mcn- 
ccafcincllafuj 
amàodimaj; 
Ht il peccatore 
i modo, che in I 
dclpacfc. Etil 
della bonifica- 
re alle volte ta- 
ti. Et ha molti 
aglihabitatO' 
■rali: ma più io 
i intorno , fatti 
ifTioni, douclì 
ati. Il Lunedi 
fc di Maggio, 
e. Il terreno è 
i,nonpollono 
Ile habitano in 
il Capitano di 
u volte coque 



imontana, ter f 
te, in li monti, 
a miglia, &.' di 
in vero mira- 
mobile, ardi 
parte ediiicatc 
jlomeo.Maii 
jeltos'aggiuii 
liuoli, liquali 
eicguilarcbcl 
anata, di Spa^ 
I Cairoan, che 
'goucrnatori, 
ctlcrcito,^^ in 
iquanta anni, 
te la Regione 



47 



Mcina a 



1 fiume 



•''!;' •» 



&a 



ta 






VI 

uie, 
niol 



A afaglihortiloro:mamofiopiufotioitrrrfnir^».lmr.,w„ r^ n .. 

miglta.a: fa circa a cinquecento fu(^c^,in?I ?',?/? * 1^"'"' '?' ' ^'^^'^''^ 

,a arca a dieci mila ducatXolSclie d, nnin^ '' T"'*^'^' '' '"•»"^- P"^' d-»'^' rendi 

locaualltmculbdiadeldeuopae,^^ e^^^^ 

ouaranta,oc.nquantam.gl,adalon ano La Jm^^ 

?e necelTarie: n,a e molto bella, &' piena % n,ofte fontane Gh haSlV'"V" '^"^ ""•^""' ^^ '^ 

vfanoliabito da cittadino . Hanno pruiZ o c^cX .^^no nahi, n,a pochi 

ciafcuno ber vino: perocché .1 vino cUV^^lia iS^^^^^^^^^^^^ ^^''^ ' -' ^'' P-" 

die non ve ne bea. «"^ ^^"nuintttana, OC tutrauia non e alcun, 

BaniTeudr ' ~ B.mTcuJ,, 

fiume 
tomi 

/bnoibto,a^vKi,,nmoi;;:^;r;di;;;;:^S;;^;j^"^ 

in ucro maraui..|iore.c vicinai m. • .\1 S > «alcune fontane murate di pietre v, 

to fcrt.Ii,a.' abbondantilS ' """ ' '"'' ' quattordici miglia; Qc , .errcn. (ono . 

JVT ' -TI Mrr»^o Città, 

BdicS??uS:^:ji;^:;r-!s^^ 

terelatine. ti-.dta atti. ho^^,a,d,.^| un rnHiaS^^^^ 
qualechoneliamcteliibitata^lonoin aSae n.0^^^^ 

can,pa8nad,buon.terreni,8c'dallade,,ac u vSu^^^^^^ 

tedi me==o giorno : à: l'altro da tramon tam rS ( " ,? '^ ^ r n '"]'•' ''"° ' ^"^'^ 'J'*"'' Par 
miglia. Gli habitatori vogUoiJoc SX .cm^^^^ * ' f *^"'^° '^^ ^iafcun hume cinque 

alcuna virtù. ** ^""'' ''"°'"'"' ' "" ^^"o ^uari , ignoranti , & feiiza 

icngononevui,ncgi;.rdim.nufolameiSrÓM7r n u^ 

iKiracittièpolb alLetStar; i^^^^^^^^^^^ 

auariisim..& .rpiaceuolifcnra comparàt'w """''" * ^^' '"^ "8'°"^ ^°«» 

e catanti di fez per comperar cuoi di buoi & lan iX r .1 i) ^i ?i a^c'i^rj molti mer a,. 

dcahbondanza. Sono nclLaiZac,n?;Tl ?n^^^^ '^ 
3Kr.dandogIi,gi;f;rnnopaura& 

gcndoh vn\uomo,chc eflbX vriacni n .1 i^ r "Ìì'°r''" P?"*='-^'o m bVz.che veg. -^ , 0,.:: 
rieonidiAgIa,aqu;h:;v^S^^^^^^^^^ ' 



"Il Ji 






<"ÌttCf»ip 

muiue. 



<bPo,.hogalldi.Horac™afo&habiaSrdSrn^^^^^ 

dalnrrSScrm1X1fcY5?""'t"^^^ 
na„.ic.U,ualcfuabZd^™Xt^pToSg™^ 

|nc,.lap,„„„rolraTbSr^^^^^^^^ 

ioccorrer,8<:occuDartiiffpl..r^,«n^««„. ni» i i*^ '^' '°''*'^°"''^<^""^<5.cl»c apotria t«/*,ruro 

'_-. -o-i- ■ '"■••^■""•-» *«=*=&" "»«-«« Wfrmi4 detta fortezza, VI maiidó ','mp,\(^^ 

anchora 



m 



:rct 




É, ì 



^m' 



|i| 



I 



ti-: 



i 



U, \ tnui- 

iiau>|jgli 

In};lcii. 
A./ilUpre 
fa ila I l'oi 

lllli!»ltll'(ì, 

Ai liiir iK.i 
tiirf .1(1 Re 
nitiutr 111 
l'crtliotial 
lo 



Dog] 



I I. R ? A P A R T fc 

anchor.i c^Ii vn Rr ulilìinio cnciciit» per vietare j |\'.rtli»>i^ullcliquiiropcrxma non j ■ 1, , £ 
cuoaccolunjiliadutniii'Jiidi i iin^hf::2j, peri,. lij& Urribili'ariiglini uk l\)itiu- 
thedicoiumouorcoaaii.i.iVnlclK-ilKicraiiii.iliavhiniu^Jirpcrjtroiuima Jipoip» i on ,o 
dalviini tcu-rarj ccrubal.iiM>i(.iile^no.iqu.i!ilun>piàtatiinmcrroil liimcdiiottol lk'iu;i::ih 
diiciiii^liaiv clTciKÌ«Hi>| irti tlli da quiiti ripari tutto tagliare tuffo il bolcovicmo.inpiccnliiri. 
nio ti-inpo \ iddcro ii\>iiluv.allc(ilVntrata del Hiimc (errata di jk»u.lliiriir.ijlbi-ii. di modo, Jic 
noiui j poi libile di più vUituecon I arniata.ll Kvconolcendodh.uier u vettori.i in mano | li- 
so dHombatterc:polcia coni idcranuo.i he jiraninoltitiidiiu- del (uo popolo potcua pcmeipn il- 
ilie il \ iiii-er s li.i - ebbe potuto dimanJar perdila: patie^;i;iu col C.ipfiano Jellai mat ,i, che oltre j 
\ii.i^u>li.iia;^li.i ilu Kl'^''e"J»-'ìl-»n'''c>ciiclRcdit=ortli04aIlou;lirellitiiillecerre(i}.',liiiolcdeU. 
pitatiodil liidi I er du haiicua nella città prigioni-, A lo laleiarebbe andare con là lua gèiclen 
::a noi-umcnio iminc. llthe tu l'Jtto.a . nata ritorno a i'ortlioi;alIo. 

Bafra.cvnacittJr.onnioltograndcA facirraadiicmilafiioclii. lurdiTif:tati.%na pianura 
fra ^.ìuc monti da Maliumet lighuolo dldris edificatore di 1 ez . cdifcolla da l'cr, circa a ottar , a 
inigliaAuJCalJrvcnti.cioèdiverromezromorno.Ltfu detta IJafra in memoria di liafracit- 
n di Arabia felice dv^ic lu vc:tlbMaIi quarto l'ontchcc doppo Maliumttio.cli.' la il bifauolo .'i 
Idri.sA^uelia citta fu murata con alte A f icllillìmc nniraA per tutto il tcmpo,(hc regno la caf,. . 'i 
Idris.tu in lei molta ciuiliu.LtilucccHoiidldrisvf'uano di far dimora la liatc nella detta citta, E 
percioclielia belliirimo contado, si de monti, come delle pianure: nei cui liti furono già molli 
4^iavdiiii, à. lonui perfetnlliinuampi per grano:pcrcioclie è vicino alla citià, A" per li piani palla 
Il nume Luccus.I-u ella molto bene habitata,& fornita di Tempi]. Et eli liabitatori furono huo^ 
mini di gennliliimo fpirito; ma col fine della famiglia d Idris i nimici guaflarono,fl<: i ouinai ono 
la citta. 1 lora VI rimangono in pu-unuri,à:quakncgurdino,inaleluaggio,&:t«»n:a alt un Irut' 
to. l'sri che i loro icricni più non li lauorano. 

Hont4r, 
Homar e yna città edificata pure da vno.tl cui nomeiu Hali fighuolo del fopraditto M lìii- 
nut:lai]uale è fopra vna collina fu vn liumicello , difcofta da Cafar circa quattordici miglia v er(,> 
cramonuna:& da Arzilla vcrfo mezzogiorno , circa fcdici . Non fu gran città.ma molto Uila 
Alortc. Ht d'intorno fono bcllilsimc campagne tutte pianure di buoni terreni, ora cinta dj 
molti giardini,&: da viii.ripicni tutti d'ottimi frutti. Gli lul^itaiori perla maggior parte furono 
lefTitoi 1 di tele percioc he raccoglieuano di molto lino , li^inuk priua d'habitationc allhora , clic 
Arzilla fu prcla dai'orihogallcli. 

Arzilla.chiamata da gli Af u -ni Ascila, fu gran città.etcdiH. ara da Romani fu'l nnre Oce.i 
no.vicina allo f treno dello rr n; .. di Hcrcolc, circa a fettanta miglia , S)C difcoffa da ter circa a 
cento quaranta. Ciiicffa fu u:u:r.t;J Signor diiebta, elicerà trìlnitario de Romani. Dipoi tu F 
prefa da C iotti: iciuali pu t^: ■■■■, , jiK rmarono il detto Signore. Indi fu prcfa da Mahunuttani v;Ii 
anninouantaquatttodi Lfi?;»..,* efeinc furono per dugcnto venti anni polTclfori perinliiio 
a tanto, che gli Inglclicon vna grolLi armata a pcrfualionc de Ciotti l'alTcdiarono , iquali fii^ 
rono inlienie nimici . Percioche i Ciottti erano Lhriltiani, d<. che gli Inglcli adorauano glldo- 
II. I:t ciu efM laceuano a hne,chc i Mahumettani leuallero il pù dell turopa. SuccclTe limpreli 
a gì Ingleh.&' prefa la citta.la pofero a ferro,&: a fiamme . Onde non ve ne ifcampò vn folo . 1 ;t 
coli li riniafe prcllo a trenta anni rouinata:&: di>ihabitara. Ma pofda regnando i Signori,&.' \^<òn 
telici di Cordoua in Mauritania,la reUaurarono.à: ritornarono a miglìorc,&: più nobile qualu 
ta òC tortezza.Lt gli habitatori fumo huomini molto ricchi, A: littcrati,&: di gucrra.ll contado e 
fi-rtiliLsimo di grani,&: di frutti; ma per eifer la città difcofta dieci miglia da i nionti.ha quali pcnu 
ria di le;;iia; ma vfano d'abbruciar carbone.qual fanno condurre iti gran quantità da Harais.ccv 
me habbiamo detto di fopra. Ne gli anni ottocento ottantaduc del mcdcf imo L hcgira,hi qui- 
tta città dimprouifo alTaltata,&' prcfa da Porthogallefi;&' tutti gli habitatori.chc 1 i trouarono. fu 
ron menati prigioni a l'orthogallo. Tra quali fu Mahumcth , che e hoggidi Redi l"cz. ilqu.ilf 
allhora fanciullo di fette anni,fu prcfo inliemccoii vna tua forella della medclima età ; pciciochc 
in quedi.il padre fuo hauendo ribellata la prouincia di Habat, hahitaua in Arrilla.l'.t pofna i he 
luvccifoH-bdulacvhimo Redella cafadiMarinpcrmanodiEilerifcfiefuvn j^rar cntadiiio, 
di Kez: con laiuto del popolo, creo Ellerif Re. Venne dipoi vn Saie Abra per enti are in li 7. 
di farli eglj Re . Ma lillcrif, per conliglio QC difcprfo dvn fuo maggior conliglicri,ch'cra f i-td 

cugino 



A cugini 
figlier 
IO Hill, 
non II 
f.iggia 
gallo v 
v;Uvinl 
ni.neqi 
narioti 
Maliut 
ccrcani] 
A'ifpiai 
ui.Mai 
fero in r 
niati.i\ I 
tirricolf 
tentò di I 
coniinoi 
2 ftegucrr 

Tang 

la falla of 

coin cfTì \ 

clic fui Tel 

d argento 

quelle citi 

mani fui j 

lonnecirc 

Granata.j 

no de Ma 

l>uata,Sc h 

conda.nor 

d vna fonti 

iono ctiar 

molta gràc 

cofcpiucai 

C i'oriliogall 

il Re VII fu( 

adeChiiff 

ilReniand- 

iez,intcrui 

«raognifua 

tocnèrdto.i 

corpo ferrat 

uveduto.N 

mata: laqual 

'cliairaltaflc 

quiftarconc 

za fpargime 

hiimcthRci 

^.irthogallel 

Lliegiranotj 

Cafar Exz 
Oceano, difc 

CÌOCÌl<> ixrf^n 



il ì 






nonp- ', , 

l'i'ltiu':' .1. 

'«ipi i «.'l'Il,. '.O 

lo.in piccolilfi. 
• di modo, vhc 
in mano ( .11. 
iKipcriicipci li- 
uti, f he oltiiM 
ij.;luio!cdcK. 
iluluagcicUn 



ii.\ n.j pianura 
, circaaoitjr.j 
rudi Hafracii- 
ìuilbifjuolo 1 
rrj^nólucaL .1 
;lla dc((a citta 
rono^iàmoh 
crii punì palU 
ri furono hiio- 
& I ouinai ono 
tizualiunlruto 



aditto W.i!ui> 
CI miglia vcrfo 
ma molto IxMla 
i . era cinta <.U 
r parte furono 
ic allhor J , clic 



Li'l mire Occi 
la l'cr circi a 
nani. Dipoi tu F 
thumcttani '^li 
lori pcrinliMo 
no, liliali hi' 
rauano qlidvv 
iccflclìmpnd 
à vnlolo. l.t 
ignoriA'l'on 
1 nobile c]uali- 
ra.ll contado è 
,lu quali pcnu 
dahlarais CO' 
licgira,fu qur 
trouarono, fu 
dil'cz:ili.]u.ilf 
età : pcrciochc 
i.l-tpo(cnacl;c 
;rar ciuadiiio, 
entrare in li;. 
;ri,ch'cra Iràtd 
cugino 



OBI I. A F R f e A 

/i cugino Jcl detto Saiclofcaf ciò a diffi-r.^,^» . •♦•'' 

l.Kl.crc in Tomefna ^paci'c^r ou J ° o/^ T ^''["P^'^-d'PO' '.aucndo mandato if detto co 

.on..lacau.d..Arab.:i;.,rcSri.n\tÌin^^Sr»rn 

non 1. hdauano di p. ., io/tcncr I. loro ncccm a^di^ nt '"?°' P" '«;•♦ ^-nn-nto de cittadini, ci e 

ru««. al Regno d. Tunis. Nel tempo d''; ctX *"'^'* ^' ^^^'''^'''' """ ' ' '"' ' "" « u 

gallo VI mado vna fua arma(.,.\ conSmoffi '. ,^''^ 7'" ' •''^'^?^" '«''' '^^- ^> • 'orthó. 

M. . -. I.. orclla furon n^auu prigioni' T'"^ouXS'P7? ^ ^'"r.^.-T'"'^^'' ^^^" '' '^^- ^''-òg' 

«..nequal. n,ol,o bene apprefe la lingua l 'orS fcca Vi n ^ i " ^'^'"' '" *■""""•' ^'"' '^' 

nar ottcnti. ,1 r.icatto d.l hgl.uolo.llquale afcefo al Re.»m ' ''"' '^^^''■' ^^^'" '"•' ^' à,. 

Alal,unKtPor,lK>gallcl.-.E.|,„,p,,,!voIte^^^^^^^^ ..erqiidbcag,one.l?ic 

cercando d, r.hauer Ar= ,)la. la pr.. ,1 h nXl 0"'? ° '"'iV " '•* '^"''^' -^ ' 'oriho^al el, 

Si ifp.ano vna gran pa. . d, mura &' v cn, H. n '""^/' '" '^'^^"^ d miprouKo h cuti 

u..AlaiCl,ri,tia.uli';iu.,Iero:e?aV.S^^^^^^^^^ 

^^■'•^ "? '^^'==:^ J''*\^'omate . in capo dcllequal' fo3 cn^^ 

mau.iv jKr K>r:a <i<f'n.i^|,niecollr.nVeXaS^^ ^^" molti Icgniir. 

«irli col luo edercito. A llhSra . i \.rtl ó?.all 'la Ì^. t^l^n '"^^r'"" ^^'^' ' '•''^'" ^' ^'"=> "" - p' - 

.ct»od,racc,uil*aila:mal.«,„dicatocoUmM^^^^^^ 

con,inouoaq.ulnallcd,,MelrcllercnodelRe!^t^ iom.rrouaidi 

comefT.vogliono.l.ehbevniucrfa!',„,/n\o^^^^^^^^^ ddrd ,gI,uolod.Had.k,uale. 

che hiire llinil al Paraddo terrc«re:unde fecif H riur Z " '" '^'^'''' ^"=> ^'"» 

dargento. fctmandauafuoi commempertut o.lmòd , f '=^'^'>"*^P-"d^'l'ccafed'oro,e 

qucllccitta.cheaque'divegl,pagaronon aZónTRi?^ '^"'''^^^ 

.ma. ruImareOceano.al tcm^>^cl,e efnruparon^l r^^ d.cotìo eh ella iu ^abricata da Jio 

onnecircaatrenta m.glia,fl^da Fezce, trcXan« '^^^^^^^^ 

franata a Ihoraq, ' incuta fu fatta roggettaaCmodKrJ'"^^ dominaronola dett, 
node M4h^nletta,.^,lchefuquandodr,l leb^^^^^^ 

b..ata.& hchbe in K . iH-llifTìmi palazzi nuilean, ri, . i " ^'"\^'' '•"''^•' ""^^^^^'^ ^'cne ha 

conda non e molto buono da icmenza nut e fv'aìl! ?.W^.7°'^'?f * V '"^*^'>^'^''^ «^ ^ ' 
d vna fon,c^' in queffe valli fono molt gi ri doue J on" ' T''' '? ? '^'^«"^'^ '^•'"'•'^•<I»« 
50,10 etiatìdio fuori della città alcune v,t^ , ,a "l ter^^^^^^^^^ '"elangolejimoni.a^ altri hu ti. 



ndcChr.lhi..MaprinuchX"t^r^^^^^^^^ 

I Ibernando vna grolla armata/perando.che la d«a non t^tf'^ 

l-cz,interuenuto nella guerra contra vn fuo r.t lo Z^ i''""' ' x\"^'^^ '^^'"^^ '' ^<^' d« 

l« ogni fua oppcnione il Re fatta trieLnia col d., l '" "^ ' V"" ''■^•'t'» Mccnafecuta. Ala con- 
io cneroto:ilquale ruppe . l>orthoj^^S/t^^^^^^^^^^ 

corpo ferrato in vna calfa fu portato alla nuoua K^Ì A^ ^n '^ "'•'.''•' *•"■•'' ^" '' Capi,ano;il a;i 
u veduto.Non contet^to il lù di lirtlSo d, n»^^^^ *' '" un'alto luogo.acc.oK.ile d , tut 
jnatalaqualefuvinta.comelaIrr;Z^^^^^^ 
lei. alfaltairero la atta alIVmprouifò & Lotte M^^^^^^^ 
quifiarconduearmate.hebKcfinalmen te qLlnlr"^^^ 

z^ fpargimentod. fanguc nel modo chéh?bb,3 ^^^ " ' '"" P^^"'" ''^Idat^a^ (,i 

humethRediFexfeccdifegnod^r'^de^^^^^^^^^^^ 

^j;nhogalIelìgIinhannoÌmoll/at"fe^^^^^^^^^ 

Llicgira noucccnto djccfettc. *^ ' «*8''*'^dj difcnfori , & ciò fu gli anni di 

CafarE«ia0h.Vn.>,«i '^''('*■^55^"^"^'"««''//'''/•<^<|"w/»or^ 
aodii- hr,-^«^....i. j.__ i? » \"*'"**"°*"" '"'«''<», «da bcbtha. din.'.rt,^ i.^.<;^,ii. . . 

a pallar 



li.i: coni -, 




('afar ac 
ijiiiltacada 
Ponliogefi 






Ilrtrettodi 
Granata di 
miglia do- 
dici. 



'-14 



jfP'! 







AbuSal id 
Re di Fei 
ani iti azza- 
to con (ci 
jìgliuoli. 




T B R 2 A P R A TE 

a palTar certi monti vcrfo ScI)ta,douc è il paffb per arriii. al mare, è fatta quefta città in vn bel fi - fi 
jo, &: piano: a^ da lei fi vede la riuicra della Granata.clic nTpondc a quella parte, ini molto ciuù 
k,&C gli habitatori fumo quali tutti marinai;iquali fogliono fare il paflàggio di Barbcria in Ea^ 
ropa. Ve nefurno anchora di telTitori di tele: 8C v'erano afTai ricchi mercatanti, & valenti huo> 
u '"i ■ e ^^^ ^^ l''3"hogallo le fece d'improUifo dare alTalto, &: l'hebbe. Onde dipoi più volte il 
Re di Fez cor. ogni (uo sforzo di gente, ha tentato di ricupcrarlainc mai gli è venuto fatto . Fu 
nell'anno ottocento fclTantatre di £hcgira. ^nùi >>n:>,f<:. ..i;.!,. 

Sebta^rdH'tìttL ' 

: Scbta, è città grandifTima.chiamata da Laitini Giuitas,& da Porthogallefi Seupta . Fu edifica - 
ta, fecondo la vera oppcnione da Roniani,{u la goladello «retto dellccolonne df Hcrcole; &: fu 
capo di tutta Mauritania:pcrciochc i Romani la nobilitarono, 8C vi fu molta cmìità,ec gran nu 
mero di habitatori, Dapoi fu prefa da Gotti: iquali vi pofero dentro vn Signore,&: rim'afc il do 
minio nelle lor màni,pef infino,ché iMahumettani entrarono in Mauritania , 6C hebbero que. 
jkci tta. ilchc fu,che Giuliano Conte di Sebta, riceuc allhora vna grande ingiuria da Rodcrico 
R-edc Gotti.& di tutta Spagna;Onde egli accordatoli con grinfìdcli,grintrodufle a Granata, & 
ili tagtone che Roderico perdeffc il Regno.à: la vita. I Mahumettani adunque hebbero Sebta 
se la tennero in nome dvn lorPoiitefìce , detto Elgualid figliuolo di Habdulmalic , che allhorà 
haueua il fuo leggio m Damafco;&: fu ne gli anni nouantadue di Lhegira . Quefìa città da quel 
ccmpo per mimo aproflrimianniefcnìpreitacrefcendo,snnciuilità,comein numero-d'habita. B 
tori:a tanto, eh ella n'e diucnuta la più bella, & la meglio habitata città, che fia in Mauritania. 
FurnoinleimolnTempij,&: Collegi di ftudenti, molti artigiani,&:huominiliftafaRi ^^digen^ 
tt!c Ipirito . tit de lauqri di rame v'erano fingularifTimi artefici , come fono di candellicri , di ba. 
c;m,di calamai,^ di cofe tali di rame, 6c gli vendeaan comefe fufTer fiati d'argctìtòv Io ve n'ho 
veduti in Italia , &: molti italiani gli haueuano per lauori Dammafchim': ma quéfii tì^l Wro era- 
Ilo più gcntili,&:mcgUo fatti; Fuori della città fono bclliirime poireflioni con belliffimecafe: 
Ipetialmcnte in vn luogo, che per la moltitudine delle viti , che vi fono piantate^ è detto Vigno- 
ncs. Ma la campagna della città e magra, a^afpra: per tal cagiortB Ve femprenella <*ta carefi- 
d» grano. Di fuori,&: dentro della detta città fi vede la riuiera di Granata fu lo ftretto: & fi cono- 
fcono gl'animali : percioche npn ce di fpatio da vha parte all'altra del marc,piu,chc dodici miglia 
per larghezza. Ma la poueradttà hebbe, pochi ahiii fono,molti dartnida Habdd Muftten Fon 
tehce, de Re, centra cui teneua. fgli la prefe,rDuiriò le fue cafe, SU condannò gran quantità de 
(Nobili a perpetuo eflTrlio in diuerfe parti. Il fimil danino lofìcnnc dipoi dal Re di Granata;ilqua* 
le prefala,oltreIerouine,tuttiinobiU',&:ricchif€C€,venirein Granata. Poi ne «lianni otto- 

ceiuodiciotiofuprefadayn'armatadelRediPórthogallo:&<iÌuclli^€hev'erano^entro fug. 
girono. Ma Abu Said allhora Rè diFez , per fuadàppoecagginc non fi curòdi riacqwf tarla t 
anziquandoallefueorecchiepcruennelanuoua,trouandofifraconu!ti, S' danze, non volle 
per quello auuifo,che s'interrompefTe la fcfta » Permiffe poi la man di Dio, eie egli miferamcn- P 
te vna notte fu vccifo da vn fuo antico Secretano , di cui molto fi fìdaua,inlìemc con fe<.aoifi> 
ghuoh : percioche il detto Re volfe impacciarfe con la moghc del dato , che fugliannf ottocen- 
to ventiquattro di Lhegira: rimafe allhora il regno di Fez vedouo circa a ottanta anni . Fu poi 
troua to vn fiio piccolo figliuolo nafciuto d'vna Chriftiana, che la notte de eli homiddi era foe^ 
gitain 1 unis. Qyefti fu Habdulhael'vltimo Re della caia di Maria; & fu anchora egli vccifò 
dalpopolo,comelidifredifopra. . ^ 

Tetteguin* 
Tetteguin è vnapiccola città edif?cata da gliantichi Africani difcofia dallo tiretto circa a diciot 
to nv(glia,e^dal mare Oceano, arca a ki . I Mahumettani la prefero nel tempo,che tolfcro àcb> 
taaGotti.Dicefi,cheiGottiallhora,cherhebbcroacquiflata,dicdcfoildominioavnaContefr3.' 
^qua.dìaueuavnfoloocchio,a:veniuaognifettimanaalla città per rifcuoterel'vtikr,'chenctr» 
heua:a:percheeIlahaueuafolamentcvn'occhio,glihabitatorichiamaronoIacittàTctteguiti: 
ilche nella lingua Africana lignifica occhio . Dindi a certo tempo i Porthogallefi'dicden» 

battagliaaqueflacitta,8^Ihebberò,e<:ilpopolofìfiigguEllarimafecircaanouamadn<jtìeanni 
dishabitata:in^capodequalifuriftorata,&fattarihabitardavn Capitan Granatino: itakvcn. 
necolRediGranataat'ezdoppo,cheGranatafoprefadaDonFerrandoRedi Spagna. Co. 
ftuifuhuomoeccelentcnellamiIitia,8^dimoftràmoltaprodezzaneUeguerrcdiG;^tlia.&ap 
pr€j)iPorthogalWilochiamaiìoAImandaii.Coftuiottennedi poter rifare,etgOd^rfiildom.V 
otpdiqwelta Citta, 5j:coljeglix»tornoùipiituttekmitta,&fecclafaric«tevnaRo^^ 

' ■ C'incendo 



A cingcnd( 
Porthog 
uafempr 
queipaef 
lauori del 
cran tutti 
cofluihu( 
ooco tem 
tolfe vna j 
fjonipot( 

. InHab; 
8ifquafìtu 
de di Mah 
fona:molt( 
&; hanno r 
eccetto alci 

B Rahona 
nclqualfit 
attendono, 
''I bianchii] 
gnatiaJcap 

Beni Fcn 
lunghezza, 
ri di cuoi di 1 
fabbatovnj 
Genouefi v; 
Gcnoua&:a 
izaggcn,^ 

BeniHan 
fo ponente V 
foàfabbond 
che Arzilla fi 
tefolamentei 
iCjtremiladu 

Chebibm( 
molto honeft: 
roadhabitar< 
fono molto da 
perla metà:&: 
no della cufìoc 
iPorthogallcfì 

BeniChefTt 

liti del luogo, 
ner la tirannide 
iiranacondiiio 
defuoifoggctti 
dode'chriitiani 
uè erano ricorfi 
'• ^Ijll'cmpitod 
ctatodnquant 



ritta ih vn bel 0-6 
Ihi molto ciuù 
iarbcriain Eiu 
fif valenti huo^ 
(poi più volte il 

:nuto fatto. Va 

i.ì.i 

t 

pta. Fu edifica - 
li'Hercole;5c:fu 
filità,& gran nu 
e,&:rimafeildo 
i^hebberoquc' 
•iadaRodeiico 
le a Granata, & 
hebbèroScbta, 
ilic,chcallhora 
fta città da quel 
imero-d'h abita' B 
ili Mauritania, 

idellferijdiba' 
ito* love n'ho 
RiirtflWro era- 
belliffìmecafe: 
èdettdVigno' 
IladttScarefi:. 
Etto:;&fìcono' 
icdodid miglia 
irf Murtien Poh 
an quantità de 
Granataalqua- 
cgliafitiiotto- 
o dentro, fug' 
li riacquif tarlai 
izc, non volle 
glimiferamcn' P 
econfóiaoifi- 
ianni ottoceti' 
Ianni. Fu poi 
nicidiera fùg> 
ora egli vcdfo 



todrcaadiciot 
hetoHèroòcb" 
vnaConteflà,' 
'tilcjChtnetr* 
tàTetteguin: 
[allefi 'dieden» 
itaclnqaeanni 
3.* ilqualeycn" 

Spagna. Co^ 
Dianata.&ap 
3derfiildomÌJ 
cca ^trtitTima, 

cingendo 



. ... ^ , D E t t'A F R I e A 

A cf ngcndo la fortezza OC k mura di kiTe eah ,^,^f.i. a: ■ , , , 4 1> 

Ponl,ogaJlcii:c^f.ceuafpem4r3i'atbta^^^^^^^^^ 

uà fempre trecento caualli, huomini tutti fe. anatSTj W H. ^"'•P''"'^''^'^ '' '^'^"^ '^ "c- 

que.pael, &p.ghauamoltichriftiani:iqu^aCS 

lauori ddle iue fìrtezzcac: io vna volta cheSXa^dS^^^^^ 

crantuttivdtitidifacd.JiIana:&:dormi3not^^^^^^^^^ 

coftu,huomoiiberali{rmio:inumto,chehonorauao^n^Sft^^ 

pocotempoé,chegldimoridapo.;herSprTuXll^^^^^^^ 

colfevna Punta di pugnale.dclla luce dell'altro fu onu^^^^^^^ ^^ R^'o^^hi gli 

faonipote:dVehoggwalent mmo huomo^^^^ 

\n\AiU *r bornie Habat» 

^^P^^IZ:^ di Gumera: 

dcd.Mahun,ctto:nondin.e„obeuonov7noc^ntrai?ur^^^^^^^ 
tona^nioltefetidieat'afrannifofferifconomaSnnom^^^^^^^^ 

fi^hannomoltagrauezzaditWbutrcheXa "nod?^^^ "^ Soggetti alRe di Fez: 

cccettoalcuni,comeparticolarmentèvriuÌrà? ""'"'''"''''^P^^^^PO^^^^ 

B M-ìUnn',' lidfjona Morite^ 

^^^^^^^^^^^Z^ n,<«„-a pe. 

nd|^ajo.divacca,6^mol«temtoriditelegrofrcem"ndi^o^^^^^^^^ 
ftbbato vngran mercato:doue fi truoua o'gSS 

Genouefivannoaldettoniercatopercompcra/ca-afi?nr2.^^ -P^"" '«^'no » 

bcnouaa:a PorthogalUrendequefiSScSh^ r^^ 

t^^ggenAraltramelàfìdaallacSaSedTfe 

n . TI - Beni Hans Monte, 

ben. Haros, e monte vicino di Cafar,6^ verfo tramontana sVf}.»^ • 
fo ponente venti.ve n'ha di larghezza ki fu hZt-uTS^ eRendecirca a otto miglia.ct ver 
foc\'abbondantc.mafuronqudS kS^^^ 
cheAr^.llafuprefadaPorth1,gaIkfi,effiaTban^^^^^^ 
tefolamentefonoakunipochicafali ilreftoèdiSSto rr? f 
tc,tremiladucatiaquaI:eranodatialcap'ta^oScarar ' '""^^^^ 

ChcbibmontcinqucftomontcfonocircalfSofmecaftMi,.A.^i, t.- ^ 
moltohonefta:perciochequandoTan2erafiinre/alp^^^^^^ 

roadhabi,arquefiomon?e,perefferdloftodr^^^^ 
ibnon.oItodaPorthogallelfmoldlaSlapeTdS^^^^^ 
per la metà:a^ dicont,-S)uo va peggiounTo .l^'èfuu,^^^^^^ 
noddlaculbdia trenta nìiglia:KrmXchcS^^^^ 
.PorthogaMvifennolecLeW^aft^^^^^^^ 

BeniChe(renèvnmotcaItimmo,&:dilfSe^aS^^ 

l.taddluogo,chabitatodahuominvalorofi&diS^^^^^^^^^ 
nerlat.rannided'alcuniIorcittadini,perfor?a?arm?^f ?^*'°'^?'^ 

ìranacondittoneridufllrro.AIlhofav^^^^^^^ 

defi,o.foggetti,npienodimahaIentoand??nGranat^^^ fdegnandoli dcffer foggetto 

dode'chnltiani,fifeccvnoefpcrtoguerrkro tor„o"d nnf^H^P^^^ 
!Tr"-fiiruoivguali:^raun^ornr^^^^^ 



i 






nimici» 





Ih egita 
ji6o . anni 
^Chriao. 



TERZA PARTB 

nimici. Ma vfurpandon cj^Ii poi l'entrata di' quefto montc,che i<ppartencua al Re di Fes.il Re fi jj 
fdegnò:&: fc gli rnolTc contra con grande cflfercito . ma il detto preflo difcefe a pcn' icntia del ilio 
errore, pcrdonogli il Re: &: lo confermò Signore di Seufauon,tì(: di tutto quel contado, doppo 
lui ne fu Signore legittimo: che fu della origine di Mahumetto dC del legnaggio d'ldris,chr cdifi 
cò Fcz.coltui e molto conofciuto da Porthogal!cnj&: molto rillimano, pei il fuonome Se perla 
cafata de Helibcnrcs, 

^n^evit Monte, 

Angera mote è vicino a Cafar minore circa otto miglia verfo mezzo giorno s eficdc per lun 
ghczza circa dicc!,&: per larghezza tre.ha buoni terreni : percioche gli habitatori Io purgarono 
d'alberi per far nauigi in Cafar,ncl qual era l'Arfcnal , vfarono anchora a feminarui del lino , & 
furono tutti ò teffitori di tele, n marinui.ma quando Cafar fu preio da Porthogalleli, all'hora gii 
liabitatori lafciarono il mon(c:ma tuttauia hoggidi vi fono tutte lefue cafe,à. le polfeflìoni uìi, 
quali fé f udero habitate SC coltiuatet 

Quadre!. 

Quadres è vn'altiffimo mote fra Sebta Si. Tettcguin,c habitato da huom.'ni di fomma gag!iar 
dezza : iquali fecero di gran pr uoue nella guerra,che hcbbero li R e di Granata co gli Spagnuo 
li. perche qucfti montanari vfauan d'andar in Granata per foldati di ventura, d-'valeuano pm 
di tutte il refto de foldati , de detti Re.di quefto monic fu vno, che iì chiamaua Hcllul,ilquale ha 
fetto Umilmente digrandicombattimenticondettiSpagnuoli.fit il volgo d'Africa adi Grana j 
ta tiene appo lui le hiftorie fcritte de fatti fuoi.alcuni in profa,et altri in verfo : fi come fra gl'Italia 
nifi tengono i fotti d'Orlando .ma egli al fine fu vcciio nella guerra degli Spagnuoh. quando 
fu rotto Giufcppe Enelir Re 6C Pontefice di Marocco fopra vn caftcllo in Catlìalogna. ilquaici 
mori appellano il caftello dell'Aquila.de Mori furono vccUì felìania mila combattenti,! jc vi fcfu 
409 annidi pò di quello cfTercito altri ,che'l Re,&: alcuni poclii de ma , quefto fu ne glianni fcicento ii'ouedi 
Lhegira:che può effer ne glianni di Chrifto mille cèto fcflTanta.doppo quella rotta i Chriftiani in 
cominciarono ad eflernella Spagna vittoriofi.intanto,che riliebfjero tutte le Citta, che erano 
fiate occupate da Mori.& da quella cofi gra rotta fino al tempo chc'l Re don Fernando acquiflò 
Granata, fu lo fpatio d'anni zSy.'.econdo gli Arabi. 

Beni Gueddrfeth Monte, -.■, 

Beili Gucdarfeth è un monte vicino a Tctteguin,S^è molto habitato: nn non molto s'e^ 
fiende ifuoi habilatori fono valenti huomini,&:han:.o qualche qualità. fono fotto il capita^ 
no della fopra detta Tetteguin:ilqual molto ofleruano: percioche con CiToluivannoadepre' 
dar parimente nel contado della città tenuta da chriftiani. onde auiejie, che efii non pagano al 
Redi Fez grauezza alcuna: fiior che certo piccolo cenfo per conto de'loro te. rcni.fi<: all'in' 
contro cauano del monte gran quantità di danari, percioche v'c gran moltitudine di boiri;a^ 
i maeftri d'i pettini 5 che fono in Fez, di queftili feruono ne lor Iauori:Ieuando«e ogni anno 
non poco numero* j 

Errif Rettone diFe^i^ 

Errif è vna regione del detto Regno: laquaìe incomincia dal confino dello ftretto delle colon 
ne d'Hercole dalla parte di ponente , dC s'efteiid" verfo leuante infino al fiume Nocor : che fono 
circa a cento quaranta miglia di tratto.da tran na termina nel mare mediterianeo,cioè nella 
fua prima parte : 8C allungafì verfo mezzo p,.. o drca a quaranta miglia infino a monti , die 
rifpòdono verfo il fi urne Guarga: ilquale è nel ten ''oro di Fez.quefta 1 egióe è f aefe tutto afpro, 
pieno di freddifTimi monti:doue fono molti bofchi di alberi beHi OC drittì.ma vi nafce gr«no.bcn 
vi fono affai vitijficaie, oliuc,&: mandorli.gli habitatorietiandio fono huomini valenti: ma mol 
to volentieri s'Ìmbriacano,&: vano mal veiiiti.vi fi truouano pochi animali;eccetto capre , alini, 
frr iìmie.che fono in gran quantità ne i detti monti . cittadi ve ne fon pochcma fono tutti caliclli 
& villaggi di trifti caiànunti fatte in vno folaio a guifa delle ftalle, che fi veggono ne i contadi di 
Europa.li loro tetti formati et coperti di paglia et di cotai fcorza d'albcri.inhne tutti gli huomini 
di quefto monte hanno nella gola quei goffi , che li veggono alle volte ad alcuni: 5^ fono equa)' 
mente bruttifTimi & ignorantilTimi, 

Terga e vna piccola città:Iaqualc fecondo alcuni fu edificata da Gotti fu'l mare med'terraneo 
difcofta dallo ftretto circa à ottanta miglia . h circa cinquecento fuochi;^: fono le mura più tolto 
deboli, che altrimenti, gli habitatori fono quali tutti pcfcatori;6c: il pefce,che prendono, vfano 
d'infalare : ilquale è comperato daxncrcatanti montanari , ficportato d'indi circa a cento miglia 

vcrlo 



Gafsi, 



jl vofor 
l>oi,chi 
<x}mec 
zo, ma 
nohuo 

I Bcdi 
inera,6i 
i-icani,^ 
vallc;Iat 
molte b( 
pozzo ( 
notte pe 
pefcator 
nomon 
irò noni 
niento:p< 
delie & al 
:S cunijChei 
ri huomii 
ncnedoi 
le mandai 
ucfivend 
buoni vai 
no,ficiib( 
babitailS 
dino.fuori 
ògalea,6^, 
dauanoai 
RediSpaj 
Città,&:da 
nendoladi 
della Città, 
corfoalRp 
mente veci/ 
anni;dipoij 
gnatolanio 
Hchctraai 
ftahilioriar 
Jjzo.almod 
cfauoritoda 
benché v'èd' 
l'anno,o in e 
'obba,anchc 
dai detto por 

Icllesèvna 
buon porto,! 
«■e e turbato» 
^"*quef>a( 
aedipefcatoi 
^j&^fubitori 

TcgalTaèv 

faneo circa ad 
bitatorif-,.,^^ 




IcdiFez.iIRcfiD 
icn'itfina del Tuo 
contado, doppo 
3d'ldris,chr cdifi 
IO nome .'V per la 



os'cficckpcrlun 
arilo purgarono 
larui del lino, &: 
alidi, all'hora gli 
epofieflìonitaij. 



lifomma£|;ag!iar 
cogli Spagnuo 
&.'valcuano più 
^cllul,ilquale ha 
frica &: di Grana jl 
come fra gl'Italia 
gnuoli. quando 
lalogna.ilqualci 
iattcnti,ncvi(cà- 
fciccntorouedj 
itaiChriftianiin 
Citta, che erano 
mando acquiftò 



non molto s'e> 
D folto il capita^ 
i vanno a dcpre^ 

non pagano al 
te; rcni.tX all'in^ 
iincdibolfiia: 
Ione ogni anno 



F 



retto delle colon 
4ocor: che fono 
•i'aneo,cioc nella 
10 a monti, che 
acfe tutto afpro, 
iafccgr«naben 
valenti: ma mol 
tto capre, afini, 
bnotutticaficlli 
3 nei contadi di 
uttiglihuomiiù 
(: de fono cqual" 



■cmcduerraneo 
Emura piutolto 
rendono, vfano 
a a cento miglia 

vcrlo 



|)Oi,chciPorthot 



»»£rAFRlCA 



yo 



• BcàWvnadttàedifìcataful.fl""/'"^^^"'/^^^^^^^^^^ 

l«>.rodourfe pù.ja,douc to 

nottcperefTerpienod SlT '°';.'f"'°='"='^non PocodpSo 1^ f * ^^ ^' f"°» ^n 

pefcaton&alcSnTcorLJwi^^^^^ 

no monti altiSorTH^'^'^-'''^ 

irononvmono cS.: t"^^' '«-uouano buoni legni per ferfùf^^^^^^ 

i"mto:percio nd a de t^°7^^^^^ 

deJJe&S^tn- pefc perabcll^ ^r"^'°''° '^' P^"^ d'orzo^. V^noeZ^^'T^'^ ^"^""^^ ^ fr« 

:?cani,chegIù%SS ee'fo^^^^^^^ 
rihuomim;iquaI,nompnl,T ^"^^ ^°8''ono quali ogni mai„"?P'^.^'^''°8"^ 

no.nedonanorn lS?.l^ '^ ^'"^° ''^""o m Prem^^o!"rlSn '^'V^ ''"° '"o'" P°"' 

lemandano a° monS D^n V^''^^' " "truouano preS M.i T'A' ^l'' ^''^ P'^^^o 

buoni vannoneneìoVobrch'^^'f''^" 

habita il Signore SowhY ' ?r ""''^ C,"à vna bel^^^^^^^^ 

Qualche fuiìa, 
" ,S«:iem5 



1 



; i' .] 



nendóladi o d n^^^^^^^ EtqLSei^[l'f°^ di quefta 

della Citta; ctndl^^^^^^^^^ 
corfoalRpd/1-.^il' t^^"'!^^'"P'ovcd^ 

anni:d,poip;r^t/aS^^^ 

g"-lL4Cr ^;;^^-S^:^lo,ilqua dt. , 




'e"-vnap.ccoIaci„àr ', ^ X^'^'^^"-^ Aldìandr. ^ Bariuof 



■-"'-"«" m toro difefa. "" 



bita^;;r„:^""j^'g''^»'apocomenodidnAr;«;;'^ri^.^^^^^^ 

^ g n noè 







TERZA PARTE 

no è tutto ripieno di monti 8C bofchi;&: non vi nafcc grano:ben vi fono molte viti, BC molti albe 
ri fruttiferi, nel refto e tutta mifera.'et gli homini non lì paicono d'altro,che di pane di orzo,di tar 
delle, et di cipollc.q uadp io fui in quelta città,n5 vi potei far dimora più d'un giorno per la mol* 
ta puzza delle rardclle,chc annoia tutto quel luogo» 

Gtbhd. . . - 

Gcbha è vna piccola città ben muratajaqualc fa edificata da gli Africani fui mare mediterra 
neo>difcolb da bédis circa a ventiquattro miglia.quclta alle volte è habicata et alle volte nò,fecò 
do la prouiiione, che corre a quegli, che n'hano il gouerno & culiodia.è cinta tutta d'afpro terre 
no,doue fono molte fontane QC boichi,& vi fono d'intorno certe vigne QC terreni di trutti.quiui 
non è,né ediHcio né tetto, che dire li poifa bello. 

Maremme, 
Mezemmc e vna gran città polla fopra vna piccola montagna fui mare mediterraneo ne! co 
fino della prouincia di Garet,&: di lotto di lei è vna gran pianura,laquale ha di larghezza circaa 
dieci miglia, & di lunghezza vent'otto verfo mezzo giorno . per mezzo la detta pianura paiTa 
il fiume Nocore,chediuide ErrifdaGarct. Sminici habitano certi Arabi:qualicoltiuanoi terre 
ni: &r ne raccolgono gran quantità di grano:del quale in fua parte ha il Signore di Bedis arca a 
cinque mila moggia, anticamcte quella città fu molro ciuile & molto habitata: et era fedia del Si 
gnor della detta prouincia,ma fu due volte rouinata.la prima per lo Pòtefice del Caraoan : ilqua 
le fi fdegnò,ch'el Signor di lei ricufaua di dargli ilconfueto tributo :&:prefala la fecefaccheggia 
re &: abbruciare, al Signore fu tagliata la telìa: & mandata al Caraoan fu la punta d'una lancia:S^ 
fu né glianni trecento didotto di Lhegira.dipoi rimale quindici anni dishabitataa'n capo de qua 
lilottola difcfadcldetto Pontefice fu «'.abitata da certi Signori. mail Signor di Cordouave^ 
n'hebbe gelofia per elTer vicina a fuoi confini circa a ottanta miglia:il che è la larghezza,che con 
tiene il mare fra Malaga che è in Granata , & la detta terra che e in Mauritania : coftui adunque 
tentò prima d'hauerc il tributo:il quale eficndogli ricufato, mandò a lei l'armata: &C in vn monié 
to hebbe la Cittàipercioche non potè giungere il foccorfo di quel Pontcfice,pcr effere il Cairao; 
an lontano da quefta due mila trecento miglia . di modo , che ella fu prefa prima,che al Cairaon 
foflc pcruenuta la dimanda dell'aiuto.coli hi faccheggiatajà: diRrutta;et il prijicipal Signore ma 
dato prigione a Cordoua,doue li flette fino alla morte fua: hoggidi folo vi rimangono le mura, 
do fu ne gli anni ottocento nouantadue di Lhc^ira Hora didamo di alcuni monti di Errif, 

Btnij^arirmonte^ 
Enigarir èvnmonteliabitato d'avnaftirpedi Gumera,fi<: e vicino a Terga, efien' 
defì per lunghezza dieci miglia : dC è largo circa a quatno . in lui fono molti bolchi, 
Oc vigne, de terreni d'oliue . gli habitatori fono pouerilIlmi,&: poucramcnte vefto' 
no, hanno pochi animali.ma fogliono far molto vinOjà: molto coticForzo in que^ 
fio paefe nafce in picciola quantità. 

Beni Mdnfòr monte, Jj 

Beni Manfor monte s'cftende circa a q uindici miglia:&r e largo arca a cinque , vi fono bofchi 
& fonti in molto numcro.gli habitatori fono huominidi molta forza,ma poueri:perdochencl 
mòte loro altro non nafce, che vua.ben tengono qualche capra:& vlano di far mercato vna voi 
ta la fettimana ; ma in quello , altro io non viddi che cipolle, aglio, vua fecca, dC fardelle falate, & 
qualche poco di biada , dC di panico , delquale £inno il pane : fono fottopofti al Signore di Bedis 
fopra la ripa del mare. 

Bucchuia monte» 
Bucchuia monte s'eflendc arca a quattordici miglia: & la fua larghezza e circa otto.gli habi' 
latori fono quafi più ricchi di tutti gli altri montanari:et vanno bene in ordine:&: hano parecdii 
caualli:percioche il mòte ha buoni terreni d'intorno né pagano molta grauczza , per cagione, 
che vnfantohuomo, ilquale e fepcllito in Bedis,fu di quello monte. 

Beni Chelidmonte, 
Beni Ch elid Per quello monte tiene il cammino chi par te da Bedis per andare a Fez: il quale 
è molto freddo et pieno di bofchi OC di fi-cddiflimc fontane.quiui non nafce grano:ma vi fono vi 
gne:&: gli habitatori fono foggettialSignorediB€dis.ma per lalorpoucrtà èC grauczzadi m 
buti,che pagano al Signore lono ladri SC alTairmi. 

BentJAarfw, 
Beni Manfor m onte s cftende circa a otto miglia,a: è difcofto dalla marina,comc i due fopra^ 
detti.?li habitatori fono valéti et eai7liardi.ma di cganuo ihriarh i.r^cccAonn n aiTai yne et "oco 

grano. 



l\ 




A grano 
v'echc 

Ber 

poueri 
certo p( 
neforn 
hanno 

Beni 
glihabii 
uezzc: e 
mana il i 
zareino 

Benif 

no agiati 

no£<:olii 

I donne foi 

Seufao 
d'artigian 
duil detto 
chodicon 
tcnonpa^ 
datiacaual 
infiniti fon 

Beni Gè 

fcòdeuole d 
molte capre 
«ncrcato,ms 
che recano i 

Benilcrfc 

habitatori p 

'Fez sei fece I 

diquattro m 

cento diciott 

Tezarin è 
gonononpo 
ndeliheforo, 
"pwgrauezj 

BemBafdl 

«l'amcpercioc 

poffonopafcet 

J vua, che race 

Wcotti,&grar 

delia forte che 1 

qweftifacdiicer 

chccreaturehu 

*«omòte,mai 

*J-'efaIate;dieq 
QUCidplm^.,.- 



in'a',& moiri albe D 

mediorzo,diiar 

iornoperlamol' 



I mare mcditcrra 
alle volte nò, (eco 
urta d'afpro terre 
enidi ir utti.quiui 

Jiterraneo nel co 
larghezza circa a 
rtta pianura palTa 
i'Coltiuanoi terre 
ediBedis orca a 
et era Tedia del Si 
I Caraoan : ilqua 
a fecefaccheggja j 
ta d'una lancia:& 
ta:incapodequa 
rdiCordouave» 
'gliezza,checon 
:coftui adunque 
a: de in vn monié 
reflereilCairao^ 
ia,chealCairaon 
:ipalSignorema 
angonolemurj, 
}midi Errif» 

oaTcrga.eften' 
no moki bofchi, 
leramcnte vefto^ 
;io.rorzoinque' 



te»vifonobofchi 
ieri:perdochenel 
mercato vna voi 
fardelle fatate, & 
Signore di Bedis 

rcaotto.gliliabi' 
de hano parecclii 
za, per cagione, 

are a Fez: il quale I 
no:mavifonovi| 



n 



AgranoIcdonncIorovannod/efm.M ^ ^'^ ^ ^ ^ ^ A 
vcche/eruifedea,„,aruo:'""^"-^P-ParcoIando,^fraq.efton,ez.ofi/ano,ncaIcu^^^ 
Beni Giurep monte ciano ^<^iGiufe(^. 

neformano vn pane nP«?n S^f'' '^^' <^o'" Pongono .nl.cnVe ron . '^''/"'^ '°^° "^«"'c: ec 

Beni2aruoImòreèn,anf.r.^- ,^^«' n'»"^ W. °'"°'^'-"^P^''^"Prcaofoaho. 

nana ,1 mercato nel Zt 1 "' " r'°^' '' »^°'^^"o ^^^^ZctVofvtT ^"^''' '^' "^«'^^ m 

BeniRa2mmonrecnuar.^.v.- , ^'''" ^''\!'^ mnme. 

Seuraocnmòrecilp,uniarr.,T^i a "^'"/"««^ow^ 

datiacaual oa^a Diedi niì .^^'^^"^zza.pcrcheefr/ fnno ,,^7 ' "^P^rdcttomò 

Beni Gebara e monte molf r a/ ^^'"'Géat-a, 

Fezstì fece ,XS* 7° '""° '*^" do™ era JcSr^,*S" *""*"■'■ ^^^ 

Tezar/n è vn monte viWnn ^i r j ^^'"*'" ^o«rf» 
npcrg.„eie.'*'''''^'''«--''°g''0"o/ar<S„are.^!t:Sa?o;t^^^^^^^^^ 

h™a.Z„'^%°P;^^^«"ncopiadm^^^^^^ 




I •■••li 




i Gualid 








TERZA PARTB 

BeniGualidAkmte^ U 

Beni G ualid è vn monte molto alto Qc difficilc,g!i habitatori dclquale fono ricchi: perche han 
no nioltiinmc vi^nc d vua negra per far zibibbi.hanno terreni enandio ailaiirimidi niadorlc,di 
hchi A di oliui.ol tre accio nò pagano tributo al Re di Fez; fuori, che per ciafcun calale quali vn 
quarto di ducato.li the poflono andar lìcuramcme di Fez ;i comperare QC vendere : di. fé alcun 
torto vicn lor f itto:quando qualche parente dell'offcnditore li condufe al monte loro ; noi lafcia 
no ritornare alla città, perinllnoche elfi non fono minutamente fodisfatti d'ogni lor danno.sli 
h' .omini vanno ben vclhti & ornati :ct ogni mal fattore bandito di )re.'Z e licuro nel monte loro, 
ancho gli fanno le fpcfc per Hn, ch'egli vi lìa, fé quello monte folle lotto il dominio del RcdiFc?. 
^li renderebbe lei mila ducati d enirata;perciohe vi fonolèflanta cafahSt: tutti ncthi, 

Mi:rni\ct Monte. 

Mcrniza monte confina col fopradetto, &: lòno d'una mcdcfimafiirpe Apparita con h' fopra 
detn in riccheza libertà &:nobiltàma fono in ciò differenti di coltumi,chevna moglie per mini 
ma ingiuria , che ella riceua dal marito , fugge ad altri meno. OC lalciando i figliuoli da pane, vn 
altro marito li prende, per quella cagione di continouo gli h uomini fono alle arme, & fanno di 
còtinouo gran quiltione, &. le dcbbeno far pace e neceffario che colui a chi refìa la donna relhtui 
(ca al manto prima le fpefe fatte per il matrimonio dalla donna , OC per quello ftanno OC hanno 
fra loro alcuni giudici, di forte, che non folofcorticano la pelle a poueri litigami, malorcaua- 
no il cuore. , 

HdHguflum ls\onte. 

Hauguftum è vn mote molo alto OC freddo : OC fono in lui molti fonti, &r vigne di vua negra, 
fichi in ogni perfcttione, mele cotogne grolle &: belle & molto odorifere, et fomigliate a i cedri: 
maqucln fono nel piano, che è fotto il monte, hauui anchora molti terreni d'oUue. delle qua- 
h li caua gran quantità d'olio gli habitatori fono hberi d'ogni tributo: per lorgennlezza foglio 
no ogni anno far belli OC honorati prcfcnti al Re di Fez : òC perciò fé ne vanno con ogni liciir- 
là & baldanza a lcz,compcrando grani,lane,6c:tclc.pcrciocheveitonodagentil'huomini.niaf 
fimainemc quegli del cafal maggio- e;douc fono per maggior parte gh artigiani, i mercatanti,et 
i nobili. Beni tedtr Monte 

Benifedir monte e grande 5<f molto habitato:ma ineffònonvinafcc,fcnon vua negra, della 
qual fallì zibibbo et vino.gli habitàtoiri erano prima liberi da i tributi:ma g la loro poucrtà aflalTi 
nauano et fpogliauano tutti i fòref tieri . onde il Sir^nor di Bedis col braccio del Re di Fcz.gli fog 
giogò,&: Icuo loro la libertà.fono nel detto monte circa a cinquanta cafali,aflai capeuoli , jna nò 
raccolgono da tutti quattaoccmo ducati Tanno. 

Lucat dMoTìtc, 

Lucai è mòte malagcuole&f molto alto.gli habitatori fono ricchiffimi:percioche il mòte è fcr 
tiledVuc dellequai fanno il zibibbo,di fichi,di mandorle, d'olio, di cotogne, ÒC di cedri. 2^ per cf 
fcr vicino a Fez, circa trentacinque miglia, vedono ogni lor frutto nella detta città . fono ancho- A 
ra huomini nobili & caualierj,&: fopra tutto fuperbi;in tanto,che nclTun tributo hanno mai vo 
luto pagar,elTendo molto ben difcli dalla natura del monte.fimilmcme tutti gli sbandili di Fez, 
fono da qucfti accettati; iquali lor fanno buona còpagnia : eccetto a gli adultcri,perclìc clTi fono 
gelolì, de non gli vogliono apprelTo Ioro.il Re concedeil tu tto,per il grande vtile,che'l detto mò 
tepartorifceaFez, 

Beni GtM^mU 

Beni Guazeual mòtcs'efiende circa tréta miglia p lughczza, dC p larghezza circa a quindid: 
& e diuifo in tre altri mòti , corrono fra qlti et i due di fopra detti certi fiumicel'f.gli habitatori fo 
no huomini prodi &: molto arditi.ma di fouerchioaggrauati dal capitano del Re di Fcz:pcrcio 
che gli pagano l'anno diciotto nula ducati.il monte è in uero fertililfinio d'uue,d'oliue,dihchi,et 
di lino;&: fanno gran quantità di vini,8£: di mollo cotto,d'olio,et di tele grofle,&: del tutto ne fan 
no danari per pagar la detta fomma al detto capitano che vi tien di continuo commiffani dC ku 
tori per cauar gli occhi a i detti mòtanari.vi fono infiniti villaggi Qc cafali,quai di ceto fuochi, ^ 
quai di dugento;&: fono circa cento venti fra villaggi &C cafah; òC da quelli fi può far véticinque 
mila combattenti . di continouo fono co i lor vicini in guerra , «&: fi ne vccidono molti, ÒC il Ke 
vuol danari d'vna parte ÒC \ altra per gli huomini amazz.ui , dimaniera,chela guerra è a vtile del 
Signorc;in quelto monte e vna piccola città,afrai ciuile,nellaquale fono molti artigiani : ÒC è cin- 
tada molti terreni di viti, di cotogne, &: di cedri cheli portano a FelTa: Si nella detta citta feflì 
anchora non poca quantità ditela, vi fono giudici ÒC auuocati della legge, perciò, quando (ìj 

fe d mercato, ! 



/IfàiTn 
nella 
duto 
fcinc. 
todel 

Be 

Fcrpc 
cz,e 
Jio,di| 
di mai 
tamcn 
mini d 

Ben 

fono in 
habitat 
fonti, rr 
B s'è detto 
quindic 
mollo e 
volta la 
qucfti m 
nimfciu< 

Beni] 
pcrioref 
colgono 
nehannc 
capra.io 1 
dcrincid 
tanarifor 

Beni A 

tutti fann( 

toilmont 

C battono ce 

crefcerglie 

li fanno gr 

2ati,&:bei 

hibito,ma i 

che fono qi 

BeniGu 
glihabitatc 
nopiu.che 
mali,mave 
noaFez,& 
lìanccelTarii 




non elli coni 



tTtpAiiM . 



ricchi: perche han 
ìmidiniadorle,di 
jn calale quali vn 
iderc: &: fé alcun 
teloro:noHafcia 
Snilordanno.gli 
i nel mome loro. 
Ilio del Rediga 
icchù 

laritàconh'fopra 
moglie per miai 
iuoii da parte, vn 
arme, & fanno di 
ila donna rcihtui 
ftanno dC hanno 
Iti, malorcaua- 



'ne di vua negra, 
migliate ai cedri: 
oliue. delle quu' 
entilezza fòglio 
con ognillcur^ 
itil'huomini.niaf 
i, imercatantijCt 

vua negra, della 
'opoucriaanalfi 
:icdiFcz,gIifog 
capeuoli,manò 



oche il mote è fcr 
di cedri. 6^ per cf 
ttà . fono ancho- ^| 
ro hanno mai vo 
sbandili di Fez, 
'iperciiccffifono 
le, chc'I detto niò 



icircaaquindid: 
'.glihabitaiorifo 
iediFez.'pcrcio 
l'oliuejdihchi,et 
!<: del tutto ne fan 
immifTarij & fai' 
ii ceto fuochi, & 
o far vcticinqiic 
IO molti, & il Re 
jerraèavtiledel 
tigiani:&^ècin' 
la detta citta fàlTr 
ercio, quandofij 
fa li mercato, 



i|-fe,lmercato,vifìra£TunacrrTn " ^ J' ^'^ '^ '^ ' C A 

ncllaqualecvnabuoTnmf J''^''°^''^''^'"'"ionti.canchor,n ^ ^* 

duto moltifoX"" !S;!':L''S^°'^^'dondeef^^ vna valle. 



na grott». 



laiio.ij. an 
III. 



nella quaieè vna bucaJaS"w""'"'°'^'' ^'""' monti.canchor, n.f r ^ 

Cod.lecofenat.ah.a;^-^tSàfefcsÌ^ 

Beni Gucrfaghel còfina col fooriH'"" ^'""'"'^;^"^^^°^'^<. *"'"°' 

perpetua nimicitia.fofto il dlvroin;^,^"°■'"^^'''''^''"^'^^ori dell'imo flMMr r t - 

^cz,et per le dette pianure naZn;?/' 'T 

»to,digrano,a: di I noT/c n "f """ f'""'«^ gl'eli di que o ni """ '°' '^""^^ di 

Beni Achmed mòteplimhe^^, -. '^'^'^'^'^'^'Z- 

fontina amar & t?rbS ' . ^M^^^ « ^'Ì iJ n 'te ( m r'° ^ ^^'f""'" ^°"^ ^''' 

B sedettodialcunSn I^/rf ''°'°'^^"^^d'" 
quindici anni-m^Sn^D^m^^^ 

n' offocotto,&Jo^ten "T^^^^ ^enehàno Ci^oT "''''"°''*''^'"' v- 

volta la fettimana ne S(^„ "3 "''' "•'«" ^i fotto d^ lar^W , nell bf .""'' «'"'" '^"^""^ ^i .a 
quefìi montana" poSj^,^^^^ °''° ^ '--b.bbo óS eSn ""^ " "''''^''' ^"^ "' 

Benilcginefenmonteconfinacolfotrl'?'"'^!^'""^- 

crefcerglicIefraSL^^''^P'S^''SrofIe taglie ^7/'^'°"''^''^P'" volte quefh cò^ 

BeniGuamudmonf*.^r,nfi., i ^""'Guamud, 

mali,ma v e poca acqua.in fine tutti erudii rnnn. '^ '^"^ ^"°"' terreni,à' gran conia dw 

fianecefIa„aaIlavuahumana.èdifcofrodiedS.^^^^^^^^^ 

— -^ AbbiamodefcrittotktS^:^fr .^' ,-^.- 

remo di Garet fefta RegS volmn?^ %ui. 

Quefìa comincia dal fiume MelulorS^ dire prouincia del Regno di Fcl 
.te termina nel fiume mXiCÌ da me4?°"""' ' ^ '" '^ P^»"^^ di leut;, 
>n. d. certi deferti vicini alla Num-?.wl!.°.Sl°^"°;^'-minanelli monti chei". 



1 1 








y^aggi 



g lUJ 



per 



B»:r' 



J^ 



Chafàrivc 
nutanelpo 
ter Hi 1 iT- 
nandn Re 
di^pagna. 



Vene di 
Ferro. 



TERZA PARTE 

per la lar j^liczza d/ vcrfo mezzo giorno, termina nel detto fiume MeluIo:8if effendefì ancho in D 

fiartcdipoiiintc acjntolimontidcl Chauz, calando verfo il mare (òpra il fiume diNocor:è 
un^acirc a cinquanta miglia, fit'lar^a circa a quaranta: & e molto alpcraà: (ceca, & è iiniilc 
adiicrn di Niimidia:ancliora e molto dilìiahitata, mafaimamentedoppOjche gli fpagnuolilifo 
no impadroniti delie (uè due principali città come vi narrerò. 

Akklit Citt,l 
Melela e città grac'e et antit a, edificata da gli Africani fopra il capo d'vn golplio del mare Medi 
terraneo.fa circaaduomilatuochi:& fuinleinioltaciuilità:pcioclie qucfia città era il capo della 
regione: &' hauea gran contado: donde (i cauaua grà quantità di ferro & di mclc:fi<r per tal cagio 
ne la città fu detta Mclcla.chc col india lingua Africana li chiama il mele: nel porto della detta 
citta anticamente II pigliauun le oltrii he, che (anno le perle, (u ella vn tempo fottopoKa à Gotti 
ma di poi I Mahumettani la riacqui(tarono:et i Gotti fi fuggirono a Granata che e difcofta dalla 
detta Città cento miglia ciò è quanto contiene la larghezza del marc.ne'tempi moderni il Re di 
Sp gna inandò vnarmata ad c(pugiiarla,nia prima , che ella arriualTc,gli habitatori n'Iiebbero 
auuifo, 8i dimadarono aiuto al Re di Fez, ilquale efTendo all'hora occupato nella guerra co pò 
poli di Tcmefna, vi mando vn leggiero rllerciio onde i fopradctti etlendo molto bene informa 
ti della granJcirza deirarmatadegliSpagnuolijdiftìdadoli di poter foilcner ralTalto fgombra 
rono la città, &' con le loro robbc Kiggirono a i mòti di Buthoia.il capitano del Re di Fez ciò ve 
dcdo ò p fare oltraggio a quei della città ò diipetto a chrilbani cacciò f uocho in tutte le cafe,et ab 
bruciò la città . 5C fu negli anni ottoccto nonàtafei di Lhegira . doppo il fatto aggiunfe l'armata 
d'ichrifhani,iquali vedédo lacittà vota di abbruciata molto li dolfcro.nc la vollero percioabba 
donare: ma fabbricarono inlei vna forteza , & di mano inmano ritornarono in pie tutte le mu 
ra,5^hoggidi ne fono podellori. 

Chafafd Città, 
Chafafa e vna città vicina alla fopradetta circa à venti miglia.fu molto forte 5^ murata con for 
timura:S£: ha vn buon porto alqualeviàuano divenire le galee de Vcnctiani, &:faceuanodi 
gra faccende col popolo diFez: talmente, che grande vtile glie ne veniua: ma volle la difgratia 
del dette Re , che nel principio del fuo regno egli fu molto mclcfbto da vn fuo cugino: ilquale 
tenendolo nella guerra occupatifTimo. co tutte le (uè forze Fcrnado Re di Spagna fece difcgno 
d hauere la dei ta cit tà:8<: l'hebbe con molta facilita, perche il Re di Fez non le potè dar foccorfo. 
gli habitatori (gcmbrarono.fin: li (aluaronoauanti,che lacittà fufleprelà, 

y f^\ota Città. 
Tezrota e vna terra in Garet difcofta da Cha(a(a in terra ferma circa a quindici miglia : e fab' 
bricata fopra vn tofo altiirmiOjfic' ha vna piccola via. per cu; li va d'intorno aldetto tofo . dentro 
non li truoua acqua, fé non in vna cillerna,gli edificatori di i|uefta città furono della cafa di Bc' 
ni Mann guanti e he f ulTe ro Signori:iquali vi teneuano dentro i loro grani dC le loro facultà , Si 
poteuano andar ficuri per li de(erti,perche à que tempi non erano Arabi in Garet;ma dipoi clic f 1 
coitoro hcbbero dominio lafciaronoquefta città & la regione di Garet a certi loro vicini, & fi 
diedero a prouincie più nobili.in quelli mutamenti Giuleppc figliuolo di Giacob fecondo Re 
della cafa di M arin p iufto fdegno fece rouinar la detta città:ma clfendo Venuta Cha(a(a in ma' 
no d'i chriftiani, vn capitano del Re di Fez di nation granatino valentiisimo huomo , dimandò 
licenza al Re di rinouar Tezzota . ilquale glie la conccfle.coli la città fu rifatta: &' hoggidi i chri 
ftiani di Chafafa con i mori di quefta città fanno di continoue correrie:^ hor quelli ÒL hor qud 
li fono perditori, 

Meg^to Citta, 
Meggco è vna piccola città polìa fopra viValnfìTimo monte difcofta da Tezzota circa à di'cd 
miglia verfo ponente. et fu edificata da gli Africani lontana dal mare mediterraneo circa a fci mi 
glia vcrfo mezzo giorno.gli habitatori lono huomini nobili Qc liberali , OC forto il monte dcllj 
città e vna pianura per gruno:6(f tutti i monti.che fono d'intorno, hanno vene di ferro .•doucli 
contengono molti cafali&^ villaggi di queglijche lo cauano.la fignoria di quefta città venne in 
mano dvn nobile &valorofocaualiere della origine della realcala,cioèdiMuachidin: ma nato 
di pouerilTimo padre,ilquale fu telfi torc di tela:laqualc arte egli al figliuolo mfegnò.ma il gioua' 
ne,chedi alto animo li (entiua,conofcendo lanobiltà de (uoi maggiori, lafciando da parte i telai, 
fé n'andò a bcdiSjfic: quiui imparado l'arte militare,s'acconciò per caual leggiero del Signore, ma 
perchceglilapeua fonare gentilmctediliutOjildetto Signore anchoraperniufico lo tencua nella 

^larnrrp.amifilnpinniifl me220.fh'elfanitanodiT"pT2nta vojpndn farro.-rpria in.^i-a lirhri/ 
-^ , j. . ^ g. — -, 

(tiaiii, 



A ft/ani 

qiicJi 

graiK 

male 

litri d 

(irof< 

delle 1 

mille I 

la Cam 

mera < 

inipar 

(lui tic 

Eà 

diterra 
ni:&:c 
che tut 
fcoli.m 
B elferl'u 
fe,anda: 

Beni 
caaven 
in tanto 
detto li e 
la gran p 
fagiod'ai 
cala da V 
il ferro ài 
noinzaji 

Azga 
fole da In 
pra:&'h; 
qualfann 

laprefadi 
C 

BeniT 

za circa a ( 

ce molte pi 

nagrauez 

cftì hanno 

geoèmolt 

raiIRediI 

realcdelch 

feceua l'off 

"chi mante 

Marin.pci 

del detto m 

Guard.ir 
dodici migi 
g'ihabitato 
mercato (o(^ 
Garet.acfgr; 
«uicaualliji 



cndefìanchomD 
me diNocor:è 
ceca , Se è finiilc 
lirpagnuolilifo 



(del mare Medi 
crailcapodclU 
:8)C per tal cagio 
orto della deità 
ttopollaà Gotti 
ecdi(conadalla 
lodcrniiIRcdi 
atori n'hebbcro 
la guerra co pò 

bene informa 
ilTalto fgombra 
ic di Fez ciò ve 
uttclecafcjctab ; 
t^iunfe l'arniata 
ero perciò .-(bba 

1 pie tutte icmu 



murata con for 
, &:faceuanodi 
/olle la difgratia 
I cugino: ilquuie 
;na tecc difcj;iio 
Ite dar foccorfa 



l'ci miglia: e fab' 
no toto. dentro 
della cafa di Bc^ 
loro facultà,S(: 
ct:ma dipoi che r| 
loro vici ni, ali 
ob fecondo Re 
Cbafafa in ma' 
lomo , dimandò 
3t' hoggtdi i diri 
iclii& iiorqud 



:ota circa adira 
leocircaafcimi 

il monte ddb 
Ji ferro :douc ti 

1 città venne m 
:hidin:manato 
nò.mailgioua' 
3 da parte i tdai, 
del Signore, ma 
oloteiicuandla 
ia fb-jra li cbri' 

(tiaiii, 



A «"n.>icIiiefcaqi,d5iRnorela/u,o^.^ ^ T A F R l e A 
ddleloroe,„rac. la onde iSord, hT^^'ÌI""'' '™"" "»nru„ m fa ,"i «"'^ ""'» 

fe,andaronoconIelorfacultiadiu^breStnS^^ 

BeniSuhidmontcse(ìendevicinodirfAr''''^'''r'^"''''- 
ca a ventiquattro miglia, a: è diuifo.nm^i r f'°"<="t«^fino al fiume Nocor rfirT^n • 

-ntantocheipailcg|er.^-S^^^ 

detto li caua gran quantità di ferrosa: nafcèm molto t T '^°"'^'"'"na coià fpendono nel 
a gran pianura che hanno, tutte le vcr^eSérTo^^^ ''^w* '''""° '"^''^ ""mero di bert ame n Ferro Cd 

^.odacqua^&nonpaganotnbutoSoTc.?^^^^^^ 
aladaviano,coniLefi.ami,&labotteshadm,. ff' ^^ haTala "'" «"» 

.IferroaFez,inpaIIotte,perciocheeSnvt^^^^^ 
no.nzappemannare,gomtcr.,chefonl°rmed^^^^^^^ 
Axganganmontcdallanarted- '^^-?-l^^'"'''"^^"°'^P-«— 'e. 

^gS^dS:^-"^"-'^---ri.rtmaS 

BcniTeusinMontcconfina f ^""^""^'^ ^°"f'* * 

2acircaad,ccimiiiI,a,doèdaldfrmodi"S!^&S'°'^°^^ 
remoItepianure:e^gin,abitato;^ono Ss fa^^^^^^ 

nagraue2za,nèalcap/tanodiTe2zota nTàSr f M '°'''^ 

cir. Iranno di caualli due tanti piu,cheToSn 'f r» , ^^8^°'"^ ^ ^«ello diBedLTrcioche 

Si' ffi %'^''°"'^"°d^^^«.montanari^K^ P^nia che ella fufie cafa 

- Guardan Monte , 






« 



h« 3- 



' i 



f 





TERZA PARTE 

lì canno d. r,r vm/,nc ve ne bcono.anchor clic fieno vieni del mòte di Arifdouen fmbriacano' D 
liirono vn tcm pò va ìa I. del h.^nor d, Ikdis.ma per opera dVn hi.on.o dotto predicatore oaè 
nero dal k e d. hr=,che la quanti. add tributo fulle r.mclTa nella difcrctione loro.colì ORni anno 

Si rnor di ìicdis "'" "'"' "'" ' ^ ""'"'' ^ ^''"''"' ' "' »''" ''^'^"° '''•■'' 4g«tM 

f '/«f dd difrtf) di (lurct. 
La fopradctta regione di C iaret è diuifa in tre parti : in vna parte fono le cittadi 8i il contado 

loro: nr, altra ifopradctti monti jlcm popolo conninemctc e detto Hottoia:la terza parte e il di 
fertoilc,|K.knlatramoiuana.ncominciadalmaremeditern 

r^> .no J djUrto ddla regione di (JumtK-lIa parte di ponètecoritìna con I mon^^^ 

& dal Iato di leiiante termina al I. unu- Muluia. ha d. lunghezza arca a (elianta miglia, & d. a"" 

Rhcv/.a trenta: S^ e tutto fecco &" aipro di maniera , d,e nò v. h mioua acqua , fuor^ , eh^l hume 

CÒNumiiri'L'jif^ 

II, d. pecore, & di camelli, OC di cotinouo quelh pecorai fono in gue» : co gli Arabi a lui vicini. 
^ ( Ihtus Sa tmut Ri ;r ione di Fi\^. 

laus e tenuta la ter/a parte del regno dì Fc/: perciochc s'elf cndc dal fiume Zha vcrfo 
ewantcandando vcrioponenteperinlinoal termine dd fiume Gurumara checdi. 
(|M.io circa a cento nouanta miglia :&: perlarghc//a seltende circa àa-ntó fettanta 
I, I 1 ''J'n ^A '' ""'-' '' ''"■«'''^"•^ '*'="•' P^"*^ d Aliate , che nfpondc vcrfo Mauritania è 
la largKv.a della detta ragione.ancora tiene vna buona parte de i piani 5^ di monti che confina 
nocola L.hia.ndtempo:cheHabdulach primo principe della cala di Marinacquiltòla Mauri 

tan.ainl,emeconlealtrcre8ioii,,d,econleic6hnauano.airhoraqu,uii,iparre.l/uo lignaggi 
coltui hfcio ijuattro iuoi hgliuoli:.l primo fu detto Abubder , il fccò.h Abu.chia , il terzo Abul 
fahid e I quarto Giacob: ilqualedipo. fucrc ato Ile per haucrccgh disfatta la famiglia de Maucl.i 
din Re di i^ a, ceco I. tre h.o. ameceflor. h morirno prima , che egli acquiltalfc Marocco.per. 
CIO non heblH-ro titolo di Re onde il padre a dakun di loro confegnu vni regione, l'altre tre tu. 
rono d.u.fe in iette parti, co e fra le quattro Ihrpi di Mann , & fra due popola che furono amici 
e parenuduiiidtabmiglia inmodo,d,equdJaregione fufhmata pertre^egio^^^ 
quelkdu- lurono a parte del rc-gno e» ano dieci S< le regioni fette . di il detto Abdulach fu r aut' 

forediqueitrdiu.l.oni,.^'nKnc.lChauspcrlamagg,orpartccomcdi lutto linarrcraàluogo 
per luogo a terra per terra, *> 

Teuverto CiitÀ 
Tearerto è vna città anticha edificata da gii Africam fopra vnalto colle ì caro il fiume Zìi r&: 
d intorno delia citta fono buoni terrcni,ma nò s'dièdono molto pcioche i detti terreni còlin ^iio 
cocenid.rcrti ecchic\'afperi.d^ 

no co d.ferto di Addulira, OC da ieuante con Anghad ehc e vno d.ferto nel principio del regno 
dil deniin 6c dalia parte di ponete col diferto d. Tatrata,.iquale limilnu^te^òfinLò ^ 

1 e7,/,a.queftac.ttafu.ciu.leet benehabitatafa circa à trcmilafuochiJia molti bd palazzi et tè^^^^ 
I cu. muri fono d, pietre di Teuertmo,ma pofcia,c!,e la famiglia di Ma. ,n regnò in ponetela n 

dehma fu meflam queft.one,et fu cagione di molte guerre;percio che i :.igno^ 

aS^lleS^^^^^^^^^^^ 

. Hadddo^ict Città, 

Haddagù e vna piccola città edificata da gli Africani a modo difola: perciochc vicino a Icicn 
trajlhumeMullulonelfiumeMuluiaqueltaant.camétefumoltohabi^rSe;^^^^^^^^^ 
r^ d ia u? Hn,f T"° P'?"^''^'/^^°"^»"^'°^ dec!ina'-e:pcrdoche confina queftacttà co i dilcr 
t. d. Dahl a.doue fono molte male generat.oni dArabi.ma co la rouina d. Tcurerio fu dd tutto 
disfatta.nc altro nmafc,diclcmura,lcqualihn bora fi veggono. «-uiciiuiuuuiuiio 

. , Garfis Cajiello 

Garfis e vn caftdio anticho edificato fopra vno fcoglio apprefTo il fiume Maluia difmfto di 
Teurertodrcaaquindiamigl.a:ilquaiecaikilofulaLtez^Ideiracai^^^^^ 
kiferbauail grano «jcl tempo che la detta habbitauanddiferto • doppo f u g. ^gS da 
Abuhena quinto Re della cala di Marin.d7ntorno il detto calkllo,cio è nel pia S^f^^^^^^ 
nutcn-au.v£qualdacg.ard.natoduua,diperlidii,8^difichi.&:Vercflcdrdm^^^^^^^ 

dal 



A dal de 
mini ' 
nel cai 

munì 



l)u 
forte, ( 
foiui.c 
piede! 
che li e 
monte 
dinetti. 
fono p( 
di Tc2 
rinall'h 
famigli, 
•1 regno 
felbnui 
B gua.coi 

tutti i COI 

iMahum 
molte cit 
^venut 
liberalità 
corteggi;' 
chiedimi 
pochi die 
narofen'; 

&:dnfub 

méte fuco 

di Quatta 

lìa città, & 

fcimilapc 

fercito del 

ma come e 

alfàltaronc 

Cpotcdoqui 

ipcdiuanel 

coIlo:etvei 

qucccto ba 

glia.all'hor; 

noddRc,; 

Scritta di fua 

'oconofceu 

rcgli.inuero 

di, cornei pi 

com'egli è C2 

niente a piec 

terefie voic/ 

todliauermi 
chef irebbe e 
gnerdapprc 
''ccgliimpa: 
ndiaprefenz 
die fono prel 



rn/mlir/acano: U 
edicatorc otte 
rolìopnianno 
Ucr fo^gctcìjl 



&' il contado 
~apartccjl di 
3mezzoj»ior 
detti di fopi.i, 
j>lia, de di lar- 
ri , clic'l tìumc 
Ì3,chccoiilina 
iiumcdiMul 
copia di caual 
bla lui vicini, 

ne Zlia vcrfo 
f^ara.chcèdi' j 
:cnto fcttanta 
Mauritania,? 
ti cht confina 
ulto la Mauri 
[0 lignajTjiio, 
il terzo A bu- 
ia de iMauclii 
larocco.pcr- 
l'altre trctu- 
urono amici 
ii,perciochc 
lachturaiit- 
ircraà luogo 



umcZha:&-' 
cni colmano 
1 mezzo gior p 
io del regno 
co la citta di 
lazzi et tcpt). 
>onctc,lanic 
larin voglio 
ogliono che 



icinoalcicn 
e. ma da che 
ittàcòidilcr 
)fudcltutto 



difcofto da 
■in,nclqua' 
reggiato da 
ino pochiiri 
iftello cinto 
dal 



f4 



Adafdcrcrfo.pa,onoidetti«,Vdini!fV y^^ '^ R I C A 

miiuvil,fcnzaalcunjciuiì/nl /;''''*'' '""«0''P-»''adirodAdimA.«»r t • 
nelcaiiellopcrcoritoii/o ,;/'^''!!^''^'^^'^^ 

Duhdu e vna città anticfia cdif? ^ ^"/'/w Otu. 

pKn1elmòtc,nonr'Jr S^ 

che il conuu-n fa a' . e II n VT '"'•"'-• ^ "" '"^''0 è , e-' o I ' '".'«'''''"•' ^'" '-^ '^^'u dal 

monte: paocl e iK i , .'^''^ '^'^ ^'^'"" "'on.e. & ttitti?, ó -,:: n ^T' ' -"''"''''' f'" '' "''^'t' «'ri 

fono pa- a mctS, Ì^.^"^ '' ^/"^^ "'''^''••"^ tutta va ., ir '"'^ ^ "^ ^^"^ ^^'" «ur 

diTe^za,percoc^^ ;';ì;;''^;^^^ 

nnairhorachehtronXrcd Y"^1 

^am.j?lia appellata iicn ' , '"'' '' '''«'°'" ^i ponente cfT.rft ? ^^^^'' f'^'^'^^'^' di Ma. 



^am,j?l.ap;;i TCk':''-''^^^'"^^'^^ 

.lregLd.fW,SAnI^,^^^^^^^^^ - 



(e Ibnu clianiu ci c?u d. ^ ''"/ ''''''^'"^ à, Jeuar da\uK | , , S.vr' *" ''' ''J' '^' ^^''"^ P"<ic 
B8ua.cofiuivm W^^^^^^ 
«uttiicolèumi fSn n !^'-' "i''^'' ^^^P° ''M"ale rima e v rifó ""^^^^f '5«'' ^--ab. fecero tric 

moItccittactcUdIinc n^H. '^"^'"«"''^'■•''^'"onen 
evenuto adoa^niod^^^^^ 
''i'cral.tafi.co"tS tS''?"'^ 

corteggiàcio,in£;/,;;f r'^V'Tr^''^^^ 

chiedln,oltipoponemn^f^^^^^^^ 

pochidicnraito^ oXSu '"^^^ 

naro fé n andafle alla h' «-^^ * ""'''' "'^ "^-^q "c qudb rn u.. .^ f ''' ^'^'^'^^''-èdoii nò ,^ ^°'-dò 

niacomecSaw^^^^^ 

allaltarono con' r { ir- "''^'^' voleuano.fubito , m^ „ ' ^ ' "^ ''"" '^"'^ ^ '•^''""' 
CpotèdoqreSKr^^^^^ 
ìpcdiua i^cl ritirar!; ri. ,^ ""^ "^ ' "'mici.furono colirett. . H .! i ^ '«^-'l^rolo.onde non 

q^ccéto baleSnf ^'" '^' ""f ? ''^-"ò pcio il Re vo K?.; ' ' r"^'"'"' '' ^^^^"' °"o •' 
gl'a.aII7,oracSSnM '^''i'^''^"''^'^''^ 

no del liei Sfnh.^ h""''!»^' "^ ^^°'^'- P'" d.fèdu ce t^^^^^^^^^ t"? '"" ^^"^'■^' ^^''"^ 
[crittadiAianfano; ,^°^^^^^^^^^ 

todTìauermioffefrolf^'^^!!>'r^^ 






chefonop.renu:rund.'quaSlr^^^^^^ 

-~-^.^.^i^u.oc.oiuoc..tl,uartoeJS^an^S«^^^-S^ 

tofegli 




r:""iT. T»<m 



riN 



,?-'' 



TERZA PARTE 

to fé gli gettò a picdi.ct di(Tc,Iic,ccco qui il pccatore/'I quale no haucdo altro rifugio ricorre alia D 
voftra pietà. allliora il Re lo tccc Icuarc in pie, dC l'abbraciò QC baciò acccttadolo per parete, dC fu 
bito latte venne due fuc figliuole le fece (polare djlli figliuoli del prefato, & quella (era ccnoro 
no iiilieme , 6v' la mattina lì K e di lùz. li Icuò con il capo dC ritorno a cafa . tutte le (opradettcco^ 
U i 111 ono dell ,111 no . «jo-; .di Llicgiia. &.' io tui nel l' anno. 911. quando viuea ci detto Signorc,&: 
;illoggui nel Ilio paLv//,o,doue il detto molto m'accare/./.ò per lettcrc,chc io teneua di fauorc,dcl 
Re dèFez &.' d un (uo frarello: QC IpclFo mi dimandaua della qualità del viuer, 8C d'i coliumi, che 
li teneua nella corte di Fez. 

Tt^rf Città, 
Ti 7 1 e N'iia gran città, no men nohilc,che forte 8C molto fertile fin: abbondantc,cdificata da gli 
antichi A fi icani vicina ad Atlante circa à cinqut miglia, &C difcoUa da circa a cinquàta,dairocea 
no cento trenta, A: dal mediterraneo non piu,che fette,paHando pel diicrtc di Garet verfo Cafa- 
fa. quella città fa circa cinqucmilia fLioclii : ma non è molto addorna di cale: eccetto, elici palazzi 
d'i nol■»ili,icollc^i, 8^ i tempi] i'ono latti di belliHìmi muri, d Atlante li parte vn piccol fiume, lU 
quale palla per la detta città , cx' per entro il tempio maggiore.ma il detto fiume è alle volte leua 
to dalla città da i montanaii,q uado elli difcordano co i cittadini.^: lo fanno pafTare per altre vie; 
in modo,clic alla citta paitorilcono gran dàno, perche non li può ne macinai e,nc hauer buona 
acaua da bere,fe nò certa torbida di cilterna,allc volte pacitìcandoli ve lo ritornano . è la detta cit 
tà la terza in grado,in dignita,ct umilmente in ciuilità.et hauui vn tempio,ch'c maggiore di quel p 
lo di Fez, con tre collegi di fcholari , &: molte liufe,&: holteric.le lue piaz/.c fono ordinate, come 
quelle di Fernet i Tuoi habitatori (ono valéti huoniini 5C liberali a comparationc di quelli di Fez; 
6C fono in lei molti huomini littcrati et da bene,&: (opra tutto ricchi.percioche i terreni alle volte 
rendono trentra per vno. d'intorno la città (ono certe valli rigate da vaghi 5C piaccuoli fìumiccl 
li, doue fono molti giardini, iq uali fanno frutti delicatilllmi èc in gran copia : v'c etiandio gran 
moltitudine di vitiiCiic producono \'Ul. bianclic.roirc à: ncgrc:dellc quali i giudci,chc cinquccc 
tocafc ne fono nella detta città, fanno perlettiirmii vini:à:diceli,che quelti iono d'i migliori, che 
li truouinoi tutte quelle regioni, e anchora nella detta città vna bella et gra rocca,douchabitaua 
il ii^ouernatore della città: dC i Ive moderni di Fez fogliono dar quella cotale citta al fecondo geni 
to. ma inuerOjChe ella douerebbc ellcrc la real fcdia per la falubrità dell'acre, che v'è coli il verno, 
come la Ratei Signori dcila cala di Marin vfauano di liarui tutta la Uate,li per la detta cagionc,et 
lì anchora per cui todire ài difèndere i loro p.ieli da gli Arabi del difcrto , quali vi végono ogni 
anno per Km nirli di vcttouaglie, &1 portano datteri da Segeimcic dàdogli a baratto per grani: i 
cittadini fanno tutti dinari di loro grani, che ellì vendono per buon prezzo a i detti Arabi; m 
modo che quella città e di gràdilliina bota per (c,àL per gli habitatori, v3C noa v'c altra incommo- 
dità,fenò,ch'al tòpo del verno e tutta ripiena di fango.io fui in quella cittd:wx' hibbi domeltichez 
za co vn certo vecchio,che apprctlo il volgo haucua fama di làuto. ti qual vecchio era a Hai riccho 
di fruttijdi terreni, (ideile otìertc, che li tannodal popolo della detta città, 6:^ ancho dal dopol di p 
l'ezjcli'anchora i ittadini di Fez vengono di lontano cinquanta miglia per vilitar il detto vec- 
chio.io fui vno di quelli,chc dubitauano in fatti di quello vecchio,innazi ch'io lo vedein,ina da 
poi ch'io lo vidi egli mi parue li com'uno degli altri:ma gli atti fono quelli,ch igfinano il volgo : 
fi nalmcntc la detta Tezi ha grandillimi contadi , cioè molti monti, ne quali habitano diucrli pò 
poli come qui di fotto defcnuercmo» 

Mato^Ufit Monte. 
Matgara monte è altilTimo & difficile da falirc.pcrciochcha fpeniini bofchi S«:^ calli.è vicino a 
Teza circa a cinque miglia.&:: nelle fuc cime fono buoni terreni, SC molti fonti, gli habi latori nò 
pagano grauezza, (^raccolgono grano, lino, & olio, hanno grande quatita d'animali ;mairi' 
Miamente di capre, fix^ elfi poco Itimano i Signori:di maniera,che in vna rotta,che diedero al cani 
podelRedihez,piefovnfuo capitano &^ menatolo (òpra il m5te,innàzi agliocchidd Re,vi- 
uo lo tagliarono in mille pezzi . per quella cagtoneil Re nò mai più fu loro aniico.ma colloro 
niente I apprezzano:^ fanno circaa lette mila combattendpcrciochc vi fono circa a cinquanta 
grol Fi calali. 

GaudtaMontc, 

Gauata monte nella difficultadell'afccdere e limile al fopradetto,difco(lo da Fez circaaquin 

dici miglia verfo ponente, ha buoni tcrrcni,coli nella fommita, come nella colla , ne quali nafcc 

gran quantità d'oi-zo et di lino.cllcndcli da Icuantc a ponente circa a otto m!gl!3,et per largh.cz-- 

su e circa a cinquc.fonui in lui molte valli dC bofchi^douc li truoua gran nuniao di liinie & di ico 

pardi. 



A pardi, 
nelpii 
lorfuf 
praog 

Me 
digrar 
noqus 
<:hi,pc 
sbaditi 
lei mila 

Bare 

clio&: 
aHa.gr 
nefonc 
hanno : 
diti.&:i 
S hanno {: 

Benii 
dalla dtt 
cotogne 
fono prc 
quecafal 

Gucb 

miglia, a 

foponen 

no,dCvct 

gràde,val 

lid'ivicir 

tiglihuoi 

miglia del 

gli altri tii 

madelmt 

C miglia an( 

fOCTedito 

chelRel'i 

popolo de 

ilo il detto 

Beni lei 

quale vip 

dibifogno; 

irczzandc 

«juifipuoj 

te altro nò j 

del detto m 

licheleuam 

l'anno tene 

filauorano. 

per moneta 

"ano molti 

"on iaglian 

peggio v€a 



;/o ricorre alla D 

r parete, 8C fu 

laieraccnoro 

apradctteco' 

Signorej8(: 

idihuore,dcl 

koltumi,che 



dificata da gli 
jaca,dairocca 
:t vcrfo Cafa- 
, clic i palazzi 
col fiume, lU 
»!le volte Icua 
per altre vie; 
hauer buona 
. è la detta cit 
gl'ore di quel , 
dinate, come 
quelli di Fez: 
cni alle volte 
uoli fìumiccl 
tiandio gran 
rliccinquccc 
migliori, che 
Duchabitaua 
fecondo geni 
coli il verno, 
ta cagione, et 
/cgono ogni 
3 per granili 
etti Arabi; in 
a incommo- 
lomclìiclicz 
aaflairiccho 
daldopol di p 
I detto vec- 
:delfi,inada 
no il volgo: 
o diuerli pò 



lli.è vicino a 
abitatori nò 
mali;nia(ri- 
cdcro al carn 
li del Re, vi' 
,ma coltoro 
a cinquanta 



circa a quin 

squali nafcc 

3€r larglìcs- 

mie&diico 

Riardi. 



. j ... ^. » 5 L t'A FR I C A 

Apardi.ghhabitatorifonotcfntoriditcl*. /Vh.^ • •- o.. ^5 

ndpianoperelTeredifobedier IRed/^^^^^^ 

lor rupcrbia & per fortezza del monte nuaTnn3^r,T "".^'l^T ^1'^'' "-'^"'^ ^'^""^ per la 
praogn.cofanecellanaalviuerhu.nan:?co^^^^^^^ 

diSt^:s^;^;:if;^!Si±;^'^^ 

noqualchequat.tadiliao.anon5-^^^^^^^^^ 

clM, perciocheiImonteèa/toS^freddo^n?;- P ''''''^''^^ 

jbàdiudaF^^&daTczahfnoalSfgtZ?^^^^^ 

fc.m.lacombartenti.cafahronoquaLtaX^^^^^^^^ 

^^^o^^^^S^^ ^^r-"- chabitatoda vn rie 

aila.grano,&vcgranquamitàdig,arI^^d 'v"'fd^^^^^^^^ 
nefonob.anclKàgrafle,&'rogl.ono ZnrnoZln?^ ^^^^^^^ 
hannoilmodo.glihuommiveramaeSS^^^ 

ditK&tnltocolui,chevfairecòlemoSo^^^^^^ 
B ha""o per cofa di poco momento. ' Perciochc ogni altraofteia a parangone di quciia 

BemGucrtenagemontcèaltofi^.^^f'"^?^^^""''* 
dallaattàdiTe.a?trS:r„t|"t^^^^^^^^ 

cotogne.fonoui molti animali, ecmto^c^uX^^^^^^^^ 

fono prodi & liberali, 8c veftono eof poht^n4c comc^^^^^^^^^ ^T''' ''''"'"''' S»' lubua.ori 

quecafah,.qualifannotrem.Iacomba'tt;mPvXofi^^^^^^^^ 

foponentecol mar Seni W."So^^^^ 

no.&vedeliIane.. alacima^de de omòfepl^^^^ 

pade,valete,etricchopopolo;ilqSemS^flt^nrK^ 
l'divicinimontiraunatifiinlìeSaccS^^ 

"glihuomini.&abbrucia onoTSl^^^^^^^ 
nj«gI;adeIdettomonteve^gcnSX.moSa^^^^^^^ 

gì. altntiranneggiauanoTL la /rb'^aS '^S^^^ , che tutti .niieme con 

i"adelmote,quiuiranta&:romita vùavtferLmfi n?^ ^^^""II'''!? ^^ *'^^'"^*= ^'^ «. 
Cm.gliaanchoravihabitano;iqualipereChJon^Wir^ 
scredito appreiro.lRcdiFez.a£S^^^^^ 

cheIReluiaua per mediatore in tSprdetaccrrS^r^^ ""? '^''"°' ^'^' ''"" "P""'^"^- 

popolodegli Arabi;aqualiemrimeSS^ 

itotldetto vccchioeramolto odiatodXcorta " 

RpniT<.rt" ' Seni lefleten» 

irezzandogli;maprima,chcveSSa?a^S^^^^^ '^•"P/d' detti giunchunlìemc in. 

qu.fipuoargomè^rqualehrbbiaSSwt^^^^^^^^^^^^ 
«altro nò nafce,chepLico,dicuinSoinT.Ì^^^^ 
de dettomontefonomoW^Siuu^^^^^^^^ 
•chelcuanorollo,a:diuidonlcinm?.fr^^'^o ^^^^^f^^^^ 

Janno tenendo ciò per cS^de^^ariEri ^^ «e feccano al foIe,&:coli le ferbano per tu«o 
fi'auorano,&fannS:;?ai;e^^^^^^^^^^^ 

Pcrmoneta,perciochepocoònulIad\r^cSm,n^^^^ 

-no l,da„ari,perS.ven7v^^^^^^^^^^ 

non laghano punto: lefemme Viano nnrr^ir^ ->,^iu YrJ — '7 "" "'»«<J>«"tijo certi pugnah,ma 

fcoìar 



4 



to. 




'•fi' 



i!;>!i 




T ER Z A PAR T E 

fcolarlcbcftic.qufuin5ècjuilità,nealcunochefappia Iettcre,&:fono,comeIc pecore, ndlequàh' D 
non e , né jrmdjcjo né intelletto . mi raccontò il cancellieri del Signore di D ubdù vna piaceuole 
nóS "o"<^J'a:nellaquale li còtienc la natura di coftoro. DiflTeniixhc'l Signore mar do nel detto mò 
te vn certo iao vicario li uomo di molto ingegno . ilquale inuaghitoli d una di quelle montana- 
re, non fapeua come recare a fine il fuo amorofo deliderio : percioche ella era maritata , ne mai il 
marito la lafciaua fola.auucnne,che vn giorno egli vidde,che amendue fene andauan al bofco co 
vna lor bellia per caricar legna. 6C come vi furono giunti, legò il manto la beltia a vn ramo d'al- 
bero : de quindi al quanto dilcolto l'uno & l'altro li diedt a tagliar legna: il buon vicario lor ten- 
ne dietro:^: come vidde quello, fubito nandoa l'albero : & slegò la detta beltia^Iaqualc di paffo 
in pafTo cercando l'herba li dilungo alquanto.come il marito vidde, che s'era tagliata quella qua 
Cita di legna, chegliparuebafteuole,andò per la beltia ,&lafciandoiui la moglie,chel'attcdelTc. 
cC non la trouando doue legata Thaueua l'andò buona pezza cercando prima che la trouan'e. in 
tanto meflcre il vicario,che itaua afcofo fra certe frafche afpettando quefto effetto, lì fcouerfc alla 
donna, dC (enza hauere molte contemioni la condufTe al fuo volere . 8C appena haucua fornito 
la caccia amorofa^che fopragiunfe il marito co la ritrouata beftia tutto rifcaldato per la (tracchez 
sa & foffiàdo.ma egli fé gli tolfe il preflo,che non lo vidde.caricò adunque il marito le legnaia: 

venédogli voglia di dormirei! corico all'ombra dVn albero allato alla mogliei&ifchcrzado co 
«flo lei come li fuol fare,gli venne l'una delle mani pofta fopra la polTcìrionc della moglie, laqua 
le trouando anchora molle fiC bagnata dille , moglie cotelb che vuole dire egli: perche fé tu qut 
bagnata rRifpofe la moglie cattiuella: io piangeua non ti veggendo ritornare,pcnfando, che la 
bdtia folle fmarrita:il che fentédo la mia lirocchia, anchora ella incominciò a lagrimare per pie- 
•tade,che me ne haueua.lo fciocco lo ii credè:&: difle,che la confortaffe , che non piangeife pm, 

Sdelgo Monte, 

Selelgo è vn monte tutto ripieno di bo(chi,iquali fono d'alberi altilfimi di pini. S>C (onm mol- 
ti gran tonti:nè gli habitatori hanno alcune cafe fatte di muro, ma tutte le lor cafe fono di lìuore 
di giunchi marmi: le quali agcuolmente lì polTono mutare di luogo a luogo . percioche fa loro 
dibifognodilafciareildetto monte al tempo del verno, &: habitare nel piano. Et come è fini- 
to il mefe di maggio,gli Arabi li partono dal difert o,aIl'hora elTi fanno inlieme due buoni vficij : 
l'uno e di fuggirgh Arabi, l'altro di trouarc i luoghi frefchialehe è vtile a loro & alle belhe; 
percioche hanno molte pecore di. capre. & gli Arabi venendo il verno ritornano al diferto;pcr- 
che iui è più caldo : Qi. i camelli non molto viuono ne luoghi freddi . nel detto monte fono molti 
leoni, leopardi, et fimiclequali a chi vede par di vedere vno eflcrcito di gente armata, in tanta co 
pia ve ne fono . Quiui é vn capo d'acqua grolfiffìmo, che efce con tanta furia,che io ho veduto 
gettar nella buca,donde nafcc l'acqua, vna pietra di pefo di cento libbre, QC la pietra veniua man 
data a dietro dalla velocita dell'acqua ; &: da quefto capo ha principio Subu:che e il maggior fin 
me di Mauritania, BemU^u monte, 

acni lafga monte e habitato da vn popolo riccho dC molto honcfto circa alla pulitezza del vi r 

uere ciuilca: e vicino al fopradetto mòte doue nafce il fiume,ilquale fra certe alte rupi palla vici- 
no,gli habitatori per palTar da vna parte all'altra v'hanno fàbricato vn ponte mirabile.in qudto 
modo,hano piantati duoi pali groUi di faldi da cadauna parte del fiume, dC fur ogni palo v'han- 
no attaccate certe girelle, 6C fanno paflare da vna banda all'altra certe groffe funi fatte di giunchi 
marini, le quali palfano per le dette girelle, dC fu le funi v'e attaccato vn fportone grande^grolfo, 
ce forte,doue agiatamente pofTono Itar dieci perfone ,dC come vno vuol pallare entra nel dettò 
fportone. dC comincia a tirare da due bade le funi attaccate allo fportone , dC le funi vanno facil- 
mèteperlegirelle,&:a quefto modo ilfportonepaflaall'altrabanda. vnafiatatrouandomi apaf 
far nel detto fportone mi fu detto , che già gran tempo vi volfero montare dentro più perfone 
chel non capeua, di per il fouerchio carico li sfondrò ii fportone, dC parte delle gcti caddero nel 
fiume, a: parte s attaccorno co le mani alle funi,lequali co gra feticha fi faluarono, ma quelle che 
caddero nel fiume non furono mai più vcdute.a me s'arriciarono i capegli quando ciò racconta 
to tni fu ; perche il ponte e pofto fra la cima di due mon«',di maniera , che tra l'altezza del ponte 
& l'acqua, vi fono cento cinquanta braccia di dill-nza: dC l'huomo.che è apprelTo il fiume, a chi 
e fopra il ponte, pare lungo vna fpanna. hanno gli habitatori gran numero di bcftiami, perche 
nel monte non fono molti bofchi;et la lor lana ctìnifrima:&: le lor donne ne fanno panni,che pa 
lon di feta,&: di quefti coltre dC i loro habiti.lc quai coltre fi vendono in bez tre, quattro.^: dieci 
ducati runa.cauano anchora dal monte affai olio.ma fono fottopolti al Re di Fez ; dC l'entrata è 



leoni. 

Leopardi 

binile. 



Ponte mi' 
ubile. 



filli 






Azgan 



A 

} 
Sof 
le pi 
quai 
cliei 
che e 
fcein 
li<ù 
>v :«l 

tida V 

5of 

dici m 

ni fra I 

tà circ; 

magre 

B chi:nK 

no lo c< 

pel qua 

tempio 

Rcjche 

Mcz, 
vcr/ò pc 
lequaiil 
terra poi 
fono lon 
na per oi 
ho (chi vi 
fono noe 
quallìvo 

BeniB 

daFezcir 
C prailmoi 
lo delle de 
bitatori (o 
!c(tati&:a^i 

HamL 

pa'*To,pcrc 

chcdicclijC 

quale n ridi 

liaueuano i 

foglimand 

quella nott< 

nafccuan in 

na fontana, 

alcun vefh'g 

f he tutti quÉ 

, Mahdiac 
ediTcoftadall 
"1 quelli moi 



corc.neHequàh'D 
i vna pfaceuole 
io nel detto mò 
nelle montana- 
ritata,nemaiil 
luanaibofcocò 
a vnramod'aU 
vicario lor ten^ 
aqualcdi paiTo 
liata quella qua 
,cherattcdelTe. 
iclatrouan'e.in 
>, li fcouerfe alia 
haucua fornito 
perlaftracchez 
rito le legna-à: 
ifchcrzado co 
moglie, laq uà 
)crchefetuqia 
cnfando, chela 
rimare per pic' 
)iangeirepiu, 

.&^fonuimo!' 
: fono di iìuore 
:rcioche fa loro 
5tcome è fìn^ 
Jc buoni vHcij: 
&: alle belhe: 
iaIdiferto;per^ 
inte fono molti 
aia, in tanta co 
e io ho veduto 
ra veniua man 
il maggior fili 

•ulitczzadclvi r 
rupi palla vici- 
ìbile.inqudto 
ni palo v'haii- 
atte di giunchi 
^randegrolFo, 
rntra nel detto 
li vanno kaU 
iandomi a paf 
opiuperfone 
ti caddero nel 
ma quelle che 
3 ciò racconta 
zza del ponte 
iliìumc,achi 
Itiami, perche 
ipanni,chepa 
iattro,<3£: dieci 
; di: l'entrata è 
f ... 

Azgan 



» E t L'A F R I e A 



s<i 



Azjran monte confina con ^pM^^ •'ll^^''"''^""^''* . * 

B chi : ma vcltono male A: icmn. ^ , l V ' ""^P° ' ^ orzo . Gli habinrnn r.„I i ^"'^^^^ 
pel quale pannivi! ^rannnnrls. "»-rea re/, sscìk cittanonvcaltinHiN,>ru i "°'^" 

naperorzo,Iino,&:canaDrAtr "^"-^^ 

c]ualiivogI,aarma/uggonodalE//^'''''^"'i'^^^^^'q«^ndoihuomovaloroXom^^^^ 
BeniBahfuiavmnirr^r. • < .r ^^"'BahluL 

nafceuan in detto foa rS^ ^! Proh bito d apprelTarn al marito oer f^^r?J,A' "" "'." P''*^^^"^^ vn i„ro Ta- 

na fontanrifnua& fin ^^ ' 

^IcunvdhgoTe™ 
chetuttu,u^etcircoS'*rS"'*^P"'"^fevnIaghctto&n^^ 




, - f I . . ' no I tran- 



7 ■&—"«. niuciiie. i^afo 

Cile tutti quei circoiti fono paludi 

iwuirczj nudapoi cheentrciil 

popolo 




■I ; I 





t 


% 




f| : 


' '. 


1 '^^ 



-1 



Tauolcfot 
(ili (li pìe- 
UAocia. 



Pella^ffó- 
dita di ijuc 
Ho pozzo, 
peonie al 
cuniconlc 
funi vi dea 
latono in 
filo. 



Pabah'ani 
male. 



TERZA PARTE 

popolo di LQtuna co il Re Giiifeppeja detta città fu faccheggiata, SC roufnata:ne altro vi rimafe, D 
che vn tempio aliai bello QC quàto era delle fue mura.pilche gli habitatori del mòte diuénero vili 
8C Soggetti del RediFcz.à: quello fu ne gli anni,5i5. di Lhcgira, 

SahblA AUrgd,chefìgmjìiii il puma ddprodo. 

Sabbici Marga,è vn piano largo circa a trenta miglÌ3,&: lungo circa a quarata fra i monti,chc 
fono parte di A tlante;ct ne detti monti fono molti bofchi d'alberi altiintni,ne iquali dentro le lor 
capanne luna dilcoHa dall'altra babitano molti carbonari:hanno quclh molte fornaci di carboni 
de iquai fc ne polìbno caricar ceco fome.moltidi quclli,che danno ne bofchi comperano di quc 
iii carboni,8i:^ gli riuendono in Fez.fono in detti bofchi molti leoni,liquali non rade volte man- 
giano qualche vno di quefti carbonari;dal mòte fi portano a Fez molti-belli traui,ct tauole di di- 
uerfc forti.ma il piano è tutto afpro,'&^ pieno di certe pietre negre dC fottili a modo di piana taua 
la:ne alcuna cofa vi nafcc, 

^:^^iiri Cammaren piiino, 

Azgari Cammarcn è vn'altro piano cinto da bofcholi monti.&T e come vn prato,nrl quale f| 
tutto l'anno li truoua l'herba,percio molti pallori vi li conducono la Hate con le loro pccore,ma 
tutto lo cingono d'alti liepi,& fanno gran guardia la notte per tema d'i leoni. 

Cmtopo^^monte, 

Ccntopozzì è qucfto monte fra glialtri altillìmo: ÒC nella fua cima fono certi edifici antichi: 
apprcflb iquali è vn pozzo profondo tanto,che niuno vi può vedere il fondo . onde i pazzi da i £ 
thefori vi fanno fpelfe volte co lefuni calar giù de glihuomini, iquali portano vn lume in ma- 
no; &f dicono, che quel pozzo e fatto in molti folai:6<^ nell'ultimo truouano vna gran piazza ca 
uata p fòrza di ferro;la quale e d'intorno murata , QC ne muri fono quattro buchi baffi èC diritti , 
iquali conducano in certe altre piccole piazze,douc fono alcuni pozzi d'acqua viua.& molti 
huomini ii\ detto pozzo rimangono mortiipercioche alle volte li muoue vn tcrribililfimo ven 
tOjilquale fptgne foro il lume:di manierajche non fapendo effi trouar la ftrada di ritornar al difo 
pra,la giù li muoiono di fame ♦ Raccontommi vn nobile di Fez, ilquale era poucro òC dilctta-- 
li di queftafciocchez-ajchevn giorno s'accordarono dieci compagni inficme di cercare la lor 
ventura nel fondo di quelto pozzo .•£<[ come furono peruenuti all'entrata, fcielléro per forte 
tre diloro,chevidoucHcroandare,tiaqualitocc6a quello mio amico, furon adunque calati 
con lefuni Sfconlantcrneaccefcinmano al modo fopradctto.&f poi, chei tre peruennero ai 
quattro buchi, fi rifolicro d'andare Ivno diuifo dall'altro : ma come l'vno li fparti , glialffi due, 
vn de quali era il mio amico, s'imitarono infieme ♦ Ne haueuano appena camminato vn quar 
to di miglio, che incontrarono molti pipiftrelliò vogliamo dir nottole, iquali volauano diii' 
torno alle lanterne, &^ tanto pcrcoterono con l'ali , che ve ne fpenfcro vna . 1 due feguitando 
pure il loro cammino , trouarono i pozzi dell'acqua viua , & d'intorno viddero biancheggiar 
molte offa bianche d'huomini morti , OC cinque ò ki lanterne , qual molto vecchia,8i qual nuo 
va . Ma quiui non vedendo in quei pozzi altro , che acqua , tornarono a dietro : né erano an- f 
chora à mezzo cammino , che la forza d'vn vento , che d'improuifo nacque , efiinfe l'altra laiv 
terna : di maniera , che pofcia che furono andati alquanto fpatio (cnza vederui errando dC bran 
colando per quelle tenebre, non fapendo trouar la via d'vfcir fuori, al fine fianchi & difperati 
lì gettarono a terra piangeado , OC porgendo voti a Dio , SC promettendo , fé di quindi vfciua^ 
no viui , di mai più tornare ■ . quegli , che afpettauano di fopra , vcggendo che doppo molte ho 
re nelTun di quelli tornaua , dubitarono di qualche inganno . laonde cinque di loro con buone 
lanterne in mano , 6<:con focili li calarono giù : & mentre camminauano per quei luoghi, fcm' 
pre gridando, &: chiamando i loro compagni, finalmente trouaronoidue,iqualiflauano nel' 
la forma , che se detta : ma il terzo non poterono elfi vedere doue fi folle . perilche fenza lui ri' 
tornarono di fopra » Colui s'era fmarrito , come fecero prima i due : ne fapendo doue s'anda^ 
re , fcnti abbaiare , come di due piccoli cagnuoli : dC là f accendolì , donde a lui pareua che vcnif^ 
fc il grido , vidde quattro animaletti , che moftrauano eflere di poco fpatio nafciuti , OC cofi f tan 
dò (oprauennela madre, chehaueuafomiglianzadilupa» Àlamaggiore , &è vn'aniniale, 
che fa ifuoi figliuoli nelle ;;rotteò in qualche buca, laquale è detta Dabah, 11 pouero huomo 
flette fofpefo temendo non quella bellia alcun difpiaccr gli facefle . ma ella accarezzato alquan^ 
to con la lingua i fuoi figliuolini , s'auiò per dipartirli,&: quelli animaletti palTo palTo la fcguita^ 
Uijno . ilche lomigliantemente fece collui tanto , che per quelle orme fi trouò all'vfcita del poz- 
zo a piedi del monte. & fé alcun mi dimandafle come elio vcdeflelumcjrifpondo che il molto 
fpatio, ch'egli flette nella b gliene refe pure vn poco, come aqueiii auuiene, che Uanao al' 

quanto 



tanto 

leoni. 1 
cclio.E 
cliie,8£ 
tana, ili 
incdif 
Bcniel 
leopardi 

Tez 

ceIlo,il( 
mente 1 
nepocc 
a certi ^ 

B Vme 

circa a di 
^renioK 
non tem 
fenepaf 
da molti. 

Benil 

cura il ire 
molfitudi 
feruefil'li 
llannolìn 
non paga 
&beniffii 

Mefctf 
confina da 
manondii 
C bili,&:abb 
monte nor 
livendonc 
pocaimpo 

Zizmoi 

tcincomim 

chora col ir 

fctaSegelm 

per lunghe: 

tuttifreddi,. 

chiamata Z 

neue,iIfuoA 

^'e gambe e 

portano in t 

no pochi bo 

«ticconglii 

<anoinIo70] 

cofa, quali in 

•che die te ne 



altro vi rimafc, D 
e diuénero vili 



fraimontijche 
di dentro le lor 
naci di carboni 
ipeiano di quc 
ide volte man' 
.cttauoledidi- 
di piana taua 



uo,nfI quale g 
oro pccore,nia 



:difici antichi: 
idei pazzi dai j 
n lume in ma- 
iTran piazza ca 
oalTiSt: diritti, 
viua»& molti 
libiliirimo ven 
ritornar al difo 
Licro&^diletta-- 
i cercare la lor 
:Héro per forte 
adunque calati 
peruennero ai 
ti,^lialtri due, 
ninatovnquar 
.'olauano din- 
lue feguitando 
) biancheggiar 
iia,8<Iqualnuo 
D:nèeranoan^ p 
infe l'altra lan- 
rrando dC bran 
:hi de difperati 
quindi vfciua- 
oppo molte ho 
3ro con buone 
ei luoghi, Tem- 
ili ftauano nel- 
le fenza lui ri- 
3 doue s'anda- 
reua che vcnif- 
iti.6L'cofi itan 
^è vn'animale, 
ouero huomo 
zzato alquan- 
aflb la feguita- 
/fcita del poz- 
o che li molto 
che Uaniio ai- 
quanto 



'^Eti,' AFRICA 

A qiranto ne luoghi ofcw/. fiora in DrorpfToH., . ^' 

iantovicauarono,cherererovguEtmenó!^°^ ^'^^^^^^ 

Qaeftomontcèvicinoa/Zfi^''^^"^''^"'^''''"'''*^""^^^^^^ 

Ieoninev,ci„a,n:S^:t'^^^^^^^^^ 

Ccllo.EtlerupidiqudbmonteSnSn^ „^^^^'*''*'"^'"to. Diquiuicorrevntìnm? 

chie,a.diCo?uiidiqurd"Lt°£^^^^^^^ 

tana;ilquale tanta ncue ne manda rhp rnrj I ^^'°"'**"'^'^"to monte il vento di iramon 

^cdiTopravilionarratoraS^^^^^^ 

P'^"'^?^«P<;rIefuefrcfcheacque,à:Derleom£ u 

leopardi terribili» ^ '^"''°"'^'^'^8''^f^><^h"'fonoanchorchevilianoleo,S!^S 

celbSl'pa^^^^^^ ,„ P„„.^ 

rientebrutte,nevcciuilit^,LcoSmener^^^^^^^ 

ne poco rpatio,doue nafce qualche poco dw'^^^ '/l^^^-'' terreno,che e fra ledette vaUi L 

accrtiArabMppdlatiDet^lCliS °'^''"^^^^P^'^^'^°'8"^^ 

B Vmen Giunaibe è vna dtd anf ,v, i, ^'^'ff «'"'*'*^' 
c/rcaadod.cimigIia.apprefro vn^^^^^^^^ difcoftadalfa fopraderta ^"P-aino 

^re niole/ìato da gli Arabi- DerciochpTvn^ ^ """"^ ^^'^^^^ ^» '"^^^o giorno.il nano è f/m "= °«'^' "=«- 

feruehlhuomo folamcntedi certe W^SÌP''^°"'^" ^*^"^a briglie. Se /enza bafìi?- 
IbnnoIìnelIecapannedifLóSp f?r±S^^^^ 

nonpaganoalcunagrauezza^KFefn^^^^^^^^^^^ '''°'' «ualli, ^ImS 

&beniffimoiidifendono» ""''''^'^^P"^^^^'''"^»^^ è forte, Regimo fono moìS ricche 

McfetraizamrtM^-j i ^^lctta>tt morite^ 

Cb.h,a:abbondanodicaualIi,&:muli.dÌQSinrf,,o^^^^^ 
n.ontcnon pochi,chefcriuónoper Snte on^^^ 
l»vendonoaFez.nonpaganoaJReara^c^^^^^^^ 
pocaimportanza» ^ ^ " "^"Srauczzadtforteniunxfuori^chealcunocotale pre/entedi 

fhoracolmonteDedis.diverfomczzf^'^^^^^^ 

fetaiegeImefe:&daIlaparteTtrTSn^v.?rT'''''^°^^^^^ 
perlunghezzadrcaacentominirc?^!. [°''P''"°^ 

2'fredd^afperi,da'quSfefSS?Sfr^^ T'^T ' ^^°- Mu/ncJl^i rn"on 
dnamata Zanaga,che fono cotali huoSteSlT^ l a^'"" f ' ^"^ Seneratione di genti 

i.eue,lfuovcftireévnatonicadi anXraS^^^ 
^cgambecerteftraccemuolte,^ ag^^^^^^^^^ 

portanomtutteleftagioni:hannomorpSiZ 

no pochi bofchi.ma fono i più ladri & traKf^n^ T'?x "^'"'•P^''^'^^ "^ ' 'or monti fi truoua. 

«"econgIiArab,-,fi^la„otteghru£^^^ 

*'^' h alcuno 



'(■' -i 



!: ,-il! 



«1 ^ è ,1 
p! " ;l 

SI'; '« 




Serpi do- 
mdtiche^ 



:3 

• # > 



:' * 




't i ' 



Ì:14 




TERZA PARTE 

alcuno vuoln\angiare,ainioratuttclefcrpi,chcfononellafuacafa,gliftannod'intorno,8?nian iv 
j^iano domciticamcntc tutte le frullc di panc,o d'altro cibo.clic vcnj^ono lor datene ciTe mai fon- 
no difpiaccre ad alcuno,(c prima non l'hanno da colui riccuuto.liabitano qucfte canaglie in ccr 
te cale murate di pali coperti di creta, & i colmi hanno il coprimento di paglia, é vnaltra parte di 
detti montanari.iquali poflcggono maggior copia di bdtic,a: habitano in certe capannettc co^ 

pertc di tuorc, vanno alle volte a Segel.ne<e,ch'èvnaparte,comeliabhiamo detto di Numidia 
portando con elio loro Iana,&: butiro. ma non vi vanno, fc non ne tempi, che gli Arabi lono né 

diferti. quantunque le più volte elfi gli aflaltanocongroirecaualcate,S<:glivccidono,&:tol- 

gono le loro robe.ma nondimeno quclti montanari iono valenti,3^ animoli,S<: quando combat 

iono,non li vogliono mai render vmtlearme di cialcun di loro fono tre o quattro partigtanclle 

Icquali mai non lanciano in fallo, &: quando n'ammazzano l'huomo,6>: quando il cauallo • pai 

Cloche combattono a picde.nc mai fono fuperati , lenon quando auuicnc , che habbino a fronte 

vnagranmoltitudincdicaualli:portanoetiandiofpada,&:pugnale.atcmpinoari(oplionoquc 
fti montanari prender da gli Arabi falui condotti , dC coli quelli da quelti:onde poi trattano le L 
J-o faccende fecuramcnte.limih falui condotti elfi danno alle carouanc d'i mcrcatantiiquali paca. 

no a ciaicun popolo d'i detti monti vnafcparatagabell3;altramcntefarianofaccheggiati; 

Gerjeltim Città. 
Gerfclirin è vna città antica edificata da gli Africani fotto a piedi d'alcuni d'i fopradetti monti 

appreiio 11 humc di Zifi.habeflc&: torti mura:lequali fecero fabbricarci Re della cafa di Abnti H 
la detta citta di fuori all'occhio pare vna cofabelliffima, ma di dentro e difforme oltraniodo Ju 
trilte,6^ poche cafc,S^ pochilfimi habitatori:mercè de gli Arabi,iquali clìbndo mancata la cafa di 
Mann occuparono queUadtta,c<: male trattarono il Tuo popolo, ne di lei fi può trahere entrata 
niuna:perciochc cialcuno èpouerinrmio,& poco terreno ha da fem ina re, perche trattano la Dar- 
le di tramotana,tuttc le fue parti fono afpreA' parofe. ma fopra le riue del fiume fono moltinm 
lincee infiniti giardini d vua,,& di perfichclequali tlTi fogliono feccare, QC ferbanle per tutto hn 
no,maUmumente le pcrliche.dellcquali accompagnandoli con altri cibi ne fanno certi maneia. 
ri,a:^di loro a pafcono.hanno pochilfima quantità d'animali:onde viuono in gran milèria • oc» 
Cloche queita citta fu fabbricata dal popolo di Zeneta,aguifa d'vna fortezza , non per altro die 
per tenere il pa!lo,pcr cui fi va a Numidia. dubitando che per quello il popolo di Luntuna non 
jntraHcqual nondimeno per altra via vi venne, & laT0uinò,6<: «fasfeccquiui etiadio,ò gra quan- 
tua di fcrpidomefhche,&:piaceuoli,come le dette di fopra. . 'b m ' 

DELLA DESCRITTIONE BELL'AFRICA 

P t: R ti I O V A N H O N I A F R I e A N O. 

av ART A PARTE 

Telen[ìn„ , 

L Regno di Telcnfìn dalla parte d'occidente termfna nel fiume Zha , &: in quelfa 
da M uluia: d oriente nel fiume maggiore:da mezzo giorno nel diTerto di Numi. 
dia,&: da Settcmrionenel mare mediterraneo, quefto Regno latinamente è detto 
^,™'^ ^" §?^ „ ^o*"^'!' fignoreggiato.ma doppo^ chei Romani leuaronoil 

-_ pie d Africa,effo alle mani d i fuoi antichi Signori ritornó.iquali furono Beni Hab 

dulguad,vnaftirpe del popolo di Magraua.cofforo tennero la Signoria trecento anni inlìno 
che VI regno vn gran Principe,!! cui nomefuGhamrazenfigliuob ài Zeiien,&: ilregno riniafe 
nel ligtiaggio di colf ui:in tanto,die queftì Signori mutarono il cognome della cafata ? &: fijrono 
dipoi chiamati beni Zeiicn,doe figliuoli di Zciien,chc fu figliuolo di Ghamrazen:durò il domi. 
nio in q uelto vliimo lignaggio 3So.anni,ma fu egb molto moleftato da i Re di Fez,cioc da quelli 
della cafa di Marin.percioche,come dicono le hiltorie , circa adieci Re di detta cafa col valor de!- 
1 armi acquiltarono quefto regno,ct d'i Re della cafa di Zeiien,a que' tempi quale fu vccifo,quaIt 
menato incattiui.a. quale fi fuggi al diferto da loro vicini Arabi, etiandio altre volte turcv 
nokacciati daiRcdiTunis, nondimeno fempre quella famiglia ritornò al dominio;»: Zelo 
^ -> i . — ,„^^,„„^„,^,f4. «w"«»'tiS''*"^**'"^**'iOijram€fo; eccetto cik 




AdaAl 

tarioi 

céfoo 

io,&:< 

per tal 

nella V 

limi tri 

uareif 

dia:si'ai 

(0 della 

mercat 

poni fu 

ra,cl]ci 

leerafh 

nouoK 

di vita ;( 

la Mad 

delRcg 

B grande e 

gucdicc 

attdepai 

certo trit 

lcllodett( 

attico! di 

cofeuore 

fono pad 

piani vicii 

Tdenlin» 

no affai m 

ma tutti ff 

fcrtili,coni 

Ilprinci 
quale non 
fa.ghczza 
maviflàdi 
C &i mercat; 
fci'iCliefono 
molti parto 
lmomini,qi 

Temzeg 
fodagliAfi 
molto fòrte] 
ftradiFez.d 
icrreno.doui 
finjfu aliai cii 
a'trononvit 
menu dellid« 



«I 



daAbu 



feWcvnca 
fmo.v'è d'ini 
mente fu bene 

mafepqualch 
direligiofì.A:] 

graa'ofamente 



^ 



Worno,8eman^ 5, 
NneelTeiTiaifan-. 
e canaglie m ccr- 
:vn'al[rapancdi 
ccapannettcco- 
ttodiNumidia, 
Il Arabi lono ne 
'cadono, Se tol- 
quando combat 
ro partigtanclle, 
3 il causilo: pei,- 
labbino a fronte 
Itrifbglionoque 
oi trattano le lo- 
mti:iqual«paga# 
lieggiati, 

bpradetti monti 
lacafadi Mann % 

oitraniodo.lia 
nancatalacafjdi 

traherc entrati 
z trattano la par- 
:fono molti ma 
nlc per tutto Jan 
10 certi mangia- 
an mi fé ria : pcrj 
on per altro, die 
iLuntuna,noa 
idiOjègraquan- 



FRICA 



ha, &: in quello 
ifertodiNumiv 
fiamcnteèdetto 
nanileuaronotl 
ronoBeniHab 
o annijiniino, 
if regno rimaft 
ifata,6(f furono 
n:duròildonii' 
rz,cioc da quelli 
fa col valor dei- 
fu vccifo,quaI« 
Itre volte furot» 
>minio:3i^ielo 
ro: eccetto che 
daAbu 



» E t r A 



FRI 



pcrtalecagioncnonS/? "^™ '^' '*'^"' d' Num.^^^^^ 

neliavian^apartedelSd&r^^^^ 

limitributi,a^prcfenti^ì^^nA *'^'*^°""°"0' ^<efi fonosforza ìH, r? . '^ 

«areipafniicuSS,cnofn7''«"°^°^'^'^'^"^"«'^a^r^^^^^^ 

dia.sianchora perche eS^?. Ì" ' «/'" ""^^^o ^i mercatante "ìtÌ V^'''' '' P"« ^ ''uo 

.odelJacittadiKam'.^S^^^^^^^ 

mercatanti Gcnoudi &: vlm ^^^•■^^[i^'cabir.iquali foleuano efì^r fr. f - l ^°'"-'^ P°'' 

porti furono d.pSnH^'?''^?"'^ ^'^^"^no gVandi t^^^^^^^ 
lecrafiarorenutoor^r. 'J"^^^^^^^^^^ 







iflc 



•Struzzi co. 
ioli. 



fono pac/i fccrli &- !f, '^ " Ì?" '""''^ "cdc nella Stantia t„ ■"'" ' ''lu^'cpo- 
l' principio diquefJoRcpnnr^ it ^'%'^<ìdiferto* 
huomm,,qi,andopoirono» ^ ''^2"'^^°8''=»" quantità deilel or pecore, ^anchcdegS 

èrafi«À~ ^""" ""onorari Cui ke di Teléfin H'H^^i.- a {'"Z:: .'^"'- ^-'t^noa guifa 

^*^* hi) balle 









I 




_ 



liriii 



av ARTA PARTE 

bafTcS^ enfici muri hanno di crcta,&: i coprimcnti di paglia.apprcfTo il caftclb pafTa vn capo di 
acq iia,dclkuiuale ne adacquano i loro tcrrcni.pcrciochc quclto pacfc e tanto caldo , che Te non li 
adacqua(Ic,non vi potrebbe nafcerc frutto alcuno. 

Gud«;tda Città. 
Guacida e vna città antica edificata da gh Africani in vna pianura molto larga , difcofta dj 
marcMcditcrrancocircaquarantamigliavcrfomczzogiorno, &:daTclcr(inquali altr r 
co . da mezzo giorno, dC da ponente confina col difetto di A ngad:ac tutti i fuoi terreni fonc -b- 
bondantinimi;&: d intorno la citta v'iia molti giardini,maiìlmamente dVua,&: di fichi, per la cit 
ta palla di dentro vn capo dacqua.dcllaqualc gli habitatori li fcruono.ec per bere A' pei ultrc co 
fc "ccc(rarie.le fuc mura furono molto fortiA alte,5^ coli furono Iccafc, &: le botteghe fatte con 
bcNa forte dedihcio.gli habitatori ricchi,ciuili,& valcnti:ma nelle guerre, che fi'gu.rono trai Re 
t^^'? ' ^^^ ^' ^'■''?*'"' P^' ''^"«^'■'' ^"^ ^cco{ìm;i a i lie di Tclenlin.tu queUa città faccheema- 
taA diUrutta. ma acchetate le guerre, sìncominciò ad habitarcA molte cafe vi furon rifatte ma 
muero non ritorno al primiero elTercne vi fono bora più che mille cinquecento cafe habitatc2C 
gh habitatori fono poucri:fi come quelli,che pagano tributo al Re di Tclcnfin,et a gli Arabi lor 
vicini nel diierto di Angudiquali vanno vclfitiu modo di contadini con panni yroir» 6,:corti 
vfano d alleuar molti bclli.& grandi alini.di cui ne nafcono belli , dC gran muli : luuali vendono* 
percaioprc==oin I clcnhn. la lingua loro é Africana antica A pochi fono,chefappino parlare 
1 Arabico corrotto ali vian=a d'i cittadini. ^^ F'^nurt 

NiiìlìomaCittà. 
.. 1^1 aT"" ""' ^" ^"t'«"^«^"fc «^d'fi^^ta da Romani,quado cfTl fignorcg^farono quella par 
c,^ la edificarono con largo circuito iix vna pianura vicina al monte circa a\iuc mi- rlia & diico- 
Ztl T^ ^Y''TTa '"■" ?^°'^,'^''^ dapprcilo alla detta città paila v„ fi^n^ non molto 
g. ade dicono li noi hi h.itorici,chc i Romani la fabricarono in quel ! .io.rv olia mcdci.ma forma 
come lta,e^ li vedekoma 6.: per tal cagione fu cofi detta: percioche NcJ nella lingua Africana* 

rifuonaquantolimilisiicllaLatina.Lemurafonointere,malecafefuronU,sB'to,Cx'horaritor' 
nate in pie con brutta fabbrica, fono dintorno aleialcunc poche reliquie di Romani edifici la 
campagna della detta citta e abbondantiflima,&: d'intorno fono molti giardini ,& terreai.neqi.a 

Carobbc Iiluruouagranquantitadiqueglialberi, chefannoIecarobbc.delqualefruttocoanellac ttà co! 
cop.orc. me nel contado sVfl. mangiar molta copia:8^ di quei fé cauano aliai mele,che poi in alcuni lo' ci 

Z^AV^'^T^ X ""1 ''''^'^' P°"' "".'"^ '^' ciuilcperciochc vi fono molti art.giani:fpetialmcn 

ftoronpoflonochiamarquaiiiberi:concioliachehauendoinlorfauoreivicinimòtanari,ilRé 
non può trarre dalia citta vtile a!cuno:8^ mandandou, gouernatori,colìoro fé a loro p-acc oio 
gli accettano:fe non piacciono :gli rimandano a dietro.pure per ficurtà di potere introdurre le b 

romcrcatantieinielcnlin/oglionoallcvoltemandarealRequakhepiccoloprcfentcr 

Tebccrit Città, ~. 

difcof ia da Ned Roma circa a dodici miglia;^^ vicin^ lei fono monti alti,&: afperi,ma molto ha 
bitati.gl. habitatori della detta città fono tutti tcfTltori di tele,8^ lianno molti poderi di caTobbe et 
mele in quatita.c vero che hanno in continoua paura di elTere di notte ailàltatida ChriftianiDcr' 
CIÒ Viano di tenerui notturne & diligenti guardie; perche per la pouertà loro non hanno facultà 
di far (oldatu terreni che s egli accoltano,fono non meno afperi,che magri, onde non vi nafcc I 

trograno,chequakhepocod'orzo,&:dipanico.ghhabitatorivannoconhabititrilii,&:nonfa 
no ciuilijma geme grolla. »m"u,»^uuuiu 

, Httmin Città, 

HunainevnacittàpiccoIa,&annca.edificata dagli Africani.èa{raigentilc,afaddornadiciuiH 

ta.&havnpiccoloportofattofortedaduetorri,cheftannodaciafcuSlato.queftaScS^^^ 

«ncmecmtad.ort.,6^altemura:mafrimamentedalIaparte,cherifpondeyerfoamr,eg^^^^^^ 
de Venetian. loghono ogm annovenireal portodella detta città, &:fenno molto gudfgnó 

conhmercatannd.TeIenlin:perc.ocheèd.fcofladaTelcnfmnonpiu,chcquaitord.?S 
m modo, che quando Gran fu prefo da Chrifliani,» Veniuani più nSn'vfarono d'and rcXn 

pertruouarequellacittar.pienadifoldatiSpagnuoli:&:imercatantidiTdehfin;fec^^^^^^^^^ 

babag.ooteIe,ar.ecafefonobellifr,me,S.:addornate,8(:cadaunahavnpozzoda(^q^^^^^^^^^^^^ 
dolce,etn€Uacori€aanoviufetteipergolc.lelorcafefonofale^PÌated.m.rron.>'J^^^^^^ 

tetti 



A retti 

ran 

daic 

dog 

tiini 

glira 

pcrn 

fa cai; 

qual: 

forni' 

oro,(i 

Ha 

rcmec 

dcldet 

tana, Si 

per eie 

ne dipc 

B taprefi 

nata coi 

fogno e 

gimolo 

ecdiM: 

Lhcgira 




ampliò I 

fuochi. 6 

•'quale fèi 

piccola tei 

reffia , fi [ 

fua,quan( 

deità: a: e 

^ no. Ilqua 

lo conobb 

chiamare I 

era difpolii 

fivitupcrol 

falTc.-ilche 

iftefTa matti' 

pò da vno < 

animo di qu 

fuo Re vfci 

«te, che veci 

« ancho pai 

Colila carefi 

«fentiuadeh 

anniAbuIhe 

lenfindrcaai 

per trenta tn 

cafiioncfàbb 

". Centrò p< 

gioncalRed 



ipafTavncapodl D 
Ido, che fé non li 

rga,difcofta<U 
1 quali altr . 
terreni font- L.- 
dilichi. pcrlacit 
cA' peraltro co 
)ttcG;he fatte con 
I iurono tra i Re 
città (acche^j»ia- 
turon rifatte: ma 
• cafehabitatc:3c 
tagli Arabi loi- 
groin, Scorti, 
ic] Itali vendono 
fappino parlare 

rono quella par 
mrglia,&:dilco- 
ime non molto 
icdciiiTia forma, 
ngua Africana, 
',à'horari[or> 
^mani edifìci, la 
'fC terreni,neqiia 
i|ìneIlacittà,co^ 
ila alcuni lor ci 
;iani;fpetialmcn 
quelpaefc.co# 
mòtanari,ilRe 
oro piacciono, 
introdurre le lo 
refente. 



1 
pravnofcogl/o 
n,ma molto ha 
ridicarobbe,et 
Chrifliani:pcr> 
i hanno facultà 
inpnvinafccal 
triiIii)&:nonfQ 

ddornadiciuili 
ftacittàèfimil' 
il mare, le galee 
olto guadagno 
tordici miglia: 
andare a Óra» 
fecero, loro in-' 
luttilauorauan 
acqua viua,fi^ 

tetti 



A rett/denecamcrcar/miir/m»;.- nV^^^^^^^ 

rantuttiabbandonoronN«,/-i .''^^''^''"atidimura/.i,,- „,^ , ' 

darevncafiellanrnX^S&con'^l 

do gmnge qualche naue di merca^anrL w''"^'''" ^"^ 

ti/nquantua^comecineg^S 'h n^^'"''^''*^^^-"'^^ 
Rl.raccoglu,&rono/:.p^:*;;"^°'^^^^^^^^^^^^ 

pcrmacinareigraniiom{r,n^ '^'''* ^'<^'"o al/a terra rln.-^r.''^''^^"^^» cechi 

racalamita,neII?5S^P^^;";^P^^ 

qual andò per ha ter la drr,ml^' ''«^""".^ n.i trouauo con vn ffX ^"'('"'"'''^^^"''dcrando 
/irnìTeleiSinpe^dn^^^^^^^^ 

oro/econdoch^edettoUrio'iil.tS^^^^^ 
Harcfgoifu vnacitta grande &'anr,v.'^'c^'°^^''''^- 

«na,&:fu/nIeSo;ro7^^^^^^^^^^^^^^^^^ 

per elettione delfuo tfopdo .V ^ 'T?'J'' ^''^'^^^ delpadre dTo° S^'>''''r*^''^^''3m5 

ne dipoi vnllcQcoomeRrrfuT^'' '^ Signoria nella faminl?. 3 n '''"'^^'^'^^^ditìcoPcz 

B raprefro acento^SKrptSrir"'';'''^^ 
nata con J efTerc/to di MaX3 , P° ^" ''''^^'"« da ale Jnc icm "; ''""'^'' ^^''abita. 
fogno gli occorrefTe d .rili °"' ^'''^f^^^ ^°' ^^"^ ■• «'quale afeS '" '''""•^''° ^^"^ <^ra 

for furon fcacciati allhnrl ' ^^"^''^a'''' , maxime diooicLó^. V 'opradctta 
"uoi termini che n.l ^°'^ regnando la femigha di aK^ 5'', ^^'f ''""'''' ^an. 

crainlei inuWt "f S° ^J 'S^ ^b" TeSn ptuet' f ^IL^-V? -o^o 



jp 



foochi. &: crainlei inueroo?.iÌ^?P° ^" ^^ A^" TeSn piruen " ^"'''•' ''^"'^ '" «"odo 
.'quale fette anni /brenne ,Sd^'"J,^ ^■"'''«- ^^ "'oltom^oTftTtrdaST'^^ii"^'^'^'"'''» 
Piccola terra dalla parte di reS;5!"'°!;"?r'°"q"^fi 'nfin.ref£c^5^TuPP^^^d' P^^- 
refìia, filamento al W^ ° '«"ante.'&Ia ridufreatale.cheilnon^r ^°- ^^^'"■'«ndoli vna 
rua,quando rfolrfb^f/ 2^^^^^^^^^ ^^^ ^8'' vden^er^trebhP"''"''^''^^"^-'^^^ 

deltà:&: col fine del e oarnl^ f P''*:^ '"«'' «'mandociò poco nr^l ? ""'"S'^^^ '* ^arnc 
« no. I/qualcerr«rned^« ..'"'''^^"■^ ^ «^o'"' quale eraKSH^f°r'"''^''«° '^«^'''' 'oro fé! 
b conobbe, LTpenuTl°,T/^ °^°' ^^ogl e'd7Ìe,a^^^^^^ t ''"^''' ^"^' g'° ' 

animo di Quelli difiir.... ^" ^qual noueila pcruenura n^iu *^° r *^^''°"^' ^uo cam. 

»rc,che vccifevnagrSnm^ ^"P? P'^^'°'^ faticala non pr/m? 1 P^'P^'^'Onde col 

ce ancho padroSl/r v' ^^ ''V'""'^ ^ '■ "'""c^ che dif^^^^^ 

Cofilacar^ef^adTpur^^^^^^^^^ 

«fentiua del danno hau^onV,^^^^ ^'bbondanza nondTm °' ''^^'''^ ^°««-«". 

". &enn-6peTS W n"ry ^^ ^°«^"'r^ ^ecur^mentl ^S^''^ ''.^ °«"' "°«^ vn 
S'oncalK/diSrfer^it^^^^^^^ 

« «'1 Quello 



1 I 
^ I 



ì V >■ 




hÉ 




ì w és 



iirr^**"^****'"! 




Telfnfin 

Ke fa ta - 
filata late 
(ta. 




'( 


1 
1 




;Ì 



Q^VARTA PARTE 

Quefto fu il fecondo danno.che riccuè Tclcnlìn: pure dapoi che mScò la cafa di Marfn.la città fu d 
nltorata alquaio:&: incominciò a rinouarli la ciuiliti tanto elici numero delle cafe arriuo a dodi. 
CI mila KiochiA' tutte l'artiA le mercantic fono icparate in diucrfe piazze dC còtradc.come hab- 
biamo detto di I-ez:nia le cafe nel vero fono alTai di minore fpefa di quelle, che fono in t-ez. fono 
in lei molti bellilTmuTempti.bcn ordinati, & forniti di Sacerdoti, Si di Predicatori . fonui forni- 
cliantcmente cinque belli Collegi di fcholari molto ben tabricati, &C ornati di mufaico.à: d'alti i la 
uori, de' quali alcuni furono edificati da i ke di Telenfin, & alcuni da i R e di lez. anchora fono 
per lei molte llufe grandi, & d'ogni qualità, ma non hanno tanta abbondanza d'acqua, come 
quelle di Fez. licitene ve ne fono molte allvfanza Africana: tra lequali ve ne fono due,ncllequali 
alloggiano i mercatanti Genoueli, SC Veneziani . V'è vna gran regione, o contrada, che dire la 
vogliamo: ncllaquale li Hanno molti Giudei , quali tutti egualmente ricchi : dC portano m caoo 
dolopani gialli per elfcrconofciuti da glialtri, ma vn tempo quciii Giudei furonricchillimi: ii- 

cioche nclìa mone del Re Abuhabdilla furono facchcggiati nell'anno nouecento vinti tre di Le - 
ehira:onde lioggi ibno diuenuti quali mendichi, fono nella detta città molti fonti , ma i capi fono 
di fuori: di maniera, che con poca fatica da t nimici polVono cfTer loro Icuate l'acci uè. le mura di lei 
fono molto alte , dC forn: lequali danno l'entrata per cinque molto commodc , OC ben ferrate per 
ie:&:inqucltc fonolclorologgctte, doue li Hanno ghvtìciah, iguardiani,&i gabellieri, nella 
partcdi mezzo giorno è il palazzo reale cinto intorno d'altilTimi muri a guifad'vna fortezza: 
dentro ilquale vi fono molti altri palazzetti con li loro giardini, 5C fonti: 6C tutti fono fabricati fu i 
perbamcnte,&:conbellilTìma architettura, ha due porte: vna verfolaampagna.cioc fcontro 
al mòte , QC l'altra dentro della città douc Iti il Capitano della guardia.di fuori della città fono bcU 
lifFime pofTcfìTioni con belliflìme cafe: ncllequali fogliono habitarc i cittadini al tempo della Hate 
con molto loro diporto : percioche oltre alla piaccuolezza del fito vi fono acque frefchc di poz- 
zi>dC di fontane viue . quiui fono bellilTìmi pergolati d'vue d'ogni colore , dC di fapor dclicatilfi- 
mo. quiui ciriegie d'ogni qualità, &: in tanta copia,chc io non ne viddi altroue altretante giamai. 
quiui fichi do!ci?rimi:iquali fono negri, groiri,& molto lunghi, quefti fi fogliono fcccare,& 
mangiarli il verno . quiui perfìche , noci , mandorle , melloni , cetrioli , & diuerli altri frutti . OC 
difcoltoquafitrc miglia dalla città verfoleuantc fono molti mulini da macinar grano fopra vn 
fiun.e detto Scfeif.vi fonoetiandio altri mulini ^iu vicini alla città in vna colia del monte Elcalha. 
vcrfo mezzo giorno: tornando dentro la città fono'fimilmente molti Giudei, &: auuocati,& 
notari,iquaIi difendono lecaufe,chccafcono in quellionc, àrfonui molti fcholari, &: lettori 
in diucrfe fàcultà, SI in legge, come di fcientie naturali :iquah hanno le loro prouilioni ordina* 
rie da i cinque Collegi . SC fono tutti gli habitatori diuili in quattro parti ; cioè quale è artigiano , 
quale mercatante, quale fcholare,&': quale foldato. i mercatanti fono'huominigiulh, dC molto 
leali , bC honelli ne i loro trafiìchi, & fi dilettano fommamentc, che la città ha fornita, i loro viug^ 
gi fenno per lo più a i paefi d'i negri , Si fono molto ricchi di fàcultà , Si di danari , gli artigiani lo. 
no huomini gagliardi di loro perlona,&viuono vita molto trancjuilla, SiJpiaccuole, QC atten- 
dono a darfi buon tempo . i foldati del Re fono tutti huomini eletti , dC molto bene fecondo la lo. 
rofuffìcienzafalariati: talmente, chc'l minimo di loro gode tre ducati almefedi quella moneta, 
che f^nno tre ducati , &: mezzo della italiana : &: quatto falario è diputato per l'huomo , &: per lo 
cauallo : perche in Africa ogni foldato è intefo per cauallo leggiero . gli fcholari fono molto pò. 
ueri : perche 1 tanno in li Collegi con vna mifera q uali tà , ma quando afcendano al dottorato,cia' 
fcun di loro è fatto o lettore , o notaio -, o facerdotc . 1 mercatanti, 8C i cittadini vanno conbcllG.S: 
honef lo habito,& alle volte meglio in ordine,che quegli di Fez; percioche nel vero fono più ma 
gnifichi,&: liberali . gli artigiani anchora efli vanno molto pulitamente veftiti, mal'habito loro e 
cor to:fi^ pochi fono quelli che portino in capo dolopani:ma folamente alcune berrette fcnza pie 
ghe,&:vfanocotalifcarpe alte inlino al mezzo della gamba, Ifoldad veltono peggio di tutto il 
refto del popolo: percioche portano in dolTovn largo camicionecon larghe maniche, & di fo- 
pra vn lenzuolo di tela affai largo di bambagio : di in quello s'inuolgano , dC aggroppano coli il 
vcrnOjCome la Rate, egli e vcro,che il verno vfano certe pellicce fatte nella foggia d'i detti carni' 
cioni di panno, &:fenza fodera. 6^ quelli, che fono di maggior qualità portano fu'l camicione 
altre vcfti di panno, fopra il lenzuolo alcuni cappucci fotti a modo di mantelli>che già fi foleuano 
portar neil Italia per li viaggi:&: con quelli fi poflbno, quando piouc,coprire il capo, gli kholari 
veftono fecondo la loro conditione, perdochechiè montanaro porta habito di montanaro, a 
chi è Arabo porta habito di Arabo . ma i lettori, i giudici, i facerdoti, dC gli altri rainillri vdtono 
piufupcrbanjemc. _, _ . 



Madn.Ia città fu D 
ifcarriuòadodi- 
traJc,conic hab- 
jno in l-fz. fono 
tori, fonui forni- 
4(aico,&: d'alti ila 
:z. anchora fono 
a d'acqua, come 
ioduc,ncllcqiiaii 
trada, che dire Ij 
portano in ca DO 
1 ricchilfinii; a- 
;o vinti tre di Le ' 
ti, mai capi fono 
lUc. le mura di lei 
X ben (errate por 
i gabellieri, nella 
xd'vna fortezza: 
ifonofabricatifu E 
gna, dot' fcontro 
•Ila città fono bcU 
tempo della Ibce 
lefirefchedipoZ' 
', fapor dclicattiri< 
ìltrctantegiamai. 
;liono fcccarc,fl^ 
erlì altri frutti. &: 
r grano fopra vn 
:1 monte Elcalha. 
ijfit: auuocati,6C 
:holari,8(: lettori 
rouiiioni ordinai 
}ualc è artigiano, 
i giulti , 8C molto 
mica, i loro viag' 
'i« gli artigiani lo' 
iceuole, fiC attendi 
ene fecondo la lo' 
i quella moneta, 
huomo,& perle 
ri fono molto po/ 
jaldottoratOjCia- 
anno con bello,&! 
vero fono più ma 
,marhabitoloroè 
berrette fenza pie 
peggio di tutto il 
maniche, &: di fo- 
ggroppano collii 
giad'i detti carni' 
ino fu'l camicionc 
chcgiàfìfokuano 
Icapo. gUfcholarl 
di montanaro, Si 
riminilirivcllono 

Cofiunti 



i> E t r; A F R 



Cofìimr, & ■\f,a <hlU Corte iU Re 



I C A 



60 



detta Corte fono molte diiiniti dC vhr' '.r! "^ P*^''^ f»"» '«- ^ '^fc, fecondo lordine ff 1 11 \xo Ni-ll. 
uifion/. fecondo ..vaIore,ffirt'.X^^^^^^^^^^ 

contra a niinic. con la medel.ma autorità dd Re I ff^^^^^^^^^^ ' ^ "' ^^'" "*^ ^' '^' :'' »ciro 

& nfponde 1.1 nome del Re. Il ti-r-o r .1 fl,.^, " /esondo e il fecrctano maLn-iorc ci v ferina 

je.llquartoc.,d.rpenlator:;.lurcom^^^S^^^^^^^^^^ 

Capitano della porta:.lquale hi ,1 carico dUa g .Sa del DaL-^^^^ l'fu''' ^'^' '^^' " * • '""'° ^ «' 

do egli da vdicnzu. fciono diuerfi altri vfici mm, ,7 P^'-iz^o A' della pcrkMia del Re ou 111 

vngranamer.ero,.lqualnontu eadal o^^ 

Icruono fchuui,c\' le donne fuc mo«li & f-hiaue c"h?.^r ^';:^^"^"r'' P"^''^' ^^ "'«-o d. cafa b 

guardia delle don.ie.ll Re va con bX^ liViab^^ 

uallo,che porta la fua perfona. Neil ordine qu^ do e e Si^a^n' r '"P"^'?'^ P^'^Pofo e il ca. 

pe.Perchcnon tieii fé non mille cuuall.:ma itcZoH^' [''"^ 
racongregaArab.,a^aI,r.pae(anidi<^^u fcS^ 

do va m campagna, non mena l.miImcnreguTSr^^^^^^^^^ 

habita come vn priuato Capuanoià.' iii ranmnmSl ?^^ ' ^T^"" ^' Padiglioni, ma verte 5C 

B dimenorutteronocofedipo'cafpei. 'X S^^^^^^^^^^^^^^ 



t. Bislacchi: ma pefa ciafcuno per elici e molto largì,?';;' .kic^' A-™'"' '^"° ^"•^"' ^'t^^ha det- 

clTerlaicala fral, P .T-Tr-''''^ '"'"?! "pae'i' e poco 



&.' poco etiandio habitato : ma per X a ci l. if P """i' ^"^'"^ ^ ^' H--" ^- poco 

grande vtilità deU intrare.à: vf ire ddic m rcan^e ì- "'?f'' ' ^ ''^""^P'^ ' '"^<^ ^i caua'i^al 

capatodaChnihani,cheglihaparFod'agg^^^^^^^^^ 

po de di altri Re era libcra,pcr laqual cof hi rS? 1 T^'^ ^'^^"'■' '"■» «^'«^'.laqual nel tcm. 

leAel^endolifuccelìoilfigLloTonopi^^^^^^^^^^ 

pnuatoddRegno,&perLquilbrSuennea^^^^^^^^ 

quaJcomelubb.andetto,lofecer.tonarSrP^^^^^^ 

Fr molti anni trecento,^ ancho Tauro "eSo """"^ 'J"'"" ''"'"^ '>^ dato dint^atà 

do.ninio,maqual.lamaài.d.fperSSS^ 

VI fono poi falari, di foldati.a: di Capitani ^ Cor ,w!nf ^ , '? P^' '^ '^"^^'^^«a del Regno 

inememcafafua,etndlepómpedicSre&r^ 

neh ho conofumato "ella fuatorte Xerfe ZeS^v^^^^ ^'«""^'^'^^ "°n P^^W 

nicirod'intornoalcoftume^&gliord^,';" X^^^^ 

ncontarodiFeiTaApernon vLftiJiS;^^^^^^^^^^^ ^"^«"he io'w ho 

=^oE^2SSTSSél^^ 

queUo &molte limofme ^ atnore S 'J.^^f ^^"° votandoli a 

vn Collegio bdliffimo per ScholarfXno Spedafe Lr X ' ^f" ^'^'^" * '^''^ ^"^''«^^ 
bncatidaalcuniRediF^deUacafaiMan^ cSS . ^^^!'' ^T'"''"' ^^^^'^ f^roiifa. 
trittilornomi.fiJegge. ^^^'""•'°'"^"»«"<^""oIettc di marmo, douc fono de^ 

?ofonobuonimmipergrano.NeSS S^^^^^^ 
crhedilauorarferro!&àport3aSnf"n? 

5 S^^lSJ^^iJ^fe;^^ in vn gran piano, che 

digrandezza. EtqualìKt^ffiKo^^^^^^^ 

Onoinpadiglioni.perciochclac£dfad^r»^r. ^ ''"'"^■'^'■^"O' tilihabitatorihab». 

«oltomburoalRc, ''''''"''''""^''^«'">5<:>lnomcrimafe alpiano. Pagano ctiandib 



Viaggi; 






ì ',, 


il 


I-i t 


ili' i; 


'^■"1 


|:;iÌ 


WÈtkì 



"Ó' Beni 



' 'illi^ 




B 



^m 



f'^H 



Q^V ARTA PARTE 

' " .docdaocd 
ij^uarda ver 
quali 
;>;] tutta colline, ma fono tutu comunemente buoni terreni. Gli habitatori di quella 
^ ■ -■,:'j>}| prouincia, lidiuidonoinducparti. Vna parte habiia nelle dette colline in cafcaf- 
.-.commodc, Smurate: fiffquclte ^enticoltiuanoitcrrcmA le vittA' attendono all'altre cofc 
necclbric. L'altra parte Cdi piu nobili:quali hanno le loro Itanrrc nella campagna, di alloggiano 
ne padidi> «):&' hanno cura delie bedie, tcnédo molti camelli,^ caualli.Qiiclh fono molto auia 
ti:purc pagano - yf to tributo a! Re di Telenlm.Qiielli delle colline hanno molti cafaliima due fo- 
M ì m I» »icri. V no e detto ^^halath Haoara: nelqualc fono circa a quaranta cafc d'artigiani , di di 
mercatanfi.Etcfaito - n od, l'vna fortezza nella colia d'vn monte fra certe valli. L'altroeap- 
prllato Elmo Halcar: douc ìik.'.' habitarc il Luogotenente del Re con li fi.ioicau.illi . Et in que- 
llo li lui ' fere la giobbia vn mcrcato.nclqualc lì vede grà copti ói bcftiami,* grani, di zibibbo, 
di fichi, Ót tnclcA' etimdto vetidonli molti panni f""l pacfe.ft: altre cofc di minor valorc,come fo 
no funi,felle,briglic,&: fornimenti di caualli, lo lui molte volte in quello paefc:nia il più delle voi 
ic mi fu inuolato quald , ofi.Pcrchc quiui fono ladri foIcnnilTimi. Et qucfta prouincia da d'in- 
irata l'anno al Re di Tclcnun venticinque mila ducati,&: fa circa altrctanti huomini combattenti 

fra a picdi,&: a cauallo. 

FatlìU Città. 
Batha città fu grande, 5^ ciuile.a: affai habitata: di fri edificata da gli Africani alb nostra età in 
vna bellifìimaà: larga pianura.nellaqualcnafce gran copia di grano. Soleuar.i..kr di frutto il 
Re di Tclenlm.circa a ventimila ducati. Ma fu rouinata nelle guerre,che furono trai Re diTe- 
Icniin.a: certi loro parenti:iquali habitano nel monte di Guanfcrisift: per Itaucre effi li.;uuto il la 
uorc del Re di i-cz, occuparono molto paefc del Regno di Telenfm , qn, ' < (ttà ,6i luoghi, che 
non poterono tenere,diltruggendo,&:abbruciando:di maniera, che liogginon li vede altro del 
la detta ciiti^che certe piccole tondamente. Apprelfo il luogo.douc ella fu.paffa vn fiume nò mol 
Vn Ror,i- to grande:fu le riuc dclqualc erano molti giardini,8^ fertililhmi terrcni.La pianura cuandio tut- 
o di gi^n tarrmafedishabttat.i per inlino che vi venne ad habitarc co molti fuoifeguacivn Romito almo 
do loro,quairitcneuaelTerfanto:ilqualcfecccoltiuareiltcrrcno:8<:crebbein tanta copia dibuoi, 
di caualli, di di pecorCjdi'egfi mcdelimo non sa il numero. Perche ne lui, ne li fuoi pagano cofa al 
cuna alli Re,ne a gli Arabi per cnTcr tcnuto,come habbian dctto,fanto, &: mi è flato detto da mol 
ti (noi difccpoli,che ladedma di detti terrcni,dà di rendita l'anno da otto mila moggia di grano: 
ha da cinquecento caualli fra mafchi di femine,dieci mila pccore,duc mila buoi, di ogni hànoda 
diuerfe bande del mondo,8(: da diuerfc pcrfone had'oficrta, &:dilimolìna da quattro "'n cinque 
mila ducari.perchc la fama fua è andata per tutta l'Alia , di per tutta l'Africa , di fono crefduti in 
grandiflimo numero i fuoi difcepoli, di quelli che habitano con effOjpofTono clTer da cinquccen P 
to, Quali viuono tutti a fuc fpefe,&: l'aiutano in molte cofe,a coftoro non li dà ne penitenza, ne 
di far cofe,fenon l'ordinarie orationijcioègh dà alcuni nomi di DiOjfl^comandah che inuochino 

il nome di Dio con quelli,tantc volte J giorno,&: per quella caufa vi concorre infinito numero 
di pcrfone,che vogliono eirerfuoidifcepoli,hqualicomcglihainftrutti ritornano a cafa . Tien 
cento padiglioni,alcuni per alloggiar forefticri,altri per paftori , altri per la famiglia. Ha quello 
buon,&: valente Romito Quattro mogli,& aliai fchi3uc,&: di quelle molti figliuoli malchi.à: fe^ 
minc,quali tutti vanno velliti molto pompofamentc,&: detti luoi figliuoli hano anchor moglie, 
di tìgliuoli.in modo che fra la fua famiglia,&: delli figliuoli fono piu di centocinquanta bocche; 
coftui è tanto honorato da gli Arabi,&: in tanta cftimatione,che'l Re di Tclcnlin triema dMui-Io 
deliderofo di cognofcere quel che collui era, vi fon: ^ fiato ad alloggiar con lui tre giorni còtinui, 
bi ogni fera ho cenato (ecn in certe fuc ftanze kvi etc , 4or : fra l'altre cole, m'ha moftrato alcuni 
fuoi libri in magica, &:akhimia: a: volcuaprcu'n*,..;' t magica e « -'ifcieneannmodochc 
mi ho dubitatOjChc coflui fia mago,non per aui .i et aia, 1». non perche l'ho veduto tanto venera 
to,5<; honoratOjfenza che lui focci ne dichi,ne operi altro che quella inuocation di Dio con quel' 
li fuoi nomi. 

Oran Città: 
Otiti è vna città grande,laqiuale h drcaa ki mila fuochi: di Riedificata da gliantichi Africani 
^ul n>?::e Meditcrraneo.difcofia da Tclcnlin circa a cento e quaranta miglia. Quella dttà è forni' 
iMtz C tutti eli edifi^ci.et di auelle cofe.chc aDDartensono aUaciuiliticQme di Tcmnri.di Collegi, 



fama 



A difpeda 
ira in lu 
ìeA v'« 
non vi fi 

amica di 

cuui hn'i 

Genouc 

re alcuni 

l'entrate ( 

ra delle C( 

coiquali 

Minorici 

gna mani 

ui,&fpel 

(od'alcur 

nata tu pr 

vota.Il eh 

d(tà:iqual 

B te v'entrar 

rpalIe.Et( 

incominc 

parte,& 1': 

cero gli Sf 

Merfalc 
raneo,di(c( 
porto grar 
lui largami 
iuna,a: of}i 
dando le loi 
uanoallapi 

Mezzaj 
lei il fiume i 
&ilfuogoi 

C MuRuga 
detta circa a 
piantichi: n- 
uatadagli/1 
iofuochi:&: 
belIe,nevirT 
ni:et fuori de 
terreno infin 
molti legtu'd 

Brefchèv 

la molte mig 

«ore di tele :n 

brodidipin^ 

iole dita. Coi 

ftoridAfricai 

ucntarono Ci 

no. Ma perdi 

ftiani,neficor 

ce»MaDot.£h 



D f t LA F R r e A 



i.doèdaocd 
i^uarda ver 
itana,c quali 
tri di quella 
icincafcaf- 
all'altre cofc 
' allom»iauo 
) uìolto aula 
cmaduciO' 
(giani, & di 
L'altro è ap- 
. Et in que> 
di zibibbo, 
ore,comc lo 
più delle voi 
noia dà diri' 
combattenti 
B 

noftra età in 
:r di fruito il 
li Re di Te- 
ì iiauuto il fa 
luoghi, che 
'ede altro del 
umenóniol 
euandio tut^ 
omito al mo 
opiadibuoi, 
iganocofaal 
detto da mot 
jia di grano: 
3gnihanoda 
ro-'n cinque 
locrefciutiin 
lacinqucccn P 
enitenza.ne 
leinuochino 
lito numero 
acafa. Ticn 
a. Ha quello 
mafchi.&fc' 
chor moglie, 
mta bocche: 
iemadilui.Io 
orni còtinui, 
idrato alcuni 
:in modo che 
tanto venera 
)io con quel/ 



ichi Africani 
1 città è forni' 
j_tj,di Collegi, 






io. 



I 



A <''0'ff»''.d'nufe,&rdihonerie.HadintornoalieS^bclIrm.„v«V • ' 

ira m luogo montuoto,& eleuato.La p.u parte deehlabZ^^ ""' ^'"^ ' "*^' P"""'" ^"'••'' 
le,& v'erano molti cittadmi.che viucuano dVmrata mVnnTf """T' ''^"«'••"'' ^' '^ attori d. te 
non vi n manguua altro pane, che dorrò c^me i lìa 1. "Z ^" '"^'''^ ^^''^^nd^ntc . pc. coche 

amica de^fordi.en.Etfu ciucila cutamolXquenttad^^^^^ 

euai hnhora vna logg..,:Lc,iulc I, domani ?aEaH.^'''''""/' SV''^'-^'"'^' ^'^-"^HieCa: 

OenoudK Furon quell. d. òran d. connl^uo nS^^^^^ 

«alcun fuOHouernatore:mafolu.n ha: ,.o ^ccetZ vn n.m '''"^'"^"5 "''^^^'^ '"'>' accetta 

lentrate del pò. o delia detta attera.' il , >or. clcaZ vn l '^''^''"'■'''' ' ^ ^'«"orc per nfcuotere 

radellecofeciu,,A'crn.„..h.Et?:. .XntiS^^^^^^ 

co iquah corrcK^iando fuauano molti danni in cX£^ 

Wmorica: di .nodo, che haueuano ripiena "a Sta d^^^^^^^^^^^^^^ 

gnamandovnagrandi- .nniataacon batterci.. ,rr ''"'*»''"'• ^I-" 'ornando UcdiSpa 

vide fpein da. nriaquale a. n.uta fu rótta ^'^^^^^^^^^^ ^' \ '' an per leuarc i Chnitum. da sig^a 

IO dalcuni Vclcou.' a: dd Card.iulc'r Wn" ne nW '^''"' ^•"••'' '"di a molti md. con l'aiu 

natafuprefalacittaJ'crclKMipopobd ffirn.!?^^^^^^^^^ 

vota.ll che conofduto da .J^agnEoh So loX^^^^ " "TI, f ' ^"''"«''^ ' ^ '^^^'^ '=»S«à 

dttà:iqualinontrouandoaltroconX^^^^^^^^^^^ 

« tev;entrarono,etmentrediluorir,cSeu' J d^v^^^^^^^^ 
fpalle. Et come,che i Mori hauendo vcdu "Ìffiendir'^ R'Ì ^'^altaro ìo dopo le 

incomindato a ritirar verfo la città per dSr ouc 'l ' d p ! ^''^'' ^' ""'"''' " ' ^'^^'^ 

parte,a^ l'altra imiferi furono ferrati.iSocìXri^^r'"'''"'^^^^^^^ ncld.meno) Ivna 

UgliSpagnuoiiOran,chelune5rnJ°^^^^^^ 

ntSìS^iS;^^ Mediter. 

porto grande. Pcrciocheella h^vS porto,ate^ "T ^ ' ""«"^ ' '' 

lui largamente pollono capire cctinaiirnalA'^i P^""''^'!/''^ Hmilc in tutto il mo 

.unaLllefadLnt..AqUS:LtrX;?4 

dandoleloro n.crcanticcon le barche ad OranLS.rh!.» X ^ . "*= ^'"T' per't. 

a.iruogouc,„aiorcpocopuò<l.dcn,rràmcS^^^^^^^^ 
deS^^^^SSSi;^^^ di^oRadalla ., 

IO fiiocfea: è in la- vn bdl.il.ro '^^^^^^^ 
beIle,nevimancanomoltiG&S&Deda £^^^ 
iu:et fuori della città fono mXMiSnVm?.w^^ 
terrenoinfinecbuono,&fcrt leEh^^^^^^^^^^^ 

.olti.egnidEurop.ma.n„o^i^^SS^.^SS^^X 

«amSgSr L"^^^^^^^^ 7aneo,d.rco(ladaIIa foprade. 

ioreditele:SìatuttifonocoZSn^ehuo^^^^^ 
lorodidipingcrlivnacroccnerafoDrTl^a.,T.^i^ ' . ^'.^''"^1^^ 

J>ledita.tollvfanraruanoSm^^^^^^^^ 
ftoriaAfricani,cheinfinitipaen,n"ie^J«S^^^^^^^ 

. ' "^■^""'""""'""""'«^"n'<^"^^'^noaìIafc.cdiMahumetto:nondime* 

no 



' 4rm«t« 
del Re Icr 
ni>lo rot- 
ta a Oun, 
& dipoi ti • 
f*ttoli,tor- 
nata ac>]ui 
lio>acit(à< 



for- 

lan 

nda 

ra. 

■fTo 

j4 



Mtfftlc»- 
birvAie in 
potere di 
^pagnuoli 



Coiìume 
de' Manti- 
tanidifarfi 
vna croce 
nelfaguan 
eia. 





«' 


1 


! 


|f..;il; 




■§■'■■ i' 


i 


'r ^!. 


■ 


if-4 


II 


1' 


p 


r 






il 



Q^V ARTA PARTE 

no di tempo in tempo r/mafc l'vfo di portir Iecroci,dcllcqiia!i itii'miti non fanno la cagionc:vfa^ D 
no ctiandio coli i Sii;nori di Mauritania,comc le pcrlonc ignobili, di farli vna croce nella cuan^ 
eia con la punta dVn fcrrc:&: di coli fatti alcuni fc ne veggono ncllBuropa. Qi,telta città e mol- 
to abbondante,malTimanientc di fichi,&: d'intorno ha belle campagnc,douc nafcc affai copia di 
lino,&' dorrò. Gli liabitatori tengono Icga.fli: am/citia co i vicini montanari; col fauor di quali 
cento anni lì difcfcro liberi dalle grauczzc per infino al tempo del fopradetto liarbaroffa Tur-- 
cho.ilqiì.ilc molto gli grauò.Non pochi di colloro fogliono portar fichijSt: lino per mare ad Al- 
geri a iiuggiaA^ al unisidequali ne fanno buon guadagno. Nella città rimangono molte 
vcitigia de gli ediHciA' f'ibrichc de Romani,&: di quelli Iòno fatte le mura. 

SerfelCntù, 

Scrfcl è vna città gr:ide,S(: antichiffimajcditìcata pur da Romani fopra il mare Mediterraneo: 
ma dipoi fu prefa à:\ L]oni,dC finalmente da Mahumcttani. 11 circuito di quefia città fa circa a ot 
IO miglia di mura L-ltilìimej&: fatte di pietre grofTiirimcA' lauoratc. Et nella partc,ch'c fui ma- 
rcii vede il corpo d'vn Tempio grande, &: alto di marmo, fatto pure da Romani:fi<:fìno al gior 
no di hoggi vi reità quella parte di dentro tutta di marmo , Et vn tempo foleua efferc vna gran 
roccha fopra vno fcogIio,che riguarda molte miglia in mare. D'intorno fono belli,&: buoni ter* 
reni. Et comcchcellcfoiTc molta diftrutta da Gotti: nondimeno dominandola i Mahumcttani, 
fu vna pane di lei affai habitata,&: durò forfè 500. anni. Nelle guerre poi, Icquali furono fra i Re 
di Telcnlin,&: quei di Tunis,ella fu abbandonata,&:rimafedishabitata circa a trecento anni, per E 
inrino,clic Granata fu prefa da Chriltiani. Allhora vennero in lei molti Granatini:iquali rifecero 
in buona parte le cafc,&: la rocclia,&: coltiuarono i terreni. Dipoi fecero molti legni per nauiga 
re cffcndoli dati al melticro della fcta:percioche trouarono in quel paefc infinita quantità d'albe* 
ri mcri.si di ncgri,come di bianchi. Coli crebbero di giorno in giorno;tanto, che elfi peruenne- 
ro al n umcro di mille dugcnto cafe, ne ad altri furon fòggetti , chea Barbarolla : alquale tuttauia 
non danno piu,chc trecento ducatil'anno di tributo, 

Meliana, 

Mcliana e vna città grande, 8C antica fabricata da Romani:&: fu da loro chiamata Magnana, 
Ma gli Arabi corruppero il vocabolo. QiieRa città è polis fu la cima dVn monte difcofta|daI ma 
re Mediterraneo circa a quaranta miglia, cioè dalla fopradetta.Il montc,douc e edificata,è tutto ri 
pieno di fonti, &: di bofchi di noci:di maniera,chc ne fi c5perano,ne appena fi raccolgono. D'in- 
torno la città fono alte &: antiche mura. Da vn Iato della città fono rupe fopra vna valle profon- 
diirima. Dall altro la dttà pende dalla cima del monte a guifa di Narni, che è vicina a Roma , Le 
fue cafe fono bellc;&: tutte hanno di dentro bclliffimc fontane. Gli h abitatori quali tutti fono ar- 
tigianijtefTitori ditela, &:torniatori,iquali fanno bellifTimi vaf i di legno. Vi fono anchora molti, 
che attendono al lauor de terreni, Viffe dafcuno in libertà infino al tempo di Barbaro(Ìa,il- 
quale fc gli fece tributari, 

Tenex,Città, I 

Tenez è città grandifnma,cdificata da gliantichi Africani fu la coffa dVn monte, difcofla dal 
mare Mediterraneo pochi pafTi. è tutta cinta di mura,&: habitata da vn gran popolo , ma molto 
ro-zoidC fu femprcfoggetta al RediTelenlin. Ma quando vennea morteilReMahumet,chc 
fo auolo di queflo,che hoggidi regna,lafciò tre figliuoli.L' vno maggiore di ctà,detto Abuabdil- 
Ia,il fecondo, chiamato Abuzeuen,a: il terzo appellato lahia. Il maggiore fucceffe nel regno. 
I due fecero vn trattato con certi cittadini,d'vcciderIo: ma il tradiméto fu fcoperto. Perilche Abu 
rcuen fu prcfOjS:: pollo in prigione:ma dapoi,chc'l popolo fcacciò il Re Abuchcmmen , egli nò 
folo hebbc la libertà,ma la corona del regno;pcr infino a quel tempo che Barbaroffa l'vccifc, co- 
me se detto di fopra. 11 terzo fuggi a Fez, ponendoli nelle braccia del Re: con licenza delqualc 
chiamato dal popolo di Tenez,f u incoronato Re, &: regnò molti anni,doppo la fua morte rima 
ncndo il Regno a vn piccolo fuo figliuoIo,ilqualc fu lìmilmcnte fcacciato da Barbaroffa. Pere» 
ticorfc anchora egli a Carlo, allhora folamente Re di Spagna , Ma tardando l'aiuto di Carlo alla 
promclla,& collui reflando appreffo il detto Carlo, venne la fama , che egli infìeme con vn fuo 
tratello,s'cra battezzato.Onde Tenez fi rimeffe in mano d'vn fratello di Barbaroffa . In quella 
città noti e ciuilità alcuna:SC nel fuo terreno li raccoglie affai grano, 8C mele , Nelrcflo rende po- 
ca vtilita, 

M<t^«»(tO>r<J, 
Mazuna ù vna città antica,edificata,fecondo alcuni da iRomani,difcofta dal mare Mediterà 
ranco circa a quaranta miglia. Circonda affai terreno. & le fuc mura fono forri-.ma le cafe brutte, 

écvili. 



aSìvì 
molt 
de gì 
queil 
graui 
icrrc] 
ficom 
nio,d 

Gè 

rica,a; 

Africa 

grand( 

groffej 

artefep 

moTe 

mare, è 

torno a 

S uantep 

dibere,( 

iaquale 

tilsimoi 

uoReii 

Polocht 

darono: 

diucnnci 

Cheli Re 

vnfcogli 

fchioppi 

di fòrte ci 

pagando 

in quello 

fabricata] 

il Regno I 

venuti in: 

ilfimilfco 

C dio,maau 

me vicino 

gel,qualèi 

Rccatholi 

conliderar 

nijio mane 

clia,mano 

rofra,&:vn 

gnorecraF 

mi della dir 

daSpagnu( 

alla venuta 

ividnipop 

«o,a(: grand 

chealihora: 

faadordelp 

«n'jnguaAt 

douetrouaiJ 

derilfine,ch( 



a cagione:vrax 
ce nella quan^ 
iftadttàcmoU 
caiTai copia di 
Ifauor di quali 
rbaroflaTur^ 
:r mare ad AI- 
mgono molte 



Vlcditcrranco: 
ttàfacircaaot 
;c,ch'èfu'lma' 
:& fino al gl'or 
Acre vna gran 
i,dC buoni ter- 
^ahumettani, 
iironofrajRc 
cnto anni, per E 
liquali rifecero 
»nipernauiga 
uantità d'albe* 
:iri perucnnc^ 
Liuale tuttauia 



Ita Magnana, 
lifcofta|claIma 
Rcata,è tutto ri 
algonc. D'ili' 
valle profon> 
a a Roma, Le 
ì tutti fono ar- 
nchora molti, 
5arbarofla,il' 



:e,dircofladal 
lo, ma molto 
>'laliumet,chc 
ttoAbuabdil- 
:fle nel regno. 
PerilcheAbix 
Tmcn,eglin5 
[ralVccifc, co- 
nza delqualc 
ra morte rima 
arofla. Perei» 
3 di Carlo alla 
e con vn fuo 
Ta. In quella 
:flo rende pO" 



are Mediterà 
kcafc brutta 
"devili. 



^ E L L'A F R I C a 

Gezcir vuol dirr 17 fnl«. Ar n. . ^"■'^"' ' ™^ -^'j^'^ • 

artefeparata:a^fì„,,,^enteviSnotóS(l^^^^^ 

nioTempio,a^moltograndc poKoraS Wrr,5^""'''"ò'^"''''''^«= ^^briche v'èVnbe Ihm 

d.bere,comed'aItroJepianurifonobcKé m.<?^^^ 
laqualeelungapreiToaqu.rantaeZuc Vh^M '^ 
tó.mograno.quefta eie a fa lurnSeoo ZtiU '^" ''''V'-^^^^^^^cc molt.llìmo,^ St 

PoIocheJReUiTelenrmnonh^teuadaraiur^^^^^^^ 
daronoadarI,olx:d.enza&:tr,buto,mafuronT;aS!rfo f T^ 
Wrocorfali,S^moltoinfeffaùanoSa£^^^^^ 
cheilRe cathohcoFcrdinandomàdòallalTeXSdv^^^^ 
vnfcogI.ochecdirimpetroalIacirtàfebicòvn°^ 

É:h.oppiaggiongci,anmlaterra,noSarr^all^^^^^^^ 

àfonecheturonalirettidtmand^^^^^^^^^^ 

pagando certo tributo, i che li concetti- il drtt^i |P38"a A fecero tricgua ocr anni dieci ^'"^ ^'^ '^= 

mqueftotempoBarbaroiTaanrS:^^^^^^ -oulS: ^■^^^«- 

JbricataperSpagnuoJi,nmifreallairediodeSS&^^^^^ 

.lRegnod.Buggia.Maciònonlivennefat?aS 

venuti m fuo aiuto,comc venne il tempo del feE ' ?L P°P°'' ^^^^uatori di monti, chcran 

Jfimilf^ceromolufoIdariturchi.difor?echeSba^^^^^^^^^ 
C '''«'«""«antichen-partiflbabbrucioWuam^^^^^^^^^ ^"88'^^^"^ da quell'ai S 

inev,c.noaBuggiatremiglia,8^1,riduConaS^^^^^^^ 
ReI,qualèdifcoltodaBue2^^^afettantaS;.^^ n '"'■'^'"^"°' ^""''an nclcaUellodi Gr 

Rccathol/co,&:.l popolfffirvolTn^ 

conliderandocheL'baroirfelTL'om^^^^^^^^^^ 

ni,lomandoachiamarc,8<:fecdofuoranrft.!l 1 •/, "'"'^^'^^^"o^farguerraaChrit^^^^ r. • . 

cha,manonl.feceuanocumen1oKSon^^^^^^^ 

roira,a^vnchelifàceuaS.gnord'AlX B^^^^^ 'ntelligenz. frail detto Barba' '""^^^-^ 

gaoreeraPnndpedegli^abihaS^^^^^ 

Jii della ftirpc di Tehaliba che proceda da AlSXnnlr; a ^^'^«^ ^' chiamaua Selim Etteu. "- pófc^u 

daSpagnuoIi:queftoPrinaDed'Arah,fi,A,I^v^^^^ "'■■'^'"'"'" 

allavenutadiflarbarofra:quTvSl^^ ?b:S^ 

iVian.popohgl.d.ederoo^bed.enzrèm^^^^^^^^^^ 

to,&pndez7adiBarbaroffk,&,omitrouaiLSnn.?,^^ 

dea^horaahdandodaFezaTunis,XS 

faadordelpopoIod'AlgiennSpagna qu? neE, tó?n .^ "'^''"°"'° cheandòper aniba. 

ml'nguaArabacomprlDmfadttfS S^dK^^^^^^ 

douetrouaiBarbaro(ra,chccomcdifoDr"d?cemn;^^T^^^ 

dwilfùicchcfu 11 f.m fiL,..v. r^:_ '. oP'^ '*'^^"}'"33^<^diaua queUa feconda mrrU. A' ,.?M ..ì 






i :>) 





L'armata 
di Carlo 
Qiii^ntolm 
pcrajoic , 
tolta nella 
fpiaggiadi 
Algiei;. 



Il* 





Q^V ART A PARTE 

fratello detto Cairadin.qual fignorcggfa fin al prefcntCjnii fu anello detto cUc Carlo Imperatóre D 
due volte difcgnò di pigliar Algier,et inadò armate in diuerfi anniA' '^ prima tu rotta,ct annega 
talapiupartcinlafpi.)ggiad'Algicr,&^larecondadi(montata,chefuinterra, Sfc* tala battaglia 
tre giorni continuigli Chriftiani furono rotti, &: parte vccili,&: parte fatti fchiaui dal detto Barba 
rolbjiì che podii fcamparono,&: quel to fu ne gli anni di Lhcgira.pii» 

Tezdemt Città. 

Tcgdemt città e molto anticha, edificata fecondo alcuni , da i Romani . 6(f gli Africani cofi la 
chiamano: perche il vocabolo lignifica antica, circonda queita città dieci miglia, perche fi vede li 
vcrtigij delli fundamenti delle mure a torno a torno:fi vedono ancho duoi Tcmpij grandi roui-- 
nati.in liquahadorauan grldoli,& nel iempo,chei Mahumettani la dominarono, diuentò affai 
ciuilcA'*"'''^"^"*'"''^""'^*-'''" dotti Iuiomini,etpocti.pcrciochcne fu Signore vn fratello del padre 
d'Idris, che edificò l'i;z:&.' rimafc la lignoria nella famiglia di cofiui circa a cento cinquanta anni, 
dipoi Ri rouinarn per le guerrc,chc furono fra gli heretici Pòteftci del Cairoan.ne gli anni di Lhe 
gira trecento felTantacinquc. hora non li vede altro, (enon qualcJie vcfìigij di fondamcnti,comc 
ne ho veduto io. 

MediM Città, 

Mcdua e vna città edificata da gli Africani antichi ne confini di Numidia difcoRa di! mare me 
diterraneo circa a cento ottanta miglia, pofìa in vna bellifTima pianura frutrifcra,6i' cinta da mol' 
ti capi d'acqua,6<f giardini.gl i habitatori fono ricchi,pcrche trafficano in Numidia: vcf^ono bene S 
S)C hano belle cafc:ma pur fono molto aggrauati da gli Arabi;et per effcr lontani ài Telenfin cir^ 
ca a dugéro miglia,il Re nò gli può difendere,ne meno mantener la città.Fu ella dominata dal Si 
gnore di Tenez,dipoida Barbaroffa.Sc' da fuo fratello.io fuiriccuuio in quefta città co tanto ho^ 
nore del popolo,chc più non ve n'era fatto al Sigiiore:perche gli habitatori fono priuid'huomi^ 
ni che fappino lcttere:in modo che come paffa alcun foref fiere che fappi lettcre,raccare2Zano,8ìC 
ritengono quafi per iox'Zz,dù li fanno efpedir molte loro liti,&; fannoli dar configli in tutte le lor 
diffcrentic.io vi ftetti duOi mefii,6(f guadagnai più di dugertto ducati fra robe , & danari , & quali 
nt'indinaua di flar in detta città:ma il carico del mio vficio che io hauea,mi ritenne di farlo. 

Temendjttff. 

Tcmendfufl è vna città antica, edificata da i Romani fu'I mare Meditenaneo difcoflo dalla fo 
pradetta citta d' Algier circa a dodici miglia : doue è vn buon porto,deIq . le fi feruono quelli di 
Gezeir,perciochc efFi non ve n'hanno,fuori che vna fpiaggia.Quclia città fu rouinata da Gotti; 
&^ quaf ì tutte le mura di Gezeir furon ribtte con le pietre leuate dalle mura di quefia. 

Teddeles Città, 

Tcddeles è vna città antica,cdificata da gli Africani fu'I mare mediterraneo , vidiu alla fopra^ 
detta Gezeir circa a trenta miglia.laqual città,ha antiche, OC fortimura d'intorno, gli habitatori 
fono per la maggior pa rte tintori: perche molti fonti,8<[ capi d'acqua pafTano per la detta dttà, fo 
no ctiandio quelli habitatori huomini piaceuoli,S^ di allegra vita:&; quali tutti fanno otdmamé F 
te fonare di liuto, & d'arpe.hanno molti terreni belli,& ferrili di grano:fl<: ciafcuno vefte honora' 
tamente,comc vefiono i cittadini di Gezeir,& fi dilettano di pefcarc , & il pefce fi piglia in tanta 
copia,che non li vendc,ne fi com.pra,ma lo donano a chi ne vuole.& quefia città fempre ha^tto 
quel medefimo che ha fatto Algier circa il gouerno,& (ìgnoria* 

MONTI DEL REGNO DI TELENSIN» 

Beni Ie:ijfieten monte, 
Eni lezneten è difcofto da Telcnfin verfo ponente circa a dnquanta miglia : & da vf» 
lato confina col diferto di Garetjdall'altro col diferto di Angad. ci tendef i per lunghcz 
za circa a venticinque miglia, &f per larghezza circa a quindici, è molto afpro,alto, 8^ 
malageuok:8>(l fono in lui molti bofchi,nequali nafce gran copiadi carobc; che quafi è 
il cibo de gli habitatori:perche cfsi hanno poca quantità d'orzo.fono nel detto monte molti cafali 
liabitati da huomini valenti OC animofi. v'c fu la cima vna foruffima rocca, ncllaquale dimorano 
i Signori del monte:benche molte fiate combattono tra Ioro;perche ogniuno vuole haucrne la 
iignoria. io hebbi non poca pratica, bC domcftichczzacon detti Signori, hauendoli conofciuti in 
la Corte del Re di Fez «iquali mi faceuano incito honore. fa quefto monte circa a died mila 
combattenti. lAatgayamontt, 

Matgara monte è molto alto, bC freddo,ma bene habitato, vicino alla dttàdi Ned Roma circa 
e lei miglia.gli b abitatorifono valemi,mapoueri^perch&non nake nel monte loro altro grano, 

che 




A che'oi 
defim 

Gu 
rufficc 
cogra) 

Agi 
fono ti 
che Or 
ni, cade 

Beni 
maffim 
chelauc 
lodai fé 

Mag 

C ganin ci 

hno an( 

Beni; 

befìiahfl 
re,&:cuc 
coditnb 

Guan 
aiRedi' 
IO buono 
uà gran q 
cento a ca 
chefu fatti 
lerimafcr 

Dalla p 
monti hat 
6 berali;pen 
te fra loro] 
fìcurojfen 
wanofolar 

DEL 




fuor» coi fuo 
qucgoucrn; 
ledifcordiec 
trcadvno.cc 
ilRegnodil 



Io Imperatóre! D 
ottajCtanncj;a 
tala battaglia 
al detto Barba 



africani cofi la 
orche rivede li 
rj grandi routv 
» , diucntò aflai 
itcllo del padre 
nquanta anni, 
gli anni di Lhe 
damentijCome 



la dal mare me 
(' cinta da mol' 
i:vcftonobene 
liTclcnfincir^ 
ominata dal Si 
tà co tanto ho' 
3riuid'huomi>' 
Lcarc2zano,& 
li in tutte le lor 
anari, Squali 
: di farlo* 

ifcofto dalla (o 
ruono quelli di 
inata da Gotti: 
fta. 

n'naallafopra^ 
. gli habitatori 
la detta otta, fo 
nno otd'mamé F 
> vdte honora' 
piglia itt tanta 
èmpreha£itto 

jiglia:8irdavn 
:liperlunghcz 
aafpro,alto,8^ 
)be:chequafìè 
nte molti cafali 
uale dimorano 
olehauernela 
li conofci ini in 
caa dieci mila 

ed Roma circa 
ro altro grano, 
che 



n u- . J' E t LA F R I e A 

A che orzo.'ma molta quatititi di nrr^uu^ a. n ^3 

denmaLngua:^,V?oiauorStrtora"Sre^df 

Gualhafa monte è alto &:v/nnn.jr, ^"'^^^'''"''rT- 
ruftìco^ilquale più volte guerréSl^^no^n'^ 
cograno,&„,oltecarobbe/^^ '°'P^P°'°^^""^'"-5«^«">ni-*lacutàufa[^^^^ 

fon'^mttiwatr^^^^^ • 

cheOuneradeMortvTvXo^afeir 'r^^^ 
n.cadderomcftremapouertaAneha'nnorpT;;:;^?S^^^^^^^^ 

BcniGuerenpHmr,».»' • • .. ^^"'^^"^>-""'(l monte. 

chelauoranolaterrainè.odocSd^^^^^^^^^^^^ 

lodaifecretariodiTeleniin. ^"'"^ratal anno dodici mdaducaii, fecondo chemifidet* 

JVIagrauamonf ' n j ^^^^Mtimmte. 

fono andiora moto cotoU,»: l/bcrair '* '*""■*■ Po'l^Sgoiw buoni ic„J"a 

Bpnia^iTr,;/4 ■> _ . . Beni ^buù'J 7)iome. 

C0d..bu.oaIKcd.Tdc„«„,™e„„echc4-PSg„'aÌ"::f;;Xr°''"'*^''" 
Guanfpi-ic «,««.» ^ I . « (^"anfms monte. ^ 

"agranquantKad,Tuda.6draa3i„?l, T ™°?'''^''""'°''Os™''A'l'ccaliuiM, 
c™oacaualb.glfl,abtooridqucrr^^^^^^ 

hefu6„oRcdiTcncz,mad,po,dicfo«" o^S.! ^^J ''''''"° '^"'''" 
■crimarcrofecandocorrmepaquèlparfc ' "'"'"'''S"™^^ 

Da»apartcdilcuantta-d,„„ ^"»"'ìdloJìmJ,Ce^„. 
.6 bc,al,:pcrdochchanuoLLffiSenr&lKh^'%^''"P^ 
-oro,a™.„.a..a.,,.a..^,^,^'^2-^^^^^^^^^^^^^ 

DELLA DESCRITTIONE DELL'AFRICA 

aViNT A PARTE. 

JRegno dt Bu^ia, & di Turns. 

Ifopra,quandoiodiuiniRegnidcIlaBarbcrÌ3nmn,.fr^- 

già per vn Regno, dipoi meàio conlidcrSf? '^' P°''^'° "^ 

reale/enondapocotempo Cr& fj^^„.^'r"''^"^«'''"°*^^ 

rr"acittàallÌ:ediTunln"a?S fuocSp^ '1^°-'"'^ di 

'!lenf.n,fìnoatanocheAbuFerizRcSffi?r "fr"^f'"""'^^»^^'^diTc 

.^^-•"^^P-renonfoloBu/gTi^at^^^^^^^ 







ti 






r 'v\ 



ilft! 








„ M 







I 
<i l'i 



Q^V INTA PARTB 

ftfo d'i pacd d'i datteri. Coftm* fi ribellò al fratello Hutmc Redi Tunis.onde egli tSto Io pféguitò, ] 
che lo prcfc nella città di Aflacos:p elcttione di fé medelìmo gli furò cauaii gliocchi,&r menato in 
Tunis, doue ville cicco molti anni.il Pi iape di Buggia,fu fcmpre obedictc al fratello.colì rimafc 
il R cgno nella fua famiglia lungo tcpo,fin che ne fu priuo da Re Fernando per opera , dC valore 
di Pietro Nauarra. Bu«j^iit Città. 

Buggia è città antica, edificata, come alcuni vogliono , da Romani nella coda d'vna altifTima 
montagna fopra il mare iVlcditcrraneo,città,di bcllc,alte,6(^ antiche mura, fa circa otto mila fuo- 
thi.cioc quella partc,ch'c habitata:nias'clla fu fle tutta ripiena d'habitationi,ne£ircbbe piudi veri 
liquattro mila:percioche quella città s'elicndc tanto per larghezza verfo il monte, eh e vna cofa 
incredibilc.lc cafc di lei fono tutte bcllc.f fornita di Tcmpij.di Cùllcgi,doue fono aliai fcholari. 3C 
dottori,che leggono delle leggi,et anche delle cofc naturali, vi fono monaltcri per li lororeligicfì, 
ltufc,holterie,à: fpedali,tutti belli edilici,&: ben fàtti.le fue piazze fono liniiluu nte belle, &' bene 
Ordinate.c vero,che per tutta la città fono molto afcefe,a molte difccfcidi maniera , che ogni po- 
co tratto,chc vi fi cainmina,c dibifogno o di fccndcrc,o di pocrgiarcdi verfo il monte è vna gran 
forte2za,6(! ben nnirata:ma addorna di tiinti muiaichi,& di gelfi cauati , 8( di legni intagliati con 
lauori (tupcndi di azurriohranianni che vagliono molto più gli ornamenti,cheltmura.i citta» 
dini delia detta città furono molto iìc.chi,8C folcuano armar molte fulic,&: galce,lcqualimanda- 
uano a rubare a lidi di Spagna:intanto,cheda quefto nacque il disfacimento della città: perche vi 
fu mandato ilConte PietroNauarra a piendcria.gli habitatori diquella città viuono alTai mifc' 
ramente,perche li terreni loro fono molto magri per far grani,ma per frutti fono perfetti, intor- 
no della città vi fono infiniti giardini copioli di frutti, &: maffimc fuori della porta che va verfo !c 
uante;vi fono molti monti alpri,&: pieni di bofchi,doue fi truouano infinite fimie,fi<: leopardi.fo 
no huominipiaceuoli,&: che fi dilettano di paffar il tempo allegramente, fit' cadauno sa fonare, 
&C bà\lìYe,6C malTìmeli Signori,quali mai non fecero guerracon alcuno , & furono tanto di vii 
Bnprgia re- animo,che quando venne il Conte Pietro Nauarra con quattordici barze, il Re con tutto il po- 
rta pia dal polo cominciò a fuggirfene alli monti vicini,&: laffarono la terra tutta piena di roba, QC cofi kn- 
*ì«"NAuar ^^ ^*^^''*' sfodrata vna lpada,detto Conte Pietro la prefc,a: faccheggiò , &: fece fubito fibbricMi e 
J^V ■* ' vna fortezza a canto il mare.doue è vna buona fpiaggia.fortifìcó ancho vn'altra roccha vecchia 
apprefTo il mare pur vicina alfarfenalcfu prefa Buggia da Spagnuoli l'anno di Lh egira. oir.da- 
poi paffati fei anni Barbarofla t urcho volle recuperare detta città di mano d'i Chriftiani,&: vi ve 
nea campo con mille turchi combattenti,8i: fi miffe a batterla roccha vccchia,laqual prefc,&.' for 
nficò,^ v'erano in aiirto di Barbarofla tutti li popoli d'i monti vicini, 8^ fi miffero a voler pren- 
der l'altra roccha,chc è apprefTo la fpiaggia,ma nella prima battaglia vi morittero da cento turchi 
de i più valenti,©^ da quattrocento delti montanari,di modo che nò voliere più tornarui, dC tìar 
baroiJà fu forzato a fuggire , come habbiamo detto di fopra al caftcllo di Gcgcl, 

Geo;clCaJÌ(Ho. 
Gegel è vn'antico caftcllo,cdifi'cato da gli' Africani fu'! mare Mcditerran?o fopra vn'alta rupe ] 
difcof lo da Buggia circa 70.miglia.fa prcfì'o a joo. fuochi, le cafe nò fono molto belle: ma gli huo 
Énini valcti,3(l liberali, et fedeli, &: tutti attcdono a i lauori della terra.ma il loro terreno è afpro,c fo 
laméte buono p orzo,&: p linOj&Tctiadio p canapo, che quiui in gran quStità nafcc. hano fimil- 
méte molte noci,&: fìchi;lequali p mare fogliono portarea Tunis co alcuni piccoli nauili.&: que- 
fto caflellofempreha ferbato la fua hbertà.a mal gl'ade del Redi Buggia,&: del Redi Tunis: per 
Cloche nò fi può afTediare.purc di propria volòta le genti li diedero a Barbarolfa : ilquale d'altro 
cributo non le grauò,che d'alcune decimedi grano,8i: di frutti,cofechc fempre furò lccite,a: vfa- 
tediprenderfi. MefiU Città, 

Mefila è città antica 8C edificata da i Romani ne confini d'i diferti di Numidia fia terra difcofta 
da Buggia circa a 140.miglia.le mura che la cingono, fono belle, ma brutte le cale . gli habitatori 
fono tutti artigiani,8^ lauoratori di capi. vano veftiti di vili,et trif ti pani.pchc fono molto poucri: 
SI pche la metà della loro entrata è vfurpata da gli Arabi loro vicini;&: si pche il Re di Buggia gli 
ha molto aftretti:&: io pafTando p la detta dttà, nò potei hauer tanta biada,che folamente bafiallè 
per dodici caual li. sttfe. 

Stcfèjè vna terra edificata da Romani,difcof ta da Buggia 60. miglia verfo mezzo giorno, paf 
fati li mòti tutti di Buggia in vna bellifTima pianura murata di pietre belle QC grofTc fatte i forma 
quadrcjfu già ciuile ailai,ct bc habitata,ma dapoi che v'introrno i Mahumettani,è molto macata 
«naflìmc p caufa de gli Arabi,quali rouinorno gra parte delle mura,&: nò rimafe in detta terra,fc 
nò cèto cafc ìwbiwicim* vi f cf» iì orcaiio gì 5m€ àdia città; iauuai coi» ho veduta andado da hcz 



Ne. 
ottani; 
icipafi 

rlin 

tu città 

per gra 

Buggi: 

lianno 

mente > 

le,ò:bii 

Kzze:ti 

docile < 

mirtellc 

dali'alfn 

perto de 

parte pe 

2 Choli 
jTiamon 
fifjnore^ 
dui]c,&: , 
ni traffici 
abbaratt; 
ma nel m 
diColbn 
gliadifpa 
iCjChcpei 
tnercataii 

Sucaic; 
fìantinaci 
uicvnbiK 
Ccnoucli. 
monte vie 
quciniont 
C tre robe di 
liàfeneve^ 
qucflaciits 

Collant] 

da le fue mi 

fopra vn'ali 

merfoitoli 

todirupi;di 

viepiù vtile 

leniura,vcl 

'Colevie:rvn 

rate, ella e co 

&^di molti n 

piazze fono 

&^armigieri; 

panni di lana 

ictde dando 

■mercato di d( 

•gii habitatori 



Itolopfcguitò, D 
ii,& menato in 
elicceli rimafc 
pera, 3»: valore 

d'vnaaltifTima 
i otto mila fuO' 
jbbcpmdivcr» 
e, eh e vna cofa 
i(Tàifcholan,8«: 
lilororeli'gioR, 
ebclle,&!bcnc 
ì , che ogni pò- 
5ntcèvnagran 
li intagliati con 
Itniura.icittv 
leqiialimanda- 
città: perche vi 
ono aliai mifc' ; 
I perfetti, intor' 
ichevàverfo'c 
;,&flcopardi,fa 
luno sa fonare, 
)no tanto di vii 
con tutto il pO' 
>ba, OC cefi fcn- 
bito fabbricarq 
roccha vecchia 
,hcgira.oi7.da- 
riftiani,2<^ vi ve 
|uaIprcfc,&.'for 
oavolerprcn^ 
da cento turchi 
ornarui.&tìar 



ara vn'alta rupe F 
)ct!c:magIihuo 
•cnoèafpro,cfo 
fce.hanoftmil^ 
li nauili.fiC quc^ 
L-cdiTunis:pfr 
:ilquale d'altro 
rò lecite, 8Cvfa' 

i-a terra difcofta 
r . gli habitatori 
jmoltopoueri: 
e di Buggiagli 
amente banaliè 

zzogiornOjpaf 
(Te fatte i forma 
èmoltomacata 
in detta terra,fc 
undadodai-cz 
Nccaus 



l!) E t 



t'A m r^c A 



^4 



Necausciftà,chcconfi-naconNum,dn^HT'^"!,'^*,3 • "** 

ottantamigIu,£^dallafopraZ^Sao^a^^^^^ marecirca a cento 

lc.pa(ravniiumc,fopra.lValefònó?erS^^^ 

■ri. m.gl.or.,che 1. truouano nel Rcgn?di Tun^ n,,Tr ' ''''" '*' ''"'"^ ^"" ^ono riputar 
ea cura e lontatra cento ottanta miglia^Sn ente d Wnl ^?"° P^*"?" ' Portantina, dallaquaìc 
pcrgrano.g|.huomin,Tononccl5Ìj,;3S^^^^ 

Bugg.a..l comune tiene vna cafa fornita a modo dTft^S^ i? S^""'"^'"''^'^ome i cittadini di 

fcannoetiandio vn collegio Dcrfchoht-i f^.r^? r «pedale, ncliaquale salloggiano iforclhVri 

mente vn Tempio belIo^S °S^ ^^T "^^ ''*^'^'''*^'^' d' far loro le ipefe ha mo ( n I 

ic^^bianchecJ^canel.^^^^^^^^^^ 

Kzze-tutte lecafe fono quali dVn folaioff 'o8''ono molto frequentare le f tuie dC le a.Z 

ciocheciafcunahailfuoVrdInoVSofe 

inirtelle,di viole,dicamamilla dicarS À?^ ^^ ^P"'''^ 

dali'altrocantodelgiardinofòXfi^^^^^ 

pcrtodeiIacafa,frelfa,eegratiCaSnJ^ÌJ^^"^^^^^^^^^^ 

parteperlagentilezzaAdomeftichezSeghhuoS 

".amotlnTqSd^^^^ 
liSnoreggiandola dipoi iMahumettann la Lf^^^^^^^^ 

cimle & ripiena d'artigiani , 5^ fono gli habiYato rh.^^^^^ '^^ 'P' = ''"''"'"• "«"dimeno è 

nitrafi.ch,:perchedelormonticaua^o fa c^^^^ 

abbara ttano con Gcnoueli, che ven^'ono al om n. r ^'^'■'" "I"^"'"^ ^' '^"^» •• '«^quai cofe 
«.a ne monte, & ,1 popolo viue.nKd ' V r '^ "° ■'' ^^?V^"^^^ ^om Umilmente truttiS 

di Col tantina:percioche fra cSn na S C?5^^^^^^ 
gl.ad,rpatio:&IametàdeIfuocoS;^^^^^^^^^^ 

te,che per tutta la nuiera di Tunis non IlaZ nS^ 
tnercataiitieciafcunoildoppfoguadagna!^ ''"'''P'"^''"^^'''^"c«^=Perchcndle 

fta^aSSat^^^t^^l^JjSquS 

UIC vn buon Pono,ilSig/iored. ColtanS L ft^ ?2 "'^^ ^^ ^°«'-"^^ perchc qui 

Ucnoueli,chepraticanSinqueIpaefeS^^^^ cd.ficarecerti alberghi, ^magazini per K 

niontevicino;douefemprellvn'rgu;;r£^^^^ 
q^'^'^ontanaricontrattanomoIroconGeuSin^^^^^ alporto.A: 

C rerobedEuropa fraquelfoporto&cSS^rvnaft?.^^^^^^^ 
Ila fé ne veggono alcune.lequali fono appe latSrad.f^ . ''^^ ^T^' ?''"' negrccome in Ita. 

quelb cura folle edificata da Romani. ^ ^' ^^°"""^'''<^h*^ ^ g'-^odc argonicnto,che 

dal;L'^em:^LqulS^^ 

lopra vn'a tiffima niontagna:dalIa parte cS^^^^^^^ '" ^''"' "'S^eA' lauorate.e polh 
nic:fotto lequali palTa vA\,me detto sSarr n^ 

iodirupi:dimodochefraIedettcduerupeS^^^^ fuaiponda canchora cin- 

VI epm vti e molto.dalla parte di trarSSafa le m?/r?'r ''''''' '^•■"^ 

lemura,y'clacimadelmonte:ingu.rcne anL^^^^^^^^ 
■coev.e:l'vnadaIeuante,a:i'altra^dap;^.e^^^^^^^^ 

nte.cUaecofigrande,chepuofereottoSfuoc^^^^^^^^^^ 
&d,moIttnobilieditìci,ccmccilTempfoma^^^^^ 

gazze fono molte &: bene ordinate KSEfr' '°^??.' '. ^ "' ° ^"«''■o monalteri. 1^ 
&arn.gieri:manrimamentegliar2S-^r5S^ 

panni d. lana fatti nel pacfe.anchora di o JllV^i f" d. mercatanti, iquali fenno tralfico di- 
tetele dando ogni colala bara^p fcf'^'^^^^^^^^^ 
«nercatodidetndatteri:Derchpni^.wS^^ 

^ ""^«*"^«'l«Pei'i3i,&:dirozzomgcgno;foleuanoiRcdi 

Tunìs 



il 

ite :. 



il ' 



'•fi 





^'À w^ 



. ir 



• il 



Elcaied ti- 



negat 
gouii 



Q_V I>ITA PARTE 

Dclts ma- JuriTs dar Coftatitina al primogenito loro fìgliuoIo:ma il prcfentc Re alcuna volta l'ha data, al- D 
la fotte dd ^yj^^ ypjjjj nò.prima egli la diede pureal fuo primogcnito,ilquale volendo far guerra a gli Ara- 
ms in ttc bi,nella prima (uà molla fu vccilo.diedcla poi al fecondo iiglmolo , ilquale per il difordmato vi. 
fuoihjjUuo nere fu trafìtto da vn canchero,ct lì mori.Hnalmente ralTegnò al terSoalquale elfendo molto gir» 
''• uane,nonprcndcua vergogna di patire ciò che patono le fem ine. perilchc il popolo vergognai» 

doli di fcruirc a tal >Signore,il volfc vccidere.il padre lo fece a Tunis menar prigione, poi mandò 
pergouernatoreinConllantina vnChrilhanorinegatoiilqualeerallato cfperimentato dal Re 
in cole di molta importanza^ di lui fommamente li Hdaua . onde di quefio il popolo molto ri- 
mafc contcnto.nclla detta città dal lato di tramontana e vna grandc,&: forte roccha fatta pure nel 
tem po,che fu edificata la città:ma molto più forte la relè anticamente vn rinegato , chiamato El- 
caied Nabli Luogotenente del Rc:ilquale fu colui, che con quclb roccha mirabilmente milTcJ 
....^ freno acittadinidi quella citià, a: a vicini Arabi , che fono i più nobili, &:i più gagliardi ditut- 
p CHIC- j3 V Africa,^: hauendo il principale lor capo nelle mani.cl poteua fare cinque mila cauaUi , non 
ttouu^ù lo lafciò,(c prima egli non ebbe tre fuoipiccdihgliuoh perhoftaggio. Coltiti in fine venne in 
potiamen tanta fupcrbia.chc fccc batter nuoua moneta a fuo nome con grande fdegno del Re: loquale ac- 
,i moie d» ^j^^.j5 co,^ la forsa d'i prcfenti.dilcordandofì nìolto quefti fuccedimenti dal principio , il popolo, 
iF"'°' j-hp p jjma ramaua,incominciò odiarlo.onde elTcndo egli in Numidia all'afledio dVna città det- 
ta Pcfcara,hcbbe auuifo,che il popolo era folleuato contra di lui , dC tornando, verfo Coftantina 
non gli furono aperte le porte.perilchc fé n'andò a Tunis chiedendo il foccorfo del Re:ilqualc lo B 
fece mettere in vna ftretta prigione,ne altrimente lo liberò, che con la taglia di cento mila ducati. 
et dicgli fauore a riacquiltar Coftantinxlaquale cgh rihcbbe col valor dellarmemia dipoi facccn 
do vccidere molti capi,&: primieri della città:vn"altra volta il popolo fi foIleuò,&: aflediollo nella 
roccha per sì fatto modo,chc egli da difperationc li mori.Si hauendo il popolo la pace del Re.nò 
volle accettar più gouernatorc di forte niuna. o iide il Re tornò a madarc di mano in mano i fuoi 
figliuoli come e detto di fopra.i terrcni,che fono d'intorno alla detta città/ono tutti buoni,& fer- 
tili,&rifpondono trenta per vno, a:fopra al fiume nel piano fono etiandio molti belli giardini: 
ma non v'è molta copiadi frutti,percioche elfi non gli fanno coltiuare . fuori della città fi veggo^ 
fio molti nobili edifici antichi,&: lontano circa a vn miglio 8C mezzo ve vn'arco triomphale fimi 
le a quelli che fono in Roma.ma il pazzo volgo tiene,che quello era vn palazzo.doue habitaua' 
noidemoni:iqualipofcia furono cacciati da iMahumettani nel tempo che vennero ad habitat 
Coftantina.appreflùilhumefottolerupi,douefidifcende,fono alcuni gradi cauati per forza di 
ferro:&: vicino al detto fiume e vna loggia fatta in volte, &: tutta tagliata con ftromeiiti di ferro,di 
modo.che I tctto,le colane, &: il pauimèto fono tutti dVn pezzo.Si: le dòne della città vfano lauar 
lor pani nella detta loggia . difcolto dalla città quafì tre tratte di mano,è vn bagno, ilquale è vna 
Bagno cai- fontana d'acqua caldà,c:he fi fparge fra certe pietre grolle: & iui lì triTOua infinita quantità di tarta 
'*°' ruche,ouer bilce fcodcllaie,lequali fono hauute dalle femine per maligni fpiriti : 5C come ad alcu' 

supetflitio na p qualche accideie vien la febbre,© altro male dicono efrere,^ cagione di qfte tartaruchc.8^ fu- 1 
ne tidicuio bito in rimedio di ciò ammazzano alquate galline bianche,&: pongonle dentro vna pignatta dì 
fa dicerie j^tgigior piume,et attaccadod'intomo la pignatta moltecadeledìcerapiccoleportanoqltecofi 
dóue >mà- f^j(g(.Qfe alla fontana, &: li prelTo le lafciano.fic molti buoni còpagni comcvedono alcimadòna, 
- che va verfo qf fa fontana co la pignatta,^ la gallina,lafeguitano,S(:comela è partita, pigliano la 
pignatta co la gallina,&: fé la cuocano,^: mangiala, più lótano della detta verfo leuatc e vn fonte 
di viua,& frefca aqua: vidno alquale è vno edificio di marmo:doue fono intagliate alcune figura 
come io ne ho veduto in Roma,6<: per tutta l'Europa.^ il volgo fi credc,che quella anticamente 
fulfe vna fchuola di lettere,nellaquale elTendo il maeftro.et i difcepoli perfone wio(e per loro pcc 
cati,melTer Domencdio quelli>8<: la fchuola i marmo trasformane, icittadini fogliono ragunare 
vna' carouana per Numidia due volte l'anno : QC portano panni di lana fatti nel paefc , & non so 
che altri imbrattamenti detti Elhalis.&: perche le più volte fono aflaltati dagli A bi, menano 
pei loro fìcurtà alcuni archibulieri turchi,iquali fono molto bene da loro pagati, quefli mercatan 
ti a Tunis non pagano gabella:folamente nell'vfcir di Colf antina pagano ducdC mezzo per cen 
to,ma l'andare aTunis è loro più tofto danno:che vtile:pcrcioche corrotti da i piaceri,d^ dallcl»' 
fciuie confununo la più parte a» ciò che portano cori le femine da partito, 

MeUCim, 
Mela è vna città antica,cdificata da Romani,difcofta da Cofiatina circa a dodici miglia.è cinta 

dt ' f. 0.^ L'~ ^ :i^C.w^^i*i ^m»^ t-^^^^r^t *^X ff^^t^^ .'.« 1,..* M^,^1*<^ t.^t.a*'«*«j^*«.' M lV.^m'tTftifi^nl 
amiche mur;j,W.iau e ìlIlJ.aiuu_iJ!.si:a ir^-^-^mO-.Oiz-^- :■-■. ss-istt-m. J5:t:-^^:-.ai:_ii:i,-::-.'g.'<> 

Signori. V'è gran copia d'anigiani : maflTunamente di teiritori di panni di lana , de quali lì fanno 

COlttC 



dóue ijuà- 
ào vien 10 
ro la feb- 
bre. 



A coltre ( 
hitatoi 
datilfif 
carnc,i 
giulliti 
nialep 

Bon 

poncnt 

da Goti 

Uàmc la 

crea à d 

cioè la ci 

habitatc 

mahap 

piaccuol 

vedono 

natoriJi, 

B Hi rettori 

ni\!:^ràfo 

fanno gr; 

parte di K 

uè (noie a 

gnajaqu. 

tutta buo: 

molte vac 

na,qiia(i r 

(iacittàm 

cópcrar g 

re fare vn 

(io da lei e 

repliche il 

chicfero he 

volte i Gei 

cupcrata d 

Tcfasfu 

C circa a cent 

belle calè :i 

rihabi'tò, & 

feria. Final 

quclto pop 

in ilio aiuto 

lOjchevcciii 

Relafacche 

TebelTa^ 

re Mediterr 

mura, (atte ( 

Roma.neio 

dcntro/ono 

na parte dell; 

«pitaffi di Ict 

campagna e; 

cinque migli 

S^ndi.vicii 

difcrro;&'ili 



ta Illa data, al' Q 
erra a gli Ara- 
iifordmato vù 
ido molto gio 
lo vergogna™ 
ne. poi mandò 
cntato dal Re 
polo molto ri- 
a fatta pure nel 
, chiamato El' 
Imente mille J 
agliardi di tur- 
ila caualli, non 
i fine ^^ennc in 
:ic:loquaIeac- 
pio , il popolo, 
dVna città dct • 
:rfo Coftantina 
elRe:ilqualclo E 
Ito mila ducati, 
ma dipoi fdcccn 
aflediollo nella 
pace del Re, nò 
)in manoifuoi 
ttibuoni,& fer- 
ii belli giardini: 
icittà n veggo- 
triomphalefimi 
douc habitaua' 
nero ad habitat 
iati per forza di 
ncntidiferrOjdi 
:ittà vfano lauar 
io,ilqualeèvna 
quantità di tarta 
3i;comcadalcU' 
ìrtaruchc&fU'P 
vna pignatta cu 
)ortanoqltecori 
10 alcuna dona, 
rtita, pigliano la 
euate e vn fonte 
te alcune figura 
ella anticamente 
iofe per loro pcc 
;liono ragunare 
pacfe,&nonsò 
A bij menano 
qucftimercatan 
;: mezzo per ccn 
iaceri,&dalleli' 



liei migliai cinta 

(dequalififenna 
colue 



. , ^ E t I*A F R I e A 

A coltre per copnmcti di letto- nrlla niQ^.^, ' i « ,- ^^s 

da tillìmo non folo di poma 6^ di pere &: dStn fm r^ '^ ''' ^'^^^ «ntciIetto.il pacfc è abho.1 
carneA-d.pane.iLS,gnorediCoVn^,S^";X^^^^ 

g.u auia,comc per r.fcuoterc lentrate à lu depumc tonTl?"'^' ""'.r " -^^"'^''"^torc f. per far 
"uleptuvolcequefhgouernatorironovcSffiS^^^^^ 
Bona è città anticha edificata da RomanffS m?'* ^ ■ 
onente.detta anticamente Hippo,doue fu ep SoTamóT"? "^ ' '«° ""'" "^'g''^ verfo s«to A.» 

lClOttI.mafllHinnii-.p^A^. I-I.„..Vr .-H'^^i'POIantOAiroflmo anir->l«f..<. '^ . fX...^ e'?. 




\-i:- ' ^• 



..-.^..MaMuu.uiincnroaiminacciarci KediTuniQHrHrr - . "'^'*"'^°'^<^'ao"o^^g 

B fu retton non manda.accòpagnanoquefta ,to S^^^^^^ 
n.> ora fede m alcuni huomini che vano à mXd, mzLi %. J''''P'T"^ ^^' ^'^^'K^'° ^'^^ '<^4o 
fannograndel,onore.indettacittànonronofontlSV^^^^^^ ^ì"' "^"° f^nti.&gli 

parte di icucfc v'< vna gradc & forte roccha cn^.T'^^^^^'"^ ^ ^^^^^^ di pioggia.a: verfo ia 

ue(uolealIogj,arengluernatorcdd?S^J^S'd^^^^^^^^ 

gnaJacj.uIescllcdcorcaàquaratamigliaiSX'^^^^^^ 

tutta buona p grano.à: e liabitata dacmo poS Ar^f^^ ".T^"' '" '^'•8''"^«> 'a quaieè 

n.olrcvacchc,.\'buoi,.Vpecore;deilequaffictu1f,°^^^^^^^^ 

ra,qiiali no le ne truouano danari,£^ mede! imamrn/!? i ^""''°'^''/ porràdoli à vedere à Eo. 

rhcutàmolnlcg^.idaTunis,dalGerboASa^^^^^^^^^ 

coperar grano SC butiroA' fono molto ient.lncme ,rlr . r ' f """ ^ ^"^''° ^^ ticnoua per 
, '^ffv.ìmercatodifuor.deIlacittàapp?XS^^^^^^^^ 

fio da le. e vna fp.agg.a nel niare,doue ihruoua,rn3co J"" '"""° ' ^?' ' "^ "^°^'° ^'^^^ 
re njlche .1 Re atlìttaua la detta fpiagg.a ad alcunTceno S '"/' '^""^ ^'' ^^ P^^^^^'ò coglie 
cl.derol.cézaalRcdifabbricaruiv,lfo„S^ 

vo].c.GenouefifottoàtaliafiutiesVmpadron.ronod^^^^^^^^ 

cupcratada vn RcdiTunis. ^ ""^"^ "'^'^^^"'^«^SS'^rono.dapoifuri- 

Tcfes fu citta anticha, & edificata da PIiAfr- f ^ 'J''^ (-'thu 

C circaacentocùìquantamigliaverfomelzoSX'^ ^°n» 

belleca ei^mafuroumataa^faccheggiataneherDo ch^^^^^^ 
r.hab,to,&qualchemefcfenzadannin3SKo^^^^^^^^ 

farla . analmente la tenne vn popolo A fricano no" -- ^"" Arabi,che tornarono a dif. 

quc(topopolo,lcuinomeèH^aoL°ffuS^ 

n ftu> atuto con molti caualli,& a d./petto dcSa^^^^^^^^ 
!o,che vccife .1 Principe di Coffantina detto tSàf/r iS'l' ^ ' J'y^^''^ ' ^°«"' « f" quel- 

RelafaccheggióAdifirufTeq«cllo,cheriniaSa. ^ ^^^ 

IJuraJattedialcunegrofrepfetrelauoraS^^^^^^ 

Roma ne.o per tutta l'Afr.ca,ne in tutta Europa'uJvT^^^^^^^ 

dentro/ono altretanto brutte, vicino alla de «arf^Tf^^ ^"'="'' ^onc.mz k cafe di 

n.pa^edellacKta.nelIapiazzaA'inS rSSrn^'''?'"°^ 
fpuaffidne,.erelatinema.ufculeAalcu"S^^^^ 

ampagna eabbondante,ma non ha S^gtCerno'^' "^'"^^1^ ""' ^^'^" ^' ^^^P^^ • '^ 

^^ta^tlpopoIazzoòSiaidi^^ÈSe^Ki;^^^ 

^ « chci 



I "i 



t « 




! 'i l 



» I » " 'F 





Q^V INTA PARTE 








-hr i Romani cauaflTcro di quindi le pictrc.có che cdificaronolc mura della «tta- gì. huomini fo D 
,ÌauaW^oziS'ihal.:ncvogliono\ 

pofe in fu?bialk^o quelli veri ..quali ho voluto notareper d.fprcgio della detta citta. 

f uor,che le noci,altro non e in Tebefla, 

Che li polla fiiniar pregiato SC degno, 

Errai,vi fon le mura A' l'acque chiare 

Del vicin fiumciSt di virtute è fgombra, 

Dirollo.clle è rinfcrno>&: tantijporci 

iroifuiSo^^^^^^^ 

,orSc^tà,egliL Tempre furonorubelliaiRediTunisvccidendo.^ 

I^ mandaùanà onde nel viaggio, che fece il prefente R e in Numidia cflendo egli appreflo que 

naSfmS fuoicurfori,d)edimanda{reroal popolochi viueu 

fo dò Te mura della attà.perilche fermandouili ilKe, le diede la battaglia A b prefc:molu di co 

lo^XcSmpiccare^éadaltr^ . li che eUa ne rimale difetta, glianm a punto 

nouccento quindici di Lhcgira, ^ 

VrhsCitta, , 

Vrbs è anticha città fabbricata da Romani,comc li conofce dal nome^n vna bellilTima pianu , 
rasane Lredelleprouinciedi tutta l'Africa , doue fonomolto g^Oi 6^ più piani . terreni con 
rommoicad.molfaacquaAdaquefiacampagnafifornicetuttaTun^^d 
nerciochelacittàèdifcoUadaTunisccitonouanta miglia vcrlo mezzo g.orno.e^lono mici 
K anr- he reliquie de Romani: come (ono latue di marmo,tauole d. marmo fu le portccon 

toelerrc^^^^^^^^^ 

SgÓu con liuto degli Africani; perche iui era rimalta la nobiltà A' le ricchezze d i koma. 

nichcerànomAfricaAitetteper alcun tcpodishab.tata.poii.rihabito,maa^^^ 

e o pafla fra vna roccha,che v'^, OC due cafali vn gran capo d'acqua purgata & buona A co. re 

Ca vn c^ulc fatto di pietre c^f. candide.che paion d'argento : &' (opra quello f. macina ^^ 

no^'accmanakedavnacollinadifcoftadalladettac:uàcircaamezzom.gl.^ 

nercheiutti" fuoi habitatori fono diuif. in due parti , in lauoratori di campi 6^ teiritori di tele & 

Sto 1 amauano i Re di Tunis.ma fé quelli Re hautflcro conofciuta a fert.hta dC abbondai, 

zadmuefacittà,lidigrani,comedibeftiami,etd'acqu^^ 

febbono lak^^^ da parte Tunis per habitare in quella, ben la conofcono gli Arabi: che 

ogni Ibtf vengono n^^^^ 

faneldilerto. . 

Beg^ta. 
Becztaèvnaantichadttà edificata daiRomaninellacoftadVnacollinadifcoftadalmarcMei 

diSeo circa a ventidnque miglia A da Tunis arca à ottanta,o poco più verfo ponente Ai a 

SmaXa,chtèachiltparte§aCoftantina per andareàTunis. auefta Citta fu da Ro. 

S^bb ica tanelluogo,doueera vn'altraCittà:perciondiffevecchia.d^^ 

b & i due e e n g A chiamali Beggia.ma,io credo chel nome primo che li pofero. Roman. 1. 

có^ottrpcrlagranmutationdiS^nori5^difede,vedendolichequellapard^ 

fhCi affihorale^ 
o?H7nam&fornitadk)eniTorted'arti:maffimamentedit 

uorondiXf^Frc^^h^'^f"^"^^^^^^ 
SXeildettoterrcno:pcrciovencf!innobuonapartecoltiuarcaghArabiAcontuttoao 

no mv -.reinTunis. fedfulTerodueBeggie,ilgrano auanzarebbe .1 numero de la. • 
S Re diTunis pone loro tante grauczze,che à poco à poco vanno dedmando, QC molto perde 
do i miferi huomini della loro ciuilità. 

HainSammit, , , 

HainSammitcittà fuànoftri di edificata daiRediTunisdifcofta dalla fopradettacircaatre 

taS5?aed.Saro.io,perchenonperdeaequdlapartedelfertileterreno^^ 

ma t^Tafra pochi giorni per mano degli Arabi , fcguì la fua rou^^ 

'?f^:"L*„L°ÌlLh.rU.rnn«.nrhoraletorri.ct^^ 

tijcomc io medefimo ho veduto. ^^^j,, 



i 



Casba 
de forfè d 
noancho 
reno li gi: 
polo:dicl 

Choro 
Tunis cir( 
gran bofo 
cinouo for 
f,'r.m2ripc 
din j ri. 

Hcni^ut 
colLuiaTi 
prclìb alla ( 
giornoidif 
le fono mo 
" nenie del d 
alfa, dal Re 
grolle orati 
d un certo f 
diccLaccia, 
tolago:nèii 
l'horaiifmi 

Carthag) 

alcuni altri 

ferina, chela 

gitto.dimoe 

iìllcri^ oltre 

mancò l'imp 

ca,nmafero | 

doiMahun- 

r. di quelle d 

g i nobili Ron 

rrcdoppomo 

fudiltrutta& 

iicoPontcfìo 

chora molte j 

da &: larga, fc 

vn monte dif( 

liveniual'acq 

"ire per li deo 

ravitinaalmi 

acquedutti s'i 

chiedifici:dcq 

mente verfo p 

mirabili di boj 

da quelli giare 

firetta. perciot 

*cdileuante& 

ttdoddladett; 

uono in lei pji 

li.mac'èvnbs 

no ."di modo, e 



M 



li huomini fo D 
gbniofopoc 
crgogna.cò- 
cà. 



c>6 



io à gli liabt'ta 
atori, che cfTì 
appreflbque 
uà il moro ro( 
:(c:moltidico 
[ialini a punto 



ilIilTima piana | 
li i terreni con 
:nto et d'orzo: 
.&:rono in lei 
fu le porte con 
^ucl ta città pre 
ized'iRonU' 
idod'unvillag 
nona , de corre 
fi macina il ^ra 
cpocaciuiliti: 
fuori di tele, à: 
à&abbondan 
nza dubbio ha 
gli Arabi: che 
lanofenzaipc- 



la dal mare Mei 
lO ponente fu la 
>ittà fu da Ro' 
ivfucagiatain 
roi Romani lia 
tióèAraba.que 
: la Città è bene 
mcho infiniti la 
3ri non battano 
a: con tutto do 
moggia di gra' 
nero dell'arena. 
&: molto perde 



adetta circa à tré 
he non era colti 
ntimentodelRc 
jfoloi coprini?' 

Garba 



DEll'AFRICA 

dcforfedodicimi^IiamtornSr/v^^^TT:^^^^^^^^ 

no ancliora in nic. ht,o H.- „.-,.. rr ». * ""'^ <^"^" ^ vcnnquattro.Ic munì Hi n„.n\ . .. < r. . 



Ì 



dcforfedodicimi«Iia.ntor.ro:&'rvÌ^aTTum^^^^^^^ 

no ancliora in pic.fattc di pict, e «roffc llLTZZ?. . '^'" '^l"*''"'-^'''^ "n.ra di qucii , e ttà fo. 

renof.giacemculto:merc'cdclla^n?pofnz^^^^^^^^^^ 

pokche lu da Viano coli graffi terreni^ IH^mom S^^^^^ 

T^J=S^:5^;^-SS Magrid.di.ofioda 

prclloal^adettaattàpalfa vnaGoletpdin arfà ncS^^ 

porno:d. pò. U va allargando,pcr in mo che ella duirnn '^•"""'^"^^•^^v.^'^ftcndc vcrfo mezzo 

lc/onomolnca[aI,.douehabK;nopeSri^^ u^^ 

airaidali<cdil^unisd'dauliArabindhaMl.f r ^ ''"^'^'''"'^'^'"'^ 

SrolleorateJeciua.pdano'c.nq'ei'S'^^^ffl^^ 

diinccrtopefcc,chegl,Africanich.amanoG'^raffà^^^^^^^^ 



Goletta. 



fo..cheIafai;S;n;:^XrÌ^ÌCSS 
S!rto.d.modo,cheniunacertezzarrS^^^^^^^ 

tlIcrif,oItre,chefraIorol,difcordano,LnéaIcunocl^^n^^^^^^^^^ 

.™ncohmpeno:diRoma.all'horatuttqueigo3am^^^^ 

C3,nma(ero p rncolan Signori di molti luòXna So ■ p f S'^','?'' ^^ '' trottarono in Afri 

do. Mahumcttan. vennero in Afr.ca &: orelt a T f . " ''''^"''^ '"''^ '' dominio.a^ qua 

nd.qudicduec.ttai.d.pa.-ti.ono&fc^ne^^^^^^ 
p .nob.l. Romania' i Gott.'S: fecero infieSfocr d l-/ ' :?' i^ * '•^'"' "''-''■'"" "^^"' 
^ rcdoppomohebactaglieiRomanifugSSifom o^^^^ 

fiidiltrutta 8C faccheggiata : & molti aSS rim.lTl?.? '. ^"' '-^'^urono Carthag.nc : Ku mal 

t.coPonteiìce,chelalÌnhabirrnX"S^^^^ 
choramoltepartidellemura.ntere:&c'eS.n^^^^^^^^^ 
cia&larga.fonoet.and.o,nterigliacquedut nr^auTr' 'h 
vnmonted.fco(fodaCarthaginccircaa ren aS^^^^^^^^^^^^ 

^ven.ual■acquaalpalazzomaggiorediKoma!5^nn^ ' ,"°'^ 

n'reperlidettiacquedutt.:iquahvSoba^ìaT^^^^^^ 

rav.anaalmont?èaIta.&:^uantoì"c^^^^^^^^^ 

acquedutti s'inalzaiio, iìntlegiunpono à c'.r h. ^^^^^^ 7r ^ 

chied.fid:dequahhoràperSrSenonm^^^^^ 

«nente verfo ponete OC mezzo giorno.fono alia, ni m^^.'^ '"'^'':"^;L"^ ^^"'> ^'"à , mal fima. 

«;.rab.hdibontà, chedigrofTezla &S^^^^^^^^ 

J^quefiigiardiniTunisbfornircedifruttVlacam^ 

«retta, percioche da verfo traniontana v'" 1 nion "^f S t^ f '^' ^T!' ^'•"''^"^ ' '"^ «^ '"o to 

«^dilcuante^damezzogiorn^coXa Lre rSi.Tf ''^ 



me- 





I 




Goletta. 



CaiareSe- 
dilìcaio. 



i 




'i 





Q^V INTA PARTE 

A' .rcfch.ni A' dimonrano cl'cncrc molto rcligioiì. Sono la maggior parte h^^^^^^ 

^rTd. ò m p.:m ., ng^rauati dal Re per i. ^atta man.era,che niuno può cller padrone di diec. du. 

catt.laciHingiultitiaatuuicnota. ^ 

T.it »•>•.<» cittx di Tunis. 
Vnis è chiamata da LatmiTÙnctum A da gli Arabi Tunus^ma elfi tengono qucflo 

notile per coi .otto vocahoUrpcrciochc nella loro lingua cofa alcuna non lignilica. 
A.u.canicnte ouelia città tu detta Tarlis, come quel a tra.ch e in Alia . come i lu,cl 
la fu VM tem pò piccola città edihcata da «li Africani fu 1 lago che e formato della t,o 

km .incolta dui mare mediterraneo crea a dodici miglixma pofcia,chc fu rouinata Cartha^mc 

1 lo lacUtd.ncomincioacrelcereS^dinumcrodhabitat.^ 

fcrciti che prefcro Carthagine.non volendo in lei dimorare per tema di qualche nuouo foccor- 

foX la E^LH opa.vennero ad alloggiare inTunisA ediHcarono molte cafe . venne dipoi vn ca- 

p^nnocSacba d. Vtmen quarto Pontefice : ilquale fece^^^ 

feuanoferlrnincittà,chefu{Svic.naalmare,ò 

tà che e chiamata Cairaoan lontana dal mare circa a trenta fei miglia , dC dal unis circa a cento. 

LXctral,nouelarciòTuris,e^habitoqueUacittà.c\altragaesimpadroni^ 

ni he uro^^ 

S gli Arabi:di maniera,che l fuo rettore li fuggi verlo ponente A regno in Buggia A m tu 
aucìla parte vfcina.6^ rimale in Tunis vna famiglia pure de parenn del rettore , che era fugaito 
rarraoa:nellaqualefuronoalcuni,checom.Signori,lapolledeuano^ 
di Buggia furono /cacciati da Giufeppe figliuolo di Teshn.&: veggcdo la h umiltà QC la obbcdie 
sa duìUi Signori gli lafciò in iftato: nel quale tato durarono,che regno la famiglia di G.ufeppc. 
:cio e Abdul Mumen Re di Marocci hauédo r.acquiftato Mahdia.che era liata prefa dachr, 
hn nel fuo ritorno paifó p Tunis,»: leuó loro la Signoria . Per tutto adunque il tepo.che vide 
ASMumen A Giufeppe iuo hglurolo A i defccdéti U^^^^^^^^ 

ce fotto .1 «oucr Ao d . Re di xMarocco.doppo la morte di T lafor il fuo hgliuolo Mahumct tnna 
ftrSègLraalRediSpagna:mafuvinto&fcacciaw.-aidefuggiaMaro^ 

a^ona v^lTe pochi anni.doppo la fua morte fu eletto fuo fratello Giufeppe:.lquale fu vccifo da 
"cSSdeTRediTeIenhn.fralarottadiMaumet£^lafuamorteAb^^^^ 
Sàdlo,gliArabitornaronoadhabitarlolhtodiTunis:&fpuentea{red.arono.lgou^^^^^^ 

ore di Tunfe . pilche egli fece intèdere al Re di Marocco,che fé il detto non madaua pretto foo 
corfo,era adretto a dar h città agli Arabi . il Ile penfò,che a quefia imprcfa di grade & bene cfpe 
rSLohuomofaceuadibifoV.ondcdituttalafuacortevenceleffevnod. Sibilla CKtd^ 
GranatadettoHabduluahidi:ilqualcvimandòconlameddimaautorita,chehaueuaegli:roltm 

accòpagnato da venti grolle nau. arriuc > - runis,laquale trouo mezza disfatta uà gli Arabi : tv 
con la fua molta prudenza &: ornata eloquenza radettò le cofc A P^afico tutto quello (la o . r. 
fcotendo le intratc del paefe . a coltui fucceffe il hgliuolo.il cui nome fu Abu Zacchena ilqua e f 
a: di dottrina 8C d'ingegno auanzò il padre . fece egli in Tunis dalla parte di ponente nel p.u al. 
toIuogodcllacittàedificarevnagranrocchaAdentrodibeipala7.ziAvnbeltempio,nclqua^ 

le e vn'alta torrefatta Umilmente con bella forma di mura. Se n andò anchora il detto Zacchena 
iniìno a Tripoli A tornò dalla parte di mezzo giorno rifcotendo i frutti del paefe: di modo che 
quando egli (i morì , lafciò vn gran theforo . SuccefTe doppo la morte dt quef^o vn fuo hghuo 
IaiIqualeruvnfuperbogiouane,mpiuf.degnauade(rer(oggettoa.S.gnor.d.Maro^^^^^^^ 
ciocleairhoraidcttiJ^ignorihaueuanoincomindatoacadere^teragialeuatamp^^^^^^ 

di MarinAregnaua nella regione di FezA Beni Zeiien in Telenlin & in ^^ana a. Q^d 
dipoi incominciarono a combattere &: giuocar fra loro medefimi lo ftato. Onde per la d.frord. 
diqueftiaccrefceuanoleforzealSignordiTunis.intanto,cheeghfen anc^ocol fu( ellTO 

Telenlin , & n'hebbe tributo . per quefto il Re dellacafa di Marin,che «a a U hora a" imp ^ ^ 
Marocco , mandò molti prefenti al detto Signore:raccomandandoii lui 8^ il fuo Itato . 11 iigno 
re lo riceuè per buono amico,matuttauolta per molto minore di lui. Coh cgh vinatore con 
grandtlfimotriomphoaTunisiì tornò: feccendoli chiamare Redi Africa. Etmemamentc 
quefto titolo gli conueniua:perche allhora non era il maggior Signore di \m in tutta 1 Atrica. 
Cominciò adunque egli a ordinar real corte,fecretari, conhglieri A general capitano -Vsoan/ 

chora tutte le cerimonie , che vfauano i Re di Marocco . Hora dal tempo di quefto Sig^orcti- 

Il q.„3 „.^ Ti'Pf Tidò f""^ '^-'' ':>rrrrfi-pnc^n . fi di habitationi.come di ouiiita : taimcme) 

cheeUadiuenne ddlAfricafingularifTima città» Doppo la morte di coftuiU figUuolo,acia^ 



A rcalco 

tabed 

nera, e 

fpetiali 

habttar 

(óglian 

har,cic 

ftoborj 

thalani. 

£ii grani 

che fra I. 

mente b 

iiabitata 

perciocli 

lAfrica,! 

te fanno 

oda vna 

vn folaio 

^ adeguale 

di lì fatici 

giani.con 

ri, pellicci 

iqualifog 

nera Scià' 

io è molti 

quelli, chi 

grolfidol( 

cedei Rei 

fi.che'lpn 

nc,pcrche 

HÉtilgr2 

hanno ceri 

che poco d 

ognipodei 

no alle qua 

inmodojcl 

'I ^ può vfcire 

che ciò ad a 

co,&: ben o 

in farlo vna 

quelli che il 

lianno per \ 

fcagnatain; 

melarance: i 

EtloChian 

che farina d 

Pigliano la f 

to ben la peli 

tono,comeii 

nodeglialtri 

macini fopra 

può macinar 

ma vi fono ci 

quaviua,m; 

vtri, argli e 

«iiapiufanac 



obni'.òlauora' B 
3nc di dieci du' 



erigono qucfìo 
. non lignilica. 
a.comcitlij.cl 
•maro della Ciò 
ita Cartha^inc, 
pcrciochc j;lie( 
; nuouo foccoN 
ne dipoi vnca- 
eflcrcitinondo 
fabbricò vna cu 
is circa a cento. 
dcllecafcdiTu 
loa iurouinato 
Tgia,& in tutu 
che era fug<Tito I 
(diecianni quei 
là Oc la obbedié 
ia di Giufeppc. 
ataprcfadadiri 
iltépo.chevidc 
lis li rimafc in pj 
VlahunictEnna 
o:&^doppoque 
ralefu vccifoda 
rtedi Giufeppc 
onoilgoucrna' 
daua prcfto foc' 
ide&benecfpc 
li Sibilia citt^i 
jueuacgli:coftui 
da gli Àrabi ;fti 
quello ftato,ri- 
icchcria,ilquakl 
nentenelpiual' 
empio.nel qua- 
detto Zaccheria 
efc: di modo,chc 
tovnfuofigliuo 
iiMarocco.pei' 
inpiclafatniglia 
ìranata. Queftl 
cpcrladifrordia 
al fuo efferato a 
oraairimprcfadi 
aftato. USigno 
y\i vincitore con 
Et meritamente 
1 tutta l'Africa, 
pitano.Vsòan/ 
ueftoSigiioreti' 
iuilità:talmcnie, 
[igliuolo,acuiiai 



D E r , 

*rcaIcoronapcrucnnc,fcccfabhrfcaraIcun.bo. 
fa Bed huuaica, «Iquaic fa circa a trecento fuoch 
nera , che ve ne fa crea a mille . & fono qu. 'h Ju. 
fpenal, , 6C d'altri.in cjuefb vltimo e vna fep.r 
hab.tano.chr.Hia„icl.TunÌ3,cI,esadopcrano!,^^^ 
fogliano fare i niori.c crefciuto dipoi vnaltro h. i ^ 
har cioèla porta della manna, lauu Ice J^J^^a 1 i V n 'r'T ^" '^ P' ' 
fto borgbo allogo,..„o i mercanti d.r S fo e eH^.tt^^^^^^ " ' ^'^ «- 1"^ 

lhaIan..a:tuttitcngonoilorofondachia? cCS^^^^^^^^ ^ '""''"'• ^^' 

fc. grandetto:^ fa circa a trecca to fuochrfraS^^^^ 

chcfra la cittì murata &: i fuoiborol,. fr.»! ^"""'««nitt nion.nia Iccafc kmo vwioìe in ^^^ 



torno alla città, vno fuor/dVna porta det^ 
trof, .nd'm porta cbiamat.Hcd ci mÌ 
Mh-ripienui .finiti artigiani, pefra or, 

ne e fuori va ,Ia porta ., Hata Bd ^ Ba 

njiglio me 
"- cnetiani , Ca 



IAfrit-aA'moltocarcpcrcilcrcIIcnofoftil.'.Vrlw r 1 ^"^' '*^^"'''' '« rendono prrrarfa 

.efa.mofiIare,^qua.lf,,.„;'Xod Lt^^^^^^^^^^^^ 
oda vna hncltra,cl,e rifponda nella corte deliac-iì'^n-^^'? """^^"o «' l^^to molto in mu 
vnfolaioairaltro. Ondeperlagraue"add^^^^^^ cikttòd" 

B S^,^K-'-«''^dettacitt/è vnaf^Tzr^^^^^^^ ''^.lo vene ben' tirato, i.^tt 

d. I. btte tele .quali fotìo tenuti^, I. piuSi^?^^^^^^^ 
g.am:comerpctiali,&queichevendonogIifc,roppie ht^^ 

n, pelliccia., fruttaruol.,quelliclK- vendono .1 latfCc^/c Sn'<f 'i '"ì^^'"' fctaiuoli, farti, fella 
iquah fogl.ono vccider maggior copia d'ai^nril H?^' . "° ' P''" ^'"'«o '" ^^''o. &: beccai- 

..era ^ la'iate : fono diuerir'aLmXrl4Tr? 

lo e molto benigno 8c amoreuolc Fr oK -»-, ' 'i'P*^'^"^'" ^'»''«-'bbc a raccontare . Il nono 

groin dolopan. con vna lunga touaclia eh.- auZnJ^. *^°" ''^"^ ''=*^'"'^ portando in capo ceni 

cedei Re & . foldati, ma nò lo\uopr§no^^^^^^^^^^^^^ 

k che'l prezzo ordinario (i e tre doble Icrcd^TrU 7 P"'*" P"" '" "«■^^"''^ d«^' ^rano qua. 

nc.percheiIpopoIodeIIacittànonpuoS^^^^^^^ 

ktt.lgranoecondottodaIontano,comedrVrbs7aBe'r^^^ ' 

hannocerti piccoli podcrottipur Vie ni alla cittImMr.MH'^^^^^ 

ehepocodbrzoòd^frument^o.EtqS^^^^^^^^ 

ogni poderetto e vn pozzo,daIquale fanno cauar la qXon^^^^^^^^^^ "''"'''' ' '^'' '« 

noallequaifonoalcunicanalifattimaeiìreuolnien eTan^n ^ ?'Ì^ 
^^ '""^odo,cheracquafenevienfaori,6^ba8nS nat,^T^^^^ 
: C puovfare d^v" poco di terreno murato, ^itnuTZ ^'^ ^''^'°' cbc 

<licc.oadalcunononbafbperJametàde l'anno Tn^l^ artifici^ a^: huori. Conchiudo 

co &:bencotto,a:tuttauia£fannonond S;^^^^^ 

.11 farlo vna gran Cuica mafsime a far la pXLn mTh.,? ^'"'°" '°" ^""^ ^^ fi'""^, vfando 

<l«cllichei.peftailrifo,ouer.llinon pTf 'dl^^^^^^^^ ^^ui come 

.annopervgualcoffumedimangiareK^^ 

K^nata m acqua & ridotta a guifa di coàdremeuonovn^^ 

melarance: & quello cotal cbS crudo ingl lotlTf n "a m (L "^ °' r '° ^"''° ^' ''"»°"'^ « di 

EtloChumanoBefischeècofamoItobSrV^"^^^^ 

che farma d orzo,che e comperata per Io deno cibo VA P'^^,'',^'"*^"^ ^1"^'^ altio non fi vede, ^^''^ '"">• 

P.^I.anolapafbleggiera,&LnolS^^^^^^^^^ 

toben la peftano .& raccoltola tutta nel m^zoTndffi^^^^^ 

torio,come il fopradctto,fenza mai hcarh <?a ruS? /°P,'' °.''° ° ^ 

nodeglialtri,iquaIifonodeIicati&ceS^^^^^^^^^ Vencvaf "'"" 

-cin,fopral'iqua.matutt.?o;orf^'i^^^^^^^^ 

può nìacmare vna foma di grano . Non v^Siel^fhlj '' "" "'" '"° ^PP'^"^ «'^ '' d.', 

ria V. fono c.fìerne,douefirlccoglielacquaS^^^^^^^ 

quaviua,maéaIquanto falata; alauale vanno oR^^.^"°"'^'^"^ <^""^vn poizo d'ac. 

vtri, e^gli empiono &:vrn?onnl"±y'"?.°§''^^^^^ Velcro befìic &: con 1. 1 S 

dlapiufanadelì'acqua.delleciftcrner'H^Ifont^^^^ vfa bere per"e^re 



i. 



i.i 





'o^";pozzidtbuonùnmaacq^;;„;^^S 
^^ » ^n cuor 



gnorc 




fah\ lono 
icpixaii ^ 
làuti. 



::|l 




Q^V INTA PARTB 

cnorc ar n ' fuc»! cortfgianf.vV vn bcllifìTimo tempio , &.' molto j^randc , (i:)mito fi di nuiru o di D 
laccrdoti.comc di ^;t andczza dcntrata.vi (ono altri tempi per la città & per ii borglu, ma di mi- 
nor qualità. CùlleKi di fcholari vi fono molti.à: monaitcri d'alcuni loro i c.igioii: a quali le limo 
I p»ii cl.c (mede! popolo por^ono honclbmentc il viucre.c in tutti rIi liahitatori nati) dil ums vna li ht 
ta fcioclKZza.chc còme veggono vnpazzo.chc trag«hailairi,llidtmo per finto,^ dlendoio 
in Tunis,il Re lece cdilicarc a vno di quegli pazzi chiamato Sidi ci Dalli che andaua veltito d| 
faccho (coperto il capo &.' difcal^o , & tiraua falli &C cridaua come arrabbiato, vn bellillimo mo. 
naltcroA dcitegh vna grofla entrata per il (uo viuei e OC di tutti li luoi pareti . La più parte del 
k cale hanno aliai bella formai fono latte di pietre concie 8C ben lauoratc : ne i cicli delle quali 
vfano molli ornamenti di molaico,* di gello intagliato con intagli mirabili^ dipinto co azur 
fo&: altri colori Hniirmii. Et quello fanno perche luTunis è grandilhmacarclha di tauoic Si 
di legnami . Onde non polTono formar fcnon brutti traui : i pauimenn delle ftanzc fogliono la 
leggiar con belle pietre inuetriatc & lucide,& le corti con tauolettc quadre di pu-tre eguali &' pò 
liteVEt quali generalmente ogni cafa è dvnlolaio.lcntrata della quale e bella, tra due porte: 
luna fopra la llrada A Wtra e Ira l'entrata & la'cafa A' vi s'entra per alcuni gradi , ornati gcntiU 
mente di pietrcA lludia ciafcuno difar l'entrata più bella &: pui apparente del relto della calaijv 
cloche i cutadini vlano le più volte di llarli m quelle entrate , &: quiui o trattenerli con gli ami 
ci ò ragionar con i feruitori.vi fono molte (Iute molto più ordinate &' più commodc di quelle di 
Fez,ma non coli bclle,nc di tanta grandezza. Fuori della città lono belliliime pollelliom di bel j 
lifimitTUttijiqualinafcono in poca quantità,ina fono tutu buoni. Di giardini ve vn numero 
quali infinito piantati di melaranci,di hmoni.di rofcA d'altri tìori gcntili.mallimamcntc m vn 
luogo detto bardo, douc fono i giardini & i palazzi nobili del Re fabbricati (upcrbamentc con 
intagli & colori tìnilTimi,* d'intorno la città circa à 4.ò.6.miglia r cialcun lato,(ono molullimi 
terreni d'oliue:dellc quali (i caua tati quantità d'oho.chc tornilce la citia,c\' molto ctiandio le ne 
inada in Egitto.* de i legni delloliua ne fanno il carbone,che s'adopera nellacitta:et parte di dct 
ti legni s'abbrucixdi modo.chc nò è in tutto il mòdo li '^.ra carcl eia di Iegnc,come in i ums. hnal 
mete per la gran pouertà del popolo non folo li truouai;o molte temine , che per poco prezzo 
vendono la loro cafiita ad altrui,ma i fanciulli anchor a li (ottopongono a gli huomini , OC fono 
più dishonclti * nel vero più sfacciati delle publiche &.' inbmi.ma come li iia,le donne vano be 
veline dC ornatc.cgii è vero,chc fuori di cafa li cuoprono i vifi,comcJe donne di Hcz:ct fc gli cuo 
prono ponendo fopra vn panno della fronte molto largo vn'aliro panno detto fetfari:di mane* 
ra,che iUapo loro pare vna tetta di gigante.nellc politezze* nei profumi confumano tutta la 
loro cura.onde i profumieri fempre fono gli vltimi a ferrar le loro botteghc.fogliono gli lubita 
tori diqucfta città mangiare vnacertacompolitioiicchiamataihalisqualemolto cara,* man. 

gtatanc vna onda lì diuenta allegri * (i ride,* l'huom vorria mangiar per tre huomini,* diue 
ta peggio che imbriacOj* excita la libidine mirabilmente. 

Corte del Re , ordme,cermonw,Z-7' lificiali difutati, F 

IlRcdiTunis fi crea pure p hercdità * r elettioncdel padre col giuraméto d'i principali, co^ 

me fono capitani,dottori,facerdoti,giudid,* lettori:* come muore vn Re, fubito quello dice 

eletto fuccelibrcè pofto nella fedia reale,* tutti gli dano obbedienza.dipoi à lui s'apprefenta co 

lui,cbe tiene il maggior grado,ilqualeè detto Munafid,et ècome vice Re al gouerno del regno. 

Qudto Munatìd gli rcde còto di tutte le cofc da lui fino à quel giorno amminiarate:* col cofen 

timcto del Re ordina gli vlid dàdogli piena informatione di mandati * ddle prouifioni de foU 

dati. L'huomo di fccòda dignità è detto Mefuare:cheècome vn general capitano:ilquaIc ha pie 

na autorità fopra ilòldati* la guai dia del Rc:puodifpenfare*mtnuire & accrefceri falan de 

foldati,come gli pare,* farne le clcttioni,muouer gli dferdti,* cotaicofc . quantunq? hoggidi 

vi vuole elTer la perfona del Re. il terrò in ordine * dignità e il calìeilano:ilquale ha cura de i fol 

dati del caltcllo,delle fabbriche del detto * de i palazzi del Re,* de i prigioncri , che fono pol^tì 

in dio caltcUo P cofc di molto momcto:limilmcte ha autorità di far ragione adii gh viene inna< 

^i,nò altriment'i,che fc egli fulTe la propria perfona del Rc.il quarto è il goucrnatorc della cma.il 

quale é fopra le cofe capitali,* cafhga ciafcuno fecondo la grauezza del dclitto.il quinto e il mag 

cior fecretario,che fcriue * rifpòde in nome del Re:* ha autorità di potere aprir le letteredi oa 

kuno:eccctto de i due fopradetti. il fexto è il maeltro della fala.coftui ne di del còl iglio tien cura di 

ornare la ftaza di tapeti,* le mura di pani,* d'aflcgnare a ciafcuno il^prio luogo: comadando 

a i curfori p nome del Re,che diano gli aui(ì,che accadono nel detto còliglio,òdi préder qualche 

grande huomo.* qudto tale ha molta domef tichezza col Re:Rciothe gii può faudlare quaao 



Ihafis tó- 
pofuìoue. 



jl vaofc. il 

manid'd 

giorcon 

robbe,d 

ropcrci 

cììfdimi 

ò nò vi ci 

narichel 

ter la dog 

colidiqu 

città, lld 

Redi par 

Redo gli 

non carici 

itrglivfic 

di cibo* 

corte del f 

da roba, il ( 

JB cotai altri. I 

negatila ci 

loro capita 

iricauallic 

tilde fono, 

ni rinegati; 

va più da v 

dinanzi al J 

pureinanz 

partigiana i 

lira . d into 

rimonie.qi 

parlando, n 

ddReprefi 

no.* io nel 

qiicftoiie,< 

mirabile in < 

bridiedefui 

tatricifemin 

C Imomodeci 

poi entra do 

&cpcrvnc! 

neted'argen 

chiamata N; 

ticolarc infoi 

Napoli e f 
<eta,*di/co( 
pò molto hai 
mentano line 

Cam mari 
vcrfo n-amon 
frutti a Tunis 
KaTunis.m; 
no trarne fuoi 

JV'T^.r» : 



dinunviiodiD 
^bi, ma di mi, 
tc]iialiU-iimo 
unisvna iiht 
,dC cflctìdo io 
aua vcfhto di 
cllifrimo mo^ 
più parte del 
eli delle quali 
pioto cOasur 
ì di tauole dC 
se fogliono ia 
e eguali &' pò 
ira due pone: 
ornati geniiU 
to della cuia:[ì' 
icon gli ami 
idcdt quellcdi 
illeflìonidibcl « 
e vn numero 
lamcntc invn 
rbamcntccon 
ino moltillimi 
ctiandio le ne 
3:ct parte di dct 
in 'lunis. final 
•poco prezzo 
iminijd^ fono 
lonnc vanobé 
ez:etfcglicuo 
:tfaM;di nianic* 
umano iurta la 
ono gli lubita 
a cara, di nian^ 
L}oniini,6L diué 

(principali, CO' 
lite quello elicè 
s'apprefcntaco 
crno del regno, 
atcì&colcòfen 
ouifionidcfob 
io:ilqua!ebapie 
refcer i falari de 
itunqj hoggidi 
ha cura deifol 
, che (ono polii 
i gli viene innS' 
toredclladtta.il 
[quinto è il mag 
ir le lettere di da 
ìgliotiencuradi 
go: coni adando 
iprcder qualche 
ìaueiiarc quado 
vuole 



» E t l'A F R I C A 

man.dalcuni,chefonod,puut.Tlc(reS^ 

gior con fotro fcnttione d mano del Re In, .. f^ r , 'V, '''^' ' "'•'^"'" '^^"^'■••" dell VHcial mau 

robbcche vengono ridia cura da terra ^ C "o d '^.tf 5" 'T't ^"^"^'^ '^ ^^^'^^^^ ^ 

ropcrcento:&'tiencgruin,ol(i,iKj,,,cdi iw. r^^^^^ 

ched.mofir.nellapna^ózadelfe;rhr.t^^^^^^^^^^^^^^^ 

ono VI CI Icndo egh, lo tò^ono in prigione tmZJrn .? " ' ' •• PP'^cfen taiio al gabelliere , 

nar. che ha feco,iaccèdog|. Ur molti giSn ", nTo l"" ^ ^'" ^ ' *Ì ^'^''' ^" '^'^ ^^ ' ^-^ ' 

icrhdoganadeller.-^lv.chel.condU o^^^^^^^^^^^ vtìc.o e di nfcuo. 

col, di quellcche vcv^^ mo d. mare dC ,1 Urogo d it doSi^ ^T " fu ^''T' ^'" "'''''" 

otra. Il decimo e lo (pòduore. ikjualea gu.fa d. maliro du?r/h ^"^ t' ' ^°'*^"^ ^'^'"^ •»"-« 

Kcdi pancdi carne & d altre cofencrriJ.,. .^^ "^ • :, "^ '^^" '^"^' ^i fornii e il palazzo del 

K.,JcgI.Eunuch.,etdclledìmX^^^ 

J.cncar.codelIerpere,clKappart4;o:; co^^ 

rar gli vhci , che occorrono nel caltello ò iiLriri ^ a ii "^ ''"'^ """"^' '^' o . &: difpen- 

dicibo&'divelhmentifcconSw^^ 

cortedelRe.vene/onoalcunialtrivhSdhim^^^^^^^^^^^ 

daroba,.lcappcl ano,ilg,ud,ctdelcampo,Zri3c '^^^^^^^ 
B cotaialtr..t.erìe,dRcd.T.ni,,s.;,oo:cauSlilcS^t^^^ 
negatila cialcheduno di loro da prouilione peH t^'e on ^l ^'\ '' ""'u^T' P'''' ^'"'''^•^"' " 
lorocapitanoparticolarcchcglimettc &' dZr ^ f '^' PA'' ''<^'"''«"«-fi^ q^clti hanno vno 
.ncaualhdiruoinanjmori-iqiircSg^^^^^^^^^^^^^ 

ra:a^ fono,come mael tri del campo, ancora ,c ce ""k^^^ /'' '°^' P"""*^'"' ^Ha guer 
n.nnegan:& qucfti fcmpre vanno apprcHoi^caS^ 

vap.udavu:.noalRcla'guardiarecrep:cI e d^^^^^^^^^^ nella citti,o fuori.ma 

dinanzi al Re va v,, altra guardia a p,c 5^ nucfta . m !? ' ^ '''^"'''"° "'^' ^°''SO ^opradetto. 
pureinanz,aldetttoRev^.lcapodegin^^^^^^^^ ^^^h.l' di U.opp.; 

partigiana del Re,dallaltro quello che portalo ilnH^f' ^^^^"'^to vaqudlo, cheporlala 
L.dimornovannodiuerS:cometn'o°"Ì^^^ 

rimonie.queftoerordincarlaregola &:ilcSmlH n J'Tl'l'^"'''^^""'^»" 

p3rlando,maèd.fterenzagrapde^°ail vTuereó S H '^'l^ ''f/^" ^' ^"nis generalmente 
ddReprefente.perdochequeffoRe huo^^^^^^^^ fr^'' v'"?r particolare 

no.& io nel vero prendo vig o% a a cive i T.>n ^'^" "^'"^^daltro cofìume , & d altro goue ! 

qwcfjoRe.dalqu^lehonon^pXbeneft^iS^^^ 

in.rabile.ncauardanar.daruoiroggettiXSt^;^^^^^^^^^ 
br.d,ederuoipalazzi.doueeghnfacong3fe 
atricfemincquandondla rocca,a^quadone.S^?/J? '^^°'"'°" 
C l'"omodeccantare6fonarendIafuaSn"a dZ?<^^^^ S"àdo vii' 

poientradoueeglic.&IefueamorSnel'^^^^^^^^^^ 

i ^fP7vnducato&vnterzodiducati,cSrononerhF ^^Vr^''^^ 

nete d'argento quadre del pefo di ki caratti ,o o' » /i7 r?P'' ^' '^"""'^ ^"^^ora certe mo 

chiamataNarar;.queft.ducatindlaS^^^^^^^ 
«colare.nformationcd.Tunis:a.diao;hTm?^^^^^^^^^ 

po molto habitata dC è aflai ciu.lc.mTlfora non ^ n^' r ''"f ' ' ^.' '"°"' '^^^ ^^bd.fu vn te. 
nientanolino,nealtrodaquc/baSJol7ono! ' ' ''^^^^ 

ver^ri^:^^^^^^^^^^ 

taaTunis.ndfuoUno„aS^^^^^ 

'"Tunis.maquci,chclccomperonolctenannln' r ^"^'^^^ 
notrarnefuoridziicdiero. ^ ' ' "^°"°P"^"'"^"'^^°PPop^o;pcrciodienonfa." 

^"■^' i m ihagrnc 



t 



Doble, 



li 



r :,i 



Cannr di 
zucchato. 






il 






'il- 



ìiiii 



Q^VINTAPARTE 

. •«. c.'f.,-,^,fir-it-iciiGomvidnaaTuniscjica.S.migiiavcrlotra- 

nifonoprclio,chcnicuUicln. 

Evacha è vna piccola città antica edificata da Romani svnacolliiìa apprc(roilmar.,mafudi. 
ftiuttadauliArabi. 

"^ SuftCItU. ,.r n J T- • 

j r! . j^ Ur^r,,,. -li fui rmi-r mediterraneo '.dilcolta da liims. 
Su(lìcvnagrancmannt-ca cd.ficatada konun^^^^^ 

loo.mielia A' tuori di lei iono molti terreni d oliue bC ^«^'V' ''^"''y ' "",,^, .„ ,,L ,„olcltia deli 
ionoan^horamolt.terrcnipc,rzo,man..,Upo^.|^^^^ 

Arabi, iqiial. habitatori , fono huo.nini piaccuo h tv ''"'^'*" ' f^ ™ • „,,rcatanti in leuantcct 

& la ma^^.or parte d. quelli fono niarmai,iquaU vanno con 1. '"^ ';^^ l*™'"^^^^^^^^ 

in turcbit Ictmi Umilmente d. loro vanno in corfo ^f <^SSia.ido k atta v.^^^^^^^^ fiddle dfbo 

t„luo,ludltalia..lrn.anaed-.dett.fonootdI^to^^^^ 

cal.,.^ ^Voiiiu Ione di vai.:dc iquali tendono fornita la '^"^'f 'P; ";" " „j^* g^ a^^hora ve .1 pa 
caniacqinltoronoqudtar.ueva,Iadct.aatta urei,denzad U^^^^^ 

lazzo.l a cuti e bella f"^ murata intorno di belle mura A poU^ '".^".^h u !^p di va belliUlmo 
buatae.ornatadibelleca(c:dellcqualianchoravenea^cu^^^^^^^^ 

ciorni,tenutouidallamaluagitadd tempo. 

Momllcr è vni città antica edificata da Roman, lui mare difcofta da Sufa circa dodici m.slij, 
ivionaltcr e vna citta Jh^^-* «- ^ meddimamcntc fabbricate co bella 

diccmo: come Kmiio anchora tutte le citta, che fono m qudta riuicra, P*-"^"^^';*^ 7' J> , 
V nìicc che or-o & a quello propolito dirò ciò che m'intcrucnne trouandomi i viaggio lop 

luor.delladttà(onoallaiirimipo(rdriomdijh-utti,comccrifoindc,hche,mcle,pcrc,granatc,a 
numero infinito d'oliuc,ma pure il Signor molto 1 aggraua. 

Tobulbicvna città antica edificata daRonianifiilmarcmcditcrrancodifcoftadaMonalw 

cirlttfn^rvcS 

i^uali tutti furono abbadonati per oflefa de gli Arabi.no v e quantità di cafe, «^ f^"^^^^^^^^^^ 
S l4atedacerri,conKrel.g.oli:iqual.tégonovngranUiogoaguifad^^^^^^^ 
Lcllieri. vengono ancho de gli Arabi ndla atta , ma non tanno loro dilpiacerc. 

ElMMiaaiu r.- /-• j ir.,ri 

,. , , ,,^ r-. . , . j . - - . ■.. > - „»n,.. ff. 5 ^AiC-.r-.f. A3Ì M:ihdi iicrctico &: primo Potchcc del L.m 

:;;:^:;UulÌ:luiualela edificò fi.'lnìaremedùerraneo&lopravnbracciod. mote, die entramm^^^ 



B 



A gcndoi 

gcntcn 

imgenj 

che coi 

no dal ( 

di quel 

pai fion 

io incoi 

vna fon 

cioclic V 

ualcaua 

gi nella 1 

il ben di 

pacificò 

lo.dapo 

teiice di 

glimpoi 

con gli > 

uarro ce 

fi tornò; 

Asfac 
fCjChccfl 
ra.fugia 
teglie, pe 
la maggi! 
detto òpa 
bdeglial 
certi Icgn 

Cairao 

Arabia di 

?6.miglia. 

eulta, &:i 

&cinfela( 

fetto fop. , 

digràdcz 

qualcèlii 

liauiafino 

fco,iIquaI( 

^lii, qudh 

fcrcito.dif 

to, die egli 

lefbffe,& 

fuavccei'n 

niera,dicl 

lidie fece! 

fcrcito:à:ai 

affrontarci 

ta.mapern 

vcttoriaam 

cuIta,etmo. 

IcccnòChr 

niatemczz 

portando q 



ir; 



mahogguhaB 
[e. de vicino à 
ila date» 

liglia vcrfo tra- 
amcte dicarob 
Imcnte vicino a 
xorda il nome. 

iura:laqualccdi 
■ori,barcaruol), 
ipouerihuomi 



mare,mafudi' 



oftada Tunis. 
;antitàd'olto.vi £ 
[ molcftia degli 
i accarezzano, 
miinleuantcct 
a Sicilia, & ad ai 
li fcodcUc.di hoc 
doiMahumeC' 
inchora ve il pa 
iandio molto lu 
di vnbcllillimo 
, né fono in tutta 
:fta città quattro 



ca dodici miglia, 
bbricatc co bella 
dimifcro dCtoz 
sarte de quali (o' 
olio,che di fopia f 
altro grano non 
i i viaggio (opra 
jnando meco di 
1 certa qualità di 
del pacle gli dilli 
chetate voi dita 
) io fui mal come 
•ilomangiallero 
pere, granate, 6^ 

){la da Monaflcr 
èrtiliiranidoliuc, 
3^: quelle poche io 
lalc per alloggiai 
re. 

PótefìccdclCain 
: entra in mare cui 

gondola 



DELL'AFRICA 

AgcndoIadJforti&altcmuraconnrofTetorridiHinnn^i e . ^'^ 

gcnten.cnte&:conbuoninpa.iguardarcó(n7vrnn^ '''''''^■ 

iingendo dWfer della cara d. MaLmcu^^^^ 

che con I ainto loro 1. fece Signor Zci^rao^ r 'T"'"'^''^"^'? ^'' M"ci popoli, tahncn te ai Zi 

nodalCa.raoàcirca.40.g,onìatenlaS^^^^^ 

ài cmel paefe fu prcfo dal fVincipc d SeX'f^ P Ponete,metre cgl. andaua n/co tendo i tributi *""• 

painotKal.diedel,berta.^egli^rguJ^^^^^^^ 

lo incomincio a conj-unar nella fuamóTnTnc^^^^ f'n ^° '^' P'^' ''' '"■'"'^^ «' P^Po 

vna fortezza,nclIa quale li potelle rinTr ,V. ò f ^ i r ^""^r ^' ^^'^•''"r quclta città , come Der 

ciochevnofSeiezid^prcdia^re c^^^^^^^^^^^ 

ualcaua vn-al.no col; leelTerdtJr^arS^^ 

g. nella nuoua citta.Ia quale col foccorfo di ?o nimh H ^ ? verfo ,1 Cairaoà . &: el Mahdi li fug 

i.bcnd.fefc,cheruppj& vccifeBetz'd £^^^^ 

pacihco et li refe amico il popolo,rimanenrS^^^ fT? ' '' "l"^' ^"''"^^^ '^ ^^^'"oan 
lo.dapo..i,oanniqudiacittafuprcfadaZftr3?r^^^^^ 
refice&RediMarocco.horaeinC-rc^^^^^^^^^ 

glnnpone molta grauezza . gì, habitator ivf^no di trX' '" ' "' "''"?' ^" «ot.ernatorc , né 
con gli Arab.:di modo,che non pollL.^^ X"ar tlor^^^^^^^^ '\''""P '""'^'^ "'-'C'r.a 

1* uarioconouelegnipenfodipoJerprender .Xt^^^^^^^^^^^^ 
ÌHornoadietroconmoltodanno^ienza^.^^.r 

4SSSSSS:^!!!^S^^^ nelt^podelle guer 

ra.fug,amoltohabitata,mahogg,nòfrp ud ,oò^i^^ 

tcghe,perciocl,eemoltograuaucol,daS.A [?^c^^^^^^^^^ 

la maggior parte tdllton di tcle,manna e pdStin mu N n. ì ^ """ ^ ^'' ''''^^'"^^••' ^^^"'-^ t> 

detto 5pares;la qiral voce non e Arabica ne H.rì^^ ^^^'T ^'''' '""P"' '^'"" ^«-'"o peicc 

lodeglialtridetlpanedorzo.^eTlcS^ 

ccrtilegmfogl.ontrafficareipÌ.gittoa^i^T'^^^^^^^^^ 

p ■ ■ ^ r* CatTMdn Idijualcfu atta "Kindc 

?6.m,gl,a,&daTuniscircacento, non perW^^^^^ ^'^"^^^^^' "^are mediterraneo, 

eulta, de I thcfori, chcecli hauc-i rnlZr/v f i^ '^' *^''*' P^rallìcurarne il fuo dlerdto le fa 
^dnfdadibelle;mti:it.e'^^^S^^^^^^^^ 

fetto fopra bdli(rn.,e coiòne di marmo reddle^^^^^^^ 

<2 digràdezza.ndt,mabile,&dunco7orvl roflSS 
quale e li m.Ie al porhdo.colhii doppo la mor e dX nuS Ir" f^'^^''^ '^\ '''" P"" ^^''^^'"''' 

hauiafino al tempo di QnalidcalifaLliiXrHaL Za^^^^^ 

fco,il quale mandò vn (uo capitano al Qiraoan ^^^^^^^ 

fui-, quello Mufe come giunfc aSao '^v^^^^^^^^^ i'T '^'"'^ ^' "''" ^-^>''"°'^ ^' ^'^''^ 

fcrcito.dipoilenandoverfoponenS^^ 

to,d,eegligiufcallanuieraddmareocSHn^^ 
clbffe,e^^arendoglipcrq,SS^^^^ 

fua vecein IVburitaSa vn f^c pò ^«^^^0^ " '" '°"T^ ^'"''^'^ ' ^ '"^'^^^" '" 

n.era, die Mufe hauendoglicneinui^Scomin^^^ 

i!cIiefeceTaricallarm.crfdeLrnSoL^S^^S^^^^^^ 

fcrcito;3c ambicongiuntif. iXn,e nSn;^^^^^^^ 

aftrontarereirercKo''dGott..3^ Tenandarono frateria per ,.^ . 

ta.ma per non buona vcnturaTu rotto S^irZo r r, r ^"^^ ^^"^ '^' ^^'"''^ fecegiorna ^' ^-" f" 

vcrtoriaandaronoinlinoinCaUgh^^^^^^^ 

culta,ct molte rdiquie di fantixhe èraiSSL , 7^^^^^^^ 

^ce^Chrilio aili fuoi apolSq^^'^^^ J^J^^So!;;!^ ^ '-^- 

'" •'■'^'^'^"'^"'"^''^"^•'^^^^^"^^"^^^.P^nornarverloCairaoan^^^^^^^^ it ^'■'*- 

fra quc 



f 1; 



i- ;ì 










iJ 



. 1 » :-' ■ 




Halcama 
citiàcli Si- 
cilia la Si- 
cilia venne 
in potere 
del iignot 
djCaiuoa. 



■ :','■■{. 



Ha^liha- 
tll frutto 
{bnr.cci. 



Q_V INTA PARTE 

fra qucfto mezzo lettere di richiamo da Qualid Pontefice di Damafco.ondcMufe caricati' tutti » 
i thcfori s'inuiò vcrfo Hgitto:&: come fu giunto in AleiTandria,hebbe auiio da vn fratello del Pò 
teficc di Damafco,ilquale li chiamaiia Hefcian,clicl l'ontetìce era in termine di morire,percio nò 
li curairc di venire allhora in Damafco,perche Icguitandonc la morte,quei thefori anderebbo^ 
no di leggiero a pericolo d'eflcre (iicchcggiati.di ciò non fi curò JMufe, ma venne a Damafco , &: 
aUcgnò il tutto à Qiiahdiilquale doppo.f giorni (i mor i.&: afcefo il fratello nel Pontifìca:o,leu6 3 
Mule il goucrno di mano deil'Africa:&: fece vn altro capitano detto Ic7ul:il cui tìglii»lo,fratcl^ 
ìo,dC nipote vn doppo l'altro fuccelìero dC gouernarono la città,fin che fu priua la cafa di Qua- 
lid di quella dignità,&: fu fitto locotcnenteElaglcb:ilquale dominò àguila di Signore perciò- 
chealliiora i PontcHci Macomettani lafciando la Tedia di Damafco quella fecero in Bagded . co- 
me nelle croniche li narra.ondc morto coltuiregnorno i figliuoli, a^: cofifuccedendo di mano 
in mano rimafc la Signoria in quelta fùmiglia.i/o.anni.fin che fu {cacciato l'ultimo Signore p el 
Mahdi heretico Califà.nel tempo aduque di quelti fignori della cafa di el Lagleb accrebbe la cit- 
tà li di grandezza come di numero di popolo:di modo,che ella nò balta a caperne tutti . perilche 
il Signore fece fabbricare apprclfo di quelta vn'altra città, a cui pofe nome Rccheda , nella quale 
habitaua egli dC i primieri creila (uà corte.in quelio tempo fu prefa Sicilia dalli fuoi eflerciti man- 
datiui per mare con vn capitano detto Halcama : ilquale nella detta Ifola edificò vna piccola cit- 
tà per fortezza SC licurta della fua pcrrona,chiamandola dal fuo nome: laquale v'è fin hoggi chia 
mata da Siciliani Halcama . Dapoi quelVHalcama fu quali aflediata da gli eflerciti , che ven- £ 
nero in foccorfo di Sicilia, allhora il Signore di Cairaoan mando vn'altro elfercito più gran- 
de con vn valente capitano chiamato Afed : ilquale rinfrefcò Halcama :&: tutti lìridufTero inlie- 
me &: occuparono il refto delle terre, che rimafeno,&: per tale imprefa &: dominio della detta 
Ifola crebbe in ciuilità dC habitationc . Il Cairaoan , il l'ito del quale è in vna campagna di bare- 
na diferta,douc non nafce ne albero, ne grano. Et quello dC ogni altro frutto pertinente al 
viucre è portato dalla riuiera del mare, ò da Sufa ò da Monafter,ò da el Mahidia,che fon tutte lo 
tane.i 40. muglia dC difcoflo da quefta città.u.miglia e vn monte detto Gueslcr,nel quale riman- 
gono certe vdtigia de gli edifìci Romani: &: in lui fono molti fonti 8C terreni di carobe.lequ ali {] 
portano al Cairaoan doue non c,né fonte né pozzo d'acqua viua,ecce: :o qualche cifterna . ma di 
fuori del la città fono certe conferue d'acqua antiche,lequali con le pioggie s'empiono, ma palTa- 
toilmefedigiugnononvifitruouaacqua:percioche gli habitatori ne dano bere alle lor beftie. 
gli Arabi vengono lattate a fiarlì d'intorno alla detta città:iquali raddoppiano la carcftia del 
grano dC deiracqua,ma fanno venire abbondanza di carne dC di datteri: iquali portano dalle cit- 
tà diNumidia,difcoitedalladcttacircaa.i7o.miglia. In quelta città molto fiori vn tempo lo 
f tudio della legge : di maniera , che la più parte d'i dottori d'Africa fono creati in elTa » Hora la 
detta città dopo il guaito , che di lei fecero gli Arabi , cominciò a effcr rihabitata , ma miferamcn 
te: & gli habitatori d'hoggi fono tutti poueri artigiani, Qc per la più parte conciatori di pelle 
di agnelli, dCàt capretti, OC pellicciai: le cui pellicce lì vendono nella città di Numidia doue F 
non fi truouu panno d'Europa , 8C di cotai mellieri aliai parcamente viuono . Appreffo l'cf- 
fer grauatidalRe diTunisgli ha compiutamente ridotti ad cftrema calamità : li com'io vidi 
nel tempo dVn mio vaggio da Tunis a Numidia, doue era il campo del Re diTunis.Et fu 
l'anno. 9^1. di Lhegira. 

Cdpes CittL 

Capesè vna grandiffima città edificata da Romani fui mare mediterraneo, & dentro 'd'un 
golpho:laqual città è murata d'alte mura QC antiche , & coli la rocca.a: appreffo lei paffa vn fiu- 
miccllo,ma d'acqua calda, & quali falla. L'efTer faccheggiata da gli Arabi molto le tolfc diciuili- 
ti Oc grandczza-anzi tanto auanti le fece di danno.che gli habitatori lafciaiidola , habitarono nel 
la campagna in luogo,doue è molta quantità di datteri: iquali non durano per tutto ranno,ma (i 
ammarcilcono,ne alno vi nafce per tutto quel terrcno;eccettovn frutto che nafce fotto terra di 
groflèzza come vn radicchio ma picco lo come faue : elqual fucciano OC è dolce come mandrole, 
àC ha qualche fapore di mandrole, &: fé vfa in tutto il regno di Tunis,&: da gli Arabi è chiamata 
habbhaziz. Sono i detti habitatori huomini negri, fi<: poueri lauoratori di terra, òpefcatori, 
molto aggrauati da gli Arabi & dal Re di Tunis. 

ElHammaaitdt 

El Hama è vna Città anticha edificata da Romani fra terra difcofta da Capes circa à.if.miglia: 
e cinta di mura fatte di pietre grolle dC molto ben lauorate.&: fino al di d'hoggi lì veggono tauQ- 
k di marmo co ietccrc intaghatate fu le portcilc cafc SC le itradc di qucita ciiià fono brutte, BC gli 

habitatori 



A habitatoi 

datteri n 

nafce vn 

tai canali 

dall'altra 

qua aggi 

dodellac 

na,lacaui 

raccoglie 

faldarlep 

ne fatte a t 

chilabeey 

Machr 
& quali fu 
fola del G( 
na.ctvifb 
parlano in 
B lionealcur 

Gerboc 

nitcpoflefl 

bitationidt 

fc vna fmiij 

di modo, ci 

zi,non vin 

prc vale feii 

rocca fui m: 

quale allogi 

timanafiiù 

fio mercato. 

tandolanai: 

ttad'panidi 

mente l'vua 

ni, laquale I: 

allhora fu ed 

C tinuofiigoi; 

del Re di T» 

ReHutmer 

mediate rup 

rciìrc:etvnd 

Signore,&t 

tanta mila de 

fandriniTui 

grantrad- *■ 

giare: di muc 

dmandoRci 

qualnoneflè 

tano dalla tej- : 

àmafTimam 

quando fmoi 

naui perno n 

quattro migli 

lifoldati,chef 

dimori: di foi 

fero con iarm 



raricati tutti ti 
itcllo del Pò 
-Cjpercionò 
anderebbo' 
)amafco , Qc 
ficatOjkuòà 
«lo , fratel> 
ifa di Qua^ 
ore perciò^ 
iagded . co^ 
io di mano 
Signore pel 
icbbe la cit^ 
;tti . perilclie 
, nella quale 
Vercitiman' 
; piccola cit' 
ihoggichia 
itijCheven- £ 
) più gran - 
ufleroinlie' 
3 della detta 
gnadihare- 
lertinentc al 
: fon tutte 15 
uale riman- 
be.lequalilì 
erna.madi 
o, ma paffa- 
e lor beftie. 
, carcftia del 
ino dalle cit' 
'n tempo Io 
) ♦ Hora la 
imiferamcn 
tori di pelle 
imidia doue F 
ipprelTolcI' 
com'io vidi 
^unis.Et fu 



dentro ^d'un 
oalTa vn tiu^ 
lolfe diciuili' 
bitarono nel 
ranno,ma fi 
'otto terra di 
le mandrole, 
)i è chiamata 
,òpefcatori, 



aà.ij.miglia: 
ggono tauQ' 

Ul Une, v. g!. 

habitatori 



DELL'AFRICA 

Aliabitatoripoucri,&'ladr/.&:iItcrrenoèafnm/vr...^^ • , ^'^ 

datterinon fono molto buoni . SaSlS?» Zw'T^ "°" "^^^^'^^^ P'^^^^^cui 
„arcevncapogro(Todacquacald.mmaru;^^^^^^^^ 
tal canaldarghi,a: fotto la terra 6,: dentro ircanaS^^ 
dairalcra:a:.lpauimentodiqueftecamer ^ ?otlo^^^^^^^^ 

quaaggmngeperinlJnoairombilico:maaniunobafta^^^^^^ 

dodellacquaj Nondimeno giniabitatoribeonodelST ^"P'''''"° "^' 

na,Iacauanolarc i.&cofiainncontro dalla nar?rH/ ! ^^'^''''^'^''^^^''^"do bere la matti 

raccogIieinfiemc,ctfavnlago,checd:;^^^^^^^^^^^^ 

MoS-fc^fi^^^ -' 

eh ab.comeboprouatoio,cbepiuvo..^^^^ 

Machres e vn cartello edificato da eli Africani ili n^ft t . . 
&quaiifuedificatoperguardarende«o oSSm^^ ff ^^^^^^ 8°IpI'° di Capes: 

roladelGerbocircaacinquantamiSA&l^^^ 

naxt vi fono molti barcaruoli,6^ pSS^ 

parlano in lingua africana come queS S ^^^ T°''^ P^»" "^"^ detta Ifola , & tutri 

Blionealcuna,trattoneitciraton:gÌlaItr;tu;rvSo:^^^^^^^^^^^^ 

/^ 1 - ,,- , . llGerbo itola- 

Cjerbo e vn Ifola vicina alla terra ferm i a r» .v>i 

nitepolIeffionididatteri,dVue,dbliue,SaItSSt'rf^l?''"?'^^ 

bitat.onideIlaquaIe fonocafali fepara fc/o/ocnTno^^^^^ "^'g''^' Leha 

fcvnaf.m.gl.a:maronopochii cffal^ d^u dS^^ 

dimodo, chcconmoltilauori 5^curedacauare?drr . /f ^.^"'' ' ' ''''''''' ^«"o niagr/; 

z.,non vinafceappcna vnpocodwSTu uS^^^ 

pre vale fei doble il moggio, & alle volte pT^JKS?,"?' ^ 

roccafulmare,douehabitaiIS/gnorc&:bfuafamS[" ^ '- '^^T'^ 

qualealbggianoimercatantifLheXrTS^&S^^^^^^^ 

t.manafìiailmcrcato,ilquaIecJimileàvnafiÌ. n.^?i '^ 

f.omercato.e^molt.ÀrLparrmeWve^^^^^^^^^^^ 

tandolanainmoltaquantitialHfola SrSw^'^^^^^^ 
t.a d'pani di lana,che li fa nella detta l(ola:iqffiorl^^^^^ 
nKnrervuafeca.&:circaannicinquatafonoS?al?daf^^^^^^ 

n,, laquale la prefe &: faccheggiò, ma fuWto S^recuS 1^. i?i^^^ ^-^ ''"^ ^''"^^^^ di chriftia. 
allhorafuedificatalafopradmaroccha ne^^^^^^^^^ rihabitarc,&: 

C unuofogouernatadaduoicapidiparS 

delRed.Tunis,qualevimandauaVgrernàto^^^^^^^^ 
ReHutmenJifucifucceflonmancandSS'iiSa^^^ 
niediateruppeilpontechedellaterrafermabuttaS^^^^^^^ 
rclircetvndiquefticapiammazzòtuttiliS^^^^^ 

Signore,&tuttilifuoiSnalgiornoprefcmrS,robl^^^^ 

ramamiladobleperligrantraffichicK nno^^^^^ '^^^^^"^ Sdogane ot- 

fandriniTurchi.&dallacittàdiTuni:maZft^^^^^^^^ 

grantrad-- •'nti,perche.IfighuoIoamm^SlDal?^ ,f "'?/^ 

giare: di mudo cheinquindicianniCnoam^^^^^^^^^ 

dmandoRcQiSpagnavimandòvnaS-andrTm^r '"^'^ AnoUritempiFcr. l'c/T. • 

qualnoneflendoVat.codelladetS,fe^^^^^^^^ 



i 



&n,ammamente2erilgrancaIdotge&Xo^ 



^P'ifria te 
o;!liut- 



&n,ammamente?erilgra7cardo&ISS^^^^^^ Mori, gh fu forza di ritirali a drieto 

quandofmontoronola?quacracrefciuaS^r&aa^^^^^ 
nauipernòrcftarinfeccoseranoritiratedSrtoSa.^^^ l'acqua era calata, le '^ ''?" 

quattromiglia:Iiqualiaggiontiaglial rhehauea^^ d.fcoperto.I fpat.o'di ^^ "" 

Il foldati,che fenza niun òrdinccamminauan a^Ia vlS^^ "' o"'° P'^"^^''' ^ '^^^^gl'o 
dimori:diforte,cheIamageiorDartXrn,ZX°i'l^^^^^^^ 

leroconiarmatadiSicilia/Dapo.anchoraCarVorm'pS«^^^^^ 

« uimpuatore VI mando vn altra armata capt^ 

tano 



-;:.iJ 



^:':1:p- 



m 








Cevbopla 
■Yirtii d'un 
Caualiordi 
Kodi li fa 
ttibutaria 
di Carlo 
Impeiaio- 
re. 



Dattcti. 



,.ì; 




.(. M 'H 



h 



Il Re di Tu 
nise rotto 
& fatto cat 
tiuo del re 

di Ic7.,&a 
lultimouie 
liberato. 



Q^V ÌNTÀ PARtl 

tano vn caualicr di rhodi dell'ordine di fanto Gfouanni di mcmna;& conni figoUCTn^ 

ridcn-^ che li mori li refero a patti^oblijrandol. di pagar certo tributo , & fu mandato vn am. 
bàfcSo^Hno nella Magna a fua maicfiaila qual fottofcrilTe alh capitoli et ordino c^ 

nagaffero cinque mila doble al vice Re di Sicilia, et coli ftanno con qucita triegua. 
^ ^ "Zodraattù. 

Zoara é vna piccola città edificata da gli Africani fui mare mediterraneo, difcofta del Gerbo 
cir« a e nquanta miglia verfo Icuante. è murata di trilf e 8C deboli mura,& hab.tata da vn pouc. 
Jo popolo Perche d'altro non viue, che di far calcina 6C gelTo.e^ portagli a Tripoli, ne ha terre 
no da feminar,a: fta in continoua paura d'edere alTaltata da corfari chnftiani: maOìmamentc da 

che fu prefo Tripoli, 

Lepide, 
Lcpcdcquefta città fu edificata daRomani, conmura alte di pietrcgroflrcjlaqualcfuduevol 

te rouinatc da Macomettani,&: delle fue pietre 8C colonne fu edificata Tripoli, 

Tripoli ttecchia. 
Tripoli uecchia quefla è vna città anticaedifìcata pur da Romani &:dapoi fu fignoreggiata 

daGoui ec finalmente da Mahumettani nel tempo diHomarCa ib fecondo quali tennero 
{ci mefi aìkdiato il Duca loro, & confirinfonlo a fuggire verlo Carthagine . onde la citta/u (ac 
chcggiata , ec de gli habitatori altri vcciii , dC altri menati cattiui in Egitto S>C in Arabia, ii come 
raccontalbnuRachichhilìorico Africano. B 

Tripoli di Bcirbo-td, 
Tripoli fu edificata da gli Africani doppo la rouina della vecchia Tripoli OC murata di mure 
altea: Lue,manonmoltoforti.&:èpoaainvnpianodiharena^doue fono molti piedi di dat. 
ScaSquellacittafonobelle acomparatione diquel!ediTunis:8^1imilm^ 

ordinate OC dillinte di diuerfe arti,mammamente di tclficori di tcle.non v, fono pozzi, ne fonti 
niafolamenteciIternc.8^femprcvècareRiadigrano:pcrciochetutte le campagne di rnpoli 

fono harcna,come quelle di Numidia . La cagione e che'l mare mediterraneo entra alTai verfo 

ISezzo niorno:in modo,che i luoghi,che debbono e(kr temperati QC buoni terreni , fono tutti 

conerti dall'acque . La oppenione degli liabitatori di quella riuiera e,che anticamete vi fufle gra 

Ed. terrenTche s eltìndcflero verfo tramontana , ma che per molte m.gluia d anni il imre 

cSiR anHumglihabbicoperti,ficomefivedea'conofcenellc fp.agg.c di Moneftier,did 

Mahdi?,di Asfacos,di Capes,ct dell'Ifola del Gerbo er altre citta che forio verfo Icuante ,kqual 

fpia^Gie hano poca.rfondità d'acqua:di maniera che alcuno va dentro il mare vn miglio 5^ dui, 

Scqua non eli aggiunge alla cintura . adunque li luoghi che fono di tal forte,dicono effcr ter. 

Sperti moderatamente dal mare.tengono anchora J< habitaton , che la loro citta fufie pm 

verfo tramontana : ma pel roder dell'acque (emprc fi fono venuti ritirando verfo mezzo g.or. 

no&: dicono,chc fin bora fi veggono cafe QC edifici fotto l'acqua . Furono nella detta cma moU 

d tc^ìpii A qualche collegio vi fu di fcholari, medefimamente v'erano fpedah per dare alloggia | 

mito a i^^oueri 3^ forcftieri.Il cibo de gli habitatori ^parco a^ mifero,vfano 11 Bezin,c IBcfis d or 

zoperciochclevcttouaglie,chevcngonoportateinTripo!i,nonlatengonoappcnafornitavn 

ciorno. &C è ricco quel cittadino,ilquale può ferbare per fuo vfo vno o due moggia di ^rano.no 

dimeno quello popolo fi da molto al traffico : percioche la citta e vicina a Num.d.a ^ a F un.s,e 

fino ad AleiTundria non v'è altra città,che queita . e anchora vicina a hicilia ÒC^ Malta . Et gir .1 

fuo porto foleuano ogni anno venire le galee de Vencu'ani^iquali faceuano di gran facccndcco 

li mercatanti di Tripoli,e^ con quelli che vengono a pofta ogm anno per dette S^»*^^- Q'^'^'l"'' 

à tó.pre fotto il dominio di Tunis.fuor che al tempo che venne Abulha cn Re di Fella a ca. 

no à Tunis,a: conftrinfe ci Re di Tunis à fuggirfene ncUi difcrti con gli Anbi,ma poi che A bu 

rafenfurottoa:deilruttogliloefrerdto,ilKediTunisfìtornoin(tato,lripolirebelIo&:duro 

aucita fua rcbcllionc anni cinquc,fino che venne Abuhcnan Red. Fella controjimilmcntc del 
?ecno di Tunis,il Re del qual che allhora li chiamaua Ahulhabbcs 1. lece allincotrp,&: tutti dui 
crii clTerciti fecero la giornata,^: il Redi Tunis fu rotto £^ fenc fuggi in Conrrantina,douc v. an 
do à campo il Re di f clTa,& fu la oflidione coli gagliarda chcl popolo non potendo fopportar. 
la apcrfe le porte , & fu preio il Re diTunis OC menato caitiuo à I^cli i, dC poi pofio in prcg.onc 
nella roccha d. Sebta : bC in quelto tempo chel Re di Fella nienaua cattmo quello Re di 1 unis, 
Tripoli fu alTaltata da vna armata di venti naui d. Gcnoucli,chc la combatterono gag lardame 
tc&:laprc(ero,òtlaccheggIOl•o^o,tacccndo}m;^.u^..ultii^!w.nOt?.tant.,i,■,,.^c..!^.c!--l--^J,--- 
nèmedi€crainladttà,fchirealRcdiFeaalacolaccmccrapalìata:qual(icompofcconGenj^ 



A uefìdid 

da poi p 

gioned; 

coli Trij 

Abubac 

poli geo 

te al detti 

feilrcgn 

et dopo j 

camen fi 

fìlli vede 

Tripoli,( 

fuo cittac 

goucrna 

mando v 

principal 

reuainoc 

vn co